un nuovo allenatore e uno scudetto è tempo di di valutare: 15 domande per voi.

E alla fine di questo Campionato è tempo di bilanci e riflessioni sulla Juventus del futuro. A voi la parola

Scritto da Cinzia Fresia

 

 

Scritto da Cinzia Fresia

 

1) Maurizo Sarri .. la vostra analisi:

2) La Juventus ha vinto per :

– Ronaldo

– Ronaldo e Dybala

– oppure?

3) Il giocatore migliore e quello peggiore della Juventus di quest’anno:

4) E’ stata una  buona idea aver ceduto Pianic?

5) secondo voi il lavoro della dirigenza attuale è ottimale? O siamo ancora lontano dai modelli Barcellona o Bayern di Monaco?

6)  Quale  squadra  avrebbe potuto seriamente togliere lo scudetto alla Juventus e perché?

7)  Covid-19 un dramma umanitario oltre che sanitario, è stato giusto riprendere il Campionato?

8)  Per quale motivo Sarri non è riuscito ad applicare alla Juventus  il suo stile di gioco?

9)  Una valutazione su Ramsey e Rabiot

10)  Matthis Deligt credete sia un grande Campione?

11)  La Juventus come altre Società sono in difficoltà economiche,   strategia di mercato dovrebbe applicare per riproporre una squadra la stagione prossima?

12)  E’ rimasta testa e gambe  per affrontare la Champions?

13)  Ingaggi eccessivi fanno allontanare delle ipotesi di nomi di allenatori eccellenti per il post Sarri, e se fosse Andrea Pirlo, il prossimo allenatore?

14) Non ci sono stati festeggiamenti di piazza per questo scudetto, per le restrizioni Covid ma anche per una tifoseria restia e ostile nei confronti dell’allenatore, è stato giusto così?

15) Vuoi dare un consiglio a Sarri?

 

 

 

Lo scudetto peggiore di sempre.

 

 

Articolo di Alessandro Magno

Caro lettore se sei a questa riga vuol dire che hai superato il test sul titolo provocatorio. Chiaramente  susciterà polemiche soprattutto fra quelli che leggeranno solo il titolo tuttavia è un mio personalissimo pensiero e siccome siamo in democrazia lo voglio esprimere lo stesso. Con serenità.  Facendo la doverosa premessa che gli scudetti sono come i figli e gli si vuole bene a tutti e quindi sono tutti belli, poi è consuetudine da tifoso parlarne. Abbiamo spesso parlato di quale fosse il più bello di tutti e la risposta non è mai stata ”sono tutti belli in egual misura”. Spesso si cita la vittoria in rimonta all’ultima giornata, il famoso 5 Maggio. Per altri lo scudetto più bello è stato il primo di Conte o il primo di Lippi perchè arrivavano dopo lunghi periodi bui. Ad altri ho sentito magnificare lo scudetto del Trap dei 51 punti su 60. Va da se che se c’è uno scudetto più bello c’è n’è anche uno più brutto.

Io sono del 1972 e di scudetti ne ho ”vinti” molti. All’epoca della mia infanzia c’era ancora la TV in bianco e nero nelle case e la radio e noi bambini eravamo più in cortile a rincorrere un pallone nella polvere piuttosto che in casa davanti a una TV. Anche il calcio era decisamente meno televisivo non ricordo quando sono iniziati molti programmi Tv ma credo che la moviola di Sassi o il processo del Lunedì o altri programmi di calcio parlato arrivarono abbastanza dopo, credo fra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli ’80. Oggi ci si avvicina prima al calcio. Ecco perchè io di scudetti che ricordi ne ho vinti ben 19 dal primo che ho memoria che è il primo di Liam Brady stagione 1980/81. Tenendo conto di tutti e 19 gli scudetti vinti da me non ricordo onestamente una Juventus peggiore di questa. Almeno fra quelle scudettate. Questa mi ricorda molto la Juve di Maifredi con molti pochi alti e tantissimi bassi, ma quella Juve non arrivò neppure a qualificarsi per la Uefa arrivando settima. Ripeto fra le vincitrici dello scudetto questa a mio parere è stata senza dubbio la peggiore e di conseguenza questo a parere mio è stato lo scudetto più brutto.

Snocciolo alcuni dati a corredo di quanto dico. Peggior risultato di sempre in termini di punteggio per quanto riguarda la Juventus in un campionato a 20 squadre 83 punti. Battuto l’84 del primo anno di Conte e avvicinato il record assoluto di 82. Peggiore risultato anche degli ultimi 9 anni di conseguenza. Peggior distacco dalla seconda sempre negli ultimi 9 anni: 1 solo punto. Non credo sia un record assoluto ma sicuramente è per lo meno eguagliato: la Juventus vince il titolo e non ha nè la miglior difesa nè il miglior attacco del campionato. 7 le sconfitte in totale anche queste credo un record eguagliato a Lippi. 43 gol subiti anche questo è un ulteriore record visto che per trovare una squadra Campione con più di 40 gol subiti bisogna tornare negli annali fino ai primi anni 60. Nelle ultime 8 partite poi la Juve ha fatto 8 punti a una media da retrocessione , 2 vinte 2 pareggiate e ben 4 perse subendo la bellezza di 17 gol, più di 2 a partita. Visto che con la Samp si è vinto senza subire gol si sono presi 17 gol in sole 7 partite. Si è data soddisfazione anche ad alcune squadre come il Cagliari che non batteva la Juve da tempo immemore e la Roma che allo Juventus Stadium non solo non aveva mai vinto ma non aveva fatto nemmeno mai 1 punto.

Sono troppo severo? Ma … non saprei. Sicuro non amo quando la mia squadra fa butte figure un poco con tutti e prende gol con il pallottoliere. Come non amo quando la mia squadra ti fa venire voglia di cambiare canale per la troppa pena che fa in campo e quest’anno credo che sia successo un poco troppo spesso. Ora per fortuna questo calvario è finito e adesso c’è la Champions. Per fortuna si fa per dire. Da tifoso ci spero, anche se è la prima volta in vita mia che non ci credo per nulla. D’altronde siamo stati presi un poco a pallonate da tutti ultimamente, mi viene difficile pensare che il Lione non segni almeno un gol, e nell’ipotesi che dovessimo passare dovremmo battere la vincente fra City e Real , poi molto probabilmente la vincente fra Barcellona e Bayern Monaco e poi dopo questo vincere pure la finale. Direi che sono realisticamente scettico. Poi la coppa è strana e se l’ha vinta Di Matteo con il Chelsea se ci votiamo tutti a San Culovic magari è pure la volta nostra. Certo che se dobbiamo aggrapparci alla fortuna, ai santi o a Ronaldo che possa fare 3457 gol in 4 partite vuol dire che la fiducia quest’anno è andato veramente sotto i piedi. Altro che bel gioco.

Pagelle Juventus Roma 1-3

 

Pagelle di Alessandro Magno

Szczesny 5,5 Sui tre gol non mi pare granchè responsabile. In verità ne evita pure qualcun’altro tuttavia io dopo ‘ste figure barbine vedere un giocatore che se la ride mi innervosisce non poco. Mi innervosiva già Buffon ai tempi di Del Neri.

Danilo 4,5 Inizia bene con  bei slalom e percussioni e sembra in una serata di vena, poi provoca il rigore in modo anche un poco ingenuo e sparisce dal campo.

Rugani 4 Da il via alla rimonta della Roma facendo segnare il suo uomo Kalinic che segna solo per sbaglio e infatti segna giusto con Rugani questa sera.

Bonucci 4,5 Un poco meglio di Rugani ma senza De Ligt e Chiellini noi non prendiamo mai una palla di testa.

Frabotta 6 Almeno degno di nota una bella sua azione con scambio con Matuidi e tiro di poco al lato.

Rabiot 6 Prima di deprimersi nel nulla assoluto è il miglior giocatore della Juve nella partita.

Muratore 5 Schierato davanti alla difesa non mi sembra ne suo ruolo.

Matuidi 6 Gioca una partita indecente ma gli do la sufficienza perchè rispetto agli altri ho l’impressione dal suo volto che è l’unico a cui frega di non perdere.

Bernardeschi 4,5 Evanescente come sempre.

Higuain 5 Un gol di rapina che ci illude un altro tiro di poco al lato fra la sua scarsa forma e i pochi rifornimenti che gli arrivano è un poco come giocare in 10.

Zanimacchia 6 Come quasi tutti i giovani in campo non demerita.

 

 

Demiral 6 Entra nel marasma generale e devia la palla del 3-1 poi tiene botta meglio di altri.

Ramsey 5,5 Sfiora il gol prendendo il palo e poco altro.

Olivieri 6 Ha onorato la maglia

Vrioni 6 come sopra

Pinsoglio 10 Per il fegato dimostrato a doversi vedere tutte queste partite dalla panchina. Io almeno ogni tanto riesco a portare giù il cane.

 

Juventus 4 Ennesima partita sconcia. Ennesima rimonta subita. Roma che non aveva mai fatto nemmeno un punto a Torino passeggia sulle nostre macerie. Ok lo scudetto era vinto va bene ma 8 punti nelle ultime 8 partite sono una cosa veramente brutta e personalmente non mi lasciano affatto fiducioso per il Lione.

Sarri 4 Squadra senza gioco e senza anima l’impressione è che senza Ronaldo e o Dybala questo scudetto ce lo sognavamo. Ora questo strazio è finito vediamo se finisce il film con il Lione o se improvvisamente ci ridestiamo e facciamo il miracolo.

Arbitro 6 Personalmente penso che il rigore non ci fosse mi sembra una grossolana simulazione. E’ vero che le ginocchia si scontrano ma il giocatore della Roma sta già candendo. Non capisco come non si veda chiaramente questo al Var. Detto ciò per il resto ha arbitrato bene e la Roma avrebbe vinto anche senza quel rigore .

1 agosto 2020 Juventus- Roma: la fine di un supplizio

Scritto da Cinzia Fresia

La Juventus chiude il Campionato stasera con la premiazione ufficiale e può mettere la parola fine ad un Campionato conquistato faticosamente.
Maurizio Sarri sale sul podio ma senza il consenso dei tifosi, in contestazione con le scelte della Società.
Definito un anti-Juventino il pubblico non crede in nessuna conversione  riconoscendo la vittoria esclusivamente  ai giocatori.
La Società ha baciato nella sua carriera tanti “ranocchi” trasformandoli in principi, ma pare  non sia riuscita a trasformare Sarri,  il quale non più in tenera età rimane  quello che è.

Maurizio Sarri arriva alla Juventus lasciando i tifosi sbigottiti e senza parole, il tecnico è goffo e ha un’immagine difficile da assimilare ed un passato da anti-Juventino dichiarato, forse perché  ne era sempre innamorato senza speranza ?

“ perché ditemi chi non si è mai innamorato di quella del “primo banco” .. la più carina, la più cretina .. cretino  lui, cretina lei .. cretini tutti …” che rideva sempre .. “

E quando si è innamorati senza speranza ..l’unico modo per sopravvivere è di trasformare il proprio amore in odio, fino a quando “la cretina” così come spesso succede nella vita reale alla piu bella e alla più brava, posa  le sue labbra proprio su di lui .. ecco che Sarri .. arriva a Torino, ma senza atteggiamenti da spaccone, adottando un basso profilo: si ammala e la Juventus lo coccola gli sta vicino,  cerca di dargli uno stile e sorvola le dita nel naso, insomma nasce un amore.

Ma con i tifosi no, non funziona .. a parte il recupero di Dybala, la squadra funziona poco e male, eppure in qualche maniera la Juventus tra botte e spintoni, va avanti anche in champions.
Sarri entra in Juventus nell’anno del Covid, non bastano le avversità del nuovo ambiente ci si mette la sfortuna, insomma tutto contro .. eppure la Juventus come tutte le prime della classe è sicura di vincere,  non  si arrende e  difende la sua scelta,  infatti per il rotto della cuffia vince battendo la terribile  e assatanata Atalanta e l’Inter con sete di vendetta  di Antonio Conte.

Sarri è commosso poiché corona il sogno di una vita con la maglia della partner improbabile, ma non è finita,  c’è la Champions e la squadra è ridotta al limite della sopravvivenza, se la Juventus dovesse in ipotesi arrivare in finale, forse potremmo credere a  che questo amore impossibile e improbabile .. sia autentico,

 

 

 

 

Sconfitta ininfluente ma non indifferente.

 

 

Articolo di Alessandro Magno

 

Difficile fare un analisi  su queste partite post scudetto vinto, tuttavia la Juve di quest’anno spunti ne da sempre. Partiamo dalla partita che come capita spesso quest’anno è stata a tratti imbarazzante. Imbarazzante soprattutto la facilità con cui prendiamo gol. Non mi ci abituerò mai. Sarri ci ha spiegato in conferenza stampa di non esser preoccupato e che alla fine conta vincere (noi lo sapevamo già) e lo scudetto si è vinto, tuttavia sarà una questione di gusti miei personali ma trovavo di gran lunga più spettacolare la Juventus di Conte che vinse il primo scudetto e che fece grossomodo gli stessi punti (84) e ben 11 pareggi ma nessuna sconfitta. Io non mi diverto a perdere. Non credo di essere l’unico. Davvero sarò all’antica, sarà un mio limite, ma non riesco proprio ad appassionarmi a un calcio tutto in avanti dove possiamo perdere contro chiunque, perchè noi oggi possiamo perdere con chiunque, mentre vincere contro chiunque in realtà potevamo farlo anche prima e da questo punto di vita la Juve di oggi non rappresenta affatto un upgrade. Almeno per ora. Sarri ha detto anche che siamo stanchi e che avrebbe potuto schierare l’Under23 e pensa di farlo con la Roma, in realtà non lo ha fatto perchè al momento la Juve non è così compatta e forte davanti ai media da poter evitare brutte figure e infatti sapendo benissimo che non può farle (le brutte figure) ha portato più o meno la formazione migliore possibile al netto degli acciaccati, tuttavia la figura barbina è arrivata lo stesso.

Ora va detto che il Cagliari di Zenga è una delle peggiori squadre del campionato. Ricordo infatti che nel girone di andata con Maran erano stati la sorpresa del campionato tanto che quando li affrontammo a Torino erano uno spauracchio ed erano in zona Uefa. Anzi a un certo punto erano addirittura quarti con 29 punti. Poi le cose sono iniziate ad andare male e la società sarda ha pensato bene di esonerare Maran. Con Zenga hanno fatto forse meno di 15 punti in tutto un girone e se fosse solo per il girone di ritorno avrebbero faticato moltissimo a salvarsi essendosi di fatto salvati con il grande margine accumulato con Maran. Ecco noi abbiamo perso 2-0 secco senza appello da questo Cagliari abbastanza penoso. Quando si parla di brutte figure qualcuno tira fuori sempre la sconfitta con la Spal a Ferrara dell’ultimo anno di Allegri. A parte che si perse 2-1 e non 2-0 dopo esser passati in vantaggio, ma quel campionato fu vinto con 5 giornate di anticipo a 90 punti con 11 punti sulla seconda e con 4 sconfitte. Oggi siamo a 6 sconfitte e 83 punti un solo punto sopra gli 82 che è il peggior risultato di sempre per una campione d’Italia che è del Milan di Allegri e addirittura un punto sotto il nostro peggior risultato di sempre come vincitrice del campionato che sono i già citati 84 punti di Conte del primo anno. Vediamo di batter la Roma o almeno di pareggiarci.

Ma la cosa che mi infastidisce di più è che siamo in teoria a 5 partite dall’epilogo stagionale o a 2 a seconda delle speranze che si ripongono nella Champions: Roma – Lione – Quarti – Semifinale – Finale di Champions. Ora io capisco tutto , il covid , il cambio di mentalità, il calcio di Luglio eccetera eccetera. Ma quando è che iniziamo a vedere, non gli Harlem Globbetrotters come qualcuno ventilava, ma almeno una squadra decente? Continuiamo a rimandare, a dire il gioco arriverà e che è solo un momento, ma la stagione è finita cari miei e non pensavo davvero che dopo aver raggiunto tanto faticosamente quello status di grande in Europa mi sarei dovuto votare ai santi e alle preghiere per affrontare la Coppa.

Desperado!

CAGLIARI, ITALY – JULY 29: Luca Gagliano of Cagliari scores the opening goal during the Serie A match between Cagliari Calcio and Juventus at Sardegna Arena on July 29, 2020 in Cagliari, Italy. (Photo by Enrico Locci/Getty Images)i scritto da Cinzia Fresia 

 

Si okay .. cronaca di una sconfitta annunciata, la Juventus per non risultare più antipatica di quello che è, concede un po’ di soddisfazione, in una piazza dove per tradizione aveva spesso vinto, sconfitta comunque che dice poco a Campionato conquistato  e con la Champions da giocare, meglio non rischiare ciò che c’è.

La partita peraltro serviva a Ronaldo per rincorrere i suoi record, ma niente da fare, il destino si accanisce contro di lui, nonostante i suoi compagni si dannino l’anima per farlo segnare .. 0.

Una Juventus in modalità “costume in valigia” passeggia in una caldissima Cagliari, e i sardi ne aproffittano, poco da dire di una prestazione dal valore nullo, se non la delusione di Cristiano per non aver segnato nemmeno un gol . D’altronde senza Paolino, l’unico capace a fare assist  in cui la palla cade precisa sul piede è dura.

Comunque, la Juventus fallisce  stranamente un match facilmente pareggiabile, ma quest’anno la squadra è in difficoltà con le partite sulla carta facili, e conferma il suo problema in difesa.

Un nervosismo in campo ingiustificato, tant’è che Sarri rimedia un cartellino giallo, sinceramente inutile e poi per quale motivo scaldarsi tanto con l’arbitro avendo già vinto il campionato? Una reazione dannosa e inutile, la Juventus sembra caduta dal pero e non tiene più nemmeno a fare bella figura, inveire contro un arbitro reiterate volte, la conseguenza come minimo è l’ammonizione, quindi perché? Per dimostrare ai tifosi che a lui importa la  Juve?

Un dato significativo sono stati i mancati festeggiamenti, in strada come da tradizione succede ogni qual volta si vince  lo scudetto. La spaccatura tra il tifoso passionale e la società c’è, rea di aver introdotto un allenatore a loro dire anti juventino e di aver voluto trasformare la Juventus in un brand che produce denaro, certo la questione Covid puo essere una buon motivo per restare a casa, ma tutto questo silenzio è  una spia di un malessere generale,

Percio’ .. pensiamo alla premiazione allo stadium “formato Covid”, che ponga la parola fine a questo sciagurato campionato di cui nessuno ne può più, soprattutto i giocatori. Perché la Champions è alle porte, con una squadra svuotata nella mente e nelle gambe e  demotivata, lo sforzo sarà  doppio.

 

 

 

 

Pagelle Cagliari Juventus 2-0

 

CAGLIARI, ITALY – JULY 29: Luca Gagliano of Cagliari scores the opening goal during the Serie A match between Cagliari Calcio and Juventus at Sardegna Arena on July 29, 2020 in Cagliari, Italy. (Photo by Enrico Locci/Getty Images)

Pagelle di Alessandro Magno

Buffon 4 Gravemente responsabile sul gol che chiude la partita s riscatta dopo su una semirovesciata di Simeone ma probabilmente il gol sarebbe stato annullato per furigioco dello stesso.

Cuadrado 6,5 Il migliore in campo. L’unico con voglia e con grinta. Spinge con generosità fino alla fine. Davvero encomiabile.

Rugani 5 Pronti via dormita e si perde il suo sul primo gol, si fa anticipare e 1-0 per il Cagliari. Troppo passivo su una palla che passa due volte da una parte all’altra della nostra area.

Bonucci 5 Come Rugani passivo sul secondo gol dove lascia tirare Simeone ma anche colpevole sul primo con questa palla che passa da parte a parte e nessuno riesce a intercettare.

Alex Sandro 5 Sul primo gol in ritardo sul primo cross e poi altre tante troppe sbavature difensive. Un poco meglio in fase di spinta.

Bentancur 5 Ci si continua a spellare le mani per questo giocatore che a volte dimostra di esser un buon giocatore ma che altre come questa sera fa il record mondiale di palle perse, passaggi sbagliati tiri facili in curva e sull’unico tiro buono lo spara sul portiere da 4 metri.

Pjanic 5,5 Sembra almeno lui avere qualche idea e prendersi qualche responsabilità ma questa sera predica nel vuoto.

Muratore 6 Il meno peggio del centrocampo ed è un esordiente o quasi il che è tutto dire della voglia che ci hanno messo gli altri.

Bernardeschi 6 Fa mille cavolate ma è uno dei pochi che corre, che lotta, che tira.

Higuain 6 Riesce a giocare qualche volta per Ronaldo e a ritagliarsi un’ occasione in girata che va di poco altro. Con una squadra come quella nostra giocare di punta è una pena.

Ronaldo 6 Si danna non so se più per i suoi record o per ribaltarla in ogni caso davvero è l’unico che impegna seriamente più di qualche volta Cragno ma in questa Juve come detto prima è davvero dura giocare davanti.

Matuidi 5,5 Se entra Blaise per ribaltare un 2-0 direi che siamo apposto. Almeno combatte.

Zannimacchia 6,5 Con Cuadrado il migliore . Anche lui esordiente e quindi voglioso di mettersi in mostra. Al’ 90mo sfiora il gol. Da rivedere se è il caso di tenerlo.

Peeters SV

Olivieri SV

Juventus 4 Una gran brutta Juve . Comprendo che si è appena vinto il campionato ma la maglia va onorata sempre come han fatto i giovani ad esempio. Senza idee senza gioco. Con questa continua spasmodica ricerca di passare in mezzo con piccole e mosce triangolazioni che è per lo più sono infruttuose. Anche questa sera lo spettacolo è stato deprimente.

Juventus 4 Adesso ci verrà a dire che abbiamo avuto il 70% di possesso palla e che abbiamo tirato 20 volte contro le 7 del Cagliari ma tanto il risultato non cambia e lo spettacolo, almeno il nostro è stato penoso. Se poi per spettacolo si intende far fare bella figura ai nostri avversari tutte le volte, allora preferivo quando mi annoiavo. Intanto mi sa che mettiamo a segno anche qualche record negativo come era dagli anni 60 che una squadra campione d’Italia non prendeva almeno 40 gol e come le 7 sconfitte in un campionato che credo per una squadra Campione siano abbastanza atipiche. Ma si può ancora peggiorare perdendo con la Roma.

Arbitro 5 Non abbiamo perso per colpa sua sia chiaro ma non mi piace come ha fischiato diciamo a sensazioni sue. Tanti fall non fischiati ad esempio a Bernardeschi o a Zanimacchia un fallo fischiato a Ronaldo con il difensore che scivola da solo idem un altro così ad Alex Sandro. Inoltre Joao Pedro poteva tranquillamente esser espulso per un entrata a piedi uniti su Cuadrado. Ribadisco è stato ininfluente sul risultato ma poteva fare meglio.

Mercoledi 29 luglio 2020 Cagliari-Juventus Ore 21.45 Sardegna arena

Partita passeggiata di salute per la Juventus fresca di vittoria del Campionato insieme al tecnico Maurizio Sarri.

Tante novita’ tra i convocati e con la testa gia’ alla Champions League.  Sebbene l’infortunio di Dybala sembra gestibile un po’ di ansia resta.

E la fine del Campionato, ancora una partita e via .. arriva con la manna dal cielo.

E ora sono tutti affari di chi arriva dietro, una volta tanto Sarri si siede e guarda.

Riflessioni post scudetto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Articolo di Alessandro Magno

 

E’ stato uno scudetto difficile. Probabilmente il più difficile. Forse anche bello per certi versi, certamente combattuto. Molti sono stati i demeriti nostri questo va detto, molti match point sono stati sprecati e spesso quando gli altri zoppicavano, non siamo stati abbastanza decisi nell’allungo. Molte sono state le difficoltà oggettive, da un allenatore che è arrivato in colpevole ritardo per colpa della società che lo ha scelto ad estate inoltrata, alla difficoltà di iniziare una stagione senza questo allenatore che dopo poco si è ammalato ed è stato fuori gioco per parecchio, al Covid che ha penalizzato certamente un poco tutti rimescolando le carte ma di fatto ha ”incasinato” soprattutto la vita a noi che eravamo gli unici che avevamo qualcosa da perdere. A conti fatti i nostri competitor hanno fatto tutti un gran campionato e un gran risultato. L’Inter il record di punti post Mourinho, la Lazio tornata in Champions dopo 13 anni, l’Atalanta ”fidanzata d’Italia” che si è ripetuta rispetto all’anno scorso e che si gioca un secondo posto. Ripeto in questa situazione gli unici che avevamo tutto da perdere eravamo noi. Ecco perchè sono molto felice per questo scudetto. Intanto poi gli scudetti sono come i figli e gli si vuole bene a tutti indiscriminatamente, anche se ormai ci siamo abituati e li festeggiamo in modo soft. Gli altri si stupiscono che non facciamo i caroselli ma è come uscire tutte le sere con una bella donna e uscirci una volta ogni morta di Papa. Quello che per loro è un evento per noi è l’abitudine. Devo dire che comunque è una piacevolissima abitudine.

Ora il pensiero va in primis alla Champions dove bisogna sperare molto nello ”scompaginamento” della situazione e in Cristiano Ronaldo. Credo che la sua fame e il fatto di giocarla in casa sua potrebbe essere un arma in più. Se Ronaldo dovesse ripetere quanto fatto altre volte con il Real ovvero un bel gruzzolo di gol nella fase a eliminazione diretta, noi potremmo avere anche delle speranze, altrimenti la vedo davvero dura. La nostra ormai atavica fragilità mentale e quindi difensiva non fa essere molto ottimisti. Se si è stati capaci di prendere 4 gol dal Milan o 3 dal Sassuolo in 30 minuti e per giunta in rimonta, non oso pensare contro squadre come Real, Barcellona o Bayern cosa potrebbe capitare. Dio ce ne scampi. Sempre ovviamente a patto che si passi con il Lione, perchè ad oggi non prendere neppure un gol dal Lione appare tutt’altro che utopia.

E veniamo ai rumors su Sarri. La festa scudetto è stata una bella festa e devo dire con scene belle e anche un poco commoventi da parte dei giocatori e del mister. Sarri mi pare sia entrato nel cuore della squadra nonostante i suoi limiti caratteriali e tutte le sue contraddizioni. Ci sono state scene davvero di una bellezza umana considerevole secondo me che han fatto vedere uno spogliatoio tutt’altro che spaccato. Eppure da oggi a Torino si sono accesi dei rumors sulla permanenza del mister per l’anno venturo. Pare che la Juventus nei panni del suo Presidente non sia poi così convinta di questo nuovo corso. Io dal canto mio devo dire troverei alquanto strano un esonero del mister, soprattutto alla luce di uno scudetto vinto e dei tre anni di contratto. Credo che la riconferma in questa situazione dovrebbe esser un fattore alquanto scontato. Se poi ci mettiamo che le soluzioni alternative più attendibili potrebbero esser Spalletti o Allegri la cosa mi fa essere ancora più stranito. In entrambi i casi significherebbe rivoluzione morta e sepolta questo mi sembra chiaro. Ora detto che a me della rivoluzione frega meno di zero e mi basterebbe che Sarri riuscisse a metter in campo una squadra un poco più coesa e meno ”allegra” in fase difensiva, troverei davvero curioso che la Juventus rinunciasse dopo appena un anno a un progetto in cui sembrava davvero credesse. A meno che non ci si sia resi conto di non essere in grado di accontentare questo mister sul discorso mercato e nel rivoluzionamento della rosa e quindi occorra nuovamente un gestore che faccia con quello che ha, o che non fosse lo stesso Sarri a essersi reso conto che questa avventura è davvero troppo stressante per lui.

SJR stagione 03 episodio 38

Sesso Juve e Rock n Roll alle 22 su youtube con Ben Michele Fusco Antonio Corsa Benny Nico Francesco Musina Toto e Arco Lubrano

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web