Cosi non va bene … risultato inaccettabile!

 

Articolo di Alessandro Magno

 

 

Si chiude molto male la preparazione della Juventus con una sonora sconfitta in casa 0-4 contro l’Atletico Madrid. Oggi la Juve è parsa involuta e soprattutto immobilizzata. Nulla delle cose buone viste nelle altre partite anche a fronte di qualche sconfitta come quella con il Real Madrid. La giornata è iniziata male con Kean che si è fatto mettere in tribuna a causa di un ritardo. Spiace ma all’età di Kean oggi non è accettabile che questo ragazzo continui a fare di questi errori. Oltretutto mentre la Juventus sta cercando un vice Vlahovic che con un maggiore impegno e attenzione potrebbe esser un ruolo perchè no dato anche a lui. E invece …

Nella partita si salvano davvero pochi. Szcecesny e Perin. Il primo para anche un rigore. Gatti, a sprazzi Zakaria. Male un poco tutti gli altri. Molto male la difesa che spesso ha sbagliato la linea del fuorigioco male anche l’attacco dove non solo non si è creato nulla di manovrato ma nemmeno si è creato nulla di personale. Prestazione veramente che fa riflettere sullo stato di preparazione della squadra. L’unica cosa che mi fa pensare a una prestazione così imballata è che si sia lavorato molto (forse troppo) sui carichi muscolari, in virtù di una preparazione a lungo termine. Voglio sperare che sia così. Curioso ma non deve essere una scusante che tutte le squadre italiane , in questi giorni, siano state asfaltate , chi più chi meno, dalle squadre spagnole. Potrebbe non esser un caso. 0-4 noi con Atletico, Real Valadolid 4-1 alla Lazio, Inter Villareal 2-4, Valencia Atalanta 2-1 con solo quest’ultima che ha limitato i danni rimediando una sconfitta ma almeno di misura.
Questa la formazione che ha giocato e i relativi cambi:
JUVENTUS (4-3-3): Szczesny (46′ Perin); Danilo, Bonucci (46′ Gatti), Bremer (68′ Rugani), Alex Sandro (46′ De Sciglio); Zakaria (46′ Rabiot, 68′ Barbieri), Locatelli, Fagioli (46′ Miretti); Di Maria, Vlahovic, Soulé. All. Allegri.

Anche i tanto acclamati giovani (Fagioli, Miretti, Rovella, Soulè) hanno quasi tutti abbastanza deluso. Chiaramente non devono esser loro a sostenere la forza della squadra tuttavia quando si acclamano come soluzione di ogni problema bisognerebbe considerare la loro reale forza. Giovane non significa necessariamente Halland o Mbappè.

Concludendo non sono preoccupato. Ho una mia personalissima teoria che è quella che considero le amichevoli estive alla stregua di un passatempo. Ho visto spesso squadre vincerle tutte e poi fallire durante l’anno e viceversa. Tuttavia due cose mi paiono abbastanza evidenti. 1 – La squadra ad oggi è incompleta. Mancano sicuramente un terzino sinistro affidabile un attaccante che aiuti gli altri o sostituisca qualcuno quando non è in forma e probabilmente manca ancora qualcosa in mezzo al campo. Insomma manca ancora una pezza in ogni reparto che non è poco. Inoltre c’è da considerare Bonucci in una fase involutiva preoccupante. Gatti ha fatto vedere buone cose ma siamo già pronti per una coppia centrale Gatti Bremer?
La seconda cosa che mi pare evidente è che la Juve non deve perdere 4-0 e per lo più in casa contro nessuno in nessuna competizione. Questo è umiliante per tutti, per la squadra per la società per i tifosi. Tutti dovrebbero scusarsi per questa sconfitta giocatori allenatore società. Tutti devono metter la testa bassa e lavorare sodo: giocatori più staff nessuno escluso. La società si deve fare carico di completare l’organico al più presto.  Siamo la Juve e non una squadra qualsiasi quindi testa bassa e lavorare. Ripeto di non essere preoccupato per la sconfitta ma 4-0 no 4-0 è inaccettabile.

 

TABELLINO E SINTESI
https://sport.sky.it/calcio/serie-a/2022/08/07/juventus-atletico-madrid-risultato-gol

Il caso Deligt

Matthijs Deligt

Scritto da Cinzia Fresia

Come passa il tempo ..
Siamo al 6 di agosto con il debutto in Campionato praticamente alle porte e 6 giocatori sono già in infermeria, Kajo George, (lesione del tendine rotuleo) Federico Chiesa (legamento crociato) e i recenti Marley Akè (frattura Perone) Weston Mc Kennie (infortunio alla spalla) Paul Pogba (menisco) WoJciech Szczesny (infortunio agli adduttori) e infine Mattia De Sciglio (affaticamento muscolare).

Non è certo l’inizio che ci aspettavamo, e conferma che lo staff atletico è rimasto lo stesso.

In questo periodo sono successe tante cose: dopo un’interminabile telenovela durata mesi, lo svincolato Angel Di Maria ha detto sì alla Juventus, dopo di che l’arrivo di Paul Pogba (svincolato) e l’acquisizione di Gleison Bremer ha mandato in visibilio la tifoseria bianconera felice di aver scippato l’ex giocatore del Torino all’Inter. Si sono uniti ai bianconeri anche Andrea Cambiaso, dal Genoa già in prestito al Bologna e rientrati dai prestiti Federico Gatti, (Frosinone) Nicolò Rovella (Genoa) Nicolò Fagioli (Cremonese) e Marko Piaca (Torino).

Il triste capitolo delle cessioni più o meno pilotate anche dal progetto dell’allenatore, ha visto la partenza di Paulo Dybala oggi felice sui colli romani, la risoluzione piu o meno consensuale del tormentato contratto di Aroon Ramsey, la cessione di: Grigoris Kastanos alla Salernitana a titolo definitivo, Federico Bernardeschi svincolato al Toronto, Rolando Mandragora (rientrato dal prestito al Torino e ceduto alla Fiorentina) Merih Demiral (prestato all’Atalanta la quale ha fatto valere il diritto di riscatto acquisendolo a titolo definitivo) Alvaro Morata all’atletico Madrid fine prestito, Giorgio Chiellini svincolato al Los Angeles FC e in ultimo la cessione richiesta e ottenuta di Matthis Deligt al Bayern di Monaco.

Il caso Deligt
Matthijs Deligt dell’Italia gli è piaciuto tutto Si è trovato bene con il luogo, la città, la cucina, le persone ..ha addirittura adottato due cani liberandoli dai nostri canili. Insomma …l’avventura con il centrale olandese sembrava dovesse durare a lungo .. invece no.
Matthjis ha rivelato una pesante insofferenza all’interno dei nuovi assetti della Juventus, dalla dirigenza al ritorno di Max Allegri in panchina.
Il giocatore è proprio fuggito dalla Juventus anticipando la risoluzione del contratto e chiedendo di essere ceduto a tutti i costi. La Società sicuramente dispiaciuta in questa operazione ci ha perso, quindi la sig.ra Pimenta neo proprietaria dello Studio Raiola sarà riconoscente per sempre alla Juventus la quale non ha fatto ostruzione facilitando l’uscita dell’olandese diretto verso uno dei club più prestigiosi d’Europa. Il Bayern di Monaco.
A Matthjis non andava più bene niente: l’allenatore, i compagni e la Società .. a questo punto che fare? Se non andarsene? Onorare il contratto sarebbe stata una perdita di tempo per entrambi.

Un vero peccato per il club bianconero che certo non ci fa una bella figura. Matthjis dopo aver salutato i tifosi e indossato la maglia bavarese ha rilasciato dichiarazioni e critiche circa la permanenza a Torino.
Utilizzando un lessico edulcorato, Matthjis ci ha fatto sapere che alla Juventus non era felice perchè non condivideva l’idea di calcio italiano e nello specifico le idee di Max Allegri eccessivamente difensiviste. Deligt ha aggiunto, aveva accettato la Juventus in quanto attratto dall’idea di gioco di Maurizio Sarri, e di giocare altresì con Chiellini per ricevere l’esperienza. A Torino doveva essere un’esperienza formativa e duratura ma qualcosa è andato storto, anche il rapporto con i compagni di reparto non è stato roseo, in quanto spesso criticati di sbagliare troppo.
Matthjs ce l’ha messa tutta per stare bene a Torino, imparando persino l’italiano ed avere amici all’interno della squadra, in particolare con la famiglia Morata.

Oggi è molto felice di essere tra le squadre più forti e competitive d’Europa.
Le dichiarazioni post cessione di Deligt non sono piaciute al neo Capitano Bonucci, il quale ha replicato duramente chiedendo un maggiore rispetto per il club.
Se il centrale ha parlato pubblicamente questo evidenzia una profonda delusione, obiettivamente comprensibile, ma adesso deve finire.
La Società certo non abituata a sentire il parere altrui, ha provveduto velocemente alla sostituzione con il Brasiliano Bremer ritenuto tra i difensori con il potenziale più forte in Europa.

Una tegola in testa
L’infortunio di Pogba non ci voleva.
Che il centrocampista avesse il ginocchio debole si sapeva già compreso Allegri, quindi l’episodio non ci sorprende affatto e lo staff atletico almeno questa volta non c’entra.
La priorità del francese a quanto pare è il mondiale.. e ha rifiutato l’operazione. . quindi si prevedono tempi molto lunghi di recupero e nel frattempo la società se vuole essere competitiva deve reintegrare immediatamente, la scelta cadrebbe su Milincovic Savic, ma costa e non è detto che il club abbia la disponibilità per tale acquisto, tenendo presente che Lotito non è entusiasta di cedere il suo pezzo da 90 alla Juventus.

Una squadra ancora molto lontana dalla sua soluzione.
La macchina del giustificazionismo è già in atto, Allegri ha messo le mani avanti: l’ammissione che Inter, Roma e Milan si siano rinforzate annuncia che la squadra non sarà competitiva.

A Villar Perosa si festeggia

Riprende la tradizionale festa a Villar Perosa sospesa per due anni. Finita l’emergenza la famiglia Agnelli – Elkan ha voluto recuperare la massima tradizione che coinvolge il club aprendo la Cappella di Famiglia, in onore del glorioso passato e di quanto fatto da Edoardo Agnelli e i figli Giovanni Agnelli (l’avvocato) e il Dott. Umberto Agnelli.
La Juventus è la prima volta in questi 100 anni di unica proprietà, che sta vivendo una vera e propria crisi all’intero della tifoseria, in passato unita e appassionata, ora spaccata e in disaccordo.

Gli errori gestionali, la reazione negativa alla Super Lega, la chiusura con Ronaldo e Dybala, ha causato diverse critiche al club. Interessata più all’intrattenimento che al risultato.

Comunque Max Allegri lo ha dichiarato “è difficile che si vinca lo scudetto”. Come tentativo di unione non è male, tra abbonamenti carissimi e un calo significativo delle vendite … è proprio quello ci vuole.
Staremo a vedere come andrà la prima di Campionato ..

Tra Villar Perosa e mercato: la Juventus è pronta per tornare a vincere?

3 agosto Si valuta Pogba ed eventuali sostituti intanto si lavora alle uscite

 

Come ogni hanno facciamo il punto della situazione volta per volta

Portieri: Nessuna novità i portieri per la nuova stagione se non che Perin ha fatto un ottima partita contro il Real Madrid e questo vuol dire che c’è grande serietà da parte di Mattia che ha accettato il ruolo di secondo ma vuol ritaglirsi un ruolo da protagonista.

Difesa: Preso Cambiaso  e forse girato troppo frettolosamente al Bologna visto le lacune mostrate sin qui da Alex Sandro il nodo scoperto resta soprattutto li al terzino sinistro dove purtroppo al momento non ci pare essere novità in vista. Molina andato all’Atletico Madrid Udogie pista raffreddatissima. La novità dell’ultima ora pare invece l’uscita di Rugani a cui sono interessate Galatasaray e alcune italiane fra cui Empoli su tutte. Per il mercato italiano è ipotizzabile che alla Juventus venga chiesto di pagare a Rugani quasi tutto l’ingaggio del prossimo anno ecco perchè la pista turca è quella preferita dalla società. Sarà lo stesso per il giocatore? Nel caso Rugani partisse allora la Juve dovrebbe cercare il quarto centrale , in questo caso Mlenkovic della Fiorentina parrebbe il nome più probabile.

Centrocampo: Liquidato senza rimpianti Ramsey si cerca di fare altrettanto con Arthur . Pare che Arsenal ma soprattutto Valencia siano fortemente interessate al brasiliano. La Juventus  farebbe carte false pur di disfarsene. Non sappiamo allo stato attuale se l’operazione andrà in porto. Arthur è forte sulle sue posizioni di mantenere l’attuale ingaggio che probabilmente l’Arsenal può eguagliare mentre il Valencia no. Non si registrano voci di imminente partenza di Rabiot ne tantomeno di Zakaria. Con McKennie e Pogba infortunati dovrebbe arrivare sicuramente un altro centrocampista. Il più vicino ad oggi è sempre Kostic che per valore costo è altamente fattibile , praticamente è già tutto fatto occorre solo che la Juve chiuda trovando il prezzo con la sua squadra di provenienza. La distanza non è proibitiva ballano un paio di milioni. Zaniolo in stand by le parti erano d’accordo su tutto tranne sulla formula di pagamento che la Roma non gradisce troppo dilatata, la sensazione è che l’operazione si farà in quanto Zanilo nel 2024 va in scadenza e allora la Juve lo prenderebbe a meno a solo un anno dalla fine del contratto. Paredes è una pista calda ma il PSG ha ancora pretese troppo alte per la Juventus che sta valutando anche di prendere Pjanic a zero.  C’è chi dice si lavori sotto traccia per Milinkov Savic nome che torna sempre di moda ma il costo è abbastanza elevato. Lotito vuole soldi e non contropartite tecniche anche se a Sarri non dispiacciono nè Rovella nè Rugani. Fagioli ad oggi sembra esser stato definitivamente promosso in prima squadra.

Attacco: I nomi vicini sono sempre gli stessi Morata su tutti e Arnautovic come vice Vlahovic. Non pare interessare Belotti che pare andrà alla Roma. Sono stati accostati alla Juve i nomi di Firmino Martial e Depay che non trovano reale conferma. La Juventus è abbastanza soddisfatta del precampionato di Kean e non ha fretta. Ha sondato il terreno per Mertens svincolato che però vuole un contratto importante e per Raspadori e si è vista chiedere 40 milioni dl Sassuolo. Altri nomi accostati in questi giorni il solito Milik e Muriel dell’Atalanta. Intanto Lucca del Pisa, giovane di belle speranze accostato lo scorso inverno ai nostri colori è partito per Amsterdam alla corte dell’Ajax. Un operazione da 1 milioni di prestito con obbligo di riscatto per ulteriori 10. Curiosamente nella storia del glorioso club olandese Lucca sarà il primo italiano a vestire quella maglia.

 

Real Juventus 2-0 Sintesi

Sondaggio

 

Chiellini Out – Gatti in

De Ligt Out – Bremer in

Dybala Out – Pogba in

Morata Out – Di Maria in

Bernardeschi Out –

La Juve ad oggi è più forte o più debole di prima ?

 

Ad OGGI la Juventus è più forte dell'anno scorso?

  • un po' più forte (50%, 31 Votes)
  • molto più forte (16%, 10 Votes)
  • uguale all'anno scorso (15%, 9 Votes)
  • un po' più debole (13%, 8 Votes)
  • molto più debole (6%, 4 Votes)

Total Voters: 62

Loading ... Loading ...

Juve bene con il Barcellona, ma manca qualcosa

Barcellona Juventus 2-2 Gol e Sintesi

 

Juventus -Chivas. Una buona sgambata all’insegna dell’ottimismo.

 

 

Articolo di Alessandro Magno

La prima uscita della Juventus è stata positiva. Ninete di trascendentale il Chivas è una squadra messicana cha ha buona tradizione nel paese ma è sconosciuta ai più a livello internazionale. Arriveranno sicuramente test più attendibili man mano che si andrà avanti con la preparazione. Tuttavia in questo momento niente è scontato. Spesso la differenza di preparazione può giocare brutti scherzi e ad esempio i nostri avversari erano già alla quinta partita visto che si preparano da un mese. La prova è la sconfitta dell’Inter contro il Lens per 1-0 e quella del Milan per 3-2 contro una squadra semisconosciuta. D’altronde non è impossibile in questo momento incappare in cadute più o meno clamorose , quando le gambe sono imballata dai carichi di lavoro. Allegri perse alla sua prima uscita con la Juventus contro il Lucento squadra di eccellenza.

Detto questo la partita contro il messicani è stata molto positiva. Soprattutto nel primo tempo quando le gambe rispondevano bene. La Juve è stata padrona del campo con un Di Maria sugli scudi (migliore in campo) e un Pogba voglioso di far vedere il suo valore. A tal proposito. quanto è bello finalmente vedere un giocatore calciare da fuori? L’ultimo che mi ricordi era Ronaldo, di centrocampisti calcianti da oltre 30 metri dovrei tornare a Vidal Marchisio e appunto Pogba (spegniamo subito una polemica sul nascere Dybala calcia al massimo dal limite non ha il tiro da 30 metri).

La Juventus è scesa in campo con:

Szczesny, Cuadrado, Gatti, Danilo, Sandro, Fagioli, Locatelli, Pogba , Da Graca , Di Maria , Kean.
con una sorte di 433 che in alcuni frangenti diventava 4312 con Di Maria a fungere da trequartista. Nel primo tempo hanno bruillato quasi tutti, molto bene Gatti che ha preso un palo di testa sull’azione che ha portato al gol l’u23 Da Graca (molto bene anche lui e Fagioli). Rivedibili Kean che ha sprecato molto e Locatelli ancora un poco in ombra come pure Sandro.

Nel secondo tempo la Juve è cambiata molto sono entrati altri 11 giocatori con
Perin, Barbieri, Rugani, Bremer, Pellegrini, Rovella, Zakaria, Ake , Soulè, Compagnon , Curdig
Una sorta di 4231 molto molto giovane con Akè , Soulè e Comapgnon dietro la punta Curdig e Rovella e Zakaria davanti alla difesa.

Con questa formazione la Juve ha sofferto di più e ha dovuto difendere. Nel secondo tempo il Chivas ha fatto la partita e la Juventus ha giocato di rimessa. Perin è stato bravo ad opporsi a un paio di tiri dalla distanza mentre l’U23 Compagnon raddoppiava con un contropiede da manuale.
L’età della Juventus del secondo è estremamente bassa con bel 5 u23 dentro più Pellegrini e Rovella.

Hanno riposato Pinsoglio, Bonucci, McKennie e Vlahovic evidentemente non in condizione di essere rischiati.

In conferenza stampa Allegri si è detto molto soddisfatto e ottimista ed è quello che il tifoso dovrebbe essere. Non è da oggi che la Juventus e tutti gli altri club del mondo , vendono giocatori per comprarne altri. Il tempo ci dirà se hanno fatto bene o male ma piangere sul passato o peggio, criticare preventivamente dove da esterni effettivamente le cose non si conoscono bene è qualcosa che dovremmo evitare. Ottimismo significa pensare positivo non certo che vinceremo a prescindere. A tal proposito è nata una polemica su una frase che Allegri in realtà non ha detto. La frase in questione riportata come virgolettato è ”La Juve ha il dovere di vincere lo scudetto”. In realtà e per fortuna ci sono i video , Allegri ha detto: ”La Juve ha il dovere di CERCARE DI TTORNARE a vincere lo scudetto”, che è una cosa ben diversa. Se non si conosce l’italiano, o peggio si vuol strumentalizzare ogni cosa per fare polemica, non è certo colpa mia.

CLICCA PER SENTIRE LA FRASE ESATTA DI ALLEGRI

Di Maria incanta, la Juve c’è: Juventus-Chivas 2-0 | Preseason 2022-23 | DAZN Highlights

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web