E qui comando io!

                Scritto da Cinzia Fresia 

Non si e’ sentita la mancanza di Leonardo Bonucci,  appollaiato in tribuna come spettatore,  la Juventus e’ riuscita lo stesso anche senza di lui e Allegri lo sapeva.

Intanto, partita da bolla al naso, noiosa e difficile da seguire, una Juventus lenta e prevedibile che  ha fatto fatica a combattere persino in superiorita’ numerica.

Il Porto, per nostra fortuna si e’ messo nei guai da solo scegliendo la strada della violenza e all’ennesimo fallo di Telles, espulsione ! E siamo ad un solo quarto d’ora di gioco.

Ma la Juventus apparentemente di questa bella fortuna non ne aprofitta subito,  la squadra era lenta e spesso il pallone veniva spedito indietro a Buffon, il Porto al contrario era organizzato e per buona parte della partita respinge i nostri attacchi, la squadra e’ veloce e ben articolata in difesa,  e grazie all’esperienza dell’anziano Casillas,  che questa sera il tango ” argentino” non si balla.

Secondo tempo: Dopo un gol annullato per fuori gioco a Dybala, Allegri sa di dover intervenire, quindi toglie Cuadrado e inserisce Piaca, e sara’ lui a sbloccare il risultato … e’ stata la Juve dei  dei reietti e dei  criticati ad oltranza,, i quali hanno fatto la differenza, quelli che non facevano paura e che la difesa portoghese ha dimenticato.

La Juventus porta a casa una  vittoria e 2 gol in trasferta, il che siginifica per il Porto improbabile  la qualificazione.

Ma il calcio e’ cosi, imprevedibile, e’ sempre il campo a decidere e stasera si sono rovesciati  tutti gli schemi e  chi si aspettava che il risultato lo ribaltasse un ragazzone che ieri l’altro  non riusciva a tenere palla che  per pochi minuti con il Crotone? E chi si aspettava un immediato raddoppio da un giocatore un po’ vecchiotto e con problematiche di ambientamento?

Allegri ride, si diverte, imponendo il suo punto di vista, la Juve gioca male, a tratti malissimo, ma vince, e quindi complimenti, e’ bastato il gol di Piaca a farci dimenticare gli altri rimasti nell’ombra.

Una Juventus stanca ma felice quella di ritorno a Torino, e un allenatore speriamo un po’ piu’sereno. Non e’ piacevole leggere ogni giorno notizie di cambi di allenatore o uscite di giocatori, in questo momento della stagione.

 

 

 

 

 

Pagelle Porto – Juventus 0-2

 

Pagelle di Alessandro Magno

Buffon 6 Al limite dell’inoperoso. Tocca qualche pallone sul giro palla e su qualhce presa alta. Un solo mezzo brivido su un colpo di testa che controlla andare al lato.

Lichtsteiner 6 Gioca la sua partita. Non disdegna mai di sovrapporsi a Cuadrado e spesso si spinge anche in area.

Barzagli 6 Si sostituisce bene a Bonucci nell’inizare l’azione e controlla egregiamente i suoi avversari. Ci vuole ben altro che gli avanti del porto per scalfire la roccia.

Chiellini 6 Piu’ intraprendente di Barzagli come è giusto che sia sorprende per i rasoterra precisi che serve spesso ad Alex Sandro e alla fine si concede un apertura di destro verso Dani Alves. Migliorato.

Alex Sandro 6,5 Sempre corsaro è con Cuadrado quello che crossa di piu’. Spesso i suoi cross sono molto pericolosi come le sue incursioni.

Pjanic 6,5 Una partita iniziata con il freno a mano tirato ma conclusa in sapiente regia. Nervoso si calma alla distanza e la sua prestazione ne giova.

Khedira 6 Molto attento tatticamente a chiudere in copertura, cerca qualche sortita fra le maglie della rete difensiva del Porto , ma centralmente è praticamente impossibile.

Cuadrado 6 Propositivo come sempre ma piu’ confusionario del solito molti passaggi sbagliati e cross non precisi ma certo non si risparmia.

Dybala 6,5 Fino al primo gol gli unici lampi di luce sono arrivati da lui e da un tiro di poco fuori di Higuain. Meritava il gol per impegno.

Mandzukic 5 Onestamente non mi è piaciuto per niente o quasi. E’ servito pochissimo davanti e qualcosina ha fatto dietro. Non brillante credevo onestamente uscisse lui e non Cuadrado.

Higuain 6,5 Soffre in queste partite in cui non ha spazi e gli arrivano pochi palloni cio’ nonostante si batte bene in area e cerca di non sprecare quel poco che gli arriva.

Pjaca 7 Entra e decide la partita e allora diamogli un bel premio con un voto alto visto che spesso ha preso insufficienze.

Dani Alvez 6,5 Lo sappiamo che come attaccante è forte.

Marchisio sv

 

Allegri 7 La vince con i cambi ma l’incubo 0-0 c’è stato ed a lungo pure. La squadra non è stata brillante come in altre occasioni anche se ha fatto sempre la partita, ma ripeto: 2 cambi e 2 gol ha ragione lui.

Juventus 6 Lenta e troppo compassata. Ha dato quasi sempre tempo al Porto di ragionare. Poco arrembante l’ha risolta negli ultimi 20 con i cambi pero’ è stata onestamente una partitaccia da guardare anche se va sottolineato il non gioco dell’avversario.

Arbitro 7 Diciamo sempre che in Europa gli arbitri certi falli li fischiano e infatti questo al quarto fallo da giallo su 4 fatti, al 26mo del primo tempo manda uno dei loro sotto la doccia e in casa loro. Ineccepibile.

Mercoledi 22 febbraio 2017 Porto-Juventus Champions League ore 20.45 Estadio del Dragao – oporto

Scritto da Cinzia Fresia

Ci siamo! La Juventus riprende il cammino in champions League, volando in quel del Portogallo ad affrontare il Porto, squadra ferocissima e determinatissima a non farsi fermare. Una vigilia tormentata e non particolarmente serena per Massimiliano Allegri, anche se dalle apparenze sembrerebbe di no. Il tecnico toscano ha deciso di punire in modo significativo e in accordo con la societa’ la boutade di Bonucci. Il “vaffa” del  difensore costera’ la presenza in campo, e dovra’ limitarsi ad assistere al match in tribuna. Massimiliano Allegri decide percio’  di cambiare registro, basta con l’indulgenza, basta con .. ma si’ diamoci una pacca sulla spalla sono cose che succedono, ora chi sbaglia paga. L’allenatore sostiene di disporre una squadra al top, in ottime condizioni fisiche e atletiche, e di avere i ricambi per fronteggiare tutte le emergenze.

il provvedimento fara’ discutere a seconda del risultato che la Juventus riuscira’ ad ottenere. Massimiliano Allegri ricorda che sabato saranno nuovamente in performance, e che nulla e’ lasciato al caso.

Domani quindi verra’ il bello, sara’ una Juventus in grande spolvero, Allegri ha citato alcuni nomi, come Higuain, Dybala, Mandzukic e Cuadrado, e alla richiesta circa la presenza di Pianic, il tecnico ha ammesso la sua presenza dai primi minuti di gioco, almeno in conferenza stampa.

La Juventus si presenta atrezzata per vincere la partita, e come ha ribadito il nostro tecnico agli ottavi nessuna squadra e’ favorita. Entrambe le squadre sono atrezzate per la vittoria, la differenza la fara’ la mentalità’

 

 

Italian carnival

 

 

Articolo di Alessandro Magno

 
Venghino signori, venghino al campionato raccontato peggio nel mondo, il campionato di calcio italiano. Due settimane a rompere le palle su una partita regolare , Juventus – Inter a piangere e chiedere rigori sul niente e poi a Bologna c’è un rigore clamoroso per il Bologna negato e nessuno dice niente. E l’Inter che fa? Pagnolate ne abbiamo? Pistocchi, Zazzaroni esistono? Pioli vede solo i rigori che non ci sono e che vuole o riesce a vedere anche i rigori contro i suoi? A vero che aveva chiesto un ”attenzione particolare ” all’arbitro per la partita. Mi pare l’abbia avuta. E che dire del Toro? Quanto deve esser bello esser tifoso del Torino, quando la tua squadra che dovrebbe lottare per un posto in Europa va a Roma in vacanza, e al 15mo del primo tempo ha già buttato la sua partita nel cesso, ma tu sei del Toro e in fondo sei contento di perdere, perchè così la Roma resta in scia alla Juve. E si è proprio bello esser del Toro veder la propria squadra scansarsi ed esser contento lo stesso. I paladini dei campionati regolari e dell’onestà come gli Interisti. Ne abbiamo pagnolade pure per il Toro che poi si lamenterà di non esser arrivato in Europa League per cause esterne e non dovute alle proprie prestazioni sconce? E del Genoa vogliamo dire qualcosa? La squadra che ha giocato contro la Juventus mezz’ora come se dovesse giocare una finale di Champions League e ora si è fatta asfaltare dal Pescara ultima in classifica: 5-0. Si vede che dopo la vittoria contro la Juventus hanno finito il loro campionato. E il Pescara che ha fatto schifissimo contro tutto e tutti fino ad ora e di cui ho amici Pescaresi che giurano che i giocatori per tutto questo tempo hanno remato contro Oddo? Altri onesti altri che chiedono la regolarità dei campionati. Non me la prendo con il Chievo perchè in verità il Chievo ha dato il massimo così come negli ultimi anni è sempre stato la bestia nera del Napoli. Nonostante cio’ lo dico, mi fate schifo tutti dal primo all’ultimo. Dio solo sa quanto avrei piacere di giocare in un altro campionato e lasciarvi qui a fare il campionato di calcio simil-Albania e mi scuso con l’Albania. Perchè voi senza la Juve siete morti . Non esistete. Siete falliti. Per un certo tempo c’è stato il Milan a tener alto l’onore del calcio Italiano. Oggi il Milan è ridotto una mappina e i tifosi del Milan sono peggio degli altri. Il loro specchio sono i Suma e Pellegatti. Dall’alto delle loro sette champions che dovrebbero consentirgli di guardarci con occhi piu’ esperti e sinceri ci giudicano come un napolista o romanista qualsiasi. Curioso sintomo di inferiorità verso di noi. Eppure ripeto dall’alto di cotante champions non dovrebbe esserci questa invidia questo livore, questo sentirsi inferiori. Questa mania di persecuzione.

Noi si è vinto alla grande contro il Palermo. I rosanero sono poca cosa e hanno potuto pochissimo. Dyabla che per qualcuno era in crisi e non gradiva la posizone e non gradisce il Mister ha fatto due gol, un assist e preso un palo. La squadra ha giocato molto bene andano sul 4-0 in scioltezza anche se poi ha preso un gol nel finale che si poteva evitare. Higuain è una bestia come prima e piu’ di prima. Anche chi ha raccontato che il pipita stesse male alla Juventus e che: ”Chill segnava assai a Napule pcchè tutt jocavan pe iss” è una gran pippa del giornalismo e dovrebbe andare a nascondersi in qualche gabinetto. Non si puo’ esser così capre nel proprio mestiere. Non si puo’ scrivere e fare di questi strafalcioni e poi continuare sui giornali e in tv come se niente fosse a fare gli esperti. Ma gli esperti di cosa? Higuain a Torino sta alla grande. Anzi sta meglio. Higuian a Torino è sereno e felice e chi pensava non facesse tanti gol ora rischia di doversi tagliare l’uccello. E chiudiamo con la polemica Bonucci Allegri. Allegri fa bene a tenere tutti sulla corda ma non è amato dal pubblico questo è un dato di fatto e per noi alla lunga potrebbe esser un limite. Gli stessi che lo accusavano di esser troppo molle con i giocatori ora lo rimproverano di esser troppo duro. La verità è che Allegri cerca di esser misurato e se in campo si lascia andare a qualche sfogo poi nel post partita cerca di minimizzare e gettare acqua sul fuoco, come da stile Juve si impone. Se Dybala o Bonucci avessero fatto quelle scenette con qualche altro, tipo Conte o Capello, sarebbero stati presi a calci nel culo negli spogliatoi. Non ci piove. Alla Juve non c’è l’auto gestione dei giocatori. Non c’è mai stata. A volte ai senatori è stato chiesto qualche parere ma mai di sostituirsi all’allenatore. E’ il Mister che ci mette la faccia, piaccia o non piaccia Allegri, a ciascuno il suo ruolo. Lui allena gli altri giochino. A fine anno si tireranno le somme. Probabilmente Allegri a fine anno lascerà, credo sia stanco di questa situazione non serenissima per lui, di una tifoseria che ripeto, non lo ha mai amato. Forse è giusto così. Chi pensa che tornerà Conte invece sbaglia. Conte non tornerà. Almeno a Giugno del 2018. Al Chelsea sta alla grande e se come è molto probabile vincerà il campionato, non avrebbe nessun motivo per lasciare il Chelsea e ritornare. Anzi il Chelsea gli farà ponti d’oro. Forse un giorno sarà ma non è dopo Allegri. Ora sotto con la Champions.

E Allegri non rise.

scritto da Cinzia Fresia

Partita stravinta da una superiorità tecnica abissale, non c’è stato confronto tra le due squadre  se non i gol segnati dalla Juventus, 4 e potevano essere molti di più. Palermo inadeguato con voragini in difesa e un portiere che poveretto non era in serata, e che  ha pure  rischiato di farsi molto male, battendo la testa durante uno scontro con un  compagno di squadra, episodio che ha fatto preoccupare non poco gli spettatori allo Stadium e a casa. fortunatamente il ragazzo  si è ripreso con l’applauso del pubblico Juventino sinceramente preoccupato per lui.

Questo genere di partite le chiamerei “cartina di tornasole”, dove Allegri ha voluto offrire a Piaca una bella opportunità, che il croato però non ha saputo cogliere. Niente da fare per lui, non ci siamo proprio, l’allenatore lo difende e fa bene, ma è evidente che non riesce a capire cosa deve fare, magari si lancia alla conquista della palla, la porta avanti e poi .. o si emoziona o per qualche motivo la perde. Può essere che abbia delle doti ma al momento la Juventus non sembra essere la squadra giusta per lui.

Molto bene per Marchisio che ha ritrovato il gol, diciamo leggermente meglio Dani Alves .. e strepitosa la coppia Higuain e Dybala, che è una bellezza vederli. Ritengo che i due siano così in sintonia da non avere bisogno di nessun’altro. Si capiscono al volo e hanno confezionato dei gol davvero belli ed entusiasmanti.

Ma Allegri non è stato contento, niente da dire sul risultato, ma sulla gestione del gioco sì, soprattutto la difesa che  nel primo tempo ha consentito ai palermitani di venire avanti e il gol subito a fine tempo di recupero all’allenatore non è andato giù. In più si è aggiunto un “qui quo qua” con Bonucci che simpaticamente Allegri durante il post partita ha minimizzato e depistato in un malinteso a proposito di cambi. Al contrario la telecamera inquadrando il difensore viterbese, si nota che  abbozza un ” Vaff … ” proprio oggi che festeggia le 300 presenze in Juve.

Si chiude con un gran risultato ma con i musi lunghi, e non va bene perchè tra qualche giorno c’è una partita questa volta veramente difficile, importante e complicata, e quindi ci aspettiamo che i mugugni siano archiviati perchè non servono.

Risultato pieno, partita a sprazzi godibile, a parte l’ammonizione a Marchisio, tutto bene. Nessuna recriminazione arbitrarle, veleni, nessuna discussione particolare, ma per l’allenatore ci sono cose che non vanno e invita al miglioramento.

Se l’allenatore non è felice su come gioca una Juventus con delle unità veramente forti posso capirlo, bisogna ammettere che il gruppo per fatti caratteriali non riesce ad amalgamarsi completamente, ma il mese di marzo sta per arrivare e vedremo se ci sarà una Juventus un po’ più compatta ed affiatata.

Nel frattempo con ansia aspettiamo mercoledì per vedere  cosa succederà con il Porto.

 

 

Pagelle Juventus Palermo 4-1

Pagelle di Alessandro Magno

Buffon 5,5 Prende un gol e rischia di prenderne un altro subito dopo perchè ultimamente, e l’ho scritto già in passato, non esce piu’. L’area piccola è dominio del portiere. Non si puo’ prendere gol su cross alti che finiscono nell’area piccola. L’altra volta è stato strepitoso questa volta perde l’imbattibilità su quello che ormai è uno dei suoi pochissimi difetti.

Dani Alves 6,5 Gioca una partita attenta e molto propositiva se evitasse anche qualche no look e colpo di tacco di troppo, visto che difronte abbiamo dei semisconosciuti sarebbe anche meglio, ma ormai non credo che lo faccia per cattiveria, mi sembra di rivedere Ronaldinho del Milan uno ormai che gioca solo piu’ per divertimento, e questo non è un gran bene.

Benatia 6 Efficace ma forse eccessivamente rude. Commette diversi falli in cui ci poteva scappare qualche giallo. Salva un gol a porta sguarnita anche se l’arbitro poi fischia un fallo di mano a nostro favore.

Bonucci 6 Parte pasticcione poi termina in crescendo. Si prende qualche cazziatone da Allegri per l’eccessiva leggerezza in alcuni suoi interventi ma festeggia 300 presenza con la Juventus senza particolari patemi.

Asamoah 6 Una buona partita senza la spinta delle ultime volte ma il match si mette subito in discesa e allora è bene risparmiare energie.

Khedira 6 Anche per lui normale amministrazione una serata serena.

Marchisio 7 Chiamato a dimostrare di esser ancora importante risponde presente. Torna al gol che apre la partita ed è efficace in tutti i suoi interventi. Molto bravo a cercare sempre l’imbeccata per Higuain.

Pjaca 5 E’ un corpo estraneo a questa squadra. Spiace perchè il ragazzo ha dei numeri nell’uno contro uno ma è tutto li. Non gioca con i compagni e non gioca senza palla. Inizia bene poi Allegri lo sposta di continuo cercandogli una posizione ma lui va a fiammate si accende poco e si spegne molto. Non puo’ pretendere di giocare titolare e così non rappresenta una valida alternativa ai quattro attaccanti. Non è una bocciatura ma ad oggi puo’ giocare solo negli ultimi 20 minuti. Deve lavorare tantissimo se vuol conquistarsi questa maglia.

Dybala 7 Molto tonico apre le danze con un palo su punizione e poi concede il bis sullo stesso spartito con un gran gol. Infine realizza la sua personale doppietta contro la sua ex squadra con un fendente chirurgico. Si aggiudica il miglior in campo con Higuain al foto finish.

Sturaro 6 Schierato sorprendentemente trequartista cerca di dare il suo contributo. Allegri lo sposta poi sia passando al 4-3-3 che al 4-4-2 e lui non demerita mai dimostrandosi non eccelso ma utile in tutti gli schemi.

Higuain 7 Una bellezza vederlo con quanta grinta si va a prendere la palla del 4 a 0 resiste alla carica e serve di tacco Dybala. Un piacere vedere come non molla mai su nessun pallone e nessun risultato. Tostissimo.

Lemina 6 Un poco pasticcione subito poi trova ritmo e posizione.

Rincon 6 Come Lemina. Continua a metter presenze con questa maglia.

Cuadrado 6 E’ sempre bello vederlo in campo.

Allegri 6,5 Fatica a tenere la squadra sulla corda ma nonostante un bel turnover vince in scioltezza. Ha ragione assolutamente ad impiegare pochissimo Pjaca che non è all’altezza ancora di giocare titolare con questa pesantissima maglia. E se avesse ragione anche quando diceva che la squadra sarebbe stata al top a Marzo?

Juventus 7 Una vittoria in scioltezza da grande squadra e non è da tutti visto che il Palermo a Napoli a momenti vinceva e comunque porto’ via un punto.

Arbitro 6 Partita sostanzialmente corretta protegge poco Higuain da una gran mole di trattenute avversarie ma va bene lo stesso. Risparmia qualche cartellino sia ai nostri che a loro.

Venerdì 17 febbraio 2017 Juventus – Palermo ore 20.45 Juventus Stadium – Torino

scritto da Cinzia Fresia

Dopo una settimana  di continui straschichi circa la  questione arbitri, rigori, fuorigioco e designazioni, un Massimiliano Allegri ridanciano e gioviale si presenta alla conferenza Stampa alla vigilia della partita contro il Palermo. Finalmente i nostri giocano in casa con un avversario di bassissima classifica.

Allegri alle domande sulla formazione, con Mandzukic fuori, c’è l’ipotesi di inserire Sturaro,  o  valutare Piaca, che però deve adattarsi alle esigenze della squadra.  Anche se il Palermo è modesto e fresco di allenatore, resta sempre una squadra che lotta per la salvezza e a volte sono le peggiori, i nostri devono mantenere la concentrazione e non pensare al turno di Champions che gli spetta fra pochi giorni.

Inevitabilmente, le domande virano sulla futura  serata di Champions di mercoledì, i giornalisti chiedono ad Allegri come ha vissuto queste partite di Champions, e come si spiega   il crollo del Barcellona, la supremazia del Paris Saint Germain, e la sconfitta del Napoli: Allegri risponde che si è divertito molto, e che  il Napoli nonostante la poca esperienza in campo internazionale,  ha disputato un’ottima partita in casa del Real, idem per il Paris Saint Germain che inaspettatamente ha annientato il Barcellona. Alla domanda se la Juventus sia tecnicamente all’altezza di queste squadre, Allegri risponde che la Juventus deve essere all’altezza a livello mentale e migliorando la qualità del gioco.

 

Lo sport non è democratico

 

Articolo di Alessandro Magno

 

E’ stata una vittoria decisamente importante. Il Cagliari è squadra ostica soprattutto in casa dove ha raccolto quasi tutti i suoi punti. Oltretutto viene da una situazione di calssifica abbastanza tranquilla con molti punti di vantaggio sulla terzultima è questo gli ha consentito di fare una partita sgombra da ansie. Nel primo tempo ci hanno anche aggredito come se non ci fosse un perchè. Direi che sia Sau, che soprattutto Barella, sono andati ben oltre il normale agonismo. L’arbitro li ha molto tutelati. Sau credo non sia stato neppure ammonito, il giovane invece, abbiamo dovuto aspettare commettesse il millesimo fallo in scivolata a centrocampo per vederlo sotto la doccia. I gialli sono arrivati invece ed esagerati per i nostri. Lichsteiner e Marchisio assolutamente inventati. Mandzukic per proteste Cuadrado per aver lanciato la palla dopo il fischio, Chiellini forse l’unico che doveva starci. Dall’altra parte si è tollerato un poco di tutto almeno fino al 70mo quando si è deciso di tirare fuori appunto Barella che proprio aveva deciso di andare oltre. L’arbitro Calvarese, a parere mio condizionato dalle polemiche della settimana, era tutto preso a non fischiare pro Juve ed è curioso che sia successo lo stesso contro il Crotone, dove ci sono un paio di rigori abbastanza evidenti per la Juve non fischiati. Anche questa sera ce n’è uno su Dybala che le TV ponziopilatescamente hanno evitato di farci rivedere in diretta.

Al di là di tutto questo la Juve ha giocato un’ottima partita, aspettando che il Cagliari si sfogasse, in realtà senza produrre niente di particolarmente pericoloso, e ha colpito. A differenza di Crotone si è giocato su ritmi piu’ elevati e la Juve è stata sempre in partita. Qualche svarione si è avuto con Chiellini in campo sostituito da un grande Rugani, dopo di che al Cagliari è stato consentito un solo tiro in porta sul 2-0 sul quale Buffon si è dimostrato ancora una volta eccezionale. Dopo aver ormai acclarato che Gigi è, senza se e senza ma, il miglior portiere di tutti i tempi forse è ora di iniziare a considerarlo il piu’ forte giocatore di sempre. Piu’ forte di Baggio, Rivera, Del Piero, Gigi Riva, Valentino Mazzola. Piu’ forte di tutti. Per lui vale sempre il detto: tanti sono stati fortissimi nessuno è stato così forte per così lungo tempo.

Tornando alla Juve l’ha sbloccata il Pipita con un gol da centravanti vero su un imbeccata di Marchisio molto simile a quella di Rincon nella scorsa partita, cosa non credo casuale. Un bel tocco di giustezza. Il gol, non ce ne vogliano gli anti-juventini, è regolare. Higuain parte in linea e in linea purtroppo per loro è regolare. Gli eventuali centimetri oltre la linea che qualcuno vuole per forza vedere è la distanza che manca fra materia grigia e neuroni a queste persone che non vogliono accettare la supremazia e la bravura degli altri. Il secondo gol è stata una manovra eccellente di contropiede con Cuadrado in stile motociclista senza moto, Dybala a rifinire e Higuain, questa volta, a realizzare di esterno destro. Altro tocco da vero cecchino. Alla fine sarà Mandzukic in una serata un poco grigia a mangiarsi piu’ volte il gol del 3-0 e Rafael a salvarla con una paratona su Dybala dopo una traversa dello stesso Marione. La vittoria è stata clamorosamente netta nonostante un buon Cagliari. Gli antijuventini non se ne faranno mai una ragione, ho letto dei tweet del romanista Telese sul presunto fuorigioco di Higuain, quanto si dovrebbe solo vergognare dell’ennesimo rigore sconcio regalato alla sua Roma rigore completamente inventato a Crotone su Salah e siamo a 11, idem le esternazioni di Gigi D’Alessio sulla sua eliminazione da San Remo a leggere i giornali opera di una giuria Juventina. Siamo alla follia collettiva.

In Italia il tifoso medio dovrebbe capire una regola fondamentale dello sport che fin qui non ha compreso. LO SPORT NON è DEMOCRATICO. Di conseguenza non si vince una volta per uno. Basti vedere quanti titoli hanno cannibalizzato atleti come Schumacher, Rossi, Bolt o Federer o Merckx. Vince il piu’ forte, e ci sono nella storia fior fior di Campioni eterni secondi o che hanno raccolto molto meno di quanto meritassero, perché hanno trovato sul loro cammino gente piu’ forte di loro. C’è solo una differenza fra gli altri sport e il calcio. Negli altri sport i plurivincitori si celebrano. Nel calcio (soprattutto riguardo alla Juve e l’Italia) i plurivincitori si accusano.

Higuain superstar!

Scritto da Cinzia Fresia

E Gigi Riva non potrà godere fino in fondo del riconoscimento ricevuto questa sera in occasione di Cagliari – Juventus. Direttamente dal Presidente del Coni, Giovanni Malagò, il mitico attaccante chiamato “Rombo di tuono” riceve il Collare d’oro, la massima onorificenza per meriti sportivi. L’anziano attaccante, con gli occhi lucidi, avrebbe voluto sicuramente  vedere il suo Cagliari superare la Juventus o fermata anche solo con un pareggio, ma niente da fare  quando in squadra c’è Gonzalo Higuain, protagonista indiscusso di una splendida serata.

La Juventus non benissimo nel primo tempo, un po’ di confusione con qualche errore di troppo,  talvolta la squadra fa fatica a partire non riuscendo  ad entrare subito in  partita,  d’altra parte il Cagliari non era neanche al  meglio delle sue forze.  Non si può dire che la Juventus abbia sofferto ma faticato un po’ sì, tant’è che il primo gol arriverà al 37mo.

La squadra di Allegri, sta cominciando a funzionare, il gioco sta migliorando e poi se è presente un attaccante come Gonzalo,  il gioco è fatto. Inizialmente ero  un po’ scettica su di lui, non mettevo in discussione la sua abilità, ma temevo che non riuscisse ad adattarsi in  una squadra dalle geometrie molto diverse del Napoli, invece no. Corre e non aspetta che qualcuno gli tiri il pallone,  spesso se lo va  a  prendere, non dipendendo  completamente dai compagni, comunque stasera è stato protagonista a tutto tondo del match.

Il Cagliari si è riavuto per un attimo cercando di recuperare il risultato, ma nulla ha potuto fermare la Juventus di stasera, e Buffon ha effettuato un paio di parate, di cui solo  una importante.

La Juventus non è ancora al top, ma è sulla buona strada,  a fasi alterne, durante le partite,  accusa  cadute di concentrazione ,  che potrebbero diventare pericolose in altri contesti con squadre diverse dal Cagliari. Critico solo un fatto che non è giusto che da una partita di questo genere,  con un avversario medio-facile ci siano stati 4 ammoniti di cui 2 per  futilità. Questi sono episodi che la Juventus non si può permettere, smettiamola di mandare a “stendere” gratuitamente l’arbitro, che ha  già il cartellino giallo in mano che non vede  l’ora di estrarlo per dimostrare che la Juve non viene favorita.

Se per Higuain è stata una fantastica serata, lo è stata un po’ meno per Dybala ad un passo dal terzo gol e non buona  per  Mandzukic.

La partia finisce così, con abbracci a tutti gli ex ritrovati, tra cui il simpatico e ancora molto affezionato alla Juventus, Simone Padoin.

La Juventus continua a vincere, ma le polemiche non si placano, ma non si smette di  parlare ancora di Inter, di arbitri, di  rigori non concessi, di cartellini non estratti  e di favoritismi alla Juventus.

 

 

 

Pagelle Cagliari – Juventus 0-2

Pagelle di Alessandro Magno

Buffon 7 Una sola parata e che parata. Contando che c’era un vento terribile, che la vede probabilmente tardi e che non faceva di queste parate da tempo, un intervento salva risultato. Un vero Superman.

Lichtsteiner 7 Mi è piaciuto. Una delle sue migliori partite quest’anno. Sempre in sovrapposizione a Cuadrado sempre pronto a spingere e a difendere. Subisce un numero incredibile di falli di cui molti non sanzionati.

Bonucci 6,5 Una serata piuttosto tranquilla. Dal suo lato circola Borriello che non pare granchè ispirato. Lo controlla in tranquillità.

Chiellini sv Pochi minuti e non pare granchè in serata. Prende una ammonizione alla lotteria dei cartellini di Calvarese ed esce per infortunio.

Alex Sandro 6,5 Una buona prestazione in entrambe le fasi è spesso messo in difficoltà da Mandzukic che non è nella migliore delle serate e non lo aiuta con i suoi movimenti.

Marchisio 6,5 Qualche errore in fase iniziale dove pare patire il rientro poi inizia a carburare e trovare le misure . Partita impreziosita dall’assist sul primo gol di Higuain.

Khedira 6,5 Anche lui iniza in difficoltà. Forse con Marchisio in questo ruolo devono ancora trovare l’intesa che ha con Pjanic. Dopo nel corso della partita cresce fino ad esser nel secondo tempo uno dei piu’ attivi.

Cuadrado 7 Altra grande prestazione con spunti da velocista davvero eccellenti. Ottimo quasi sempre nelle due fasi, splendido sull’azione del secondo gol.

Dybala 6,5 Non trova sempre la posizione e alterna minuti in cui è piu’ presente ad altri dove si eclissa per alcuni minuti. Molto bene l’intesa con Cuadrado e Higuain. Rafael gli nega la gioia del gol di testa in tuffo. Non so quanti gol gli capiterà di segnare di testa.

Mandzukic 6 Il peggiore della serata, per molti tratti insufficiente. Si mangia due gol di testa abbastanza semplici poi nel finale colpisce una traversa in bella torsione. Forse dovrebbe rifiatare.

Higuain 8 Un cecchino. Sul primo gol per quanto ne dica Pardo in cronaca pare proprio esser in linea per cui regolare. In ogni caso timbra due volte il cartellino anche questa sera e se lo si osserva è sempre li a chiedere maggior impegno ai compagni. Non è mai sazio. Bene.

Rugani 7 Entra e giganteggia. Si meritrebbe anche lui il titolo di migliore della serata se davanti non avessimo Higuain.

Pjanic 6,5 In tempo per farci godere un poco delle sue giocate.

Lemina sv Meriterebbe 4 per il colore dei capelli.

Juventus 7 Ho visto una Juve piu’ sicura e volenterosa di Crotone con meno apprensione e piu’ concentrata nell’approccio, anche se il risultato è stato il medesimo. Fin da subito si è giocato con un ritmo maggiore. Alla fine la Juve ha sfiorato piu’ volte il tre a zero mentre il Cagliari è stato veramente pericoloso solo su un tiro da fuori.

Allegri 7 Partita gestita bene l’unico appunto avrei tolto Mandzukic non in particolare serata per dare un altra chanse a Pjaca.

Arbitro Calvarese 5 Arbitra veramente con l’apprensione di non favorire la Juve. Sicuramente condizionato dal clima che si è creato intorno a noi. Non si capisce come sorvola su innumerevoli falli del Cagliari e riesce a dare piu’ gialli alla Juve che a loro. Alcuni gialli poi veramente lunari. Fortuna vede almeno il doppio giallo a Barella anche lui autore per lo meno di 4 falli da cartellino. Manca probabilmente un rigore a Dybala che ovviamente Mediaset non ha fatto rivedere.

7 A Cravero doppia voce in cronaca Mediaset che da ex Laziale e Granata e nonostante un livoroso Pardo vicino, riesce a dire solo cose intelligenti e condivisibili. Non è da tutti.

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia