Sesso Juve e Rock n Roll s03 e16

Ore 22 su Youtube conduce Ben Alemagno con Antonio Corsa Michele Fusco Toto Cafasso Arco Lubrano e Benny Nico.

Immagine anteprima YouTube

 

Juventus-Brescia 2-0 = missione compiuta

Scritto da Cinzia Fresia

Ritorno alla vittoria per la Juventus che batte il Brescia in 10 e col portiere di riserva.
Formazione alternativa di Maurizio Sarri, il quale considerata la modestia dell’avversario, ha preferito concedere una giornata di pausa a Ronaldo e ad altri titolari, inserendo Cuadrado dietro a Dybala e Higuain da tridente in attacco.

La vittoria era necessaria per calmare gli animi e mantenere il primo posto in classifica, ma nonostante una condizione ambientale più che favorevole e un avversario privo di molti titolari la Juventus ha fatto ugualmente fatica a raggiungere il risultato.
Una partita giocatori non bene, lentissima nel primo tempo, a tratti noiosa e soporifera illuminata da un gol su calcio di punizione segnato da Dybala.

Da grande giocatore si è caricato la squadra sulle spalle e ha suonato la carica: correndo avanti e indietro, spostandosi a centro campo ed in particolare sempre in aiuto all’amico Gonzalo Higuain ad andare in gol, il giocatore non sta vivendo un momento molto positivo, nel primo tempo male ha sbagliato molto, e successivamente un gol annullato in fuori gioco.
Paulo si è comportato da vero uomo squadra, difendendo i compagni meno brillanti e chiedendo al pubblico di non fischiare, l’attaccante dimostra di essere maturo per il ruolo di Capitano.
È evidente come la coppia Dybala-Ronaldo giochi con un altro ritmo e velocità, Paulo ha spaziato a tutto campo, adattandosi alle velocità e mancanze altrui, mentre con Ronaldo si può concentrare di più nel suo ruolo di attaccante.
Lo stesso Maurizio Sarri ha puntualizzato che gli stessi giocatori adattano il ruolo a seconda delle esigenze di match e squadra.

Una standing ovation e tanti applausi per Il rientro del grande Capitano Giorgio Chiellini, il quale non vedeva l’ora di entrare in campo, Maurizio Sarri conferma di esserselo trovato davanti vestito e deciso, abbracciato da compagni e avversari, Giorgio durante la riabilitazione non ha mai abbandonato la sua squadra, ma oggi la sua presenza in squadra è stata sentita, la personalità del mitico difensore da sicurezza diventando un punto di riferimento per gli altri.
La Juventus chiude la partita con un gol di Cuadrado su tocco di Matuidi e la Juventus ritrova il gol su azione mancante da diverse partite.

Con le unghie e con i denti la Juve si tiene salda al primo posto, approfittando dello scivolone dell’Inter incredibilmente battuta dalla Lazio.

Pagelle Juventus Brescia 2-0

Pagelle si alessandro magno

Szszesny 6,5 Al limite del senza voto ma forse una parata impegnativa nel finale la effettua. Quindi almeno la bravura di farsi trovare pronto.

Danilo 6,5 Il Brescia è poca cosa e non punge ma lui questa volta scende con costanza a fare cross.

Rugani 6 Balotelli non lo impegna mai ma lui in ogni caso lo anticipa sempre.

Bonucci 6 Una partita di normale amministrazione come per Rugani.

Alex Sandro 6,5 Buono in fase di spinta per tutta la partita anche se molte volte ritarda il cross. Tuttavia volenteroso.

Cuadrado 7  A volte a destra a volte a sinistra una bella partita tosta premiata con la gioia del gol  ed è un bel gol.

Bentancur 6 Solido è solido ma a volte manca davvero di quel minimo indispensabile di fantasia. Male l’ennesimo giallo.

Ramsey 6 Buonino. Meglio in mezzo che da trequartista. Si impegna tocca tanti palloni ma al netto di tutto resta poco incisivo.

Rabiot 6,5 Anche lui è poco incisivo e un poco troppo compassato tuttavia da l’impressione di rendersi utile.

Higuain 6 molto male per un ora poi improvvisamente si sveglia nel finale. Segna ma lo annullano per fuorigioco.

Dybala 7,5 Il Brescia è poca cosa però lui si prende le squadra sulle spalle sblocca il risultato e prova sempre ad illuminare la manovra

Pjanic Sv  Sfortunato

Matuidi 6 In tempo per dare un assist di tacco a Cuadrado

Chiellini Sv In tempo per prendersi una standing ovation

Juventus 6 Bene la vittoria e bene il secondo tempo male il primo tempo e il giro palla soporifero. Va be era importante vincere bene e si è vinto accontentiamoci di questo.

Sarri 6 Meglio delle ultime volte ma non benissimo. Si prende la responsabilità di non convocare Ronaldo. Sicuro era concordata con lui ma io lo avrei portato in panchina.

Arbitro 5,5 Ho avuto l’impressione che spesso andava a tentoni. Non mi ha dato la sensazione di un arbitro sicuro.

Domenica 16 febbraio 2020 Juventus-Brescia ore 15 Allianz Stadium Torino

Scritto da Cinzia Fresia

Riprende il campionato della Juventus, e dopo gli esami alla posta e varie nostalgie, il tecnico Sarri senza Ronaldo riceve il Brescia di Balotelli.
Con un pareggio arraffato in Extremis a Milano, la Juventus vorrebbe chiudere il ciclo negativo che le sta costando il primato in classifica.

Un grande ritorno:
Giorgio Chiellini, atteso da tutti compreso l’allenatore.
Il mitico Giorgio, ha il compito di ricompattare la squadra attualmente disgregata e rea di brutte figure.
Ronaldo non ci sarà, non ci sono riscontri fisici che impediscono la partecipazione dell’asso portoghese, e per la”semplicità” della partita, è possibile che Maurizio Sarri lo voglia tenere a riposo. In un momento di così insicurezza bisognerebbe osservare qualche minuto
di scaramanzia.

Juve con il Milan penalizzata ma deve darsi una sveglia.

 

Articolo di Alessandro Magno

 

Partiamo da principio e cerchiamo di essere sintetici. Il Milan ha giocato meglio ma non è stato trascendentale 2 o 3 tiri in porta rispetto all’unico di Cuadrado della Juventus. Sicuramente ha avuto una predominanza nelle azioni offensive al cospetto della Juve che è stata abbastanza sterile come sempre nell’ultimo mese. Il Milan ha fatto un partitone e meritava di vincere? No. Per niente. Capisco che sono a terra e un po’ di verve fa credere di esser diventati improvvisamente forti ma non è stata una partita dominata dal Milan è stata una partita bruttina con poche occasioni, dove il Milan ne ha avuta qualcuna in più della Juventus. Tutto qua. L’altra domanda è se l’arbitro ha aiutato la Juventus. No l’arbitro ha aiutato e in modo anche netto il Milan e Pioli è stato molto sfacciato a lamentarsi. Non c’è un solo episodio a favore della Juventus. Nemmeno uno. I gialli sono tutti corretti non c’è n’è nessuno non meritato. Manca un rosso diretto a Kessiè sullo 0-0 all’inizio del secondo tempo. Ci sono tre rigori per la Juve di cui il primo su Ramsey a velocità normale non sembra esserci, il secondo su Cuadrado è netto, il terzo, che poi ha dato su Ronaldo a termini di regolamento attuale è ancora più netto. Al Var sono tutti e tre rigori perchè pure sul primo c’è sia un contatto di gambe che una spinta sulla schiena. I soliti noti ovviamente han travisato il tutto e il rosso a Kessiè è stato omesso e prontamente imboscato da tutti (fra l’altro è da prova tv), il rigore su Ronaldo diventa generoso (non si capisce perchè DeLigt e Bonucci invece ogni qual’volta toccano di mano è rigore netto compreso nell’ultima con il Verona), i gialli diventano tutti severi. Balle. La verità è che questi soliti noti che non vi sto neanche più a nominare avvelenano il calcio e vorrebbero regole del tipo per la Juventus non è mai rigore, contro la Juventus è sempre rigore. Nemmeno il var va bene. Peccato tutta la massa degli italioti gli stia appresso, ma purtroppo sappiamo come l’antijuventinità sia una malattia incurabile. Spiace dover fare di questi articoli per sottolineare l’ovvio ma davvero far passare la Juventus che ha rubato dove è stata penalizzata in ogni episodio anche no. A parti invertite un difensore nostro che faceva un intervento come Calabria e l’arbitro che non dava rigore e sarebbero scoppiate le guerre puniche. Vi conosciamo bene ormai.

Ma veniamo a noi. La Juventus ha giocato ancora una volta una partita senza il giusto mordente. Sia sullo 0-0 che in superiorità numerica non ha dimostrato la necessaria cattiveria per poter vincere la partita. A questo punto mi vengono dei dubbi che sia un problema di preparazione, anche perchè non capirei la squadra che rema contro il mister. Non credo a certe voci perchè non avrebbero alcun senso. Per i giocatori fare fuori il mister significherebbe finire poi loro sul banco degli imputati. Oggi c’è la scusa del cambiamento di metodo e di mentalità. Fa comodo a tutti come parafulmine eccetto a Sarri che per il ruolo che copre è sempre sul banco degli imputati. Se il problema sono i carichi pesanti e io posso solo ipotizzarlo, presto la squadra dovrebbe ricominciare a correre. Questo se è stato fatto bene, chiaramente prima di Juve Inter e Lione Juve. Altresì l’altro problema grave è quello di non tirare praticamente mai eccetto con Cristiano Ronaldo. Su questo penso che la squadra sia intimorita da certe brutte figure e oggi giochi con il freno a mano tirato per la paura di sbagliare. Mettiamoci che poi il mister predilige l’arrivare in porta con la palla e il patatrac è fatto. Certo che è incredibile vedere tirare in porta senza problemi Calabria e non tirare mai un Pjanic o un Bentancur. Come dicevo l’unico che tira a prescindere è Ronaldo che guarda caso è anche l’unico che si vede chiaramente che segue i suoi schemi e non quelli dettatigli dal mister. Credo che i giocatori oggi debbano dimostrare lo stesso carattere di Ronaldo almeno se un poco ce l’hanno. Non è un autogestione o un ammutinamento ma certo i giocatori che giocano nella Juventus non credo debbano imparare ancora a giocare a pallone. Di conseguenza va bene tutta l’idea di squadra corale del mister ma un minimo di saper fare in proprio da parte di ognuno di loro dovrebbe esser almeno congenito. D’altronde le parole di Capitan Bonucci sono chiare: bisogna che tutti diano di più perchè così non basta.

Perplessità

scritto da Cinzia Fresia

Non riesco a capire che ha questa squadra: tre tiri in porta contro un gruppo che si è messo nei guai da solo, sembra uno scherzo.
Sappiamo che dai e che ti ridai .. prima o poi il gol arriva, e il Milan di tiri ne ha fatti tanti, e non si può colpevolizzare Buffon se su una miriade di parate se n’è persa una.

Non voglio nemmeno sindacare sul fatto che il gruppo abbia disimparato a fare gol su azione, che mi stupisce con il parco attaccanti che abbiamo, ma rischiare di perdere contro una squadra che fino a poco tempo era nel gruppo di bassa classifica ha dell’incomprensibile.
La Juventus si è improvvisamente ammalata e non si riesce a trovare una cura, i ragazzi si impegnano e non si può dire il contrario: tecnicamente giocano anche bene, a parte alcuni “svarioni”, ma arrivano fino ad un certo punto e si fermano.

Meno male che esistono i rigori, il Milan ha fatto la “cavolata” dell’ultimo minuto, ci ha fatto un regalo, ma d’altronde le regole sono regole e quella del fallo di mano non transige, dopo la verifica al Var l’arbitro concede la salvezza e al solito sarà Cristiano Ronaldo sul dischetto.

Con sei minuti di recupero pretendere di vincerla era un’utopia e affidarsi alla speranza del colpo di fortuna finale non sempre funziona.

Il Milan?
Poteva vincere .. ma si è auto annientato, praticando una sequenza di falli che ha reso indisponibili metà dei titolari, e non solo è pure rimasto in dieci .. e ciliegina sulla torta, ammonito anche l’allenatore.
Se a Torino la Juventus non se ne approfitta, vorrà dire che la crisi e’ conclamata e senza via d’uscita con tanto di responsabilità dell’allenatore.

Comunque dispiace, vedere due giocatori come Paulo Dybala, peraltro vergognosamente picchiato, darsi così da fare e Cristiano Ronaldo mal servito e a tratti arretrato.
Ma come diceva l’avvocato Agnelli, “ è proprio nei momenti difficili che bisogna credere di più nel futuro” ..

Pagelle Milan Juventus 1-1 Coppa Italia

Pagelle di Alessandro Magno

Buffon 7 Di gran lunga il migliore in campo. Ho qualche dubbio che sul gol preso possa uscire ma forse ha timore che possa esser anticipato da Ibrahimovic. Sul resto tiene la Juve in partita ed è sicuramente il migliore dei nostri.

De Sciglio 5,5 Gioca una buonissima partita senza particolari problemi anzi più volte mette delle pezze ai casini di Cuadrado, purtroppo si perde Rebic veramente in un modo infantile in occasione del gol e quello è un errore pesante.

Bonucci 6 Qualche lancio sbagliato di troppo ma anche spesso il carisma del capitano che fa si che la barca resti in rotta. Anche lui non è in un periodo di massimo splendore ma l’esperienza non è acqua.

De Ligt 6 Faccio una media perchè oggi ha fatto delle chiusure incredibili di rara potenza e tempismo ma anche perso alcuni palloni banali per amnesie che non mi spiego. E’ in parte perdonato perchè è lui che deve contrastare di testa Ibrahimovic che soprattutto nel gioco aereo è un bruttissimo cliente.

Alex Sandro 6 Sul gol preso potrebbe fare meglio evitando di far crossare così liberamente però per tutta la partita si è visto finalmente un Alex Sandro in percussione.

Cuadrado 5 E’ un peccato dargli un voto basso perchè quel poco di azioni offensive vengono dalla sua intraprendenza tuttavia in fase difensiva fa casini inenarrabili non ultimo la spallata al 96mo a Laxalt sulla bandierina del tutto inutile e pericolosa. In confusione.

Ramsey 5,5 Devo dire che almeno questa volta da mezzala sembra più a suo agio che come trequartista tuttavia questo giocatore 1 non sembra integrato nella squadra e 2 non riesce ad essere incisivo.

Pjnaic 6 Più di stima e di affetto che altro. Con il Verona la sua peggiore prestazione da quando è alla Juve oggi un sussulto di orgoglio ( ma giusto un sussulto). Per lo meno nel primo tempo quando con Dybala agisce di prima e usciamo sempre molto bene palla al piede. Un calo vertiginoso nel secondo tempo quasi a scomparire.

Matuidi 4,5 Se Cuadrado è una mezza catastrofe Blaise oggi è una catastrofe intera. Sicuramente il campo dove si è giocato ieri non aiuta ma veramente oggi si è toccato un poco il fondo con praticamente quasi tutti i palloni persi.

Dybala 7 Probabilmente con Buffon il migliore in campo. Si prende la palla, salta gli avversari si propone. Peccato non arrivi al tiro quasi mai.

Ronaldo 7 Sornione ma decisivo come al solito. Continua a segnare, procura il rigore e lo realizza. Ha giocato meglio in altre partite. Certo vedi lui che è il più vecchio e vedi i suoi compagni di squadra e non si comprende perchè gli altri (quasi tutti) al cospetto sembrano dei zombie.

 

Bentancur 6 Mi pare entri con il piglio giusto. D’altronde in una partita fisica come questa lui casca a fagiolo.

Higuain 5 Entra molto male. Ha molti palloni ma non mi pare ci combini granchè.

Rabiot 6 Meglio di Matuidi ma bastava davvero poco.

 

Juventus 5 Ancora convalescente manca quella prova di orgoglio che tutti ci si aspettava anche se va detto non è stato sul piano del gioco lo scempio visto a Napoli o nel finale a Verona. Anche sul 1-0 e in superiorità numerica non si è vista questa grande reazione. La squadra ha anche giochicchiato ma non tira mai. NON TIRA MAI.

Sarri 5 Cerca di fare come può fra infortunati e normale turnover di Coppa Italia. Per fortuna Buffon risponde presente alla grande. Bene il risultato che può far si di sperare in un approdo in finale e tiene un poco chete le acque però bisogna necessariamente lavorare a fare meglio.

Arbitro 0 Un sacco di errori come un rigore negato a Cuadrado nettissimo e falli invertiti come un fallo di Ibra su Dybala che diventa punizione dal limite per loro. Finanche il rigore clamoroso di Calabria non lo vede e ci grazia il Var. Va bene tutto anche un arbitro in serata no. Ciò che non va bene nella maniera più assoluta è il mancato rosso diretto a Kessiè perchè quella è una porcata volontaria e dè un fallo da 3 o 4 giornate. Persino i commentatori sono imbarazzati a dire fra l’altro in maniera molto disonesta ” forse ha considerato che non ci sono gli estremi”. Ripeto una porcata senza vergogna. Sono contento perchè abbiamo pareggiato e posso dire liberamente che questo arbitro è stato un disastro totale.

Giovedì 13 febbraio 2020 Milan-Juventus (Coppa Italia) ore 20,45 Stadio Meazza – San Siro Milano

Scritto da Cinzia Fresia

Partita di Terrore per Maurizio Sarri domani sera in occasione dello scontro con il Milan, valevole per la coppa Italia. L’osservato speciale Sarri, cerca di mantenere un certo distacco, ribadendo che la crisi non esiste, che in Juve si lavora bene e che fuori dal lavoro, si incontra spesso a cena con il Presidente, per parlare della globalità della squadra e non di singolarità.

Maurizio Sarri minimizza e non si sente assolutamente preso di mira, anche se, a causa di una battuta sulle poste italiane, è stato invitato a verificare di persona come si lavora all’interno.

Il tecnico della Juventus è eccessivamente preso di mira, la disfatta a Verona ha messo in allarme i tifosi, i quali sono preoccupanti e temono l’ennesima sconfitta.

Ore 15 Ben Ale Magno a Top Planet

Ogni mercoledì alle 15 sono ospite a Top Planet da un poco di tempo è con me anche Cinzia che però oggi non ci sarà. Nel nord Italia si prende sul dtv per chi vuol seguirlo in straming dalle 15 alle 16

 

Sesso Juve e Rock n Roll s03 e16

con benny nico michele fusco antonio corsa e toto cafasso conduce ben

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia