Conte – Un Mister quasi perfetto.

Confesso di averci pensato molto a questo articolo su Inter – Juventus. Non è facile rimanere con i piedi per terra e usare un basso profilo quando tutti intorno ci esaltano. Devo dire che sono contentissimo della vittoria come sono contento della prestazione della squadra in generale. Del Mister poi sono stato sempre innamorato, e da calciatore, e da allenatore, tanto da averne caldeggiato l’arrivo spesso e volentieri. A San Siro abbiamo vinto 2-1 ma se avessimo concretizzato di più il punteggio sarebbe potuto esser più netto . Senza contare la cecità dell’arbitro e del guardalinee sull’occasione del rigore negato a Marchisio. Bellissima la giustificazione dell’arbitro –  hai tirato – ha detto. Complimenti davvero a Rizzoli. Marchisio la prossima volta buttati, perché intestardirti a tirare scusa ? rigore non è quando c’è, ma quando uno si butta evidentemente. Normale amministrazione in questo calcio Italiano malato, dove fa scandalo che l’Inter abbia avuto contro 5 rigori in 8 partite ma non fa scandalo che la Juve capolista nello stesso numero di partite non ne abbia avuto nemmeno uno a favore.

Sulla disamina della partita devo dire che ho seguito tutto il dopo partita sulle varie televisioni, , cosa che raramente faccio e sentito e risentito interviste un po’ di tutti,  compreso del nostro Mister. La situazione per fortuna è molto chiara. Come pregi questa Juve corre più di tutti, gioca sempre ad alti ritmi, fa un pressing molto alto, un possesso di palla quasi sempre superiore all’avversario e ha trovato una quadratura nel modulo con Vidal e Marchisio a sostegno di Pirlo che risultano a volte più indispensabili dello stesso Andrea. Di contro ,  sprechiamo troppe palle-gol , si deve risolvere il problema di alcune amnesie difensive che spesso ci portano a subire gol e  concediamo ancora troppo agli avversari in fase di non possesso palla nelle occasioni in cui non riusciamo a impadronirci presto della stessa. Questi concetti sono tutti molto chiari agli addetti ai lavori e in primis a Conte e questo è incoraggiante, perché vuol dire che si sa dove intervenire per migliorare ulteriormente e diventare una squadra finalmente matura e cosciente delle proprie capacità.

C’è un solo aspetto però di cui non sono convinto ne tantomeno soddisfatto , un aspetto che nessuno ha fatto notare e sul quale voglio discutere con voi sempre nell’ambito di una critica costruttiva volta a migliorare la squadra laddove è possibile migliorarla. Vengo al dunque: Le sostituzioni.

La prima cosa che non mi convince è che le sostituzioni di Conte mi sembrano in generale abbastanza tardive , non capisco ad esempio perché non si possa cambiare un giocatore dopo quarantacinque minuti laddove non giochi bene. Gli da sempre almeno un altro quarto d’ora di tempo aggiuntivo.  Lo ha fatto spesso con Krasic e secondo me anche con Vucinic . Ora , non ci piove , quando uno non è in giornata va tolto. Difficile e raro che dopo un primo tempo anonimo uno rientri come un leone. Sarebbe sicuramente  più opportuno toglierlo subito invece di regalare un quarto d’ora di superiorità numerica agli avversari. Vucinic ad esempio da quando gioca esterno gioca molto bene e ha fatto dei primi tempi stupendi contro Fiorentina e Inter , peccato che nelle seconde frazioni va via via spegnendosi. A mio parere  in entrambe le partite Conte lo ha fatto giocare troppo ( in entrambe è uscito a pochi minuti dal termine). Oltretutto penso sia evidente come Vucinic sia l’unico che corre a cento in una squadra dove tutti corrono a mille , quindi se cala pure di ritmo diventa proprio inguardabile. Veniamo a Pepe . Contro la Fiorentina verso un quarto d’ora dalla fine ha chiesto il cambio e tutto lo stadio si è messo ad urlare a gran voce di toglierlo. Non so se Conte non ha sentito (forse era preso dalla trance agonistica) , fatto sta che dopo cinque minuti a Simone gli son venuti i crampi, ed è dovuto uscire. Contro l’Inter a un certo punto Pepe ha chiesto di nuovo il cambio e Conte invece gli ha fatto finire la partita. Ora se Pepe continua cosi o non è a posto lui che chiede sempre il cambio quando non deve, o è più probabile che Conte lo stia spremendo oltre il dovuto e allora, l’altra volta gli sono venuti  i crampi un’altra volta può succedere che si va a stirare o a rompere . Questo un Mister lo dovrebbe tenere in seria  considerazione e farci più attenzione. Oltretutto, senza pensare al peggio, Pepe deve necessariamente rifiatare un poco se no fra tre partite è morto e gli viene quello che in gergo si dice affaticamento muscolare.

Ultima considerazione sulle sostituzioni di Conte è quella di cambiare il modulo della squadra quando si vince , è già successo nelle ultime tre partite e con il Genoa ci è andata male. Normalmente lui cambia il modulo togliendo una punta e inserendo un centrocampista o un difensore ( nelle ultime tre son entrati De Ceglie, Pazienza, Estigarribia). Questa sostituzione con cambio di modulo annesso in genere provoca un nostro arretramento sul fronte del gioco cosi che una squadra come la nostra, che fino a quel momento gioca la palla e impone il suo gioco, inizia a giocare di rimessa . Ora io non so se questa è una cosa più o meno voluta, casuale , o una mossa tattica . Magari Conte in quei frangenti vuole proprio questo e cioè che allunghiamo la squadra avversaria per poterla colpire di rimessa , con l’Inter ad esempio, anche con una punta sola le occasioni da gol per chiudere l’incontro non son mancate (Del Piero, Estigarribia), tuttavia non capisco del perché regalare palla e campo ai nostri avversari quando con il 4-4-2 continuiamo a tenerli lontani dalla nostra area.

Questo delle sostituzioni secondo me è un aspetto sul quale davvero Conte deve migliorare e lavorare, lui stesso ha detto a fine partita che dobbiamo imparare a chiudere le partite prima , se no ci saltano a tutti le coronarie. Devo dire che gli ultimi venti minuti con l’Inter sono stato davvero in ansia, perché quando hai di fronte squadre con dentro dei campioni , il golonzo ci può sempre scappare , magari su un angolo o su una mischia o su una punizione . E chiudere magari sul 2-2 una partita che potevamo vincere tranquillamente 3 o  4 -1 mi sarebbe spiaciuto davvero tanto .

 

Alessandro Magno

  1. si, bisognerebbe essere più concreti. Esempio sulla palla di Marchisio invece di provare il pallonetto poteva darla a Matri subito e a porta vuota poteva segnare. Più cattivi sotto porta e le partite si potrebbero chiuderle nel primo tempo!

  2. D’accordissimo con te sulla seconda parte, quella sui cambi, anch’io trovo che li effettui in ritardo quando un giocatore non è in partita o cala improvvisamente.
    Per quanto riguarda lui ..purtroppo come uomo non non mi piace, alcune sue affermazioni le ho trovate sinceramente fuori luogo, lo preferivo da calciatore, comunque rispetto il suo lavoro che fino ad ora sta più o meno funzionando.
    L’unica cosa è che la squadra soffre ancora molto quando trova un avversario in forma e più determinato, patisce la solita rimonta e rischia
    di perdere il match.
    Manca un difensore forte, un centrocampista e un fantasista, insomma un erede di Del Piero, che sia alla sua altezza, tre elementi in più farebbero la differenza, incrociando le dita che Pirlo non si faccia male.

  3. Alessandro Magno

    le scielte di conte fino a d oggi han dato quasi sempre ragione a lui siamo primi e anche unici ad esser imbattuti e abbiamo gia’ affrontato le due milanesi e vinto con entrambe. Non so qianto ci sia di fortunato in questo se poco o tanto certo che in pochi mesi pare aver cambiato la testa a molti giocatori che non me sembra poco. Certo come detto per le sostituzioni si deve migliorare. Se poi e’ un tecnico anche fortunato ben venga.

  4. Secondo me per giudicarlo nelle sostituzioni è necessario avere al rosa al meglio come desidera lui

  5. Alessandro Magno

    guarda eclipse ho voluto cercare evidentemente il pelo nell’ uovo per non esser troppo entusiasti eh eh . pero’ devo dire che a parte giaccherini ha avuto sempre tutti a disposizione . che se è fortuna non è chem i da fastidio 😀

  6. Che Conte sia un allenatore non troppo simpatico, anche a più di qualche juventino e non solo, è una cosa che si riscontra sui blog, forum ed altro, anche perchè costoro hanno osteggiato il suo arrivo alla Juve riprendendo il suo scarso curriculum vincente, la sua scarsa esperienza nell’allenare squadre blasonate ecc.
    Io penso invece che finalmente abbiamo un signor allenatore e si chiama Conte, uno che ci mette la faccia, uno che lavora sodo, che non tralascia niente al caso e che trasuda JUVENTINITÁ dalla cima dei capelli all’ultima unghia dei piedi ed è quello che ci mancava per instaurare finalmente un concetto di sana cattiveria agonistica che dal 2006 in poi ha abbandonato la nostra amata squadra e società.
    Conte è giovane e sicuramente deve migliorare ancora su molti aspetti sia professionali che caratteriali (sull’impulsività iniziale ha già molto migliorato, come dice Perinetti), però non credo molto alla fortuna di Conte ma credo molto nel suo lavoro.
    Per quanto riguarda i cambi ricordiamoci che anche i più celebrati allenatori qualche volta sbagliano i cambi e che il 90% degli stessi sia nazionale che internazionale, negli ultimi 20 minuti della partita quando si è in vantaggio tende a coprirsi inserendo un centrocampista per una punta e Conte fa lo stesso, almeno così io la penso, finchè non avrà dei ricambi che gli garantiscano sia la fase di copertura che quella di attacco.
    Penso tra l’altro che dopo la prova di San Siro dove ha inserito alla fine Del Piero che ha dimostrato non solo di saper tenere la palla ma anche di saper contrattaccare, sicuramente Conte si sentirà più sicuro avendo capito che non vi è più l’ansia, come capitava negli anni precedenti di disfarsi della palla, di regalarla agli avversari e di prendere gol negli ultimi 15 minuti.
    Benvenuto Conte e lunga vita a lui ed alla Juve, alla faccia di tutti quelli che credono che per allenare la Juve bisogna essere solo Capello o Lippi (allenatori che ho sempre ammirato); però ricordate che qualche volta nascono anche allenatori dalla gavetta (Trapattoni e Lippi quando sono arrivati alla Juve non erano nessuno, Guardiola, Villas Boas ed altri) ed io penso che Conte sia sulla strada buona per rincorrere i suoi illustri predecessori.
    Sursum Corda

  7. Alessandro Magno

    ciao delpiter ti ringrazio per essermi venuto a trovare qui a casa mia 😉 . davvero grazie molte .
    se passi a visitare anche il mio blog e a commentare di tanto in tanto mi fa molto piacere , i miei scritti escono sempre o quasi in duplice copia ma qui ci son altri ragazzi che scrivono oltre a me.

    allora , l’antipatia verso conte da parte di alcuni (pochi) juventini e’ dovuta sopratutto alle dichiarazioni di conte, quando da allenatore dell’arezzo retrocesse all’ultima giornata ,anche per colpa della juve che perse in casa l’ultima con lo spezia. Dichiarazioni si dure , ma che con un po di intelligenza si potevano anche comprendere dato la focosita’ del personaggio e l’arrabbiatura del momento. Ma in italia sai come siamo tutti bravi a fare la morale agli altri no? Qualcuno gli rimprovera anche di aver detto in qualche intervista (quando non era alla juve) che il gioco di zeman gli piaceva e che zeman fosse un maestro nel gioco d’attacco. Anche in questo caso direi che son tutti pretesti di persone poco intelligenti. Magari questi , adesso son gia’ tutti “contiani”. Altri tifosi, anche alcuni importanti amici miei, invece erano scettici sul fatto di dare la panchina a un allenatore molto giovane, in una societa’ altrettanto giovane e inesperta e con tanti problemi come la juve post del neri , e questo direi che ci poteva stare.
    Per quanto mi riguarda ci sono gli articoli di questo sito a testimoniarlo che volevo Conte da subito, prima di Spalletti, Mazzarri e altri e gia’ lo scrivevo qui, quando si parlava di una possibile riconferma di del neri. Ti confesso che faccio parte del club di facebook che vuole conte alenatore della juve da quando dovevamo prendere ferrara per cui…..
    La mia, come ho sottolineato nel “pezzo” e’ una critica volta a migliorare un aspetto che e’ migliorabile, perche’ come dice lo stesso conte , si puo sempre migliorare anche quando si vince. Diciamo che in un momento in cui tutti sono entusiasiti io sono un po andato controcorrente ma credo che sia bello cercare di scrivere cose il piu’ possibile originali no?
    Allora se mi segui magari un giorno mi vedrai elogiare la juve quando le cose non andranno bene.
    Io cerco di scrivere cosi……con la mia testa. Senza cercare di farsi condizionare troppo dal risultato. Il tutti bravi quando si vince e il tutti scarsi quando si perde cerco di evitarlo il piu’ possibile.
    Questo non vuol dire che se e’ tutto perfetto non lo dico o se le cose van davvero male non faccio altrettanto.
    Nonostante la juve vada molto bene, ad esempio, continuo ad esser molto scettico sulle reali doti di bravura del nostro duo marotta-paratici ad esempio eh eh. Ma questa e’ un altra storia 😉

  8. Ciao Alessandro, probabilmente mi sono espresso male nella mia disamina sul a chi Conte non è gradito, perchè non pensavo assolutamente a te ma a quello che leggo ed ho letto nei forum, blog ecc perchè purtroppo come ho avuto occasione di scrivere in Italia siamo tifosi (ammalati di tifo e quindi da curare) e non supporters che sono quelli che sostengono sempre e comunque la propria squadra e, mentre i primi non vedono l’ora di saltare sul carro dei vincitori quando le cose vanno bene ma sono i primi anche ad invelenire il clima magari al secondo pareggio consecutivo e comunque nei momenti di difficoltà, i secondi sono i veri sostenitori coloro che gioiscono e soffrono e soprattutto esprimono serie ed oggettive considerazioni sulla propria squadra.
    Le considerazioni e le opinioni che dai, hanno sicuramente una loro valenza perchè sono suffragate da dati oggettivi e quindi non mi dispiace assolutamente se qualcuno va controcorrente cercando di tirar fuori tra gli anfratti delle situazioni, le cose che si possono migliorare; è questo il bello dello scambio di opinioni, averne un ampio ventaglio per valutare obiettivamente tutto ciò che ci circonda, in primis la nostra grande Goeba.
    Spero di essermi spiegato, ciao
    Sursum Corda.

  9. Mi dimenticavo di dirti che sull’efficacia del duo Marotta-Paratici siamo sulla stessa lunghezza d’onda

  10. Alessandro Magno

    ti sei spiegato benissimo del piter ma avevo già capito prima la mia era solo una precisazione visto che magari non ci conosciamo ancora troppo bene

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web