Una bella partita finita con la violenza

Allegri e benitezScritto da Cinzia Fresia

Si poteva parlare di calcio, di gol, di cross, di azioni e di tante altre cose, poteva essere una festa collettiva quella della Juventus, non solo per gli obiettivi raggiunti, non solo per li scudetti e le coppe vinte, ma per il calcio giocato, per il suo potere di tenere insieme la gente. Invece no.

La partita è stata bellissima, vissuta in un clima di festa,  la Juventus è entrata in campo senza ansie ha giocato bene e ha vinto. Facile, qualcuno potrebbe pensare con il campionato e la coppa Italia in tasca, ma non è mai semplice quando ti trovi una squadra cattiva che vuole ottenere un piazzamento favorevole a tutti i costi e non importa come,  per ambire al più prestigioso dei tornei, la Champions.

Il caso ha voluto che queste due squadre spesso ai ferri corti, si abbandonassero ad un buon ritmo di gioco, senza scorrettezze esagerate, in più il tutto molto più rilassato dall’assenza della terribile tifoseria del Napoli che ci avrebbe sicuramente devastato la porzione di stadio destinata ai tifosi ospiti. Stava andando tutto bene quando è accaduto un fatto decisamente increscioso. Sappiamo quanto alcuni sudamericani siano caratterialmente difficili da gestire, per fortuna non sono tutti uguali, ma il calcio giocato in Sudamerica di frequente finisce  male, e ci sarà un perchè. Il sig. Britos decide di colpire con una testata il nostro Morata, che non ho ancora capito cosa gli avesse fatto per provocare una reazione così feroce.

Dare una testata in faccia ad un essere umano come minimo gli rompi il naso, da un contrasto di gioco lo si accetta, ma da un’intenzione no. Il folle uruguaiano è stato punito, espulsione e rigore per noi, ma  la botta resta.

Se fossi un legislatore, introdurrei il reato penale all’interno del calcio, morsi, pugni, testate, non possono essere valutati come “episodi di gioco” o semplicemente “falli”, se fosse introdotto questo provvedimento,  a qualcuno passerebbe la voglia ed userebbe un po’ di più il cervello. Chi  decide di giocare a calcio è consapevole di ricevere  ad ogni incontro calci, strattoni, graffi, colpi in testa che  sono le conseguenze immediatamente accettate di un lavoro ultra ben retribuito. Infatti nessuno si lamenta, purtroppo  è altresì facile cammuffare in falli di gioco,  episodi di bullismo e violenza tout court.

Tutto questo in un  paese europeo dovrebbe finire, dando una svolta e rivalutando un certo tipo di fallo che non ha nulla a che fare con questo sport.

Detto questo, la partita ha premiato la Juve, le riserve si sono espresse ai massimi livelli facendo capire che la Juventus è una squadra matura, che questo gruppo è solido e affiatato e che non mi stupirei  che potesse vincere  anche  la Champions.

L’episodio di violenza   non ha solo guastato una bella festa, ma ha sporcato un momento molto importante per noi tifosi della Juventus,  il ricordo delle vittime dell’Heysel, il pubblico della Juventus oltre ad uno striscione  commovente ha ricordato tutti i nomi delle 39 care persone, oggi angeli, periti in quella tragica finale della coppa dei campioni, noi Juventini non potremmo mai prescindere da questa tragedia che dovrebbe un lutto del calcio e non solo una “cosa” che è successa alla Juve. Ricordare le vittime dell’Heysel non è solo  una commemorazione ma un vero e proprio ricongiungimento a quelle persone che anche se sconosciute sono nel cuore di tutti gli  Juventini.

 

 

 

  1. Alessandro Magno

    che dire di britos? l’uomo giusto nel posto giusto. un esempio di tipicità di questa squadra

  2. Un gesto che non si può giustificare. Non so cosa può aver detto Morata , che comunque non é uno stinco di santo , per far perdere la testa a Britos , ma in ogni modo é stato un gesto brutto..A parziale giustificazione la frustrazione di tanta impotenza verso una squadra che ha dominato il campo , seppur rimaneggiata e senza più nulla da chiedere al campionato , al contrario del Napoliche si giocava la possibilità della qualificazione alla Champions . Tutti gli ole’ del pubblico nei giro palla della Juve hanno fatto il resto.

  3. Forse se molti addetti ai lavori (vero de laurentis, garcia, benitez e tanti altri?) la smettessero di esagerare con quello che dicono e fanno, certe cose non accaderebbero…

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: noticias juegos
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web