Il buono, il brutto , il cattivo.

Articolo di Alessandro Magno

La stagione è iniziata con lo Juventus Stadium tutto esaurito. Segno che una buona parte dei tifosi a differenza dei lamentosi da tastiera, va a vedere la partita ed è contenta di stare vicino alla squadra. Onore a loro.

La partita è stata piacevole. Il Cagliari se l’è giocata attuando un pressing asfissiante , consapevole della nostra non perfetta preparazione, e volto a soffocare le nostre iniziative sul nascere e costringerci al lancio lungo. La Juventus ha un poco sofferto, almeno per 30 minuti, questo andare a mille dei nostri avversari, fra l’altro incoraggiato da un arbitro scarso che si è scordato i cartellini nello spogliatoio. Incredibile come Barella che fa almeno sei falli da giallo termini la partita illibato. Ma i falli soprattutto su Dybala si sono sprecati. Un fallo su Chiellini a gamba tesa in scivolata, nella nostra metà campo ad andare netto sull’uomo, anche quello bellamente ignorato. Va detto che la Juventus non ha mai provato a rinunciare a giocare e fra qualche difficoltà è andata in gol con Mandzukic e aveva già sfiorato il gol su punizione di Pjanic. Molto bello il gol di Iron- Mandzu, una semirovesciata su cross di Lichtsteiner.

Il Cagliari è stato in partita fino al rigore clamorosamente toppato dalla Var e giustamente annullato da Super Buffon. Il rigore se a velocità normale poteva esser piu’ o meno fattibile, con l’ausilio della Tv si vede chiaramente che non esiste. 1 – Il tocco è lieve e non tale da giustificare il tuffo triplo carpiato del cagliaritano. 2 – La palla non è in possesso di nessuno dei due giocatori che cercano entrambi il pallone e non c’è alcuna intenzionalità di Alex Sandro di fare fallo. 3 – Nel replay si vede chiaramente che il giocatore del Cagliari cerca prima un controllo con il sinistro, dopo che la palla gli è sfilata dal destro, e quando questo controllo non gli riesce si lascia cadere. 4 – Avrei scommesso qualsiasi somma che il primo rigore della Var lo avrebbero assegnato contro di noi. 5 – Godo ancora come un riccio adesso a pensare che San Gigi lo ha parato. Per concludere questa moviola fatta in casa il fallo di mano sul gol di Dybala è solo nelle menti contorte degli antijuventini . Il gesto è dinamico se non alza quel braccio a formare un incavo con il petto la palla sfila. Va da se che lo stop è fatto con la parte esterna del petto e non c’è alcun tocco di braccio, ma è troppo complicato da capire per chi non sa come si stoppa un pallone di petto e ha la menta accecata e offuscata dalla bile da sconfitta.

E veniamo ai giocatori. Una menzione per Douglas Costa oggi piu’ pronto di Cuadrado e sempre imprendibile per i nostri avversari. Alex Sandro che è sempre un bel treno da vedere. Matuidi che pare giocasse con noi da una vita per il numero di palloni toccati e la semplicità di posizionamento e di tocco segno che a volte se c’è il talento, e non mi riferisco alla classe ma al talento di saper stare in campo, il gioco del calcio è davvero un gioco semplice.

E ora i nostri cowboys. ”Iron” Mandzukic (il cattivo), ha aperto le danze da centravanti vero. Un giocatore che sorride poco e parla anche meno. Un uomo che si porta dentro i gradi di Capitano e non ha bisogno di farseli dare per contratto, così come non ha bisogno di gesti plateali in favore di telecamere. Segna un gol anche di pregevole fattura e poi si schianta contro i cartelloni pubblicitari per recuperare una palla ed evitare un fallo laterale. Questo è Mandzo l’uomo d’acciaio. Un esempio per tutti i suoi compagni. Da imitare, da emulare, da clonare. Chiude la partita ”Il Pipita” Higuain (il brutto). Tutta una partita ad arrabbiarsi con se stesso perchè le cose non gli riescono. Brutto di rabbia. Il suo fisico ha bisogno piu’ di quello degli altri per rodarsi. E poi una sola palla. Un tiro un gol. Come l’altro Franco- Argentino che ci ha fatto tanto godere David Trezeguet. Proprio come lui. Giochi a volte in 10 e poi un tiro un gol. E la chiude Higuain. E in mezzo a questi due pezzi da 90 lui: ”U Picciriddu” Dybala (il buono), quello che ha una faccia come quella di un ragazzino che viene al campo col pallone sotto braccio e i calzini abbassati. E non ti aspetti che così piccolo ed esile poi è un fenomeno. L’ha presa maledettamente seriamente questa storia della 10. Ogni tocco è una delizia. A volte prova a vincere da solo. Ogni tanto tira fuori dal cilindro cose che gli altri neppure immaginano di poter pensare. Sorride poco ultimamente durante le partite. Vuole vincere l’ho detto, l’ha presa proprio seriamente questa cosa della 10. Lui è l’eroe . Lui è il buono che alla fine vince sempre. Lunga vita a Dybala lunga vita ai nostri cowboys.

 

Per la foto si ringrazia mio figlio Vittorio 😉

  1. Iuliana Giulia Bodnari

    Si ! abbiamo iniziato con il botto . Primo tempo cosi cosi e si è capito subito il rebus Maresca e non capisco perché il disegnatore debba mettere una terna arbitrale guidata da uno di Napoli , è plateale dove andrà a finire ed infatti si è visto per tutta la partita . Secondo tempo un Dybala spaziale , Higuain se fosse più servito farebbe gol a valanga è di una potenza devastante , tutta la partita ha cercato il gol e l’ha ottenuto .Var ha toppato clamorosamente per colpa di Gigi , quando la Cremeria non c’è gigi si e alla grande . Quando ha parato il rigore mostrando a tutti che lui è sempre il NR 1 come se ce ne fosse bisogno ancora , è venuto giù lo stadio , la maggior parte abbiamo perso la voce , pelle d’oca . Vedere Costa e Matuidi non ha prezzo e poi ti dico Ben , è la prima volta che Allegri inserisce un nuovo arrivato , ha ritenuto Matuidi già pronto . Tanta roba . Ci divertiremmo .

  2. ma si dai gustiamoci i nostri campioni.
    Concordo. Il buono, il brutto ed il cattivo.

    Come nel film. Questa volta però tutti con la stessa maglia

    • Alessandro Magno

      Come ho detto nell altro post luca non è scontato che continueremo sempre a vincere io ho vissuto i 10 anni senza scudetti del post platini e ci si accontentava di vincer quslche coppa uefa e quslche coppa italia ho vissuto il post farsopoli e ci si accontentava di battere l inter ora io oggi dico certamente si puo migliorare lo diceva conte ” si puo fare sempre meglio ma si puo fare anche peggio” oppure altra frase cara a lui “tutto dovuto, ma tutto dovuto cosa?” Questa è una squadra che piaccia o meno sta stradominando da 6 anni in italia ed è nell elite europea oggi molto piu di squadre piu ricche come psg o manchester city o arsenal. Certo è mancatala coppa certo si potrebbe giocare meglio peró veramente lamentarsi sempre di continuo personalmente lo ritengo eccessivo e non mi riferisco ne a te ne ad altri nel mio blog ma in special modo a gente fastidiosa e incompetente che popola i social network

      • Caro Alessandro parole Sante come si dice, purtroppo chi tifa una squadra vincente è spesso un perdente e non ha la misura della critica. La fantasia è importante per scrivere racconti avventurosi, purtroppo tanti che seguono il calcio pensano sia facile vincere e giocare bene. Non concepiscono la fatica e la squadra come organizzazione d’insieme e pensano solo a parole e non con i fatti.
        Il bello del calcio è la conquista e l’ammissione del più forte e spesso lo si dimentica.
        Forza Juve Fino alla Fine

        • -“chi tifa una squadra vincente è spesso un perdente” mi sembra una frase troppo pesante…direi pesantissima….forse troppo ( se l avessi detta io…..)

          – basterebbe pensare che anni di devastanti e praticamente sempre vittorie sono una esclusivita’ mondiale di questa juve…

          – i cicli finiscono dovunque ma (purtroppo) alla juve non si vede questa fine

          – cambiare 8 giocatori e dopo in anno essere di nuovo in finale di champions mentre si continuano ad asfaltare scudetti è qualcosa di quasi soprannaturale…eppure qualcuno (tanti) si lamenta…

          – dopo 3 anni un allenatore comincia a stancare ma noi tutti non abbiamo.elementi per capire se deve rimanere…agnelli marotta e nedved li hanno

          – l inter (giocatori mai vincenti..stimoli a mille) mai ieri dopo 20 minuti ottimi ha subito tanto…qui qualcuno non capisce che dopo 6 anni non si riesce andare sempre a 300 all ora…

          – giocare bene? Mi sembra qui ci sia un po’ (tanta) di confusione…

          appena “un rugani” sbaglia una mezza partita…non è da juve…

          – mercato? Competere con chi puo spendere in un giocatore 222 mln…e arrivare davanti…eppure per qualcuno è normale..

          – essere coscienti che la juve possa “non vincere”ma pretendere risultati e gioco spettacolo….due cose che fanno a pugni…se questa juve da anche spettacolo come puo’ non vincere?

  3. – ho dimenticato un piccolissimo particolare…in campo ci sono anche gli avversari che di solito contro la juve danno il 110%…poi la domenica successiva il 65%..vedi genoa l anno passato…avversari? Piccolissimo particolare….mia dimenticanza

    • Giusto per provocare: ma Buffon, proprio LUI, non diceva che si scansano?
      Bisogna anche trovare un equilibrio, tra zero e cento!!!!

      • A me non sembra si scansi nessuno…forse a volte qualcuno parte già sconfitto “in fondo alla testa”…..non scansarsi ma rassegnazione!!!

        Di solito la juve segna nei primi 15/20 minuti e questo aumenra la rassegnazione…ma bisogna essere forti (purtroppo) determinati e cattivi per segnare subito…contro un deconcentrato e debole ti aumentano le forze…invece.

        No equilibrio, solo cercare di capire testa e forza in campo…e azzerare rosicamenti

  4. Gran bel pezzo. soprattutto su quei criticoni da tastiera..quelli che non vanno allo stadio.. magari non hanno nemmeno la maglia ufficiale ma tarocca..e rompono solo le scatole..grande AM

    • Ancora co sta storia delle maglie e lo stadio? Premesso che non sono un criticone e che ho 3 maglie ufficiali, quella del centenario, una personalizzata Scirea col num 6 e una Zoff col num 1, quindi x me i top dei top; dicevo, a parte questo, abito a 650km da Torino e ho 3 figli. I soldi ma soprattutto il tempo x andare allo stadio dove lo/li trovo? Chi non va allo stadio e non ha maglie ufficiali non ha diritto di critica? E quando mai? Magari chi sta a casa e un miliardo di volte più attaccato e affezionato alla squadra di uno che ha l’abbonamento. Salutami Goldrake e mi raccomando…Fino alla fine Forza Juventus.

      • Alessandro Magno

        Credo che il senso di quello che volesse dire Actarus sia gente che non contribuisce alla ricchezza della juve e poi pretende.

  5. Per Claudio g
    Chi non raggiunge i risultati prefissati ha bisogno di emularsi con qualcosa di vincente e male accetta la sconfitta. Può capitare che si critichi qualche partita ma se l’insoddisfazione è costante qualcosa non quadra specialmente se gli obiettivi vengono per lo più raggiunti come nella Juve. Si entra nella cosiddetta crisi di insoddisfazione per cui mai si rimane appagati. Se mi sono sbilanciato in tal senso è perché conosco diversi tifosi di tal fatta. Anche in questo luogo qualcuno si è fatto vivo però, per mia fortuna, non è rimasto a lungo. Ripeto è bello parlare di calcio con cognizione di causa, si può perdere e discuterne le cause da diversi punti di vista ed anche riconoscere il merito del vincitore non per forza scagliarsi contro la propria squadra.

    • Alessandro Magno

      Parole sante judoc

    • Ho scritto troppo su tantissimi argomenti (penso in modo educato), inutile ripetrli

      – dopo 6 anni simili, criticare ad agosto mi sembra decisamente fuori luogo poi nella vita certo si può criticare tutto!!!

      – qui siamo al bar dello sport…vale tutto, ma questa juve ora non è criticabile su nulla..puttroppo…

  6. Mauro The Original

    Secondo me calcio va preso nella giusta misura, ma soprattutto non seriamente. Le cose serie sono altre.
    Se la Juve vince mi fa piacere e se perde non cambia nulla.

    È solo un business che fa girare una montagna di soldi riempiendo le tasche a chi movimenta il tutto.
    Dalla proprietà alla dirigenza ai calciatori, tutti si mettono in tasca una montagna di soldi. E lo fanno perché tanta gente si svena per tifo.
    Io i miei soldi me li spendo in viaggi hotels ristoranti e auto nuova ogni due anni.
    Non so chi sia il vincente o il perdente ma da me il calcio non prende soldi.
    Ma chi spende soldi per il calcio è giusto che pretenda qualcosa in cambio. Se pago un biglietto per il cinema voglio vedere uno spettacolo. Stessa cosa allo stadio. Accontentarsi di un tiki taka per 85 minuti in difesa e un golletto dopo aver speso 200 euro mi farebbe girare i cosiddetti.
    Poi chiaramente sono punti di vista.

    • Che condivido pienamente
      A me pare ogni tanto che si attribuiscano a certe situazioni Valori esagerati
      Diciamo, dico per me, che per molti tifosi la squadra del cuore è un fanatismo

  7. MORTO GUIDO ROSSI
    (salutate me quando lui ritornerà)

    Un giorno tutti dobbiamo morire…è toccato a Guido Rossi e, mi pare, nessuno ha scritto un commento.
    Credo che stia lottando, lui, ora con la Giustizia, si ma, quella Divina.
    Per me va a spalare carbone in quel di Belzebù…a menoche’ non gli riesce quello che gli è riuscito nel 2006…beh, allora molto probabilmente ce lo possiamo ritrovare anche alla fine di questo campionato.
    Hai visto mai che la sua amata dovesse arrivare terza…
    Se ho scritto parole offensive bannami.
    Barone50 Re degli Indomiti

    • Alessandro Magno

      Della dipartita di Guido Rossi non me ne frega nulla non sono cosi ipocrita da celebrare ogni defunto in quanto tale idem non sono cosi cattolico da perdonare uno solo perchè è defunto in quanto tale e “uno” invece di “una persona” è voluto e non casuale. A volte nel dubbio di scadere e rischiare di accanirsi su un cadavere si preferisce il silenzio. Non per rispetto del morto che non merita rispetto nè da vivo e neanche da morto ma semplicemente in segno di civiltà. Detto questo non capisco la polemica sul ban non ho impedito a nessuno di scrivere di questo qua certo non posso farmi portavoce io di volgarità e nemmeno posso nel caso vi fossero tollerarle a cuor leggero. Vi ricordo che in quanto blogger io rischio di risponderne davanti alla giustizia delle cose che voi scrivete e io lascio in quanto lo spazio su cui scrivete è il mio in termini legali quindi è qualcosa che io metto a vostra disposizione ed è mia la responsabilità non solo di chi scrive. Ora se volete scrivere tutto il male possibile di Guido Rossi accomodatevi pure lo spazio è libero e qui c’è libertà di pensiero cercate di non eccedere in volgarità e insulti solo. per quello ci sono i vostri facebook e i vostri twitter. Grazie Barone.

  8. Perchè Barone credi di essere stato offensivo? Non credo che a nessuno di noi interessi la dipartita di Guido Rossi, forse l’uomo che in vita ha avuto tanto successo solo per essere riuscito a farsi disprezzare da diversi milioni di persone.
    Antony degli Indomiti

  9. PARCE SEPULTO

    Parce sepulto dicevano giustamente i latini.

    Ciò vale per tutti. Anche per Guido Rossi.

    Il Mistero della morte dovrebbe fermare ogni ostilità.

    Buon proseguimento.

    Ps Il fatto che si possa criticare la Juve solo se in possesso di maglie è una ulteriore bambinata.

    • Anche quelli che hanno commesso le ultime stragi sono morti…beh, sinceramente non mi sento di perdonarli.
      Giacinto Facchetti (pace all’anima sua) è morto, eppure abbiamo tutti continuato a parlare della sua inter…insomma, Luigi, ognuno fa quello che si sente di fare, anche comprare o non comprare maglie senza giustificare il suo badget o la sua prole.
      Non replichero’ .
      Barone50 Re degli Indomiti

      • Caro Barone,
        parlavo, con tutta evidenza, di vilipendio ai morti, o comunque prosecuzione delle ostilità dopo la morte.

        Resta ovvio che si possa discutere e parlare di persone morte. Qual è il problema.
        Nei fatti : Guido Rossi nell’estate del 2006 commise una porcata. Ora è morto : pace all’anima sua.

        È più chiaro ora il concetto ?

        Ciao.

    • Sul ps; d’accordissimo. Infatti non vedo come umo possa criticare o no solo se compra maglie ufficiali o no o se va allo stadio o no. Io ne ho 3 ufficiali ma non x questo ho più diritto (de che poi…) di critica rispetto a chi non le ha. Non vado anche xchè non posso allo stadio ma non x questo ho meno diritto di critica di chi vá.

  10. Caro Luigi, il tuo modo di essere Cristiano ti mette nelle condizioni di dover perdonare anche chi in vita ha commesso delle porcate. Ti capisco, ma quel sentimento che resetta quello che è stato un uomo solo e soltanto perchè oggi non c’è più, permettimi, non tutti lo condividono. Ci dispiace se ha fatto del bene e ci è stato simpatico, ci lascia invece indifferenti ed arrabbiati, se ha commesso una strage.
    Io e nessun altro ho augurato niente di male a Guido Rossi, ma come diceva nel “testamento di Tito, De Andrè, ” della sua dipartita “non ho provato dolore”. Sono per questo, così come dice pure l’amico Barone, da criticare?
    Cosa centrano le maglie, spiegati meglio sennò il buon Germano risponde a coppe quando chiami a denari 😆 😆 😆
    Ciao

    • Alessandro Magno

      rispondevano ad actarus che ce l’ha con chi critica ma poi non ”finanzia” in nessun modo la squadra

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: noticias juegos
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web