Non ci siamo ..

Scritto da Cinzia Fresia

Abbiamo una conferma: che quest’anno con una squadra cosi non vinciamo una “mazza”,
e mi dispiace tanto per Ronaldo e Paulo Dybala che si danno da fare, ma ci sono errori e un allenatore che persevera a sbagliare le formazioni.

Male, e non c’è niente da aggiungere, ma male tutto, centro campo, difesa, e altresì attacco: Costa e Higuain.
Anche se Maurizio Sarri continua a dire che manca la testa, io gli suggerirei di osservare meglio i suoi giocatori i quali hanno grossi problemi e non sono probabilmente cosi forti come si pensa.
E’incomprensibile la scelta su Douglas Costa e Higuain a scapito di Dybala tenuto in panchina e inserito inutilmente gli ultimi 20 minuti.

Una delusione dopo l’altra questa Juventus di Maurizio Sarri, che collassa a Verona, dimostrando di non essere in grado nemmeno di gestire il risultato, in partita si sono evidenziate falle in tutti i reparti. Una squadra che non va, troppe diseguaglianze tra giocatori e un allenatore che fa fatica ad entrare nel “mood” Juventino, perché non si fa capire e più grave, non riesce a farsi seguire.

Eppure di campanelli di allarme ne abbiamo avuti, l’altra settimana per esempio, contro la Fiorentina solo perché vinta, non si e’ notato che avevamo rischiato di prendere tre gol e quando l’ho fatto notare mi hanno dato della pazza, questo deve far aprire gli occhi soprattutto al “genio del calcio mercato”, il quale dovrebbe prendersi la responsabilità di come stiamo, e che una squadra come la Juventus non può affrontare tre tornei con dei parametri 0 e con dei giocatori a fine carriera o troppo esposti agli infortuni.

Higuain: premetto che gli vogliamo un gran bene, ma ultimamente non è in forma, non sta dietro a Ronaldo è troppo lento, Douglas Costa è rotto ogni 2 per tre, e tenere in panca Dybala solo perché bisogna usare categoricamente Costa, c’è qualcosa che non va anche nell’allenatore, e non ci si aspetti di puntare tutto sul rientro di Chiellini, come se avesse la bacchetta magica.
Una strana aria regna in Juventus, in quanto non si comprende il perché di certe scelte, e che per vincere ci si affida alla sfortuna o alle disgrazie altrui.

Una squadra così fornita, spiace vederla perdere a causa di errori grossolani, una sconfitta pesante che compromette il Campionato, e non dimentichiamo che la presenza di Ronaldo non è scontata e nel Derby di Milano, l’Inter ne approfitterà.

  1. Cinzia
    Non so neanche se si tratta di “testa”.
    Se ci sono problemi li deve smazzare Sarri,che siano di testa,di forma o di modulo.
    Non so se non lo seguono o semplicemente non c’e’ nulla da seguire e stiamo navigando a vista.
    Un allenatore che non si incazza delinea innanzitutto una cosa: non sta cercando di trasmettere niente. Semplicemente niente.

    • Si narra che all’epoca di Ferrara allenatore, questi chiese a Camoranesi di fare un certo gioco.
      Camoranesi ci provò, ma alla fine gli disse chiaramente che non ce la poteva fare…..

      Come finì la storia lo sappiamo tutti.

      Io penso che Sarri stia cercando di trasmettere messaggi giusti, se sono quelli che si sentono in conferenza stampa.

      Purtroppo io vedo delle scelte sbagliate.

      Scelte di gioco, scelte di campo che mi lasciano una solo dubbio.

      Le fa perchè è inadeguato, o per tenersi buono lo spogliatoio?

      • Io ho penso che bisogna riflettere sulle parole di Sarri che dice di essere di fatto schizofrenico: da una parte vorrebbe dall’altra non può.
        E i giocatori… Come si allenano, quanto?
        Qui il problema è che il Verona ci ha messo sotto per 80 minuti, non la sconfitta!

  2. Siamo al capolinea?

    Forse no ma il mio sentore è di un Sarri drammaticamente povero di idee.
    O di idee si ma, sembrerebbe che la frase migliore sia oggi:
    “Chi il coraggio non lo ha, non se lo può dare”

    Sarri è oggi sull’orlo del fallimento, perchè negarlo.

    Parla di concentrazione, ma è lui a doverla dare.

    Io però in questa Juve vedo tanti errori.

    Se guardo la rosa e guardo le scelte fatte da Allegri prima e Sarri poi vedo tante cose che non capisco.

    La prima è Bonucci. È oggi il punto debole della squadra.

    La seconda è Pjanic. Ma non lo ha ordinato il medico di giocare col regista basso! Li ci va un mediano!

    La terza pare però risolta a suon di fischi da stadio e da social. Matuidi. Quanto tempo perso dietro il nulla.

    La quarta è quella di sempre, Dybala.

    Eppure sarebbe semplice, a calcio giocano i più forti, detto questo la squadra è fatta, seguono i necessari aggiustamenti ed i lavori di cesello.

    Quando sento parlare di mentalità, di gruppo, di testa, di grinta, ecco che in automatico gli aggiustamenti diventano toppe.

    Il gruppo si sfalda e ……

    • andrea (the original)

      Luca, se mi crolli pure tu sul mediano siamo fritti.
      😁
      Pjanic ha iniziato la stagione come mai prima, poi è regredito in modo pazzesco, come molti.
      Non si capisce se siano regrediti perché Sarri si è allegrizzato, snaturandosi o se Sarri si sia allegrizzato perché la squadra non ce la faceva a seguire le sue idee.
      Le prime partite di stagione ed alcune parti di altre direbbero però che la squadra riusciva a giocare bene, altrimenti il Pjanic di ieri lo avremmo visto pure a inizio stagione.
      Io non possiedo la verità ma a me sembra che Sarri si sia fatto condizionare dall’ambiente e ne abbia provato ad assumere i connotati senza possederli.
      Non so se sia un caso che le peggiori Juve, come lo scorso anno, le vediamo in trasferta; a me sembra che si sia tornati alla dinamica per cui “andiamo a fare il risultato, non conta come” e con questa mentalità, nel momento in cui gli avversari come quest’anno non partono già battuti, non fai nemmeno risultato.
      Cosa resta? Sperare.
      Lo abbiamo fatto lo scorso anno, abbiamo sperato che a un certo punto arrivasse una svolta nel modo di giocare pur credendoci poco, non rimane che farlo ora, pur credendoci poco allo stato attuale.
      L’ambiente non aiuta, molti invocano il ritorno al passato, che sarebbe devastante per la filosofia che la Società voleva.
      Forse è il caso che qualcuno lo aiuti sul serio, uscendo allo scoperto e dichiarando che il passato è finito.
      Ma lui è pagato per essere se stesso e portare qualcosa, non assorbire qualcosa e non lo sta più facendo.

      • Caro Andrea, questa è la vendetta di Andrea Agnelli, che si è visto imporre un nome che sicuramente non avrebbe voluto, probabilmente con ragione.
        Non hanno investito nella direzione giusta.

        • In verità Nedved e Paratici hanno spinto fino all’ultimo per il ritorno di Conte.

          Proprio Andrea e John si sono opposti.

          Inzaghi era caldo ma qui pare ci fossero altri dubbi… non mi ricordo di chi.

          Arrivò Sarri.

          Tra i dubbi di, alcuni tifosi e di giornalisti di fede bianconera che sparano a pallettoni sul tecnico appena possono.

          Non credo a vendette trasversali.

          Oggi non so se pensare ad un Sarri appiattito su una squadra più grande di lui o su un Sarri che semplicemente è quello di Empoli e che il Sarri di Napoli in realtà non sia mai esistito.

        • andrea (the original)

          Cinzia,
          non lo so, nel senso che se volevi cambiare modo di giocare l’unico fattibile era Sarri, gli altri erano chimere perchè imprendibili purtroppo.

      • No no ferma tutto.

        Io con il medianaccio ho vinto tutto, senza non ho vinto un …. niente.

        Nell’Italia di Bearzot c’era un mediano davanti a Collovati e Scirea e dietro Antognoni Tardelli Rossi Graziani

        Nella Juve del Trap c’era un mediano dietro Platini Tardelli Boniek Rossi e Bettega

        Nel Real delle tre CL c’era un mediano dietro Modric, Kroos, Ronaldo, Benzema Isco .

        Mediano non vuol dire Matuidi…. vuol dire avere un giocatore di lotta e di governo che ti permette di giocare con un centrocampo più tecnico con conseguente aumento di probabilità in zona gol.

        • andrea (the original)

          Quel tipo di giocatore che dici tu non è un mediano ma un giocatore e noi non lo abbiamo.
          Però, con gli investimenti che ha fatto la Juve, non me la sento di pensare sempre al giocatore che non abbiamo.
          Sarri a Napoli giocava con un centrocampo tecnico, davanti alla difesa c’era Jorginho, non un mediano.
          Solo che a Napoli attaccava sempre.

          • Su questo ti do ragione.
            Però penso che la Juve abbia in rosa giocatori validi per qualsiasi soluzione tattica.

            Io questa squadra me la vedo bene impostata su un 4231.
            Cambia poco in realtà, Pjanic avanti a sinistra Bentancur e Rabiot più indietro ed è fatta.

    • Io temo, che ci sia un allenatore nel posto sbagliato, Sarri proprio non ce la fa, non gli piace l’ambiente e non entra in relazione con i giocatori, potrebbe essere un fatto caratteriale, ma chi ritengo maggiormente responsabile è Paratici..
      in ultimo abbiamo mezza squadra da rifare.

    • Luca, credo che abbiamo vissuto di illusioni.
      Non possiamo pensare che la dirigenza al solo pensiero di avere Ronaldo abbia creduto veramente di farcela, siamo stati battuti da una provinciale.
      Sebbene la Juventus vincesse, proprio per alcuni singoli, Ronaldo e Dybala, era evidente che qualcosa non andasse, e quando lo sottolineavo mi davano della visionaria, adesso finalmente si vede ..

      • Luna,

        che la squadra giocasse male era palese.

        Mentre si parlava di tridente, io mi interrogavo sulla coppia centrale di difesa, sulla posizione di Pjanic e su Matuidi a centrocampo.

        Però la rosa a disposizione del tecnico è ampia e varia.
        Ma giocano sempre gli stessi, quelli che giocavano sempre con Allegri e quelli sostituiti sono anche qui sempre i soliti.

        Credo che in società la situazione sia chiara. Sono certo che sapranno agire per il meglio.

        Ci fosse stato Mourinho avremmo visto di tutto e di più.

        C’è Sarri.

        Voglio sperare che sia in sintonia con Nedved e Paratici e che stiano facendo il meglio alla luce dei problemi che hanno sul tavolo.

        Di sicuro la squadra non va, non gioca a calcio.
        A parte i tre davanti e Deligt, sempre nel mirino, gli altri sembrano godere sempre di buona stampa….

  3. Cinzia e tutti

    Mi torna in mente la Juve del ’91.
    In questo momento della stagione stavamo paro paro alle stesse condizioni ( oggi siamo primi allora eravamo secondi a pari punti col Milan e davanti c’eranoninter e Samp)…sappiamo tutti come finì.

    Ciao

  4. Oggi siamo a commentare una partita persa.
    È chiaro che siamo tutti ad additare questo o quello per le scelte fatte o non fatte.
    Così facendo rischiamo di gettare via l’acqua con il bambino dentro.
    La sensazione che ogni scelta sia affidata all’estrazione dei numeri dal sacchetto della tombola.
    Che dire? Personalmente posso solo impegnarmi domani mattina ad andare a Livorno al distributore di fiducia e cercare di fare opera di convincimento!!!!!
    Buona domenica a tutti, compreso gli amanti del bel gioco (latitante) e dei non risultati (altamente probabili)!!!!!!!!!!

  5. RIDATEMI LA MIA JUVE

    La Juve, 30 anni fa, aveva preso la decisione di cambiare direzione… La società venne affidata alla gestione del rampante Luca Cordero di Montezemolo, il quale riteneva che l’esempio da prendere fosse quello del Milan di Sacchi.

    Inutile sottolineare la mia antipatia per questo allenatore che a mio modo di vedere, forse sbagliando, lo ritenevo uno con gran culo e basta, invece a Sacchi lo esaltavano con giudizi esagerati attribuendogli, appunto, meriti sulle vittorie a tratti lo devo riconoscere con un bel gioco.
    Questo merito secondo alcuni andava diviso al 50% tra i fenomeni del trio olandese, Baresi, Maldini, Donadoni etcetera… e l’allenatore.
    Azz me cojoni !

    La realtà, in seguito, dei fatti dirà che Sacchi con giocatori diversi non riuscirà a vincere più nulla… e anzi.

    Infatti, ricordo come fosse ora, con Sacchi in panchina e a Milano la Juve gliene rifilò solo 6.

    Ma nel 1990 Sacchi era un mito… e il gioco a zona il gioco del futuro.
    Maifredi era quello del calcio-champagne… quello che dalla periferia era riuscito a fare grandi cose col Brescello prima e con il Bologna poi… quindi, chissà cosa avrebbe potuto fare con la nuova Juve…

    Questo mio appresso non vuole essere un parallelismo con il Sarri e la Juve di adesso.
    Le uniche somiglianze tra questa e quella Juve riguardano il tentativo di proporre la difesa a zona da parte di un allenatore che aveva fatto bene con squadre meno blasonate.

    Altri parallelismi non ne vedo… troppo più forte e collaudata questa Juve che viene da 8 Scudetti consecutivi e si trova tra le top five in Europa e nel Mondo rispetto a quella Juve lì.

    La cosa però che mi preme mettere in evidenza è che ritengo che sia assurdo voler cambiare radicalmente mentalità, gioco e cazzate varie mettendoci pure etcetera… in una squadra che è 8 anni che domina in Italia e per 2 volte sfiora addirittura il triplete.
    Non sarebbe stato più prudente cambiare solo alcune cose e dopo aver preso CR7 rinforzare il centrocampo e ringiovanire la difesa ma senza stare a voler cambiare tutto…radicalmente o quasi ?
    Se proprio volevi dare il ben servito ad Allegri di allenatori meno radicalmente diversi ce n’erano a bizzeffe (Gasperini, Simone Inzaghi, no gli italiani no ma che sei matto ?
    E allora perché fare un passo così rischioso?

    Già 30 anni fa ti aveva detto pedalino e invece insisti e persisti.

    Poi, dopo aver accennato prima a quel campionato del ’91 sono andato a prendere gli appunti di Sarri e dico:
    Maifredi il 10 febbraio 1991 20^ giornata dopo il 3-0 rifilato al Cesena era seconda a pari punti con il Milan e a un solo punto da Sampdoria e inter che erano prime.

    Maifredi arrivò in semifinale di Coppa Coppe e se Schillaci quella palla appena sfiorata l’avesse buttata dentro saremmo andati a giocarci la finale a Rotterdam contro il Manchester Utd.
    Di questi tempi nel 1991 nessuno osava mettere in discussione Maifredi, la stessa cosa, di questi tempi, non si può dire per Sarri.
    Allora eravamo ancora in gara in tutte e 3 le competizioni pure in Coppa Italia, dopo l’1-1 all’Olimpico dovevano ancora disputare il ritorno dei quarti contro la Roma (che ci avrebbe poi eliminato 10 giorni dopo a Torino 0-2).

    Concludendo dico che ho voluto mettere in evidenza che tra la Juventus di Maifredi e la Juventus di Sarri numericamente per fortuna sono più le differenze che le analogie, anche se quelle poche analogie che ci sono sono ahimè importanti.
    Ed è forse proprio perché dall’annuncio di Sarri queste analogie le ho subito notate che ho pensato che l’unico modo per scacciare dalla testa i cattivi pensieri fosse quello di badare ai risultati…. come dice la canzone di Elettra Lamborghini (arrivata ultima a Sanremo) “Musica e tutto il resto scompare”, ebbene in ambito calcistico diremmo “Vinci e tutto il resto non conta”… fino ad ora (Supercoppa a parte) è stato quasi sempre così… siamo al 9 febbraio… 30 anni fa eravamo pìu o meno nella stessa situazione di oggi… 30 anni fa Maifredi ce lo tenemmo fino a fine stagione….speriamo che anche le differenze continuino a rimanere superiori alle analogie rispetto ad allora!

    Che ve devo da di…si nun peggiora semo rovinati.
    Ciarileggemo

    • Scrissi tempo fa mentre si dibatteva tra Guardiola e Zidane, che avrei preferito Zidane visto il momento della Juve.
      Cioè squadra da ritoccare, non da rifondare, squadra pronta per vincere subito.
      Ecco se rivoluzione doveva essere, doveva essere fatta ai tempi della risalita in serie A.

      Ai quei tempi si poteva anche dare il via ad un progetto tipo Ajax o Barça.
      Era il periodo giusto, i tifosi avrebbero capito, avrebbero apprezzato.

      Oggi non c’erano i presupposti e neanche la necessità.

      Serviva solo una visione diversa, meno utilitaristica e più aggressiva.

      Due ritocchi, sulla tattica, non sul mercato.

      Che so la sparo li, centrocampo a 2 e Pjanic mezzala.

      Un allenatore…..

      Ecco un allenatore capace di far saltare certe abitudini certi atteggiamenti consolidati.

      Higgins Van Gaal tanto per dire due nomi su quello che intendo.

      Mourinho?

      Si Mourinho meglio di Sarri oggi.

      È invece arrivato Sarri, purtroppo ad oggi sembra che la Juve sia troppo per lui.
      Buffon Bonucci Pjanic dovevano nei piani dargli una mano, sembra invece che siano il collante che regge quello che doveva essere distrutto, demolito, raso al suolo.

      Cos’era ieri e cosa sarà domani interessa poco.
      Interessa solo per stoppare i nostalgici.
      Quello che c’era ieri non era tutto sto granché sembrava buono a noi ma fuori dalle mura era pochino.
      Quello che sarà domani invece semplicemente non è ancora e quindi lasciare Sarri si, ma per chi resta la domanda da farsi. Tornare a ieri?
      Per carità.

      Lo abbiamo già fatto nel dopo Maifreidi, il calcio era andato avanti noi purtroppo tornammo indietro, quanti anni senza vittorie?

      Ricominciammo con Lippi….

    • No Max ti prego, a certe sofferenze non sono più abituato ed allora avevamo pure 30 anni di meno.

  6. Sarà colpa di Khedira e Matuidì…. quando giocheranno, Sempronio e Abele….. adesso giocano Rabiot e Costa… vedremo il gioco di Sarri… visto… da settembre.
    Adesso Sarri si sta allegrizzando, diciamo invece che al ridicolo non c’è limite, e ne abbiamo le prove.
    Finalmente Luna scrivi quello che è stato, grazie.
    Luna, Luigis ed io lo vedevamo da settembre che non poteva funzionare.
    “”La Juve potrebbe essere l’ultima squadra che potrei allenare”””, detto dopo sei mesi che ci sei arrivato, vuol dire che sei già alla frutta, e ci sei arrivato saltando, antipasto, primo e secondo… dove possono essere le motivazioni… cosa trasmetti alla squadra…
    Luna, se va male, a giugno via anche Nedved e Allegri tonra con maggiori poteri? Cosa ne pensi?

    • Calmo Ivano, non puoi buttare il bambino con l’acqua sporca. Per dare dei giudizi definitivi devi aspettare, io non accettavo quell’Allegri vattene o inadeguato prima e gradirei, anzi mi auguro che la Juve continui a vincere anche con Sarri nonostante il momento ( spero di cuore sia solo momentaneo)” no”.

      • Antony,
        a giugno i giudizi non serviranno più.
        Il punto è : o i giocatori non lo seguono oppure lui non sa trasmettere nulla alla squadra…
        Il risultato è lo stesso.
        Come diceva un saggio, vincere non è scontato…

    • Azzz, non solo il ritorno di Allegri, ma pure coi superpoteri, che l’ha morso un’acciuga radiattiva?

    • andrea (the original)

      😁si poi anche il paracarro, la transizione e tu nel ruolo di calciologo.

  7. Luna
    in un altro post ho scritto che mi sembra un allenatore che abbia perso il polso della squadra, che si è impantanato in questa filosofia calcistica del possesso palla, fatta di velocità e movimenti dei calciatori, inclini invece a faticare il meno possibile e ricevere palla sui piedi invece che sullo spazio. Un allenatore che riesce a fare un’unica variante tattica: il cambio di higuain con dybala e viceversa. Un allenatore che ha posto tutta la sua fiducia su un giocatore fortissimo ma purtroppo di cristallo che come ha scritto benedetto è da vendere immediatamente. Insomma il raffreddore comincia ad assumere l’aspetto di una polmonite e il medico curante non può essere quello della mutua.
    Non tutti gli allenatori come i giocatori possono sedere sulla panchina della juventus, tanto più questo che vedo distante, non si incazza se perde né in panchina né in conferenza stampa. Insomma sempre la stessa espressione come fosse una cosa che non gli riguarda.

    • Ecco Luigis, è anche questo che ci lascia basiti, è l’atteggiamento in campo di un allenatore a cui non interessa nulla, e che pare alleni altrove. E mi chiedo perché? Perché sta succedendo? La dirigenza che fa?

  8. Mauro the Original

    Leggo solo cose negative fuori completamente dalla realtà.

    La Juve finora non ha compromesso nulla, rimane prima in classifica serie A, è in corsa per la coppa Italia (dico purtroppo poiché non vorrei partecipare a questa competizione) è in corsa per la Champions.

    A parte il Liverpool di Klopp gli altri stanno facendo peggio. Manchester City, Real e Barcellona hanno meno punti della Juve.

    Detto e ripetuto che la Juve ha una brutta rosa giocatori con la quale non si possa fare meglio, è inutile sperare di fare il triplete volendo quello che non si può avere.

    Allegri lo scorso anno ha fatto un gran campionato?

    Ha finito a 90 punti, per me i conti si fanno alla fine. Vedremo se Sarri saprà arrivare ai 90 o si ferma prima.

    La rosa giocatori oggi è meglio di quella dello scorso anno?

    Ma dove?

    Gli arrivi sono tutti deludenti, Rabiot Ramsey e Danilo alzano il livello della Juve?

    Unico pezzo pregiato De Ligt che va a sostituire Chiellini.

    Ma oltre a ciò tutta la rosa ha un anno in più, e non è poco per una squadra formata da pensionati.

    Perché la Juve non soddisfa nessuno pur avendo fatto grandi campagne acquisti e accumulato un debito così importante?

    Gli errori di mercato sono iniziati con Higuain. Cento milioni per un trentenne non si potevano spendere.

    Poi è proseguita con Ronaldo e la Juve perfetta nei conti si trova esposta per mezzo miliardo ed una rosa giocatori molto vecchia.

    Altro che Sarri, qui ci sono stati errori paurosi di mercato che mettono in crisi la società.

    È su questo che andrei ad aprire un dibattito, non sul punto in più o in meno che fa Sarri.

    Qui si guarda il pelo nell’uovo e non la trave nell’occhio.

    • Si guarda il modo di perdere ed il comportamento della squadra.
      nelle ultime 5 gare abbiamo perso due volte.
      fra le prime sei il verona ha incassato 24 gol, noi 23.
      Passeggiamo in campo e facciamo errori madornali.

      Gli errori di mercato ci sono,ma non bastano.Ieri abbiamo buscato dal Verona, non dal Liverpool. Il gioco non è identificabile e Paratici al momento non lo licenziano.

      Corrono tutti più di noi, ma aspetta pero’, perchè non e’ finita.Siamo a metà.
      Sarri che fa? manco si incazza e va avanti imperterrito.
      Visto Emre in Germania?

      Che dati trai?

  9. IL NULLA OLTRE RONALDO

    La partita della Juve di ieri sera tende a certificare una cosa:
    IL NULLA OLTRE RONALDO.

    Anche gli imperi implodono, e questa Juve è implosa

    -dentro le sue certezze mal riposte;
    -nel gioco inutilmente tentato qualche mese fa;
    -un una condizione atletica penosa per dei giocatori di calcio;
    -nelle leadership: inesistenti sia nella dirigenza, sia in campo, sia in panchina la cui resa è ben chiara nelle parole “speriamo che qualcuno mi aiuti”.

    Qualcuno cita formazioni sbagliate, come un medico che di fronte a una polmonite ti prescrive un’aspirina, e ti fa sorridere perfino 😅.

    Le ultime partite hanno detto che la pompa non regge, ma evidentemente perché già la testa è andata, e non c’è più la forza psicofisica né per attaccare né per difendere.
    Ed è un vero peccato, perché avere nelle proprie file un giocatore che ti fa partire costantemente da 1 a 0 e non poterlo supportare aumenta solo il rammarico.

    Anche gli imperi implodono … Ci fu anni fa una “fatal Verona” che non ci riguardò. Temo fortemente che ieri sera ce ne sia stata un’altra …

    • Mauro the Original

      Luigi

      Sarri è come Monti, impopolare e detestato da tutti.

      Arrivato per raddrizzare la baracca dopo che prima è stato fatto il disastro.

      Nel mercato per lui non è stato speso nulla.

      Arrivato De Ligt per una cifra importante ma recuperata dalla cessione di Perin Cancelo Kean Can Manzo e altri.

      Serviva subito un forte centrocampista e lo comprano per il prossimo anno😳

      Ma perché la dirigenza non viene mai messa in discussione?

    • Appunto Mauro.
      Per me la dirigenza è in discussione eccome.
      Ieri sera, e lo dico per chi è appena sceso da Marte, lo stato della squadra è stato solo CONCLAMATO.
      Per chi era rimasto sulla terra infatti, l’inguardabile prestazione di ieri sera è sorellastra di altre prestazioni simili.

      Ripeto: ho la sensazione che la squadra abbia tentato fino a Natale di applicare le idee dell’allenatore (che evidentemente portano ad un dispendio di energie che questo gruppo non si può permettere per grossi limiti atletici), ma oggi come oggi mi sembra che i giocatori (Bonucci dixit) facciano da sé.
      Il che sarebbe ancora peggio se fosse Bonucci ad avere voce in capitolo.

      Essere messi sotto da una squadra che ha giocato tre giorni prima, è stata la cartina di tornasole di un gruppo a terra fisicamente, senza idee e senza entusiasmo.
      Perciò scrivere di Dybala anziché Higuain, o di Pinco pallino al posto di Pjanic, è un esercizio passatista che non coglie il vero stato delle cose.
      Il Verona ci ha detto in modo chiaro come stanno le cose. Non vederlo e non ammetterlo, cercando scuse puerili, mi sembra ancora peggio.

  10. Alessandro Magno

    tutto corretto però devo per forza di cose aggiungere una cosa con douglas costa e higuain in campo ieri si stava pareggiando e con dybala in campo si è perso basta controllare il tabellino degli ingressi in campo quindi non credo sia la colpa di chi gioca o meno ma sia un problema generale di tutta la squadra e del mister
    per la cronaca higuain esce al 60mo ed entra dybala e siamo sullo 0-0 facciamo 1-o costa esce sull 1-1. nel finale quando perdiamo in campo ci sono dybala ronaldo

    • Cosa significa questo Benny? E se mio nonno avesse le ruote ecc..ecc.. 😆
      Abbiamo mai dimostrato di poter vincere la partita dominandola?
      Questa è la domanda cui dovremmo rispondere! Abbiamo perso e non abbiamo neppure l’alibi del rigore subito, che era sacrosanto.
      Abbiamo segnato grazie ad un contropiede portato avanti da Ronaldo, per il resto ( almeno io) ho visto grandi difficoltà per mettere qualcuno in grado di segnare e grande affanno in difesa, dove, fino allo scorso anno subivamo ( e ci incazzavamo) solo a fine partita dopo aver portato il risultato a casa.

      • Alessandro Magno

        rispondevo all’articolo di cinzia al passaggio per cui higuain e douglas costa non dovrebbero giocare mentre dybala dovrebbe giocare sempre e spiegavo come si sia perso con Dybala in campo quindi non è proprio quello il problema ma i problemi sono i più svariati e nel mio post non c’è alcun se

        • No Ben scusa probabilmente non avevo capito io , il mio non era un appello al “Se”. Il problema io lo vedo più generalizzato, avevo appena scritto quello che pensavo nel mio post dopo. Non mi va di fare paragoni e di dire se ci fosse stato questo o quello, c’è una situazione a mio avviso più complessa.

  11. Se salta il giocattolo non credo che a mangiarsi le mani saranno solo i tifosi, ma in primis chi non ha fatto bene i conti di quanto si stia rischiando se la Juve, anzi la scommessa “Juve vincente “ non dovesse raggiungere gli obbiettivi prefissati.
    Ormai non si tratta solo di una squadra di calcio ma di un industria finanziaria ( tra l’altro è anche quotata in borsa) molto più grande di quanto si pensi.
    Vincere aiuta a tenere unito l’ambiente, se si dovessero perdere colpi, questi possono essere attutiti fino ad un certo punto, ma per tenere a galla un’azienda che fattura quello che fattura la Juventus “l’unica cosa che conta è la vittoria“ , altro che “ mero slogan “ di Bonipertiana memoria.

    Ieri sera ero disincantato e
    giuro che non riesco a capire questa involuzione della squadra. Non penso sia un problema di pressappochismo o di presunzione di gente ormai abituata a vincere e che prende sotto gamba le partite, ma credo invece che questa squadra non sia in grado di riuscire ad assimilare un calcio che sembrerebbe non essere nelle sue corde .
    Il calcio non è filosofia ma soprattutto sforzo fisico e tecnica da mettere al servizio di un gruppo che deve puoi muoversi in campo secondo le disposizioni che gli vengono date dal suo comandante ( nella fattispecie l’allenatore).

    Siamo proprio sicuri che Sarri possa essere il giusto compromesso per questa Juventus? Io da ieri sera ho iniziato a farmi questa domanda! Ho vivisezionato un momento della partita e come esempio lo riporto al giudizio degli amici del blog, anche per capire se ho visto bene o meno:

    Il primo goal subito contro il Verona: quei 2 errori di tocco, prima di Bentancur e poi di Pjanic all’indietro che hanno aperto l’autostrada a Borini verso la nostra porta mi hanno fatto capire che qualcosa nei dettami di Sarri non sia ben percepita dai calciatori. Ogni errore ( sia a livello tecnico, che tattico)in serie A , viene punito e da spettatore , io vedo questo. Quel loro voler a tutti i costi voler giocare una palla che era difficile da far arrivare ad un compagno perché non nel posto giusto è un errore che non avrebbero fatto se avessero avvertito il pericolo. Quel pericolo che hanno sottovalutato perché il loro compito era quello di cercare di farlo diventare un opportunità di ripartenza con palla rubata.

    Essendo appunto solo uno che guarda e non avendo poteri decisionali dico soltanto che mi dispiacerebbe moltissimo se la Juve dovesse perdere questo scudetto per amore di un bel gioco ( che poi non c’è) e a favore di una avversaria che poi non è solo una nostra avversaria “ sportiva normale” e che ha pure un allenatore che è stato scartato dalla Juve stessa per Sarri. Mi fermo qui, dico solo che oggi sono molto amareggiato .

  12. Mauro the Original

    Problema centrocampo

    Abbiamo un centrocampo ove qualcuno ha pensato bene di andare al risparmio, ed ora gli effetti si vedono.

    Mentre in attacco si è speso alla grande, in difesa egualmente si è speso tantissimo, a centrocampo non si è speso nulla.

    Reparto dei parametri zero, Can Rabiot Ramsey Khedira, dei giocatori arrivati da indennizzi vari come Bentancur, qualcuno ha sempre voltato la testa dall’altra parte.

    Unico giocatore pagato 34 milioni è Pjanic, e Matuidi comunque compensato dalla plusvalenza di Can.

    Ed ecco i risultati.

    Ma la dirigenza che fa?

    Mentre tutti corrono ai ripari, e le occasioni buone c’erano in inverno, basti vedere Eriksen all’Inter, la Juve compra per i prossimi anni.

    • Mauro il nostro centrocampo è tra i più forti al mondo. Se Can fa ieri un goal di quel tipo ed è stato scartato dalla Juve qualche domanda dovresti fartela. Avesse Gasperini o altri il nostro centrocampo, non cerchiamo alibi.

      • Mauro the Original

        Antony

        Non guardare i nomi dei giocatori ma il loro potenziale attuale.

        Quei giocatori una volta importanti e famosi ora valgono zero. E non esiste allenatore dotato di poteri magici in grado di rimetterli in sesto.

        Qui la dirigenza si è imbarcata in delle operazioni di mercato talmente sbagliate a cui non si può porre rimedio.

        Certo allontaniamo Sarri e poi?

        Perché con Guardiola giocatori come Rabiot Khedira Ramsey resuscitano, o Bentancur di colpo diventa come De Bruine?
        O Matuidi diventa Kroos?

        Non giriamoci intorno abbiamo il peggior centrocampo.

        • andrea (the original)

          Beh giocavamo contro il centrocampo del Verona che non mi risulta sia composto da stelle del firmamento.

  13. Ci stiamo ancora chiedendo se questa è la Juve di Sarri o ancora quella di Allegri e dopo 6 mesi la risposta del campo dice che non è nè l’una e nè l’altra. Questa è una Juve che non sa neanche più gestire le partite, incapace di reagire quando è sotto pressione e di aggredire e chiudere le partite quando è il momento, quella di ieri sera a Verona anche una Juve messa in campo senza logica. Un’assurdità Douglas trequartista, gli unici lampi del brasiliano il Costa-to-Costa di 40 metri con la traversa finale e l’assist d’esterno sinistro per il colpo di testa di Ronaldo, il resto del tempo a rincorrere gli avversari fino all’arrivo puntuale ed inesorabile del problema muscolare. Incomprensibile poi lasciar fuori Dybala per un Higuian non in grado di sostenere certi ritmi contro avversari che corrono il doppio. Una squadra che nelle apparenze somiglia all’ultima Juve di Allegri, non nella sostanza perchè quella che s’è fermata solo alla 33a giornata con lo scudetto già in tasca, questa di Sarri invece è un’altra cosa, è un colosso dai piedi d’argilla la cui forza poggia su due piedistalli che incrinandosi ne provocano la caduta, i flessori di Douglas Costa e le amnesie difensive.

    • andrea (the original)

      Purtroppo se giochiamo alla Allegri come spesso ultimamente in trasferta torniamo a far dipendere la partita dagli episodi.
      Dunque io non so se somiglia a quella di Allegri, di certo non somiglia a quella di Sarri che nella prima parte della stagione, a volte meglio a volte peggio, provava a produrre calcio invece che chiudersi dietro.
      Le stesse parole di Sarri “sapevamo che nella prima parte ci sarebbe stato da soffrire e sarebbe stato difficile uscire” son parole tipiche degli allenatori difensivisti ed è questo che fatico a capire.

      • Andrea: queste di Sarri sono le parole di un allenatore che si è consegnato ai senatori dello spogliatoio.
        Le parole di chi ha già perso la sua battaglia, che è innanzitutto di credibilità, cioè di leadership …

        • Un allenatore in questo stato va sostituito perché troppi galli a cantare non vanno bene. I giocatori senatori devono fare i giocatori e basta, dispensare consigli su tutto tranne sulla maniera con cui si vuole giocare altrimenti è veramente la fine.

          • andrea (the original)

            Se non lo sostituiscono evidentemente ancora pensano che la soluzione possa risolversi, margine c’è ancora, non è finita la stagione.
            Se si dimettesse comunque avremmo il problema di trovare un altro allenatore a febbraio.
            Insomma io ci andrei piano, anche lo scorso anno pur avendo vissuto la più brutta stagione della mia vita da tifoso, un esonero in corsa non lo avrei mai auspicato per gli stessi motivi.

    • @Gioele
      Lungi da me il farmi passare per uno che fa le formazioni…se qualche volta l’ho stilate era per una semplice considerazione per come impostare la squadra…ieri ad esempio: se tu, Sarri, dichiari che il Verona è una squadra tosta allenata da un bravo allenatore che fa giocare la sua squadra con tanto di corsa e profondità, tu, Sarri, non pensi di contrastarli mettendo un terzino, terzino a dx spostando Cuadrado più avanti ?
      Higuain deve fare l’Altafini di un tempo, oggi non ce la fa, ieri nemmeno tanto lontano si, oggi non ce la fa…non puoi rinunciare a Dybala (che aveva resuscitato), in questo modo scontenti prima uno e poi l’altro…non dovrebbe essere così per due professionisti ma lo è.

      Cosa si vede all’orizzonte ?
      Dietro queste nubi c’è una piccola montagna, il Lyone e poi l’inter, una montagna un po’ più grande e se non tiri la cloche indietro rischiamo di andare a sbatterci contro.

      Ciao

      • Mauro the Original

        Barone

        Concordo su alcune cose che dici. Non puoi tenere il piede in due scarpe facendo giocare alternati Dybala e Higuain. Così facendo scontenti entrambi.

        Dentro Dybala a tempo pieno e Higuain riserva, questi devono essere i ruoli. Poi succeda quel che succeda

  14. Mauro the Original

    Ben

    Tu che sei realistico e buon analizzatore, ma secondo te il centrocampo che abbiamo è di qualità?

    Per me fa completamente schifo e non bastano due partite di Bentancur per proclamarlo un top player. Con Real Manchester City o Barcellona tutto il nostro centrocampo sarebbe in panchina altro che storie

  15. Andrea.
    La cosa che mi ha intristito di più ieri sera, è che mi è stato chiaro che Sarri ha perso la sua leadership. Le sue idee sono state messe in soffitta dai senatori della squadra, che ora gioca come faceva prima e come le gambe le consentono: mettendosi in difesa contro una squadra che ha giocato in trasferta due giorni prima.
    Ho pure la netta sensazione che questa è gente che non si allena con la necessaria intensità. Perciò non è in grado di reggere certi ritmi.
    Hanno perso tutti quelli che amano la Juve ieri sera.
    Perché è stato conclamato il fallimento di un progetto di gioco.

    Spero solo che ora non si inneschi un meccanismo classico in questi casi : il “si salvi chi può”.

    • Mauro the Original

      Luigi

      La strada per non buttare la stagione è facile da percorrere:
      Mettere da parte campionato e coppa Italia e concentrarci solo sulla Champions.

      Lo hanno fatto Barcellona e Real soprattutto, non vedo perché non possiamo farlo noi.

      Un secondo posto in campionato e una finale Champions non mi sembra possa essere considerata una stagione deludente.

      Certo non vinci nulla ma intanto rimani ai vertici e avanzi nel ranking uefa.

      Vincere sempre non si può, già otto anni consecutivi sono troppi.

    • andrea (the original)

      Questo non possiamo saperlo, lo pensavamo anche nella stagione dei 12 punti nelle prime 10
      Insomma, sulla carta ricucire si può ancora, a meno di colpi di scena che non possiamo conoscere.
      Sai, io sul ruolo dei senatori ci ho sempre visto più ingombro che vantaggi, specie quando si vuol cambiare mentalità nelle strutture gli storici sono i più resistenti.
      Solo che a oggi i senatori chi sono? Buffon? Non è più quello che pesava prima.
      Bonucci? Litigo’ pure con Allegri, non è uno facile.
      Gli altri non so se si possano considerare senatori, l’unico che pesa a prescindere è Ronaldo che mi sembra molto più motivato dello scorso anno.
      Sicuramente la Società è ora che sia un segnale, che parli forte, magari anche attraverso i media.
      Marotta difende Conte a ogni delirio del leccese, da noi nulla.
      E dico difendere non perché è Sarri ma perché se mai ci sia un conflitto interno è l’unico modo di aiutarlo a tornare se stesso.

      • Andrea, purtroppo pare che neanche il conflitto ci sia.
        Sarri mi sembra troppo timido per attaccare qualcuno al muro …
        E intanto la barca, lentamente, si defila per la deriva …

    • Caro Luigi,
      L’impressione é che Sarri sia voluto entrare troppo in punta di piedi in un ambiente che non l’ha mai appoggiato. Senza la disponibilitá da parte dei giocatori qualsiasi progetto é destinato a fallire. Non é una giustificazione ma una realtá.
      Dovesse andare via spero almeno che ques’esperienza sia servita a far aprire gli occhi e che quindi sia seguito a ruota da quei pagliacci che non amano la Juve ma solo se stessi.

      • Sono d’accordo Kris.
        Il repulisti deve essere totale qualora proseguissero nell’attuale sbracamento.
        Perché questo sta succedendo.
        Sono sbracati di testa e di gambe, e prendono pure per fessi i tifosi quando ripetono la litania: “Questa sconfitta ci insegnerà molto”.
        Allora siete pure dei ciucci, perché non imparate mai un cazzo da prestazioni di merda come quella di ieri sera !!

  16. Premessa: sono ancora convinto che non sia questo il momento per i de profundis. Siamo in corsa su tutti i fronti, la squadra ha qualità superiori a tutte le rivali italiane, in Champions non ci sono mostri e il Lione sta messo pure peggio di noi.

    Detto questo, lasciatemi dire che trovo però troppo banali alcune giustificazioni che leggo per quello che stiamo vedendo.

    “Bonucci fa schifo e anche ieri ci ha fatto perdere”… ieri Bonucci ha salvato il raddoppio di Borini deviando in corner la conclusione di sinistro che avrebbe battuto Sczesczny… poi il rigore non è colpa sua, ma dell’ennesima occasione concessa agli avversari da calcio piazzato. Lì Bonnie si vede Kumbulla arrivare saltando da dietro e tenta di metterci il fisico per fargli perdere coordinazione… il problema è il solito: quel tipo di difesa a zona lascia troppa libertà ai saltatori che partono da dietro e arrivano a staccare in corsa, con un vantaggio notevole nei confronti di chi deve invece saltare da fermo.

    “La squadra si autogestisce”… mi sembra la classica frase da dire quando non si sa più a chi dare la colpa… quindi gli anni passati eravate sicuri che i giocatori in campo giocavano male perché facevano esattamente quello che desiderava Allegri… mentre oggi giocano male perché hanno deciso di fare il contrario di quello che vuole Sarri. Perché i due termini “Sarri” e “brutto gioco” sono ontologicamente incompatibili e quindi una spiegazione diversa non è possibile… vabbè.

    “La squadra ha la pancia piena”… scusate, ma quando nelle stagioni passate segnalavo che l’aspetto psicologico non si può sottovalutare tra le qualità richieste ad un allenatore, soprattutto quando arriva sulla panchina di una società che sta vincendo da 4,5,6,7,8 anni di fila… dove eravate? Quando dicevo che tra gli indubbi meriti di Allegri c’era anche quello di saper motivare un gruppo pur dopo anni di trionfi a ripetizione? Quando scrivevo che dovevamo trovare un tecnico dal carisma indiscutibile? Niente, contava solo il “bel gioco”. Tanto per vincere bastava essere più forti, e con questa Juve avrebbe vinto anche mia nonna a guidarla. Oggi, guarda caso, qualcuno azzarda “eh ma le motivazioni contano”… Bene, bravi, sette più, come avrebbero chiosato Cochi&Renato.

    Insomma, un po’ di coerenza, please.

    • Mauro the Original

      Michelleroi

      A mio parere la squadra è stata spremuta come un tubetto di dentifricio e non c’è più nulla da salvare.

      Con questi giocatori nessun allenatore riuscirebbe ad ottenere di più.

      Per me il gruppo è da rifondare, conservando qualche giocatore giovane o motivato.

      Terrei questi:

      Sceznzy

      De Ligt Romagnoli Alex Sandro

      Bentancur Tonali Kulusevski

      Chiesa Dybala

      Ho inserito 3 nuovi acquisti a cui aggiungere altri due titolari.

      Per il resto venderei tutti, considerando che alcuni ci possono portare a casa soldi, vedi Rabiot Pjanic Higuain Costa e Bernardeschi.

      Ronaldo a fine stagione sicuramente ci saluta ma qualcosa ci dovrebbe far prendere anche lui.

      Come allenatore non andrei a prendere un nome altisonante ma su Gasperini.

      La Juve deve ricostruire quel blocco giocatori su cui puntare per anni.

    • Solo alla fine ti sei salvato Michel, quando hai scritto che per la Juve (oggi come oggi aggiungo io), ci vuole un tecnico di carisma.

      Perché, e lo ripeto per i più duri di comprendonio, quando un Bonucci ti grida da centrocampo: “STAI ZITTO CHE CE LA VEDIAMO NOI”, vuol dire che il tuo progetto è stato messo in discussione !
      Perché due sono le strade:
      o dalla partita successiva Bonucci sta in tribuna, o ti consegni con le mani legate ai senatori !

      Ora sappiamo come è andata caro Michel.
      Altro che “non si sa più a chi dare la colpa” o altre simili amenità …

      • Luigi e Kris

        Visto che dite sostanzialmente la stessa cosa, mi riportate il link in cui si legge con certezza che proprio quelle sono state le parole di Bonucci?

        • Michel,
          É irrilevante che siano quelli i termini. Basta vedere come ricula continuamente la squadra. Tu dici che Bonucci ha fatto salvataggi, ma che ci facevamo in quel momento della partita schiacciati all’indietro contro un Verona che doveva essere cotto dopo un’ora che ci dominava?
          Come mai dopo Napoli ha riconosciuto che non erano concentrati e dopo 15 giorni rivediamo la stessa prestazione?
          Perché Sarri dopo Roma e Parma é stato costretto a ripetere le identiche parole “io preferirei gestire nella metá campo avversaria, ma…”.
          Perché nel secondo tempo di Roma dice di essersi dovuto adeguare a quello che la squadra stava facendo anche senza condividerlo?
          Perché la richiesta d’aiuto ai leader dello spogliatoio?
          Che poi non c’é bisogno che lo dica Sarri, che vanno in campo in infradito lo vediamo tutti.
          E parlo di Bonucci come capitano e leader morale in campo. Forse la fascia dovrebbe passare a De Ligt che si sente meno spostatore e dá sempre il massimo.

        • Che fai lo gnorri ?
          Le riportarono tutti i giornali le parole di Bonucci durante Lazio -Juve (3-1).
          “Stai calmo, ce la vediamo noi !”

          Negare anche queste cose comincia a essere puerile …

    • Michel,
      Concordo con la tua premessa, c’è ancora la stagione da giocare.
      Sul resto, che può essere anche condivisibile,i chiedo:
      Un Bonucci, visto che si parla di lui, che farebbe determinate cose se gliele chiedesse un Guardiola ma invece non le fa se gliele chiede Sarri ha un livello accettabile di professionalità?
      Perché non parliamo di ragazzini ma di gente più che matura (alcuni addirittura aspiranti a ruolo dirigenziali).

  17. Oggi, oggi non domani, un Dirigente dovrebbe metterci la faccia, e dire qualcosa di simile:

    questo è un momento di difficoltà, ma i conti si fanno alla fine.
    Chiediamo quindi di restare compatti per gli obiettivi di stagione, tutti comunque alla nostra portata !
    Ai giocatori chiediamo il massimo impegno, perché a fine stagione tutti saranno valutati per l’apporto che avranno dato alla causa !

    Esiste oggi un dirigente juventino, a cominciare dal presidente, in grado di dire qualcosa di simile !?

  18. Mauro the Original

    Il ritorno di Bonucci per me è stato un errore grandissimo.

    Certo a suo tempo lo avevo accettato considerando stesse in panca dietro Chiellini e Benatia.

    Invece ha fatto fuori Benatia che in marcatura era eccezionale, ed ora sta creando disastri.
    Non lo trovo assolutamente adatto a questa Juve.

  19. Le macerie di 5 anni allegriani si vedono eccome:
    salvo Ronaldo sono tutti appiattiti prima nel cervello e poi nelle gambe !

    Ramsey si vede che viene da un altro mondo, conquista palla e la passa proponendosi nello spazio … Aspettando il triangolo che non si chiude mai !

    • Mi spiego:
      passare da un gestore (Allegri et similia) ad un insegnante di calcio (Sarri et similia), è letteralmente impossibile con questi uomini.
      E’ questo il paradossale errore commesso dalla dirigenza.

      • Prossimamente è meglio che venga ad allenare il mio piccolo Lecce allora se ha bisogno di gente cui insegnare e se non può allenare campioni come quelli che ha la Juve. Comunque io mi accontento di avere Liverani perchè è facile che si possa salvare e li fa giocare pure bene. Oggi è riuscito a vincere persino a Napoli dove la Juve 15 giorni addietro ha lasciato 3 punti.

  20. Bonucci con Allegri era andato sul trespolo…
    Delight si è appiattito all’Aiax, Rabiot al PSG, Higuain un po al Milan ed un po al Chelsea…
    Se 11 titoli in 5 anni sono macerie, vedremo il ‘progresso’ fatto a giugno…
    Difesa stretta, marcatura a zona sulle palle inattive, giocare senza centravanti, sono SCELTE di Sarri.

    • andrea (the original)

      Ancora questa stronzata dei trofei in 5 anni?
      Se fosse vero questo uno che fa 5 target in Azienda dovrebbe essere confermato a vita.
      Lo scorso anno ha fatto schifo, per questo lo hanno licenziato e hanno scelto il suo opposto.
      Che poi il suo opposto ora stia facendo come lui il difensivisti è altro discorso e valutiamo questo.
      Poi delle difese a zona e altre minchiate delle genere tieniti i tuoi calcolini calciologici.
      Il centravanti paracarro era una idea solo di Allegri e di quello del Qatar.

      • Devi occuparti di cervelli AB…… qualcosa, li dai del tuo meglio… , il calcio ti è sconosciuto, lascia perdere.

  21. Lo scorso anno il problema era Allegri, quest’anno i calciatori si sono Allegrizzati nonostante il cambio della gestione e spunta un nuovo capro espiatorio in Bonucci .
    Prima di mettere croci sulle spalle di qualcuno mi auguro che le partite possano essere viste senza pregiudizi e magari aspettando il primo sbaglio nell’appoggio più facile per poter dare addosso a quel qualcuno. Emre Can era fuori dal progetto e poi lo vendi e fa subito un goal da cineteca. C’è qualcosa che non va nel verso giusto ed il tempo di conoscersi e per i convenevoli è finito. Se Sarri vuole qualcosa di diverso dalla squadra è bene che se lo sappia dare, altrimenti meglio si metti da parte onde evitare ulteriori performance come quella di ieri.

    • Scusa Antony,
      Ma Can quanti ne ha fatti da cineteca l’anno scorso?
      Lo si é venduto perché qui non ha reso, il tiro della domenica cambia nulla.
      Non é che ci inventiamo niente, Bonucci e Buffon li hai sentiti dopo Napoli? Dai, le partite le vediamo… o Kubulla e compagnia sono veramente cosi superiori a noi?
      Non si parla di giocatori piú o meno bravi, si parla di impegno e disponibilitá.

    • andrea (the original)

      Allegrizzarsi non è mica una deresponsabilizzazione Antonio anzi, è la cosa peggiore che Sarri potesse fare.

      • Voglio essere onesto Andrea e sai che non ho mai peli sulla lingua. Lo scorso anno assistetti ad un intervista di Sarri quando il Chelsea non andava e lui si diede un alibi con “ la squadra negli anni passati ha assimilato un tipo di gioco di rimessa che non riesco a scardinare, come dettame o eredità del precedente allenatore”. Non mi piacque questa lettura , aldilà se stesse screditando Conte o qualcun altro, che tra l’altro con quella squadra e con quel gioco aveva vinto.
        La squadra nel momento in cui l’allena un altro dovrebbe prendere indicazioni da questo ultimo, non ti dico che dimentica quanto fatto prima, ma il calciatore prende la posizione e fa quello che che il suo allenatore gli chiede. Se vai ad allenare tu domani la Juve pretendi che i calciatori seguano i tuoi dettami non quelli che che avevano assimilato da altri prima. Io non accetto dopo ormai 7 mesi e 34 partite già giocate sotto la guida Sarri che la squadra sia ancora come hai detto tu “allegrizzata”.
        Cosa lo hanno messo a fare se non riesce a cambiare il tipo di gioco a questa squadra? Qui non stiamo parlando di novellini, ma di campioni affermati e qui rispondo pure a Kriss, che so che è d’accordo con me, riguardo al complesso di calciatori di cui dispone la Juve.
        Se Can è fuori progetto ( non sapremo mai perchè) e ti gioca una partita ( la prima senza assuefazione con il resto dei compagni) in quel modo in Germania suggellandola con un goal di quel tipo, dovremmo capire come mai, nella Juve non riusciva ad avere l’opportunità di poter tirare un tiro in porta in quel modo. Sarà solo fortuna? Non credo perchè vedo che se non segna con qualche “ acrobazia o gesto tecnico impossibile” di qualche nostro fuoriclasse in modo estemporaneo, la Juve in porta tira poco e si fossilizza con quel gioco lento senza liberare mai nessuno sulle fasce per crossare, o per aprire la difesa avversaria, entrando in quell’imbuto centrale dove gli avversari sono tutti ben piazzati ed organizzati.
        Inizio a pensare che Sarri sia stato fortunato a Napoli nel saper continuare un lavoro che era già di Benitez, e visto che a Londra non ha cambiato il Chelsea, che sia tutto un bluff. Mi auguro di cuore di sbagliare perchè se la Juve perde sono uno che soffre veramente. Non ho preconcetti nei riguardi di Sarri e vorrei tanto che quanto abbiamo visto ieri diventi un brutto passaggio a vuoto, ma vivo la quotidianità, sai quale sia il mio lavoro, e se vedo qualcosa che non funziona e se voglio sopravvivere sono cosciente che devo prenderne atto e cambiare strada immediatamente perchè sennò rischio di portarmi degli strascichi che portano inevitabilmente al fallimento.
        Sono a porte aperte potete rispondermi come volete.

        • andrea (the original)

          Ma, io non vedo in quelle parole la volontà di screditare un altro allenatore parlando di difficoltà nel rimuovere un certo gioco. Non si parla di meglio o peggio ma di diverso.
          Son modi di giocare molto diversi, che entrati nelle abitudini son difficili da scardinare. Tutte le abitudini in tutti gli ambiti son difficili da scardinare.

          Per quanto riguarda la questione Juve invece, se scardinare anche questa mentalità, più duratura rispetto a quella del Chelsea, già solo perché l’ambiente Juve è tremendamente conservatore e italianista, era una grande difficoltà, il problema è che nella prima parte di stagione Sarri stava proponendo un gioco diverso.
          A volte riusciva meglio, altre peggio, ma una Juve chiusa in difesa non si vedeva.
          Oggi si è questo per me è inaccettabile perché significa paura e lo è ancor di più perche quest’anno si vede qualche squadra in più che tra investimenti (Inter) e crescita (Lazio) o coraggio (Verona) non ha paura, non ha perso prima di scendere in campo.
          Cioe l’unica cosa che non si può accettare è il difensivismo.
          Il resto per me conta poco: i gol subiti interessano molto i difensivisti ma già solo per quelli che prendi da piazzato non sempre sono indicativi.
          Allo stesso modo quelli fatti.
          Prova ne è che ieri, in una partita indecorosa, con un pizzico di fortuna ne facciamo 4 e di tiri in porta su azione ne abbiamo subiti zero.
          Quindi il problema resta il gioco.

          Sorvolerei su Emre perché avendo visto il gol live ho scritto subito al Barone per dirgli della prodezza ma sinceramente se nella carriera di Emre mi trovi gol del genere possiamo riparlarne. Che possa essere lui un motivo di critica a Sarri mi pare pretestuoso, mica parliamo di Pirlo.

  22. Scusate l’intrusione; poi me ne ritorno nell’anonimato fino a fine stagione. Mai avrei pensato in vita mia di dover dire: ” mi tocca andare a Torino”. Mai! Eppure domenica mi tocca x accompagnare mio figlio che x il compleanno quest’anno ha desiderato x una volta rinunciare alla festa con gli amici x andare a vedere la Juve. È uno tranquillissimo ma visto che è ancora minorenne non me la sento di mandarlo da solo seppur con un club. Solo al pensiero di dover fare tra andata e ritorno 1.300km in pullman mi vengono i brividi. X andare a vedere poi? 22 imbecilli più eventuali sostituti che corrono dietro ad una palla? Sì xché ormai x me il calcio è questo. Inutile che sottolineo che condivido ogni post di michelleroi, Ivano e Luigis. Ovviamente rispettabili anche le altre idee ma sono sempre più convinto che anche questa volta Allegri ci aveva capito tutto chiedendo una certa specie di rivoluzione. La società non l’ha ritenuta opportuno e avrà avuto i suoi motivi. Vorrei ribadire che non ce l’ho e non ce l’ho mai avuta con Sarri che reputo un bravo allenatore. Domenica spero almeno in una vittoria xché scusate, non me ne vogliate, ma dopo tutti quei km una bella prestazione la potrei sopportare solo se porta ad una vittoria. Ho sempre snobbato e continuo a farlo, la champions rispetto ad un campionato. Ma x quest’anno spero x voi nella botta di c.lo che sempre ci vuole x tutti x vincerla xché x il campionato la vedo molto dura. Scusate il disturbo. Buona continuazione.

    • Beato te Germano. Io con (quasi) 1300 Km… faccio solo l’andata. Comunque vai tranquillo, allo Stadium la Juve è ancora forte 😉
      Saluti.

    • Ciao Germano,
      non sei l’unico… mi rompo sia allo stadio sia davanti alla TV.
      Scrivi ogni tanto.

    • Ciao Germano, vai e tifa Juve, chiunque l’alleni, è la tua squadra del cuore e basta. Lo sai bene che neanche a me piaceva la crociata anti Allegri che si è perpetrata lo scorso anno, ma dobbiamo essere onesti da dovere appurare che il suo tempo alla Juve era arrivato alla fine. Ha avuto le sue occasioni, ha vinto molto ma in alcuni frangenti è stato “ sfortunato” ( vedrai che questo “sfortunato” me lo passano) 😀😀.
      C’era bisogno di un cambiamento ed il prospetto Sarri non era poi male, se soprattutto si voleva vedere qualcosa di diverso.
      Tutte le ciambelle non riescono con il buco come vedi, ma non per questo dobbiamo poi fare come altri amici che aspettavano un passo falso di Allegri per poter asserire “ ve lo avevo detto”.
      Questo ci ha portato il convento ( anzi Paratici e Nedved) e dobbiamo sperare che abbiano preso giusto. Non è ancora compromesso niente, godiamoci in questi alti e bassi questa Juve di Sarri e a fine campionato ne tireremo le somme. Pure io tengo più al campionato che alla maledetta soprattutto quest’anno che abbiamo un nostro “ex” dalla parte opposta ed anche perché ho da vincere una scommessa con un amico che non ci credeva che ne avremmo vinti 10 consecutivi.
      Un abbraccione e, scrivi che ci manchi.

  23. Mauro the Original

    Faccio un sondaggio

    Quanti di voi vorrebbero un rinnovamento completo con giocatori giovani e motivati e Gasperini come allenatore?

    In fondo ci chiamiamo Juventus ma abbiamo da anni una platea di pensionati.

    Mi manca la Juve dei Torricelli Bonini Ravanelli ecc ecc.

    Cioè abbiamo avuto Platini che si è ritirato appena passati i 30, ora invece ti arrivano a 40 e oltre. Per forza non ce la fanno a tenere il ritmo.

    • Fermo restando che questa stagione è ancora vivissima, con giocatori giovani e motivati (e, immagino si sottointenda forti) faccio fare il secondo anno di contratto all’attuale allenatore.

  24. Dalle conferenze stampa si evince che in effetti ci sia un certo scollamento tra la squadra ed il tecnico.

    Bonucci primo sul banco degli imputati, la squadra senza di lui ha giocato assolutamente meglio.

    Ma tutti i “senatori” sono a compagnia del Capitano.

    Le parole di Buffon dopo Napoli sono state a mio avviso devastanti ed il “fino alla fine” di Bonucci letto oggi mi infastidisce non poco.

    Fortunatamente siamo la Juve e queste cose non le sapremo mai.

    La Juve è oggi il quinto club più forte del mondo per risultati, non è un club per tutti.
    Molto probabilmente non lo è per Sarri se non riesce a farsi seguire dalla squadra e questo si capisce dalle sue parole.
    Molto probabilmente non lo è per alcuni giocatori che obbiettivamente oggi, di fronte ad una squadra che cerca di giocare a calcio mostrano evidenti limiti tecnici.

    Bonucci? Si soprattutto lui…

    • L’unico difensore con i piedi buoni…. non sarebbe adatto al gioco di Sarri…
      Bonucci dopo 8,5 anni di Juve, gli sono venuti i limiti tecnici…
      È un virus? Speriamo non si trasmetta anche al blog…

      • Se leggi meglio non ho detto che Bonucci non è adatto al gioco di Sarri.

        Ho scritto a chiare lettere che Bonucci non è all’altezza di giocare nella Juve per evidenti limiti tecnici.
        Non legati solamente ai piedi, penso alla difesa sull’uomo e sui colpi di testa.

    • Sì, proprio Bonucci, che ieri cercava di uscire dal pressing alto del Verona con i suoi lancioni nella terra di nessuno …
      In un calcio minimamente organizzato Bonucci c’entra come i cavoli a merenda …
      “Stai calmo, lo sappiamo”, se se, ho visto come … non sapete un cazzo !

    • Dai ragazzi davvero pensate che il solo bonucci abbia tutto questo potere all’interno dello spogliatoio? Davvero credete che la colpa di come giochiamo sia di bonucci? Quello che scrive qui sotto ivano è sacrosanto aggiungerei che il bonucci che si sta criticando è quel giocatore cercato da guardiola allenatore auspicato da tutti voi. Detto ciò non risulta da nessuna parte che la fase difensiva venga fatta dai difensori, nella fase difensiva i primi difensori sono gli attaccanti, sono loro che dettano il pressing se si decide di farlo e sono loro ad accorciare la squadra se si decide di aspettare l’avversario nella propria metà campo. Paradossalmente la difesa è quella che determina la fase offensiva quando sale per far riversare la squadra nella metà campo avversaria come si cerca di fare con il possesso palla voluto da sarri lasciando poi 60 metri di campo alle ripartenze avversarie. Insomma addossare le colpe a bonucci è un dei tanti tentativi di non voler vedere le responsabilità di sarri, che allo stato attuale dei fatti non ha ancora compromesso nulla ma i suoi numeri indicano la strada per il burrone.

      • Luigis,
        Si parla di Bonucci come
        capitano e rappresentante dei famosi senatori, non per addossare a lui tutte le colpe.
        Proprio per quello che dici, se si vuole fare pressing e recupero alto la difesa dovrebbe accorciare. Cosa che non fa praticamente mai. Tant’è che i gol non li becchiamo in contropiede come molti temevano ad inizio stagione.
        Ieri dopo il nostro gol il Verona ha accusato il colpo, si erano sgonfiati e noi invece di alzare la squadra e dargli il colpo di grazia abbiamo cominciato a cincischiare bassi convinti di averla risolta.

        • Kris
          il pressing parte dall’attacco, dovrebbe essere higuain o dybala, ronaldo e costa ad iniziare il pressing. Ma questo non avviene soprattutto perché ronaldo decide di farlo quando vuole e come vuole e higuain lo fa senza la giusta cattiveria e determinazione. In alcune partite in cui c’è stato pressing una volta saltato quello fatto dagli attaccanti a catena venivano saltati tutti perché il pressing va fatto sincronicamente insieme e questo spesso non avviene. Se bonucci alza la squadra ma salta il pressing hai 60 metri di campo libero e succede quello che è successo con la lazio o la partita, che non ricordo con chi era, dove demiral ha compiuto quei due recuperi eccezionali.
          Kris sulla partita di ieri sera sinceramente abbiamo preso la traversa con costa negli ultimi 10 minuti mai fatta un’azione pericolosa loro ci hanno bombardato, insomma non ho visto un cincischiamento ma una grossa cazzata di bentancur che fa il tacco 10 metri fuori area di rigore. Detto ciò però io non mi riferisco alla sola partita di ieri sera: qui è da dopo l’inter che vediamo una serie di partite fotocopie a peggiorare.

  25. Andrea se l’ipotesi di luigi è giusta e io penso che lo potrebbe essere visto le dichiarazioni di sarri: speriamo che qualcuno mi aiuti. Avremmo un allenatore che non conta più nulla, un anarchia che vede chi è neutrale, favorevole a sarri e chi al cambiamento: ossia un ginepraio tale da portare al caos più assoluto. Se questa ipotesi, ripeto, fosse vera l’unica soluzione sarebbe il cambio dell’allenatore. E guarda che leggevo poc’anzi bosco il quale non si discosta molto dalla tesi di luigi e dalla necessità di un avvicendamento.
    Bosco addirittura premeva per il ritorno di allegri che io non vedrei bene poiché nella squadra ci sono giocatori che l’anno scorso erano ai ferri corti, ma un carrera ad esempio non mi dispiacerebbe.

    • Vabbè, Bosco l’ho letto anch’io ed è il solito attacco a Sarri che porta avanti da giugno.
      Parla più che altro di protezione del risultato, difesa ecc.. che non c’entrano nulla con la sconfitta di ieri ne con la situazione attuale. La sensazione è che non vedesse l’ora di poter chiedere apertamente (fino a ieri solo lo insinuava)il ritorno di Allegri, nell’illusione che quest’anno avrebbe fatto meglio.

    • Guarda luigis … Tra il sospettare -anche a causa delle sue dichiarazioni-, che Sarri non abbia la fiducia di tutto lo spogliatoio, ed auspicare il ritorno di Allegri, ci corre un abisso.
      Quindi io non sono affatto del parere di Bosco.

      Questa squadra ha dei problemi strutturali che sono stati ampiamente dibattuti.

      Oggi come oggi, ad esempio, visto l’ennesimo infortunio di Costa, avanzerei il ruolo di Cuadrado, che invece come terzino si può ampiamente sostituire.
      Tanto per cominciare a guardare avanti !

    • andrea (the original)

      Il buon Andrea Bosco ama un certo tipo di allenatori, dunque verso allenatori diversi è molto critico a prescindere.
      Per il resto, intanto noi non sappiamo il livello del conflitto e se sia risolvibile ma certo un management di livello prima di prendere provvedimenti interviene.
      Lo ha fatto anche negli anni scorsi, perché visto che parli di anarchia non mi pare che lo scorso anno il clima fosse diverso. Facce, parole, comportamenti in campo, ribellioni, lasciavano pensare a una squadra lontana da Allegri.
      Ma ancor prima, in stagioni precedenti, i dissidi con Bonucci, quelli con Alves, venivano curati innanzitutto legittimando il mister, al punto anche di cedere i giocatori a lui contrari.
      Dunque, se le parole di Sarri sono un segnale di pericolo (e lo sono), hanno anche una logica di chiamata alla Società.
      All’Inter Conte lancia moniti alla Società un giorno si e l’altro pure, ogni volta in cui si trova in difficoltà.
      Anche perché ribadisco, non mi risulta vi siano allenatori di spessore disponibili in questo momento, la Juve è già nei guai con i conti e paga già uno per stare a casa e un altro per andare in panchina.

  26. @Kris, Luigi

    No, ragazzi, le parole vere contano eccome, visto che poi voi le usate per farne derivare ipotetiche conseguenze.
    E le parole vere di Bonucci in quella partita furono “stai calmo, lo sappiamo”, a significare che la squadra (o la difesa) conosceva quelli che erano i dettami dell’allenatore.
    Quindi, Kris, secondo te la Juve rincula all’indietro perché lo vuole Bonucci? E secondo te, Luigi, i giocatori si ammutinano a Sarri per far contenti i due/tre senatori, da te individuati in Bonucci, Buffon e magari Chiellini?
    Ok ragazzi, ne prendo atto.
    Ma, scusatemi, non vi seguo proprio. Siamo a livelli della Spectre e delle scie chimiche. Io parlo di calcio.

    • Pier, “stai calmo” lo dici a tuo fratello non a me doveva rispondere Sarri !
      Perché -e continui a fare lo gnorri !-, quello ‘stai calmo’ detto con la gestualità di Bonucci non era certo amichevole.

      • Luigi
        Si capisce che non sei mai stato in campo, o in panchina. E non lo dico in modo sgarbato. Perché quando giochi, e magari sai che stai facendo una brutta prestazione, e in più stai pure perdendo, molte volte si sbrocca, anche con i propri compagni e, a volte, anche con l’allenatore. Ripeto: è folle dedurre da quelle parole qualcosa di diverso dal “mister, catzo, noi qui stiamo facendo il possibile”.

    • Michel,
      Non ho parlato di ammutinamento, ma di scarso impegno confermato dagli stessi Bonucci e Buffon. Quest’anno, proprio perché é un anno di cambiamento, é necessario ancora di piú che stiano sempre sul pezzo. Il gol del pareggio di ieri, tar le altre cose, conferma la mollezza.
      Se l’idea é quella di un gioco fatto di ritmo, pressing e velocitá come possiamo farlo andando in campo in queste condizioni mentali?

      • @Kris, andiamo…
        Ma come puoi parlare di “scarso impegno”?? Nel dopo-Napoli Buffon e Bonucci non dicono che in campo qualcuno volutamente “non si impegna”.
        Comunicano che talvolta può subentrare una sindrome da pancia piena che ti fa arrivare alla partita, senza esserne consapevole, in modo meno concentrato, meno cattivo, meno preparato… e questo poi in campo si traduce in riflessi allentati, in frazioni di secondo perse… e quando hai a che fare con avversari con la bava alla bocca la differenza è evidente.
        Ma questo rischio, ragazzi miei, esisteva anche dopo cinque anni di vittorie consecutive, dopo sei, e dopo sette… il cambio di allenatore serve anche a questo, a trasmettere una scossa alla squadra, a darle nuovi stimoli! E tocca al neo tecnico essere bravo a motivare i calciatori, a toccare le loro corde giuste a livello psicologico. Allegri da questo punto di vista era uno bravo, lo dicono i fatti. Su Sarri, visti i trascorsi, avevo qualche dubbio. E purtroppo questo scorcio di stagione non mi ha fugato le perplessità, anzi.
        Credimi, non serve correre dietro ai fantasmi per spiegare cose che hanno invece motivazioni razionali. Il fatto che talvolta ci dia fastidio riconoscerle non deve farci chiudere gli occhi.

        • Non so dove tu veda i fantasmi.
          Sarri si è lamentato, per esempio, in più di un occasione di una tendenza a gestire bassi e non ho visto nessuno sforzo fatto dai giocatori in senso contrario. Se poi in più scendono in campo pensando di vincere facilmente la frittata è fatta. E grazie al cavolo che poi si dice “non si vede la mano di Sarri”.
          L’allenatore non avrà toccato le corde giuste, ma non gestisce mica bambini dell’asilo. Allora almeno evitassero le fanfaronate nelle interviste e richiamassero i mental coach visto che non sono in grado da soli.
          Dici che Allegri era più bravo in questo, può darsi, ma lì coincideva il gioco al risparmio dei giocatori con la filosofia del tecnico per il quale partite inguardabili erano all’ordine del giorno.
          Se si vuole “fare” la partita come pretende Sarri bisogna dare qualcosa in più. Una parte la deve tirare fuori l’allenatore ma un’altra importante c’è la devono mettere i giocatori.
          Se non ci sei con la testa sbagli posizioni, sei meno reattivo in area, commetti leggerezze come quelle di ieri, perdi le distanze ecc…
          Con queste premesse vogliamo vedere un gioco organizzato come quello di Sarri?
          Allora sì, meglio uno tipo Allegri che blinda la difesa e poi si vedrà…

          • Hai capito cosa intendo quando dico che rincorrere fantasmi, quando si hanno spiegazioni molto più semplici e ragionevoli, non serve..
            Sarri è l’allenatore della Juve. È lui che deve trovare la chiave per entrare nella testa dei giocatori e farsi seguire da loro. E se qualcuno non lo fa, che lo metta in panca. Abbiamo una rosa senza eguali in Italia. E con Can ha dimostrato di sapersi imporre senza problemi, se vuole.
            Altro non è possibile.

  27. 19.1.2018, Arsenal-Chelsea 2-0 30.1.2018, Bournemouth-Chelsea 4-0 10.2.2019, City-Chelsea 6-0
    Tre sconfitte pesanti a gennaio-febbraio, simili ai nostri passi falsi.
    Si vede che anche a Londra Azpilicueta e Kanté guidavano il gruppo degli ammutinati…

  28. Mauro the Original

    Bonucci ha potere eccome

    Come può un difensore come Rugani pupillo di Sarri e adattissimo al suo gioco rimanere in panchina?

    L’ultima partita che ha fatto è stato eccezionale nonostante giochi 1 volta all’anno.

    Ciò significa che Bonucci ha qualche santo in paradiso, in quanto a mio parere, con il gioco di Sarri c’entra poco o niente.

    Ps ha fatto fuori Benatia che in marcatura vale 100 Bonucci.

    Bonucci fa i lanci lunghi? E che me ne frega? Il regista è Pjanic mica Bonucci.

    Tu caro difensore pensa a fermare gli avversari e non fare il super uomo con lo sciacquo della bocca quando segni 1 goal. Intanto per colpa tua ne prendiamo minimo 1 a partita, quindi per andare pari ne devi segnare almeno 38 a stagione.

    Via Bonucci e tutti stanno meglio. Se rimane Sarri.

  29. FERMATEVI SE POTETE E SE NON POTETE CONTINUATE

    Questi continui confronti al passato e presente non fanno altro che il male a ognuno di noi partecipanti al blog.

    L’attuale situazione è preoccupante, anche perché Sarri non sa più come uscirne e infatti chiede aiuto.

    La situazione attuale mi rimanda indietro nel tempo fino ad arrivare a 30 anni fa, al 10 di febbraio del 1991.

    Mancavano 15 partite come ora alla fine del campionato ed eravamo alle stesse condizioni di ora, e cioè, dentro in tutte le competizioni.
    Come accennato in un post in precedenza eravamo secondi in campionato a pari punti con il Milan e un punto dietro a Samp e inter che erano prime.

    A inizio marzo eravamo nei quarti di Coppa delle Coppe e superando il Liegi approdammo alla semifinale e se Schillaci controbil Barça non cicca quella palla saremmo andati a trovare in finale lo United.

    La Supercoppa già l’avevamo persa contro il Napoli.

    Nelle 15 partite abbiamo ottenuto 5 vittorie, 4 pareggi e 6 sconfitte…16 goal fatti e 15 subiti…totalizzando 15 punti in classifica nelle 15 partite rimaste.

    In classifica arrivammo settimi, lo Scudetto lo vinse la Samp di Vialli.

    Solo una cosa è certa, quest’anno faremo più punti rispetto a 30 anni fa.

    Saluti

  30. Mauro the Original

    E adesso andiamo di tecnica

    Il migliore per il gioco di Sarri è De Ligt. Questo perché ha sempre giocato a zona e quindi spetterebbe a lui comandare la difesa.

    Quando non gioca Bonucci la difesa gioca meglio. Perché?

    Se la squadra gioca alta ed un giocatore arretra, nella fattispecie Bonucci, tutti i giocatori sono costretti ad arretrare per non subire un contropiede, in quanto non possono più sfruttare il fuorigioco. Giocare in linea è molto difficile, e Bonucci non lo sa fare.

    Sarri deve avere coraggio e metterlo in panca come ha fatto con De Ligt. Mi hai tenuto un giocatore da 100 milioni in panca per mesi ed uno da 15 milioni lo fai giocare?

    Qualcosa non quadra.

  31. https://www.ateralbus.it/spero-qualcuno-mi-aiuti/

    Ponderata e condivisibile analisi di Antonio Corsa.

  32. Altra cosa che fatico a spiegarmi.

    Quello di ieri su rigore è, nella sostanza, l’ennesimo gol stagionale preso per la scelta di difendere a zona sui calci piazzati.
    Francamente, ho perso il conto delle reti subite in quel modo.
    E mi domando: se anche sei un allenatore che crede sia astrattamente migliore difendersi sulle palle ferme con il posizionamento a zona, poi dovrai pure fare i conti con le attitudini e caratteristiche concrete dei tuoi giocatori??
    E se a metà stagione ti rendi conto che, nonostante il lavoro di sei mesi, la situazione non migliora, ha senso continuare a insistere con le convinzioni iniziali??

    • È questo il punto.

      Se vedi che i migliori per quello che vuoi fare sono Deligt e Demiral perchè far giocare Bonucci. Non solo, perchè tenere sempre fuori Rugani.
      Vado a braccio ma con Rugani al posto di Bonucci non abbiamo preso gol.

      È poi questo che rimprovero a Sarri.

      Da che mondo è mondo giocano i più forti.

      Oggi i più forti spesso stanno fuori per questioni di equilibrio.

      Sinceramente questo mette molti dubbi sul senso di Sarri alla Juve.
      È entrato in punta di piedi, ha sbagliato.
      Non ha voluto toccare certi equilibri.
      Ha sbagliato.
      Doveva cambiare tutto, non ha cambiato nulla.
      Ha sbagliato.

      Via Sarri? Si in fondo non abbiamo visto nulla.

      Ritorno Allegri?
      Non sia mai abbiamo buttato due anni dopo Cardiff, non buttiamone altri con un idea di calcio che “giocando così la Champions non la vinceremo mai”

      Ed in questo momento gioisco perchè ha raddoppiato Ibra

      • Luca scusa ma rugani ha giocato solo 90° come fai a dire che non abbiamo preso goal.
        Io invece piango perché l’inter ha pareggiato.

    • Michel,
      Lo dicevo su. Forse se vai in campo meno concentrato, o convinto di vincere in pantofole, magari sei anche sei meno reattivo sui cross…
      Poi se vogliamo marcare ad uomo, difendere il risultato o rimettere la difesa a 5 allora conviene cambiare allenatore perché snaturato non ha senso.
      Luca,
      Sarri non metterá mano agli equilibri che dici, neanche se avesse Demiral, figurati con Rugani. Anzi, aspetta che se torna Chiellini va fuori pure l’olandese.

      • @Kris
        Ma che c’entra la possibilità (ragionevole) di tornare a marcare a uomo sui piazzati con il difendere il risultato o rimettere la difesa a 5??
        Sarri può tranquillamente fare il Sarri accettando di avere una squadra che, sulle palle ferme, è più idonea al marcamento a uomo… altrimenti, questo sì, sarebbe un vero dogma da idioti!

        • Sulla difesa non mi riferivo a te, è tra le cose che sento gli reclamino in molti…
          Quello sulle palle ferme è un problema presentatosi nelle primissime partite, poi scomparso e ripresentatosi ora. Per me la forma fisica e mentale incide.
          Poi, per l’amor di Dio, se si dovesse marcare a uomo o misto a me non cambierebbe nulla.
          Come dici, hanno avuto sei mesi per parlarne, dubito che sia un’imposizione unilaterale ma se ci sono difficoltà è bene che si chiariscano subito.
          A volte ho la sensazione che squadra ed allenatore lavorino su due campetti diversi…

  33. andrea (the original)

    Conte ha fatto un patto col diavolo..4 gol senza giocare a pallone.😁

    • Il primo tempo non l’ho visto ma il secondo ho visto un ottimo gioco, una squadra con un gran carattere, e giocatori che quando hanno lo spazio si infilano come missili.

      • andrea (the original)

        Il secondo forse hai visto il PSG.
        Sto ascoltando Sky e non capiscono dove l’Inter l’abbia vinta, mio fratello interista mi ha detto di non avere parole, 4 gol senza fare nulla.
        Poi sappiamo che in Italia si guarda il risultato e si dice chi ha giocato bene ma per me questa è la pochezza del nostro modo di intendere calcio.
        Il Milan era ripartito meglio anche nel secondo, ha beccato 2 gol in 2 minuti casuali, mi aspettavo che a quel punto l’Inter rovinasse invece non è cambiato nulla..il solito piazzato.
        Poi se avere carri armati sui piazzati significa giocare bene allora lascio perdere.

    • Saranno state quattro ripartenze all’olandese di allegriana memoria 😅

  34. Conte sente il sangue purtroppo il nostro!

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: noticias juegos
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia