il calcio e il coronavirus

scritto da Cinzia Fresia

Stiamo vivendo un momento che definire brutto equivale ad un complimento, siamo in quarantena obbligatoria per abbassare il contagio del coronavirus, provvedimento imposto dal governo per ipotetiche tre settimane le quali potrebbero aumentare a seconda del risultato.
Il momento è tragico, ma la tragedia non è solo per le terribili conseguenze del virus, i morti e i degenti in terapia intensiva, poichè poteva essere evitabile se si fossero accorti che nel 2019 il numero di morti di influenza “considerata banale” era troppo alto per il tipo di sindrome che sembrava, e andavano indagati, ma venti anni di tagli alla Sanità ci ha portato a questo, a non dare importanza a qualcosa che andava studiato prima e che avrebbe aperto gli occhi ai virologi, e magari oggi non saremmo in queste condizioni, o forse con maggiori strumenti acquisiti nel tempo.
Comunque attualmente il mondo combatte e il calcio a quanto pare anche con i suoi sistemi.

La Juventus nella persona del Presidente Andrea Agnelli lancia un messaggio invitando ad osservare la quarantena stando a casa e gli stessi calciatori si stanno impegnando in raccolte fondi a favore di nuove acquisizioni di materiale ospedaliero volto a sostenere i malati in terapia intensiva.
Leonardo Bonucci e la moglie Martina Maccari ha devoluto 120 mila euro, alla Città della Salute di Torino, in sostegno alla crisi sanitaria causata dal Coronavirus.
E veniamo a Ronaldo.

Cristiano Ronaldo è volato in Portogallo per osservare la quarantena nel suo paese, per questo è stato molto criticato in quanto pericolo potenziale verso la madre ancora convalescente da una probabile ischemia, con questo lui è andato ugualmente e da ultima notizia, il calciatore imprenditore ha messo a disposizione i suoi alberghi per trasformarli in ospedali, assumendosi la spesa totale.

Critica: Ronaldo aiuta solo il suo paese

Allora .. vorrei difendere il campione, pensando che i soldi siano suoi e che sia libero di darli a chi vuole, e se desidera prediligere il Portogallo in questa triste situazione, non vedo cosa ci sia di strano, anche perché Cristiano è comunque un benefattore a tutto tondo, e non è nuovo a donazioni all’ospedale pediatrico Regina Margherita e altre azioni analoghe nella città dove lavora, a Torino.
Credo non sia giusto criticarlo per ogni cosa, i rapporti con l’Italia al momento sono di lavoro, gioca nella Juve e spende in Italia, fa donazioni .. quindi la sua parte la fa, siccome i soldi sono suoi non ritengo un “crimine” se Ronaldo faccia sentire la sua presenza al suo paese, e fa benissimo considerato che il Portogallo non è nelle condizioni economiche per far fronte all’emergenza sanitaria.
L’accanimento critico su Ronaldo è esagerato, alla prima esalazione .. giù critiche .. ma lasciarlo in pace?
Ronaldo è un giocatore di calcio molto molto ricco, tutto qua, non è un re, un principe, un assistente sociale, è una persona molto generosa e come tale ha il diritto a fare beneficenza verso chi vuole, e con questo la stampa non deve sentirsi legittimata a sindacare cosa fa e perché lo fa, averlo in Italia è una rendita niente male, anche solo con il suo aereo privato per le tasse di atterraggio. lui qui spende, fa affari e dona in beneficenza quindi che cali silenzio sul giocatore prima che si stufi e vada altrove dove non gli rompono “le scatole” .

  1. michelleroi

    @Andrea

    Torniamo per un momento ai modi di affrontare l’emergenza coronavirus nei vari Paesi…
    Sei ancora del parere che la nostra Italia sia il peggio che c’è?
    E, quanto alle reazioni individuali… hai visto cosa è successo alla stazione di Parigi? Quelli non erano mica italiani, eppure…

    • andrea (the original)

      Si Pier, ripercorrendo tutto si.
      Informazione terroristica ma di contro provvedimenti zero (gli altri almeno son stati coerenti)
      Misure ridicole
      Atteggiamento popolo: sappi che una delle Regioni in cui sta crescendo di più il contagio ultimamente è l’Abruzzo e fino a qualche giorno fa non era cosi.
      Sarà un caso ma a 10 giorni dal decreto (quindi non nel panico immediato), nello scorso weekend c’è stata una nuova ondata di vacanzieri giunti dalle prime zone rosse.

      Di Maio dice che ormai esiste un modello Italia..forse non gli avranno riferito che pure il vice ministro della salute ha il covid.
      🙄🤔

  2. Mauro the Original

    Michelleroi

    Si ho sentito nominare ma non ci sono stato. Mi ero comunque ripromesso di andarci col bel tempo dopo Pasqua.

    Considera che vivo sul mare quasi a Trieste per cui Cormons è fuori zona per me.

    Io qui ci abito da pochi mesi per cui mi sto ancora ambientando. Sarei un veneziano doc anche se per lavoro sono stato costretto a spostarmi spesso, dalla Toscana al Veneto al Friuli.

    • michelleroi

      @Mauro

      Ambiente molto bello, cucina una stella Michelin, carta dei vini ragguardevole… te lo consiglio.
      Allora i veneziani sono due, qui…

  3. UFFICIALE

    L’Europeo slitta al 2021…

    Ora, se tutto finirà, come mi auguro, questo coronavirus si porteranno a finire tutti i campionati…e tutto come aveva preventivato e la cosa più giusta da fare quella di non disputare i playoff …aveva scritto il Barone.
    È tutto agli atti…il blog.

    #restiamoacasa

    • PS

      Europeo 11 giugno 11 luglio 2021

      Finale Champions 27 giugno 2020

      Finale EL 26 giugno 2020

      Sono ottimista il coronavirus sarà distrutto.

  4. MITICI

    Zidane su Davids

    “Un giorno dopo l’allenamento venne il mio grande amico Edgar Davids e mi disse: ‘Ti va di venire a fare una partitella in strada con dei ragazzi?’
    Io gli risposi che era matto, che era una pazzia, o uno scherzo, e per di più era vietato dal regolamento del club per evitare infortuni’
    Lui mi fissò serio e mi disse: ‘Zizou, sei cambiato, ti sei montato la testa…non ricordi gli inizi? Non ricordi quando giocavi in mezzo alla strada? Vieni con me, dimostrami che sei sempre lo stesso!’
    Alla fine mi convinse, decisi di andare con lui per giocare una partita sull’asfalto. Ero consapevole di fare una follia, soprattutto con addosso la fatica per l’allenamento. Andai diverse volte con lui. Non è una leggenda la storia che vuole che io mettessi un cappellaccio da pescatore per andare a giocare con gli immigrati. A spingermi era sempre Edgar. Lui ci andava matto, lo faceva molto spesso: prendeva la macchina e quando vedeva qualcuno giocare in un parcheggio si fermava per aggregarsi. Ci divertivamo a giocare con quegli adolescenti che sembravano in estasi.
    Mi diceva sempre: ‘E’ per loro che dobbiamo giocare, sono queste le partite importanti’. E io gli dicevo: ‘Ok, ma abbiamo gli allenamenti, apparteniamo a un club di alto livello, non possiamo rischiare di infortunarci’. Allo stesso tempo, però, lo ammiravo, perché era in grado di fare delle cose del genere”.

    #restiamoacasa

  5. alessandro magno

    Domani proveremo a collegarci a top Planet da casa

  6. Gioele
    Hai messo qualcosa al buco della serratura ?
    Ti prenderai dell’italiota aggradisse…

  7. alessandro magno

    Poi sono andato in onda ma con 15 minuti di ritardo pensavo che il collegamento non si facesse più scusate

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: noticias juegos
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web