Martedì 7 luglio 2020 Milan-Juventus ore 21.45 Stadio San Siro – Milano

scritto da Cinzia Fresia

Chiuso un capitolo se ne apre subito un altro, la Juventus incontra il Milan senza due dei suoi uomini migliori, Dybala e Deligt squalificati per somma di ammonizioni.
Maurizio Sarri consapevole della difficoltà non teme il Milan che sta bene, in conferenza stampa asserisce di avere soluzioni per far fronte alla mancanza dei due giocatori.

Abbiamo visto molta grinta in campo da parte della Juventus che incontra un avversario che darà fastidio.
I rossoneri incontrano due ex, Bonucci ed Higuain, i quali a San Siro non hanno lasciato proprio un bel ricordo.
Vedremo se Higuain candidato ad essere in campo dal primo minuto, riuscirà a farcela considerate le sue forme “ammorbidite” dal Lock down argentino.

  1. OPPURE SARRI ASSERISCE IL CONTRARIO

    Leggo…non teme il Milan.

    Nella conferenza Sarri ha detto:
    “Nessuno è in grande condizione, l’aspetto mentale diventa fondamentale. Domani è gara difficile.
    Il Milan, ci ha creato problemi in questa stagione, è in grandi condizioni fisiche e mentali e si esprime su alti livelli”.

    Saluti, sempre dalle rive tante care a Tiberio…

  2. 4 AL CUADRADO FA 16

    Prendi un attaccante e mettilo in difesa.
    Juan Cuadrado l’ha fatto ancora una volta.
    Il colombiano ha giocato a tutta fascia nel derby con il Torino. Terzino sulla carta, spesso e volentieri era nell’area avversaria come al momento del goal: Ronaldo appoggia proprio per il 16 che era lì, pronto a ricevere, finta di corpo per superare un difensore e diagonale secco. Come fanno i centravanti, anche di più.

    Il colombiano è il giocatore che tutti gli allenatori vorrebbero: arrivato alla Juve da esterno alto del tridente, con il tempo si è spostato sulla linea dei difensori diventando un terzino moderno come pochi se ne vedono in giro oggi.
    Quando non si riesce a costruire al centro l’azione passa da lui, vero e proprio regista che imposta dal basso.
    Sempre protagonista quando il gioco si sposta sulle fasce, lì a destra è un treno che quando parte palla al piede non si ferma più.

    I movimenti e le qualità per attaccare ce l’ha sempre avute Cuadrado, protagonista anche nel primo goal con il passaggio a Dybala.
    E dopo quel tocco, il colombiano entra in area quasi chiedendo lo scambio con l’argentino, come gli attaccanti puri; La Joya fa tutto da solo e si inventa una delle solite magie con quel sinistro telecomandato.
    Poco male, perché qualche minuto dopo Cuadrado sarà di nuovo in attacco. E andrà meglio.
    Attacca sì, e lo fa anche bene, ma da un po’ di tempo ha imparato anche a difendere.

    La cura Barzagli e Maurizio Sarri hanno completato il lavoro iniziato da Max Allegri: Cuadrado terzino destro, la svolta.
    Lì dove è stato adattato per necessità ma ormai la differenza con chi lo fa di ruolo quasi non si vede neanche più.
    Applicazione e concentrazione, lavoro extra per imparare la fase difensiva.
    Juan è migliorato molto sotto i consigli di Barzagli che nei mesi scorsi si era riaffacciato alla Continassa per risolvere il problema dei troppi goal subiti: è entrato nello staff di Sarri con l’obiettivo di migliorare la difesa, si è preso sotto braccio il colombiano e de Ligt e li ha migliorati (sotto aspetti diversi).
    Missione compiuta.

    Oggi Cuadrado è un calciatore completo: attacca e difende, segna e contrasta.

    Il giocatore che tutti gli allenatori vorrebbero…e Sarri ne gode.

    Saluti

  3. Beh, chiamarli proprio “ex “ è dire troppo. Diciamo che hanno respirato l’aria di Milano per scappare piangendo alla prima occasione. A Bonucci gli avevano pure dato la fascia di capitano, ma lui preferì chiedere scusa ad Allegri a tutto lo staff Juve, di ridimensionarsi lo stipendio e di rientrare al più presto. Si tolse pure la soddisfazione di segnarci contro, ma da quel momento capì qua l’era la sua casa.
    Il Pipita invece non arrivo neppure a Natale che andó da Sarri al Chelsea per farlo riprendere dallo schock.
    Oggi è la volta buona per dire arrivederci e al prossimo anno, penso che ne siano tutti consapevoli e spero che Sarri li abbia caricati a pallettoni nel senso giusto

  4. 5 LUGLIO 1982 STADIO SARRIA BARCELLONA

    38 gradi all’ombra contro il Brasile e senza rompere las pelotas finisce 3-2.

    Buon pomeriggio

  5. Alessandro Magno

    sarebbe molto importante vincere mancano 18 punti

  6. Non male la Juve, finora ha affrontato la partita con la testa giusta.
    Si sente la mancanza di Dybala che darebbe più qualità alla manovra d’attacco visto che il Milan si chiude bene. Abbiamo comunque creato occasioni e controllato agevolmente il primo tempo.

  7. Come non detto, un altro rigore del cazzo e perdiamo la testa🤕

  8. Questa sera stiamo vedendo quanto vale Bonucci senza De Ligt

  9. 2-0 è fatta…poi il rigore.
    Razzoli, rivoglio il mio calcio.

    E voi dovete buttare il sangue fino alla fine.
    Come nelv2013 contro la Viola…avanti di 2 goal perdi la partita 4-2.

    Buonanotte

  10. Ma come si può perdere una partita in questo modo? e alla prossima c’è l’Atalanta altro che allenamento per la champions.

  11. Secondo tempo incredibile. Quando sembrava che stesse continuando con normalità il momento positivo, ci fischiano un rigore ed usciamo completamente dalla partita. Un blackout simile a quello col Torino, solo che stavolta ne abbiamo beccate tre di pere. Poi Sandro ci mette del suo per completare l’opera.
    Al di là della sconfitta ritengo gravi questi cali mentali.
    Ok il rigore del cazzo ma non può essere una giustificazione in una partita che era dominata.
    Per fortuna che anche la Lazio ha perso ma da rabbia non aver sfruttato l’occasione.
    La Juve è riuscita a rovinare completamente una prestazione che in buona parte era stata positiva.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web