Quando qualcuno parlava di circo intendeva questo.

.

Articolo di Alessandro Magno

Personalmente ringrazio Sarri per aver tirato fuori da me qualità di cui davvero non pensavo tipo quello di bestemmiare in cirilico e in ostrogoto. A parte gli scherzi c’è veramente poco da ridere bisogna davvero vergognarsi per la prestazione di ieri. Non ci sono santi che tengano quando una grande squadra è in doppio vantaggio io mi aspetto che vinca senza se e senza ma. Invece ieri siamo stati letteralmente presi a pallonate dal Sassuolo e ci ha salvato Szczesny autore almeno di 4/5 veri miracoli. Con tutto il rispetto per il Sassuolo è assolutamente inaccettabile. Evidentemente non siamo una grande squadra. Buono il punto visto che si meritava ampiamente di perdere, buoni i 7 punti sull’Atalanta e i probabili 6 sull’Inter (deve ancora giocare contro la Spal) ma ho come l’impressione che la Juve stia facendo di tutto per perdere questo scudetto. Diciamolo pure sarebbe tragico non tanto per lo scudetto in se, che pure prima o poi capiterà di perderlo, ma proprio perché con un vantaggio simile a sole 5 giornate dalla fine sarebbe un vero e proprio suicidio.

Io ancora non ho compreso come questa squadra passi dal fare buone trame e dall’avere gamba al nulla assoluto. Mi ricorda veramente la Juve di Maifredi il che è tutto dire. Io personalmente a Sarri sto dando tempo, non mi piacciono i Sarriout come ero contrario agli Allegriout, però continuare a cercare di trovare giustificazioni a questo circo non fa il bene né della Juve né di Sarri stesso che si deve dare una mossa. Nella vita di tutti noi contano i risultati siamo tutti giudicati per questo e lui non fa eccezione. Qualche giorno fa leggevo che sarebbe uno degli allenatori che ha realizzato più punti, ora dopo questi solo 2 punti in tre partite con la media attuale non arriverebbe nemmeno a 90 punti. Come dicevo allora queste classifiche lasciano il tempo che trovano mi ricordano molto quelle di Galliani atte a giustificare un Milan che stava sempre più disgregandosi. Speriamo non fare la stessa fine.

Menomale che c’è Juve Lazio alla prossima e la Lazio sembra messa peggio di noi. Vediamo se siamo capaci di rivitalizzare pure loro. Una sconfitta sarebbe tragica e con le probabili/possibili vittorie di Atalanta e Inter riaprirebbe tutti i giochi in maniera importante. Servono 9 punti nelle prossime 5 ma 3 vanno presi Lunedì per mettere la parola fine a questo calvario. Dopo scordiamoci la Champions perché serve un miracolo che oggi non mi pare possibile ammesso e non concesso che passiamo con il Lione (non è pessimismo ma realismo), d’altronde se ci piglia a pallonate una squadra di centroclassifica italiana non vedo perché non possa fare altrettanto la copia di Francia, dopodiché gettiamo le basi per il futuro, se Sarri come spero vincerà almeno lo scudetto e di conseguenza verrà confermato, che abbia quello che gli serve per far giocare almeno in maniera dignitosa questa squadra, altresì se nemmeno lo scudetto sarà messo in bacheca, dategli due calci nel sedere e prendete un altro. Almeno uno che non faccia il circo che il circo una volta visto e rivisto diventa noioso e quando stai dalla parte del pagliaccio anche tragicomico.

  1. IL CIRCO DI LUCIANO MOGGI

    “Ci allenavamo alla Sisport, vicino al vecchio Comunale. C’erano due campi, ma le docce otturate.
    Quando entri in casa Juve è tutto super, lì invece facciamo la doccia io, Trezeguet e altri due e si allaga tutto.
    Penso, che schifo! Fuori c’era Moggi e gli dico: “Non è normale, siamo la Juve”. Mi risponde: “Ricordati che non sei qua per stare bene, sei qua per vincere”. Questo l’ho portato con me: tutto è vincere”. (cit.) Ibrahimovic

  2. SOSPIRIAMO

    Sospiro di sollievo in casa Juventus: gli infortuni rimediati da Bentancur e Chiellini nella giornata di ieri sono di lieve entità.
    A comunicarlo quest’oggi lo stesso club bianconero, attraverso il suo sito ufficiale.

    “Rientrati nella notte da Reggio Emilia dopo la partita contro il Sassuolo, i bianconeri hanno subito ricominciato a lavorare, in vista della sfida di lunedì prossimo all’Allianz Stadium contro la Lazio – si legge -.
    Il menu, come sempre in un “day after” ha previsto recupero e scarico per chi ha giocato ieri sera, mentre il resto della squadra ha affrontato lavoro personalizzato.
    Bentancur e Chiellini sono stati sottoposti questa mattina presso il J|Medical ad accertamenti radiologici che hanno escluso lesioni muscolari.
    Le loro condizioni verranno valutate di giorno in giorno. Domani la squadra è a riposo: ritorno in campo per gli allenamenti programmato per sabato pomeriggio.

    Meno male!

  3. Ben, te l’avevo detto ieri che la Juve ti avrebbe fatto incazzare più delle beghe del blog😅🤣
    Tranquillo, queste partire sono frutto del torneo anomalo. C’è stato un momento nel secondo tempo in cui gli errori non si contavano più da una parte e dall’altra e sembrava di vedere una partita da oratorio.

  4. Ben non è il circo ma
    Hotel Transylvania

  5. Ben
    Non circo ma
    Hotel Transilvania

  6. Per tranquillizzare gli spettatori, quando al circo cade il trapezista, entrano i pagliacci.

    Cit.

  7. Hai detto la verità, non siamo una grande squadra, chi pensava di trasformare la Juventus in un Barcellona solo e’ un illuso.

  8. Barone50

    Dopo essere stato fermo diversi mesi per il grave infortunio al ginocchio, credo che la difficoltà maggiore per un giocatore che come Chiellini ha fatto della fisicità e della “garra” le sue armi migliori potesse essere l’evidente difficoltà a quasi 36 anni di riacquisire il ritmo partita sin dall’inizio, contro attaccanti in forma e veloci come quelli del Sassuolo, ecco perchè ho ritenuto ritengo francamente incomprensibile la scelta di schierarlo titolare. Per il resto credo che l’assenza forzata di Cuadrado e quella di Dybala per un’ora abbiano tolto punti di riferimento e imprevedibilità al gioco, con Pjanic che è andato pian piano spegnendosi e i noti limiti strutturali del nostro centrocampo nella costruzione della manovra.
    Ciao

  9. SARRI BALL-E

    Chi era in diretta con me ieri sera ne è testimone…ora mi sono calmato…ma finita la partita ne ho dette di tutti colori e anche durante.

    Praticamente a na certa sento suonare alla porta…intorno alla mezzanotte…apro ed era San Pietro e tutti gli Apostoli ( che tenerezza ) e mi fanno: Max ci hai chiamati, cosa ti serve?…
    Azz dico…ma è da più di mezz’ora fa…- e si purtroppo abbiamo trovato traffico, sai siamo più di 365 e le vie del Signore erano intasate…ci sono state tante chiamate questa sera da parte di tifosi juventini.

    Comunque ora siamo qui, cosa ti serve?
    Ma niente ho un allenatore, allenatore mo, è lui che crede di esserlo…ecco se mi fate il favore di togliermelo di mezzo…ma senza strafare eh…basta una bronchitella.

    Non subito, vedo che lo stanno intervistando.

    Ma tanto lo so cosa dirà, le sue interviste sono diventate un monologo ripetuto.
    Peggio di lui fa solo la Durso

    Un’ultima cosa, se posso San Pietro: gentilmente mi potete resuscitare quei morti in campo?

    Grazie anticipatamente.

    Ps
    Se potreste fare qualcosa per quel PENTOLONE.

    Ehhh Barò e mo chiedi troppo, per quella ci vuole la delibera del Comandante Supremo.

  10. NUMERI PREOCCUPANTI

    Dopo l’ennesima rimonta subita contro il Sassuolo Maurizio Sarri e al Juve si interrogano sul futuro.
    I numeri delle ultime partite sono preoccupanti.

    Le reti subite dopo il lockdown sono 11 e mettono in luce i problemi in fase difensiva dei bianconeri, accentuati nelle ultime tre partite.
    Contro Milan, Atalanta e Sassuolo sono stati nove i goal subiti con Szczesny migliore in campo della sfida al Mapei Stadium.

    Sono 35 i goal subiti dalla Juventus in campionato, seconda miglior difesa al pari della Lazio ma con una rete subita in più dell’inter.

    Sono 6 le rimonte fin qui subite dalla Juventus.
    Alcune andate comunque a buon fine, come quella con il Napoli a inizio stagione.

    Le partite senza vittorie della Juventus sono tre, andamento che smentisce il famoso adagio secondo cui “la Juve non sbaglia due partite di seguito”.

    pezzo preso da Repubblica

  11. IL BIANCONERO
    Omar Savoldi
    (Preferisco tutto il pezzo al link.
    Buona lettura)

    Un desiderio latente serpeggia in tre quarti degli italiani, nella maggioranza non solo dei tifosi, ma anche dell’opinione pubblica, degli addetti ai lavori (giornalisti, presidenti, dirigenti, funzionari…): “Fate che la Juventus non vinca l’ennesimo campionato!”. Non ne possono più ovunque, ai piani alti e bassi, nelle redazioni sportive, negli spalti (vuoti) degli stadi.

    Se la Juve subisce 4 rigori di fila discutibili per mano involontaria, ma con mignolo largo, pallone schizzato dalla siderale distanza di 50 centimetri o dopo che la palla è stata giocata con l’anca, il petto, il ginocchio (comunque giocata) e poi toccata con braccio stretto, ma avambraccio in avanti in corsa è “rigore netto”: “Ci dispiace – dice il coro greco antijuventino – le regole, sbagliate che siano, sono queste”. Quando avviene l’opposto e cioè che di queste regole discutibili si avvalga anche la Juve, allora non ci siamo più. “Eh, no! Ora basta! Gli han dato due rigori a favore, contro l’Atalanta, che gridan vendetta! Queste regole vanno rifondate! Questo Campionato è falsato!”. Ma come? E i rigori dati a Milan e Torino? “Beh – questa la risposta – le regole sono chiare e vanno applicate!”.

    Non c’è niente da fare, non ci sarà mai niente da fare. Si ritira fuori il goal di Turone, in fuorigioco, ma falsificato nella sede Rai di Roma (Carlo Sassi docet) si riparla di Muntari e tutto il resto passa in cavalleria. Lo capiamo, perché la Juve che vince troppo annoia, uno sport senza competitori annoia, 8, 9 anni di bocca asciutta frustrano e avviliscono e, insomma, “è tutto il sistema calcio a soffrirne”. Che la pensino così i tifosi di altre squadre non meraviglia. Meraviglia, invece, che a pensarlo sia la stragrande maggioranza dei giornalisti e dei commentatori, i quali aggiungono: “Gioca meglio l’Atalanta, quindi lo meriterebbe lei lo scudetto”. Se è per questo sono tante a giocar meglio, dal Sassuolo, al Milan. Prima giocava meglio anche la Lazio, poi “purtroppo” è crollata.
    L’inter non incanta, però è vicina: “certo senza quei rigori regalati, senza l’immeritato pareggio col Sassuolo oggi la musica sarebbe ben altra”, continua il coro.

    Anche la Juventus sembra non averne tanta voglia di vincerlo questo Campionato.
    Ormai è un classico: va in vantaggio di due goal, ha in pugno la partita e in una manciata di minuti si fa riprendere e superare. Due punti in tre partite recitano una media salvezza.
    Allora i casi sono due: o ci pensi lei a perderlo o ci pensino gli altri a farglielo perdere. Come? Cambiando le regole ad hoc. Ad esempio: chi guadagna tre calci d’angolo contro la Juve batte un rigore oppure il fuorigioco, nel mezzo campo juventino non vale oppure la Juventus non può fare sostituzioni.

    Sì, facciamo qualcosa per dare una scossa, facciamo una mossa per salvare il nostro calcio!

    Però, invece di farlo sottobanco, di inveire, di sospettare, di urlare, si trovi qualche esimio critico, commentatore, consulente ecc. capace di presentare questa proposta: si siedano a un tavolo (Federazione, Lega, Coni ecc.) e chiedano al Presidente Agnelli di cambiare le regole. Oppure, se proprio non ce la fa a perdere il Campionato (per quanto ce la metta tutta) lo vinca pure la Juventus, ma poi lo regali alla seconda, foss’anche l’inter.

    Sai che sospiro di sollievo, sai quanta gente felice, sai che salvezza (del calcio italiano e forse mondiale), sai che liberazione dal tormentone estivo! Vabbè: in autunno, il refrain tornerà, ma almeno un mese di vacanza ce lo pigliamo.

    Buongiorno al blog

  12. Max
    35 gol presi in 33 gare.
    Una persona seria visto come sta facendo giocare la Juventus, dovrebbe
    dimettersi per serietà personale. Non
    accadrà.

    Oltretutto se Conte lascia avrebbe ottime possibilità di andare a Milano, vista la propensione che hanno a raccattare tutto ciò che ci lasciamo dietro.
    Ah ah ah😎😎😎😎

    • “Serenissima” ha colto nel segno!condivido ogni virgola….

    • Pezzo privo di qualsiasi spunto calcistico. Solo offese.
      Una volta qualcuno mi disse che dicendo che Allegri sceglieva di giocare male mancavo di rispetto all’allenatore🤣🤣
      In realtà più che un articolo si tratta di uno sfogo acido, arrogante e maleducato nei confronti di un professionista affermato.
      Un conto è l’ironia o la critica, un altro sputare offerse gratuite dalle pagine del corrierino del tifoso.
      L’unico riferimento calcistico “rovinata mentalità difensiva decennale” fa rivoltare i dinosauri sottoterra.
      Mi è mancata la solita esaltazione del fenomeno Bernardeschi.
      Però va bene così, è il momento di stringersi intorno alla squadra.👍🏻

      • PS. Che poi non capisco perché se la prende con Sarri visto che lui stesso disse quando ne vincemmo 4 dopo la coppa Italia che il tecnico era stato “commissariato” e stava allenando Buffon, con Chiellini in seconda e Bonucci massaggiatore…

        • Kris

          il re è nudo.Non so quale spunto calcistico si potrebbe prendere come riferimento in situazioni del genere totalmente prive di significato calcistico.

          L’ho già detto, le dimissioni sarebbero un segnale di professionalità che non mi aspetto, comunque.
          Tre anni di contratto, Kris,tre anni!

          • Tranfaglia
            La foglia di fico per coprire “le nudità” dell’allenatore è Nedved…seduto in quel caffè…29 settembre.

            • Max
              i venti di maestrale del Lione contribuiranno a far svolazzare la foglia.
              Al peggio non c’è mai fine.
              Una situazione irreale dalla A alla Z e non parlo solo di risultati.
              Una ramazzata generale, costi quel che costi.Sicuramente meno di quanto stiamo vedendo.

      • Kris…perdonami.
        Come facciamo a parlare o di trovarne di spunti calcistici espressi, da questo presunto allenatore, per parlarne?

        Cioè, dopo l’ennesima beffa ancora vogliamo difenderlo/li?
        Non so tu ma io, dovessimo essere in vantaggio la prossima contro la Lazio anche #treazero, non mi sentirei affatto tranquillo(vedi Napoli e poi muori).
        Quante volte posso chiamare a raccolta quelli del calendario con quelli più che contano in testa?
        Ciao

        • Barone,
          Guarda che la vediamo nello stesso modo sulla partita, io sul 0-2 non ero affatto tranquillo, anche se i santi erano tutti da te ed ho dovuto invocare quelli di altre religioni😅
          Però sfogarsi solo sull’allenatore insultandolo (cosa che peraltro Bosco fa da giugno 2019) non credo serva ad inquadrare le difficoltà del momento. Mi sembra molto più lucida l’analisi che fa Luigi più giù.
          La difesa per esempio fino ad una settimana fa, e col record di rigori contro, era tra le meno battute d’Europa e non mi pare aver sentito nessuno complimentarsene. Poi dice difesa rovinata dopo 10 anni e forse non si è accorto che i 10 anni sono passati anche per i suoi eroi della BBC.
          Insomma, si può discutere e criticare, fare simpatica ironia come la tua di ieri. Ma insulti a raffica come quelli del pezzo che si ripetono da un anno non solo squalificano chi li riceve ma soprattutto chi li fa.
          Ciao

  13. UNA COSA SOLA MI CONSOLA

    Il più sei sull’inter non è tanto in questo nostro particolare momento.
    Quello che potrebbe far pendere la bilancia dello scudetto dalla nostra parte è quel più uno dello scontro diretto.
    E ho detto cotica…

  14. l’ho letto anche stamani sul web Max, appunto….

  15. CAPIRE LE CONTINGENZE
    (Il caldo, le partite ravvicinate, i cinque cambi possibili)
    ***

    Il bello è che, fino alle debacle delle ultime tre partite, cioè praticamente fino a dieci-dodici giorni fa, eravamo una delle difese meno battute d’Europa. E allora erano incerti applausi. Ora invece incassati una decina di gol le trombe ruffiane sono certe di suonare allegramente a morto 🥴.
    Niente di nuovo sotto il sole, il calcio ci ha abituato a questi cambiamenti repentini … a queste bandiere che sventolano a seconda del vento.
    Perché era vera gloria difensiva quella di Guugno, o è più vero questo improvviso smottamento?
    Sono vere le contingenze negative, leggi spalla fuoriuscente di De Ligt, tallonite di Bonucci, nonché la carriera praticamente finita di Chiellini?
    Il filosofo risponderebbe che tutto diventa vero nella dinamica dell’immanenza; del divenire coercitivo e improvviso, indipendente dalla volontà del singolo …

    Più terra terra …
    Credo che il caso nostro attenga più a una stanchezza “psicofisica”:
    Sarri ha schierato (è stato costretto a schierare?) ogni tre giorni per partite consecutive la stessa formazione …
    E la squadra, -si è visto anche contro il Sassuolo-, dopo una partenza brillante, si è via via sfilacciata: un telo sdrucito che alla fine ha portato alla luce magagne vecchie e nuove.

    … Guardando in casa d’altri invece -esempi eclatanti Atalanta e Sassuolo-, essi stanno ruotando la rosa in funzione delle variabili di questa stagione: in funzione cioè del caldo, delle partite ravvicinate, dei cinque cambi possibili.
    Questi team danno la sensazione di essersi seduti a tavolino e ognuno nell’ambito delle proprie competenze abbiano trovato le adeguate contromisure.
    Problematica che alla Juve, a vedere come si stanno gestendo queste “variabili” sembra non sia stata compresa nella sua pienezza 🤔.

    Vediamo se Sarri (o il triumvirato, o chi per loro), riuscirà a capire il modo migliore di affrontare questo campionato di Luglio senza farsi fregare un scudetto che era praticamente già in saccoccia.

    • PS Bisogna mettersi in testa che anche per il prossimo campionato (continueranno i 5 cambi) sono necessari 16-18 titolari, gente affidabile, cioè gente sana, cioè non i Ramsey, i Douglas Costa, i De Sciglio.
      Men che meno sono necessari i pensionati: i Khedira, i Chiellini, gli Higuain.

      Discorso a parte merita Ronaldo che quest’anno ha salvato la stagione con i rigori, ma che non è apparso certo il fuoriclasse che il suo mostruoso stipendio vorrebbe giustificare.

      • Ciao Luigi
        A parte l’ironico post di ieri sera non serviva certo il pezzo di Bosco per farmi dire quello che avevo in corpo…
        Anche perché, per motivi personali, era più di un anno che non mettevo un pezzo di Andrea.
        Converrai con me che questo allenatore ha avuto a disposizione, sapendo già i risultati, due match point a disposizione e non li ha sfruttati, non inserisco come terzo quello dell’altra sera perché la Lazio giocava alla stessa ora e l’inter il giorno dopo.
        Io ho sbroccato solo(?) dopo aver perso la supercoppa, la Coppa Italia e ieri sera…l’allenatore l’ho fatto lavorare tranquillo.
        Non credo che tu stavi tranquillo dopo il terzo goal del Sassuolo.

        • Nessuno è tranquillo Barone.
          Ma ora si tratta di restare uniti.
          Le discussioni, le polemiche e le invettive al curaro(ogni riferimento a Bosco è voluto), ora, proprio ora, servono a poco. Anzi, solo a farsi il sangue amaro.

          Ciao.

      • Luigi,
        Di Ronaldo bisogna anche ricordare che da anni, vista l’etá, segue una preparazione personalizzata per raggiungere la migliore forma nel momento importante della stagione. Ma quest’anno dell’esplosivitá fisica del portoghese a marzo aprile ne ha potuto approfittare solo Giorgina.
        Tutti i club hanno improvvistato una preparazione per questa ripresa estiva senza precedenti, e Sarri lo ha sottolineato anche dopo le vittorie che non sanno ancora che risultati potranno dare gli allenamenti fatti visto che non ci sono precedenti cui fare riferimento.
        Condivido sull’epurazione di rotti e pensionati per la prossima stagione. Anche una rosa piú ridotta nemericamente ma efficiente.

        • Vero Kris.
          Non si sottolinea mai abbastanza che l’intera stagione è stata stravolta, e per un programmatore ligio e a lunga gittata come Ronaldo, è stata una jattura.

          Ci sarebbe anche da dire, ad onor del vero, -anche se Lotito non mi sta certo simpatico-, che forse la squadra più penalizzata dalla sosta è stata la Lazio.
          Prima della sosta era ad un punto dalla Juve e avrebbe potuto giocare una sola partita a settimana fino alla fine del campionato.
          Invece la sosta le ha fatto perdere questo vantaggio non da poco. Con i deludente risultati che abbiamo recentemente visto.

          • E anche vero però che la Lazio doveva concentrarsi solo sul campionato mentre noi dovevamo fare una preparazione con vista anche ad agosto.

  16. 35 goal li abbiamo presi dall’inizio. Già prima si incassava gol e rimonte da paura.

  17. LA FIDUCIA RIPOSTA

    Che la Juve perde questo scudetto non ci credo manco se lo vedo.

    Mancano 5 partite, a parte il ➕ uno sull’inter senza contare i sei…di queste 5 partite tre le giochiamo in casa, al contrario, l’inter, ne gioca tre fuori.

    La lazio con la rosa che ha non mette paura, e poi ha sempre ceduto, almeno per 2 anni consecutivi, il passo all’inter.

    La Dea domani a Verona non vince.

    Buona pennica

    • Piccola osservazione; c’è una una ulteriore “contingenza” in questo finale di campionato: l’assenza di pubblico.
      Che rende quasi ininfluente il giocare in casa o fuori🤔.

      • Taglio la testa al toro(sempre )dicendo che casa o non casa giochiamo a Torino, non dobbiamo spostarci per intenderci.
        Infine dico che questo campionato è da vincere…è rimasto solo questo, nel senso che: non è che potremmo dire semmai lo perdessimo, si però abbiamo visto un cambiamento.

        Aggiungo, un cambiamento c’è stato quello che prima mi giravano in senso contrario a questo di oggi.

  18. Mi sono riletto il post di Bosco,postato da Barone,lo controfirmo.
    Tifo Juve amo la Juve,sono vicino alla squadra ecc ecc,ma sarri non ha niente a che vedere con questa società,e prima se ne va e meglio è.

    • Taglio la testa al toro(sempre )dicendo che casa o non casa giochiamo a Torino, non dobbiamo spostarci per intenderci.
      Infine dico che questo campionato è da vincere…è rimasto solo questo, nel senso che: non è che potremmo dire semmai lo perdessimo, si però abbiamo visto un cambiamento.

      Aggiungo, un cambiamento c’è stato quello che prima mi giravano in senso contrario a questo di oggi.

  19. Oltretutto dimenticavo l’osservazione di Andrea circa la grossa difficoltà di fare programmazione per il prossimo anno, Giustissima.
    E con quest’anno siamo alla seconda volta,
    Casino su casino

  20. Taglio la testa al toro(sempre )dicendo che casa o non casa giochiamo a Torino, non dobbiamo spostarci per intenderci.
    Infine dico che questo campionato è da vincere…è rimasto solo questo, nel senso che: non è che potremmo dire semmai lo perdessimo, si però abbiamo visto un cambiamento.

    Aggiungo, un cambiamento c’è stato quello che prima mi giravano in senso contrario a questo di oggi.

  21. chiedo scusa…il tel è andato in tilt…un pò come Sarri.
    Sono partiti i post a ripetizione come i nostri attaccanti sui ripetuti lanci di Pjanic

  22. Se si cerca un cambiamento, allora bisogna accettarne le possibili conseguenze. I risultati potrebbero non vedersi subito. Se in una squadra hai tutti giocatori mancini, non penso che con il nuovo corso diventino destri, o da 35 ritornino ad avere 25 anni. Anche l’allenatore ha la sua parte di colpe, così come alcuni giocatori (che secondo me non si impegnano tanto) si limitano al compitinoe i dirigenti. Se non sbaglio Bosco era uno dei fautori di Bernardeschi mezzala… e lo abbiamo visto qualche volta…
    Equilibrio, ci vuole equilibrio nel giudicare

  23. TERREMOTO ALLA CONTINASSA

    Andrea Agnelli ha fatto tremare i muri.
    Ore di fuoco alla Continassa: il presidente bianconero potrebbe prendere una decisione assolutamente clamorosa…non ho trovato nulla che qualche scribacchino abbia riportato notizie della riunione fatta tra Agnelli, Paratici e Nedved…aspettiamo aggiornamenti.

    Intanto dico la mia sul trittico a venire: La Dea non vince a Verona, i giallozozzi si scanseranno e noi dovremmo fare senza se e senza ma quel match point sfuggito in diverse occasioni…magari con un ace.
    Battuta la Lazzie sarà NONO CONSECUTIVO a gnente.

    Buongiorno al blog

  24. Viviamo alla giornata senza fare voli pindarici.
    Mi fa specie doverlo dire vista la risa di questa Juve, ma non riesco a dare spiegazioni ai blackout che prende.
    Quando la barca prende acqua il comandante deve ( se non è schettino) aspettare che tutti gli occupanti siano in salvo.
    Sarri è al comando e deve restarci sia che riesca a portarla in porto che se non dovesse farcela.
    Questa volta non sono in sintonia con il mio amico Bosco. Non significa essere ottimisti ma il più stato è stato fatto per il campionato, non resta che l’ordinaria amministrazione per finirlo tranquillamente e magari senza preoccuparsi tanto dello spettacolo che forse non arriverà più.
    Non mi illudo per la Champions, quello che sarà, sarà .

  25. IL Giornale-Damascelli

    l’inter dopo 18 anni dal 5 maggio 2002, sogna la VENDETTA.
    Vendetta? mamma mia…

    L’inter ci regalo’ uno scudetto già vinto.La cosa ridicola fu Materazzi che piagnucolava con quelli della Lazio (che giocavano per piazzamento uefa) di farli vincere, ricordando che li avevano aiutati in precedenza.
    E Ronaldo, fra saliva e lacrime che piangeva e imprecava.

    l’apocalisse della nausea.
    Ma quale vendetta… non è bastato lo scudetto di cartone del 2006?

    Ma è possibile che nella loro storia debbano soltanto ricorrere a maccheggi per raccattare qualcosa?
    Addirittura imprecare e pregare di farli vincere.

    E questi giornalai, che non sapendo cosa fare per la pagnotta, vanno a ricordare episodi che non sono certamente edificanti per il decoro dell’inter stessa.
    Ah si, ma quale decoro poi?

    • Tino
      sono specialisti in contraffazioni, nel ’98 il passaporto e la patente di Recoba, dal 2006 tengono in bacheca una patacca che chiamano scudetto, nel 2007 furono perfino accusati di plagio, nel loro inno ufficiale la base musicale era un plagio di Baila di Zucchero Fornaciari, accusa confermata dall’allora presidente Moratti. E’ stato Antonio Conte a chiedere di sostituirlo, ”basta parlare di pazzia” ha detto al suo arrivo a Milano “l’inter sarà regolare e forte”, e regolare lo è di sicuro visto che anche quest’anno è uscita nel girone di CL ed è stata eliminata in CI, forte anche, perchè se non avesse perso nettamente gli scontri diretti con la Juve sarebbe al 1°posto e questo è certamente un gran passo avanti rispetto ai distacchi abissali degli anni passati.
      Ciao

      • Ah si
        La banda degli onesti, come nel film.
        E non sei andato troppo indietro nel tempo….

      • @Gioele e Tranfaglia

        Mica stavate parlando di quelli onestoni del 2006 Idossatori di Scudetti altrui? Così per caso…chiedevo per un amico.

        • No, noi no…
          Anzi gli indossatori hanno tutta la mia comprensione per le nuove maglie.
          Non lo dico perché sono in corsa per lo scudetto. E lo sono.

  26. PER I CRITICI DI MADAMA

    Si sentivano in giro i mugugni per l’eventuale non rimborso dei biglietti.

    Sono in arrivo le mail per i 39.000 abbonati dove vengono avvisati l’arrivo dei vaucher spendibili per il prossimo abbonamento o per l’acquisto di biglietti ingresso alla Stadium.

    Per tutti gli abbonati e tutti i tifosi juventini la speranza di tornare allo Juventus Stadium al più presto.

  27. Non si può pensare a radicali cambiamenti senza mettere in conto eventuali conseguenze. Ci vorrà del tempo, ma se uno è convinto…Certo si può fare di meglio, allenatore, giocatori, dirigenza, tifosi e stampa (no, forse quest’ultima no). Bisogna capire, non gli errori, bensì dove si putrebbe migliorare in funzione dell’unità di intenti, tenere presente qual è l’obiettivo finale. Ma questo lo ssi può fare solo remando tutti dalla stessa parte. Bosco, se non sbaglio, era quello che vedeva Bernardeschi mezzala…

  28. OGNI RIFERIMENTO È PURAMENTE CASUALE

    Mi ha fatto tornare in mente tornando indietro nel tempo a similitudini calciopolaresche…

    https://www.google.com/search?q=alberto+sordi+%C3%A8+morta+la+giustizia&oq=alberto+sordi+%C3%A8+morta+la+giustizia&aqs=chrome..69i57.34907j0j7&client=ms-android-samsung-ss&sourceid=chrome-mobile&ie=UTF-8#

    Buona serata

  29. VECCHIO NON MI TORNAVANO I CONTI

    L’attacco più forte del campionato contro la quarta difesa del campionato è finita in parità 1-1.
    In poche parole come aveva pronosticato il “vecchio”: La Dea a Verona non vince.

    Ora qualcuno consoli i Condò i Costacurta e tutti gli altri perché il loro presunto pronostico è fallito.

    Da Verona è tutto… a voi Olimpico.

  30. LA SETTECENTESIMA

    Segna Pepe, tiri a ripetizione da parte di tutti…Vidal, Quagliarella, Vucinic, Pirlo, il portiere Marchetti para tutto, mancava solo Buffon a tirargli contro…invece segna la Lazio l’1-1.

    Punizione per la Juve, Pirlo sul pallone, non tira, discute con l’arbitro.
    All’intrasatta palla in rete, al posto di Pirlo tira un altro e la Juve vince la partita…era alla partita numero 700.
    Il più grande di tutti i tempi…e gli altri siedono di fianco ad Andrea Agnelli.

    Buongiorno e buona domenica

  31. L’OMBRELLONE E LA PICCOZZA

    @Gioele e tutti…
    Faccio questo post in ricorrenza della partita di domani contro la Lazio, l’ultima volta che Del piero la incontrò ( vorrei anche dire che domani la Juve vince e finalmente metterà fine alle nostre sofferenze ).

    Con Conte, Madama torna a lottare per lo Scudetto, dando vita a un duello testa a testa con il Milan di Allegri, Ibrahimovic, Thiago Silva.
    Il numero 10, da parte sua, viene relegato al ruolo di riserva di lusso dietro a Matri, Vucinic e Quagliarella.
    Del Piero non si lamenta e risponde presente ogni volta che viene mandato in campo a risolvere la situazione.
    Come alla 32esima giornata. La Juve ha appena ri-superato il Milan, ma deve affrontare la Lazio, non semplice da battere. Infatti a pochi minuti dalla fine il risultato è ancora bloccato sull’1-1, c’è il rischio controsorpasso rossonero, dato che gli uomini di Allegri avrebbero giocato contro il Chievo il giorno successivo. Del Piero, però, nel giorno della 700esima presenza in bianconero, entra e segna con una punizione geniale, facendo gridare, di nuovo, Caressa: “E’ l’uomo della storia”.

    Infine l’ultima prodezza.
    Quella stagione, 2011-2012, è, infatti, l’ultima di Del Piero con la maglia della Juventus e ad alti livelli (andrà poi in Australia).
    Nonostante, come l’anno prima, Pinturicchio chieda alla società il rinnovo di un ulteriore anno da firmare in bianco, Andrea Agnelli non gli propone alcun prolungamento, lasciando scadere quello firmato 12 mesi prima.

    Come abbiamo visto, però, Del Piero non si lamenta mai e contribuisce alla vittoria dello Scudetto, il suo ultimo, in una stagione che si conclude con Juventus-Atalanta.
    Partita nella quale il capitano della Juve mette a segno il 2-0, il gol dell’addio, l’ultima prodezza.
    Servito da Giaccherini fuori dall’area di rigore, infatti, stoppa e calcia da fermo, battendo Frezzolini.
    Un’ultima magia a chiudere una carriera splendida di un giocatore inimitabile.

    Forse qualcuno ha interpretato male quel “firmare in bianco”.
    Sicuramente non sarebbe stato peggio di chi siede ora alla destra del presidente.

    Buon pranzo

  32. Max.
    Fare meglio di chi siede ora alla destra di Agnelli è un gioco da ragazzi.

  33. Finirà come finirà.
    Avevo previsto che i contraffattori
    Piangina (che qualcuno provi a farsi il grano e stia attento alle rime, pagliaccio) avrebbero dato rogne.

    Non tutte le colpe sono di Sarri, ma anche di chi lo ha voluto.
    Manca poco e si sappia che qui nessuno se la fa sotto.
    Scudetti ne abbiamo e nessuno di cartone.

    p
    0

  34. A proposito di piccozza…

    Se c’è un giocatore al quale in questo momento non si può rinunciare è sicuramente Paolo Dybala, è il più in forma della Juve e fu lui 2 anni fa proprio contro la Lazio a Roma all’ultimo minuto di recupero a dare la picconata decisiva al campionato.

  35. CLAUDIO PEA

    “Moggi? E’ il massimo, ha un fiuto meraviglioso, era andato oltre gli Agnelli.
    Per me non ha fatto niente. Calciopoli è una invenzione della Gazzetta dello Sport.
    La Juventus come adesso è odiata, non c’è una prova che condanni la squadra bianconera”.

    Voci del web voci del popolo

    • Per ammissione di Auricchio la gds è stata ampiamente utilizzata nella formazione delle prove d’accusa di calciopoli, in una redazione in cui non fecero allora mai mistero della loro fede interista è facile capire quale fosse il metro di valutazione usato nei riscontri delle partite della Juve in quel processo farsa.

  36. Dopo l’Atalanta frena anche l’Inter che si salva grazie ad un rigore da “oggi le comiche” di Spinazzola.
    Vediamo se stavolta sfruttiamo l’occasione per allungare o ci danno altre tre pere in cinque minuti riaprendo il campionato.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web