Sensazioni positive

 

Articolo di Alessandro Magno

La partita con la Sampdoria mi è piaciuta molto ho visto una Juve motivata con giovani di gamba. Ho visto di nuovo la grinta e la voglia di lottare su ogni pallone almeno da parte di tutti e non il noioso crogiolarsi con passaggi inutili fini a se stessi cercando o fingendo di fare accademia. Chiaramente una rondine non fa primavera e soprattutto le prime partite azzerano spesso gerarchie e tutti sono vogliosi di mettersi in mostra. Questo è risaputo. Era successo anche l’anno scorso ad esempio a Madrid contro l’Atletico. Tuttavia le sensazioni sono positive, della Juve di questa prima uscita mi ha sorpreso oltre alla voglia messa in campo, il numero di conclusioni verso la porta. L’anno scorso passavamo interi primi tempi senza mai tirare in porta, nella spasmodica ricerca di passare con triangolazioni centrali, e questa asfissiante agonia, veniva interrotta solo di tanto intanto da Cristiano Ronaldo, che con la sua tipica azione da sinistra verso il centro saltava qualche uomo e andava al tiro. Il più delle volte erano tiri di frustrazione ed erano gli unici, poi magari nel secondo tempo si cambiava registro. La Juve di Pirlo invece ci ha fatto vedere che dopo aver recuperato palla si va al tiro il prima possibile inoltre ci ha fatto vedere anche qualcosa che l’anno scorso sembrava utopia: il tiro da fuori, cercato un paio di volte udite udite anche da Danilo. Niente entrare in porta con la palla al piede versione calcetto ma un insieme di cose fra cui perchè no anche le vecchie. Sono buone idee che mi sollevano il morale e che spero ovviamente abbiano un seguito. Ma veniamo ai giovani.

Era francamente ora che la Juventus ringiovanisse la rosa. Credo che questo discorso andava fatto due anni fa e forse non sarebbe stato necessario neppure cambiare mister e comunque se ne sarebbe giovato anche Sarri, se solo avesse avuto qualche giocatore giovane in più. La colpa non so di chi sia se di Paratici, di altri fattori o di essersi troppo affezionati ad alcuni giocatori, i fatti però dicono che oltre ai nostri vecchietti funzionali come Ronaldo, Bonucci, Chiellini (chissà per quanto), si sono andati ad aggiungere altri nel corso degli anni non funzionali e o logori: Khedira, Higuain, Matuidi ad esempio. Se a questi aggiungiamo Buffon che alza la media in modo esponenziale e i non più giovanissimi Cuadrado 32, Costa 30, Ramsey 30 e Pjanic 30 la rosa dell’anno scorso aveva una media molto alta riguardo all’età, media superiore ai 29 anni, che la rendeva una delle rose più vecchie d’Europa. Bene per cui questo cambio di rotta, forze fresche e giovani come Mc Kennie, Kulusevski, Frabotta, Arthur, che si vanno ad aggiungere ai Demiral, De Ligt e Bentancur che già erano con noi.

Per proseguire questo discorso trovo anche abbastanza sensata la scelta di Morata che di anni ne ha 28. So benissimo che Morata non era la prima scelta, ma la Juventus è senza soldi avendo un passivo di circa 80 milioni, non è riuscita a vendere nessuno perchè Matuidi e Higuan sono usciti gratis, con quest’ultimo che addirittura ha preso anche una parte dello stipendio, nonostante ciò la Juventus appunto ha scelto di non privarsi di Dybala che poteva esser quello con più mercato e secondo me ha fatto bene visto e considerato che i nomi per sostituirlo sono gli Aouar che al momento possono esser si i nuovi Zidane ma pure i nuovi Draxler. Mi tengo Dybala e credo che la Juve la pensi come me anche perchè altrimenti non sarebbe necessario rinnovargli il contratto. Tornando a Morata è un giocatore che dovrà esser rilanciato ma lo sa anche lui. Viene motivato perchè torna nella squadra dove ha dato il meglio in carriera. Non ha problemi di dover giocare sempre, né di giocare con Ronaldo con cui ha già giocato, e fra le altre, è stato anche compagno di squadra di Pirlo. Ma soprattutto viene in prestito. Se andrà bene verrà riscattato altrimenti arrivederci e grazie. Suarez , Dzeko,Cavani sulla carta potevano dare di piu’ tuttavia erano altri vecchietti che non si sarebbero potuti vendere a nessuno. Soldi non ce ne sono e il mercato si fa con i prestiti o con giocatori che si liberano a basso costo. La Juve sta tenendo i suoi migliori e ringiovanendo la rosa. Non mi sento pessimista.

  1. IL TIFOSO JUVENTINO FA LO SNOB

    Forse ci siamo dimenticati di quello che ci è stato fatto nel 2006…all’inizio abbiamo snobbato la cosa e sappiamo tutti come andò a finire.

    Ora leggo un pò tutto e soprattutto qui sul blog tutti…percepisco in molti di noi quello stesso snobismo di allora.
    La calzetta rosa ci sta riprovando di nuovo, il corriere serale idem, da Trigoria la stessa cosa…insomma creano ad arte il rimbambimento dell’idiota( e badate bene fa rima con italiota ma non lo dico).

    Ehhh, ma non bisogna fasciarsi la testa prima che…etcetera etcetera…sì è vero ma dopo rotta potrebbe essere tardi…e allora dico: perché non premunirsi con un bel casco?

    Né più e né meno, mi pare, la Juve sta subendo(se non proprio la Juve ma noi tifosi, o meglio, io sto subendo le stesse cose subite nel maggio del 2006 da parte dei tifosi avversari ( si è vero svete ragione io non sono snob ecco perchéaccuso il colpo).

    Ed ecco appunto quel sentimento popolare pompato ad arte da giornali e tv innesca ancor di più l’odio verso i colori bianconeri…
    La Juventus la si combatte fuori dal campo di gioco…lì in mezzo è difficile batterla.

    Quello che sta accadendo in questo momento mi mettono solo tanta rabbia dentro, accuse basate sul nulla, nessuna azione illecita commessa (solo per un esame di italiano per un calciatore extracomunitario che giocava da un’altra parte e se ne va ora da un’altra), ne da ipotetici intermediari della Juventus e men che meno illeciti commessi da tesserati della Juventus.
    Si sta montando un processo mediatico ed un conseguente danno di immagine sul nulla.

    C’è solo un modo per combatterli, iniziando a disdire gli abbonamenti a pagamento delle TV private…poi ti chiamano e allora puoi dirgli a voce il perché della tua disdetta.

    Saluti

  2. E’ veramente scandaloso questo canea nei confronti della juve sull’esame di perugia. Questa notizia sta facendo il giro dei tg, media vari e ha una risonanza maggiore di quella che permise a 500 MAFIOSI E DICO MAFIOSI di essere scarcerati. VERGOGNOSO, SCONCERTANTE, E SOPRATTUTTO IRRITANTE. Ecco come va l’italia!

  3. SANDRO SCARPA

    Dopo Marotta, dopo Conte ora Arturo Vidal!

    Continuano gli 80 e passa anni di imitazione, finora mal riuscita, dell’inter nei confronti della Juventus.

    Negli ultimi anni, il tifo interista, stimolato dallo stesso club, rivendica una diversità e presunta superiorità morale a più riprese: “noi siamo diversi, vinciamo (??) senza rubare, anteponiamo valori e ideali alla vittoria a tutti i costi“, con tanto di comunicati ufficiali.

    Ogni volta che uno Juventino vincente viene accostato all’inter l’ambiente nerazzurro prima esplode: “Ma come? Proprio lui?”, Marotta? Conte? Simboli di potere, palazzi, eversione delle regole con l’esibizione degli scudetti revocati.

    Eppure, sono più di 80 anni che l’inter continua imperterrita a COPIARE la Juventus.

    Prima gli interisti si indignano per gli acquisti, poi li esaltano (alla prima vittoria), poi attaccano la “juventinità” dei nuovi arrivati (al primo KO) e infine gli ex-juventini vengono idolatrati non tanto se vincono, ma quando sussurrano frasi da strumentalizzare: “Quando c’è da dare uno schiaffo lo si da sempre all’inter”, e attaccano col ritornello: “Bravo! Ora capisci com’è stare da questo lato! Non eri abituato di là, eh?!”.

    Lo stesso capiterà con Vidal:

    “Bravo eh, ma un’altro juventino?” – “Grande Arturo, giocatore vero!” -“Ecco, abbiamo preso un altro vecchio che vinceva solo grazie agli aiutini!” – “Vidal espulso! Alla Juve non eri abituato, eh!”.

    Con Vidal, urge ricordare una serie clamorosa di trasferimenti dalla Juve all’inter, tentativi di emulazione nerazzurra di vittorie bianconere che mostrano inequivocabilmente che, tra un’indignazione e l’altra, COPIARE è sempre meglio di provare ad essere differenti.

    Quinquennio 1930-35: 5 scudetti Juve.
    Nel ’35 muore Edoardo Agnelli (padre di Gianni e Umberto) e la Juve sceglie l’austerity.
    Così l’inter si fionda sui campioni Juve e scippa alla Juve GIOVANNI FERRARI (tra i migliori dell’epoca) con ingaggio record: nonostante l’accoppiata Ferrari-Meazza l’inter dovrà aspettare 2 anni per rivincere lo Scudetto.

    Primi anni ’70: la Juve vince 5 Scudetti in 7 anni con PIETRO ANASTASI, tra i più amati di sempre, 3 scudetti, finali di Coppa Fiere, Campioni e intercontinentale, uno dei migliori “9” del decennio. L’inter, a secco da 5 anni, prende Anastasi nel 1976, ma la Juve vince ancora 2 scudetti di fila.
    Per le cronache “Il furbo Boniperti non si era sbagliato: Anastasi ha finito la benzina. Mazzola si danna per ridargli fiducia invano. Lentamente ma inesorabilmente, Pietruzzu si intristisce.“

    ANNI ’80: Nel frattempo alla Juve arriva il mister GIOVANNI TRAPATTONI, ed è trionfo. 10 anni dal ’76 al ’86 con 6 scudetti, 1 Uefa, 1 Coppa Coppe e l’agognata (e tragica) Coppa dei Campioni del 1985.
    Assieme ai campioni Juve di quel decennio (dagli eroi del Mundial ’82 a Platini) è il Trap l’eroe di un ciclo immenso.
    E, come nel classico dei copia-incolla, l’inter acquista prima Marco Tardelli (10 anni alla Juve) poi affida la squadra al Trap che, dopo un avvio stentato (assieme agli ex-Juve De Agostini e Serena), solo al 3° anno riuscirà a riportare l’inter allo Scudetto (9 anni dopo l’ultimo) e una UEFA vinta al 5° anno.

    ANNI ’90: Dopo Totò Schillaci (dalla Juve all’inter nel 1992), nel ’94 la Juve vede il futuro in MARCELLO LIPPI con l’ennesimo straordinario ciclo: in 5 anni 3 Scudetti e 4 finali Europee, 1 in Uefa e 3 in Champions, con la vittoria della seconda Coppa. Lippi incarna lo spirito Juve: disciplina, cultura del lavoro (col fido Ventrone) e tracotanza spiccia del vincente.
    Altro ciclo Juve e altro tentativo di imitazione inter. Nonostante per gli interisti Lippi sia l’arrogante che ha “scippato” lo Scudetto nel 1998 (Iuliano-Ronaldo, per capirci), il viareggino viene ingaggiato assieme ad Angelo Peruzzi, Paulo Sousa, Vladimir Jugovic e poi Christian Vieri, in una squadra che vede già Roberto Baggio.
    Due anni flop, poi ritorno alla casa madre, nel 2001, con altri 2 scudetti vinti, tra cui, beffa delle beffe, il proverbiale Scudetto del 5 maggio.

    ANNI 2000: La storia si ripete: dopo il flop di Edgar Davids, dopo il proverbiale scambio Carini-Cannavaro e dopo aver provato ad ingaggiare Luciano Moggi, l’inter depreda una Juve retrocessa, privata di due scudetti, acquistando in saldo Ibrahimovic e Vieira.
    Con loro i nerazzurri inaugurano una parentesi vincente dopo anni flop.
    Ancora una volta i protagonisti di una Juve odiata e denigrata vengono acquistati dai nerazzurri per tornare a vincere.

    OGGI: La storia si ripete: l’inter si affievolisce, la Juve rinasce con l’era più vincente di sempre in A con 9 scudetti, 4 double, 2 finali di UCL e gap tecnico, economico e societario inaudito, e la capacità di ingaggiare una superstella come Ronaldo.
    Non potendo strappare giocatori alla Juve, l’inter prima offre ingaggi a chi non rinnova: Kwadwo Asamoah (6 Scudetti con la Juve), poi i due simboli assoluti del Potere Juventino: Marotta e Conte.

    Va male lo stesso: ZERO titoli con un secondo posto in Serie A e la sconfitta in finale di Europa League.

    Ma l’inter non lascia lo spirito di imitazione e raddoppia: Conte vuole Arturo Vidal, l’uomo dei due scudetti (30 e 31) tatuali sul bicipite che solo poche settimane fa tributa il suo amore per i colori bianconeri (“Se Pirlo mi chiama volo!”).

    Sappiamo che Arturo è uno che si ama (così come Conte) quando ce l’hai in squadra, e così accadrà, ancora una volta, sperando che il risultato della “copia” sia lo stesso: fallimentare.

    “La Juve vince grazie ai soldi della FIAT!” (e offrono più soldi a Ferrari…)
    “La Juve è amata al Sud solo per i dipendenti meridionali FIAT! (e prendono Anastasi…)
    “La Juve vince grazie al potere degli Agnelli!” (e prendono Trap e Tardelli…)
    “Juve dopata!” (e prendono Lippi, Peruzzi, Baggio, Sousa, Jugovic, Vieri e Davids…)
    “La Juve compra gli arbitri!” (e provano a tutti i costi a ingaggiare Moggi…)
    “La Juve Rubba!” (e prendono Ibra e Vieira…)
    “La Juve è aiutata!” (e prendono Asa, Conte e Vidal!…)
    “La Juve è disonesta e immorale!” (e prendono Marotta…)

    Fino alla prossima copia!

    Buon pomeriggio

  4. Guido Vaciago su Tuttosport:
    “Non basta l’esame truccato (sempre venga provato che lo sia) di Suarez (giocatore tesserato per un’altra federazione e attualmente dell’Atletico Madrid) perché la Procura Federale possa agire: è necessaria una partecipazione attiva e rilevante sotto il profilo disciplinare di un tesserato o, al limite, di una persona che abbia agito per la Juventus. E’ chiaro a tutti che in questi giorni sia in atto una ricerca di questo elemento per provare che ci sia stata corruzione e che il corruttore sia qualcuno della Juventus.”

    • Ma infatti è come se l’inchiesta principale quella iniziata a febbraio, sia stata accantonata e tutti gli sforzi si siano concentrati a verificare se la Juve abbia fatto qualcosa.
      Perché immagino che da febbraio avranno individuato qualche altro esame sospetto, quindi ora che l’indagine è di dominio pubblico dovrebbero sentire anche altre persone eventualmente coinvolte invece di concentrarsi subito sul caso Suarez che in teoria è l’ultimo in ordine di tempo🤔

      • La cosa peggiore è il modo in cui è stata fatta informazione sui soggetti implicati nella vicenda Suarez, fra le tante in un tg sportivo ho sentito anche questo: “spuntano presunte intercettazioni dei dirigenti juventini con il Rettore dell’Università” senza ovviamente specificare quali siano. L’uso dell’aggettivo “presunte” non rende la notizia meno insinuante e allusiva, particolare che in mancanza di certezze documentali finisce per ledere la reputazione altrui integrando il reato di diffamazione pubblica per il modo in cui è stata posta all’attenzione dei telespettatori.

        • Come quando dicono che la Juve si è messa in contatto con l’università per far sostenere e “superare” l’esame. Con quel “superare” che fino a prova contraria non c’entra un cazzo ma dà tutta un altra prospettiva alla notizia.

    • @Gioele
      Intanto la Juve si è fatta sentire, almeno credo, nell’intervento del suo avvocato
      Chiappero legale bianconero: “Verità alterata, Juve estranea ai fatti”.
      Intanto tardivo ma necessario, l’intervento della Procura di Perugia che ha deciso di bloccare, da oggi a tempo indeterminato, tutte le attività d’indagine relative alla vicenda dell’esame.
      Il procuratore capo Raffale Cantone, ha spiegato che la decisione è legata a quelle che vengono ritenute ripetute violazioni del segreto istruttorio.
      Il magistrato, che oggi non era a Perugia, ha già deciso l’apertura di un fascicolo per accertare eventuali responsabilità.
      “Sono indignato per quanto successo finora – ha detto -, compreso l’assembramento dei mezzi d’informazione oggi sotto alla procura. Faremo in modo che tutto questo non accada più”.

  5. Esiste un regolamento ben preciso e le regole vanno rispettate da tutti, ed è questa la differenza col caso Recoba, allora si alzò il muro della protezione mediatica nei confronti di una società di Milano che tesserando Recoba quelle norme aveva palesemente violato, per la precisione la regola 40 settimo comma delle NOIF della FIGC, che prevedeva che le squadre del campionato di calcio non potessero schierare più di 5 giocatori con passaporto extracomunitario, con quella stessa società che per evitare di vedersi colpita direttamente per l’accertata violazione di quelle norme, fece addirittura pressione affinchè proprio quelle regole vengono cambiate. Era il 2001 e accade che quella norma venne violata anche da altre società, senza che nessuna fosse punita in base a quanto previsto dal regolamento sportivo, ma soltanto multate con la squalifica dei calciatori coinvolti e l’inibizione dei dirigenti coinvolti, oltre ad una irrilevante sanzione pecuniaria. Tutto questo perché quella regola che ne avrebbe decretato le penalizzazioni a livello sportivo, fino alla retrocessione, venne abolita ed il processo rimandato a fine stagione per avere il tempo di cambiarla a campionato in corso, mettendo d’accordo tutti, snob ed italioti.

  6. Massimo Pavan:

    “Continuo a leggere di gente che spara fake news sulla Juve chiudendo retrocessioni, a fine stagione spero si facciano i conti…La squadra anche quest’anno sarà sola contro tutto e tutti, anche alla luce delle recenti polemiche”.

    Io spero che si faccia la super lega. Sol così potremo allontanarci da questo ambiente di mascalzoni che nulla hanno in comune con lo sport. Sono disperati e pronti a tutto. Come nel 2006.

    • Si, si va verso quello. Anche per questo serve un gioco non italiano. La dirigenza lo sa. Perché se il curriculum che serve per entrare in un lega del genere è quello che si porta come plusvalore. E non possono essere autocertificazioni. Serve tifosi nel mondo, e spettacolo. In questo dobbiamo si deve crescere in fretta.

  7. In rete gira una richiesta del Codacons di retrocessione della Juventus. In diversi giornalisti anche noti, hanno riportato la notizia, peccato che sul sito del Codacons non compaia e che sembri l’ennesimo attacco mediatico, o forse una fake news costruita ad arte.

    • @Tranfaglia
      La libertà di stampa( permette di scrivere(?)anche ad un asino come me), non sarà colpa proprio di questa tanta troppa libertà?

      Carlo Alberto Salustri, con la sua satira, aveva trovato il modo di scrivere anche ai tempi del regime.

      • Max,questo non è libertà di stampa. Si tratta di disonestà intellettuale La libertà di stampa è una cosa diversa. Molto diversa.

    • Vebbe adesso non scendiamo nella paranoia. Stupidate da ragazzini

  8. IL DONZELLI-NO VA ALLA CAMPAGNA

    @Tranfaglia

    In riferimento al tuo post…
    Sembrava tutto vero, e invece era solo un fake.
    Nonostante quanto riportato da vari organi di stampa, anche attendibili, il Codacons non ha denunciato la Juventus chiedendone la retrocessione in Serie B qualora fosse stata comprovata la responsabilità nell’esame ‘farsa’ di Luis Suarez.
    A trarre tutti in inganno ci ha pensato un comunicato circolato sui social: “Se verrà confermato il coinvolgimento diretto del club bianconero, finalizzato a truccare l’esame per la cittadinanza italiana del calciatore Luis Suarez, è necessario che la F.I.G.C. sanzioni duramente il club bianconero, in quanto ne va della regolarità del campionato italiano di Serie A”, le parole attribuite al ‘presidente’ dell’associazione in difesa dei consumatori Marco Donzelli.

    Ovviamente, una volta registrato il fake, i commenti sono stati impietosi e soprattutto ironici.

    Buongiorno ☕

    • Le fake servono per influenzare l’opinione pubblica e fare di una falsità il pensiero comune. Verso la Juve da decenni accade questo. K

      • In passato sono state purtroppo anche e sopratutto le vergognose campagne dei media faziosi ad influenzare l’opinione pubblica.

  9. ALVARO MORATA

    Parla molto bene l’italiano, aiutato dalla moglie italiana che non è di Perugia, e ieri ha fatto una bella conferenza stampa con le domande incalzanti dei giornalisti in sala.

    Ha parlato soprattutto dell’amore per i colori bianconeri oltre a tante altre cose, di cui anche: Alvaro è tornato per restare e per scrivere un’altra storia e possibilmente più lunga.
    Non sarebbe mai andato via, nel 2016, nonostante un minutaggio diminuito e un Dybala in rampa di lancio…ma soprattutto per colpa della “recompra”.
    Si sentiva bene e si sentiva soprattutto amato, cosa che in Spagna ha percepito solo a tratti, a Londra neanche un pò.

    “Quando capisci che la tua vita non può cambiare, è meglio finirla lì”.
    Le parole di Morata riferite al periodo Chelsea.
    Chi c’era, ai tempi?
    Che l’ha lanciato, poi smarrito, infine ceduto all’Atletico nel gennaio 2019.
    Una storia mai sbocciata, anche per qualche dissidio interno tra i due.
    “Pirlo è elegante, è nato per questo. E sa trattare bene il gruppo”.
    Il primo tiro a effetto del nuovo numero nove e l’obiettivo non era il goal, ma colpire qualcuno.

    Nell’ambiente Juve, e nei ricordi di Morata, un nome da dimenticare in fretta.

    Buongiorno ☕

  10. È arrivato il momento di fare quadrato e di unirci per rintuzzare ogni attacco mediatico che la Juventus riceve da un mondo malato, frustrato e che vive di invidia ed odio nei riguardi di chi è meglio di loro .
    Questo livore anzi questo ipocrita scandalizzarsi di fronte al nulla, mi fa scattare dentro e mi fa tornare ai tempi di quando vedevo il “bimbominchia “ che piangeva perché l’altro si era preso le caramelle prima di lui.
    Sembra che anche quando la Juve cerca di fare le cose alla luce del sole, debba essere indicata per malandrina come il peggiore dei criminali.
    Se mi ci metto a pensare non solo non ci trovo niente di sospetto nell’affare Suarez poi non concretizzato, ma addirittura non capisco ( eppure credo di essere una persona moralmente ineccepibile) cosa ci sia stato di illegale.
    Una Società ha l’opportunità di poter ingaggiare un calciatore che momentaneamente non puó mettere in rosa perché una norma dice che non puó tesserare più di due extracomunitari. Norma alquanto discutibile in quanto questo calciatore in un’altra nazione europea e facente parte della comunità, per la fattispecie Suarez ( già lavoratore in Europa da diversi anni e con moglie che ha già pure il doppio passaporto ) non ha ragione di esistere, ma comunque questo è un altro discorso cui magari soffermarsi in altra situazione.
    Per ritornare alla Juve, questa, cerca di capire se riesce a trovare una strada fattibile affinchè questo possa giocatore che vorrebbe , potrebbe diventare comunitario per riuscire a tesserarlo. E fin qui vorrei capire dove ci sta il dolo che tutti quei moralisti vogliono fare emergere a tutti i costi.
    Se a qualcuno di noi altro manca un documento x poter lavorare credo che abbia il dovere di andare a richiederlo, o no? Ricordo che ai miei tempi, dopo aver vinto un concorso nella pubblica amministrazione chiedevano i “carichi pendenti e civili” da dover richiedere nei tribunali di residenza .
    Se mancava un documento, non avendo fatto nessun reato si faceva richiesta e si aspettava il tempo necessario affinchè l’ufficio competente lo rilasciasse.
    La società Juve quindi si informa e chiede se puó farcela a far fare l’esame di idoneità a Suarez e poterlo tesserare, ed inizialmente sembra pure che l’avrebbe potuto farla con i tempi giusti onde poterlo tesserare, ma in itinere ci si rende conto che non sarà così e cambia idea, ma ad ogni qual modo Suarez va a fare lo stesso il test per non precludersi un eventuale possibilità di giocare in Italia.
    Il giocatore non viene ( secondo le norme che non consentivano il tesseramento) più preso in considerazione dalla Juventus che vara su altre prospettive, pertanto, vorrei capire dove ci sia il reato e per cosa.
    Per aver fatto fare un esame a qualcuno che magari non avrebbe meritato di essere promosso? Credo che questo sia competenza della commissione di esame se promuoverlo o meno, e se il candidato non ha i requisiti cosa c’entra chi lo ha proposto per fare l’esame stesso?
    A certo, i benpensanti ed maligni di cui prima, possono dire che avrebbero fatto una disparità in quanto questo abbia fatto l’esame da raccomandato all’italiana maniera, ma chi parla è sicuramente qualcuno che ha tirato per primo la prima pietra avendo già peccato dello stesso “peccato“.
    Mi aspetto un altro processo alle intenzioni pari a quello del 2006 dove l’unica cosa che conta è far fuori la Juventus.
    Solo che questa volta mi aspetto pure un uscita morbida della Juve stessa da questa FGCI per lasciarli morire da soli nel loro brodo. Non credo che Sky o Rai o chiunque oggi si permette per bocca di suoi giornalai di strapazzo per non parlare di quelli della carta stampata di Milano in primis che riusciranno a sopravvivere se non ci fosse il flusso economico dei tifosi Juventus.

  11. Il 6 maggio 2001 nello scontro diretto che decide lo scudetto, dopo pochi minuti Del Piero e Zidane portano la Juve in vantaggio sulla Roma di 2 gol. Il giapponese Nakata è in panchina ma fino a 2 giorni prima non sarebbe stato neanche lì. Il 4 maggio 2001, infatti, la Figc aveva cambiato la norma che regola l’utilizzo dei giocatori extracomunitari, cancellando il tetto dei 3 tra campo e panchina. A beneficiarne sono l’inter con Recoba e la Roma che rafforza la panchina con Nakata e e Assunçao, ed è appunto il primo che diventa protagonista della sfida, entra al minuto 60 al posto di Totti e al minuto 80 fa 2-1 con una fiondata dalla distanza, allo scadere poi calcia di nuovo in porta, Van der Sar respinge male e Montella fa 2 a 2. Il distacco in classifica della Juve dalla Roma resta immutato e lo scudetto finisce sulle maglie della Roma. Anche su quella di Nakata, costata 30 miliardi di lire prima che la Figc abolisse la regola sul numero massimo di extracomunitari da schierare in campo, cancellando così anche i comportamenti illeciti ed antisportivi di inter e roma.

  12. Una cosa devo dirla, a chiare lettere. La Juve deve stare attenta a come si muove perché ci sono manipoli di sciacalli pronti a colpire, invece mi pare che ciò non avvenga.

    Questo concetto se lo devono ficcare in testa perché siamo costantemente sottotiro. Basta ingenuità. Da un anno ne stiamo commettendo parecchie anche come scelte sportive rimettendoci soldi e fatica. Non so se è chiaro che ci troviamo spesso in grane che potremmo evitare.

    E non parlo solo di quella attuale. Mi pare che si proceda troppo ingenuamente su diversi obiettivi, senza lungimiranza e analisi accurate. Un sacco di soldi buttati nel cessò con operazioni e scelte che definire ingenue è un eufemismo.
    Adesso basta cazzate. Basta infatuazione deleterie che provocano voci pessime di bilancio, basta provvedimenti inutili.

    Chiudiamo il club delle giovani marmotte che si fanno prendere da mania di infallibilita’. E occhio alle trame per disintegrate la Signora, perché se hanno fottuto Luciano Moggi, a questi li tritano.

  13. Furino

    Non si tratta di paranoia ma di un cancro da estirpare che da anni deturpa l’immagine del mondo dell’informazione, è un dato oggettivo che le redazioni sportive di giornali e tv sono piene di commentatori tifosi e opinionisti, nelle quali a mancare è proprio l’informazione.
    Sulla vicenda di Perugia sono stati raggiunti livelli di parossismo comunicatico inaccetabili, pari solo a quelli di Calciopoli, livelli veramente miserevoli di informazione viziata come quella di queste ultime settimane, peggiore della stampa di un regime dittatoriale, violazioni del segreto istruttorio, (non) notizie cariche di insinuazioni e allusioni senza fondamento, orrori di stampa che non si possono più accettare da un’informazione che ha perso la memoria di se stessa ed è senza vergogna.

  14. Buongiorno,
    Nonostante il segreto istruttorio sono finalmente trapelate le trascrizioni delle intercettazioni che incastrerebbero la Juventus:

    PARATICI/RETTORE
    19/9/20
    Rettorato Università di Perugia.

    DRIIIIINNNN

    Segretaria: Università per Stranieri buongiorno.

    Paratici: Buongiorno, sono la Juventus, nella persona del suo DS Fabio Paratici! Vorrei parlare col rettore.

    Segretaria: Maroooo, la Juventus! Sa eccellenza, io, mio marito i miei figli siamo tutti juventini!

    Paratici: Mi fa piacere signora, mi passa il rettore?

    Segretaria: Subito eccellenza!

    DRIIIIINNNN

    Rettore: Si Caterina, dimmi.

    Segretaria: Retto’, non immagina neanche chi c’è al telefono che vuole parlare con lei!

    Rettore: Eh, Cateri’, e chi sarà mai, Mattarella!?

    Segretaria: Di più Retto’, molto di più…. è la Juventus nella persona del Direttore Paratici!!!

    Rettore: Oh Signore! Cateri’, e che aspetti a passarmelo, muoviti!
    —————
    Rettore: Si, pronto!

    Paratici: Buongiorno rettore, sono la Juventus! Concretamente Fabio Paratici.

    Rettore: Direttore carissimo! Se mi permette mi faccio un selfie mentre parlo con lei, sennò poi a casa non mi credono! Mi dica, in che posso esserle utile?

    Paratici: caro rettore, glielo dirò nella maniera più discreta…insomma, gira voce che lì regaliate l’esame per la cittadinanza.

    Rettore: Emmmhhh…regalare regalare….mi piacerebbe ma…sa, abbiamo un buco da tre milioni e la GdF alle calcagna…non possiamo permetterci regali… però nel caso, giusto perché è lei, ci faremmo corrompere con molto piacere.

    Paratici: Ah, benissimo, ci contavo, le spiego…

    Rettore: Si, un attimo Direttore, se mi permette per parlare di esami la metto in viva voce perché ho qui vicino a me il mio corpo docente!

    Corpo docente: Buongiorno eccellenza, e forza Juve!

    Paratici: Buongiorno, allora, vi spiego…avrei comprato Suarez del Barcellona…

    Esaminatrice: uuuuhhhh, Suaaarez! Vinciamo la Champions! Con Suarez vinciamo la Champions!!!

    Rettore: Professoressa, si contenga! Per l’amor di Dio!

    Paratici: sa, caro rettore, avremmo bisogno di farlo italiano in fretta…

    Rettore: Non si preoccupi Direttore, lo consideri già un paesano! Non rimane che accordare il nostro compenso per rendere effettiva la corruzione.

    Paratici: Non si preoccupi rettore, per definire i dettagli della corruzione la farò contattare dagli avvocati della Juventus in modo da rendere totale il coinvolgimento del club.

    Rettore: Perfetto Direttore, mi lasci dire che è un piacere essere corrotti da voi! Finora solo immigranti magrebini o cinesi…

    Paratici: Il piacere è nostro, però mi raccomando, mi faccia fare bella figura, che da quando ho portato Sarri… Agnelli mi guarda sempre male…e mi raccomando… discrezione!

    Rettore: Tranquillo, si consideri in una botte di ferro! La saluto!

    Corpo docente: Arrivederci eccellenza! Forza Juve aleeee’, Forza Juve aleeee’!
    ————————-

    Ma a giudizio degli inquirenti la telefonata che chiude il cerchio e compromette definitivamente la Juve è quella intercettata tra Paratici ed il proprio Suarez:

    PARATICI/SUAREZ
    20/9/20 Casa Suarez…
    DRIIIIINNNN

    Suarez: Si, hola!

    Paratici: Buonasera sono Fabio Paratici!

    Suarez: Que?

    Paratici: Fabio Paratici…buonasera.

    Suarez: Queeee?

    Paratici: Pa-ra-ti-ci, della Juventus!

    Suarez: aaaahhhh, Juventus! Platini…Bagghio, Ciellini!

    Paratici: Ecco, si, volevo dirti che ti abbiamo comprato l’esame di italiano!

    Suarez: Italia? Aaahhh, Italiaaaa…spaghetti, pizza…mafia…Laura Pausini!

    Paratici: annamo bene… Ascolta, giovedì dovrai essere a Perugia.

    Suarez: Queeee?!?

    Paratici: gio-ve-di tu an-da-re Pe-ru-gia!

    Suarez: Disculpa Favio, no te entiendo! Habla con mi abogado!

    Paratici: Li mortacci… vabbe’ va’, mi raccomando studia un pochino…ti mando su WhatsApp le domande dell’esame ed il video originale de “l’italiano” di Totò Cutugno, ok?

    Suarez: aaaahhhh, musica italiana, bonita! Eros Ramasoti! Ooole’, hasta la vista Favio!!!

    Paratici: ciao, ciao… stavolta me cacciano sul serio…
    ————————-

    Gli investigatori non hanno dubbi, la Juve avrebbe già un piede in B. I legali della difesa sono invece fiduciosi e dichiarano che le conversazioni sono state decontestualizzate. Speriamo bene…

    • Complimenti Kris. Capolavoro d’ironia!🤣🤣🤣 👏👏👏

    • Attento kris perchè la tua ironia può essere copiata ed incollata ad altri siti dove prendono per vero quello che hai scritto e tanti idioti (lo dico secondo il vero significato) ci credono e la riportano come verità assoluta.

      Purtroppo su queste cose non possiamo neppure giocarci sù, ci sono dei pazzi che ne fanno delle questioni di principio.

      Guarda ad esempio qualche tuo collega del foro di Napoli ( sembrerebbero addirittura i principi di tale foro) che tre anni addietro avevano preparato un istanza alla Fgci per fare annullare lo scudetto che ha vinto meritatamente la Juventus per riassegnarlo al Napoli arrivata seconda e che secondo loro era stata defraudata dalla partita di Milano in cui la Juve vinceva contro …. ( il mio computer ha ordini precisi di non nominare invano la società più carogna di tutte).
      Altro che scherzi a parte, qui stavamo su realtà “falsata a parte”. Ma loro imperterriti continuavano eh, mica si sono fermati. Per fortuna che non abbiamo bisogno di farci difendere da stupidi ( uso un eufemismo ) del genere, mi preoccuperei seriamente.

      • Ah beh, uno come l’ex procuratore Pecoraro sarebbe stato capace di acquisire il post ed aprire un fascicolo🤣🤣

      • Anto’, cerchiamo anche noi dotati di raziocinio di non martellarci gli zebedei … Piuttosto facciamoci una risata alle di alcuni di questi poveretti che qualcuno chiama “giornalisti …

        E, a proposito, ti sei dimenticato di fare un meritato applauso a Kris, per la sua godibilissima satira🤣

  15. Dopo 2 anni passati con le discussioni su Allegri del tipo “che schifo di partita!”; “si ma si è vinto”.
    E giù discussioni sul corto muso, naufragate sullo scoglio ajax.

    Dopo un anno di nulla con l’esperienza Sarri, naufragata sullo scoglio Lione.

    Finalmente si era tornati a parlar di calcio con Pirlo.

    Calcio per davvero, mica sciocchezze.

    Il mediano, il terzino, le verticalizzazioni, i contropiede.
    Il tutto corroborato da una squadra nella quale si sono rivisti i fondamentali del calcio come i cross ed i tiri in porta, e non solo da parte di CR7.

    Ora arrivato il centravanti qualche discorso su Dybala in panchina affiora, mi auguro di no, mi auguro di vedere una squadra nella quale le tre punte possano giocare finalmente assieme.

    Detto questo ti nasce questa farsopoli da due soldi, montata ad arte da una categoria di giornalisti che tutto possono fare tranne parlar di calcio, semplicemente perché non ne sono capaci e se non si parla di polemiche anche prive di fondamento, non si sa parlar d’altro.

    Evviva perciò il nulla da tolc sciò, la polemica sul nulla, e l’immancabile #juveinB #radiamoli.

    fortunatamente oggi si gioca, domani pure.

    Fortunatamente le indagini sono state sospese e silenziate perchè anche alle sciocchezze c’è un limite.

    • Dici bene, Luca, si gioca … a calcio vero, aggressivo e senza tanti fronzoli, come forse alla Juve non si vedeva da tre anni!

      Appunto, troppe volte abbiamo detto: oggi contava solo il risultato?
      Pirlo si è messo invece in testa di farci vedere anche il gioco, e per noi buongustai (ieri-oggi-domani) oltre al risultato pretendiamo il gioco.

      Bando ai masochismi quindi.
      Inutile insistere quindi su una vicenda come quella di Suarez che si può trattare solo come ha fatto Kris: sorridendo sulla scempiaggine di una categoria (quella giornalistica) che ha ampiamente sfondato il muro del ridicolo!

      Ciao.

  16. ANDREA PIRLO

    “Abbiamo fatto una buona settimana di lavoro, meglio rispetto alla scorsa con carichi superiori e i ragazzi hanno risposto bene.
    Il centravanti è arrivato, abbiamo lavorato poco con lui ma nella mia testa è tutto chiaro su come giocare con il n. 9.

    Dybala? Decidiamo oggi se portarlo a Roma o lasciarlo qui a lavorare.

    Turnover? Dopo una sola gara no…
    Abbiamo parlato con Pellegrini e in vista dell’Europeo abbiamo deciso di mandarlo a giocare con frequenza, qui rischiava di non giocare tante partite…

    Khedira? Stiamo valutando una soluzione valida per entrambe le parti.

    Morata attacca bene la profondità, fa reparto da solo, gioca bene con gli altri, è il tipo di giocatore che stavamo cercando…

    Bernardeschi lo vedo in fascia con forza e fisicità, non da trequartista…
    Dzeko grande pericolo, poteva diventare un giocatore Juve ma la trattativa non è andata in porto… ”

    Buon pranzo

  17. Scusate, qualcuno mi sa dire cosa ha detto Pirlo in conferenza riguardo al campionato italiano e alla sua difficoltà xché non sono riuscito a capire bene🤔🤔🤔 grazie.

    • Germano, la conferenza di Pirlo è stata interessantissima in toto.
      Nulla è banale nelle sue parole. E questa è una precisa critica al passato recente in cui si parlava di tutto ma poco di calcio giocato😅.

      Che il campionato italiano sia molto “tattico” (che non è l’esatto sinonimo di “difficile”), è una cosa che sanno tutti.
      I risultati in Europa negli ultimi tempi delle squadre italiane dimostrano purtroppo che questo “tatticismo” viene spesso vinto con la tecnica e l’organizzazione di squadra.

      • Mmmh, Luigi, a me è sembrato un grande elogio al calcio italiano da chi, a differenza sia mia che tua e di tutti, si intende e alla grande di calcio. Poi come sempre sicuramente mi sbaglio eh.

      • Non voglio sbagliarmi ma mi pare che Pirlo abbia usato la parola difficile. E x me difficile significa competitivo. X me eh.

      • Anzi, ha usato la parola complicato.

        “Il campionato italiano è complicato, se non sei al 100% fisicamente e mentalmente fai fatica contro tutti». Ma se x non fare fatica con tutti devi essere al 100% sia fisicamente che mentalmente, come fa ad essere un campionato scarso? Ancora non ci rendiamo conto dell’impresa che abbiamo fatto in questi anni. Unica e la più grande che una squadra di calcio potesse mai fare. Noi no (anche e soprattutto x snob verso il nostro calcio e il nostro paese in generale) ma quelli che ereanno dopo se be’ renderanno conto. Questo è poco ma sicuro.

  18. Ho la sensazione che questo appena iniziato sarà un campionato al calor bianco …

    Anche la Giostra-Atalanta è ricominciata :
    Torino-Atalanta 2-4
    … e con i cinque cambi possibili mi sa che è pure possibile “giostrare” per 90 minuti!!

  19. Beh, io credo che x Torino-Atalanta bisogna fare le stesse considerazioni fatte x Juventus-Samp e cioè, il valore dell’avversario com l’Atalanta xrò che sono anni che ha una continuità tecnica. Ha preso anche 2 gol (spero non capiti mai a noi nemmeno se ne facciamo 10.) Mi piacerebbe vedere spesso la Juve di domenica con occasioni create a ripetizioni xrò lasciandone al massimo una all’avversario. Ecco, x me questo sarebbe calcio. Domenica lo abbiamo fatto. Vediamo domani sera.

    • Germa’, io firmerei invece per vincere tutte le partite 4-2, pensa un po’😅.

      • Xché vincerle tutte 2-0 ti dispiace. Classico risultato all’inglese. Più europeo di così. X te risultato significa vincere una coppa? Allora vincere non è importante ma è l’unica cosa che conta vale x te e non x me. Tranquillo che quando avremo anche noi quella buona dose di c.lo che serve x vincerla ne vinceremo di seguito più delle 3 del Real che di c.lo ne ha avuto a dosi massicce, oltre ad una squadra forte ovviamente. X il campionato invece devi essere semplicemente il più forte. Anche Conte dice che l’equilibrio è alla base di tutto. E daje…

  20. Secondo me il punto è diverso.
    Non è vero che il nostro calcio non sia difficile.
    Anzi.
    Però è anche vero che fuori per le squadre italiane son dolori.
    Proprio l’esperienza della Juve pone l’accento su questo punto.
    L’italiana più forte di gran lunga senza se e senza ma, fuori dai patri confini non brilla.
    Ecco che serve un cambiamento, una visione di gioco diversa.
    Non voglio con questo porre i risultati ottenuti in secondo piano anzi, ma vorrei, vista l’importanza, che la Juve diventasse un club più europeo.

    • Appunto Luca. Sarà pure difficile, ma per chi non sa giocare a calcio.
      Se è vero come è vero che fuori dal proprio orticello anche la Juve soffre il gioco europeo.

    • Beh, veramente il calcio ridicolo italiano ha portato la Juventus 2 volte in finale, una in semifinale Eu, l’Inter in finale Eu e Atalanta e Roma on semifinale champions. X un campione scarso sono risultati ottimi se scarso eh. Pensa se eravamo sufficientemente competitivi cosa facevamo. Scusa ma non credo che i risultati di questi anni delle squadre italiane siano stati così scarsi. Se poi ci vogliamo fermare a Juve-Ajax…x carità, ricordando xrò che all’andata se vincevano nessuno poteva dire niente. Il mio è un semplice parere e niente più ma ritengo il campionato italiano il top.

      • E averlo vinto 9 (x me 8 x i motivi che sapete…) ci porta ad essere inevitabilmente la migliore di tutti in assoluto offrendo in questi anni in gioco molto buono, con momenti rarissimi inguardabili ma anche momenti rari ma neanche tanti straordinari. Pirlo saprà dare col tempo il giusto equilibrio alla squadra xché senza quello non solo non vinci nulla ma nemmeno sei competitivo

      • Germano. Non mi pare di aver scritto che il campionato italiano sia ridicolo.
        Certo, non lo ritengo il top europeo come tu dici. Ma non è un problema ovviamente.
        Ben vengano anche i risultati in campo europeo. Ma io per risultati intendo alzare una coppa😅.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia