Io continuo a vedere segnali positivi

 

Articolo di Alessandro Magno

C’è molto disfattismo nell’aria. Adesso c’è da una parte la caccia a Dybala dall’altra la caccia al mister che non fa giocare Dybala. L’altro ieri c’era la caccia a Bernardeschi. A Chiellini. Da qualche tempo a fasi alterne anche a Bonucci. Credo che 9 anni di vittorie hanno fatto veramente male al tifoso juventino abituandolo veramente veramente male. Oggi non si accetta più un periodo di difficoltà . Non vanno bene neppure i pareggi (la Juve per lo meno in campionato è imbattuta). Oggi si vuol vincere sempre e non si capisce che questo è assolutamente impossibile. Questo è un campionato anomalo, forse più di quello dell’anno scorso, che almeno fu preparato prima di venire bloccato. In questo campionato non c’è stata preparazione per nessuno e quindi è evidente come le squadre che hanno trovato una quadratura l’anno scorso e non hanno cambiato moltissimo vedi il Milan si sono trovate più preparate. Se ci mettiamo anche a volte la buona sorte, fra rigori non dati, pali e gol annullati di un’ nulla, oltre al gol preso al 95mo contro la Lazio, alla Juventus oggi mancano tantissimi punti.

Ma veniamo a Lazio Juventus. La nota dolente è sicuramente non essere riusciti a vincere contro una Lazio che era fortemente rimaneggiata a causa della positività di alcuni suoi atleti. In questo senso è chiaro che non si è sfruttata un ottima opportunità. Fermo restando questo presupposto io ho visto un ottima Juventus per almeno 70 minuti. Alla Lazio non è stato concesso di tirare quasi mai in porta, mentre la Juventus ha avuto alcune occasioni importanti per raddoppiare vedi palo vedi parate di Reina. Chiaramente il non raddoppiare ti espone poi al rischio di pareggiare la partita, questo è risaputo fin dalla notte dei tempi. Sul baricentro più basso che la Juve ha avuto e dove alcuni capiscer, che mi permetto di dire capiscono poco di calcio, han fatto notare, credo sia stata una scelta strategica di Pirlo anche particolarmente azzeccata. Affrontavamo la squadra di contropiedisti per antonomasia, che l’anno scorso con questa tattica ci ha battuto per ben due volte con tre gol all’attivo , e di fatto non gli abbiamo concesso nemmeno un contropiede.

Nel finale però forse per stanchezza, forse per i cambi, alcuni obbligati (vedi Ronaldo e Morata), la Juve effettivamente si è abbassata un poco troppo. Tuttavia la difesa ha retto benissimo almeno fino al gol. Di fatto, seppure la Lazio risultava arrembante, di tiri contro la nostra porta non se ne sono visti mai, tanto è vero che Szczesny nel finale non ha effettuato nessuna parata e la difesa se la cavava molto bene. Purtroppo siamo ormai schiavi di gente che vede il calcio in modo televisivo. Ho letto da più parti che se avessimo attaccato ancora di più nel finale avremmo sicuramente vinto. Questa è un equazione terribile, figlia della moda dei giorni nostri per cui attaccare equivale a vincere. Io ricordo che sul finire dell’anno scorso partite vinte come col Milan e il Sassuolo dove si era avanti 2-0 sono state perse o pareggiate per continuare ad attaccare idem con l’Udinese. Lo stesso Sarri disse contro i bianconeri : ”Abbiamo perso perchè volevamo vincere”. Era una partita che si era sull’ 1-1 e perdemmo al 94mo su un contropiede. Ora quindi attaccare equivale a vincere toglietevelo proprio dalla testa una volta e per sempre perchè non è proprio così. Si puo’ anche attaccare e perdere evidentemente.

Ieri si è pareggiato perchè è mancata concentrazione nell’ultima azione. La Juve è un cantiere ed è una squadra estremamente giovane. Ci sono giocatori nuovi che non hanno ancora l’esperienza di giocare sempre per vincere e si dovranno abituare. Abbiamo il nostro miglior centrale De Ligt fuori dall’inizio e uno dei nostri migliori giocatori, Dybala, che non sta bene, visto che non è potuto andare neppure in nazionale. Pirlo gioca con i giocatori contati al momento, ieri erano fuori Ramsey, Chiesa, Alex Sandro, Chiellini, De Ligt probabilmente Arthur che ancora non si è ripreso. Ci sono giocatori come Cuadrado Bonucci e Danilo che stanno facendo gli straordinari. Abbiamo perso una sola partita con il Barcellona. E’ un periodo che gira male ma sono fiducioso e penso che la Juve migliorerà. Nel frattempo magari restare calmi aiuterebbe l’ambiente.

  1. Cosa dire? Ottimo ed abbondante. Hai perfettamente centrato sia l’umore del tifoso ( diventato obeso 😀 ) che della situazione della Juve al momento in modo reale.

  2. Mi spiace di non essere in sintonia con alcuni passaggi del tuo topic italianisti-speculativi, Ben.

    Per il resto qui si cerca di analizzare le singole prestazioni senza preconcetti o crociate pro e contro i giocatori.
    Dibattere poi qui dei tifosi invasati a me risulta ozioso. Perché è tempo sprecato.

    Ma scrivere che se Dybala avesse controllato quel pallone la partita sarebbe finita 1-1, è una constatazione perfino banale. Non certo un attacco gratuito al giocatore che in questo momento vive un momento psicofisico difficile.

    Buongiorno.

    • Alessandro Magno

      il calcio non è quello del divano Luigi ed è un peccato che persone come te con anni e anni e anni di esperienza non lo capiscano. perchè penso che di partite ne hai viste tante. e pensare che attaccare significa vincere bah ripeto è calcio da divano. Ho visto l’atalanta col il liverpool attaccare… ne ha presi 5.
      pero’ quella è una mentalità vincente ed europea per qualcuno

      ps. su dybala l ho scritto nelle pagelle che ha sbagliato non mi sembrava il caso di ripetermi

    • Ok. Colpa mia che non ho spiegato i punti in cui non sono d’accordo.
      Cosicché tu immagini e scrivi cose che io non penso.
      Cercherò di spiegarmi meglio la prossima volta.

  3. Continuano a mancare i gol da centro campo, la situazione degli attaccanti non è rosea, Ronaldo ha una distorsione alla caviglia ed è andato in nazionale, DYbala è meglio che stia qua, Morata è stanco e Bernardeschi non pervenuto, morale in qualche maniera deve fare gol qualcun altro.

    • Alessandro Magno

      Cinzia i gol del centrocampo mancano da un anno ovvero da quando non è più funzionale khedira unico centrocampista che segnava con frequenza anche l’anno scorso seganavano principalmente gli attaccanti. Unica cosa non capisco perchè continui a insistere sul Morata stanco come se lo allenassi tu. Lo dovrà sapere Pirlo lo stato di salute dei suoi giocatori no?

  4. Buongiorno Ben,
    Io non vedo disfattismo. Non é una novitá che la tifoseria della Juve, al pari di altre tifoserie, sia particolarmente esigente. D’altronde gli stessi proclami di societá, tecnico e giocatori sono sempre particolarmente ambiziosi, quindi é normale che possa esserci qualche mugugno.
    É come quando tu dai un voto piú basso a Dybala perché da lui ti aspetti di piú.
    Ed io, che sono un capiscer che ne capisce poco, ieri mi aspettavo un copione diverso da difesa e contropiede per 70 minuti.
    Per caritá la Lazio é brava nelle ripartenze ed evitarle era sicuramente una tattica giusta. Ma tu stesso dici che erano rimaneggiati, senza il loro uomo piú pericoloso e che é stata un’occasione persa. Quindi, alla luce dell’ottimo approccio che abbiamo avuto ieri, era veramente necessario dedicare tutte le forze a chiudere gli spazi limitandosi a qualche sgroppata individuale palla al piede per ribaltare l’azione?
    Ora, premesso che si puó fare ottimo calcio con difesa e contropiede, non mi pare che fosse questo il progetto di proposta di gioco spiegato dal tecnico.
    Tutti aspettavamo la partita di ieri come un esame per capire se si confermasse la crescita intravista contro squadrette impresentabili. Quindi l’idea era di poter vedere certi principi di gioco contro una squadra piú seria come la Lazio. Se invece la proposta cambia radicalmente, diventa difficile capire se c’é una crescita nelle prestazioni.
    Se Pirlo si dice soddisfatto per non aver subito nulla oltre al gol del pari, vuol dire che temeva seriamente gli attacchi della Lazio. Ma non stiamo parlando della Lazio pre-lockdown, veramente non si poteva osare di piú?
    Era l’ultima partita prima della sosta, non c’erano forze da gestire, io credo si potesse andare all’olimpico a giocarsi la partita con altro piglio, soprattutto per come si era messa dopo i primi 15′ e contro una Lazio che non sembrava certo irresistibile.
    Se Pirlo non l’ha fatto evidentemente non si sente ancora sicuro di poter proporre quella che dice essere la sua idea di calcio in una partita dal coefficiente di difficoltá un po’ piú elevato. Quindi mi pare che, rispetto a quel progetto, per ora non ci siano stati passi avanti.
    La realtá é che si é provato ad ottenere i tre punti nella maniera piú classica dedicandosi soprattutto a proteggere il vantaggio. Ho sbagliato ieri a dire che siamo stati provinciali, perché almeno le provinciali difendono il risultato con unghie e denti fino alla fine.
    Quindi personalmente alla Juve di ieri non darei piú di un 5 in pagella. E non vuol dire che abbia fatto schifo, sotto certi aspetti la prestazione é stata anche accettabile, ma ci siamo adattati troppo all’avversario per poter dire che siamo cresciuti in quell’idea di calcio dominante che predica Pirlo. Ed in piú non abbiamo portato a casa neanche il risultato grazie ad un atteggiamento troppo molle nell’ultima parte dell’incontro. Ed é inutile cercare responsabilitá in Dybala, la palla é andata in fallo laterale, azione finita e ne comincia una nuova con la squadra schierata.
    Sono osservazioni fatte serenamente, nessun catastrofismo, c’é tempo per migliorare. Tuttavia, visto che poi i punti si perdono lo stesso, preferirei ci mettessimo in gioco seriamente senza il timore di mettere in pratica quelle idee spiegate in piú occasioni dal mister.
    Ci puó stare di essere contenti di aver subito poco se incontri un Bayern Monaco. Ma con la Lazio attuale vorrei fossimo stai piú ambiziosi. Perché ho l’impressione che se non avesse fatto gol Caicedo si sarebbe celebrato che Pirlo ha trovato la quadra, quando invece la Juve vista ieri c’entra poco con quella dei programmi esposti finora.

    • Alessandro Magno

      i programmi fatti fin ora sono un sogno per una frase a cui vi siete attaccati che è quella del ”voglio i recpero della palla alto” . se non trovi una quadra è molto difficile che tu recuperi la palla alto.

      • Ben, il recupero palla é solo uno degli aspetti. Pirlo l’avrá ripetuto cento volte che vuole un calcio offensivo in grado di imporre il gioco in tutti gli stadi (perfino al Bernabeu ha detto qualche giorno fa come esempio).
        Quindi o ci prende in giro, cosa che non credo, o semplicemente non si sono fatti progressi da quel punto di vista, che é quello che penso io.

        • Alessandro Magno

          se non impari prima a giocare insieme da squadra come fai a imporre il tuo gioco? in soldoni come fai a imporre un gioco che ancora non hai? Pirlo è alla decima partita dico decima sette di campionato e tre di coppa. E’ umanamente possibile dopo 10 partite riuscire a imporre il proprio gioco su tutti i campi? Mi dici un allenatore anche non italiano che dopo 10 partite è riuscito a fare questo?

          • Ben, il mio non è un attacco a Pirlo. Può avere tutte le giustificazioni del mondo. Semplicemente constato che rispetto a “quel” progetto non abbiamo fatto passi avanti.
            Se invece guardiamo solo al fatto che siamo rientrati da Roma senza subire 7/8 palle gol, allora sì, siamo migliorati. Ma per farlo abbiamo dovuto fare un passo indietro nel cammino che si stava tracciando.
            Io non pretendo che si imponga ora il gioco in tutti i campi,a almeno iniziare ad intravedere questa intenzione.

  5. Non la caccia ma la cacciata di Dybala andava fatta già da un pezzo… è qualche anno che fa il lavativi! Una partita buona ogni 3 mesi…

    • Alessandro Magno

      ciao carlo non so se fa il lavativo ma n passato anche secondo me ha fatto il capriccioso. Adesso però pare non stia bene fisicamente per cui rimettiamolo prima in sesto da quel punto di vista. Resta uno dei giocatori più bravi che abbiamo

  6. Ben, il problema è che oggi se vuoi state al passo con i tempi non puoi abbassarti ne x scelta ne xché costretto dall’avversario. Devi attaccare sempre da 1 ora prima della partita fino ad 1 ora dopo. E vabbè…questo chiede il calcio europeo di oggi e bisogna cmq credere che sia così xché gli altri vi cono la cempions e noi no. Scusa l’ironia o il sarcasmo (forse x qualcuno sarà pure stronzasmo passaminil termine). Provo a tornare serio e dico che sottoscrivo il tuo topic.

    • alessandro magno

      No ma non lo vedo come un attacco a pirlo semplicemente contesto attaccare uguale vincere. L anno scorso passammo da 1-0 per noi a 3-1 per la lazio attaccando. Piuttosto busogna segnare quando ci sono le occasioni

      • Si ma nella prima parte li abbiamo attaccati e messi in difficoltà passando in vantaggio e creando occasioni. Credo potessimo insistere un po’di più prima di dedicarci alla gestione. Perché poi a furia di gestire vengono meno anche intensità e concentrazione.
        L’anno scorso c’entra poco, questa Lazio non è in quello stato di forma ed anche la Juve è diversa.

        • Alessandro Magno

          abbiamo avuto occasioni anche nel secondo tempo.

        • Kris, può essere magari che dopo un’ora (così almeno mi ha confermato mio figlio e non in tempo solo…) di pressing, la squadra non ne aveva più? È una possibilità.

          • Ma no, sono giovanotti allenati. Abbiamo iniziato col contropiede già dal primo tempo dopo il gol.
            E, ripeto, ci può anche stare. Ma solo nell’ottica dei 3 punti. Rispetto al progetto invece non è un passo avanti. Nessun problema, si riproverà in altre occasioni.

    • alessandro magno

      Era per Kris la risposta a volte da cellulare capita sti errori.

      E si Germano è la moda

  7. Inutile sperare in un recupero alto della palla se la squadra è divisa in 2 tronconi. Se viene saltato il primo pressing e l’avversario trova 50 Mtv di campo libero xché gli altri non hanno accorciato, ahivoglia a fare pressing alto…

    • alessandro magno

      Ma il recupero alto della palla si può fare con cr7 morata dybala? Sono giocatori da fare il pressing alto?

      • Morata credo di sì. Gli altri non saprei. Più no che sì. Xrò qua caro Ben, torniamo all’inizio e cioè: siccome Allegri a volte viene nominato…anche se lui diceva che era x scelta non fare pressing alto…sicuri che non lo faceva anche e soprattutto xché non aveva i giocatori adatti? A ne sembra che quando aveva Tevez, Morata, Vidal, Pogba anche se non in maniera asfissiante, il pressing lo faceva.

  8. Il calcio mi piace perchè può essere interpretato e visto in diversi modi ed ognuno crede di essere il portatore della verità a seconda di come lo vede.
    Mi permetto di dire la mia, molto modestamente.
    Come ogni gioco, io rapporto il calcio agli scacchi dove si deve saper attaccare e difendersi a seconda dei momenti del gioco stesso.
    Negli scacchi generalmente vince colui che è riuscito ad attaccare meglio e che ha saputo pure difendere meglio il proprio ” re” dagli attacchi dell’avversario. Ci sono molte tattiche, addirittura infinite e non è detto che chi sappia attaccare meglio l’abbia vinta, anzi, per chi ha avuto modo di conoscere di più questo gioco, spesso vince chi ha saputo gestire meglio la propria difesa.
    Sono partito da questo perchè ( nonostante quanto si dica che il nostro sia un campionato non allenante e di seconda fascia) vorrei ricordare che l’Italia in circa un secolo, ha vinto 4 mondiali di calcio sia nelle origini con Pozzo che negli anni 80 con Bearzot che negli anni 2000 con Lippi, e quando non ha vinto spesso è stata tra le primissime al mondo,(1970-1978-2000-2004 da quanto mi ricordo a mente)
    Forse tanto pellegrini quanto a tattica non siamo, visti questi precedenti e lo dico con orgoglio senza provincialismo o sciovinismo ma con realismo.
    La Juve negli ultimi 10 anni si è dimostrata la squadra più forte tecnicamente d’Italia, gli manca qualche champions a livello europeo ma ci è andata vicinissima almeno un paio di volte, ed anche questo è un dato di fatto.
    Ha avuto 2 allenatori in questo ultimo decennio molto pragmatici che hanno fatto sì che si raggiungessero determinati risultati ma magari hanno lasciato desiderare quanto a bellezza estetica del gioco.

    Forse è il caso a questo punto di metterci d’accordo nel capire a cosa coincide questa bellezza estetica, ma ad ogni qualmodo si è provato, assumendo Sarri che era il “nuovo” riguardo una certa concezione di moderno ed esteticamente bello nel calcio, onde permettere a questa Juventus di cambiare faccia.
    L’esperimento per un motivo o per un altro non ha avuto successo, non sto qui a capirne i perchè e guardo avanti senza fermarmi a discutere sulla lana caprina, visto che il passato è passato e non si può ritornare indietro.

    Arrivo a ieri, dove ho visto una bella Juve che ha atteso secondo manuale degli scacchi ( per fare un esempio pratico e per chi riesce a capirmi), di chi conosce come gioca l’avversario, per ripartire con i centrocampisti in contropiede.
    Sarà un gioco questo che per i puristi attuali non è più accettabile, ma a me sinceramente, è piaciuto ed anche parecchio. L’adattabilità della squadra che sa vincere sfruttando i pregi ed i difetti delle avversarie dimostra arguzia ed intelligenza, pertanto la ritengo superiore a qualsiasi tattica di attacco all’arrembaggio facendo capire che si è più forti fisicamente e tecnicamente.
    Negli ultimi 30 secondi c’è stato un black out dove tutti aspettavano che l’altro fermasse l’avversario di turno e, non essendo riusciti a chiudere la partita con almeno con 2 goal di scarto prima, si è pareggiata una partita dominata ( almeno in senso scacchistico,) dove il re, nella fattispecie il portiere della Juve non era mai stato messo sotto scacco, (avesse mai rischiato di fare almeno una parata per tutta la partita.)

    Non sono un estimatore del calcio inglese che oggi va tanto di moda, l’ho manifestato più volte perchè nonostante ciò che si dice riguardo al loro spettacolo vedo tante praterie cui i calciatori possono esprimersi, cosa che purtroppo o per accortezza tattica non può accadere in Italia. Qui se provi ad attaccare ti mettono il doppio cappio o pulmann ai 40 metri e sei costretto a fare girare palla all’infinito ma non entri mai per avere un tiro facile,e questo credo sia stato appurato. Pertanto devi saperti adattare volta per volta, in relazione all’avversario che hai di fronte. Ha perfettamente ragione Ben quando dice che perdi più facilmente quando vuoi vincere la partita e qualche batosta come quella contro il Milan lo scorso anno dovrebbero essere di lezione. Lezione che ha fatto sì che Sarri fosse esonerato ( lo dico per le vedove che ancora non lo hanno capito), perchè un buon tecnico non può essere integralista ma deve sapersi adattare alla situazione e agli uomini che ha a disposizione. Per fare un esempio non puoi chiedere a Ronaldo di fare pressing a tutto campo, lo devi accettare per quello che è, e dirgli pure grazie. Ma devi fermarti lì e metterlo nelle condizioni di farlo trovare più spesso d’avanti alla porta avversaria. Se non capisci questo non puoi allenare la Juve che oltre a Ronaldo ha tante prime donne. Al Napoli potrai avere la gente ideale per il tuo tipo di gioco e lo stesso Gattuso sta facendo meraviglie.

    Tutto questo lenzuolo per ripetere che questa Juve mi sta piacendo con tutti i problemi che sta incontrando Pirlo( infortuni e giovani da integrare), per fortuna non c’è alcuna squadra che abbia dato uno scossone tra le più quotate quindi ho grande fiducia che si possa riprendere il passo giusto al più presto.

    • ANTONIO

      CHAPEAU!
      Bravo esaustivo e convincente.

      Quanno ce vo ce vo.

    • Antony,
      Visto che parli di pragmatici, mi pare per esempio che le prestazioni della Juve di Allegri rimaste nella memoria siano proprio quelle in cui si è affrontato grandi avversari guardandoli direttamente negli occhi, senza particolari tatticismi. Real, Barcellona, MU, Bayern, Atletico ecc…
      Per me le grandi squadre devono avere quest’audacia.
      Gli allenatori di questi club non si dicono mai soddisfatti solo del fatto di aver subito poco da un avversario alla portata.

      • Diamogli tempo Kris…quel tempo che abbiamo concesso a tutti da nove anni a questa parte.
        Ciao

      • Nessuno ha detto che Allegri fosse l’over the top, Kris. Forse ho saltato un passaggio, ma credo di aver scritto che la società ha tentato il salto di qualità con Sarri.
        Perché pensi abbia preconcetti riguardo a questo passaggio? Io tifo Juve ed avrei tanto voluto vedere una Juve ancora più propositiva e schiacciasassi alla maniera di quel primo Barcellona di Guardiola. Ma in quella squadra c’erano dei giocatori funzionali x quel tipo di gioco e che sarebbero diventati poco efficienti in altri sistemi di gioco.
        Il mio pragmatismo vorrebbe dire che devi saperti adattare e rendere più produttivo se hai una squadra di campioni nel modo migliore, non in quello in cui credi e che vorresti imporre, cambiando le peculiarità degli stessi campioni.
        Ronaldo x dirtene un’altra non passerebbe la palla al suo compagno messo meglio in campi neanche se gli punti la pistola alla tempia, come potresti chiedergli di sfiancarsi a correre dietro ad un pallone per riconquistarlo.

        • Antony,
          Ti cito Allegri perché un esempio vincente e recente, non per altro.
          Rispetto a Ronaldo, nessuno ha detto che debba sfiancarsi. Si lavora di squadra.
          Per farti un esempio basta ricordare come ci hanno schiacciato a Cardiff nel secondo tempo, non mi pare che fosse sfiancato Ronaldo.

          • Dai Kris. A Cardiff nel secondo tempo sono andati in vantaggio su in tiro da 35 Mtv deviato e pochi minuti dopo hanno fatto 3-1 su una palla persa. Da lì in poi hanno dominato nonostante abbiamo avuto 2 occasioni con Mario e Alex Sandro se non sbaglio, x fare il 2-3. Ricordiamoci che nel primo tempo meritavamo ampiamente noi.

            • Germano, non voglio riaprire vecchie ferite, ma dal 40′ non superavamo piú la metá campo. E la palla persa non é che stesse girando lí per i fatti suoi, ma l’hanno conquistata pressando Marione nei pressi della nostra area. E stavano giá vincendo 2-1, altri magari non sarebbero venuti a pressarci ma si sarebbero arroccati nella propria metá campo a gestire il vantaggio e chiuderci gli spazi.

              • Kris, non è certo che dal 40′ non la vedevamo più xché, non voglio sbagliarmi, ma il miracolisssimo su Pjanic mi sembra che sia stato fatto verso la fine del primo tempo. Hanno preso campo e coraggio dopo il 2-1 mooooooolto fortunoso. Nessuno dice che alla fine non meritavano ma non lasciamoci ingannare dal risultato finale.

    • Anto’, il problema lo hai affrontato troppo sul breve.
      Per parlare di Lazio-Juventus non dovevi partite dai mondiali del 1934, ma da Vercingetorige. Ci saremmo divertiti di più.

      Prendiamola a ridere che è meglio 🤣.

      • Era per farti capire caro amico che il calcio tecnico nasce e si evolve al top sempre nel nostro Paese, che tu tanto dai per provinciale.😉
        In un secolo ed in tempi diversi, sempre tra i migliori e senza fare filosofia .

  9. Benedetto

    Ripeto, fosse stato anche il Barone leccese che tante volte ho difeso contro chi lo criticava per le sue prestazioni in Nazionale lo avrei attaccato come ho attaccato altri giocatori come, per fare un esempio, Alex Del Piero fino ad arrivare a Ronaldo…quando sbagliano non è, per me, un problema fare critica.
    Ieri è toccato a Dybala.

    La cosa non mi preoccupa, mi riferisco alla classifica, Pirlo sa come si fa essendoci passato da giocatore poi andando a vincere lo scudetto.

    Ieri sera prima di addormentarmi snocciolavo il “rosario”, quello della classifica:
    17 Milan

    15 Sassuolo

    15 Napoli*

    14 Roma

    13 Atalanta

    12 inter

    12 Verona

    11 Lazio

    10 Juventus*

    10 Samp

    10 Cagliari

    8 Viola, Spezia

    6 Bologna, Parma, Benevento

    5 Toro, Genoa

    4 Udinese

    2 Crotone

    *Napoli con il punto di penalizzazione tolto

    *Juventus con i punti del tavolino tolti.

    Mi devi credere, poi, un pò di preoccupazione mi è venuta.

    Buon pranzo

    • Alessandro Magno

      abbiamo 4 partite facili ora cagliari e torino in casa e benevento e genoa in trasferta si deve fare 12 punti

  10. Ben hai fatto una foto condivisibile.

    Ma gli esperti non accettano che le squadre in campo sono due e a volte (per carità, non sempre) capiti che gli altri attacchino, oppure non ti fanno arrivare in area. Non capita sempre, soprattutto alla play station. Infatti stanno pensando di stabilire il vincitore non con i gol ma per quante volte supera metà campo.

    Mi pare accettabile no🚭?

  11. Vedo che il “dialogo” inteso come scambio costruttivo di opinioni non decolla.
    Credo che a parte il resto ci sia anche un problema terminologico. Un solo esempio fra i tanti: chiamare “contropiedi” le “sgroppate individuali” di qualcuno dei nostri verso la porta avversaria, ad esempio, è già questo un problema.
    Per fare un contropiede che tale si possa definire ci vogliono minimo due giocatori. Grazie.

    • Alessandro Magno

      sto rispondendo a tutti. Non ricordo con la lazio nessuna sgambata solitaria luigi nemmeno una. Addirittura in una siamo 4 contro 2.

      • alessandro magno

        Se mi dici i contropiedi fatti bene sono quelli dove si va a segnare sono d’accordissimo con te ma sgambate solotarie io non neho viste tutte le volte che sono partiti morata o kulu o rabiot non erano mai soli

  12. Ieri si è notato un PIRLO molto più allegriano, ha studiato bene gli avversari e ha chiuso loro tutti gli spazi, in primis ha tolto la profondità, tenendo la squadra più bassa del solito, e poi ha chiuso bene le fasce con gente operaia, in modo che avessero meno sbocchi possibili alla loro manovra. E così è riuscito in quello che altri allenatori juventini avevano sbagliato nei confronti con le varie Lazio di Inzaghi S., cioè semplicemente ha piazzato i giocatori in maniera perfetta. E già questo è un buon inizio.
    Poi ci si sono messi il palo e la cattiva gestione dei contropiede, altrimenti la partita la vinceva sicuramente. Colpa dei giocatori in campo che non hanno sfruttato gli spazi e le occasioni. Non certo di Pirlo.

    Quello che mi fa’ cadere le braccia, e succede dal 2018 ultimo anno di Allegri, è sempre e solo una cosa: il ritmo soporifero che questi giocatori sanno esprimere in campo.
    Non puoi battere gli avversari andando sempre ai 2 all’ora. Non parlo di contropiede o ripartenze o i tagli di Kulusevski, parlo di gestione della palla e del ritmo partita.
    Allegri chiedeva appositamente il giro palla con pazienza e senza sprecare il pallone, tanto eravamo più forti e il gol lo trovavamo sempre. Ma ora non è più così.
    Qui non c’entra la condizione fisica o gli acciacchi oppure se uno riesce a correre o meno, qui chiunque gioca assume questo andamento lento in campo, anche i nuovi addirittura. Ma per quale motivo?
    Le partite della JUVE sono un qualcosa di soporifero, ma non perchè non abbiamo giocatori veloci, bensì perchè gestiamo la palla con lentezza, attacchiamo l’avversario con lentezza, “pensiamo” con lentezza, ogni tanto qualche strappo (Cr7, Cuadrado, Chiesa, Kulu, Morata) dettato da singole giocate, ma in generale non abbiamo il ritmo, ed è da 3 anni che è così.
    Prima pareva colpa di Pjanic e degli altri vecchi che avevamo in squadra, invece no, è proprio che pensiamo e attuiamo un calcio lento.
    Il centrocampista che va sotto al proprio dirimpettaio lo fa’ con tranquillità, e infatti qualcuno si ricorda di un contrasto vinto da Rabiot o Arthur? Bentancur quando aumenta i giri è ammonito in automatico, segno che non ha poi tutto sto controllo in quello che fa’. McKennie è buono, ma poi non gioca così spesso per via di piedi non eccelsi.
    Ieri chi ha fermato Luis Alberto? Nessuno in uno contro uno, ma eravamo piazzati bene quindi con calma, ma l’abbiamo reso innocuo.

    Il Liverpool per fare un esempio vince non perchè ha giocatori fenomenali superiori agli altri (cioè in difesa ce li ha…), ma perchè tiene un ritmo partita per cui dopo un po’ ti sovrasta, giro palla veloce, tagli veloci, ritmo, ritmo, ritmo, verticalizzazioni veloci, passaggi decisi e non lenti come i nostri con gente che da ferma aspetta il pallone per ridarlo indietro. Noi giochiamo ogni partita come se stessimo sempre 3-0 per noi, ma purtroppo non è così, e facciamo possesso palla spesso innocuo per chiunque.
    E’ lì che deve lavorare Pirlo, poi vedrai che se inizi a giocare con un po’ di velocità, un po’ di ritmo, molti in Italia li battiamo e in Europa diventiamo più competitivi. Di sicuro a questa velocità faremo fatica con tutti e lo juventino medio, benchè abituato bene alle vittorie, si potrà godere anche qualche bella partita da vedere aldilà del risultato, dato che al momento siamo soporiferi e in tv per niente telegenici, te lo dico proprio.

    • Alessandro Magno

      e’ una disamina condivisibile però orse allegri lo faceva per necessità avendo una squadra vecchia e quindi doveva gestrne le forse oggi c’è una squadra giovane quindi è lenta forse per prudenza perchè anche dei vecchi in campo c’è solo bonucci e non credo bonucci riesca a rallentare il gioco di altri 9 almeno mi pare poco probabile e credibile.

  13. Non mi sembra che lo scorso anno si faceva la corsa ai cavilli, c’era la necessità di dare tempo. Il processo ai singoli mi pare stucchevole, e mai esaudiente perché spesso si tratta di episodi. Dico spesso, non sempre.
    Dall’esterno la situazione richiede tempo, ma ragionevole. Hanno segnato un gol a gara scaduta, che è stato, manco a dirlo, convalidato.

    Con questo caparbio metro di giudizio, ripeto che le gare si devono vedere allo stadio, cosa ora impossibile ma che tanti anche prima non hanno fatto. La visione dei movimenti cambia radicalmente e quindi per essere pignoli e obiettivi per tv è un esercizio stucchevole.

    Si attacca il più possibile e ci si difende. Il gioco del calcio è così.se subire attacchi è solo indice di scarsezza, sottolineo il solo, allora meglio parlare di altro, o forse, tacere proprio.

    Se poi, vinci con una squadra che non ha attaccato granché, allora hai fatto una vittoria senza significato,contro dei morti. Se giochi con quelli che attaccano hai giocato male.
    Ma basta, su…

    Ma che, siamo su scherzi a parte? E mo’ lasciatemi andare a lavorare.

  14. Sono d’accordo sulla analisi complessiva. Solo una piccola osservazione. Io non sono mai andato oltre la III categoria dilettanti (e parliamo, ahimè, dei primi anni ’80). Ragazzi, ma un gol al 95°, quindi oltre il tempo supplementare stabilito, è inconcepibile su una azione manovrata … ieri, … l’anno scorso due o tre volte. E’ pur vero che anche a me successe, ma al rientro negli spogliatoi il mister prima ed il presidente poi ti “spellavano” vivo, come minimo sindacale. … se è il caso la partita si finisce in otto ricorrendo al fallo sistematico … la palla si butta scientificamente in tribuna (nel campo di mais nel mio caso) … Coraggio, è lunedì per tutti.

    • Giulià…buttare la palla fuori? E che sei matto? È vietato…

    • Alessandro Magno

      infatti se non la butti in tribuna io credo che qualcuno debba stendere correa prima che entri in area a costo di prendere un altro giallo e un rosso.

  15. SATIRA ANAGRAMMA DI RISATA

    Lo voglio anteporre perché altrimenti ci potrebbe essere chi pensa a male e rido di chi sta male.

    Dybala sembra come se stesse ancora in un baccello come un chicco di pisello.

    E a proposito di pisello, che c’ha Dybala al suo?
    Avessi io quel problema già avrebbero diagnosticato: è la prostata Barò.
    Ma a Dybala problema alle vie urinarie potrebbe benissimo essere una cistite.

    Stando male forse ha preso antibiotici o altri farmaci che gli hanno potuto procurare un pò di fastidio.

    Forza Paulo io ci spero ancora e tanto.

    Saluti

  16. Benedetto,

    purtroppo il calcio europeo va dalla parte opposta, ed i risultati dei nostri club in Europa lo evidenziano.

    Bisogna giocare per vincere, sempre.

    Da non confondersi con l’attaccare in modo scriteriato.

    La Juve con la Lazio ha anche fatto una buona partita.
    A me non è dispiaciuta affatto, certo che, uscito Ronaldo, non abbiamo più passato la metà campo, ed abbiamo preferito gestire il corto muso!

    Ecco quanto va sottolineato.

    Va sottolineato ancor più perché proprio Pirlo invitava la nostra difesa a salire ed accorciare sui centrocampisti.

    La dico tutta, se Caicedo fosse stato al limite dell’area e non nell’area piccola, quel gol non lo avremo mai preso. Anche se a marcarlo fosse stato Chiellini, ma questi sono altri discorsi.

    Dici bene invece sul giocare insieme e sull’imparare a muoversi da squadra.
    Ed anche qui si notano i limiti delle nostre squadre rispetto a quelle europee.

    Il Real, ma anche il Barça, sono club che hanno sempre speso cifre incredibili per acquistare il campione del momento.
    Ma la base dell’11 titolare è stata creata nel tempo con giocatori arrivati dalla primavera e dalle squadre satelliti. Giocatori giovani cresciuti nel tempo.

    Io capisco che la Juve con l’11° fatturato europeo e con il 6° posto nel ranking sta agendo in modo corretto, grazie al famoso player trading, ma cambiare 6 giocatori tutti gli anni lo trovo eccessivo e controproducente proprio per non avere alla fine gli automatismi giusti quando le idee si annebbiano.

    Il City di Guardiola da questo punto di vista lo trovo un ottimo esempio.

    Su Dybala.

    È un ottimo giocatore, capace di portare in dote un buon quantitativo di gol a fine stagione.
    Possiede anche una buona visione di gioco a centrocampo.

    Però….

    Se viene sempre messo in discussione allora tanto vale che vada a giocarsi la maturità atletica da un’altra parte.
    Continuando cosi sarà probabile perderlo a parametro 0.

    • Alessandro Magno

      Io ho visto in Europa vincere sempre squadroni forti in questi ultimi anni Real Barca Bayern con la sola unica eccezione del bel gioco del Liverpool.Fra l’altro tutte squadre che avevano e hanno un bel rapporto con la champions anche prima che venisse fuori questa moda del bel gioco, il liverpool che comunque è una squadra di grande tradizione europea è la sola unica eccezione se vogliamo. Voi imputate queste vittorie al gioco in realtà il barcellona ad esempio quando non ha avuto piu giocatori fortissimi ha smesso di vincere pure avendo il giocoche ha tuttora , anzi è uscita sempre facendo magr figure, finanche ocn la roma. il Real ha vinto senza pensare troppo al gioco.AD oggi nessuno cita Zidane fra i fautori del bel gioco. Cosi come è vero che la sola squadra che è arrivata in fondo alla coppa piu importante fra le Italiane è la Juve di Allegri. Il city di Guardiola pur spendendo l’inverosimile non ha vinto nulla in Europa anzi non è mai arrivato neppure in finale. Questi sono dati sotto gli occhi di tutti eppure continuate a parlare del gioco europeo.

      • Alessandro Magno

        Anche nell’ultima champions sono arrivate due squadre piene zeppe di Campioni perchè anche il PSG lo è e senza gli errori di Mbappe sullo 0-0 potevano vincere i francesi tranquillamente.

      • Ancora co sto belgioco Ben!🤣
        Questo termine non vuol dire niente e l’hanno inventato proprio coloro che vogliono denigrare il gioco d’attacco.
        Tutte le squadre che hai citato giocano un calcio offensivo. Non pensano solo a chiudere spazi, attaccano e cercano gol. Gioco propositivo, dominante, offensivo, chiamalo come vuoi…ma “belgioco” ha un’accezione negativa che non trova corrispondenza nella realtà del calcio.😅

        • Alessandro Magno

          Kris quando hai le squadre piene zeppe di campioni è normale fare un calcio offensivo. Credo che il termine bel gioco l han inventato quelli che pensano che in ogni momento della partita pensano si possa attaccare

  17. Io credo che un allenatore intelligente non carichi a testa bassa chiunque ha davanti, ma studi l’avversario e annulli i suoi punti di forza e sfrutti i suoi punti deboli. Sotto questo, aspetto come ha già scritto benedetto, pirlo la partita l’ha studiata bene, non ha concesso nessun contropiede ed aveva chiuso tutti gli spazi al punto che la lazio sembrava inconcludente. Nei cambi però ha commesso degli errori ed è stato anche sfortunato: il cambio di kulu non andava fatto era l’unico che portava la palla nella metà campo avversaria e quella di ronaldo è stato sfortunato poiché poco dopo si è fatto male anche morata e inserire dybala che poco dopo a disdetto la sua presenza con la nazionale per motivi di salute vuol dire che forse già non stava bene. Voler dominare con la lazio significa fare un possesso palla che permetta di guadagnare campo pian pianino come avveniva con sarri, ma sappiamo tutti come è andata a finire lo scorso anno. Kris questa lazio aveva assenze importanti è vero ma anche da noi non si scherzava. Insomma il gol all’ultimo secondo è stata una scempiaggine, ma se la partita fosse stata vinta pirlo avrebbe fatto un vero capolavoro. I principi che predica potranno essere, mi auguro, applicati con altre squadre che hanno caratteristiche su cui applicarli.
    Ps ho letto delle critiche feroci su dybala soprattutto su altri social non ho parole ma solo parolacce se si vuole vendere dybala per qualche partita giocata male dopo tutto ciò che gli è successo non so che pensare.

    • Alessandro Magno

      Grazue Luigis ma secondo me se Dybala come dico non sta bene e non ho dubbi a riguardo visto che non va neppure in nazionale è solo da curare ed aspettare. Pero’ i primi dobbiamo esser noi perchè se appena Pirlo lo convoca lo vogliamo in campo anche che non sta bene sbagliamo.

    • Luigis,
      Capisco il tuo discorso, ma nessuno ha detto che si debba caricare a testa bassa. Non capisco perché se uno parla di gioco propositivo, subito si debba pensare all’attacco a testa bassa o scriteriato. Le squadre che giocano d’attacco e vincono coppe e campionati non mi sembrano scriteriate.
      Sulla partita di ieri mi sembra giusto ciò che dici sull’annullare i punti forti dell’avversario e cercare i deboli. Ma a furia di annullare i punti di forza ieri abbiamo smesso di tirare in porta praticamente dopo il palo di Ronaldo nel primo tempo. E se ci dobbiamo preoccupare tanto di una Lazio rimaneggiata, non voglio pensare cosa succederà con avversari più quotati.
      Si poteva pure vincere 1-0, ma da lì a dire che sarebbe stato un capolavoro ce ne passa, almeno per come la vedo io.

  18. Alessandro Magno

    secondo me è più corretto dire come diceva Andrea ” a me piace un calcio piu’offensivo poi se perdo attaccando va bene lo stesso” perchè sui gusti personali va bene tutto ma dire che in europa vinca il calcio offensivo è una bugia perpetrata da Adani e company. l’europa league ad esempio ultimamente l’han vinta il mancheter united e il siviglia che tutto fanno tranne calcio offensivo. però niente è di moda dire così

  19. Alessandro Magno

    Kris te la ricordi la finale di Champions Liverpool Tottenham? chi ha attaccato per tutta la partita il Liverpool o il Tottenham? eppure …

    • Ben, ma non si parla di singole partite. È una questione di mentalità, poi a volte riesci a sviluppare il tuo gioco ed altre no.
      Poi, per me, se fatto bene, va bene anche difesa e contropiede. Ma fatto bene e tirando in porta, non arrivando sulla trequarti avversaria e perdendo la palla.

      • Alessandro Magno

        guarda Kris su questo sfondi una porta aperta io non sono affatto un fautore della difesa e contropiede dico che il calcio è bello perchè ci sono molti modi di giocare e spesso il modo di giocare te lo danno i calciatori infatti non è un dettaglio che gente come Guardiola o Klopp si fa comprare i giocatori funzionali alla propria idea di gioco. Penso che invece alla Juve sia un poco diverso perchè la juve non facendo o potendo fare un mercato specifico da dei giocatori forti al mister e il mister deve trovare la soluzione migliore per sfruttarli che non significhi non giocare bene, alcune juve di Lippi non tutte sono state spettacolari anche di Conte e anche di Allegri. per cui ripeto puoi fare un gioco più o meno aggressivo anche in base al materiale che hai. Ad esempio tornado al recupero della palla alto che è da dove siamo partiti. Con un Ronaldo e un Dybala in campo credo che non lo puoi fare perchè uno per età e l’altro per caratteristiche non sono due che fanno pressing quindi è molto più probabile che il recupero palla con quei due in campo dovrai farlo a metà campo. giusto?

        • Sono d’accordo Ben, soprattutto sulla bellezza e la varietá che offre il calcio. Infatti tutti gli allenatori che abbiamo nominato giocano in maniera differente e tutti offrono un calcio godibilissimo.
          Sul pressing alto, é un qualcosa che puoi fare a momenti ovviamente, non certo per 90′, e va fatto mediante un lavoro di squadra. Altrimenti finisci come col Barcellona che facevano il torello a Dybala ed alle sue spalle trovavano praterie.
          In ogni caso quei due non li vedo adatti neanche per un gioco fatto puramente di contropiedi. Personalmente credo si debba saper variare ed alternare, sapendo scegliere i momenti per farlo. Io sono per un’attitudine offensiva costante per permettere agli attaccanti di giocare piú palloni ed esprimersi al meglio. Il ché non vuo dire, lo specifico di nuovo, attaccare a testa bassa o in maniera scriteriata. Ma permettere ai giocatori offensivi, in genere tecnicamente piú dotati, di essere il piú possibile protagonisti.

  20. Bello questo topic,vedo un confronto leale senza presopopee e argomentazioni beffarde e prepotenti,ma ricco di contenuti anche interessanti sui punti di vista.
    Grazie
    Finalmente.

    • Alessandro Magno

      Grazie Tranfaglia mi scuso se negli ultimi tempi partecipavo meno ma avendo due lavori non riuscivo a stare dietro a tutto e mi preoccupavo comunque di stare al passo con gli articoli. Purtroppo da venerdi sono a casa essendo il piemonte zona rossa e per cui mi è rimasto solo il lavoro da casa e quindi ho un poco piu’ di tempo per partecipare

      • Azzz, mi dispiace per il motivo, ti auguro di riattivarti presto, ma fa molto piacere che riesca a partecipare il padrone di casa😉
        Oggi ero a casa anch’io, di sarà capito dal numero di post😅

        • Alessandro Magno

          Speriamo questa cosa finisca presto perchè comunque l’attività mia principale è quella di vendere calzature al mercato cosa che faccio dal 1994.

          • Alessandro Magno

            grazie in ogni caso a me fa piacere partecipareamo questo blog come un figlio. Orami credo che sia il blog della Juventus più longevo. A marzo 2021 compie 10 anni. e se contiamo l’esperienza in Juveforum da cui poi è nato sono ben 12.

            • Accidenti Ben,come vola il tempo,
              complimenti per questo traguardo,immagino speciale per te…

              E’speciale anche per me, un punto di ritrovo tra innamorati di Juve.

          • In bocca al lupo!💪🏼
            Speriamo passi presto.

  21. A proposito di bel gioco sto vedendo Juve-Lazio quando AD10 ruba il tempo a Pirlo e segnabil 2-1 su punizione…Marchetti precedentemente aveva parato anche le mosche in porta della Lazio hanno tirato un pò tutti i nostri…
    È finita in questo momento, 2-1 per la Juve.

    Buonasera

  22. Vi ho letto tutti…complimenti per i commenti…era ora questi confronti senza polemiche…

    Una la voglio fare verso chi ha ritenuto opportuno fare gli auguri a Maradona per il suo sessantesimo compleanno e gli auguri di una pronta guarigione.
    Al contrario, non ho letto al riguardo sia gli auguri per il compleanno e sia quelli di una pronta guarigione visto che il 10 ex Juventus era ricoverato.

    Saluti

    • Hai ragione🙏
      Ma Del Piero è un ragazzino sano e forte il cui ricordo in campo è ancora fresco, Maradona chi l’avrebbe detto che arrivava a 60😅

  23. Kris dopo il palo di ronaldo abbiamo avuto 5 occasioni clamorose per chiudere la partita, due delle quali con un vantaggio numerico significativo contro i difensori laziali. Scelte sbagliate, stop sbagliati, egoismo e troppa fretta nel voler chiudere la partita hanno fatto si che queste occasioni sono sfumate. Ora penso che queste occasioni possono essere considerate come intenzione di realizzare un gioco propositivo o no? Perché se il bel gioco e una supercazzola anche gioco propositivo deve essere qualificato. Che vuol dire possesso palla con percentuali superiori al 60? Vuol dire avere nei piedi sempre la palla? Pressing asfissiante alto, lasciando uno contro uno i difensori con gli avversari? Vuol dire attaccare con 8 giocatori? Insomma il gioco propositivo delle squadre europee sono continui capovolgimenti di fronte oppure un possesso palla tipo barcellona, o un pressing avvolte asfissiante. Insomma io credo che in una partita ci sono diversi fasi in cui uno può pressare, chiudere gli spazi e ripartire, avere la palla tra i piedi e trovare il buco per infilare l’avversario, certo che poi conta per quanto tempo questa particolare fase viene fatta, ma a volte bisogna considerare anche la forza degli avversari.

    • Non so Luigis, io tutte ste occasioni clamorose non le ricordo. Piuttosto qualche ribaltamento di fronte dove potevamo esserlo ma non ci siano riusciti.
      Secondo me contro questa Lazio ci siamo preoccupati eccessivamente di non concedere nulla finendo per fare rinunce in fase offensiva dove potevamo cercare il raddoppio con più insistenza. Per me adagiarsi sul vantaggio e limitarsi a provare qualche contropiede è troppo poco contro un avversario non trascendentale.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web