Uno Contro Tutti 18-11-2020 Top Planet

  1. SCUSATEMI…

    Questo cavolo di Covid-19 ha stancato…già leggendo solo il nostro blog mi deprimo…Ben prigioniero in casa, altri amici, come Melara che per la sua professione è impegnato a combattere la “violenza” di questo bastardo male, altri di nostra conoscenza impegnati con i parenti più stretti a combattere il Covid-19, in ultimo mi è giunta la notizia poco fa del nostro piu anziano Amico colpito da Covid-19 lui e la consorte.

    Basta!

  2. Ciao Ben

    Per fortuna ti colleghi con Top Planet e passi un pò di tempo a parlare di Juventus…
    Daje Ben tieni duro…
    A proposito mi è piaciuto tanto il tuo intervento su Chiellini…
    Condivido, la penso come te e già ne avevo discusso qui su.

  3. Il problema dei centrali di difesa si è dilatato nel tempo e Bonucci e Chiellini,soprattutto chiellini, sono alla frutta.

    Arrivati l’ottimo DeLigt e Demiral, ma ora abbiamo praticamente solo questi due e forse qualche giovane.

    Capisco che la nouvelle vague non contempla preoccupazioni per la difesa, ma mi sembra insufficiente. Hai ragione Ben, bisognava pensarci prima. Poi si chiede di giocare a quattro dietro..

  4. Lo ribadisco quassù oltre ad avergli già fatto un grosso in bocca al lupo in altra sede al nostro grande Amico Judoc39.
    Forza Beppe voglio che presto ricominci a scrivere anche quassù, se sempre nei nostri cuori.

  5. Premesso che parliamo di giocatori che se stanno bene possono ancora offrire grandi prestazioni, penso anch’io che sia ora la che la BC inizi a cedere il passo. Tra l’altro l’olandese si riprenderà prepotentemente il centro della scena.
    La cosa che dispiace è che si riduce sempre più il gruppo di italiani. Credo che da questo punto di vista dovrebbe essere più attento il club. Secondo me uno zoccolo duro di giocatori nazionali aiuta per aprire cicli vincenti.

    • La Juve si è lasciata scappare troppi italiani nel punto nevralgico del campo, a cominciare da Verratti. Anche Barella è un signor centrocampista lasciato all’Inter senza colpo ferire.

    • L’avessi scritto io sarei stato giudicato come “italiota”.

      Condivido, Kris, più italiani in campo…senza nulla togliere agli stranieri che se si comportano da professionisti veri danno l’anima per la squadra (ultimo esempio, Mario Mandzukic).

      Su Chiellini la penso come quello detto ieri a Top Planet da Benedetto.

      Buongiorno ☕

      • Buongiorno Barone,
        Credo che sia importante la base nazionale. Soprattutto per costruire cicli.
        Se prendiamo come esempio le solite grandi degli ultimi anni come le spagnole o il Bayern vediamo che fanno così. La stessa Juve dell’ultimo decennio ha potuto appoggiarsi su una base di giocatori italiani importantissimi.
        È vero che da noi sono venuti fuori meno talenti, ma ora si stanno vedendo ragazzi interessanti. Poi non c’è bisogno che siano tutti fenomeni assoluti.

  6. State dando per morti dei campioni feriti, anche se ormai negli ultimi anni di della loro attività. Vedrete che il duo Chiellini Bonucci alla bisogna, diverranno determinanti ancora una volta. E’alquanto naturale che il futuro con De Ligt e Demiral sia stato tracciato ( tra l’altro creando pure un precedente pericoloso per via dell’ingaggio del primo) ma lo zoccolo duro dei campioni “italiani in squadra” ( lasciando stare gli ….oni veri da tastiera) 😆 è un problema che si apre sul serio.
    Qualcuno ha storto il naso nell’acquisto ( forse sovradimensionato nella spesa) di Chiesa, ma come dice bene Max, già si sono lasciati scappare Verratti che era l’unico talento vero della nuova nidiata.
    Oggi ce ne sono altri che stanno venendo fuori e molti li tiene sotto osservazione la Juve stessa ( Orsolini, Mandragora, Pellegrini), qualcuno lo ha lasciato perdere come Caldara nel pasticciaccio con il Milan, ma non potendoli provare in prima squadra sarà difficile poterne valutare le potenzialità come dovrebbe essere. Giocare in prima squadra e non in club satelliti è molto importante per la crescita stessa dei calciatori che respirano l’aria di campioni accanto che potrebbero far fare loro il salto di qualità.
    Sarò l’ultimo romantico e non datemi addosso, ma vedo in Bernardeschi grandissime potenzialità inespresse per una immaturità psicologica e magari per una certa sfortuna che ha il ragazzo nel non essere mai in condizioni fisiche ideali.
    Avrebbe bisogno di prendere fiducia anche se nella Juve ogni passaggio o dribbling che non gli riesce rappresenta mugugni e tonnellate di no like da parte di una tifoseria troppo esigente, che certamente non fanno bene alla serenità mentale di colui che cerca di dare il meglio di se. Devi avere una gran testa per riuscire a metterti dietro tutto ciò o magari un altra società che ti dia la possibilità di essere te stesso. A tal riguardo ricordo Fanna, una gran bella ala/trequartista che ebbe bene solo dopo essere andato a Verona e vinse pure uno scudetto, mentre alla Juve non riuscì mai ad esprimersi come sapeva.
    Sarà che sto invecchiando, ma oggi ho molta più pazienza e non mi faccio più trasportare dai successi momentanei o dalle eventuali debacle sempre del momento. Se uno ha stoffa, ritengo che prima o poi la metterà in mostra, e solo il prima o poi che fa la differenza, nel mio modo di pensare.
    Oggi il vero fuoriclasse in Italia è quello scugnizzo di Napoli che a 28 anni, tra le critiche di chi lo crede troppo piccolo e inadeguato per il calcio attuale, sta iniziando ad avere il suo posto al sole, perchè ha una confidenza superiore alla media con il pallone e questo credo sia sotto gli occhi di tutti.

Rispondi a Antony ¬
Cancella risposta


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia