Cinzia Fresia ospite a Coppia Gobba

  1. SUPERCOPPA ITALIANA

    Mentre sento la Cinzia a “Coppia Gobba”.

    Si giocherà a Reggio Emilia la Supercoppa italiana tra Juventus e Napoli.

    È stato deciso ieri a margine dell’assemblea di Serie A.
    Due le date possibili per la partita tra i detentori dello scudetto e i vincitori della Coppa Italia: 13 o 20 gennaio.

    Il Mapei Stadium è stato preferito all’Olimpico di Roma perché offre vantaggi logistici e organizzativi, considerato che si giocherà a porte chiuse o semi-chiuse, quindi la capienza complessiva non ha importanza. Inoltre la Regione Emilia-Romagna ha dimostrato attenzione agli eventi sportivi in questa fase di emergenza.

    Buongiorno ☕

  2. Cinzia rispetto massimo per le tue idee sviscerate in trasmissione ma non condivisibili da parte mia.

    A parte cosa dette su Sarri dal giornalista in studio.

    Hai detto su Dybala (e prima di fraintesi lo dice uno, io in questo caso, che stravede per Dybala) che come lo abbiamo visto noi, ti riferivi al goal preso contro la Lazio, lo avrà visto anche Pirlo.

    Credo che, appunto, Pirlo abbia visto in primis l’errore di Dybala…poi l’errore difensivo il tutto a una manciata di secondi dalla fine.

    Ciao

    Ps
    L’audio è stato pessimo.

    • … tutto diventa decisivo a 15 secondi dalla fine … Appunto: se Dybala tiene quel pallone, la partita è finita.

  3. alessandro magno

    Pirlo sta valutando di dare la fascia a Ronaldo probabilmente Dybala è indisponibile e forse Cuadrado verrà fatto riposare non so. Dopo Cuadrado credo che per anzianità c’è Alex Sandro

  4. IL CAPITANO

    Oggi come oggi ritengo Ronaldo il preposto alla fascia di Capitano.

    Tra Dybala e CR7 il secondo lo vedo con più carisma…ma anche del più anziano Cuadrado.
    Lasciare da parte l’anzianità e mettere davanti a un arbitro la grinta del Capitano portoghese.

    Buon pomeriggio

  5. L’impressione è che nella partita contro la Lazio si siano visti segnali di progresso nella costruzione del gioco, pur in una Juve che c’è da dire non ha ancora acquisito una precisa identità di squadra, status sin qui in parte inevitabile considerati tutti i problemi di una stagione iniziata fra l’altro senza preparazione estiva oltre che con un allenatore debuttante. Per chi ha visto la partita è innegabile che per larghi tratti della gara di Roma si siano viste buone trame di gioco e la sensazione di una certa solidità di squadra, salvo l’ultima parte del 2° tempo in cui si è abbassata troppo, attaggiamento in questo caso credo non voluto ma probabile conseguenza dei cali fisici di Morata e Rabiot che ha speso gran parte delle sue energie per tenere alta una difesa (compito per altro che spetta a Bonucci) schiacciata anche per l’uscita di Ronaldo, senza per altro aver concesso nulla fino a quel momento alla Lazio. Tanta rabbia e amarezza sicuramente per i 2 punti persi all’ultimissimo istante per un’incredibile leggerezza difensiva di una Juve che ha mostrato carenze più sotto l’aspetto della condizione fisico-atletica che del gioco, ma che considerata la qualità complessiva della rosa credo sia destinata a crescere insieme al suo allenatore sotto tutti gli aspetti. Una Juve che ricordando i precedenti contro la Lazio all’Olimpico, è apparsa molto diversa da quelle dell’ultimo Allegri e inguardabile di Sarri, destinata auguriamoci nei prossimi mesi ad un ruolo di protagonista in Campionato e speriamo anche in Champions.

  6. C’è un libro che devo comprare su Sivori.

    Mi fece sognare da ragazzino e lo voglio leggere.

    Andrea Bosco
    L’angelo dalla faccia sporca

    Edizioni Minerva

  7. Angeli dalla farcia sporca

    di Enrico Brigi–

    Si dice che il tre sia il numero perfetto. Ecco, quindi, che il tre ricorre un po’ in tutti i contesti della nostra vita, sport compreso. Nel mondo del calcio, in particolare, diventa quasi facile associare ricordi a questo numero. Facile, ad esempio, ricordare il famoso trio d’attacco del Milan degli anni ’60 composta da Gren, Nordhal e Liedhom, da tutti soprannominato Gre-No-Li.

    Omar Sivori
    Il pallone, tuttavia, racconta di un trio per certi versi un po’ “anomalo” composto da tre argentini, che la storia ha associato tra di loro, pur avendo indossato da noi casacche diverse.

    Parliamo di Omar Sivori, Claudio Valentin Angelillo e Humberto Maschio,

    giocatori rispettivamente di Juventus, Inter e Bologna. Tre campioni che seppur con squadre diverse sono sempre stati accomunati per le loro caratteristiche. Erano noti per non risparmiarsi mai, sia in allenamento che in partita.

    Il mondo del calcio li ricorda amichevolmente come “gli angeli dalla faccia sporca”. L’appellativo fu loro affibbiato da un massaggiatore della nazionale argentina, dove iniziarono a giocare insieme prima di scendere in campo con quella italiana in quanto “oriundi che li vedeva uscire dal campo con la faccia sempre “sporca” di fango e polvere. Un’immagine che, se vogliamo, riporta le menti di molti sportivi anche al famoso film con James Cagney e Humprey Bogart dal titolo appunto “Gli angeli con la faccia sporca”.

    Nati e cresciuti in mezzo alla strada, arrivati in Italia seppero mettere in mostra tutto il loro potenziale tecnico regalando al pubblico giocate di grande qualità che ancora oggi sono ricordate con nostalgia, la nostalgia per un calcio che, purtroppo, non esiste più.

  8. JUVENTUS-CAGLIARI

    Quattro vittorie e un pari nei precedenti 5 incontri allo Stadium.

    Andrea Pirlo in conferenza suggerisce: PIRLO: “La gara di domani (oggi) è fondamentale per noi.
    Il nostro campionato inizia ora, perché il tempo di adattamento è finito.
    De Ligt si è allenato con noi per un bel po’ di tempo ma era necessario il parere dell”ortopedico, ora é pronto per giocare.
    Alex Sandro si è allenato con noi l’ultima settimana ci vorrà un pò più di tempo per vederlo dall’inizio ma è convocabile”.

    PS
    Avevo scritto della fascia di capitano a Ronaldo…ne a Cuadrado, ne a Dybala, anzi la metterei a Ronaldo anche dopo il rientro di Bonucci e Chiellini.

    Buongiorno ☕

  9. JUVENTUS-CAGLIARI TOTO FORMAZIONE

    Buffon in porta senza Codice Fiscale.

    Difesa a 4 con Cuadrado a dx e Frabotta a sx con i centrali Danilo e Demiral( inserimenti graduali per de Ligt e Alex Sandro).

    Arthur e Rabiot al centro, entrambi hanno giocato partite sontuose con le rispettive nazionali.

    Siccome la Juventus è una società molto attenta quindi, oltre al lato tecnico si analizza anche la componente Covid e visto che Bentancur è stato a contatto con il focolaio Covid avvenuto nella Nazionale Uruguaiana che priverà il Cagliari di Godin risultato positivo e Nandez in isolamento preventivo, la Juventus, riterrà giusto valutare la decisione di esclude dalla gara Bentancur…come ha fatto il Cagliari con i suoi giocatori.

    Al lato dei due centrali di mediana ci saranno: a destra Kulusevski favorito su Federico Chiesa che ha recuperato dal problema muscolare che l’ha escluso nella partita contro la Lazio e McKennie sulla corsia di sinistra ma è ci potremmo aspettarci, da parte di Pirlo, anche l’inversione di fascia a partita in corso tra questi due giocatori con lo svedese a sinistra e il texano a destra come fatto contro lo Spezia e la Dinamo Kiev.

    In attacco, inutile dirlo, la coppia super affidabile fino a questo momento, Ronaldo-Morata.

    Mi aspetto tanto da Dybala che entrerà a partita in corso e dovrà riscattare le ultime prestazioni negative disputate.

    Nelle ultime due settimane è rimasto a Torino e si è allenato tanto per trovare la migliore condizione (atteggiamento che ha soddisfatto Andrea Pirlo).

    Entrerà per uno tra Morata e Ronaldo oppure Pirlo proverà a vedere se il tridente possa convivere.

    Buongiorno ☕

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: noticias juegos
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web