Archivio Autore: Luna23

Higuain .. se ci sei segna un gol!

scritto da Cinzia Fresia
Strano .. nessuno ci aveva ancora fermato, nemmeno il Barcellona con i suoi attaccanti stellari, c’e’ voluta una squadra di provincia, tale Atalanta .. a farci tornare con i piedi per terra.
La squadra allenata da Gasperini, ha fatto la sua partita e se non avesse malmenato duramente Dybala con la benedizione dell’arbitro, avrebbbe giocato pure bene.
I loro in forma, anzi, in formissima, hanno costretto i nostri ad un esborso di energia al di sopra del disponibile, e poveretti, hanno finito stremati di fatica riducendo le riserve all’osso. Dal canto suo l’Atalanta, ha combattuto per difendere la loro posizione in Campionato, che per loro, è tanta roba.
Molta carne al fuoco: 1 campionato, una Champions e la Coppa Italia. Ce la faranno i nostri eroi ad arrivare fino in fondo?

La semifinale è alle porte ed alcuni dei ragazzi iniziano a perdere colpi, Cuadrado è uno di questi, e anche Dybala comincia a sentire il peso di una stagione in cui sta dando più del 100 per cento. Il centro campo ieri è entrato in crisi, e resta, il reparto che funziona di meno. Ieri, non mi sono piaciuti nè Pianic nè Khedira, e la mancanza dei gol di Higuain si fa notare.
A riguardo della partita di ieri, iniziata male e finita quasi peggio c’è da rilevare un errore a mio parere sui cambi effettuati troppo in ritardo.
Condivido il tentativo di introdurre la Juventus dei titolari, ma lo schema andava poi cambiato considerate le evidenti dèfaillance della difesa e scarsa fantasia del centro campo, Higuain, ieri, ha fatto fatica, gioca comunque sempre bene ed è di supporto alla squadra, ma alla Juventus non basta.
Per fortuna Buffon ha evitato il peggio,mettendoci pezze qua e là, perchè l’Atalanta, è andata giù di brutto tirando molto in porta e forse Barzagli e Lichtsteiner andavano inseriti prima.
Giusto da parte di Allegri sgridare la squadra, condivido totalmente la sua posizione sostenendo che non si prendono gol gli ultimi minuti dalla fine, tuttavia andrebbe ammesso un piccolo mea culpa.
Il tecnico non ha gestito al meglio la squadra in evidente carenza psico-fisica, non poteva intervenire a centro campo, ma puntare a forze fresche in difesa per tempo sì, e mi auguro non commetta il medesimo errore per le partite a venire.
Si poteva vincere lo scudetto, è vero, e sarà fondamentale il risultato della Roma, mi spiace molto per i ragazzi, perchè non vedo colpe ..si sono impegnati e hanno dato tutto ciò che avevano.
Non abbiamo vinto nulla ma nemmeno perso, perciò, prendiamo il positivo dall’esperienza e mettiamolo via, tra poco ci altri 10 giorni in cui anche un solo errore risulterà fatale.
Vorrei esprimere solo un giudizio circa l’arbitraggio di Guida: “C’è rigore ..anzi no”, il rigore c’era, e trovo corretto e ammirevole il fatto che Allegri abbia accettato la sentenza senza lamentarsi, magari cambiava tutto magari no, però vorrei capire se essere arbitro, consista esclusivamente nel fischiare, rimesse laterali, perchè il ruolo sta diventando pari a timbrare il cartellino e guadagnare per 1 e rotti di lavoro un sacco di soldi non meritati.

venerdi 28 Aprile 2017 Atalanta-Juventus ore 20.45 Stadio atleti azzurri Bergamo

scritto da Cinzia Fresia

Stasera la Juventus a Bergamo per continuare a combattere e sigillare un mattone in più per lo scudetto.
La “passione” della Juventus non è ancora finita, per la conquista delle semifinali e dello scudetto serve molta energia.
Massimiliano Allegri non ha intenzione di mollare e ritiene l’Atalanta tra le squadre meglio allenate e pericolose del nostro campionato, quindi l’intenzione è di schierare la migliore delle formazioni considerata la delicata partita di Champions.
Il tecnico ha già in mente la formazione che schiererà in campo, sostenendo che tutti i giocatori stanno bene e sono pronti per affrontare tutti gli incontri a venire.
Una stagione quella della Juventus alle stelle che sta arrivando al punto cruciale, le energie fisiche e mentali non devono mancare, gli obiettivi sono tre e nessuno prevale sull’altro. L

Per una volta divertiamoci


Scritto da Cinzia Fresia

Tirera’ un sospiro di sollievo Allegri teso e preoccupato per questa partita, l’ allenatore in conferenza stampa ha ribadito che il match valeva lo scudetto e che non avrebbe tollerato cedimenti o distrazioni, in virtu’ del risultato negativo della partita di andata. “Accontentato” un risultato pieno, netto che non fa discutere, 5 gol, di cui 1 annullato ed un autogol, meglio di così, Dybala e compagni non potevano chiedere.
E’ lontana la Juventus dal brutto gioco, è lontana la Juventus che mandava a “stendere” l’allenatore, oggi è un gruppo compatto e consapevole del proprio valore, che desidera solo una cosa, vincere.
Una partita di cui non c’è poco o nulla da commentare in quanto la Juventus troppo superiore, oserei dire stratosferica, i Genoani non hanno potuto nulla se non subire un’ armata che non ha avuto pietà, trascinati da un sempre meraviglioso Dybala, ma stasera una menzione va anche a Mandzukic che ha segnato uno splendido gol. Il croato non aveva cominciato la stagione nel migliore dei modi, dimostrando di non riuscire ad essere compatibile con nessuno in attacco,l’idea di piazzarlo dietro alle punte principali è stata buona, il giocatore ha trovato un ruolo congeniale e adatto alla sua personalità, Mandzukic non ha doti particolari se non la predisposizione di intervenire su tutti i fronti ed andare in aiuto nelle situazioni di bisogno e grazie anche alla sua fisicità, che gli consente di essere adeguato nelle azioni di disturbo, il segreto di questa Juventus è che ogni giocatore ha saputo adattarsi alle esigenze del caso, ed immedesimarsi in altri ruoli quando necessario. Stasera Mario, ha segnato un gran gol e se lo merita.
Un gran divertimento stasera anche per Bonucci che di gol ne ha segnati persino 2, uno annullato non si sa perchè. Ma quando si è troppo forti, poco importa, tolto un gol se ne fa un altro.
Dalla panchina, Massimiliano Allegri però è incontenibile ma soprattutto incontentabile, è un continuo gridare, urlare per farli stare sul pezzo.
Una bella serata per i nostri, che dopo tante tensioni si sono rilassati e divertiti, il Genoa si è spento e arreso quasi subito, subire 2 gol in così poco tempo ha messo la squadra con le spalle al muro.
La Juventus in casa, sta diventando una fortezza impenetrabile ed imbattibile.
Ma il relax durerà poco, la Juventus ha in programma diverse sfide, di cui una trasferta a Bergamo contro l’Atalanta e la sfida delle sfide, il Derby, per poi dedicarsi alle semifinali in Champions League.
Il triplete comincia a materializzarsi davanti ai nostri occhi, non vorrei essere eccessivamente ottimista .. coraggio ragazzi, il nostro cuore è con voi, ce la possiamo fare.

Domenica 23 Aprile 2017 Juventus-Genoa ore 20.45 Juventus Stadium Torino

Scritto da Cinzia Fresia

La Juventus ha vinto il primo round, qualificandosi alle semifinali della Champions League, ma la salita non finisce qui, domani sera la Juventus affronterà il Genoa, match a dire di Allegri che varrebbe lo scudetto.
Vietato Cadere! Questo è l’ordine perentorio dell’allenatore il quale categoricamente vieta di sedersi sugli allori.
“La Juventus non ha ancora vinto niente” è una frase che Allegri tiene a sottolineare e a ricordare ai suoi per evitare cedimenti in questa fase molto delicata della stagione.
Domani saranno valutate le condizioni di Cuadrado, rientrato a Torino con un problema alla schiena riportato durante la partita contro il Barcellona, potrebbe perciò non essere impiegato. L’allenatore ipotizza l’utilizzo di Marchisio al fianco di Lemina e Khedira.
Mentre in attacco resterebbe il trio d’eccessione, Mandzukic, Dybala e Higuain.
Nel frattempo, la Juventus ha concluso una trattativa acquistando il centrocampista uruguaiano Betancur.
Allegri chiude la conferenza Stampa, non volendosi attribuire tutti i meriti per questa Juventus competitiva e vincente su tutti i fronti, ed alla fine rivolgendo le sue più sentite condoglianze alla famiglia del ciclista Michele Scarponi, vincitore del giro d’Italia, nel 2011, travolto da un furgone, mentre si allenava.

Grazie gufi! Ci avete portato bene.

scritto da Cinzia Fresia

Grazie gufi! Il vostro tifo contro e i vostri auguri per una dolorosa eliminazione con tutte le forze negative, si sono catalizzate in una festa finale, il vostro odio e’ la nostra forza. la Juventus passa, non vince ma raggiunge il Camp Nou l’obiettivo di non subire gol da quel ex mostro sacro che e’ il Barcellona.
Eravamo in ansia, era una partita piena di incognite con Dybala a meta’ ma risolta alla grande.
E’ stata una partita bellissima, anche senza gol, i due avversari hanno combattuto fino all’ultimo respiro quello catalano.
Per il Barcellona non era facile, sotto di tre gol, organizzare una remuntada contro questa Juve. Il Barca, pensava di accogliere Una squadra impaurita, o peggio insicura, tutta arroccata in difesa e condizionata dall’ambiente circostante invece no.
I nostri sono scesi in campo impassibili con un unico obiettivo, la qualificazione,
Nonostante le minacce catalane, secondo i quali avremmo dovuto subire almeno 10 gol, la Juventus non si e’ fatta prendere dal panico, mantenendo un certo distacco Non e’ stata assolutamente una passeggiata per nessuna delle due, volenterose di vincere, ma nulla sono valsi i tentativi di Messi, e soci perche’ la Juventus e’ stata una roccia.
Il Barcellona ci ha provato dando tutto se stesso, ma un’eccessiva spavalderia lo ha punito, resta sempre la squadra con delle singolarita’ eccellenti, entrate pero’ in crisi da un sistema di difesa ineccepibile.
Stasera alla Juventus e’ mancata un po’ di lucidita’ in attacco con Dybala non al 100%, gli attaccanti anche loro concentrati a contenere e a difendere hanno fatto fatica a costruire azioni e tiri da gol, resta il fatto che segnare a Barcellona e’ un’impresa, ma la Juventus ha dimostrato di poter anche vincere.
Allegri si porta a casa un’altra bella soddisfazione, i ragazzi sono stati bravissimi, ora vedremo cosa succedera’ con il sorteggio, la Juventus e’ pronta ad affrontare qualunque squadra, perche’ la Juventus non vuole piu’ essere la Cenerentola d’Europa, la Juventus di Allegri la Champions la vuole vincere.

Mercoledi 19 Aprile 2017 Barcellona-Juventus Champions League – Ore 20.45 Camp Nou Barcellona

scritto da Cinzia Fresia

Siamo arrivati all’ora X per Juventus e Barcellona che domani sera si sfideranno al Camp Nou.
La Juventus e’ carica e motivata e per nulla impaurita da quella che sara’ una partita di fuoco.
Luis Enrique, non le manda a dire e avvisa la Juventus che segneranno una valanga di gol, mentre la Juventus saggiamente tace ed ascolta.
Pensavo che tra gli allenatori il piu’ sfrontato fosse Mourinho, mi sbagliavo, non avevo ancora sentito Luis Enrique che ha farneticato tutta la settimana lanciando minacce, anatemi e quant’ altro per minare l’equilibrio psicofisico dei nostri, i quali mi auguro si siano fatti una grassa risata.
Comunque, la faccenda e’ seria e i nostri non possono sbagliare, la posta in palio e’ altissima, non si tratta solo della Coppa, ma degli introiti finanziari derivati da essa, che percepirebbe Societa’ e Squadra.
Quindi Dybala e compagni coraggio e tanta buona fortuna perche’ ne avete bisogno.
L’ambiente sara’ tostissimo e il Barcellona sicuro di vincere, inoltre la presenza dell’arbitro Kuipers non rasserena.
Ma nessuno drammatizza, nemmeno Massimiliano Allegri, che .. non e’ preoccupato, e a suo dire, si fida dell’arbitro, rassicurando i suoi chiedendo da loro il massimo possibile. D’altronde se a Torino li hanno demoliti, potrebbero ripetersi anche al Camp Nou.
Come andrà’ a finire? La mia parte sentimentale dice che ce la faranno,la mia parte razione invece non e’ cosi sicura.
Massimiliano Allegri comunque esorta ad attaccare, e non arroccarsi in difesa.
Forza ragazzi! Saremo in sofferenza tutti insieme ..

scritto da Cinzia Fresia

Un caro saluto e un augurio di una felice Pasqua serena e in salute a tutti gli amici e i lettori del blog.

Era il caso?


Scritto da Cinzia Frssia

Confesso che a volte, il nostro allenatore resta per me un mistero.
Va bene che dovevamo vincerla, va bene che non potevamo perdere altri punti, ma schierare Dybala contro il Pescara e’ sembrata un’azione poco intelligente.
Si e’ visto da subito che il giovane era nel mirino di Muntari, l’ex milanista probabilmente volendo togliersi un sasso dalla scarpa, in riferimento al famoso gol annullato, e finché’ non l’ha colpito non e’ stato contento.
Si vedeva comunque nel primo tempo che aria tirava, Dybala in funzione del big match di mercoledi, andava protetto e non buttato in mezzo a dei picchiatori senza coscienza.
Si sapeva che avrebbero fatto la partita della vita, senza nulla da perdere, e aver buttato in questa mischia uno degli uomini piu’ picchiati di questo campionato è stato un gesto da irresponsabile.
Le prime notizie ufficiali dicono che Dybala abbia subito una contusione con sospetta distorsione, vedremo.
La partita: non eccellente, soprattutto i primi 25 minuti, dove il Pescara ha cercato di soffocare la Juventus con un pressing incessante, la Squadra ha fatto fatica a dominare gli avversari, non riusciva a ragionare e ne e’uscita grazie a Cuadrado e ai due gol di Higuain.
Dicevamo Pescara scorretto e favorito dall’arbitro che avrebbe dovuto procedere con almeno due espulsioni.
Bene cosi, okay per il risultato positivo, meno bene la forma dei giocatori, evidentemente provati anche da una temepratura ancora troppo calda per il mese corrente.
Spero che Luis Enrique non ringrazi, considerata la sua gia’ sfrontatezza e aggressivita’ in vista dell’incontro al camp Nou.

Ora testa a Barcellona, augurandoci che Paulo riesca a giocare e ad essere protagonista.

Sabato 15 Aprile 2017 Pescara-Juventus ore 15 Stadio Adriatico -Giovanni Cornacchia


Scritto da Cinzia Fresia

Dopo aver vissuto una grande emozione, la Juventus torna con i piedi per terra e con la testa nuovamente al Campionato, domani alle 15 il match pre Pasqua, contro il Pescara, posizionata in bassissima classifica.
La Juventus e’reduce da una missione eroica e corre a 1000, ora che il Campione numero 1, Paulo Dybala ha firmato per restare altri 5 anni, tuttavia e’ sempre bene essere vigili in queste partite anche se la vittoria sembra scontata.
Il Pescara guidato da Zeman, tra i piu’ acerrimi nemici della Juventus, potrebbe aprofittare della sicurezza della squadra per dare un colpo di coda e far perdere punti importanti ai bianconeri, per questo Allegri chiede alla sua Juventus di non abbassare la concentrazione e di non sottovalutare l’avversario.
Zdnenek Zeman, in uno slancio di “benevolenza” fa i complimenti alla Juventus, ammettendo pubblicamente che e’ una squadra forte che puo’ vincere la champions League, e nega di essere nemico della societa’, non facendone una questione personale, in realta’ l’allenatore boemo sostiene di essere solo contro “a chi imbroglia”.
Zeman fara’ la sua partita e spera che vada a finire come a Crotone.
La Juventus ha vissuto una settimana da sogno, coronato con la firma di Dybala, il giovanissimo argentino ha preferito restare ancora in Juventus, una scelta ponderata e di profondo buon senso. La Juventus oggi e’ sua piu’ che mai, stimato dai compagni e dalla societa’, amatissimo nella citta’ in cui abita, Paulo vuole continuare a collezionare successi con questa maglia.
Dybala sceglie la Juve e lascia il Barcellona, non ancora pronto per lui.
La Juventus come la settimana scorsa, utilizzera’ il match di Campionato per smaltire un po’ di tensione per la partitissima di mercoledi’ prossimo al Camp Nou.

Blessed be Dybala!

scritto da Cinzia Fresia

” I tre fenomeni vi sbraneranno con i loro gol”

Questo e’ stato un sms scritto da un “gufo” apparso in una nota trasmissione televisiva dove pubblicavano le impressioni dei telespettatori, e dopo averlo letto, ho pensato che non poteva .. non doveva andare cosi’.
Non mi aspettavo un risultato travolgente, bravi … bravissimi! Non so dire altro quando tutto ma proprio tutto e’ andato nel verso giusto.
Dybala superstar! Nuovamente protagonista dopo il trionfo contro il Chievo, la gioventu’ e la personalita’ di questo ragazzo ha immobilizzato il Barcellona togliendogli il fiato, ma eccezionale tutta la squadra, anche quelli senza gol, che ha permesso di realizzare questo risultato che restera’ per sempre nella storia della Juventus.
Per il Barcellona ovvio, si e’ messa difficile, e’ vero che il camp Nou e’ magico, ma non sara’ comunque facile organizzare “una remuntada” contro questa di Juventus . Ma non corriamo troppo e godiamoci questa magia che nessuno di noi si sarebbe aspettata.
Avevo paura, anche se immaginavo una resistenza da parte dei nostri, ma dalle difficolta’ di gioco dimostrata in campionato ho temuto il peggio, invece no. La squadra si e’ destata e grazie ai nostri di “fenomeni”, che ragionando e trovando l’intesa hanno fronteggiato una delle fortissime d’Europa. La Juventus di stasera zittisce le cattiverie che la vedono perdente in Europa.
Ogni gol e’ stata una manna dal cielo, e non si e’ fatto mancare nulla nemmeno Il dottor Chiellini, facendosi un bel regalo piu’ che meritato di laurea segnando il terzo gol.
Il Barcellona si e’ fatto sorprendere sottovalutando l’avversario, certo Messi, non si aspettava di andare a riposo sotto di due gol ma e’ successo.
La squadra catalana si e’ comunque ripresa nel secondo tempo, tentando di recuperare la partita, ma nulla ..la Juventus si e’ schierata in difesa chiudendo tutte le azioni comprese alcune parate importanti di Buffon, combattendo fino alla fine, ne’ crampi, ne’ stanchezza hanno preso il sopravvento, vicina al quarto gol, è esplosa la gioia al fischio dell’arbitro.

Serata molto positiva anche per Massimiliano Allegri che trionfa a Torino, e taccia quelle fastidiose critiche, che lo hanno tanto irritato in questo ultimo mese. Il tecnico ha schierato una formazione di eccezione, l’unico appunto da parte mia sono stati i cambi, effettuati un po’ prestino, 10 minuti piu’ recupero sono un’eternita’ in cui puo’ succedere di tutto e Lemina e Rincon si sono fatti piu’ volte sorprendere dagli avversari.

Questa vittoria e’ solo nostra, ed e’ vero che segna un passo verso la finale, ma non dimentichiamo che il Barcellona non e’ ancora fuori, dobbiamo affrontare la fatica al camp Nou e noi ci saremo, questa sera e’ nata una stella, la nostra Juventus in Europa.

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia