Archivio Autore: Luna23 - Pagina 84

Togliete Del Neri di qui!

Si stava mettendo abbastanza bene, dal rigore capitato così per caso .. al raddoppio del capitano si poteva finire in questo modo, non era brillante la squadra, i problemi di domenica scorsa si sono puntualmente  ripresentati, ma tutto sommato il Catania anche se ben organizzato non era  preciso in area, dall’uscita di Del Piero che poteva fermarsi ancora una decina di minuti tutto sommato, la nostra  difesa è crollata ..Non ha avuto difficoltà Gomez  a segnare il primo gol quasi a porta vuota e poi la beffa finale, regalo di un arbitro non all’altezza della serie A.

Ma potevamo vincerla questa partita  senza tanti sforzi, anche conciati male come siamo, bastava solo stare un po’ attenti a non far pasticci che ci portavamo tre punti a casa.

E invece no, siamo d’accordo che di attaccanti buoni stasera ne avevamo solo uno e l’hanno fatto uscire, è vero anche che Aquilani non era proprio presente, sono vere tante cose, ma questa volta non ci sono scusanti anche con il contributo dell’arbitro ce la siamo cercata.

Ciò che trovo irritante è che la maggiorparte dei passaggi sono sempre sbagliati, forse il gol di Del Piero sarà  stato casuale, non lo so ..ma su 100 tiri , 99  sono sempre in ritardo o in anticipo.

Come faremo a vincere qualcosa di questo passo? O sperare di ambire al tanto desiderato 4to posto? Vi rendete conto? Che la Juve non otterrà che il settimo posto se andremo avanti così?

No, mi spiace questo allenatore non va.

Siamo  “l’ufficio complicazioni affari semplici”, una squadra debole,  non in grado di giocare neanche più un calcio elementare, con un Catania ostico  ma niente di speciale e soprattutto battibile.

E vogliamo la Champions? No, non siamo all’altezza, l’allenatore non è in grado di sostenere un impegno del genere e si vede, lasciamo tutto così che è meglio e auguriamoci che arrivi qualcun altro alla svelta se non vogliamo precipitare ancora più in basso  alla  classifica.

Luna23

La tristezza del lunedì

“Tell me why ..I don’t like mondays” ..cantava Bob Geldof con i suoi Boomtown Rats nel lontano 1979 ..Dimmi perchè non mi piacciono i lunedì ..e ve lo dico: per noi l’inizio settimana sta diventano drammatico, una volta quando la nostra Juve era una squadra, non si vedeva l’ora, di leggere i giornali del lunedì che commentavano i risultati quasi sempre vincenti per l’esattezza, ed io leggevo di tutto, “La Stampa”, Tuttosport, La gazzetta, Titoli  e articoli da prime pagine.

Lunedì scorso recuperando  una gazzetta nascosta in un angolo  del bar abituale, leggo le notizie della Juve in 17ma pagina!

Che tristezza! C’è sempre il Tuttosport direte voi,  la cui priorità è sempre   l’ identità calcistica di Torino, sebbene caduta in basso comunque  prevale, ma non è la stessa cosa quando parlano di noi i giornali “avversari” persino il Corriere della Sera riservava ben altro trattamento un tempo.

In ultimo, i nostri due aspiranti sindaci di destra e di sinistra entrambi Juventini  hanno gridato  che “SI DEVE RILANCIARE IL TORO!” magnifico, quasi quasi non voto nè l’uno e nè l’altro, e la Juve? i futuri sindaci Juventini non hanno un pensiero anche per la Juve? La loro squadra? Che versa in acque decisamente peggiori rispetto il Toro?  Per carità, la poltrona  è ambitissima e i nostri futuri cittadini sono molto più prudenti di altri loro colleghi più o meno famosi la cui fede e odio calcistico è stato dichiarato spudoratamente.

Comunque resistiamo,  abbiamo ancora qualche lunedi da digerire, e poi a fine campionato assistendo alla vittoria del Milan, metteremo  una pietra tombale definitiva  e arrivederci a Settembre.

Andremo  tutti in vacanza senza fare progetti,   così non restemo delusi, ma tristi sì.

Luna23

Juventus …un centro sociale.

Era prevedibile che la fortuna non durasse per sempre, ma questa volta si è esagerato, contro una fiorentina consentitemi banale, si è trovata una Juventus senza storia e senza gioco e soprattutto senza padrone, 11 persone in campo che fanno girare una palla alla “spero che vada dentro ..” eh no, signori miei così non va, questa non è più una società, una squadra, è un centro sociale e neanche autogestito,  completamente privo di riferimenti.
Non ci siamo fatti mancare neanche il litigio in campo, sì, Sorensen avrà pure sbagliato, ma che il sig. Bonucci lo rimproveri beh ce ne passa da uno che ha fatto autogol domenica scorsa, insomma nessuno sa più stare al suo posto.
Se penso ad un anno prossimo uguale a questo mi viene male, l’allenatore ha dimostrato di non saper tenere una squadra che ha  il centro campo più disorientato del campionato, nessuno sa più cosa fare, Aquilani non entra nel ruolo e Krasic è arrivato al limite del “non ne posso più ..vada come vada” a parte tutti gli alibi, del sole, del vento e del campo avverso, non si gioca così quando si vuole raggiungere un obiettivo.
Ma mi chiedo, Del Neri cosa dirà loro? Che sono stati bravi? Che poteva andare peggio?
Che succede in questo spogliatoio di estranei ..ma possibile che un allenatore di una squadra come la Juve non abbia l’autorità per dire a Bonucci che Sorensen casomai lo rimprovera lui? Di litigare ma non in campo? di osservarsi mentre si gioca? di non farsi trovare in fuori gioco 100 volte in 20 minuti? Di non calciare a casaccio come viene ..viene?
Sono basita, datemi un pizzicotto ditemi che è un film.

Luna23

Perchè Perchè …la domenica mi lasci sempre sola …

Così cantava la mitica Rita Pavone a soli 17 anni,  la canzone mito  rivolta  alle donne sconsolate degli anni ’60  lasciate sole dagli uomini presi dalla frenesia domenicale del pallone”, in realtà io penso di essere l’unica donna del pianeta a cui il proprio marito non solo non gli interessa il calcio:  lo odia proprio! E pensare che ne capisce tantissimo! Ogni anno spero di convincerlo ad accompagnarmi allo stadio a vedere dal vivo il mio campione preferito, niente da fare non cede e alla fine non ci vado.
Ho condiviso la passione per il calcio inizialmente con mio padre, che non andava allo stadio ma gli piaceva seguire la Juventus in televisione, ed insieme  guardavamo  la partita ma dopo di lui il mio è stato un interesse solitario, e a casa mia  la parola “pallone”  non era ammessa, devo dire però che con gli anni mio marito si è addolcito e mi sta concedendo di vederle con i canali sky, diciamo che ultimamente segue Alex Del Piero e Milos Krasic con interesse, uno lo stima per la sua efficienza sportiva e morale per l’altro ne riconosce un gran talento.
Domenica scorsa mi ha elargito ben 10 minuti di compagnia, ad inizio parita,  ma dopo si è alzato dal divano dicendomi “vado in garage” ..che per una moglie corrisponde ad una grande umiliazione, sono però d’accordo con lui che il primo tempo della partita contro il Genoa è stato come vedere “la corazzata Potemkin”, e così il mio compagno di partite diventa  Notu il mio furetto maschio preferito  che in apnea stringo come un peluche   quando la Juventus è in vantaggio.Vorrei dirvi che mio marito è tutt’altro che pantofolaio anzi, è uno sportivo, ed è motociclista fuori strada, ma non si accontenta di praticarlo per svago ..fa anche le gare.Sapete cosa vuol dire seguire una gara di “enduro” per noi mogli? Significa, alzarsi all’alba ..a volte è ancora buio, organizzare l’hospitality con vettovaglie, atrezzi  ecc. ecc., stare nel paddock che si trova in un campo sperduto lontano da qualunque centro abitato,  sotto la pioggia, sole, neve, polvere,  tempesta,  inondazioni, fango, ecc. ecc. aspettando ogni due ore il passaggio del marito che in 10 minuti scarsi, deve rifocillarsi, rifornire di  carburante, togliere il fango dalla moto e ripartire …questo per circa 7 -8 ore, dopo pensate sia finita? Di smontare tutto e andare a casa? No .. c’è il dopo gara ..le chiacchiere e le premiazioni, morale son le 8 di sera ed io sono stanca morta senza aver fatto nulla.
In fondo vorrei solo un po’ di tempo, due tempi di 45 minuti ..non mi sembra un gran che.. ma proprio non va .. appena l’arbitro fischia l’inizio partita è già addormentato davanti alla tele.
Anche questa domenica Notu mi farà compagnia durante la “terribile” partita contro la Fiorentina .. speriamo per lo meno che “la corazzata Potemikin” non si ripeta.

Luna23

UNA JUVE AUTOGESTITA …

..Ho visto domenica 10 aprile che, vuoi per esperienza, vuoi che alla fine è prevalso l’impegno hanno miracolosamente vinto con un Genoa organizzato ma nella media . La fortuna che il gol del vantaggio arrivato non lontano dalla fine del secondo tempo ci ha consentito di resistere e di impedire il pareggio da me temutissimo.
Difesa fragilissima e pasticciona, centrocampo che commette un numero imprecisato di errori e problematica evidente di comunicazione tra giocatori, insomma, l’allenatore dovrebbe capire che non è il direttore di un liceo occupato dagli studenti che decidono di fare “autogestione”in cui regna il caos e l’ anarchia. In questo marasma emergono i professionisti il cui mestiere, e (diciamocela tutta) un pizzico di fortuna la mettono dentro e vincono.
Andrà così fino alla fine? Se fosse ce lo meriteremmo anche, con tutta la sfortuna passata, un inversione di marcia non toglierebbe niente a nessuno, ma questo è un sogno e la dura realtà ha da venire.
E’ corretto goderci la vittoria, ma il tifoso Juventino si chiederà se dura e per quanto tempo.
Suppongo siamo in tanti ad incrociare le dita quando la Juve passa in vantaggio, sono davanti alla tele con le mani incrociate a mo’ di preghiera senza fiato e spero che gli avversari non pareggino, recito tutte le formule possibili immaginabili perché non accada ..ma succede sempre, e tutte le volte è come il gioco dell’oca, si torna indietro di tre caselle.
Questa volta grazie la complicità dell’ora, il 37mo del secondo tempo, abbiamo retto il vantaggio nonostante i 5 minuti di recupero che ha fatto tremare tutto il popolo juventino appiccicato al televisore che invocava praticando riti voodoo immaginari perché l’avversario non si organizzasse e ci colpisse con il terzo gol, al triplice fischio dell’arbitro ci siamo rilassati, è finita per questa volta è andata bene.
Questa è la media delle nostre domeniche calcistiche terminate almeno con un sorriso e un po’ di soddisfazione, ma la nostra Juventus, quella vera ..ci manca tanto.

Luna23

Milos Krasic resisti!

Era dal dopo Nedved che non sentivo trasporto verso un giocatore della Juventus “povera”  di oggi, perché le altre squadre  confesso, non le guardo.

Voglio bene a tutti i nostri juventini  a prescindere ..ma per lui è diverso nutro una vera e propria  ammirazione.

Mi ha colpita da subito ..sarà stato lo sguardo, profondo e disincantato come quello di un bambino o quella vena malinconica tipica della gente di quei paesi  dalle  infanzie dure, alle prese con  guerre che non finiranno  mai,  o sarà il  suo modo di stare in campo, veloce, preciso e determinante:che non mi perdo una partita.

Sebbene  il buio attuale  la presenza di Krasic illumina, nonostante  giochi da due anni ininterrottamente, è stato criticato per la discontinuità dei risultati; ha cambiato squadra e vita, non sono certo giustificazioni, ma si è trovato Krasic,  a confrontarsi con una squadra di livello minore rispetto lui ed è  stato investito di una responsabilità enorme al suo arrivo: quella di salvare la Juve.

Eppure anche non in forma, dà tutto se stesso, ci prova e spesso realizza il gol o fornisce l’assist per farlo fare agli altri, insomma ha tutti i requisiti per diventare una grande star del nostro calcio.

Sperando che ..un allenamento sbagliato non lo “sciupi” o che non si stufi lui a doversi trovare nelle condizioni di  risolvere i problemi causati da altre incompetenze, i tifosi sperano ,  che la dirigenza si metta una mano sulla coscienza e trovi una soluzione corretta per tutta la squadra, e che arrivino dei giocatori oltre alla sua di  altezza, anche a quella di Del Piero e di Matri per proporsi come vincente in campionato e champions.

Krasic dimostra però non solo una certa autonomia in campo, ma anche mentale, le sue iniziative di conquistare la palla, studiare l’azione e realizzare il gol, non piace sempre all’allenatore, ma ogni calciatore ha i suoi pregi e difetti e lui è fatto così ..e vorrei anche dire all’allenatore che spesso Krasic chiede palla e il più delle volte  non gliela danno ..particolare che non avrò notato solo io, e la reazione logica di un giocatore di  questo livello  è di fare tutto da solo ..o di considerare colleghi diversi .. Ultimamente il centro campo è Del Piero, Krasic e Matri ..O Del Piero e Matri,  Krasic ..o Krasic e Matri,  un po’ poco ..come supporto.

Ma la promessa è stata fatta, arriveranno rinforzi adeguati e noi tifosi non vediamo l’ora .. attendendo la prossima stagione calcistica con  trepidazione  e facendo gli scongiuri   che il nostro campione  serbo non cambi idea e se ne vada ..continuerò a seguirlo.

Luna23

Una Juventus tutta sola..

Del NeriLa sensazione che offre al suo pubblico è di immensa solitudine, lasciata dalla proprietà e anche dal suo allenatore: un uomo abbandonato a se stesso, al suo destino con lo sguardo perso nel vuoto. Non sorride più Del Neri nemmeno quando la squadra segna e non sorridono neanche i giocatori . Il conto da pagare quest’anno è salato, più del solito .. eventuali qualificazioni sono possibili ma la champions è un miraggio, la squadra è praticamente ridotta in ginocchio dagli infortuni e disgrazie varie. Sebbene l’apparenza inganni, i giornali riprendono una proprietà i cui segnali sono di presenza e solidarietà, persino con i titoli sensazionalistici: annunci di arrivi fantastici ma tutti regolarmente smentiti.
Eppure ai giornalisti non sembra vero di non saper più cosa scrivere sulla Juve .. è così strano che occorre inventarsi qualcosa giusto per accontentare il pubblico che ama i gossip veri o presunti. Perchè in fondo la Juve manca, soprattutto agli avversari rimasti orfani del loro capro espiatorio preferito che giustifica le sconfitte.
Mi piacerebbe dirgli “non vi preoccupate che torneremo più forti di prima e vedrete “ ma non lo dirò perchè ho paura non sia vero, e che la mentalità ..come hanno detto la maggior parte degli ex , non sia più quella vincente.
La Juventus di oggi vince per caso ..quando gli astri si allineano e quando l’avversario è particolarmente presuntuoso, è un fatto di orgoglio che non è gioco .. e lo dimostra l’assenza del capitano, che occorre lavorare e sperare che resti il più a lungo possibile.

Derby del cuore … a Torino, tutti uniti per la SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica)

Derby del cuore … a Torino, tutti uniti per la SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica)

Ci siamo divertiti ad assistere a questo derby del cuore, Juventus e Torino da un po di anni a questa parte si incontrano per beneficenza, solitamente per aiutare i bambini, in questo caso sono scese in campo per sostenere  la ricerca su questa terribile malattia dall’esito infausto e diagnosi definitiva.

E’ stato bello per me Torinese vedere anche solo in televisione questo spettacolo, Il momento per le due squadre non è buono, lo sanno tutti. Le società calcistiche che rappresentano la nostra città, in questo momento vivono prigioniere all’interno di un annoso oblio calcistico senza vedere una luce.

Eppure quel mercoledì …. questa storia sembrava un po’ dimenticata. Il primo tempo divertente… entusiasmante vedere questi sessantenni con la voglia di fare,  ma anche di ridere e stare insieme ricordando i bei tempi, per non parlare dell’altra metà della partita, tutta Juventina. Zidane e Nedved insieme per la prima volta e non come avversari …ci hanno fatto sognare e commuovere al tempo stesso, vivendo tanta nostalgia.

Ma durante questa occasione di gioia non ci siamo fatti mancare niente, a fine partita la rissa tra tifosi con conseguenti denunce …beh mi chiedo …era il caso? Ne valeva la pena? Dobbiamo proprio sempre farci notare? Voi direte che è normale, beh non lo è. Forse essere tifosi e basta è complicato? Dobbiamo esprimere violenza e odio per l’altro anche durante una partita di beneficenza? Non so, già è discutibile durante il campionato. Era il caso di distinguersi in questo modo? Con metà delle squadre in campo fatte per lo più di persone anziane? Con bambini sugli spalti venuti per applaudire Campioni che non avevano mai visto se non nel racconto dei propri genitori.

A quanto pare la risposta non c’è, ed una festa così bella è stata rovinata da gesti di violenza gratuita che non porta ad alcun risultato logico, se non di allontanare la gente da questo splendido sport.

Peccato.

 

Ancora Del Piero

Da questa ultima partita contro il Brescia, vinta in extremis e con il fiatone soprattutto grazie all’abilità tattica, di gioco e di esperienza da Alex Del Piero che dà uno “schiaffo”  a chi non lo vuole più o non lo vorrebbe.

Del Piero ha fatto tutto, combattuto .. giocato, segnato e diretto … ha quasi “ridicolizzato” la presenza dell’allenatore ormai insignificante, senza entusiasmo ..senza sorriso.

Indubbiamente una squadra con lacune di gioco, tattiche e difensive   che non riesce a colmare ad   altresì una preparazione atletica insufficiente che dimostra una grande   fatica per terminare i due tempi della   partita ..

Ma tutto sommato oggi i giocatori hanno ricevuto una scossa da un grande campione ..che sente l’identità juventina più che mai .. Cosa succederà domani non si sa ..corrette e doverose le contestazioni dei tifosi che si sono distinte in uno stadio semivuoto .. purtroppo la proprietà praticamente mai inquadrata fa sentire la sua mancanza .. Il cosa aspettarci sarà tutta una sorpresa .. le testate giornalistiche indicano il rinnovo con Del Piero non realizzabile, la dirigenza rassicura del contrario.

E se fosse vera la prima ipotesi  questo sarebbe un ulteriore passo indietro per la Juventus che non ha oggi nessun erede possibile che possa raccogliere il suo testimone

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web