Per una volta che non c’era polemica ci han pensato Adani ed Allegri.

Articolo di Alessandro Magno

 

La partita Inter-Juventus è stata una delle partite più belle degli ultimi tempi. Le premesse non è che fossero delle migliori. La mancanza di stimoli per un campionato già vinto da parte della Juventus di contro il fatto che l’Inter potesse metter in qualche modo in pericolo il suo terzo posto, faceva si che l’ago della bilancia fosse spostato pesantemente vero i nerazzurri. Se poi ci mettiamo che giocavano in casa e che la Juve si presentava pesantemente rimaneggiata davvero c’era tutto perchè si passasse una brutta serata. E in effetti è iniziata piuttosto male come da copione. Inter arrembante e Juve distratta. Presto in vantaggio con un bel gol di Nainggolan dove qualcuno ci ha visto un incertezza di Szczesny, portiere nostro che avrà modo di riscattarsi con alcune belle parate che manterranno inalterato il risultato fino al termine della prima frazione. Juve che si è vista poco e solo con qualche conclusione da lontano. Il secondo tempo sarà diverso complice qualche sostituzione e aggiustatina tattica la Juve ha giocato meglio dell’Inter preso in mano la partita e pareggiato con merito con un gran gol di Ronaldo. Handanovic è stato impegnato da altre conclusioni e la Juventus è andata anche vicino a vincerla con qualche buona chanse nel finale. Alla fine un tempo per parte e risultato giusto così. La Juve salva l’onore il pareggio invece non assicura ancora all’Inter la matematica del terzo posto ma anzi avvicina la Roma.

La serata si è conclusa con la rissa Allegri Adani. Personalmente dico che Adani si è comportato da provocatore che ad oggi è il ruolo che gli riesce meglio interrompendo Allegri e dicendogli che non è credibile e che dice cose senza senso e francamente mi pare inaccettabile. Di contro Allegri ha sbagliato a perder le staffe e ad andarsene stizzito perchè ha fatto il gioco di Adani che infatti poi sorrideva sotto i baffi compiaciuto. Questo è il livello delle tv attuale. Allegri è evidentemente molto stressato per la stagione ed ha perso le staffe in un intervista, cosa assai poco consueta riguardo a se. Spalletti che aspettava di intervenire, infatti nel fuori onda, sottolineava il fatto che se si arrabbia Allegri, che in genere è uno calmo, la misura è colma. Detto ciò tutto questo sono solo note di colore. Non succederà nulla di che se non che Adani continuerà a fare il fenomeno e il fautore del calcio champagne, cosa che non ha mai fatto vedere da giocatore e nemmeno da allenatore visto che non ha mai allenato. Allegri probabilmente farà le valige con buona pace di tutti compresa la sua. Sembra assai improbabile una sua permanenza per il prossimo anno non fosse altro perchè l’ambiente ha bisogno di aria nuova.

Meno male che c’è Ronaldo

Articolo di Cinzia Fresia

Mi aspettavo una sconfitta, ed è arrivato un pareggio, meglio così, soprattutto per Ronaldo che ha segnato un gol dei suoi, che ha totalmente annichilito Handanovic.
Gli interisti si stavano fregando le mani quando .. zac! Ecco Ronaldo..in questa stagione la differenza tra noi e gli altri è stata lui Cr7.

Comunque, non mi aspettavo chissà che partita, la Juventus pluri scudettata contro l’ Inter sventurata, non offriva stimoli,una società troppo presa dalle vicende di Wanda Nara e di Icardi ,ha perso di vista gli obiettivi prefissati, i nerazzurri hanno pensato a tutto meno che al campionato, infatti i nostri, più che giocare hanno passeggiato, fino a quando Ronaldo ha deciso di giocare in un altro sport, e ha segnato.
Bene, queste ultime partite sono una seccatura perché i giocatori sono ai minimi termini, e non hanno più voglia se non di trascinare i piedi, oppure gli juventini, si sono preservati per impegnarsi nel derby.
c’è poco da spiegare, per stessa ammissione del tecnico la Juventus ha giocato male, soprattutto nel primo tempo, durante la ripresa una minima reazione ha consentito di chiudere con un pareggio.

Comunque non si respira una bella aria, la squadra è distratta e Ronaldo è come se giocasse per conto suo, il tecnico appena può, come un “memento moris” ci ricorda che resta ancora un anno, nel frattempo non si capisce bene quali saranno i piani futuri della società.
Attendiamo sviluppi.

Pagelle Inter Juventus 1-1

Pagelle di Alessandro Magno

Szczesny 8 Sorpreso sul gran gol di Nainggolan sfodera una prestazione veramente maiuscola con parate importanti su Icardi e De Vrij e Perisic insomma salva più volte il risultato.

Emre Can 7 Inizia il match come terzo di difesa poi la Juve dopo il gol preso si rimette subito a 4 dietro. L a sua è la solita prestazione di qualità e quantità. E’ incredibile quanto sia forte fisicamente questo giocatore. Davvero nel corpo a corpo è difficile da superare. Bene nel due in mezzo con Pjanic.

Bonucci 6 Fra lui e Chiellini Icardi è ben imbavagliato resta il fatto un po’ incredibile come sui calci d’angolo e punizioni non ne prendiamo una di testa nemmeno per sbaglio.

Chiellini 6,5 Come Bonucci forse un poco più propositivo. Salva comunque un gol quasi fatto dopo un primo salvataggio di Matuidi.

Cancelo 6 Giocatore che è palesemente inadatto al solo difendere infatti nel primo tempo è abbastanza disastroso. Nel secondo tempo complice il risultato da ribaltare spinge di più, che è quello che sa fare meglio, ma acquisendo fiducia difende anche meglio. Il voto è una media fra i due tempi ma il secondo tempo suo è veramente buono.

Cuadrado 5,5 Santa confusione. Alterna buoni recuperi in aiuto dietro a scelte sempre completamente sbagliate davanti. A volte sta in mezzo alle scatole o a Bernardeschi o a Kean o a Ronaldo. Veramente apprezzabile solo l’impegno. Per Allegri può giocare interno di centrocampo. Per me no. Almeno non dall’inizio.

Pjanic 7 Primo tempo di enorme sofferenza come tutta la squadra tuttavia nell’uscita palla ha terra è veramente uno dei pochi su cui si può contare. Mezzo voto in più perchè serve un assist di tacco al bacio a CR7.

Matuidi 5 Ha esaurito le pile. Arriva sempre un attimo dopo. La cosa migliore è quando ferma un gol fatto deviando di deretano un pallone. Il che la dice lunga sulla partita fatta.

Alex Sandro 6 Ha la colpa di giocare il primo tempo dove la Juve patisce tantissimo. In realtà l’Inter sfonda di più dal lato di Cancelo quindi lui con Politano più che altro fa pari e patta.

Ronaldo 7 Mister 600 gol in carriera. Segna un grandissimo gol. Da calcetto. Tocco di fino di sinistro a pelo d’erba. Handanovic nemmeno ci prova. Giocatore di un altro pianeta. Da una sua iniziativa per poco non la vinciamo con gol del 98.

Bernardeschi 5,5 Un misto fra Cuadrado e Matuidi ovvero pile scariche e confusione. Anche lui apprezzabile per l’impegno. Almeno esce sfinito.

 

Spinazzola 6,5 Lui e Kean sono i cambi che danno maggiore spinta e voglia alla Juventus. Un buonissimo approccio al match. Gli è mancato solo il guizzo giusto ovvero è stato autore di tante piccole buone cose ma se avesse fatto un assist vincente allora la sua prova sarebbe stata notevole.

Kean 6 La squadra gioca meglio con una prima punta in campo che da profondità e anche CR7 gioca meglio con una prima punta e non a fare lui la prima punta. Mi pare ormai assodato. Kean senza fare sfaceli si rende utile.

Pereira Sv Colpo di tacco smarcante e quasi gol vittoria. Be direi buon biglietto da visita.

 

Juventus 6 Un tempo regalato all’Inter e un altro se non proprio dominando l’avversario per lo meno con autorità. Il sei mi pare scontato ma non di più perchè nel primo tempo ci ha dovuto tenere in partita Szczesny e questo non va bene. Capisco che per noi ormai sono amichevoli ma la Juve per sua natura non deva mai amare perdere.

Allegri 6 Primo tempo squadra senza anima e svuotata l’aggiusta nel secondo tempo con i cambi e forse con qualche discorso nello spogliatoio. Il campionato è vinto ma le restanti partite vanno onorate. Gli esperimenti: Emre Can può fare il difensore centrale. Cuadrado interno fa solo casino. Bernardeschi oggi meglio esterno che punta. Mi domando non sarebbe stato meglio un 4-4-2 dall’inizio con Cuadrado e Bernardeschi esterni e Kean in coppia con Ronaldo come nel secondo tempo?

Arbitro 6,5 Tutto sommato non incide sulla partita. Credo manchino diversi gialli per pestoni. Uno di Pjanic l’altro cmi pare di DeVrij ma in generale ha usato lo stesso metro. Tutti i rigori chiesti per contatti in area o falli di mano mi pare di poter dire che nessuno fose rigore.

Sabato 27 Aprile 2019 Inter-Juventus ore 20.30 Stadio Meazza – San Siro Milano


Scritto da Cinzia Fresia
Super Derby d’Italia, stasera a San Siro. Massimiliano Allegri avvisa, che la Juventus gia’ non arriva a Milano per fare brutte figure, perciò non si aspettino regali.
L’Inter reduce da una stagione deludente, si impegnera’ fino allo spasimo per battere la Juventus e restituire un po’ di entusiasmo ai suoi tifosi.

Per la Juventus vincente, ma perdente in Europa, può essere un’opportunità per placare i mugugni post champions e vivere una bella serata (si spera) di buon calcio.

Viva Top Planet del 24-04-2019 con Benedetto Alessandro Magno Croce

Immagine anteprima YouTube

Sesso Juve e Rock n’Roll s02 e31

Torna questa sera Sesso Juve e Rock ‘Roll con:

Benedetto Alessandro Magno, Paolo Superfly, Frank JFC, Toto Cafasso, Benny Nico, Michele Fusco, Leomina e forse Antonio Corsa

 

cliccare nella foto alle 22 per vedere la puntata

Immagine anteprima YouTube

 

 

 

 

 

 

La scaletta

Giusto o no festeggiare lo scudetto

Situazione mister

Situazione mercato entrate/uscite eventuali desideri

Nuova maglia

Le perle della settimana

 

 

Sondaggio Maglia Juventus 2019/20 Cosa Ne pensate?

Cosa ne pensi della nuova maglia della Juventus?

  • Non mi piace (62%, 21 Votes)
  • Al momento non saprei (29%, 10 Votes)
  • Mi piace (9%, 3 Votes)

Total Voters: 34

Loading ... Loading ...

Il giorno in cui la Juve non vincerà nemmeno lo scudetto avverrà l’apocalisse.

 

 

Articolo di Alessandro Magno

E’stata una settimana difficile. L’eliminazione dalla Champions ha lasciato tante scorie. Anche nella partita contro la Fiorentina. Per fortuna si è vinto è si è chiusa la pratica scudetto. Ero allo stadio sono stato contento della vittoria e di festeggiarlo. Andrò anche contro l’Atalanta a vedere la premiazione all’ultima giornata. L’eliminazione dalla Champions è stata cocente seppure a fronte di un risultato di uno scarto minimo. La Juve ha sofferto troppo l’Ajax ed è arrivata all’appuntamento con la storia in non buone condizioni. Qualcosa si è sbagliato. E’ evidente e nessuno si è nascosto dietro a un dito. Delle decisioni andranno prese. Sicuramente Ronaldo resterà perchè ha giurato amore a questa maglia e perchè non è uno che si tira indietro davanti alle sfide o lascia le cose a metà. Inoltre la coppa manca francamente più a noi che a lui che ne ha vinte tre di fila, anche se non sarà felice del fatto che il suo avversario Messi forse ne vincerà un altra con relativo pallone d’oro a corredo.

I tifosi non hanno mostrato tutti grande maturità. Tanti ma non tutti. Si passa dall’euforia dell’asfaltiamo tutti all’isteria del avverrà l’apocalisse. Oggi si schifano gli scudetti quando poi in campionato pareggi contro il Genoa in modo rocambolesco alla centoventiquattresima giornata dopo che ne hai vinte centoventitré e parte lo sclero totale pubblico per un gol preso e due punti persi. Non si ha coerenza. Non si ha obiettività nel capire uno sport dove uno vince e un altro perde dove le variabili sono tante e spesso il destino è bizzarro. Con l’Ajax ad Amsterdam palo di Douglas Costa e non la vinci e oggi un palo e una traversa per la Fiorentina e rimonti su un autogol. Ma di cosa parliamo?

Ogni anno la Juve gioca 4 trofei e negli ultimi anni ne ha portati a casa sempre una buona fetta anche se è mancato il più ambito. Da otto anni vinciamo almeno lo scudetto, quando non facciamo double, quando addirittura non ne vinciamo 3. Quest’anno altri due trofei in bacheca mentre gli altri guardano noi e l’unico trofeo che possono ambire e aspettare la nostra sconfitta. Bella vita che fanno. Purtroppo la storia con quella coppa è una storia difficile. Il tifoso dovrebbe saperlo invece di farne una malattia. Le coppe che gridano vendetta sono quelle perse da Trapattoni e da Lippi quando la Juve poteva comprare i migliori giocatori del mondo e perse almeno 4 volte contro degli outsider da favorita. Quando la coppa si svolgeva in 8 partite e non in 13. Quando ti capitava di incontrare solo una squadra forte per nazione. Chiedete a Boniperti perchè si è snobbata la Coppa dei Campioni almeno fino al 1982. Tuttavia sembrerà banale ma vincere non è mai facile neanche in Italia. Ecco perchè bisognerebbe godere di quello che si ottiene piuttosto che soffrire per quello che non si riesce ad avere. Si può anche fare la fine di quelle star suicide che riescono a soffrire di depressione nonostante la fama il denaro il successo. Perchè l’infelicità è una malattia.

Cambieremo corso spero. Sono d’accordo con il cambiare corso anche io, anche se il presidente pare deciso a continuare con Allegri. Io cambierei. Vorrei dare nuova linfa, nuova energia a un percorso che mi pare al momento arrivato. Ringraziare Allegri per quanto fatto perchè piaccia o no rimarrà uno dei mister più vincenti della nostra storia mi pare un atto dovuto e proverei altre strade ugualmente. Però non iniziate a rompere le scatole pure con l’altro al primo pareggio.  Prenderei un mister straniero. La Juve nei suoi primi 70 anni di storia prese argentini molti ungheresi, inglesi e scozzesi, paraguaiani, brasiliani e anche jugoslavi e cecoslovacchi poi si è voluta italianizzare ad ogni costo. Ma il calcio italiano in Europa non ha mai avuto un grandissimo successo e spesso è stato soggiogato da scuole di pensiero diverse. La Spagna è 10 anni che domina il calcio europeo e mondiale e le coppe le ha vinte tranne in un caso (Ancelotti) sempre con allenatori stranieri. Inoltre il calcio spagnolo è ampiamente riconoscibile aldilà del mister che allena la squadra e ad oggi è superiore al calcio nostrano. Quanto tempo bisogna aspettare perchè si impari la lezione? Chi vuol migliorare impara. E’ forse questo l’ultimo step che manca per arrivare alle migliori d’Europa?

Ronaldo: “resto al 1000 per cento”


Scritto da Cinzia Fresia

E’ finita .. finalmente, possiamo dire la parola basta prima che altri giocatori vadano in infermeria, un solo punto, non era chiesto di più.
La Fiorentina non è mai bello incontrarla, squadra troppo ostica, troppo complicata, e molto nemica, batterla e’ stata una sofferenza.
La squadra ancora avvilita per l’esclusione in Champions, ha disputato un pessimo primo tempo, rifacendosi poi quello successivo.
La vittoria che assegna lo scudetto, chiude un’annata che sarà al vaglio, di vari giudizi.
Festeggia Ronaldo con i suoi compagni e congratulandosi con Massimiliano Allegri.
Testimonianze di stima arrivano da tutte le direzioni, la squadra abbandonata la malinconia si e’ fatta abbracciare dai suoi tifosi e dal suo pubblico.

Nonostante la festa scudetto anticipata, presto ci saranno le analisi e i progetti per il futuro, la Juventus su 4 obiettividssd ne ottiene solo 2.
Ronaldo, che sembrava lontano da Torino, rassicura i fans dicendo che vuole restare al 1000 per cento, mentre Massimiliano Allegri, intenzionato a restare, deve valutare le risposte della societa’, la quale resta vaga nominando la permanenza di Dybala.

Ma non tutta la tifoseria festeggia, anche l’assembramento nella storica p.zza San Carlo, non è gremita come negli anni precedenti, perché l’esclusione dal torneo europeo, ha allontanato momentaneamente alcuni tifosi che ritengono invece che non ci sia nulla da festeggiare.
Penso che i tifosi debbano sentirsi liberi di vivere le proprie emozioni, chi ha voglia di festeggiare lo faccia, chi non vuole non lo faccia. Ritengo non giusto apostrofare o giudicare il tifo altrui, o il non tifo, in questo caso.
La Juventus comunque scrive una storia, 8 scudetti consecutivi non è impresa di tutti i giorni, il livello di questo campionato non eccellente, ma alla fine per vincere bisogna impegnarsi.

Ora bisogna pensare alla Juventus che verra’, abbiamo dei dati, che il ciclo di Allegri sta volgendo al termine, e che la Juventus dovra’ essere rivista se si vuole ambire alla Champioms League.

Pagelle Juventus Fiorentina 2-1

Pagelle di Alessandro Magno

Szczesny 6 Oggi non benissimo. Un uscita di piedi sconsiderata. Qualche lancio sbagliato. Salvato un paio di volte dalla traversa e dal palo. Sul primo gol subisce un pestone forse ne condiziona la prestazione. Alza il voto con una gran parata di piedi nel finale.

Cancelo 4 Un totale disastro in tutte le zone del campo fa solo cose sbagliate. L’unica nota di merito una diagonale nel secondo tempo a chiudere su Chiesa con tempismo. Chi insiste che doveva giocare qua e doveva giocare la ha in mente il Cancelo di inizio stagione. Questo è nettamente inferiore a De Sciglio. Ma proprio nettamente.

Rugani 5,5 Qualche buon anticipo di testa ma tanta sofferenza. Spesso consente a Chiesa di girare e concludere. Altre volte non è celere a chiudere sui contropiedi avversari. Bravo almeno sulle palle aeree ma forse perchè i viola davanti non è che siano dei giganti.

Bonucci 7 Uno dei pochi a salvarsi. E’ vero che a momenti fa un patatrac con Szczesny, pero’ chiude in modo mostruoso in uno contro due contro Simeone e Chiesa. Spesso imposta senza la paura che hanno gli altri.

Alex Sandro 6 In fase difensiva è un mezzo disastro come Cancelo forse appena meglio. Ha il vantaggio che almeno spinge con costanza e poi realizza un grandissimo gol che fa pari con quello loro.

Emre Can 7 Un giocatore di spessore e carisma non indifferente. Nella stessa partita viene utilizzato prima come mezzala poi come difensore in una difesa a tre. In entrambi i ruoli è forte e sicuro. Giocatore imprescindibile ora.

Pjanic 6 Gioca al piccolo trotto tuttavia è uno dei pochi che sa fare due passaggi giusti di fila. Esce quando non è che stesse particolarmente demeritando , forse un problema fisico?

Matuidi 5 Tanto impegno ma tantissimo fuorigiri con Alex Sandro, quella corsia specie nel primo tempo è una pena.

Cuadrado 5,5 Tanto impegno tanto casino tanti errori. E’ bello riaverlo ma non è ancora in condizione.

Ronaldo 7 Intanto si vede che è un giocatore di un altro pianeta. L’unico con Can e forse Bonucci a cui non scotta la palla nei piedi. L’unico con Can a cui la Fiorentina non fa nessunissima impressione. E’ arrabbiatissimo oggi per il campo vaga come un gatto selvatico chiuso in una stanza. Ce l’ha con i suoi che non lo supportano. Si procura un gol sverniciando il suo avversario cosa non riuscita a Cancelo, Alex Sandro, Cuadrado, Bernanrdeschi per tutta la partita. A 34 anni corre più di tutti. Alla fine va a cercarsi la palla prima sui laterali poi addirittura va a centrocampo e imposta. Per fortuna a fine gara lo si vede festeggiare con gli altri in allegria.

Bentancur 6,5 Inspiegabile il suo accantonamento dopo la buona prestazione ad Amsterdam. Non avrà la corsa di Matuidi ma almeno sa fare un passaggio.

Kean Sv Partita in cui doveva giocare dall’inizio. Ronaldo prima punta non si trova bene. Altra considerazione da mandare a chi vorrebbe un tridente con Ronaldo centrale.

De Sciglio Sv.

 

Juventus 5 Oggi molto fortunata sui pali e traverse avversarie che potevano chiudere la partita. Gioco latente personalità assente. Oggi si è vinto grazie ad alcuni episodi. Per fortuna si è vinto ma squadra ancora sotto choc.

Allegri 5 Brutta partita con uomini troppo intimoriti ancora dalla batosta europea. Si salvano solo in 3 veramente. Bonucci, Can e Ronaldo. L’aggiusta un poco con la difesa a 3 ma lo spettacolo non è un granchè lo stesso. Almeno la vince e chiude il discorso scudetto.

Arbitro 4 Secondo me c’è fallo su Szczesny sul gol loro e ci sono due rigori su Ronaldo nei primi minuti di gioco. Credo manchino un paio di gialli ai loro e uno a Bonucci per una gamba troppo alta che prende in faccia Chiesa. Arbitraggio abbastanza scarso.

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia