Archivio Mensile: marzo 2014

Ogni tanto fanno festa a Rosic-Land.

18890746

 

Articolo di Alessandro Magno
Portate pazenza siamo umani anche noi. A Rosic-Land sarà festa tutta la settimana. E vai di mortaretti, tricchie tracchi bombe a mano. Fate il trenino tutti insieme , milanisti , interisti romanisti, laziali, viola e quanti più sfigati siete. E si perchè diciamolo: siete un popolo di sfigati.

Comunque noi, a differenza di voi, sappiamo perdere oltre che vincere e non ci nascondiamo dietro inutili piagnistei. La Juve ha giocato male , specie nel primo tempo dove non è scesa in campo. Poi ha cercato una reazione ma a quel punto poteva avvenire il pari o il secondo gol, ed è arrivato questo: è la legge del calcio . Va bene così.

Non vi aspettate amici bianconeri che qualcuno parli del fuorigioco sul primo gol, almeno per dovere di cronaca. Io dico che quel gol è buono come lo era il nostro all’andata , perchè non è umano rilevare un fuorigioco così millimetrico, però avreste ragione a chiedere parità di trattamento da parte dei  vari media, moviolisti, giornali e giornaletti. Purtroppo non sarà così e ripeto non aspettatevelo. Chi è preposto a queste cose è il primo rosicone di Rosic-Land. I Bergomi, i Pistocchi, i Zazzaroni, i De Paola ecc… non sono imparziali. Se un errore penalizza la Juve è ”difficile da vedere”, è ”millimetrico”, è che ”comunque il Napoli ha meritato”, se è pro-Juve ” è decisivo”, ”ha indirizzato la partita”. Nelle ultime 4 partite la Juve ha subito due gol regolari annulati ( Catania e Genoa) e un gol in fuorigioco ( Napoli) e questi parlano ancora di aiutini per la Juve.  La Juve ruba, anche quando rubamo gli altri mettetevelo in testa. Col Sassuolo Rizzoli ha fatto un casino con un rigore dato e tolto ai neroverdi e a danno della Roma. Cosa avrebbe scritto il corriere di trigoria di De Paola se questo fosse accaduto alla Juve?

Ho dovuto persino sentire un telecronista Rai dire che l’aggressione al pulman è figlia di un risentimento. Cioè in pratica è colpa della Juve. Nella ”civilissima” Napoli non si può assistere a una partita in modo decente, ed è colpa nostra? Forse sarà anche colpa nostra delle bombe carta che si sentono durante la partita o è colpa nostra se il ”civilissimo” pubblico della tribuna (e sottolineo tribuna non curva) non permette ad Andrea Pirlo ( vanto italiano e della Nazionale nonchè Campione di tutto) di battere un calcio d’angolo per un lancio di bottiglie. Unico caso e stadio, credo al mondo dove succede questo . Ricordo ai ”civilissimi” napolisti che allo Juvents Stadium non è neppure consentito di entrare con le bottiglie di plastica. Ovviamente ci sono stati gli sputi i lanci di bulloni, di gavettoni di piscio e di merda, sui tifosi nostri chiusi in una gabbia come le bestie, ma saranno presi provvedimenti per i cori contro il Napoli. Mi pare ovvio si usa così a Rosic- Land. Attacca la Juve tutto il resto è minimizzare. Mi sono perso il napolista Varriale ma me lo immagino. E’ come se l’avessi sentito.

E che dire di quegli altri geni e sempre ”civilissimi” manco a dirlo, della Fico, di Oliva, di Bruscolotti e di altre 7-8 facce da provolone che non conosco, che volevano far passare un messaggio schifoso di sfottò come un messaggio antirizzista. Ci prendono in giro e poi vogliono far credere che lo fanno per noi, insomma i napolisti ci credono dei dementi e loro si credono dei gran furboni. Mi riferisco alle maglie con scritto : ”Chi non salta è bianconero”. Complimenti la prossima campagna contro il razzismo facciamo le maglie : Chi non salta è negro. Giobbe Covatta e Paleontoni a Odeon TV molti anni fa ironizzavano: ”Non siamo noi che siamo razzizsti sono loro che sono Napoletani” ed era satira,  questi un messaggio così lo hanno fatto invece per davvero. Incredibile. E poi vogliono pure che li prendiamo sul serio. Marchisio per aver detto di sentire una sana rivalità sportiva verso il Napoli gli hanno augurato di tutto dalla morte a lui e ai sui figli a ogni tipo di malattia. Poi vanno in giro a fare gli spiritosoni ‘sti quattro deficienti.

Non mi voglio dilungare oltre perchè c’è poco da dire. Tutto quanto scritto prima fà ribrezzo e non è degno di un paese civile. Ma Rosic- Land è questa. Abbiamo chiesto molte volte una presa di posizione della nostra proprietà , delle denuncie, delle querele, ma questi dormono. Daltronde loro a Napoli non c’erano, c’erano Marotta e Paratici e piscio in testa, mi pare, non ne han preso.
Concludendo: La Juve ha perso meritatamente ne diamo atto, ogni tanto capita. Era da un pò che eravamo stanchi e riuscivamo a sfangarla, e sapevamo che sarebbe potuto succedere. E’ successo, punto. Sia chiaro, il Napoli non ha vinto un cazzo. Ha vinto una partita. Bene se la potranno raccontare fra di loro per una settimana , per due, per tutto l’anno, a noi non frega niente. A noi frega di arrivare primi alla fine in Campionato e possibilmente in Europa League. Siamo sulla strada buona e abbiamo un calendario piuttosto facile. Restiamo uniti e sereni e la nave arriverà in porto. I conti li facciamo alla fine. Sono sicuro, a questo popolo di sfigati non resterà che rosicare ancora.

 

Gli articoli di Alessandro Magno sono pubblicati su:
ilblgodialessandromagno.it ,  Juvamania.it ,  ilbianconeronews.blogspot.it

Napoli – Juventus 2-0. Sintesi.

http://www.dailymotion.com/video/x1kwzk5

La verità

napoli-juventus-serie-a-2013-2014Scritto da Cinzia Fresia

Risultato che non mi stupisce, anzi me lo aspettavo.

Spero solo una cosa, che sia stato deciso prima, perchè una Juventus così non credo di averla mai vista. E’ vero che erano stanchi, è vero che tra squalifiche ed infermeria si salvi chi può, ma fino ad oggi non ho mai visto niente del genere.

Se Conte ha detto loro di stare calmi e di pensare alla salute, lo capisco. Siamo talmente in emergenza che un regalo simile è comprensibile, a noi non cambia niente, nessuno si è fatto male, almeno per quanto ne so e  il Napoli fa festa almeno una settimana, la Juventus torna a Torino senza ammaccature  e soprattutto con la testa sul collo e con il ghigno di De Laurentis,  beh ..lasciamolo fare con i suoi miseri punticini in classifica, non può che permettersi solo questo.

Piccola precisazione, spero che Andrea Agnelli si rifiuti prossimamente  di andare a Napoli a far giocare la Juve, perchè non è possibile, non si può, dire che la tifoseria è incivile, otterremo dalla nostra solo una grassa risata,  una presa di posizione del nostro Presidente il quale si rifiuta di andare a Napoli, Firenze e Roma, per non idoneità di ambiente sereno di gioco, mi farà  stappare  una bottiglia di champagne che berremo alla sua salute.

Prendiamo atto che in certe città non si può andare, e anzi non si deve andare, sono i tifosi del Napoli? Sì, lo sono, ma la città comunque accetta questa situazione, e non si indigna dei comportamenti aberranti circa i suoi tifosi, è altresì vergognoso che quando la Juventus si sposta in trasferta per andare là,  si debba  chiamare i  rinforzi di polizia, tra un po’ scomoderemo l’esercito, e parafrasando Vasco Rossi,   tutto questo un senso non ne ha, e non si capisce perchè   nessuno intervenga, per quale motivo si  lascia  campo libero alle aggressioni, la prossima volta penseranno ad un lancia fiamme, così  l’autobus della Juve prenderà fuoco definitivamente, altro che uova.

Tornando alla partita, i casi sono due: caso 1  o hanno deciso di non giocarla, con l’appoggio dell’arbitro che ha fatto finta di non accorgersi che un gol era in fuori gioco,  allora la disamina parla da sola, caso  2, non si sono attrezzati bene per battere il Napoli quasi non lo conoscessero considerando la buona fede della risposta 2, la Juve senza Tevez, ha giocato malissimo, un primo tempo assente, nessun tiro in porta, o forse 1 ma niente di che, secondo tempo un po’ più dinamico, ma niente più.

A parte Buffon, il resto non passa l’esame Napoli, mi spiace, ma hanno giocato veramente male, e per evitare danni hanno rinunciato a correre e ad attaccare,  a parte una misera azione da gol il resto .. nulla. Poi, i cambi, a parte la carta Vucinic che era l’unica, tutti hanno fallito, a partire da un attacco penoso, e anche da Pirlo che quest’anno non lo sopporto. Lasciamo stare Isla, che ha sbagliato di tutto e di più e mi chiedo perchè Conte lo metta dentro quando si sta perdendo. Capisco che la quotazione debba alzarsi, ma ..andare incontro al suicidio ..non so.

Comunque, ci siamo levati una seccatura, poteva andare peggio, cioè tornare con i cerotti o visto il clima con le gambe rotte, si è perso, ma è andata bene così. L’unica cosa che chiedo a Conte se si dovesse trovare in questa situazione,  di non far finta di giocare, se gli altri devono vincere meglio dargliela a tavolino così evitiamo  umiliazioni e di far correre rischi alla squadra ad andare a Napoli, che non è il caso.

 

 

 

Sabato 29 marzo 2014 Napoli-Juventus ore 20.45 stadio San Paolo -Napoli

imageScritto da Cinzia Fresia

Napoli Juventus, il match piu’ infuocato,d’Italia, lo scontro tra due citta’ che non hanno nulla in comune. Se non accadono imprevisti, possiamo definire la squadra di Benitez la grande sconfitta in campionato, con l’arrivo di un allenatore europeo come Benitez, le aspettative erano alle stelle. Il Napoli cerca vendetta, e’ incattivito, non vuole solo la vittoria ma vorra’ fare del male alla Juve, che peraltro si presenta senza Tevez, e fuori condizione. L’assenza di Tevez pesera’, oggi l’attaccante piu forte della Juve e del nostro campionato, ma tutto sommato per la squadra meglio resti a casa, abbiamo bisogno di lui e  la Juventus puo’ permettersi di perdere, con l’ampio vantaggio a disposizione, rischiare gli uomini migliori a questo punto sarebbe una catastrofe. un pareggio non sarebbe male per la Juventus, che avra’ da fare a difendersi dai calci e pugni. Vedremo quindi come andra’ a finire, questa sfida tra le piu’  blasonate di Italia.

Strato …Tevez! Il nuovo volto della Juve

Juventus v SS Lazio - Serie AScritto da Cinzia Fresia

 

Mai acquisto fu così azzeccato come Carlos Tevez, la Juventus può essere più che orgogliosa di questo giocatore, che sta calamitando l’attenzione su di sè in questo campionato. Ricordo esattamente il suo arrivo, atteso come una figura biblica, si è fatto subito voler bene subito  dispensando sorrisi a tutti.

Non amato dai giornalisti, i quali  non avevano fatto buone previsioni, considerando il suo passato in altri club piuttosto complesso e non privo di cattivi comportamenti. A quanto pare si tratta solo di “passato” e di “ricordi”, Tevez,  qui in Italia si  comporta benissimo e ha legato immediatamente nel club, i suoi colleghi lo stimano, e lui ha dimostrato immediata serietà, mettendosi nelle mani di Antonio Conte.

Tevez ha avuto pazienza, ha preso sul ridere l’obiezione sul sovrappeso e   le prese in giro circa  il suo aspetto, non proprio seducente, e si è messo a lavorare.

Conte in effetti l’ha fatto subito dimagrire a scanso di equivoci, ma grasso o magro, Tevez ha un talento e un’intelligenza calcistica fuori dal comune, e ahimè, gli altri scompaiono.

Un giocatore come Tevez, garantisce un attacco dal rendimento più lineare, attualmente è capo cannoniere del nostro campionato, è creativo, ma soprattutto sa adattarsi a qualunque situazione, ed è ciò che destabilizza gli avversari, non è mai uguale, riesce ad andare in gol da un’azione anche sbagliata, è davvero un grande campione. E ci voleva in questa Juve di Conte, vincente ma un po’ troppo viziata da Andrea Pirlo che fino all’anno scorso faceva tutto lui.

Parlando sempre dell’argentino, è entrato nel cuore di tutti e lui in Italia si è adattato benissimo, gli vogliono tutti bene, dall’apparenza gioviale, in campo non si fa mai coinvolgere dalle provocazioni, e accetta senza particolari offese le sostituzioni. La sua rinascita è in parte da attribuire ad Antonio Conte, ha trovato nell’allenatore della Juve una figura di riferimento paterna che lo calma, oggi Tevez è un personaggio mediatico,  e condivido l’allenatore  quando dice di non volersi intromettere tra lui e il ct. dell’Argentina che non vuole chiamarlo per i mondiali, egoisticamente di gente in nazionale ne abbiamo tanta, se lui non va, meglio per la Juve, e sicuramente a Tevez non mancherà questa esperienza, tanto gli sta dando il campionato e la futura Champions.

Ma Tevez non è solo un uomo di calcio, non dimentica le sue origini, tiene a ricordare da dove viene, dalla periferia di Buenos Aires, dal quartiere Fort Apache, di cui è orgoglioso. Non si nasconde dietro ad un dito, quando dichiara che il calcio è stata la sua fortuna, che l’ha salvato da un futuro pieno di violenza e dalla morte, sebbene uscito da quella realtà,  non ha dimenticato e si è coinvolto in azioni benefiche a favore dei bambini e dei poveri del suo quartiere, una volta in Italia,  non ha esitato a voler incontrare Papa Francesco, il Papa Argentino di origine italiane, proprio per parlare del loro paese, delle contraddizioni e su come riuscire ad aiutarlo.

Insomma un ragazzo davvero gioioso, dedito alla famiglia e alla sua squadra, e noi siamo felicissimi di averlo, e di applaurdirlo in campo, nell’ultima prestazione, contro il Parma è stato stratosferico e ha rischiato persino la tripletta.

Direi che il suo arrivo non ha solamente giovato alla Juve, ma al calcio in Italia in generale, siamo fortunati ad avere ottimi giocatori e offrirne anche al calcio estero, ma un così talento naturale è un orgoglio averlo qui … Speriamo non se ne vada …

 

 

 

 
 

 

Io sono Tevez e voi non siete un cacchio di niente

Carlos-Tevez-Juventus-600x337

 

Articolo di Alessandro Magno

 

Nulla di nuovo sotto questo cielo. Solita Juve, solita legge dello Stadium, soliti 3 punti in casa nostra, solito grande, enorme  Tevez. Ero allo stadio. Causa crisi ci mancavo da un po’. L’Italia e gli Italiani dovrebbero spegnere le tv e non leggere i giornali e recarsi invece più spesso allo stadio. Imparerebbero che la supremazia della Juve ieri, come sempre, anche a fronte di un buon Parma, è stata schiacciante. Altro che pseudomoviole , altro che pseudo-opinionisti. Il Parma ha avuto 3 occasioni in tutta la partita , una subito la più pulita, sventata da Buffon, l’altra il gol (se Molinaro ne azzecca un altro così mi faccio prete), ultima la mischia dello pseudorigore nel finale, dove checché ne dica la carta straccia della gazzetta e del corriere, c’è un fallo solo clamoroso, quello di Schellotto che scalcia Marchisio. Tutto il resto è fuffa.  Bonucci è davanti a Parolo ed è il parmense che va a scontrarsi con i piedi di Leo. Pensate l’ha detto persino Paparesta a Mediaset per cui… si vergogni chi dice il contrario. Mi raccomando,continuate a non comprare quei vergognosi giornali dove sparisce la gomitata di Parolo a Quagliarella, più grave di quella di Amauri e il rigore sulla punizione di Tevez per un gomito troppo alto.

Il corriere di Trigoria ha pure la sfacciataggine di parlare di arbitri omettendo il fuorigioco di Destro sul primo gol in Roma Toro. Carta igenica. Ma torniamo alla partita. Molto bene Conte con i cambi, azzeccatissimo Marchisio per un Pirlo stranamente un po’ troppo impreciso , molto bene Pogba anche se lezioso. Bravissimi Caceres e Bonucci a contenere Cassano e Vidal veramente a tutto campo. Ahimè molto male Llorente e mi spiace. Forse stanco, visibilmente pesante ieri sbaglia più del lecito. Benissimo il ritorno di Quaglia osannato da tutto lo stadio alla faccia di quelli che hanno la lingua troppo lunga e rilasciano giudizi senza prima connettere il cervello. Bene benissimo, “troppo benissimo” Carlitos Tevez. Trascinatore unico. Sbaglia qualcosa per eccesso ma in tutti i 90 è una bellezza vederlo. Un 10 portato alla grande. Degnissime spalle. Ha ragione Enzo Ricchiuti, Tevez non è mai stato così forte. La Juve gli ha fatto bene e lui ha fatto bene alla Juve.  Dio salvi Carlitos. Lui è tanta roba e voi siete solo chiacchiere e carta straccia.

 

Gli articoli di Alessandro Magno sono pubblicati su:
ilblgodialessandromagno.it ,  Juvamania.it ,  ilbianconeronews.blogspot.it

Juventus – Parma 2-1. Sintesi.

http://www.dailymotion.com/video/x1jx4eb

Tevez!Tevez!Tevez!

imageScritto da Cinzia Fresia

Di nuovo lui! il vero ed autentico trascinatore della Juventus di oggi, 3 spanne sopra gli altri, Carlitos Tevez vince anche da solo. Un talento ed una forza ineguagliabili, Conte ha visto giusto in lui.

Una partita brillante molto ben condotta dai nostri, nonostante un allentamento di tensione che  ci ha fatto correre il rischio della rimonta, stanchezza, errori, la voglia di finire, ha permesso al Parma di segnare , dopo di che e’ mancato poco al raddoppio.

Comunque la Juventus ha giocato benissimo nel primo tempo, e ha mantenuto con qualche brivido il vantaggio, Tevez grande protagonista,  2 gol eccezionali, fantasia,  velocita’, e immensa capacita’ di adattarsi,  e’ in grado di  trasformare in gol i palloni piu’ imprecisi, insomma un grande.

Molto bene anche Pogba, sufficienti Vidal e Pirlo, i quali si sono dati molto da fare, ma proprio Pirlo ha commesso 2 errori abbastanza gravi.

Strano il rendimento del centrocampista di Brescia  quest’anno molto al di sotto della sua media, probabilmente le  vicende personali hanno offuscato la stagione,  per niente brillante, bisogna pero’ riconoscere che  la sua presenza in campo e la capacita’ organizzativa, quando lui non c’ e’ manca, anche ieri sera appena uscito, la Juventus ha rischiato la rimonta, significa che anche non al top, la sua presenza fa la differenza e garantisce la liberta’ a Tevez di poter essere creativo al massimo.

E bravo questa volta l’arbitro, fuori Amauri che spacca la testa all’ex compagno Chiellini, i falli sembrano tutti involontari, almeno cosi si pensa, ma su questa dichiarazione non sono d’accordo, dalla moviola si evidenzia una modalita’ dell’attaccante di voler togliere di mezzo  il nostro difensore che ultimamente e’ Si sta prendendo molte botte. bravissimo l’arbitro che l’ha buttato fuori. La mediocrita’ e la vendetta sono pessime consigliere.

Un altra vittoria, “il fienile e’ pieno” ora si deve affrontare il Napoli e Tevez riposa. Fatto che fara’ sorridere il Napoli, un po’ meno noi ma  confidiamo negli altri attaccanti.

La corsa allo scudetto non si arresta, ma attenzione che il campionato non e’ finito, non possiamo permetterci di sbagliare.

 

 

Mercoledì 26 marzo 2014 Juventus-Parma ore 20.45 Juventus stadium – Torino

imageScritto da Cinzia Fresia

E rieccoci qua, non ci siamo neanche ripresi dall’ultima fatica che domani ne arriva un’altra. Se domenica scorsa avevamo uno scontro di estremita’ la prima contro l’ultima, domani invece sara’ un match da alta classifica. Sappiamo che il Parma sa castigarci per bene se vuole, quindi occhio, che c’e’ un ex che ha tanta voglia di far vedere chi e’.

Continuare la sequenza di Vittorie sarebbe molto bello, ed auspicabile, purtroppo l’infermeria e’ piena, ma pare che i superstiti riescano ad andare avanti alla grande,  in attacco rivedremo Llorente in affiancamento a Tevez o Giovinco a seconda delle idee di Conte e di come potra’ disporre delLa sua rosa.

 

Scintille sudamericane

imageScritto da Cinzia Fresia

Se non fosse stato per l’espulsione di Bergessio, avremmo assistito alla  sfida all’Ok Corrall, il Catania voleva imporsi con i calci e pugni, e ci stava riuscendo, fino a quando l’arbitro pone fine alle intemperanze del giocatore piu’ problematico della squadra avversaria, buttandolo fuori. Le espulsioni non si sono limitate al Bergessio, e’ accaduto che i due allenatori probabilmente per proteste, sono stati allontanati dal campo Contemporaneamente.

Dopo di che si e’ giocata la partita, Tevez assoluto protagonista del match ha firmato l’ennesima vittoria bianconera. La Juventus ha giocato meglio dalle tre ultime partite, e ritengo siano stati sfortunati sui gol, specialmente Vidal che avrebbe meritato di segnare. Meglio anche Pirlo (finalmente), la sua ritrovata efficienza si e’ notata soprattutto dalle numerose palle gol, stesso discorso in difesa, stesso discorso per la difesa, Caceres ha giocato meglio, con maggiore attenzione e difendendo alla grande le incursioni dei catanesi imbizzarriti.

Qualcuno ha definito quella della Juventus una prova non proprio brillante, ma non sono d’accordo, la Juve ha giocato bene, in un momento in cui tutti sono stanchi e fuori condizione, certo invece che un gol potevano farne due o tre, ma sappiamo quanto sia difficile fare gol.

L’unica osservazione o cio’ che e’ saltato all’occhio, sono le difficolta’ di Osvaldo, si impegna molto e Conte lo incoraggia inserendolo piu volte in squadra, e dandogli fiducia, ma lui attualmente non riesce ad essere determinante come vorrebbe.

Comunque arrivera’ anche per lui il suo momento. con questo ritmo lo scudetto e’ alle porte, e potremo non avere problemi nemmeno in Europa League, sempre che nessuno si faccia male. Considerando il momento   un po’ critico circa la  fisicita’ dei suoi giocatori, sta emergendo il talento dei singoli, che fa la differenza in quelle partite dominate piu dalla violenza e aggressione che dal gioco.

Bene anche Antonio Conte, peccato per l’espulsione, tutto sommato non meritata.

 

 

 

 

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia