Archivio Mensile: Gennaio 2015 - Pagina 3

Contro tutte le avversità ..la Juventus vince.

Napoli vaff!Scritto da Cinzia Fresia

Il campo peggiore per la Juventus è diventato quello del Napoli, più di Roma e Firenze, la nostra squadra ha giocato da sola sotto i fischi e gli insulti del pubblico tifoso del Napoli, ed è stata grande. Prima di entrare nel merito del match  vorrei sottolineare che nessun giornalista durante le riprese ha sottolineato che la Juventus era senza tifosi, e a questo proposito che riporto questa citazione:

“A fine anno, il Viminale aveva convocato per il 2 gennaio una riunione tra i dirigenti del Ministero dell’Interno, il Dipartimento della pubblica sicurezza e i delegati delle due società coinvolte, per valutare la possibilità di organizzare la trasferta dei tifosi bianconeri al San Paolo. La Juve era presente, il Napoli no, sono trascorsi i tempi tecnici necessari e una soluzione non è stata trovata. Da lì la decisione, per non correre rischi sul piano della sicurezza.”

Fonte “Gasport” notizia on line pubblicata il 9 gennaio 2015

Penso che non ci sia niente da aggiungere a questa “schifezza” che guarda caso dove succede? A Napoli. Per fortuna che i tifosi campani della Juventus erano presenti ed hanno offerto  il prezioso supporto ai nostri facendoli sentire meno soli, e a testa alta senza ascoltare o guardare sono andati avanti.

Parliamo della partita:

Lasciando per un attimo da parte la polemica del fuorigioco millimetrico di Caceres, la Juventus non è stata superlativa,  il  primo tempo troppo  lento e a tratti noioso, nel  secondo,  troppa sofferenza e patimento per il pressing del Napoli. Difesa a 4 stranamente traballante con immensi rischi corsi da Buffon. Il primo gol, quello che ha sbloccato il risultato e ha dato una scossa alla Juve è stato quello di Pogba nato da un errore: una palla rimbalzata su Llorente  che  il centro campista  capta  trasformando in   gol ..strepitoso ..una meraviglia .. e il primo tempo finisce così, nel  tempo  successivo il Napoli accorcia le distanze approfittando di  un istante  in cui la nostra difesa entra   in confusione, fatto che ultimamente succede un po’ troppo  spesso, rimetterà le cose a posto  Caceres poco dopo, per un gol che sta facendo  discutere poichè  ritenuto  in fuori gioco per pochi millimetri, ma la Juventus è forte e lo sa. Dopo la concessione di ben 6 minuti di recupero, che se fosse stato il contrario, con il  Napoli in vantaggio, ne avrebbero concessi 2, arriva il terzo gol firmato Vidal ..una fucilata contro Rafael Cabral … ed è finita questa volta sul serio.

Insomma 3-1 ed una tonnellata di polemiche tanto per spargere fango sulla Juve, nessuna autocritica dal Napoli, niente , nemmeno Benitez ammette di aver fatto una pessima figura, di aver sprecato quindi buttato diverse occasioni, no .. non lo dice, è più comodo dare addosso alla Juve, che indebolita e senza tifo si è presentata e si è battuta in modo onesto meritando di vincere una partita difficilissima tra nemici giurati  che la Juve possa attualmente affrontare.

Bravi ragazzi! C’è ancora un bel po’ da fare e manca sempre un difensore e un attaccante come si deve, ma la rabbia ha prodotto qualcosa, sicuramente anche l’allenatore dovrebbe consigliare la squadra di continuare ad  attaccare fino alla fine,   perchè puntare al contenimento può diventare pericoloso al di là degli avversari.

Considerato lo stile degli avversari, la prossima volta, consiglio alla dirigenza di appellarsi per giocare in campo neutro.

 

 

Napoli – Juventus 1-3. Sintesi.

http://www.dailymotion.com/video/x2ei9cs

Domenica 11 gennaio 2015 Napoli-Juventus ore 20.45 stadio San Paolo Napoli

napoli-juventus-supercoppa italiana 2012scritto da Cinzia Fresia

Ieri Inter domani Napoli, le sofferenze non finiscono mai per la Juventus ad un solo punto dalla Roma.

Con la Roma subdolamente aiutata dagli arbitri, la Juventus non può permettersi di perdere punti con un’altra squadra che sarà  aiutata di dèfault. Ai nostri chiediamo di non “pasticciare” e di giocare come sanno fare, di non perdersi in scemenze e cercare di mantenere il risultato qualora riescano ad andare in vantaggio, e di dimostrare che il centro campo è da champions.

Sarà durissima .. ma possono farcela.

 

 

 

 

 

ricchiuti107

Di Enzo Ricchiuti

 

Come mai la Juventus non sa più chiudere le gare.

Perché ha un solo attaccante che segni.

Pozzo ha dichiarato che Garcia fa il furbetto. È solo l ultimo di una lunga serie Colantuono, Di Francesco, Preziosi ….

Garcia è un buon tecnico. Furbetto non so ma quando uno allena la Roma o club simili deve sempre fare il personaggio. Ricordo Liedholm, grande allenatore, sparare cazzate in serie.

Chi rischia di più Domenica ka Juve a Napoli o la Roma nel Derby?

La Lazio attualmente è più forte.

Juventus – Inter 1-1. Sintesi.

http://www.dailymotion.com/video/x2e618t

Juventus – Inter. Che rabbia!

aleagueallstars_juventus_01_67944_immagine_ts673_400-620x400

Articolo di Alessandro Magno

 

Errare è umano , perseverare è diabolico. E noi perseveriamo. Fatti esattamente gli stessi errori di Doha in Supecoppa. Passati in vantaggio e dimostrato di esser nettamente più forti, invece di chiudere con rabbia e cinismo, si cazzeggia. Si va avanti di colpi di tacco e leziosità che si riveleranno fatali. Alla fine non solo non si vince ma si riuscirà persino a rischiare di perdere, contro una squadra che definire imbarazzante è un eufemismo. Male molto male.

Male l’arbitraggio che non vede tre rigori e un espulsione. Un rigore di questi , quello su Llorente è francamente impossibile da non vedere. Male la squadra come detto , supeficiale, supponente, leziosa, presuntuosa. Male la gestione del mister, e non è la prima volta, detto di Napoli ma anche Sampdoria , Roma, Torino ecc…. Non è la prima volta che si passa in vantaggio e ci si fà raggiungere, e non è sempre festa che poi si riesce a vincere lo stesso nel finale. Male i singoli, soprattutto Buffon che esce quando non deve uscire e facilita il gol di Icardi. Lui stesso ammetterà a fine gara che se fosse rimasto in porta l’altro avrebbe dovuto inventarsi un gol impossibile. Male Bonucci che a momenti ci fà perdere. Male quasi tutti soprattutto nel secondo tempo.

Male , malissimo questa società che è in cerca di un’ trequartista e va elemosinando a destra e manca ex giocatori e/o panchinari, mentre regala per pochi spiccioli Gabbiadini a una concorrente. E magari Domenica Gabbiadini ci fà pure il mazzo. E pensare che con quei 6 milioni di euro che la Juventus ha ricavato con questa cessione poteva portare un giocatore forte, duttile e giovane a casa. Male ancora di più nei rapporti con la stampa e i media in generale. Abbiamo visto come tira il vento di Roma. A fronte di presunti torti arbitrali ricevuti in Juventus – Roma e francamente falsi, Garcia s’è montato una storia che va avanti da mesi e che sta producendo un mucchio di favori pro-Roma, non ultima la gestione dell’arbitro di ieri nella partita con l’Udinese. E i nostri zitti!

Stanno già apparecchiando lo scudetto per la Roma su un vassoio d’Argento. Noi però ci stiamo mettendo tantissimo del nostro.

Un’illusione durata 45 minuti.

torna a livornoScritto da Cinzia Fresia

Senza parole ..

Non so cosa dire se non esprimere profonda indignazione per i punti  regalati  alla Roma, anzi  buttati. Non abbiamo perso solo perchè l’Inter è scarsa e non gli sembrava vero di riuscire a punire la Juve, ma il secondo gol ed anche il terzo  era lì a portata di mano.

Allora, se questo è il nostro allenatore, avevo ben ragione  di  preoccuparmi, perchè la fortuna caro sig. Allegri sta finendo. Io non so i nostri cosa abbiano  visto: dopo un primo tempo strepitoso, dominato a tutti gli effetti, sono sprofondati in  una confusione da squadra della parrocchia che li ha resi irriconoscibili.

Anche se il commentatore lodasse a dismisura Pogba, gli consiglierei di mettersi gli occhiali perchè il centrocampista  ha commesso un mare di errori tra cui il più grave quello che ha permesso ad Icardi di fare gol. Difesa inguardabile, abbiamo rischiato di perdere la partita per ben tre volte, idem Pirlo, a parte l’assist per il gol  pure  Vidal è crollato.

Errori in fase realizzativa, errori di tutti i tipi, soprattutto in difesa.

Io non so cosa è accaduto alla squadra del primo tempo, che faceva la partita che era sempre nella metà campo avversaria e tentava di segnare. Che dovessero chiuderla subito  è assodato, ma cosa è successo dopo  per farsi travolgere da una squadretta degna di oratorio? Non so che dire, non so rispondere. Gli uomini artefici delle vittorie passate della Juve non sono più come prima, Vidal e Pirlo restano lucidi per un tempo soltanto e anche Pogba alterna a prestazioni eccellenti a negative. Tevez ha segnato un bellissimo gol, ma è rimasto imballato in tutto il secondo tempo se non farsi vedere durante le ultime battute.  A Tevez manca il  Vidal dell’anno scorso che formavano  una coppia perfetta sul campo, quest’anno si sta facendo troppa fatica, e questo indica che  non abbiamo  uomini sufficienti  e Tevez da solo non ce la fa.

E Allegri? Mi stavo chiedendo cosa pensasse di fare, quale strategia utilizzare, praticamente nessuna, ha inserito Morata che pronti via gli hanno dato un giallo rischiando di prendersene un altro, ed inserito Pereyra al posto di Vidal che però non ha fatto la differenza. Devo dire che mi ha sopreso il fatto che a parte qualche urlo, non ha fatto niente di che, di gente che non andava stasera ne avevamo, e Pirlo è stato uno di questi.

La loro “liason” tutt’altro che tranquilla, mette ansie all’allenatore che evidentemente non lo toglie per non essere attaccato, lo capisco, ma comprendo altresì che Pirlo non ha giocato come da sua media abituale e ha fatto tanti errori esattamente come  Pogba, e la lentezza di Llorente non ha aiutato.

Questo però non giustifica un risultato ridicolo, soprattutto se il potenziale è stato di segnare almeno 5 gol, sprecati per mancanza di concentrazione.

D’accordo che abbiamo ancora un punto sulla Roma ma accontentarsi di questo non ha senso e spero non lo dica nessuno. Serve un’analisi lucida della realtà, che suona un campanello di allarme, ed andando avanti così lo scudetto sarà regalato alla prima dietro di noi, non importa se Roma o qualcun altro.

Comunque, stasera ho notato della fragilità di questa Juventus che risulta molto forte  sulla carta, ma attaccabile sul campo, il tempo per i recuperi è passato e la Juve se non appiana ciò che l’assilla dovrà affrontare una fase di lavoro molto complicata.

 

 

 

 

 

 

Dopo Doha, ripartire

juve napoli

di Davide Peschechera

La sconfitta (intesa come la mancata conquista del trofeo) è stata bruttissima, proprio per il numero di volte in cui abbiamo ogni volta pensato di avere la gara in pugno, convinti di averla vinta. Troppe volte, considerando la doccia fredda che ci siamo beccati alla fine. Ma, appunto, per quanto brutta la sconfitta possa essere niente cambia il fatto che fosse una partita secca di Supercoppa, un trofeo che non ha nulla a che vedere con il coronamento di una stagione, a maggior ragione a dicembre. Ovviamente dispiace non aver portato a casa un trofeo. Che sia minore, che ci voglia una sola partita per portarlo a casa. Sempre un trofeo è. Complessivamente ha meritato il Napoli, specialmente perché la Juve ha avuto un numero molto grande di occasioni per chiudere la partita e non lo ha fatto. Loro ne avevano meno di noi, dovevamo sbagliare meno nei tocchi a centrocampo, i famosi “errori tecnici”. Il vantaggio di Tevez, il 2-1 di Tevez e il doppio match-point ai rigori. Vero è che durante i 90 minuti siamo stati fortunati, il Napoli ha prodotto molto e colpito 2 pali. Abbiamo fatto di tutto per riaprire una partita chiusa dopo il gol di Tevez e il primo tempo in discesa. Nel secondo, invece, il Napoli ha alzato la linea di pressione. è la mediana che non ha funzionato. Difesa non protetta, loro nell’1vs1 hanno sfruttato gente valida, soprattutto nel secondo tempo mentre la loro mediana ha funzionato bene con Gargano e David Lopez prima, Jorginho poi sulla linea dei trequartisti.

Brutta idea quella di non attaccare una difesa come quella del Napoli per 70′ e poi farlo gli ultimi 10 rischiando il contropiede. Calati di tensione, ci siamo cullati troppo. Poca lucidità e personalità, scarsa attenzione nei momenti clou della gara. Poteva resistere l‘1-0. Doveva, invece, il 2-1. Perché gestirla e non chiuderla? Problemi di ritmo, intensità, atteggiamento, non modulo o stanchezza(almeno non in maniera assoluta, anche se l’aver disputato la Supercoppa dopo la prima parte di stagione sulle gambe ha influito). Ci siamo fermati perché era saggio arrivare al 60esimo con energie? Eviterei comunque ogni discorso sul modulo(almeno in questa partita) e più che di testa parlerei proprio di atteggiamento e di approccio a questo tipo di partite. Vanno aggredite e non studiate. Non sciupando, sprecando, dilapidando un doppio vantaggio e tre bonus sui rigori. E’ stato qualcosa di testa che, invece, ha riequilibrato la partita: il Napoli non l’ha mai persa, la Juventus l’ha usata troppo. Perché andare in controllo quando hai l’avversario potenzialmente alle corde? Perché interpretarla come fosse campionato? Diciamo che anche con Conte questa squadra aveva un atteggiamento chiaro a buttare via partite già vinte – in quelle dentro o fuori – e la seconda metà di stagione ci si limitava a segnare e mantenere il vantaggio. Obiettivo Scudetto sì ma con molti punti di vantaggio sulle altre non si è migliorato a livello di gioco e le altre competizioni sono state “sacrificate”.

è mancata la gestione della partita nei momenti chiave. Quando abbiamo preso il pari abbiamo ripreso a giocare. Una volta in vantaggio, di nuovo campo e palla a loro, quando sarebbe stato più semplice tenere la palla(altro concetto caro ad Allegri) facendola girare in difesa con un possesso fine a se stesso, senza doverci necessariamente abbassare. Loro hanno fatto di tutto per vincere e noi di tutto e di più per perdere. Giusto così. È un grande rammarico perché quando la Juve ha giocato ha messo a nudo i difetti del Napoli e quando ha cercato di gestire non è stata in grado di farlo.

Partita a ritmi bassi e intensità minima, praticamente da amichevole estiva per scelta e per necessità. Non era neanche mai successo di giocare una finale a questo punto della stagione. Agonisticamente location e contesto tutto non hanno aiutato. L’ impressione è che non si sentissero sicuri del loro stato di forma, c’era netto il timore di non averne per 90′ o 120′ nonostante i giocatori ne avessero ancora perché lo hanno dimostrato nei supplementari. Per questo 90 minuti a non prenderle. Insomma, si possono fare tante ipotesi. La Juve ha preferito contenere per evitare le ripartenze del Napoli che, quando è riuscito a ripartire, puntualmente ha creato azioni pericolose.

I gol sono arrivati(per fortuna o per sfortuna) da due errori tecnici sui quali Allegri insiste dicendo sempre che bisogna migliorare tecnicamente e fare in campo la cosa giusta. Sbagliare un passaggio o un gesto tecnico perché si è costretti è un conto, sbagliarlo perché si fa la scelta sbagliata è un altro e la Juve spesso, in alcuni frangenti della partita, fa la cosa sbagliata. La più difficile e non la più facile, ad esempio. Allegri ha capito che a volte ci complichiamo la vita da soli.  Juve di coppa, per spiegare il malinteso al limite dell’area tra Bonucci e Buffon, con miracoloso rimedio del portiere su Callejon, e l’atavica avversione della Juve per partite secche e gare di Coppa?

Detto ciò, negli scorsi anni la squadra aveva un calo fisiologico a gennaio, quest’anno mi pare che il calo sia avvenuto a dicembre, mentre a novembre abbiamo visto le cose migliori, compresa la reazione veemente contro l’Olympiacos e un mese di sole vittorie, alcune molto larghe e convincenti. Non escludo dipenda dalla preparazione: c’è chi dice che dal warm – up pre – partita abbia notato che gli anni precedenti c’era molto contatto con la palla e prove di scambi veloci, quest’anno molta cura fisica, scatti ed esercizi.

La difesa della Juve è una delle meno battute in Europa eppure ci sono dubbi e perplessità sulla tenuta individuale e di reparto dei difensori. Io credo che questa difesa a 4 della Juve sia una difesa molto “artigianale”, che funziona bene perché abbiamo difensori intelligenti che la linea a 4 sanno farla ma è evidente che il miglioramento del cambio di modulo deve vedersi in attacco dove si guadagna un uomo in più nel reparto e una migliore dislocazione in campo dei giocatori. Per vedere automatismi ben oleati come quelli della difesa a 3 di Conte credo che ci voglia tempo anche se non è detto che Allegri punti alla stessa, ossessiva, perfezione. Nonostante lo scorso anno col Real Madrid c’è stata la dimostrazione che si poteva già fare la difesa a 4 Conte preferiva una squadra “italiana”, coperta, compatta (passò a 3 dietro per proteggere Pirlo e far giocare contemporaneamente Barzagli, Bonucci e Chiellini), frutto del pressing del primo anno e dell’organizzazione rimasta sempre marchio di fabbrica della squadra, distintasi per coraggio, grinta e corsa, non certo per razionalità e malizia(vedi in Europa) in questi anni. Allegri preferisce rischiare qualche contropiede in parità numerica ma cercare di imporre la qualità e la tecnica di squadra appena possibile, vuole una Juve più razionale ed abile a gestire i vari momenti della gara con lucidità e cinismo ma capace allo stesso momento di decidere la gara con un gesto tecnico o una giocata. Questa è una Juve nata per tenere palla, non per contenere e lasciare il pallino del gioco agli avversari. Sia con Conte che con Allegri quando ha deciso di difendersi lo ha fatto ma spesso soffrendo. Che abbiamo la miglior difesa del campionato è un dato di fatto ma i gol li prendiamo sempre quando ci abbassiamo, cerchiamo il palleggio e perdiamo regolarmente il controllo della partita. Su questo bisogna migliorare perché è una precisa scelta del mister, è una sua convinzione. Tenendo palla si corrono pochi rischi e si fanno correre gli avversari. Concetti semplici perché Allegri non è un rivoluzionario.

Non so se al momento dei tiri di rigore Evra si sia defilato o se altri come Pereyra, Chiellini e Padoin si sentissero più sicuri tanto da sostituire Evra. Io credo che il francese sia però più tecnico ed esperto degli altri e non riesco a credere che non se la sia sentita o si sia spaventato uno che ha fatto 4 finali di Champions. Ed è stato un suicidio l’ordine dei rigoristi così stilato dopo il quinto. È andato chi se l’è sentita? Allegri ha dettato solo la lista dei primi 5?

Vero che uno come Pirlo, soprattutto in vista dei rigori, non dovrebbe mai essere sostituito ma Allegri ha giustificato il cambio dicendo che serviva più copertura(già detto che la mediana non ha funzionato) laddove Pirlo veniva preso in mezzo da Gargano e David Lopez. Si affondava. Eppure abbiamo preso gol nel momento in cui avevamo trovato un equilibrio con l’ingresso di Marchisio. È il calcio. Pereyra Ha costretto a riposizionare la squadra, con Marchisio in regia e Vidal mezzala destra, con un effetto domino su assetto e certezze infatti il gol è arrivato proprio da destra con Pereyra spaesato. Peccato.

Pereyra gran bel giocatore se non ci fosse il problemino del gol che ha manifestato in questa prima parte della stagione. è veloce, ha tecnica, salta l’uomo e sa crossare. Ma non vede la porta. Un trequartista deve fare almeno 7-8 gol a stagione o basta che il trequartista sia uno che serva i compagni tra le linee, che il gol lo crei e lo costruisca, che salti l’uomo in ogni punto del campo, da fermo o in movimento?

In quella posizione, Allegri ha provato anche Vidal che ha mostrato di sentirsi, secondo me, limitato nelle sue caratteristiche migliori di corsa, pressing e inserimenti. Allegri sta cercando di riproporre ciò che fece con Boateng ma a Vidal mancano il timing e l’elasticità che gli sono consuete. Non dà qualità, non ha spazio per inserirsi, rimane solo l’interdizione. Aldilà di testa e fisico è chiaro che Allegri chiede a Vidal qualcosa di diverso da ciò che chiedeva Conte. Qualcosa che, al momento, gli riesce male. Altri equivoci sono la centralità di Tevez(che in un 4-3-1-2 potrebbe allargarsi spesso), i pochi cross, le poche apparizioni di Coman e Morata, visto il loro valore. Morata non è giocatore che aiuta la squadra o apre le difese, è giocatore da contropiede e ripartenze. Non tiene palla come Llorente e anche Tevez ha espresso preferenza per Fernando ma Allegri continua a ribadire che deve migliorare tecnicamente. Staremo a vedere. Poi i gol dei centrocampisti. Con le stagioni, Vidal, Pogba, Marchisio erano diventati peggio degli attaccanti, per chi li doveva affrontare. Soprattutto il cileno, che viaggiava con fatturato da centravanti. Anche se i gol non sono tutto. Vidal, Pogba e Marchisio: la scorsa stagione, arrivarono sotto l’albero con 18 gol, ora siamo a 10. Si confida nell’anno nuovo.

Ma torniamo a noi. Siate seri. L‘obiettivo principale è lo Scudetto, sempre. Coppa Italia e Supercoppa sono un contorno, in Ucl disputare i quarti. Serve equilibrio. Sarebbe un peccato non raggiungere i quarti di Champions con questo Borussia in difficoltà, sarebbe un peccato non vincere lo Scudetto contro questa Roma chiacchierona. Vero è che vincere è l’unica cosa che conta e che la Supercoppa vale un trofeo stagionale in gara secca ma proprio per questo perderlo non deve far strappare i capelli. Comunque, anche Bayern e Real Madrid hanno perso Supercoppe in gara secca. Può succedere. Ma hanno poi centrato gli obiettivi principali. Non sto disprezzando perché l‘ho persa. Sono incazzato. Ma non c‘è neanche da tirarsi i capelli, secondo me. C’è amarezza che deve trasformarsi in linfa vitale per il prosieguo della stagione. Chiamare la Supercoppa un “traguardo” è di per sè quasi contraddittorio, è più che altro un trofeo che viene assegnato a chi vince la singola partita secca e, come è sempre successo, questo tipo di partite possono andare bene e possono andare male. Ovvio che non dovrebbero andare male esattamente perchè si decide tutto in una partita, ma può succedere, c’è poco da fare. Tuttavia, di tutti i trofei “perdibili” questo rimane il meno importante, lo è anche meno della Coppa Italia. Fallire la vittoria dello scudetto sarebbe davvero un fallimento, proprio perchè non sarebbe dettato da una partita giocata male ma da un’annata sputtanata alla grande. Piuttosto è giusto soffermarsi sul fatto che abbiamo un evidente, storico, problema di mentalità, come confermato, per un verso, dalle enormi difficoltà a livello europeo con squadre di basso livello, e, per un altro, dall’incapacità, in Italia, di chiudere le partite dopo essere andati in vantaggio con squadre inferiori. La Juventus è forse la squadra che maggiormente, nella storia del calcio mondiale, ha somatizzato e rispecchia (non solo per la lunga gestione) il carattere, la mentalità, il DNA del proprietario: la Juventus è una catena di montaggio, una fabbrica di scudetti frutto di professionalità, abnegazione, caparbietà, austerità. Ma poca brillantezza, pochi momenti “magici”, pochi picchi di “irrazionale” valore nella sua storia. In Europa vince quasi sempre la razza eletta, quella del genio che si accende quando il momento, l’attimo, fanno entrare nella storia. In fabbrica non funziona così, conta (come detto) la prussiana (o sabauda) metodicità, l’applicazione, la concentrazione, la continuità. Dopo 38 partite vince chi primeggia in questo.

Le brutte prestazioni di Sassuolo, Genova in campionato e Madrid, Atene in Champions altro non sono state che lo scotto, il passaggio, la conversione al modulo e alle idee di Allegri. Nuove idee su scelte ereditate. Un effetto positivo dell’arrivo di Allegri è, al momento, il miglioramento tecnico e in termini di personalità di gente sottovalutata (o mal sfruttata) come Ogbonna e Padoin. Persino Chiellini sembra più giocatore di quello di Conte, perchè ognuno fa quello che sa fare. Invece la forza e il limite della Juve di Conte era proprio il fatto che i difensori impostassero nella metà campo avversaria, i centrocampisti attaccassero e gli attaccanti difendessero (considerate le dovute proporzioni). A Conte proprio non andava giù, ma diceva sempre che la sua Juve era una squadra da corsa, quella di Allegri invece è esteticamente elegante e imperiale nell’incedere, nonostante la presenza di autentici manovali. Il lato “un po’ sfacciato e un po’ fatalista” di Allegri è probabilmente la cosa al momento più diversa rispetto al passato. Fin dall’inizio della stagione, fin dalla sua prima conferenza a Vinovo. Credo che noi, inteso come tifosi ma sopratutto come squadra, avessimo bisogno di consapevolezza. Prima di tutto, prima ancora della difesa a 4. E trovare un allenatore che viene da “fuori” e che ci ha riconosciuto una forza che ci possa permettere di arrivare nelle top 8 è stato sicuramente importante. Ha sempre ripetuto in conferenza che avremmo passato il turno, forse costretto un po’ dal ruolo un po’ dalla storia ma rispetto al passato è un altro cambiamento. Rischiando (perché, in fondo, con l’Atletico è stato biscotto), però intanto abbiamo iniziato con la convinzione di raggiungere l’obiettivo che ci siamo prefissati. Senza pensare che gli altri hanno Di Maria e noi no, ma pensando che noi abbiamo Pogba, Vidal, Tevez, Pirlo e Marchisio e che gli altri dovrebbero preoccuparsi.

Se mi avessero chiesto di scegliere tra Ottavi di Champions e Supercoppa avrei scelto la prima a occhi chiusi. Solo perché i due obiettivi sono stati molto ravvicinati. Ma una Supercoppa estiva per cominciare bene la stagione va vinta senza se e senza ma. Brucia il c***, ma non si può avere tutto. Le partite bisogna vincerle tutte. Con l’Inter bisogna vincere, a Cagliari bisogna vincere… purtroppo capita di perdere. Rabbia e insoddisfazione devono trasformarsi in nuovi stimoli. Bisogna dimostrare di non voler smettere di crescere e di essere ancora in grado, dopo tanti trionfi, di cogliere con umiltà l’aspetto educativo di una sconfitta. E adesso sotto con Inter e 2015. Forza Juve.

Rubrica #AttimidiJuve. Profilo Twitter: @eldavidinho32. Profilo Facebook: Eldavidinho Attimi di Juve. Profilo Instagram: http://instagram.com/eldavidinho32. Blog Tumblr: http://eldavidinho.tumblr.com/. Blog WordPress:http://eldavidinho.wordpress.com/.

martedì 6 gennaio 2015 Juventus-Inter ore 21 Juventus Stadium Torino

Ju intscritto da Cinzia Fresia

L’arrivo dell’Epifania che  tutte le feste si porta via,  ci restituisce il campionato, la Juventus si scontrerà con  l’Inter rinforzata dall’arrivo di Podolsky, mentre noi sfoggeremo la probabile formazione di titolari (quelli disponibili) tanto cara ad Allegri.

Mancini è avvisato: “Ti batterò ..” dichiara Allegri, e noi ci speriamo di dimenticare la sconfitta, nonchè perdita della super coppa prima di Natale.

Se non abbiamo messo niente sotto l’albero, speriamo in qualcosa dentro la calza della befana che non sia carbone.

 

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web