Archivio Mensile: agosto 2017

Intervista a Riccardo Beneforti del blog ”Il bianco che abbraccia il nero”

 

Intervista di Alessandro Magno

 

Oggi per il blog di Alessandro Magno intervistiamo Riccardo Beneforti un neo blogger ideatore del blog il bianco che abbraccia il nero.

1 – Allora Ricky intanto ben venuto: parlaci un po di te, di chi sei e da dove vieni?

Ciao Benedetto e grazie dell’opportunità, mi chiamo Beneforti Riccardo ho 40 anni e sono di Montecatini Terme provincia di Pistoia.

2 – Come e quando è nata la tua passione per la Juventus?

La passione per madama e nata circa 32 anni fa grazie al mio babbo, insieme a lui ho girato Italia ed Europa soprattutto nell’era del Trap e di Lippi.

3 – Come ti è venuta in mente questa idea di fare un blog?

Beh … vedo troppa gente che non sa come fare per parlare della nostra squadra e io vorrei dargli l’occasione tramite i miei articoli per interagire e parlarne in maniera obbiettiva.

4 – Ci sono già moltissimi Blog e pagine bianconere sul web, andrai a scontrarti per forza di cose con una concorrenza molto ampia. Cosa pensi di poter aggiungere rispetto a quello che già si legge e soprattutto in cosa pensi di poterti differenziare dagli altri?

Si, è vero c’è molta concorrenza e c’è anche gente molto preparata che però spesso sì lascia trasportate dal tifo e quindi stravolge la realtà dei fatti .. io cercherò di dare più obbiettività alla cosa.

5 – E veniamo all’attualità. Dopo Cardiff è fuori discussione che la tifoseria ha avuto un colpo al cuore molto grande e non tutti sono stati con la schiena dritta. Pensi che il tifoso dovrebbe esser contento per quanto fatto in quest’ultimo anno o dovrebbe pretendere che squadra e società si impegnassero maggiormente per vincere la Coppa dalla grandi orecchie?

Qui il discorso è ampio, troppo ampio, diciamo che in questi 6 anni abbiamo fatto cose eccelse anzi diciamocelo abbiamo fatto il massimo, I tifosi devono essere orgogliosi della squadra e della società.

6 – Facciamo un passo indietro. Come hai vissuto questi ultimi 6 anni? Dal primo scudetto con una formazione diciamo outsider (scudetto per lo piu’ inaspettato), l’addio di Del Piero e il condottiero Conte. Poi il proseguimento delle vittorie, qualche dolorosa sconfitta come a Istanbul o con il Benfica o col Bayern, ma poi anche record di punti 102 e Campioni con la nostra maglia addosso come Pirlo, Pogba , Vidal , Tevez. Poi l’Addio anche di Conte traumatico, inaspettatamente l’arrivo di Allegri e ancora scudetti , Record, 3 double di fila campionato e coppa, 2 Champions perse in finale e svariati altri campioni: Dybala, Higuain, Mandzukic. Insomma 6 anni molto pieni no?

lo li ho vissuti in maniera intensa e spasmodica, personalmente mi ha più ferito la sconfitta con il Bayern e la mancata finale, per altro in casa in Europa League, che le 2 finali di Champions … in questi 6 anni abbiamo ammirato grandi campioni, personalmente ho ammirato molto Vidal e Tevez oltre a Mandzukic un poco meno, anzi molto meno Conte … beh … mi sono sentito tradito e la chiudo qui per non dire altro. Pogba bravo ma non ne andavo matto , mentre per quanto riguarda Allegri credo di essere stato uno dei pochi a dargli fiducia. E’ bravo e molto preparato.

7 – Allegri non gode di molta fortuna fra il pubblico dello Juventus Stadium (ora ribattezzato Allianz) ci sono molti che non lo hanno mai accettato. Secondo te è perchè attua un gioco eccessivamente prudente o solo perchè non è abbastanza sfacciato come lo era Conte da fare il grande tifoso Juventino?

Credo nella seconda, Conte era un uomo Juve. Lui è un ultrà, un capo popolo e molti errori gli venivano perdonati. Ad Allegri questo non accade.

8 – Mi pare di capire che sei pro-Allegri?

Direi di si.

9 – Se un giorno sostituissimo Allegri chi pensi che dovrebbe prendere la Juventus?

Ho un sogno Zinedine Zidane. Lui è l’allenatore migliore da oggi ai prossimi anni.

10 – Il calciomercato di quest’anno ti ha soddisfatto oppure ti aspettavi meno nomi ma piu’ di grosso calibro?

Direi che la società si è mossa molto bene, non è facile fare mercato di questi tempi e certe cifre sono inarrivabili.

11 – L’uscita di Bonucci come l’hai presa?

Ti rispondo così .. chi vuole rimanere alla Juventus lo fa anche per un pezzo di pane ( cit. Gianni Agnelli ).

12 – Credi alle dicerie per cui Allegri spesso non va d’accordo con i suoi giocatori?

In parte no in parte si. Ha un bel caratterino ( è Toscano 😉 ). quindi è un tipo tosto. Qualche incomprensione ci può stare.

13 – C’è un giocatore che pensi che avremmo dovuto prendere e perchè?

Radja Nainggolan perché è fortissimo ed è il clone di Vidal è un misto di tecnica e Potenza un top !

14 – Se ad oggi ti si prospettasse un anno senza vincere nulla, un anno diciamo cosidetto di transizione lo accetteresti come una normale rotazione degli eventi o ti aspetti che la Juventus continui ancora a vincere?

Onestamente sarebbe normale e fisiologico lo so a nessuno piace perdere, ma allora i tifosi delle altre squadre cose dovrebbero dire ?

15 – Secondo te con questa rosa la Juventus potrà ambire ad alzare la Coppa dei Campioni oppure il divario con le altre grandi d’ Europa c’è e sarà ancora difficile da colmare?

E’ dura è molto dura però, questa competizione è fatta di episodi .. chissà?

Grazie per esser stato con noi e buona fortuna per la tua nuova avventura con il blog ”Il bianco che abbraccia il nero” .

Grazie a voi e grazie a te Benedetto e sempre forza Juve.

Scusate ma io ancora godo a tifare la Juve.

Articolo di Alessandro Magno

Genoa Juventus partita per cuori impavidi. Un inizio da incubo. Un finale trionfale. In campo i soliti 11 di Allegri. Mi sa che per vedere i nuovi da titolari bisognerà aspettare natale. Dall’altra parte il solito Genoa stile Toro che gioca 3 partite l’anno, quella contro di noi a Marassi e quelle con la Samp. Poi per il resto fa schifissimo che faticano a salvarsi come sempre. Gli toccherà vincer qualche derby per salvare la stagione.

La partita. Noi si va sotto 2 a 0 che non s’è capito nemmeno il perchè. Un autorete di stinco, un rigore fasullo che non andava concesso visto che è viziato da fuorigioco. La Var così è una porcata, perchè lascia troppa discrezione agli arbitri che possono decidere se consultarla o meno e considerare quello che vogliono. Gli strafalcioni già nelle prime 2 giornate sono tanti, tuttavia la Var ha il pregio (per ora) di metter a nudo tutte le paranoie degli antijuventini sui “se” e sui “ma”. Quante volte abbiamo sentito: “Se dava quel rigore cambiava la partita”? La verità è che la Juve ha avuto 2 rigori contro nelle prime 2 partite entrambi fasulli, ma le ha vinte entrambe ed è a punteggio pieno. Come sempre. Comunque tornando a noi dicevo ci si trova sotto 2-0 e la difesa è ballerina ma la Juve c’è e reagisce. Soprattutto “u picciriddu” Dybala non ci sta e con una doppietta ci rimette in corsa. È cresciuto molto il ragazzo 6 gol nelle ultime 3 partite in cui è andato sempre a segno non sono un caso, come non lo è che la Juve nelle ultime 3 ha fatto 2 rimonte. È segno di carattere e fame. Non è normale che dopo 6 anni di successi alla Juve ci sia gente che ha ancora fame o meglio non sarebbe normale ma alla Juve lo è. Su Dybala poi si sono sprecati i “deve giocare più vicino alla porta per far gol” tutti allenatori con la squadra degli altri.

Comunque si ritorna sul 2-2 grazie soprattutto a Dybala e al carattere della squadra. La Var ci da un rigore pure a noi (ed è meglio che vi ci abituate e dimentichiate fin da ora i soli 3 rigori a favore dell’anno scorso) ed è un fatto curioso che questo rigore venga dato. Dopo Milan Juventus dell’anno scorso mi era parso di capire che se due erano vicini si poteva pure giocare a Volley invece no. Stranezze dei regolamenti. Dal 2-2 nasce una partita diversa molto aperta ma molto più equilibrata. Alla fine sarà Cuadrado fin li abbastanza pessimo a fare 2-3 e Dybala con una rasoiata a portarla sul 2-4. Entrambi questi gol sono gol di pregevole fattura segno che almeno la fase d’attacco va alla grande con 9 gol segnati in 3 partite, anche se ai sofisti ovviamente non va ancora bene. Anche un 4-2 in trasferta dopo un 3-0 in casa non è spettacolare.

Va bene ne prendiamo atto. In attesa di una Juventus in stile Harlem Globetrotters ci accontentiamo di 6 punti in classifica e questo pessimo spettacolo di Dybala sicuramente un sopravvalutato magari uno un poco meno di Iturbe ma di poco. Alla fine ho capito tante cose in questa partita. Ho capito che se vendi il secondo miglior difensore del mondo del momento devi avere un rimpiazzo all’altezza subito, quindi dovresti comprare il migliore del mondo quindi la Juve doveva comprare Sergio Ramos che peró magari al momento non te lo puoi permettere e nemmeno te lo danno, quindi al massimo comprerai un altro che per quanto bravo sia non soddisferà mai i tifosi. Ho capito ad esempio che a Rugani non gli si da il tempo di imparare a giocare con gli altri nonostante non stia facendo cazzate immani, mentre ci si scorda che quando si era preso questo numero 2 del mondo non era neppure il numero 200 e ad ogni partita ti faceva mettere le mani nei capelli dei disastri che combinava. Infine ho capito anche che quando sei sotto 2-0 a volte puoi pure vincere. No perchè dopo il “gol di Muntari” avevo inteso che quando una squadra si portava sul 2-0 vinceva direttamente il campionato.

Dybala c’èeeeeeeeee

Chi non e’ saltato dalla sedia ieri sera?
Come seconda di campionato non c’e’ male, iniziata con il morale sottoterra e finita alle stelle, non potevamo chiedere davvero di piu’ ai nostri.
Iniziare al primo minuto e “beccare” un gol, persino un autogol se non fossimo stati la Juventus avrebbe steso chiunque. Il Genoa e’ una squadra che tira fuori unghie, denti pur di farcela vedere, e spesso ci riesce, l’anno scorso ce ne rifilarono tre, E quel gol al primo minuto di gioco, ha tolto la parola, e aggiungici anche la decisione arbitrale tramite var, in pochi minuti sotto di due gol ..2-0 palla al centro.
E’ vero che il fattaccio accadendo all’inizio di partita concedeva lo spazio temporale di rimonta, ma poteva non succedere .. invece e’ successo.
La Juventus ha sfoderato una grinta proprio da “juventus”, e la mente di questa rimonta a tratti spettacolare è stato lui “il picciriddu” Paulo Dybala, autore di una tripletta che ha mandato in estasi tutta Marassi.
I complimenti piu’ baci e abbracci li faccio ai ragazzi tutti, anche a chi ha sbagliato, ieri sera non e’ stato facile, non era grave perdere a inizio stagione con ancora una squadra da assemblare e da rodare, ma obiettivamente hanno dimostrato una verve che voglio rivedere in una finale di coppa dei campioni.
Primo problema: la difesa senza riferimenti, che si fa sorprendere troppo spesso, sapevamo che l’apporto di Bonucci sarebbe mancato, ma ora c’e’ da correre ai ripari, e’ inammissibile prendere 2 gol quasi consecutivi, di cui 1 su rigore, uno smarrimento iniziale puo’ essere fisiologico, ma e’ tempo di reagire. Molto male Alex Sandro, nulla a che vedere con quello dell’anno scorso, mi auguro una crisi momentanea e che non si tratti di un mal contento xche non intende piu’ restare, stessa situazione per Rugani, il quale deve darsi una mossa se desidera la maglia titolare.
Il centrocampo non ha subito molte variazioni ma dovrebbe essere maggiormente ‘ propositivo quindi creare di piu’ per gli attaccanti e recuperare palloni, per non caricare soprattutto su Dibala un eccesso di lavoro.
PaUlo e’ bravissimo e di frequente fa tutto lui, ma cosi facendo gli si toglie energie quindi lucidita’, ecco perche’ nel caso di ieri avrei tentato la carta Douglas Costa.
A riguardo di Matuidi e Betancurt, e’ prematuro dare giudizi con cosi poco minutaggio di gioco, Matuidi non sa ancora bene dove mettersi, pero’ ritengo non abbia giocato male anche senza incidere piu’ di tanto.
A proposito di Var: valanghe di proteste a ragione.
Il rigore concesso al Genoa si scoprira’ da una piu’ approfondita analisi, che non sarebbe stato da assegnare, poiche un giocatore avversario si trovava in fuori gioco. Gli arbitri sembrano un po’ buttati allo sbaraglio con questo strumento e commettono piu’ errori di prima per mancanza di capacita di lettura.
Concetto espresso pubblicamente anche dal nostro allenatore il quale ha dichiarato inadeguatezza arbitrale con conseguente perdita di tempo.
Possiamo percio’ essere contenti della nostra squadra che non si e mostrata vittima del fato ma che al contrario consapevole delle risorse ha ribaltato un risultato che non offriva aspettative.

Genoa-Juventus: pagelle

Scritto,da Cinzia,fresia

Gian Luigi Buffon 6 gol e rigore, Gigi non e’ colpevole sui gol segnati.

Giorgio Chiellini 5e mezzo

Alex Sandro 4 troppi errori costati cari

Daniele Rugani 6- se vuole restare in juve, deve darsi una svegliata.

Stephan Lichtsteiner 6emezzo il migliore in difesa e maggiormente reattivo nella rimonta (Andrea Barzagli : 6 )
Miralem Pianic 5 non eccezionale e autore dell’autogol, leggermente meglio nel secondo tempo. (Betancur 6 debutto dell’uruguaiano )

Sami Khedira 5 non ci siamo (Matuidi 6e mezzo: sebbene non sappia ancora dove mettersi, si da un gran da fare a recuperare palloni e serve bene la squadra, non ancora ambientato)

Juan Cuadrado 6/7 un inizio poco brillante viene spazzato via da uno,splendido goal

Mario Mandzukic 6e mezzo non completamente in partita soprattutto nel primo tempo si procura pero il calcio di rigore

Gonzalo Higuain 6+ meglio nel secondo tempo, cerca il gol.

Paulo Dibala 10 straordinario ed emozionante, protagonista della rimonta e di una tripletta stellare, si prende la Juventus, un po’ pasticciona soprattutto in difesa e la porta alla vittoria, dovra’ essere cosi in finale di Champions.

Allenatore Massimiliano Allegri: per come si stava mettendo avrei inserito Douglas Costa

Arbitro Banti: 5 6 ammoniti 3 per parte nella seconda giornata di campionato mi lascia un po’ perplessa, idem per l’utilizzo del Var il quale pare non essere proprio preciso al millimetro. Il rigore contro di noi non era da assegnare.

Juvemtus: 7 nonostante un inizio di primo tempo da dimemticare, la Juve reagisce nell’immediato riuscendo,a vinire.

Sabato 26 agosto 2017 Genoa- Juventus Ore 18 Stadio Marassi – Genova


La seconda giornata di campionato per la Juventus, prosegue con la trasferta a Genova.
Sebbene la stagione sia appena cominciata la Juventus annuncia gia’ un lungo stop, Claudio Marchisio per un fastidio al ginocchio sinistro è costretto a fermarsi per almeno 4 settimane.
Allegri comunque, non dispera, potendo usufruire di una rosa con buona disponibilita’ di centro campisti, all’allenatore rimane il dubbio se utilizzare Douglas Costa gia’ dal primo minuto di gioco.
Il Genoa rientra tra gli avversari piu’ fastidiosi, ma la Juventus, sicuramente non teme questa partita il cui superamento non desta,particolari avversita’.
In settimana, si e’ svolto il sorteggio per la Champions league, secondo la carta stampata, alla Juventus pare sia andata bene, inserita nel girone D insieme a Barcellona, Olimpyakos e Sporting Lisbona. Tuttavia, meglio non cantare vittoria troppo peesto, la verita’ la sa solo il campo.

Top Com 25-08-17 Con Mirko Nicolino di Jmania e Carol Barbieri

prima parte

Immagine anteprima YouTube

seconda parte

Immagine anteprima YouTube

Agorà 22-08-17 con Lionello Savasta e Carol Barbieri

prima parte

Immagine anteprima YouTube

seconda parte

Immagine anteprima YouTube

Il buono, il brutto , il cattivo.

Articolo di Alessandro Magno

La stagione è iniziata con lo Juventus Stadium tutto esaurito. Segno che una buona parte dei tifosi a differenza dei lamentosi da tastiera, va a vedere la partita ed è contenta di stare vicino alla squadra. Onore a loro.

La partita è stata piacevole. Il Cagliari se l’è giocata attuando un pressing asfissiante , consapevole della nostra non perfetta preparazione, e volto a soffocare le nostre iniziative sul nascere e costringerci al lancio lungo. La Juventus ha un poco sofferto, almeno per 30 minuti, questo andare a mille dei nostri avversari, fra l’altro incoraggiato da un arbitro scarso che si è scordato i cartellini nello spogliatoio. Incredibile come Barella che fa almeno sei falli da giallo termini la partita illibato. Ma i falli soprattutto su Dybala si sono sprecati. Un fallo su Chiellini a gamba tesa in scivolata, nella nostra metà campo ad andare netto sull’uomo, anche quello bellamente ignorato. Va detto che la Juventus non ha mai provato a rinunciare a giocare e fra qualche difficoltà è andata in gol con Mandzukic e aveva già sfiorato il gol su punizione di Pjanic. Molto bello il gol di Iron- Mandzu, una semirovesciata su cross di Lichtsteiner.

Il Cagliari è stato in partita fino al rigore clamorosamente toppato dalla Var e giustamente annullato da Super Buffon. Il rigore se a velocità normale poteva esser piu’ o meno fattibile, con l’ausilio della Tv si vede chiaramente che non esiste. 1 – Il tocco è lieve e non tale da giustificare il tuffo triplo carpiato del cagliaritano. 2 – La palla non è in possesso di nessuno dei due giocatori che cercano entrambi il pallone e non c’è alcuna intenzionalità di Alex Sandro di fare fallo. 3 – Nel replay si vede chiaramente che il giocatore del Cagliari cerca prima un controllo con il sinistro, dopo che la palla gli è sfilata dal destro, e quando questo controllo non gli riesce si lascia cadere. 4 – Avrei scommesso qualsiasi somma che il primo rigore della Var lo avrebbero assegnato contro di noi. 5 – Godo ancora come un riccio adesso a pensare che San Gigi lo ha parato. Per concludere questa moviola fatta in casa il fallo di mano sul gol di Dybala è solo nelle menti contorte degli antijuventini . Il gesto è dinamico se non alza quel braccio a formare un incavo con il petto la palla sfila. Va da se che lo stop è fatto con la parte esterna del petto e non c’è alcun tocco di braccio, ma è troppo complicato da capire per chi non sa come si stoppa un pallone di petto e ha la menta accecata e offuscata dalla bile da sconfitta.

E veniamo ai giocatori. Una menzione per Douglas Costa oggi piu’ pronto di Cuadrado e sempre imprendibile per i nostri avversari. Alex Sandro che è sempre un bel treno da vedere. Matuidi che pare giocasse con noi da una vita per il numero di palloni toccati e la semplicità di posizionamento e di tocco segno che a volte se c’è il talento, e non mi riferisco alla classe ma al talento di saper stare in campo, il gioco del calcio è davvero un gioco semplice.

E ora i nostri cowboys. ”Iron” Mandzukic (il cattivo), ha aperto le danze da centravanti vero. Un giocatore che sorride poco e parla anche meno. Un uomo che si porta dentro i gradi di Capitano e non ha bisogno di farseli dare per contratto, così come non ha bisogno di gesti plateali in favore di telecamere. Segna un gol anche di pregevole fattura e poi si schianta contro i cartelloni pubblicitari per recuperare una palla ed evitare un fallo laterale. Questo è Mandzo l’uomo d’acciaio. Un esempio per tutti i suoi compagni. Da imitare, da emulare, da clonare. Chiude la partita ”Il Pipita” Higuain (il brutto). Tutta una partita ad arrabbiarsi con se stesso perchè le cose non gli riescono. Brutto di rabbia. Il suo fisico ha bisogno piu’ di quello degli altri per rodarsi. E poi una sola palla. Un tiro un gol. Come l’altro Franco- Argentino che ci ha fatto tanto godere David Trezeguet. Proprio come lui. Giochi a volte in 10 e poi un tiro un gol. E la chiude Higuain. E in mezzo a questi due pezzi da 90 lui: ”U Picciriddu” Dybala (il buono), quello che ha una faccia come quella di un ragazzino che viene al campo col pallone sotto braccio e i calzini abbassati. E non ti aspetti che così piccolo ed esile poi è un fenomeno. L’ha presa maledettamente seriamente questa storia della 10. Ogni tocco è una delizia. A volte prova a vincere da solo. Ogni tanto tira fuori dal cilindro cose che gli altri neppure immaginano di poter pensare. Sorride poco ultimamente durante le partite. Vuole vincere l’ho detto, l’ha presa proprio seriamente questa cosa della 10. Lui è l’eroe . Lui è il buono che alla fine vince sempre. Lunga vita a Dybala lunga vita ai nostri cowboys.

 

Per la foto si ringrazia mio figlio Vittorio 😉

Ed è subito VAR ..


Un “signor” debutto per il Video Referee, il cui immediato utilizzo è stato un rigore contro causato da un fallo di Alex Sandro, nessun problema però per Gigi Buffon che è riuscito a vincere contro Farias, visibilmente emozionato e un po’ disturbato dalla marea di fischi allo Stadium.
Ma il Var non ha rovinato la prestazione della Juventus che rigore a parte, ha vinto con punteggio più che pieno e con i suoi tre attaccanti tutti in gol.
Una bella partita, godibile e piuttosto dinamica questa prima di campionato, come da aspettative, il Cagliari si è fatto sentire. Va detto che la fazione sarda non avendo una vera e propria tattica, ha cercato di chiudere gli spazi, problema aggirato appena i nostri hanno accellerato un po’bloccando tutte le iniziative.
Tuttavia, la squadra ha avuto un momento di confusione, soprattutto in difesa lasciando spazio agli avversari.
Mi aspettavo una Juventus più tranquilla, trattandosi della prima partita, che giustamente è stata gestita con calma, certo perdere un trofeo da sempre fastidio, e la vittoria doveva esserci a tutti i costi, ma non era necessario agitarsi quindi evitare complicazioni.
Molto bene Buffon che oltre ad aver parato un rigore ha fermato un’iniziativa del Cagliari molto pericolosa.
Comunque, ritengo che, anche se il gol fosse andato a segno, il risultato non sarebbe cambiato, avremmo vinto 3-1 invece che 3 a 0, quindi poco male.

La Juventus non si è lasciata andare nonostante l’errore reagendo immediatamente, certo era il Cagliari e non il Real, però, ho visto un buon gioco, e chi non era in condizione ottimale ha dimostrato di esserci.
Direi che la formazione ha a funzionato, eccetto Cuadrado che dimostra insofferenza , peraltro già percepita contro la Lazio, e Higuain che ha latitato per un po’ facendosi poi perdonare con lo splendido ultimo gol.
E’ superfluo sottolineare il poco ma importante apporto di Douglas Costa, uomo chiave di questa Juventus, giocatore con un’evidente marcia in più i cui attaccanti, hanno bisogno.

E’ prematuro effettuare previsioni, ma la Juventus si sta dotando di una rosa molto forte, speriamo il più completa possibile.
Sarà poi la mentalità e l’abilità dell’allenatore nel motivare la squadra a vincere i trofei che si è posta come obiettivo.
Ricorderei alla Juventus e alla società, che essendo la squadra che è, la vittoria non è sempre un piacere e spesso diventa una condanna, personalmente in caso di ennesimo fallimento, non saranno accettate altre scuse.

Pagelle Juventus – Cagliari 3-0

Pagelle di Alessandro Magno

Buffon 7,5 Due parate importanti anche se non difficili per uno come lui. Una su un tiro ravvicinato che pero’ fortunatamente arriva proprio dove è lui per cui serve un poco di reattività e piazzamento, l’altro il rigore che calciato davvero male e centrale richiede solo la giusta freddezza. Due parate non difficilissime per sua Maestà ma comunque decisive ai fini del risultato visto che impediscono al Cagliari di portarsi sull’1-1.

Lichtsteiner 6,5 Inizia benissimo risultando uno dei piu’ pimpanti nel primo tempo quando la Juve è piu’ in difficoltà. Fino a servire un ottimo assist per il gol di Mandzukic. Pian piano si esaurisce alla distanza l’autonomia non è piu’ quella di un tempo.

Rugani 6 Non troppo lavoro ma sempre ottime chiusure e una pulizia di intervento di ottima fattura. Il ragazzo ha lampi di classe e qualche distrazione che puo’ smussare solo giocando. Occorre dargli fiducia.

Chiellini 6 Non è ancora il Chiello caterpillar la forma non è quella dei tempi migliori e lo si vede in qualche rudezza di troppo. In ogni caso sempre efficace.

Alex Sandro 7 Un giocatore bellissimo da vedere. Peccato per il fallo da rigore che francamente non c’è e di qualche incomprensione difensiva con Chiellini. Ma dalla cintola in su è un gran bel vedere. Su una delle molte incursioni sue la chiude Higuain.

Marchisio 6 Tutti, me per primo a invocarne la messa in campo, visto che era stato il migliore nel pre campionato. Ad oggi col Cagliari una prestazione non negativa ma di certo nemmeno superlativa. Di fatto una partita giocata normalmente che di fatto assolve in parte Allegri dal mancato utilizzo della volta scorsa.

Pjanic 7 Il pianista quando vuole sa suonare musica celestiale. Sfiora un gol nei primissimi minuti con un calcio di punizione magistrale, ma il top è l’apertura di prima per Dybala con un lancio di 30 metri millimetrico. Ottimo.

Cuadrado 6 Meglio del solito ma non ancora al Top. Si incaponisce su qualche fallo che puntualmente non gli viene fischiato ma è encomiabile nei momenti di sofferenza quando da veramente un grande aiuto a Lichtsteiner.

Dybala 8 Questo ragazzo la storia del 10 l’ha presa maledettamente seriamente e si vede. Un gol da attaccante di razza tanti bei controlli di palla e percussioni in solitaria. In un paio di azioni si mostra egoista ma in una prestazione così si puo’ perdonare. Sfiora ancora il gol con una grande palla che si stampa sulla traversa.

Mandzukic 7 Iron-Man inizia segnando il primo gol della Juventus del nuovo corso e della serie A. Apre le danze con un ottima girata. Tanta voglia , tanto impegno. Un giocatore unico.

Higuain 6,5 Fatica per tutta la partita indice di una condizione abbastanza lontana. Perde alcuni palloni anche semplici, ma non demorde, consapevole del fatto che la forma arriverà giocando. Quando ormai la sua prestazione sembra andare a parare verso un voto non troppo positivo la zampata del Campione. Un tiro un gol.

 

Khedira 6 Entra con moltissima verve si vede che l’arrivo di Matuidi gli mette un poco di sale sulla coda.

Douglas Costa 6,5 In questo momento dovrebbe esser titolare. Un giocatore già pronto che risulta quasi sempre imprendibile per i nostri avversari.

Matuidi 6,5 Incredibile come entri e tocchi un gran numero di palloni. Trova la posizione in campo con facilità estrema come se fosse da sempre in questa squadra.

 

Juventus 6,5 Un poco di sofferenza nel primo tempo quando il Cagliari ben consapevole delle preparazione non troppo brillante della nostra squadra, attua un pressing asfissiante fino quasi a Buffon. Poi la svolta con il rigore parato. In ogni caso la squadra ha dimostrato di saper soffrire e di avere ottime qualità. Anche quest’anno ci divertiremo.

Allegri 6,5 La formazione è quella che mi aspettavo eccetto Cuadrado a cui avrei preferito Costa. La partita è gestita e giocata poi in maniera eccellente tanto che il risultato è finanche stretto.

Arbitro Maresca 4 Fortunatamente la sua direzione non incide sul risultato. Non si comprende come per tutta la partita riesca a non ammonire Barella autore di per lo meno 6 falli da giallo di cui 2 nei primi 2 minuti. Idem con altri Cagliaritani. Non si comprende come possa assegnare un rigore per un contatto sinceramente veniale e oltretutto dopo averlo visto con la Var. Se avessero dato un rigore così alla Juventus con questo mezzo, ci sarebbero un mare di polemiche. Piccola postilla sulla Var: Aiuterà sicuramente a vedere e sanzionare alcuni casi ma se questo è l’inizio vi dico già che non aiuterà a placare le polemiche, anche perchè servivano delle regole chiare ad esempio contatto uguale sempre rigore, perchè così con la discrezionalità dell’arbitro un episodio come quello visto con il Cagliari potrà sempre esser assegnato oppure no e ci sarà sempre chi si lamenterà.

  • Page 1 of 2
  • 1
  • 2
  • >
Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web