Archivio Mensile: Dicembre 2019

Chi avrebbe dovuto vincere il pallone d’oro?

Scritto da Cinzia Fresia

Stavo pensando, e mi chiedevo se fosse il caso di organizzare il gran Gala’del calcio concomitante l’assegnazione del “mitico Ballon d’or”, leggendaria festa del pallone, dove si premia, o si dovrebbe premiare i migliori calciatori al mondo.
Cristiano Ronaldo non ha vinto, ha vinto il suo acerrimo rivale, Leo Messi, Cristiano però in accordo con i suoi vari sponsor decide di non partecipare alla Kermesse francese, preferendo l’appuntamento italiano.

Il trionfo di Messi e il terzo posto a Ronaldo, dato così, per evitare troppe lamentazioni, ha destato non poche perplessità e dubbi circa l’onestà dell’assegnazione, perché pare che le due superstar internazionali non meritassero assolutamente il podio, e che il ballon d’or lo avrebbe dovuto ricevere Salah.

Non si comprendono più i criteri di assegnazione, si premia per politica o per il nome?
Giorgio Chiellini, che per logici motivi, parteggia per Cristiano, ha giudicato come un furto il pallone d’oro a Luka Modric, vinto nel 2018, parole pesanti da parte del capitano della Juventus, sicuramente Giorgio si è basato su dati certi, per dire ciò che ha detto, tuttavia le dichiarazioni ufficiali andrebbero trattate con delicatezza.
In un era dove i social hanno una certa importanza, la decisione di Cristiano di non partecipare alla cerimonia del pallone d’oro, preferendo come logico la manifestazione italiana, resta una scelta dell’atleta, la Juventus comunque era ben rappresentata da Nedved, e dal bravissimo De Ligt, premiato con il Kopa, ricevuto direttamente da Mbappè, il vincitore dello scorso anno.
Ormai, anche il pallone d’oro, così facendo sta diventando un riconoscimento da “operetta” dato per altri motivi che per merito reale dei giocatori.. tutto sommato non va nemmeno preso così sul serio da parte dei giocatori che non hanno vinto ..dovrebbe essere un momento di festa e celebrazione del bel calcio .. vissuto in leggerezza, anche se comandano gli sponsor.

Sesso Juve e Rock n’Roll s03 e07

Questa sera ore 22 come al solito io Corsa Fusco Leomina Toto Benny Nico la new entry Francesco Musina e ospite Arco di JTactics ore 22 si parte. Di seguito mettiamo il Link appena è pronto

 

Bisogna saper pareggiare

Articolo di Alessandro Magno

Ciclicamente questo articolo si ripete. Ogni volta che la Juve pareggia o perde è una tragedia. 8 anni di vittorie hanno abituato davvero bene il tifoso juventino che però di contro non ha imparato molto. Siamo passati velocissimamente dai tempi in qui si inseguiva un fantomatico Alejandro Dominguez o nientepopodimeno si cercava di strappare Berbatov alla Fiorentina e si veniva superati al foto finish dal Fulham, ai tempi di avere Ronaldo e potersi permettere un De Ligt a una cifra iperbolica. Tutto questo non ha insegnato al tifoso che tutti sono umani, anche i nostri giocatori, che tutto ha un ciclo e quindi nasce e finisce, che vincere non è poi così scontato. Dopo le coppe o a volte prima di queste, capita un calo di concentrazione. Sempre è accaduto e probabilmente sempre accadrà. Nonostante questo la Juve con un pizzico di fortuna poteva vincere uguale pure con il Sassuolo. Altre volte è successo, questa volta no. Da li all’isteria collettiva amplificata dai social è un attimo. Quest anno si aggiunge il: ” Non possiamo perdere lo scudetto contro Conte”. Per qualcuno è diventato più importante battere Conte della Champions League. Ovviamente i medesimi romperanno le scatole, e non poco, qual’ora uscissimo anzitempo dalla coppa. Si può dire che il tifoso mediamente è abbastanza incoerente e incostante.

Ma veniamo al cammino della Juventus e al paragone con l’anno scorso. La Juventus l’anno scorso partì col botto (i più non lo ricordano). A questo punto della stagione in campionato la squadra di Allegri aveva 40 punti (su 42) frutto di 13 vittorie e un pareggio su 14 partite. Anche quel pareggio con il Genoa in casa diede adito a isteria collettiva, tanto per non perder l’abitudine. Va da se che 13 vittorie e un pari su 14 è uno score atipico per qualsiasi squadra. Non è certo quella la consuetudine. In Champions invece Allegri aveva vinto 4 partite e persa 1. In funzione di questa sconfitta con il Manchester United in casa , eravamo qualificati, ma ci siamo dovuti giocare il primo posto ne girone all’ultima giornata fra l’altro perdendo l’ultima partita in Svizzera. Quindi il girone era terminato a 12 punti, 1 punto in meno di quello fatto da Sarri. Sarri in coppa invece le ha vinte tutte eccetto la prima quindi ha 4 vittorie e un pari e a una giornata dalla fine del turno è matematicamente primo. Quindi in coppa sicuramente ha fatto meglio. In campionato invece ha totalizzato 36 punti frutto di 11 vittorie e 3 pareggi. Sarri è imbattuto dopo 19 incontri mentre Allegri ne aveva persa una col Manchester united. A concludere, l’anno scorso, la seconda in campionato era a 32, ed era il Napoli. 8 punti meno della Juve. Quest’anno la prima è l’Inter con 37 punti. Non credo bisogna esser degli scienziati per vedere come da questa analisi venga fuori che più o meno la Juve è in linea con quanto fatto l’anno scorso che già si faceva qualcosa di straordinario, e addirittura in coppa sia andata meglio, mentre la vera anomalia quest’anno è l’Inter. Ora analizzando l’inter per mezzo secondo basta dire questo: in campionato ha una proiezione di 102 punti mentre la Juve di 98. Secondo me nessuna delle due farà questi punti ma resta una sensazione mia. Molto probabile che il campionato termini sui 90. Altra cosa dell’Inter, in coppa ha perso due volte e pareggiata 1 e dovrà necessariamente giocarsi la qualificazione contro il Barcellona all’ultima. Non è una cosa impossibile visto che i catalani sono già qualificati matematicamente come primi e potrebbero andare a San Siro in vacanza, tuttavia io preferisco la situazione della Juventus alla loro se dovessi mai fare cambio.

Come evidenziato bene in tutti i numeri la Juventus e Sarri stanno facendo un campionato in linea con il punteggio di Allegri. Questo dovrebbe portare alla conquista del nono scudetto, se la Juve manterrà questo passo e chiaramente l’Inter no. Ovvio che se l’Inter facesse 102 punti dovremmo solo fare i complimenti a loro visto che 102 punti è un record che fra l’altro deteniamo noi. Non capisco davvero questa depressione ad ogni pareggio o ad ogni sconfitta (che fra l’altro ancora non c’è stata). Un campionato è fatto di alti e di bassi sia per noi che per i nostri avversari e per mille motivi a volte (per nostra fortuna rare) le partite non si concludono con una nostra vittoria. Sarri è l’allenatore della Juventus da 4 mesi e in 4 mesi ha fatto cose buone, come rivitalizzare Costa, Higuain, Dybala, Pjanic e Bentancur. Ha fatto o sta facendo cose meno buone come su Bernardeschi ed Emre Can, ma sarà anche un poco colpa dei giocatori se a volte si perdono? Emre Can che per me è un gran giocatore contro il Sassuolo ha sbagliato proprio approccio. Comprendo che le chance per lui sono state poche tuttavia se quelle poche neanche le sfrutti non puoi lamentarti se non giochi. Nel turno prossimo ci aspetta la Lazio. Sarà molto difficile. Non oso immaginare cosa possa succederà se non si vincesse. A volte rimpiango quando i tifosi tifavano e facevano meno analisi. Leggo sui social #Sarriout. Al primo Dicembre?  A volte rimpiango quando si vinceva meno e si era meno. Spero non debba esser il titolo del prossimo editoriale.

Pagelle Juventus Sassuolo 2-2

Pagelle di Alessandro Magno

 

Buffon 3 Mi dispiace moltissimo ma i due gol presi sono entrambi errori suoi. Sul secondo ok il campo bagnato ma il tiro non era irresistibile . Sul primo si è fatto fare fesso con un pallonetto.

Cuadrado 5 In parte corresponsabile sul gol del 2-1 in quanto cincischia e consente un primo recupero alo Sassuolo. In ogni caso sull’impegno e sulla spinta sua ci si può sempre contare e c’è stata anche in questa partita.

Bonucci 6 Anche lui oggi mi è sembrato poco concentrato o stanco. Tuttavia con l’esperienza tiene meglio degli altri. Non ha colpe sui gol anzi sul secondo cerca un recupero impossibile e ha il merito di sbloccare la partita.

De Ligt 5,5 In marcatura gioca un ottima partita. Un solo errore quel rinvio sbagliato sul secondo gol che ne compromette la sufficienza. Dovrebbe metter qualche palle giù in più invece di scegliere sempre il rinvio di testa. Subisce un fallo da rigore clamoroso ignorato da Var e arbitro.

Alex Sandro 5 Corresponsabile del primo gol quando si fa passare la palla sotto le gambe. Anche poco lucido in spinta. Nel finale finalmente si vede qualche suo cross.

Emre Can 4 Occasione sprecata. Io sono convinto che lui potrebbe giocare titolare in questa Juventus ma oggi ho visto davvero poca applicazione. Se ha già fatto le valige non si lamenti che non gioca. Peccato perchè poco prima di uscire sbaglia un gol facile che poteva svoltargli la stagione.

Pjanic 7 Oggi predica davvero nel deserto. Ero allo stadio e ho visto dal vivo praticamente non ha sbagliato un passaggio oltre a fare delle aperture a scavalcare la loro difesa , di una grande intelligenza e precisione. Peccato la punizione battuta male ma è stato uno dei pochi a salvarsi.

Bentancur 7,5 Davvero il migliore. Un combattente su ogni pallone e a tutto campo. Incredibile quanto ha corso lui e quanto poco ha corso dall’altro lato Emre Can. Deve solo tirare in porta perchè arriva al limite e cerca sempre l’ultimo passaggio, tuttavia una prova davvero incoraggiante. Ha letteralmente sradicato dai piedi avversari un numero incredibile di palloni e fatto innumerevoli chiusure.

Bernardeschi 5 Corre si impegna non serve a nulla in quella posizione e non è a suo agio eppure per il nostro mister sembra la chiave di volta della stagione. Bo. Bravo il pubblico ad applaudirlo lo stesso nel momento della sostituzione. Davvero a volte se c’è o non c’è è uguale. Peccato regaliamo sempre un uomo agli altri e stiamo rovinando un giocatore in maniere irrecuperabile.

Higuain 5,5 Un buon primo tempo dove è l’unico attaccante un poco pericoloso poi si sfianca con il passare del tempo ed esce. Pesa il gol sbagliato da un metro che avrebbe cambiato la partita sua e della Juve.

Ronaldo 5,5 Non una prova entusiasmante anzi fino al 2-1 del Sassuolo gravemente insufficiente. Poi sale in cattedra non tanto con la classe quanto con la determinazione, infatti è il primo a guidare la carica e a motivare gli altri. Un gol su rigore, un altro scartando il portiere annullato, una punizione dove impegna il portiere e nonostante la stanchezza nel finale molti stacchi di testa quando finalmente si prova anche quella soluzione. Prova a far vincere la Juve e anche a rimettere in sesto la sua prestazione ma non ci riesce.

 

 

Dybala 7 Da subito da una bella scossa. Si procura il rigore e alcune altre occasioni su cui il portiere del Sassuolo compie autentici miracoli. Buona anche la punizione fuori di 10 cm. Bisognerebbe ricredersi sul fatto che alcune volte i nostri attaccanti possano giocare tutti e tre insieme. Possono eccome.

Matuidi 6 Entra per supportare i tanti attaccanti dentro e senza infamia ne lode la sua parte la fa. Almeno a differenza di Can è presente.

Ramsey sv

 

 

Juventus 5 Troppa gente sotto tono oggi non si può giocare in serie A contro nessuno con 3/4 giocatori in campo e gli altri in vacanza. Capita una mezza caduta dopo la coppa ma si deve lavorare per non farla capitare. Da salvare, oltre la prova di qualcuno, la voglia di vincerla dopo il 2-1 loro. Con un poco di precisione sotto porta si poteva anche vincere infatti.

Sarri 5 La formazione iniziale a eccezione di Bernardeschi trequartista che non approvo, è una formazione anche condivisibile. Cerca di far riposare qualcuno e da delle chance ad altri. Proprio questi ultimi lo tradiscono maggiormente. Ora se Buffon è sicuramente caduto in una giornata no e succede a volte a un portiere, su Emre Can credo che la colpa sia da condividere fra Sarri e il giocatore.

Arbitro 5 Scientificamente ammonisce tutto il Sassuolo senza mai dare un doppio giallo a uno. Il primo ammonito per perdita di tempo è all’80mo quando è dal 45mo che richiama tutti per questo motivo. Non da un clamoroso rigore su De Ligt e nemmeno si toglie lo sfizio di andarlo a rivedere e nemmeno viene chiamato da quelli del var e ripeto è clamoroso. Non ha arbitrato affatto bene tuttavia la Juve poteva vincere lo stesso se 1 – fosse stata più precisa sotto porta e 2 – non avesse regalato 2 gol su 2 ai nostri avversari.

Niente “Joya”

scritto da Cinzia Fresia

E .. alla fine la fortuna finisce ..
Prima o poi doveva capitare la giornata storta, dove nulla è va bene, ma proprio niente, nemmeno la Joya salva risultato.
Questa Juventus-Sassuolo, giocata sotto la pioggia, non ha nulla da salvare tranne il rigore segnato, per il resto ahimè, tutto da buttare: dalla formazione alla gestione. Con questo ce ne faremo una ragione, ma c’è già qualcuno che stappa e sente di avere il titolo in tasca.

Il Sassuolo nonostante sei sconfitte consecutive e 11ma in classifica trova una quasi vittoria sicuramente inaspettata a Torino, complice la freschezza dei suoi giocatori ed una certa furbizia, nel percepire una stanchezza immane e insicurezza palpabile da parte di tutti: la squadra di de Zerbi, fresca, agile e scattante, ha bloccato la Juventus, intercettando tutte le possibili azioni, appicicandosi ai giocatori fino a farli sbagliare.
D’altronde è comprensibile l’insicurezza perchè:

– Buffon non è più affidabile, se lo si voleva proprio tenere, forse come terzo portiere.

– la crisi di Ronaldo, bene il rigore, perchè si poteva sbagliare anche quello, ma il suo stato di sofferenza è talmente evidente che il perseverare nel giocare a tutti i costi, fa del male solo a lui, va detto che anche senza, oggi, non sarebbe cambiato molto, poichè nemmeno Higuain non era affatto in forma.

– Bernardeschi non è un trequartista, e temo non lo sarà mai, ma comunque quest’anno è come non ci fosse.

– Emre Can, un disastro, ma d’altronde cosa ci si poteva aspettare da uno che non gioca mai e per lo più scontento?

In ultimo, non possiamo che definire la partita ultima giocata, un “cimitero di errori” e constatare che la Juventus non sia poi quella “Corazzata Potemkin” che ci fanno credere, possiamo considerare il fattore sfortuna al 50 per cento, considerati tutti i tiri su azione e punizioni, andati fuori, ma l’altro 50 conferma quanto invece siamo ultra-dipendenti dalla “genialata” del singolo che stasera però non è arrivata.
Una nottata di riflessioni aspetta Maurizio Sarri, non per nulla contento di come andata e con l’aggravante del sorpasso interista.
D’altronde con un solo punticino di vantaggio, poteva capitare, ne siamo consapevoli, e Sarri sa quanto forte sia il collega in Italia.
Mentre si fanno progetti per il futuro e la Juventus si appella all’aumento di capitale, i conti a quanto pare non tornano, a parte De Ligt, gli acquisti Rabiot e Ramsey, diventanto sempre di più delle incognite, anche per l’allenatore.

Domenica 1 dicembre 2019 Juventus-Sassuolo ore 12.30 Allianz Stadium Torino

scritto da Cinzia Fesia

A Maurizio Sarri, non viene il mal di testa quando deve scegliere chi far giocare del suo super trio in attacco, il tecnico raggiunto l’obiettivo dì qualificarsi prima nel girone in Champions League, torna alla carica in Campionato. E sarà Lunch Match, Juventus-Sassuolo si giocherà domenica alle 12.30.
In conferenza stampa il tecnico della Juventus, esprime la sua idea su Ronaldo: all’unanimità, si sa che il giocatore non è al top, tuttavia Sarri ha fiducia e auspica il ritorno di “Brillantezza”z Alla domanda su chi vincera il pallone d’oro, Sarri risponde, spero lo vinca Rinaldo, ma un giorno anche Paulo Dybala.

Plugin creado por AcIDc00L: noticias juegos
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia