Juventus-Olympiacos: un passo indietro nel gioco, uno in avanti nel girone.

Articolo di Alessandro Magno

La Juventus non ha giocato bene contro l’Olympiakos soprattutto rispetto alla prestazione contro il Torino. L’approccio non è stato dei migliori, distratti, lenti a tratti confusionari. C’è voluto molto tempo per venire a capo della situazione. In coppa ci può stare di avere qualche difficoltà, le insidie sono sempre molte, tuttavia non ci sta di patire così tanto una squadra mediocre come l’Olympiakos. Sembrava che noi perdessimo tempo a studiare chissà che cosa, mentre loro sapevano benissimo quello che dovevano fare. Nella prima mezz’ora, per assurdo, mentre noi cercavamo di capire il da farsi, loro sono stati 2 o 3 volte molto pericolosi con dei contropiedi soprattutto dal lato di Sturaro. Si può accettare di non esser sempre al Top giocando ogni 3 giorni, tuttavia si è rischiato troppo. Allegri ha dovuto sopperire all’assenza dell’ultima ora di Pjanic che si è verificata essere alquanto pesante, in quanto Bentancur seppure valido in interdizione non ha le giocate di Miralem. Alla fine mancava proprio un po’ di luce in campo.

La partita è andata avanti per circa un’ora stanca mente qualche colpo di testa di Mario Mandzukic ha cercato di destarla e tenere impegnato il portiere avversario che è stato bravo in qualche occasione. Il primo tempo è scivolato via quasi inguardabile si è salvato solo 10-15 minuti finali. Fortunatamente nel secondo tempo la Juve ha alzato i ritmi in modo che i difensori dell’Olympiakos potessero essere messi in difficoltà. Le chiavi di volta sono state la sostituzione di Cuadrado al solito volenteroso ma poco incisivo, con Higuain. Il Pipita è entrato in partita con la grinta giusta e a contribuito a schiacciare l’Olympiakos nella propria metà campo. Su una delle tante mischie che si sono create a causa dei cross di Costa e di Sandro l’ha sbloccata lui, da lì in poi la Juve ha trovato un più ampio respiro e l’ha gestita meglio. Anche Douglas Costa si è giovato del cambio del colombiano. Infatti cambiando di fascia a destra ha trovato più costantemente i suoi scatti e i suoi cross. Credo potesse essere la partita di Bernardeschi per molti motivi. Avremmo potuto metterci a tre a centrocampo ma avrebbe potuto anche sostituire Manzo in fascia che un bel momento appariva veramente stanco. Tuttavia su una delle tante percussioni proprio Mandzukic raddoppiava e chiudeva la partita.

In definitiva, è stata una Juve nel primo tempo insufficiente, nel secondo tempo migliore ma ancora non bellissima, certo con un’altra mentalità che si poteva avere fin da subito considerando la poca caratura dell’avversario. La Juve vince ma non convince. Un poco una costante di questo inizio di stagione. Peccato perché col Toro si erano viste belle trame. Ottimo risultato e benissimo il non aver preso gol. Tuttavia resta da migliorare il gioco soprattutto contro squadre che si chiudono a riccio e non giocano a calcio. In questo bisogna fare veramente un passo avanti perché vedere un primo tempo giocato sotto ritmo senza idee con passaggetti all’indietro che non portano a niente è veramente un brutto spettacolo. Bene, molto bene il ritorno al gol del Pipita a cui un poco di riposo evidentemente ha fatto bene.

 

  1. andrea (the original)

    Vero Max ma si parlava (con arroganza che non capisco perchè debba essere diventata la visione del tifoso juventino simil Juve Channel) di obiettivi stagionali, non passati.
    E in termini stagionali dire che questo calcio centrerà gli obiettivi mi sembra prematuro. L’unico fin qui lo abbiamo perso.

  2. Alessandro Magno

    ragazzi io seguo la discussione ribadisco qui non c’è nessun juventino di serie a e di serie b nessun juventino di juve channel ( magari potessi) nessuno juventino con i paraocchi nessun juventino che ama il calcio champagne. sono tutte opinioni. ognuno ha le sue. cercate di discutere senza arrivare a infastidirvi reciprocamente . la cosa mi dispiacerebbe siete tutti adulti.

    • Caro Benedetto,
      gli scritti sono agli atti.
      Penso si possano notare agevolmente coloro che scrivono con pacatezza, e qualcuno che -magari senza rendersene puenamente conto- distribuisce patenti di competenza e Juventinita’.

      Grazie, e buona serata.

  3. Vi piacciono le statistiche e allora essendomi capitate davanti agli occhi quelle di PSG-BAYERN ve le riporto. Possesso palla 62-38 a favore dei tedeschi. Tiri totali 16-12 x i tedeschi. Tiri in porta 7-5 srm te x i tedeschi e mi dicono il portiere del PSG autore di belle parate. PSG devastante in campo aperto xchè il BAYERN ha avuto la “bellissima” idea di giocarsela a viso aperto contro gente come Neymar, Mbappè e Cavani. Morale della favola 3 palline e a casa. Mi sembra un po’ quello che, almeno secondo me hanno cercato di fare Genoa e Torino contro di noi. Morale della favola 4 palline a testa e potevano essere molte di +. Quando invece una squadra si chiude e non riesci a sbloccarla subito, non è facile far girare veloce la palla. Non impossibile ma molto difficile.

  4. …continuando leggo…occasioni x J.Martinez, 3 Lewa, 1 Rudy, Coman e salvataggio sulla linea di T.Silva. Non mi sembra un BAYERN che sia stato a guardare. Insomma, a leggere il punteggio sembra non ci sia stata partita. Ma sarà stato veramente così?

    • Lo hanno mandato via per questioni di …. gioco
      Cioè il giocobfatto da Bayern non piace. Vince? In campionato ma in coppa lascia a desiderare.
      I senatori si sono lamentati, il tedesco non lo parla ed ecco che….
      Cioè il giro palla ha rotto.
      Non solo da noi

      • Non ho riportato quelle cose in relazione all’esonero di Ancelotti che poco mi importa. Ho solo la sensazione che il Bayern sia andato a giocarsela a viso aperto lasciando praterie a quei 3. Emery che tonto non è avendo vinto 3 eu consecutive, ha avuto di conseguenza. Chi glielo faceva fare di provare a fare la partita sempre e cmq?

  5. 
Intervistato dal TG1 Paulo Dybala ha parlato del suo momento.
    Tra campo e vita privata: “La Champions League? E’ un sogno e un’ossessione, un po’ di tutto. Il voler raggiungere la finale a Kiev e finirla in maniera diversa di quella dell’anno scorso. La mia vita privata? Mi sono lasciato questa estate quando sono tornato in Argentina. A tal proposito si sono scritte e dette tante cose non vere. Non sono stato con altre ragazze. Sono single e mi sono lasciato in buona pace. Sono stato tre anni bellissimi ma adesso è finita. La 10? Porto questa maglia con grande onore e piacere. Un numero che hanno avuto giocatori fortissimi. E avere la possibilità di giocare con la loro maglia e una cosa bellissima.

    Perché ho scelto il calcio? Ricordo che durante una partita di basket mi arrivò una palla un po’ bassa e io, anziché prenderla con le mani, l’ho passata a un compagno con un calcio. In quel momento ho capito che la pallacanestro non era il mio sport. Ho fatto bene a scegliere il calcio”.

    Tutto bene ragazzo, ma se anche per te la Champions diventa un’ossessione, rischi di non vincerla mai !

  6. Anto’
    Ti voglio bene ma per me Conte può andare a mangiare in tutti i mc Donald di Londra.
    Se poi ha tantissima nostalgia dell Italia a Milano o a Coverciano ci sono tanti bei ristoranti.
    Noto con piacere,piuttosto,che adesso Carletto è libero.

    • Conte tornerà alla Juve quando i pinguini sbarcheranno al Polo Nord !

    • per il ristorante juve ad antonio chiedono 200 euro!!
      😂😂😂

      • Volevo buttarla lì per stemperare l’accanimento su Allegri. Per me Conte è già il passato e vorrei guardare avanti. Ma nel dopo Allegri vorrei un genio della panchina e Conte è uno di questi insieme a Guardiola e Klopp. Il resto, almeno secondo il mio modesto parere, solo dei buoni normalizzatori.
        Ciao a tutti

  7. Alessandro Magno

    Luigi mi appello al buon senso di tutti voi.
    Una massima di mia invenzione che la prendo come indirizzo di vita dice “se fai sempre gli stessi errori avrai sempre gli stessi problemi” questo come monito a non ripetersi negli errori ma a imparare da essi. Questo riportato a voi sta a dire “se continuate ad avere lo stesso atteggiamento fra di voi che è stato causa dell abbandono o del fallimento di altre esperienze non è che potete continuare a cercare un posto che funzioni perche in ogni posto ritornerà il medesimo problema” 😉 Ovviamente è rivolto a tutti e non è un atto d accusa verso nessuno. Pero davvero riflettere sulle scaramucce quando passano dall esser simpatiche a diventare noiose per qualcuno. Evitiamo 😊

    • Purtroppo spesso la tua massima ha una sorella non meno coriacea, Caro Benedetto : “Chi nasce quadro non può morire tondo.”

      In ogni dialogo, per essere fruttuoso, ci dovrebbe essere la voglia di capire l’altro.
      Se invece è fatto per imporre una “linea di pensiero” cominciano i problemi.
      Ma parlo in generale ovviamente.
      Credo che qui usiamo la celia goliardica, proprio per disimpancare qualche solone. E comunque l’ironia è utile per non prendersi troppo sul serio, in un ambito, il calcio, dove le diverse opinioni sono il sale della discussione.

      Buona giornata.

      • Alessandro Magno

        Concordo pienamente

      • Caro Luigi, c’era un gioco da bambini che facevamo spesso, almeno io… :
        “chi ride per primo, perde!”
        Io ho sempre perso e non ho ancora smesso.

        Caro Amico, in qualunque storia che si racconta scrivendola, alla fine, per rispetto dell’ortografia si mette il . Punto !

  8. BUONGIORNO A TUTTI

    Benedetto, non preoccuparti, abbiamo i nostri numeri di telefono per gli eventuali “vaffa” tra noi.

    OSSESSIONE

    Nella Supercoppa persa a Roma contro la Lazio, il nostro allenatore si è preso tanti di quei fischi che nessuno può immaginare…certamente non fischiavano quelli della Nord…
    Ero tra quelli nella Sud ad implorare Allegri…ma subito, dopo nemmeno un quarto d’ora, a far uscire Cuadrado…invece lui con una cazzimma disarmante lo ripropone anche nel secondo tempo.
    Criticare un allenatore ci sta eccome…anche quando mise Dani Alves dietro e Lichtesteiner davanti…criticare, appunto, allenatore e giocatori.

    Ma se iniziamo a fischiare una squadra, questa Juventus reduce da sei scudetti, allora ci meritiamo di perdere, anche col Be’er Sheva.

    Buon sabato.

  9. Mauro The Original

    Su Ancellotti

    Sinceramente non mi ha mai convinto come allenatore, quindi un suo eventuale arrivo alla Juve non mi entusiasma. A sto punto meglio Allegri mille volte.

    Il prossimo allenatore dovrebbe essere scelto in base alle caratteristiche della rosa giocatori che avrà la Juve in quel momento:

    Una squadra già ben strutturata che necessita di un paio di innesti la darei a Di Francesco mentre se deve essere ricostruita con l’innesto di tanti giovani di altissima qualità la darei a Klopp.
    Ricordo come giocava il Dortmund era da favola. Il Liverpool non l’ho ancora visto ma immagino giochi egualmente molto bene.

    • Ancelotti.

      È senzaltro un allenatore vincente.
      Ha vinto la CL in due club diversi Milan e Real.

      Al Real erano anni che non vincevano la coppa. Era la decima…
      Lo cacciarono più o meno per le stesse ragioni con cui è oggi cacciato dal Bayern.
      Ce sono poi una serie di scuse che ricordano più o meno le lamentele dei tifosi su Allegri.
      Alle fine non piace come fa giocare la squadra.
      Possesso palla difensivo (la chiamiamo melina) attenzione tattica e folate offensive.

      Allegri più o meno gioca lo stesso calcio.

      Alla fine vince però….

      Però chi al suo posto?

      Sarri mi sta antipatico e lo giudico troppo monocorde ma sarei curioso di vedere come farebbe giocare la Juve

      Spalletti lui mi piace eccome. Sempre secondo con la Roma ma contro l’Inter di Ibra (diversa da quella di oggi) e la Juve di oggi una squadra che non ha paragoni con nessuno in italia.

      Gasperini tutta la vita!

      Klopp concordo

      Guardiola lo vado a prendere io!!

      Zidane attualmente il mio preferito.

      Chi verrebbe da noi?

      Sarri sicuro, con quello che guadagna là, basta fare un fischio e viene quà.

      Spalletti penso sia stata persa l’occasione.

      Gasperini non credo rappresenti qualcosa per la società, è una idea mia.

      Klopp impossibile almeno oggi.

      Guardiola impossibile ma forse tra un paio d’anni.

      Zidane ….. boh!

      Altri non ne vedo.
      Ed ecco forse spiegato il rinnovo di Allegri.

  10. Riporto uno stralcio dell’intervista a Spalletti, stimato da molti di noi, ne compreso e che riguarda Juve e Napoli.

    “Le prime due hanno qualità individuali e collettive. Si dice della Juve che come collettivo funziona meno del Napoli, in effetti in alcuni momenti ha mostrato una faccia diversa dalla gara precedente. Ma in tutti i casi è stata squadra, anche quando si è abbassata e ha aspettato. Il Napoli fa sempre quello, ha una qualità di gioco pazzesca nella continuità. Si sa come giocherà, ti prepari le carte per le contromisure ma non basta, perché fanno tutto bene e ad alta velocità”.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia