Juve la cavia della Var

Articolo di Alessandro Magno

 

Obiettivamente ieri è stata una partita meno brutta di quello che si sente raccontare, la Juventus non ha giocato affatto male secondo me, ha fatto 30 minuti veramente bene e anche nel finale ha chiuso all’attacco contro una Atalanta cazzutissima. Anche troppo. Purtroppo, ci sono stati una serie di episodi che sono venuti contro, errori tecnici di nostri giocatori, che possono capitare anche ai migliori come il rigore sbagliato o gli infortuni occorsi a Buffon sui gol quando ha mancato di rinviare la palla che è stata riconquistata dagli avversari, ed errori dell’arbitro e della Var interpretata con logica pilatesca. Nel mezzo c’è stata anche una protezione eccessiva dei giocatori dell’Atalanta che sono stati sempre graziati da falli da ammonizione su tutte le nostre ripartenze e hanno giocato un calcio molto vicino al killeraggio. La partita si poteva vincere visto che l’Atalanta ha tirato due sole volte in porta, certo negli episodi decisivi bisognava essere un attimino più attenti. Il rigore di Dybala ad esempio, che non ha comunque disputato una brutta partita, pesa evidentemente come un macigno. Sarebbe bastato quello per avere i 3 punti. Così come c’è un rigore netto su Higuain nel finale dove l’arbitro si rifiuta di guardare la Var.

È incredibile come a volte il calcio sia episodico. Se metto sul piatto le ultime 2 prestazioni è evidente come si sia giocato decisamente peggio contro l’Olympiakos. Forse l’Atalanta è così più forte dei greci? Ed è strano come a volte si facciano i conti senza l’oste, sul 2-0 la partita sembrava morta ed era impossibile prevedere una reazione dell’Atalanta in rimonta in quanto le 2 squadre erano state impegnate in coppa, loro avevano riposato meno e avrebbero dovuto essere quelli meno abituati di noi a giocare ogni 3 giorni, come sulla carta avrebbero dovuto avere a disposizione un turnover più limitato. Eppure Papu Gomez pareva Maradona per quanto scattava come un grillo. Ieri, tuttavia, invece tutto è girato un poco storto e forse alla fine in una partita così bisogna pensare anche al punto guadagnato, perché quando le cose vanno male si può anche perdere. Il campionato tuttavia è lungo e l’Atalanta è una squadra ostica di questi tempi soprattutto contro di noi, alla faccia di quelli che dicono che i nostri avversari si scansano.

C’è da riflettere ancora sul gol annullato a Mandzukic. Secondo me l’arbitro ha preso una cantonata in quanto da inizio anno questa è la prima volta che si annulla un’azione per un fallo a metà campo. Io avevo sentito dire che si applicava solo per i falli da rosso, quindi dal momento che Lichtsteiner non era da rosso non vedo come possa annullare il gol. E poi nel caso fosse stato da rosso è normale annullare un’azione che è durata oltre un minuto? È francamente illogico. Fischiava subito e se non c’era fallo si ricominciava con una palla contesa. Ho l’impressione che: 1- la Var l’hanno messa per penalizzare la Juve; 2- in ogni caso usano la Juve come cavia per far giurisprudenza. Peccato perché se Dybala fa gol glielo mettevamo in quel posto a tutti anche questa volta.

  1. Ivano

    credo che allegri e la juve a gennaio dopo la sconfitta di doha fossero realmente lontani.

    Non trapelavano notizie da parfd degli interessati ma il divorzio lo davano quasi tutti per certo.

    poi allegri ti inventa quello che più o meno si leggeva sui social e cioè quelli forti tutti in campo!

    e come dice andrea(to) dopo la bella vittoria contro il barcellona tutto rientrò.

    • … Luca se alla Juve si facessero influenzare da una finale persa…. Allegri sarebbe ai Caraibi con “nonèlarai”, mi sfugge il nome ora…

  2. Ivano. Wscirea.

    girando sui blog ho trovato una statistica.

    Allegri: 9 finali (2 Champions League, 3 Coppe Italia, 4 Supercoppe Italiane), 4 vinte e 5 perse. Vittorie: 44%.

    Conte: 3 finali (2 Supercoppe Italiane, 1 Coppa Italia), 2 vinte e 1 persa. Vittorie: 66%.

    Lippi: 15 finali (4 Champions League, 1 Coppa Uefa, 1 Supercoppa Europea, 1 Coppa Intercontinentale, 3 Coppe Italia, 5 Supercoppe Italiane), 8 vinte e 7 perse. Vittorie 53%.

    Trapattoni: 10 finali (2 Coppe dei Campioni, 2 Coppe Uefa, 1 Coppa Intercontinentale, 1 Supercoppa Europea, 1 Coppa delle Coppe, 3 Coppa Italia), 8 vinte e 2 perse. Vittorie: 80%.

    Zoff: 2 finali (1 Coppa Uefa, 1 Coppa Italia), 2 vinte. Vittorie: 100%.

    secondo me è un ottima base di discussione

    Stiamo parlando di finali.

    Allegri è quello che ha la percentuale di vittorie più bassa. Ma ne ha raghiunte molte. Da qui la mia sensazione che pare un controsenso, allegri è bra vo ma non è un vincente. Cioè se conta vincere lui è quello che ha vinto meno in questa speciale clasdifica.

    poi c’è Conte che in tre anni ha raggiunto pochissime finali e tutte italiane pur vincendone due su tre in europa la juve del suo periodo non esiste.

    Lippi ha vinto poco pure lui in rapporto alle finali raggiunte ma la sua epopea è stata di primissimo piano.
    Ha anche vinto il mondiale.
    Insomma ha vinto poco ma ha vinto tutto.

    Poi il Trap. Tanto criticato ma ha una percentuale di vittorie di tutto rispetto. Direi spettacolare. Anche lui ha vinto tutto.

    Zoff a me piaceva parecchio. ha pagato una juve un po così. Ma ha costruito una squadra che aveva una facilità impressionante ad andare in gol. Ed infatti 2 anni due finali due coppe. Una in italia ed una in europa.

    ad ognuno le proprie conclusioni.

    Per me una conferma delle mie convinzioni di sempre.

    Allegri meglio di Conte ma per bincere per davvero serve qualcosa di diverso.

    Trap Zoff Lippi….

    un saluto. Luca

    • Luca, ma con tutto il bene che voglio a Conte, nello stesso periodo sulla panchina della Juve e cioè 3 anni a testa, siamo 9-3 x Allegri, dai.

      • Guarda che l’ho scritto. “la juve di conte in europa non esiste” ti pare poco?
        poi è da sempre che scrivo che allegri è più bravo di conte.
        Al primo anno finale di CL con la stessa rosa di Conte l’anno prima disperso nella neve in turchia….

    • Dimenticavo; il Trap è il Trap, un mito x me, ma che squadre aveva? La sua Juve + scarsa come minimo era fortissima. Tu sai cmq che ogni medaglia ha anche il suo rovescio. Possiamo anche dire che è riuscito a perdere una finale contro l’Amburgo allenando una, se non la + forte Juventus della storia. Ecco, di Allegri scrivere che ha perso con Lazio e Milan, ma le 2 finali champions x ora le ha perse cin avversari nettamente superiori. Trap e Lippi con Amburgo, Borussia e un Milan che in campionato era arrivato 357 punti dietro.

      • vero.

        però su un numero di finali prese in blocco, quando il Trap ci è arrivato ha quasi sempre vinto.
        Mentre Allegri ha più perso che vinto. Ha perso contro real e barcellona ma anche contro lazio e milan il milan dello scorso anno.
        Alla fine in media i numeri hanno ragione.
        Hanno talmente ragione che Capello (fischiato allo stadio una domenica si e l’altra pure) non compare in questa classifica semplicemente perchè in ginale con la superjuve non ci è mai arrivato.
        Alkegri meglio di Capello?
        Sembrerebbe di si.

        Tuttavia insisto, Allegri è un buon allenatore ed alla juve ha fatto bene.
        Oggi però (gia da ieri) la Juve ha bisogno di quacuno diverso.

        • Germano ha messo bene, il dito nella piaga del Trap.Non aggiungo altro quella finale non potrò mai dimenticarla.

    • Luca,
      guardi indietro.
      Nel calcio, come nella vita bisogna guardare avanti.
      Poi in campo ci vanno i giocatori… gli allenatori siedono in panchina…. seguendo il tuo ragionamento Buffon ha perso tre finali di C.L. la prima parando due rigori… la seconda facendo un paio di miracoli… ergo non è adatto a stare in porta nelle finali… se ci dovessimo tornare, in finale, se Schezny fosse infortunato, meglio che giochi Pinsoglio…
      Ciao.
      P.S. mentre in panchina, se dovessimo giocare una finale, chiamiamo il Trap… l’importante che porti anche la “boccettina” d’acqua santa…

      • Ivano purtroppo per andare avanti bisogna avere delle solide basi e queste si fanno guardando indietro.

        Purtroppo noi mon siamo deputati ad andare avanti ma solo a guardare all’oggi. E nel caso discuterne.

        Ed dcco che uno degli argomenti più discussi in questi ultimi tre anni sia il valore di Allegri …. e la juve che gioca male.

        Vero o no. Problema reale o meno questo è il nocciolo della questione.

        Chi critica Allegri dice che la juve gioca male, la preparazione è discutibile, la squadra gioca 30 min …
        Chi difende Allegri invece dicd che vince e finquando vince ….

        Aui ho voluto mettere giù due numeri per parlard sulla base di questi. Per vedere se si pkteva arrivare ad una conclusione.

        Non certo per sentirmi rispondere che bisogna guardare avanti.

        Ciao

        • PS i numeri dicono tra l’altro che Allegri nelle partite secche è tutto fuorchè vincente.
          Al contrario il tanto criticato Trap è un vincente per davvero.

  3. Caro Luca, andiamo avanti con Allegri ed auguriamoci che l’annata finisca bene, poi credo che questo sia l’ultimo e non ne riparleremo più. Ieri ho visto una brutta Italia e questo Ventura che addirittura scopiazza anche con calciatori “approssimativi” ( basta che facciano bene contro la Juve e li convoca) il gioco della Juve stessa, con giro palla per lo più all’indietro. Da italiano sono molto deluso nel vedere che addirittura l’inghilterra ha già fatto il biglietto per il mondiale in Russia ( a scaldare il banco per dirla per gli studenti poco intelligenti) mentre l’Italia è costretta a dover fare una gara extra, come ripescata. M, detto tra noi, come questa volta vorrei passare una bella vacanza estiva senza l’Italia ai mondiali. Non ho niente contro Ventura, ( che ritengo veramente limitato, al suo confronto Allegri un fuoriclasse) ma il solo vedere in tribuna gente come Tavecchio o Malagò mi fa venire il voltastomaco.

    • andrea (the original)

      L’Inghilterra non ha la Spagna nel suo girone.

      • Questo è un altro motivo per cui credo che i gironi e tutti i burocrati che stanno dietro , siano solo una grande pagliacciata. Una squadra come quella rappresentata da San Marino non potrebbe mai andare ai mondiali non capisco che senso ha mettere al confronto tali rappresentative e far fare loro quelle figure contro nazioni che hanno campionati professionistici. Poi ti ritrovi appunto l’Inghilterra che ha un girone in cui potrebbe evitare anche di giocare per riuscire a vincerlo ed uno con Italia e Spagna cui sottoponi una a spareggi. Mah

    • Ma si dai.
      Ma quedta volta che Allegri se ne vada però.
      Magari col botto, leggi coppa, ma ci credo poco.

      La nazionale è ridicola.
      Costruita con giocatori con fondamentali discutibili.
      Bernardeschi in panchina dice molte cose….

      Ma io i mondiali me li gusterò lo stesso.
      Seguirò Spagna, Inghilterra e Brasile.

      Andrea(the original).
      L’italia ha trovato la spagna per aver snobbato le amichevoli.
      Certo che la figuraccia vontro le furie rosse è stato qualcosa di epico.
      Quella di irri la dimostrazione che questa squadra senza ne capo ne coda non è assolutamente all’altezza di rappresentarci. Forse meglio se evitiamo di andarci ai mondiali.

      Facciamo più bella figura e ci facviamo 4 risate su tavecchio e soci

  4. Da Twitter:

    “Chiellini ieri ha raggiunto Totti nella classifica dei cannonieri in nazionale. Senza rigori Chiellini sarebbe sopra. Ecco la dimensione internazionale di Totti.”

  5. Luca, hai visto Matuidi? Gol decisivo con la Francia 😜😂 🤣😎

  6. Sturaro -con gli infortuni che si susseguono a catena, ultimo il
    Manzo- rischia di diventare l’unico imprescindibile nella Juve. Soprattutto in Champions …

    Auguri !

    • A proposito di Sturaro, forse sarebbe sicuramente più utile a questa Nazionale visto che il signor Sventura si affida alla pochezza dei Gagliardini o a coloro che sono riusciti a fare goal alla Juve.

      • senza forse ovviamente ( rimasto lì dimenticato) 😆 😆

        • Giuseppe Però (Svizzera)

          Caro Antony
          Sturaro credo, che peggio del resto della truppa in questa scarsissima nazionale non potrebbe fare. Reputo inoltre la nazionale Svizzera tanto, molto più forte dell’Italia e stasera contro il Portogallo basterebbe il pareggio per vincere il girone, fenomeno CR7 permettendo….
          L’Italia è ai livelli più bassi della pur gloriosa storia.
          Cari saluti elvetici a tutti gli amici del Blog

  7. Biscardi, per un paradosso della Storia, è morto proprio nell’anno in cui il suo sogno si è materializzato sui campi di calcio della serie A: la moviola.

    R.I.P

  8. È qualche anno che Biscardi non parlava più di moviole, ironia della sorte vuole che se ne vada dopo che la sua battaglia è stata finalmente portata a termine. Riposi in pace. Io lo immagino a fare caciara con il suo vecchio amico Maurizio Mosca, e “denchiù” caro Aldo per tutti gi spassosi lunedì che mi hai fatto passare di fronte alla tv.

  9. LA MOVIOLA IN GAMBO
    R.I.P. Aldone nostro

    Più passa il tempo e più mi convinco che in questo campionato faranno di tutto pur di non farlo vincere alla Juventus.

    Iniziò Malagò, ricordate ? “Dobbiamo inventarci qualcosa per far vincere anche le altre”.
    Si parlava già da molto tempo di mettere la moviola in campo…ora VAR…dovevano solo studiare il modo di come “posizionarla” in modo da non ledere quelle già lese di per sé.

    Insomma come diceva anche Carraro, fate tutto, basta che non si aiuti la Juve.

    E così, dopo sette partite, solo nella partita di Bergamo, ci sono tre sbagli del Var (Orsato)…invece con il Napoli non è mai servito ( ma io dico che a Verona serviva, eccome).

    Per non parlare delle milanesi…prossimamente ci sarà da divertirsi ( la partita verrà interrotta per troppo tempo a guardare la tv di campo, si riprenderà il giorno dopo), nessuna delle due vorrà soccombere all’altra solo ed esclusivamente per il Var.

    Ma volete mettere la sportività del tifoso juventino ?

    Il Napoli gioca meglio, il rigore di Petagna non c’era, e Lichtsteiner andava espulso…il rigore su Higuain ? Orsato in campo non l’avrebbe fischiato, ha fatto la stessa cosa non informando Damato…hanno detto, quelli snobb, quelli che parlano con la esse sibilante e la erre alla francaise.

    Si leva un coro da parte dell’altra metà dell’Italia non Juventina: Bene, bravi, bis…questo è parlare da tifosi e non da ultrà.

    Sono contento per tutti voi…andrete tutti in paradiso.

    • Complimenti a Mazzocchi.

      • Pistocchi è un parassita, purtroppo non è il solo.
        Biscardi era un “comico”, aveva inventato una trasmissione che aveva un notevole seguito, era un programma di intrattenimento sul calcio, che di calcio parlava pochissimo, ma dava sfogo al vero spirito italiano, la polemica e l’intrallazzo.
        “non parlate tutti insieme, al massimo due, tre alla volta”, è la sintesi del suo pensiero.
        Avrebbe fatto sicuramente il “varmoviolone” sulla Var.
        Riposi in pace.

        • 😀 😀 ci ha fatto divertire Ivano, e fa parte della storia della televisione sportiva. Dopo i suoi programmi tante fotocopie di quelle farse ma di gente ancora più faziosa e incattivita.
          I migliori processi erano i primi quando aveva messo Bartoletti a condurli e lui interveniva (spesso in modo improprio) dalla regia, per dire la sua. Mi fa pensare a come eravamo e come siamo cambiati, ma soprattutto al tempo che inesorabilmente passa.

          • Antony,
            “il processo del lunedì” mi faceva divertire, quasi ai livelli di “quelli della notte” o di “indietro tutta”.
            Singolarmente il tempo ci cambia, mentre come cambiamento del popolo italiano, mi sembra che il tempo incida meno.
            Comunque i programmi seguono lo spirito del conduttore, se ci metti uno fazioso a condurre, avrai sempre della faziosità nei commenti.
            La stessa cosa vale anche per i blog, è il “conduttore” che determina lo spirito del blog, sapendo o non sapendo gestire.
            Benedetto in questo è bravo.
            Ciao.

            • Chiarezza; onestamente io non ho postato quel link x difendere Biscardi ma x mettere in evidenza la bassezza du Pistocchi semmai ce ne fosse stato bisogno. A differenza vostra io invece penso che quel programma farsa, abbia contribuito e di molto ad inasprire gli animi. A differenza di quel che si dice, l’ho vista sempre come una trasmissione antiJuve, con attacchi inauditi e immotivati.

              • andrea (the original)

                Ah e pensa che Farsopoli si basava su quel teatrino dell’assurdo per dimostrare la sua fondatezza.

              • Wscirea,
                io non difendo Biscardi, ho scritto la mia opinione sulla sua trasmissione. A me divertiva e la guardavo, come si guarda un programma di intrattenimento… per ridere…
                Biscardi, come la maggioranza degli italiani, è stato dalla parte del potere, se il potere cambia colore o squadra, no problem, si cambia.
                Pistocchi era ed è un parassita anche senza il post su Biscardi.
                Certo che se si prendeva seriamente il suo programma…
                Ciao.

        • non per caso

          Ivano,
          io non capisco.
          Alcuni mesi fa leggevo qui domande su “come mai l’ambiente del calcio si è così deteriorato?”
          UNa volta si andava insieme allo stadio…

          Ecco ( RIP ovviamente ) ma Aldo Biscaldi è stato uno degli artefici di questo deterioramento.

          Guardate che ai tempi c’erano altri e molto migliorim programmi di calcio ( su Montecarlo Capello con luigi colombo) Capodistria, anche RAI 2…
          Certi giornalisti – come il citato Bartoletti – sono scomparsi sotto le grida da osteria, come tutto un certo calcio.

          Io non credo che il nemico del mio nemico sia mio amico

          • Condivido, anche se nei primi anni si guardava il trash con un occhio meno becero, sapendo che si trattava, appunto, di spazzatura.
            Poi invece il popolo ha iniziato a cibarsi di spazzatura, pensando al fatto che oggi, ad esempio, il nostro calcio ha avuto la moviola in campo.

            • Capisco il tuo punto di vista, ma per me sono due cose differenti, e quindi non condivido
              una era la propaganda con cui si illudeva il tifoso di un mondo senza errori,
              l’altra la violenza e maleducazione e l’idea di occulta regia con cui si condannavano gli stessi errori e si dava cittadinanza al sospetto

              Io non sono contrario alla VAR, i tempi cambiano e una volta rugby e calcio erano lo stesso sport.

              Ma se non si vuole la var, allora, bisogna anche eliminare la moviola che fa sembrare un atto di 1millisecondo durato 10-30 secondi
              mettano anche un cronometro accanto alle immagini

          • Non per caso,
            dovresti freguentare gli ambienti giovanili delle squadre di serie A…. Biscardi non c’entra… altro che “movoviolone”… funziona come il resto, in certi casi anche peggio – altro che prostituzione intellettuale….
            Ripeto, Biscardi era un “comico”, non un giornlista sportivo, e faceva un programma di intrattenimento.
            Programmi sportivi, adesso seguo, Juve TV, rivedo le partite più volte, mi piace “il tattico” Enrico Vincenti, analizza sempre bene le partite, mentre certe telecronache le asolto senza audio, da quando ho imparato con il pulsante… il “bello” da ascoltare era “tutto il calcio minuto per minuto” quando si giocava alle 14.30… o da vedere, “novantesimo minuto”, tutto quello che è venuto dopo è di livello inferiore, a volte anche notevolmente.
            Bartoletti non mi è mai piaciuto.
            Ciao.

  10. LO SCUDETTO DELL’OTTANTINA

    Il Napoli e la Roma si dovranno superare…
    Allegri dice che lo scudetto si vince a 86 punti…solo a pensarci mi viene l’orticaria.
    Facciamo due conti: Mancano 31 partite alla fine…i punti in palio sono 93…togliendo i 19 agli 86 che dovremmo raggiungere ne resterebbero da fare 67 su 93…la differenza è di 26 punti…pari a 6 sconfitte e 8 pareggi
    ( giusto per fare di conto ).
    Ecco, io magari non vedo quegli 8 pareggi…

    Credo che questa volta Allegri si sia sbagliato.
    Forza Napoli !

  11. andrea (the original)

    4 pareggi Max

  12. Lo scudetto per dirla alla Catalano o alla Boskov, lo vincerà chi alla fine avrà fatto più punti. Fare delle previsioni dopo neppure un quarto di campionato è solo mera fantasia anche statistica. Fosse per me ( in questo momento ) moltiplicherei x3 tutte le partite che la Juve dovrebbe giocare fino alla fine. Ma sappiamo che ogni campionato riserva sorprese e magari qualcosa di nuovo. Questo è l’anno della Var che dovrebbe “dare una grossa mano” alle rivali più attrezzate della Juve. Vedremo se anche questo nuovo handicap sarà superato per la buona pace di chi non vuole che arrivi il settimo consecutivo .
    Questa Juventus è a mio modesto parere ancora più interessante e credo tecnicamente decisamente più forte delle avversarie, ma ci sono ancora mille variabili e tanti ostacoli da superare prima di poter affermare delle sensazioni positive . Intanto queste interruzioni per le nazionali ci rimandano giocatori infortunati tutte le volte e questo non è già un buon segno.
    Un piccolo incipit a quanto detto da Ivano riguardo al cambiamento sociale e degli Italiani. Siamo invecchiati ma pregi e difetti rimangono uguali, ho solo idea che l’ultimo ventennio abbia sopprresso quel minimo di etica che ancora ci contraddistingueva ( forse pure per quel freno dovuto all’educazione cattolica che l’Italia aveva).

  13. LO STILE

    Non manca occasione in cui la numerosa pattuglia degli anti-juventini, spesso impegnati in critiche capziose nei nostri confronti, prenda spunto dal fatto di giornata per condire l’articolo in questione con la classica domanda retorica: che fine ha fatto lo Stile Juventus? Di solito scritto con le minuscole, ma questi sono particolari.

    La prima risposta istintiva sarebbe: ma non vi ha insegnato nulla il caso Bonucci? Pare di no ed allora eccoci a parlare ancora del difensore viterbese, ma con un altro taglio, ovvero la gestione disciplinare dello stesso.
    In bianconero Bonucci, per motivi disciplinari, ha saltato un ottavo di finale di Champions.
    Lo Stile Juventus è questo.
    Quante squadre italiane hanno avuto lo stesso coraggio? A memoria non ricordo nessuna.
    E non parliamo del torneo di settembre.
    No, la Coppa dei Campioni, quel trofeo che a noi interessa poco o nulla… E quando Bonucci ha giocato al “o lui o io”, dove il lui era impersonato da Massimiliano Allegri, alla Juventus non hanno avuto dubbi, perché in realtà la scelta era tra le bizze di un giocatore e una società, uno Stile, non un allenatore.

    Così il buon Leonardo ha fatto le valigie in direzione Milano. Astraendoci dall’attuale momento no del difensore, è stata una bella botta per noi.
    Partiva un componente della rocciosa linea difensiva BBC.
    Il più giovane, il più talentuoso con la palla tra i piedi.
    Il ragazzo sbarca al Milan e da ultimo della classe, messo dietro la lavagna, sullo sgabello a Porto, ecco che i dirigenti rossoneri lo trasformano in Capitano.
    Non solo non deve stare zitto, ma anzi è chiamato a dirigere la difesa, fare proclami, forse come capoclasse segnare anche buoni e cattivi da riferire alla maestra.
    I risultati, prima che sportivi, caratteriali, sono davanti agli occhi di tutti.
    Un’entrata a piedi uniti per avere il suo numero di maglia, discussioni di lana caprina con Immobile dopo aver preso una sonora lezione all’olimpico, sterili quanto fastidiose dichiarazioni sui social network.
    E poi qualcuno si domanda ancora cos’è lo Stile Juventus, forse gli stessi che pensano che Marotta e Mirabelli siano uguali.

    Infatti hanno entrambi il cognome che inizia per M.

    di Rodolfo Lollini

    • Barone,

      personalmente lego “lo stile juventus” al righello regalato al presidente della roma da boniperti. Alla cravatta fatta cambiare sull’aereo a Zavarov. Al fatto di arrivare allo stadio in divisa sociale e non in tuta, alle battute dell’avvocato, a quelle di michel.

      un certo modo di stare in campo e dietro i microfoni.

      oggi in effetti abbiamo un altro stile, non lo paragonerei solo che quello non c’è più.

      Ciao

      • andrea (the original)

        A me pare che lo stile non cambi, semplicemente si inserisce in ottica moderna.
        Ad esempio trovo di notevole stile Juve i tweet di Allegri.

      • Andrea : finalmente abbiamo trovato l’eccellenza di Allegri ! :mrgreen:

        • 😀è già qualcosa.

          Scherzi a parte io resto uno di quelli che pur esprimendo una opinione personale e quindi priva di pretese scientifiche, valuta ciò che vede nel tempo e non parte di idea predeterminata.
          Allegri l’ho apprezzato tantissimo nei suoi primi 2 anni e l’ho scritto in altri blog.
          Dalla scorsa stagione no perché mi sembra statico in rapporto alle notevoli variazioni delle caratteristiche della nostra rosa e della qualità degli avversari.

  14. I DUE MAZSARRI A CONFRONTO

    Dice un saggio: “E’ PIU’ FACILE ESSERE BELLI CHE VINCENTI”…oddio, non ricordo chi lo disse, anche se è una frase molto recente…
    😛

    Quattro anni Mazzarri e quattro anni Sarri alla guida del Napoli, il primo ha vinto una Coppa Italia e persa una ai rigori…il secondo, help, aiutatemi ma non riesco a trovare nulla che lo porti ad un titolo vinto.

    Però, dicono: ” a me mi piace” !

    In questi giorni stavamo mettendoci d’accordo per vedere assieme ad altri tifosi la partita Roma/Napoli al bar del lupacchiotto…invece arriva la notizia che forse per motivi di ordine pubblico la partita viene spostata alle 18,00…a questo punto, ho detto: io me vedo la mia e voi la vostra.

    Poi si è venuto a sapere che era stata tutta opera di Capelli Unti, alias Aurelio De Laurentiis, a suggerire lo spostamento:
    “La richiesta di giocare alle 18 Roma-Napoli? Se per far venire i tifosi bisognava giocare di giorno, dopo il durissimo incidente che costò la vita a Ciro Esposito, mi immaginavo che fosse meglio anticipare la gara.
    Ma credo che l’Osservatorio per le manifestazioni sportive abbia avuto un ripensamento dopo la gara con la Lazio e abbia avuto da ridire nei confronti del comportamento dei tifosi del Napoli.
    Mi dispiace per questo ma ognuno paga le conseguenze dei propri atteggiamenti.
    Non potranno venire i tifosi del Napoli che vivono in Campania, ma tutti gli altri sì, anzi spero vengano numerosi all’Olimpico”.

    Una volta, se non ricordo male ebbe a dire di Andrea Pirlo:
    “E’ l’esempio del senza vergogna visto che se lo scambiano squadre che lottano per lo scudetto da sempre”.

    Forza Napoli.

    • non per caso

      Baro,
      forse non ho capito
      Sarri è al Napoli dal 2015
      2015-2016 =1
      2016-2017= 2
      2017-… sono 2 anni 2 tre mesi…

  15. Non sempre ciò che piace è un vincente, Barò. Il problema inizia a diventare serio quando quello che ci piace non è più funzionale di quello che già abbiamo. In tanti anni ho sempre visto qualcuno che vede l’erba del vicino più fresca della sua, anche se il suo prato è messo decisamente meglio.

  16. A questo punto della discussione sul tema BELLO o VINCENTE, sorgerebbe spontanea una domanda :

    cosa ha vinto la GRANDE OLANDA, la squadra che negli anni ’70 ha letteralmente rivoluzionato il calcio moderno ?

    Risposta : NULLA

    E allora per quale accidenti di ragione è rimasta nel cuore e nell’anima di tutti coloro che amano il calcio ?

    Boh

    • Olanda 74 aveva in campo un “normale terzino” che quasi da solo (come libero) a napoli per poco non vinse lo scudetto ai danni della juve…in finale mondiale con parolone gagliardini non ci arrivi…)

      Una esagerata olanda nel.gioco ma soprattutto nei giocatori incontrò una squadra di “vincenti nella testa” di nazionalità tedesca…e perse.
      Poi tu puoi ricordare una donna belllissima mentre io una meno bella ma…..vai avanti tu…

      Una grande germania proprio perché vinse contro quella olanda…preferisco “l intrigo” alla bellezza…solo questione di punti di vista.

      Ps. Avresti voluto essere olandese o tedesco? ora..juventino o napoletano?.una sola……entrambe troppo facile ma forse non attuabile…

      Germania 72….uno spettacolo…

    • … l’Aiax ha vinto tre coppe campioni consecutive, era la colonna portante dell’Olanda 1974… poi, prima del 74, si è rotto qualcosa nell’Aiax e di conseguenza nell’Olanda… un paio sono migrati in catalogna…
      Il Real ha vinto tre c.l. in quattro anni ultimamente… te lo ricorderai perchè giocava bene?!…
      il NAPOLI di SARRI se lo ricorderanno tutti perchè giocava bene…. cosa ha vinto? NULLA…. speriamo continui….
      Ciao Luigi.

      • Azzz Ivano,
        Allora con l’Ajax hanno vinto anche i belli …

        Allora si può ?!

        Ciao.

        • Ma sai Luigi, io credo che la contrapposizione tra due estremi, nel calcio come in tutti gli ambiti, abbia prodotto i peggiori disastri sociali, appiattendo le menti.
          Io credo e crederò sempre nella terza via che, tornando al dozzinale calcio è che un determinati momenti storici giocare bene aumenta le possibilità di essere competitivi.
          Per tanti esempi di squadre che giocavano bene e non hanno vinto ce ne sono tanti di squadre che giocando bene hanno vinto.
          Questo Napoli giocando può vincere contro una Juve nettamente più forte, non giocando arriverebbe a metà classifica.
          Quindi l’esempio spesso proposto di Sarri bello e vincente non tiene.
          Così come non tiene l’esempio dell’Olanda che non può esser definita perdente per una finale o due, in entrambi i casi disputate contro i padroni di casa peraltro.

          La Juve, giocasse bene, vincerebbe anche questo campionato con vantaggio notevole..giocando come gioca (o non gioca) chissà, possiamo al massimo sperarlo.

          • Lo stesso giocar bene si presta a più interpretazioni.
            Oggi giocar bene significa adeguarsi ai migliori e, nel caso della Juve, sfruttare le caratteristiche della rosa.
            La Juve non ha più la fase difensiva di due anni fa: ha perso quei giocatori totali che la garantivano già a centrocampo (Vidal/Pogba) e da questa estate anche un fuoriclasse della difesa. Quelli rimasti hanno poi due anni in più.
            Quindi oggi per noi giocar bene dovrebbe essere attaccare e non speculare.

  17. Luigi

    Purtroppo nel 1974 perse contro la Germania…in che modo ti puoi informare su internet…quattro anni dopo arriva in finale ancora una volta e questa volta contro l’Argentina…

    Argentina 1978…ti ricorda nulla quello che successe in Argentina in quel Mondiale ?
    Per non parlare della povera gente che veniva portata in cielo con degli aerei e poi buttati giù.

    Sto parlando dell’Olanda che per due volte consecutive arrivò in finale ma che per cause di forza maggiore non la fecero vincere.

    Una buona serata.
    Forza Napoli

  18. UNA CHICCA PER TUTTI

    L’arbitro della finale tra Argentina e Olanda del 1978 fu l’italiano Sergio Gonella.
    Alla fine della partita, Gonella, prese il pallone e se lo portò a casa.
    La federazione argentina lo richiese subito indietro per esporlo nel museo, trattandosi del loro primo mondiale vinto.

    Gonella trovò un altro pallone, Tango, identico a quello del Mondiale…insieme ad altri lo adoperò su un campo di calcio in modo che si presentasse “adoperato”.

    L’unico che fu stato capace di imbrogliare quel regime dittatoriale, fu Sergio Gonella…
    Il pallone esposto nel museo argentino non è quello originale della finalissima.

    Forza Napoli

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia