Una punizione esemplare

Serie A, Napoli-Juventus alle 20:45 (elaborazione)

Una beffa: il Napoli contro ogni massima previsione perde, caduta nella trappola della Juventus, nella trappola di Gonzalo di Higuain.
L’ex, tempestato di fischi tutto il periodo in cui si e’ trovato a Napoli, ha detto basta alle cattiverie, ai fischi e alle brutture di un pubblico che non vuole perdonarlo e lo ha fatto segnando un gol.
Dopo di che, la Juventus tutta arroccata in difesa, amministra il risultato portandosi ad un punto dalla prima classifica.
Come e’ potuto accadere?
A volte la rabbia, il senso del dovere e l’orgoglio prendono il sopravvento sulla razionalita’, il Napoli ritenuto super favorito, con un bel gioco e altresi’ bello a vedere, sebbene l’immediata reazione non è riuscita a rimontare il risultato.
Durante il secondo tempo gli uomini di Sarri hanno combattuto caricando di tiri e obbligando la Juventus nella sua meta’campo senza quasi mai uscire, ma nulla da fare contro Gigi Buffon.
Pubblico ferito e senza parole con lo sguardo perso nel vuoto.
Grande prova di carattere per i nostri, i quali, senza sostegno, rimaneggiati e incerottati conquistano una vittoria sulla carta impossibile, lasciando il San Paolo tra le risate, le loro.
Nessun episodio sospetto, nessun favoritismo, solo bravura ed un pizzico di fortuna.
Ma ora che succede?
Parere personale: La Juventus ha reagito di rabbia, senza attaccanti e con centrocampisti non particolarmente in forma, e come unica opzione ha giocato in difesa e in questo caso è andata bene, devo dire che dal Napoli mi aspettavo molto di più soprattutto in casa, complimenti ai ragazzi che se la sono giocata, buttandosi a capofitto nell’impresa, senza farsi intimidire da un ambiente totalmente ostile, la vittoria inaspettata ha sorpreso in positivo l’organico il quale puntava almeno a non perdere.
Tuttavia, Massimiliano Allegri, spegne gli animi, con la Juventus ad un punto dalla prima, domenica, l’Inter in caso di vittoria potrebbe scavalcare le prime due e ritrovarsi prima, considerando sempre favorito il Napoli per la conquista scudetto.
Ritengo che, con margini così poco significativi la lotta scudetto è ancora lunga e riguarda al momento quattro squadre.

  1. Ora Tutti sul carro dell’ allegr..o vincitor…

    Nulla di nuovo

  2. Ottimo il pezzo di guido vaciago a pagina 3 di tuttosport.
    Leggere soprattutto le prime righe che sono il succo della realtà.

  3. La partita per me e’ stata, Higuain contro Napoli, i ragazzi si sono stretti a lui. Potevamo prenderne un sacco e una sporta di gol, ma non e’ successo.

  4. No Luna,sporte di gol con quel po po di doppio muro innalzato dal Mister,non se ne prendeva nemmeno con il Real!! manco il Trap aveva questi sbarramenti,detto questo la vittoria mi rende felicissimo per tutta una serie di fatti,in primis le battute di De Laurentis e del sindaco che hanno dovuto ingoiare il rospo.

  5. E’ vero, però tutti i muri si bucano, e ieri e stata la serata di Gigi, comunque siamo stati vicinissimi al secondo gol, con Matuidi non realizzato X pura sfortuna.

  6. Però raccontiamocela, ma almeno con stile…
    Abbiamo fatto una partita di SOLA DIFESA, come probabilemtne doveva essere fatta, goal in contropiede…, altre due occasioni per noi.
    Squadra compatta, con Dybala… dico Dybala che difendeva in area…. sacrifico, corsa, abnegazione da parte di tutti i nostri…
    Il Napoli ha fatto possesso notevole, 87% di supremazia territoriale – il Benevento a Napoli rispetto a noi aveva fatto meglio come supremazia territoriale…., palleggio, pressing alto, tiri in porta, tiri fuori, ma di occasioni vere, una con Insigne che calcia fuori di sinistro….
    Ora per chi non volesse capire, il calcio è non far segnare l’avversario e segnare… cosa che Allegri riesce ad inpersonare alla perfezione…
    Prestazione ottima, da Allegri allenatore, ottima fase difensiva.
    I giocatori a fine partita si sono abbracciati perchè hanno giocato bene…… eh si.
    Allegri tutta la vita, al posto di Sarri.

    • Se fai 87% di supremazia territoriale e perdi hai giocato da schifo.
      Siamo andati molto più vicino noi al 2-0 che il napoli al pari.
      Buffon ha fatto un paio di interventini.

  7. La risposta della Juve di Allegri c’è stata. A Sarri è convenuto battere sul possesso palla ma la morale della partita dice che la Juve ha fatto fare al Napoli il gioco che Allegri voleva. Stretta nella fase difensiva e dispiegata in quella offensiva con folate efficaci su cui Reina a messo delle pezze una su Higuain gli e riuscita sull’altra nulla ha potuto. Però il vero miracolo lo ha fatto su Matuidi con una respinta strepitosa e fortunata che poteva darci il 2-0. Napoli davanti troppo piccolo per poterci impensierire ed infatti agli azzurri sono stati concessi molti traversoni tutti preda dei nostri difensori. Buffon non ha fatto parate fondamentali e questo chiude la supremazia sulla partita. Non mi rimane che dire di una mia GODURIA intrinseca che però non riesco a descrivere, mi capiranno i tifosi che godono allo stesso modo. Sul campionato ci siamo anche noi e non ne avevo dubbi.

    • Andrea (the original

      Io invece spero che nel secondo tempo non sia stata la Juve a scegliere perché altrimenti cambierebbe la valutazione complessiva e saremmo alle solite.
      Preferisco pensare a una squadra schiacchiata dietro dalla forza e dal ritmo avversario un po’ come due anni fa col Bayern, cosa legittima quando l’avversario è forte.

      • Andrea,

        la Juve non è stata schiacciata da nessuno.
        Anzi nel primo tempo ha secondo me tentato di schiacciare il napoli tenendo una certa supremazia territoriale.
        Fatto il gol fine delle trasmissioni.

        Ne ho sentite tante su Sarri. Sinceramente questo gran gioco non lo vedo. Vedo una squadra con Hamsik Insigne e Martens giocatori sicuramente sopra la media in una squadra che sta bene in campo. Finita li.
        Il Napoli lo fa grande Allegri con la sua mentalità al risparmio.

        Se alla juve ci fosse un allenatore come Guardiola per es. di Sarri e del Napoli non se ne accorgerebbe nessuno.

        Ma tant’è….

        Ciao.

        • Raga, questo Napoli se giocasse così bene ce ne facevano anche 4, che sia un po’ troppo sopravalutato?

          • Luna

            si mi pare che con Sarri abbiano esagerato un pò.

            La Lazio ad esempio è un’altra cosa, purtroppo per loro non hanno i giocatori che ha il Napoli.

            A proposito, sto guardando i nerazzurri…. Occhio!

            Questi giocano alla grande.

            Sapessi che peccato … Spalletti … a Milano….

            Ciao

  8. Io ho apprezzato tantissimo i ragazzi, finalmente uniti contro il nemico. Higuain straordinario!
    Vorrei vederli sempre così.

  9. Batti le mani schiocca le dita che contro il napoli segna sempre il pipita

  10. VEDERSI UNA PARTITA FUORI CASA

    Per tastare il polso del tifo contro, ho provato a vedermi la partita al bar …
    Mi son seduto -un po’ timoroso — sotto il portIcato, in prossimità del grande schermo che già frugava negli spogliatoi (cazzata).
    Pronti … via ! La Juve gialla subito tonica, irriconoscibili i piccoletti azzurri e non solo per il cambio di maglia.
    I nostri fanno valere la prestanza fisica e la tecnica dei laterali fa il resto. Infatti da una ripartenza nasce l’azione del primo gol realizzato ferocemente da Higuain …
    E allora mi accorgo che sotto il portico siamo quasi tutti juventini infreddoliti, mentre i napolisti sono al calduccio dentro il bar …
    Ho avuto fortuna quindi … partita in discesa, perché evidentemente noi juventini ci eravamo messi fuori per una pronta fuga in caso di debacle.
    Mentre invece il pubblico napolista è anche fatalista, ed il sudario bianco del destino avverso è calato sulle loro facce al gol del grande nemico.

    Tutto il resto (il secondo tempo) è stato “indiani contro giubbe gialle asserragliate nel fortino”, ma, a dire la verità, mai si è avuta la sensazione che le loro frecce avrebbero colpito il bersaglio !
    Qualche imprecazione contro Allegri dalle nostre file trasmetteva la tensione per un risultato insperato alla vigilia.
    Al triplice fischio un Urrà!
    I napolisti non lo hanno sentito … ancora zavorrati da un sogno che la realtà aveva appena frantumato in mille pezzi !

  11. Gustatevi questo video girato da simpaticissimi napoletani e sentite cosa dicono alla fine del primo tempo sulla Juve e il napoli.
    Hanno ragione.
    https://m.youtube.com/watch?v=JqmDVxRmFbc

  12. CIOE’

    Luna23 2 dicembre 2017 @09:12
    La partita per me e’ stata, Higuain contro Napoli, i ragazzi si sono stretti a lui. Potevamo prenderne un sacco e una sporta di gol, ma non e’ successo.

    Luna23 2 dicembre 2017 @10:49
    Io ho apprezzato tantissimo i ragazzi, finalmente uniti contro il nemico. Higuain straordinario!
    Vorrei vederli sempre così.

    • Barone: ho apprezzato i ragazzi compreso Higuain.
      Intendo dire che Higuain ha trascinato la squadra che si è compattata vincendo.

  13. SANDRO SCARPA

    Grazie Napoli, per averci accolto tra i soliti cori, mortaretti, odio, schieramento militare, pullman anonimo e hotel blindato.
    Grazie perché dopo 26 vittorie consecutive in A e col gioco più bello d’Europa ci hai fatto ancora capire cos’è la Juve, come sa difendersi come nessuno in Europa negli ultimi anni, come si vincono gli Scudetti, come si rivincono, con l’umiltà, l’attenzione, la cattiveria, la lucidità mostruosa in non possesso.

    Grazie perché questa volta non c’era la scaramanzia, non c’erano gli amuleti e i cornetti, perché eri superiore, come l’anno scorso, come due anni fa, insomma, pompata da tutta la stampa stufa di un dominio Juve di sei anni, questa volta eri più forte. Si è visto, come no, ti abbiamo fatto attaccare per 90 minuti facendoci il solletico e noi siamo usciti 3 volte, con un gol e due miracoli di Reina.

    Grazie perché dopo il doloroso sogno Champions ancora una volta morto solo all’ultima delle albe, ci hai rimesso dentro quella voglia matta di rincorrere, di ritornare a mettere la testa bassa e puntare avanti, inseguire chi usurpa un posto che per noi era quasi diventato scontato, troppo facile, quasi noioso, e invece…

    Grazie perché ancora adesso, dopo aver battuto la testa contro il muro per la quinta volta di fila, Sarri continua a snocciolare dati sul possesso, sulla supremazia, continuando a non capire che sei il migliore se sai variare, se sai adattarti all’avversario, se sai essere bravissimo sia quando sei martello che quando sei incudine, e non continuando a fare gli stessi identici schemi e poi andare a secco appena un allenatore ti toglie la profondità (Allegri, come Spalletti, ma anche Maran).

    Grazie perché ci hai fatto riscoprire il gusto dell’essere rocciosi, compatti, solidi e lì davanti feroci, guizzanti, tecnici e fatali. Averci fatto riscoprire di essere la Juve, anche in giallo contro grigio e non bianconero. Grazie perché è la terza gara che non becchiamo gol, proprio in casa della squadra dal belgioco offensivo, di averci fatto capire come Chiellini&Benatia possono essere implacabili come Chiellini&Bonucci, che Asamoah è un giocatore ritrovato e che De Sciglio comincia a commettere un po’ meno errori rispetto a quelli che temevamo.

    Grazie perché hai fatto capire, a molti dei nostri, che Allegri è un mister che ha vinto 2 volte al San Paolo dopo 10 anni in cui non si vinceva, e che è uno dei pochi al mondo che varia a 3, 4, 5, attacco, difesa, che ironizza e smorza in pre-partita, che parla di Napoli come “buon test per l’Olympiacos“. Che a volte non ci fa esaltare. Ma lo fa quasi sempre, alla fine delle gare.

    Grazie soprattutto perché hai esultato alla mano rotta di Higuain. Hai esultato perché sapevi che non avresti affrontato il tuo incubo peggiore. E poi lo hai sbeffeggiato a quel punto, dicendo che era un vigliacco, che aveva paura del San Paolo (ma in realtà ti aveva già zittito).

    Grazie perché hai scritto in modo buffonesco “Peccato non ci sia, avrei voluto fargli 4 gol“. Grazie perché quando hai saputo che avrebbe giocato, con una voglia matta, anche dopo 3 giorni da un intervento, anche col dolore, hai provato un brivido di angoscia, ma hai continuato a dire “meglio così, Mandzukic era più in forma”.

    Grazie perché hai fischiato il nostro 9, in 60.000, in modo assordante, dal primo istante, nel riscaldamento e hai continuato in modo incessante, finché non è accaduto quello che sapevamo già tutti, tu in primi:
    col il numero 9, ha segnato…Gonzalo Higuain, GONZALO HIGUAIN!!

    Infine, grazie perché al fischio finale, quando abbiamo vinto in casa della squadra che continua ad essere la capolista, il nostro capitano, con parole naturalissime ha detto: “No, non gioisco tanto perché siamo solo 2°, anzi, domani probabilmente saremo 3°. Ecco…”

    Ecco. Grazie per averci rimesso dentro quella voglia di essere famelica e vincente.

    Grazie perché adesso, siamo tornati. E’ tornata la Juve !

    Buon sabato.

  14. Iuliana Giulia Bodnari

    Brava Cinzia , ciascuno vede la partita a suo modo , io la vivo più con il cuore di tifosa e di tecniche lascio parlare te e Benny . Tuttavia debbo dire che Allegri Vattene ieri sera ha saputo rimescolare quelle carte che aveva , a chiesto a tutti un sacrificio per la squadra , ha saputo instillare tanto orgoglio , ho visto una buona Juve che ha messo in corner il gioco cosi detto champagne perché scaduto , senza idee Mertens , Insigne , Hamsik e altri azzerati . Bisognava vincere e lo abbiamo fatto per rimanere la in alto . Tante volte siamo partiti in sordina per poi man mano si andava avanti conquistando punti . Che me ne faccio del bel gioco se sono ultima , a me non serve , non devo dimostrare nulla a nessuno anche perchè so come sono fatti ma dopo 6 anni un calo fisiologico ci sta e come dice Buffon ci vuole davvero un gran carattere , grinta per alimentare questo gran motore che è la Juve , e poi perché disperarsi del gioco , arriverà . FORZA JUVE

  15. La Juve ha ritrovato, spero per il proseguimento della stagione, umiltà e compattezza. Parliamoci chiaro, ieri mi è sembrato di rivedere Juve Benevento, con una squadra costantemente in avanti e una tutta in area. Anche se non sono un entusiasta di Allegri, devo dire che ieri sera ho ammirato la sua intelligenza di mettere in campo la squadra nell’unico modo per evitare di essere asfaltati e fare la fine dell’Italia di Ventura, andato in Spagna con il 424. Giocando di rimessa, magari un po’ troppo pericolosamente bassi, abbiamo ottenuto il massimo e il bottino di goal sarebbe potuto essere anche più sostanzioso. Soprattutto ho rivisto i giocatori aiutarsi ed esultare tutti insieme e spero che questo sia il viatico verso il settebello… Forza Juve

  16. Ieri ho visto due partite.

    Una nel primo tempo con due squadre a specchio che si affrontavano a viso aperto.
    Due squadre che se la giocavano in attacco ed in difesa con continui cambiamenti di fronte.
    Bravo Allegri perchè ha saputo scuotere la squadra ed i nostri sono entrati pensando al da farsi.
    Higuain Costa e Dybala con Pjanic sugli scudi. Per aver cucito attaccato difeso e fatto gol.

    L’altra partita si è svolta nel secondo tempo. Juve concentrata ma totalmente chiusa nella propria metà campo. Non si può parlare nemmeno di catenaccio perchè abbiamo rinunciato completamente ad attaccare ed a giocare a calcio. in 45min il solo tiraccio di mautidì addosso al portiere vuol dire non giocare.
    Bravo Allegri per la tenuta mentale purtroppo per arrivare ad alzare la coppa c’è bisogno di altro e questo altro non pare nelle sue corde.

    Poi ho visto il famoso napoli di Sarri.

    Ecco. La rosa non è sicuramente quella della Juve, però tutto questo gran gioco non l’ho visto.
    Nel primo tempo la juve ha giocato meglio contro un napoli che ha fatto vedere qualche contropiede manovrato o poco più.
    Nel secondo invece sono emersi tutti i limiti di un napoli che gioca si a memoria ma che è incapace di trovare soluzioni diverse e che è quindi facile incartare per un Allegri che è maestro nel non far giocare l’avversario.

    Contro il Real ad esempio Zidan accortosi di ciò ha cambiato le carte in tavole ed ha fatto saltare il banco. Non così Sarri che di ciò non pare capace.

    Comunque i 3 punti necessari per rimanere vivi in campionato sono arrivati in un modo o nell’altro.

    Ora Atene per “salvare” la stagione di coppa.

    Un saluto.

    • Luca, faccio una chiosa al tuo post con un dettaglio a mio parere importante : i tre davanti del Napoli sono stati ammazzati di fatica da Sarri.
      Questo dato, a mio parere, ha salvato la Juve nel suo secondo tempo da Chievo Verona.

      Ciao.

      Ps Douglas Costa migliore in campo, il nostro uomo decisivo con Higuain.

      • E chi lo ha costretto il medico

      • Luigi
        sia il Napoli che la Juve hanno giocato al rallentatore.
        Poca pochissima corsa (Costa a parte) e giro palla lento. Praticamente sempre un tocco in più.
        Un paio di azioni giocate di prima a testa e ooi un valzer, HipHop ReggeTon sono musiche che al SanPaolo non si sono viste.
        Ciao

      • PS

        se i giocatori del napoli sono cotti chiedere a Sarri.

        Se i giocatori del Napoli non fanno un tiro in porta degno di questo nome alla juve chiedere a Sarri.

        Vero il Napoli non ha la rosa della Juve però la Juve ha anche perso quest’anno.
        Ed il Napoli le ha prese sempre contro squadre europee. Juve City … i russi.

        Un perchè ci sarà.

        Intanto Sarri non ha ancora vinto niente.
        Nella stessa piazza il tanto bistrattato Benitez invece si.

  17. UN GIORNO E OGGI

    Quando il Napoli vinse lo scudetto sul muro di cinta del cimitero comparve una scritta: CHE VI SIT PIERS (che vi siete perso).

    Oggi un’altra scritta capeggia sullo stesso muro: BEAT A VUIE CA’ stit accà ( beati voi che state qui ).

    La loro goliardia è sempre super…un po’ come la Juve di Allegri.
    Buon sabato sera.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia