Mercoledi 11 Aprile 2018 Real Madrid – Juventus Champions League – Santiago Bernabeu Stadium -Madrid

scritto da Cinzia Fresia
E’ giunta l’ora, la Juventus si gioca la qualificazione ai quarti sotto di tre gol, e con Dybala squalificato.
Non e’ un gran che, ma nel calcio tutto e’ possibile, lo ha dimostrato stasera una super motivata Roma che all’Olimpico, si qualifica dopo una rocambolesca super remuntada, sbattendo fuori Messi e compagni, dalla Champions.
Eppure, dopo aver visto la Juventus con il Benevento sabato scorso, non ci ben dispone a sperare che qualcosa del genere succeda anche s noi.
Sara’ difficile che Cristiano Ronaldo resti li’ impassibile a guardare cosa facciamo, sebbene l’impresa sia improbabile ma non impossibile, e’ nostro dovere essere realisti.
La Roma sogna una finale con la Juventus, e io dico che i sogni muoiono all’alba.
Ma torniamo a domani, cosa fara’ Allegri?
Non avendo Dybala, Allegri sara’ costretto a scoprire le sue carte con tutto cio’ che ha, i due attaccanti davanti, Mandzukic, Higuain insieme a Douglas Costa, potrebbero essere una buona ipotesi, a centro campo rientra Pianic, e in difesa .. tanti auguri, con la speranza che chiunque venga messo, sia sveglio e non commetta errori.
Mon possiamo che aspettare domani, ma senza farci grandi illusioni.
Auguro ai nostri di reagire .. e non subire passivamente il verdetto della settimana scorsa, se e’ riuscita la Roma a maggior ragione ce la puo’ fare anche la Juventus.

  1. Ieri in piedi ad applaudire Ronaldo

    Oggi in piedi ad applaudire la Roma.

    LA domanda legittima è, quando potremo applaudire la Juve?

    Stasera dopo l’impresa giallorossa che ci riappacifica con il calcio giocato e ci allontana da quello noioso calcolato, degli allegri e dei dolittle, ci prepariamo ad una bella serata di sport che in cuor di molti ha il sapore di una scampagnata.

    Allegri infatti ha già abdicato, non dopo il risultato di Torino, ma dopo il pari dello Stadium contro il Tottenham.
    Si perché ripetersi quest’anno sarà durissimo ed il prossimo più duro ancora!

    Fortunatamente non la pensano così DiFrancesco ed i suoi ragazzi. Voglia grinta, ma anche coraggio nell’affrontare un avversario si più forte, ma che la sua forza deve mettere in campo e dimostrarla ad ogni partita.
    Ed ecco che la Roma gioca in avanti, pressa alta, e attacca il portatore di palla, togliendo aria e campo agli avversari. Poi sul tre a zero, difesa e contropiede, all’italiana.

    Cosa farà oggi la Juve?

    Allegri parla poco, ma sarò curioso se dopo due batoste 4a1 e 3a0 cambierà qualcosa o si affiderà ancora al doppio terzino sulla fascia.

    Pare centrocampo a tre con Mautidi, auguri, mentre in avanti Higuain con altri due. Ancora Auguri, immagino Manzo con Costa…

    Ma non ci sono canti di guerra o sensazioni d’impresa.

    Tutto tace, con l’aria un po’ cosi di noi torinesi che andiamo a Madrid a fare una scampagnata, cercheremo di capire nei primi 20 min cosa sarà. Se sarà serata di passioni o di calcio estivo.

    Io nella mia stanza d’albergo, birra e patatine le ho pronte.

    Whatsapp a quell’ora in genere funziona, insomma seratina (balle mi alzerò alle 2.45) tranquilla a discorrere di calcio e vecchie glorie o nuovi allenatori.

    Un saluto. Luca

    • La Roma ha Florenzi e Kolarov sulle fasce, la Juve De Sciglio e un brasiliano stanco da 8 mesi. La Roma a cc ha De Rossi che sarà lento, ma veloce di pensiero e a differenza di Pjanic un vero regista, con una visione di gioco come pochi in Europa. La Roma a cc ha due stantuffi, Strootman e Naigollan, che non saranno veloci ma contrastano, pressano e quando recuperano palla sanno come far ripartire l’azione, la Juve ha Khedira e Matuidi, il primo non contrasta e non pressa più da tempo e il secondo lo fa a vuoto. In attacco la Roma ha Dzeko, che ieri sera ha oscurato Messi ed è stato il protagonista assoluto dal 1°all’ultimo minuto di partita.
      La Roma è una squadra costruita bene e messa in campo meglio, la Juve no e non posso credere che le responsabilità che sono tutte e solo di Allegri.

      • Andrea (the original)

        Gioele detto così sembra che la Roma sia più forte della Juve.
        Certo che è possibile che le responsabilità siano tutte di Allegri, mica per partito preso: è lui che ha sempre detto che il suo calcio è una scelta e giocare bene è un esercizio da perditempo.

        • Infatti non ho scritto che non ne ha, ma le critiche andrebbero contestualizzate partita per partita e rapportate alle carenze dell’incompiuta. Il modulo iniziale della Roma ieri sera era il tanto vituperato 3-5-2 e lo stesso Di Francesco ha poi detto che si trattava di un modulo sperimentale preparato in una settimana, ma siccome non giocano i moduli ma quelli che vanno in campo, con giocatori dalle caratteristiche offensive di Florenzi e Kolarov sugli esterni, un regista puro come De Rossi e due mediani che mordono le caviglie degli avversari fin dentro la loro metà campo (non sto a riproporre i confronti con quelle dei corrispettivi juventini) e attaccanti che non devono abbassarsi a recuper palla nella propria spalle alla porta, la musica suonata in campo è diversa, perchè contro certe squadre servono gli squilli di tromba e i rulli di tamburi non le “sviolinate”.

      • Eh si Gioele.

        DeRossi regista si, perchè lo è, Pjanic non lo è dovrebbe giocare come Modric.

        Ma qui chiedere ad Allegri.

        Sugli altri il discorso non cambia.

        Ciao

    • Luca, tu mai…non lo hai fatto nemmeno lo scorso anno quando senza prendere un solo goal buttammo fuori il Barça che non giocò così male come ieri sera.

      • Ma se la Juve gioca male e l’allenatore è urtivanye sarà colpa mia?

        Poi è un pò che la Juve non la applaude nessuno.

        JTV a parte naturalmente.

        A no rettifico.

        Il Real ha applaudito i tifosi della Juve.

        Ciao.

        • Quindi con il Barça, quando la eleminammo, giocammo male…così pure con il Real 2-1 allo Stadium e 1-1 al Bernabeu.
          Cose da pazzi…

  2. Mauro The Original

    Luca,
    quando dico che Higuain nonostante sia un grandissimo attaccante è stato un acquisto sbagliatissimo per la Juve, mi prendono per pazzo. Eppure i fatti inconfutabili mi danno ragione.
    Il Real ha cominciato a vincere Champions da quando lo ha ceduto, il Napoli gioca molto meglio senza di lui, l’Argentina con Higuain non ha vinto un fico secco. Sarà un caso????

    • Si, penso proprio di si.

      Il tuo è un chiodo fisso, ma che non trova riscontri nella realtà.

      Il Pipita è infatti uno dei migliori attaccanti della serie A, ed uno dei migliori attaccanti della Juve attuale.

      Numericamente, ma anche a livello prestazionale.

      Se guardi come gioca, poi ricorda Vialli.

      E’ in sostanza un fuoriclasse, come lo è Dybala.

      Poi bisogna vedere come lo utilizza il tecnico, cosa gli chiede e cosa vuole da lui. E qui torniamo ad Allegri, uno che per sua stessa ammissione ha difficoltà a trovare un posto a Dybala nel 433 (!)

  3. Cosa dire, la terza del “penoso”….. campionato italiano che batte la prima del “famigerato” campionato spagnolo… dovrebbero cadere delle certezze, invece vi vengono delle fantasie ulteriori…
    la terza / quarta del campionato inglese che batte, e di brutto, la prima del campionato inglese… anche qui dovrebbero cadere delle certezze acquisite negli anni… invece vai di fantasia…
    Poi Guardiola ed il Barcellona quelli che giocano a “calcio”…. come il Napoli…. eh eh eh… che vengono eliminati dal Liverpool e dalla Roma …. ops ops ops
    Da ieri sera la Roma si e messa a giocare a calcio… ah ah ah ah, pare anche il Liverpool… prima giocavano con le biglie…
    Di Francesco da ieri sera è il nuovo “Guardiola”…. ah ah ah
    Solo per la cronaca, la condizione spico fisica di un giocatore e di conseguenza di una squadra, incide sulla prestazione, molto più delle fantasie sugli allenatori e sul “gioco”??!!…
    Tipo, se tiri la “carretta” per vincere un campionato tutta la stagione, è possibile essere eliminati da un’altra squadra… che sono due/tre mesi che la “carretta” non la spinge…
    Pensate che Pallotta sia contento di “barattare” la semifinale di C.L., con la partecipazione alla C.L. della prossima stagione?! Vedremo.
    Spero che i dottori non siano troppo impegnati già da questa sera.

  4. andrea (the original)

    Non credo vi siano affinità tra la partita della Roma e quella di stasera. La Roma doveva ribaltare un 4-1 subito al Camp Nou, la Juve uno 0-3 subito allo Stadium. Il fattore campo ha il suo peso, il Real se mai dovesse svaccare sentirà la pressione del suo pubblico.

    E poi c’è il tipo di calcio: la Juve non è concepita da Allegri per assaltare togliendo ossigeno all’avversario, ieri ancora si sentiva l’allenatore parlare di buona difesa da fare.
    Serve a poco questa partita: se si esce con un risultato dignitoso anzi, può rappresentare un pericolo perchè magari si rafforza la panchina di Allegri. Se si perde male si parlerà come al solito di avversario, condizione fisica, gap, 6 scudetti vinti e tutto il campionario di scuse sulle quali si avvita l’ambiente Juve.

    Io spero solo passi presto questa partita, spero che la cancellino già al fischio finale a prescindere dal risultato e che si cambi a fine stagione.

  5. La Roma, ha giocato come chi non ha piu’ nulla da perdere, ed e’ la situazione migliore, o la va o la spacca, e’ andata ..
    L’errore e’ considerare quelli del Real come marziani, cosi facendo i nostri non ci proveranno proprio. Sicuramente il fattore campo non aiutera’, e non vedo il Real Madrd soprattutto Ronaldo molllare la presa.

    • Andrea (the original)

      Cinzia io concordo con te, avevano nulla da perdere e ti dirò di più: se la rigiocano 100 volte vanno sempre fuori.

      Però noi siamo la Juve e dovremmo guardare oltre il risultato, che serve alla Roma per fare un gradino nella consapevolezza e per incassare soldi, non a noi.

      A noi serve fare un bilancio: in Champions sono arrivate in semifinale 4 squadre (Bayern, Real, Liverpool e Roma) dai valori tecnici molto diversi tra loro ma accomunate da un’idea di calcio non passiva.
      Quindi ciò che dice Allegri circa i rapporti di forza che vi vedono inferiori a qualche mostro, pur veri sono deresponsabilizzanti).
      In Italia abbiamo un Napoli che lotta per lo scudetto grazie all’idea di gioco, non certo grazie alla parità di valori tecnici che non c’è. Quindi ciò che dice Allegri circa l’inutilità del gioco ai fini del risultato è deresponsabilizzante.
      Noi abbiamo battuto il Barca lo scorso anno..appunto, lo scorso anno, è passato, lo abbiamo celebrato ma ormai è passato. Nel frattempo non siamo migliorati, andiamo avanti per inerzia.

      Alla Juve o ci si sente più forti o più deboli sulla bsse del risultato, è questo il punto. Poi capita che la Roma va in semifinale..non accadrà mai più ok ma con il gioco passivo della Juve la Roma comunque non avrebbe neanche potuto giocarsela. Tutti dietro, Messi avrebbe fatto gol e amen.

  6. SVACCARE NON SERVE

    Svaccare non serve, anche se (pure) qui se ne vedono le avvisaglie.
    Barcellona e City, le uniche squadre col Bayern nella stessa condizione della Juve, sono fuori dalla Champions, evidentemente non è facile mantenere la concentrazione ottimale quando si partecipa per VINCERE a due competizioni di alto livello.
    Svaccare non serve: le due “fazioni” dei tifosi juventini debbono evitare di leggere i fatti romani dalla lente della propria angusta filosofia.
    Certo, comunque, la filosofia della formichina alla Allegri, non paga in Europa dove si lotta all’arma bianca sul terreno del coraggio e del contrattacco. In Europa infatti le trincee del conservatorismo vengono divelte dal gioco propositivo, aggressivo ed organizzato dei giovani leoni Klopp e Di Francesco.

    Complimenti allora Roma quindi, che trascinata dal suo pubblico, ha disputato per continuità e convinzione, la miglior partita della sua stagione. Anche se a dire il vero, era riuscita già a qualificarsi al primo posto in un girone di Champions non semplicissimo.

    Certo, in questo momento il Real non è il Barcellona, purtroppo per noi. Non riesco proprio ad immaginare i blancos nella veste svagata dei catalani all’olimpico di Roma.
    Mi aspetto comunque una prestazione orgogliosa della Juve. Si può uscire, ma giocandosi la partita. Perfino Allegri ci può riuscire, visto che non abbiamo più nulla da perdere

  7. Complimenti alla Roma che a questo punto spero vinca la Champions. Ma io è 7 anni che applaudo la Juve. L’ho applaudita anche all’andata che x almeno 1 ora ha dominato il Real. Arriviamo da,7 anni di risultati stratosferici. Complimenti cmq anche al City, squadra che gioca un calcio “meraviglioso”. Vinceranno li scudetto del campionato scapoli ammogliati e complimenti a guardiola.

  8. Pubblico meraviglioso. Forse gli altri dovrebbero imparare da noi ad applaudire l’avversario ma noi dovremmo imparare dagli altri ad applaudire e appoggiare sempre i nostri e non fischiarli giustificandosi stupidamente con la motivazione del io pago e quindi ho diritto a…xchè nessuno obbliga nessuno. Xchè tu paghi il biglietto x vedere uno spettacolo (diciamo x vedere vincere la propria squadra, non ci nascondiamo dai), ma io società lavoro solo x vincere xchè questo richiede la mia storia e non posso andare dietro a queste cose.

  9. Cinzia

    Purtroppo c’è molta differenza nel perdere 4-1 fuori e 3-0 in casa.
    Infatti la Roma (impresa difficilissima perché contro il Barcellona) con un tre a zero passa…spinta dal pubblico di casa…la Juve, che non meritava lo 0-3 di martedi scorso, ne deve fare 4 …ma al Bernabeu.
    Mi auguro solo una vittoria per 1-0 …superiore all’1-0 mi darebbe più fastidio per quello che poteva essere e non lo è stato.
    Saluti

  10. BANDIERE E BANDERUOLE

    Una Bandiera bianca rossa e verde
    disse a la Banderola: — Abbi pazzienza,
    ma co’ te nun ce pijo confidenza:
    ce se perde er prestiggio, ce se perde!
    La bandiera italiana è troppo bella
    per annasse a mischià co’ ‘na girella!
    Tu, ch’ogni tanto cambi posizzione,
    nun se capisce da che parte guardi:
    mó t’arivorti verso Garibbardi,
    mó t’arivorti verso er Cuppolone,
    mó t’affissi a levante, mó a ponente;
    no, questo nun è serio, francamente… —
    La Banderola j’arispose: — È vero
    ma puro tu, che dai ‘sti sentimenti,
    te pieghi a li capricci de li venti
    ch’ogni tantino cambieno pensiero.
    Ch’avressimo da fa’? L’aria che tira
    è quella che ce sventola e ce gira…

    Buona giornata

  11. Non passeremo un quarto di finale e non sarà la fine del mondo. Per questo siamo in buona compagnia, nel calcio può capitare senza dover scomodare il gioco. Tra due contendenti uno prevale e l’altro soccombe. Non è stato sempre a scapito della Juve quindi non è certo una negatività consueta. La squadra ha fin qui lottato pur con tanti infortuni che hanno ridotto l’organico e ne è uscita vincitrice fino al dunque di stasera che tiene conto di fattori negativi subiti allo Stadium per merito di un fuoriclasse come Cristiano Ronaldo ma anche per circostanze negative che hanno stabilito uno 0-3 molto bugiardo. Non abbiamo giocato male ma alla pari del Real fino alla espulsione immeritata di Dybala. Poi ognuno la può vedere diversamente anche perché avere un appiglio dopo annate dichiarate modeste e fortunate che mandavano a carte 48 tutte le critiche immotivate per le molteplici e continuative vittorie aggiunte all’albo storico juventino dalla Juve di Allegri. La Roma era da 34 anni che non raggiungeva una semifinale è un record anche questo. Di Francesco l’ha ottenuta con un modulo il 352 che qualcuno riteneva superato, ma il gioco del calcio non è costituito da opinioni ma da risultati ottenuti sul campo.

  12. Ragazzi, buona partita a tutti, comunque vada.
    Per la Juventus non sarà una serata facile, se ieri avessero eliminato la Roma, mal comune mezzo gaudio .. invece .. no.
    E se stasera come da probabili previsioni la Juve non ce la dovesse fare, i ragazzi non ne uscirebbero tanto bene.
    Vedremo.

  13. Ooooohhhhh ohhhhhhh
    Fino alla fine forza Juventus.
    Dai ragazzi.
    Primo tempo fantastico.

  14. Meritavamo ampiamente la qualificazione nell’arco delle 2 partite. Grandi, grandissimi. Sono 7 anni che facciamo prestazioni mostruose giocandocela sempre con tutti. Sono 7 anni che non ne azzeccate una. Ora scrivere scrivete. Real dominato x almeno 130 minuti su 180. Poi loro hanno Ronaldo e…

  15. Non c’è niente da dire. La delusione è troppo grande.
    Per una volta la fortuna ci aveva strizzato l’occhio in Champions (leggi gol di Matuidi).
    E abbiamo avuto tutto il tempo per cercare il quarto gol che li avrebbe ammazzati.
    Bastava forse fare almeno un cambio per dare fiato a un centrocampo ormai in asfissia.
    Invece abbiamo cercato platealmente i supplementari.
    E purtroppo si sa, se smetti di giocare questi in qualche modo ti puniscono.
    L’ultima entrata scomposta di Benatia, male posizionato, ci è stata fatale.
    Peccato veramente, perché potevamo scrivere veramente una pagina di storia calcistica questa sera.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: noticias juegos
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia