Victory!

Scritto da Cinzia Fresia
Temevo i supplementari, lo ammetto, per come si erano messe le cose durante la prima fase, la prosecuzione della durata regolamentare sarebbe stata per noi una rovina, per non parlare dell’ipotesi successiva, cioè andare ai rigori.
Dopo il solito primo tempo giocato un po’ a risparmio e in attesa di capire cosa poteva succedere, la Juventus come per magia, esplode e si scatena con 4 gol, due nomi: Douglas Costa e Benatia, il primo insostituibile il secondo autore di una doppietta da far invidia persino a Cristiano Ronaldo, si chiude la partita con l’autogol e la Juventus conquista per 4 anni di fila la Coppa Italia.
Un trionfo netto, senza macchie, senza sospetti ed illazioni, anche Rino Gattuso, umiliato e addolorato per i suoi tifosi, si è arreso alla forza devastante della Juventus.
Mi aspettavo una partita combattuta, entrambe le squadre volevano vincere, ma le singolarità della Juventus sono uscite fuori alla grande togliendo ogni dubbio.
Allegri ha schierato l’unica formazione possibile in base alle disponibilità, insistendo con Cuadrado terzino, mossa che non aveva entusiasmato in precedenza, in più sorpresa .. Higuain in panchina, Mario Mandzukic in campo, eppure questo gruppo ha messo da parte le tensioni della settimana facendo vedere cosa sa fare.
Il Milan, crollato psicologicamente, i rossoneri al terzo gol, capiscono che non ce la possono fare, e sperano che tutto passi più in fretta possibile, ma la Juventus non è mai sazia, il quarto gol (autogol) mette un sigillo alla vittoria, questa volta è veramente finita.
La motivazione non è stata sufficiente a far reagire il Milan, svuotato e psicologicamente distrutto, che decide di deporre le armi.
Una serata fantastica e una festa magnifica, per i nostri ragazzi, con la conquista dello scudetto, chiuderanno un’annata dai risultati non così scontati, mettendo una pezza per la mancata qualificazione in Champions.
Ma stasera vederli festeggiare nello spogliatoio con il loro allenatore è stata una gioia, godiamoci gli ultimi istanti di una stagione non superlativa ma dal finale inaspettato, si prevedono cambiamenti e vedremo come andrà a finire, nel frattempo abbracciamo i ragazzi vestiti con questa maglia, anche se li vorremmo per sempre alla Juve alcuni li perderemo .. peccato, la legge del successo prevede scelte profondamente dolorose, ma la Juventus deve andare avanti, e la consapevolezza del cambiamento è l’unica proiezione che ci permette di mantenere i risultati nel tempo.

  1. E’ andata bene,

    la Juve ha giocato da Juve ed ha avuto ragione di un Milan che forse più di così non può dare.

    Ma la notizia è che la Juve stasera ha giocato a calcio!

    Niente di trascendentale, il Barça è un’altra cosa, ma si è visto qualcosa di piacevole, che non vedevamo da tempo a livello di gioco. Ci sono state molte pause, ed anche momenti in cui i ragazzi non sapevano cosa farsene del pallone, però nel complesso, se in campo ci vanno Cuadrado, Pjanic, Dybala e Costa qualcosa si riesce a vedere.

    E spero di aver visto un anticipo della Juve del prossimo anno.

    Abbiamo alzato la Coppa nel cielo di Roma come meglio non si poteva, grande Buffon!

    Domenica se va tutto bene alzeremo lo Scudetto.

    Quindi sapremo la fine della telenovela Allegri, con annessi e connessi sognando con o senza l’Acciuga una Juve più bella di questa, perchè quest’anno è stata inguardabile.

    Ciao. Luca

    • Condivido Luca.

    • D’altra parte Luca, sono gli stessi giocatori che ho inserito nella formazione iniziale (compreso Benatia e non Rugani) passata poi ad Allegri tramite il blog di Alessandro e Luna 🙂 😉 con l’unica variante di Mandzukic, giustamente in formazione da inizio partita per quella che è stata l’ultima finale di Coppa Italia vinta nella sua ultima stagione alla Juve. Per la verità mi sarei aspettato la stesso trattamento anche per Alex Sandro, ma credo che in questo caso abbia avuto ragione Allegri perchè due attori non protagonisti in campo sarebbero stati troppi. Per il resto credo che le giocate di Cuadrado e dei 2 “scombinatori” Costa e Dybala siano state decisive per demolire in pochi minuti del 2° tempo un Milan apparso forse troppo intimorito ed inesperto di fronte ad una Juve che in questo momento in Italia non ha avversari.
      Ciao.

    • Caro Luca mi dispiace per te ma Allegri rimane. Perché vuole ribadire l’incompetenza di molti che lui li definisce “ parlanti con lo stampino”.

  2. Troppo facile e superficiale esaltare un giocatore quando gioca bene.
    La costanza di rendimento ad alti livelli, e la concentrazione nei minuti finali fanno la differenza.
    Costa è un grande giocatore, ma se gli scende la condizione deve riposare, non regge 50 partite, deve giocare un tempo, una partita, ecc, Benatia anche, io lo scrissi ad inizio stagione, super negli anticipi, meno in trincea, deve migliorare nella concentrazione nei minuti finali, che sono notoriamente fondamentali per il risultato.
    Buffon, non comment, troppo superiore.
    Allegri speriamo sia lui l’acquisto della prossima stagione, la gestione dei giocatori e le soluzioni offensive, sono state il fiore all’occhiello di questa stagione.
    Giocatori, alcuni non hanno brillato in questa stagione, ma il trend è positivo.
    Società, no comment, troppo superiore.
    Tifosi, come le altre squadre, alcuni capiscono, altri pensano di capire, altri capiranno, forse, quando le cose cambieranno.
    Non ho sentito ancora candidature per spingere il “carro”, sono libere… per salire invece bisogna “giustificarsi”…

  3. andrea (the original)

    Condivido.
    Ecco, su Higuain, l’ho visto molto defilato e d’altronde se sei la stella e vai in panchina in una finale ci sta.
    Mi auguro solo che questa gestione non abbia perso anche lui.
    Finale rocambolesco, bene così ma ora aria nuova.

  4. DOPO GLI APPLAUSI, SPAZZARE VIA IL VECCHIO

    Risuonano le trombe e i tromboni stamattina, aggarbugliati dal pacco di Roma, in gran parte incartato da un colosso con le mani d’argilla: Gigo Donnarumma.
    Rialzano la testa i pretoriani del caciucco, dopo essere stati rimpannucciati per un anno intero nelle trincee del fideismo.

    La pioggerella romana ha fatto nascere sul prato dell’Olimpico qualche margherita solo nel secondo tempo, quando, dopo la capocciata di Benatia, la Juve ha deciso (finalmente!) di uccidere la partita.
    Perché se si accende Douglas Costa, incendia una fascia, ma se al tric-trac partecipa anche Dybala, si accende il campo.
    Già, perché ieri sera il ragazzone di Castellammare di Stabia ha deciso di parare solo i tiri della Joya.

    I freddi numeri ci glorificano: sette scudi più quattro coppe in fila indicano una capacità di stare ai vertici che non ha eguali in Italia. Solo in Germania il Bayern sta facendo qualcosa di simile.
    Ma questo ciclo è finito, il vecchio deve essere lasciato andare nella gloria della pensione, perché la riconoscenza nello sport è una iattura.
    Adagiarsi sui morbidi cuscini del risultato di Roma sarebbe una mollezza da fine Impero.
    Ma sono certo che la dirigenza ha posto già le basi per dare nuova linfa, nerbo e carne, al nome “Juventus” !

    • Ma il vecchio sta fuori dalla Juve. Per avere maggiore competitività occorrerebbero Società più attrezzate e lungimiranti. Purtroppo di Juve c’è una sola e solo sconfinando si trova pane per i suoi denti come Real Barca e Psg.

  5. Un secondo tempo da Juve, dopo un primo tempo equilibrato. La differenza l’hanno fatta I portiere, eccezionale come sempre il nostro, inguardabile il loro. Ho sempre detto che se Donnarumma invece che a 16 anni avesse esordito a 20, sarebbe stato un Viviano qualunque, perché è un buon portiere e nulla più, niente da paragonare al nostro splendido quarantenne. Per il resto tutto regolare, vittoria meritata da una superiorità tecnica e mentale che va oltre gli errori. Speriamo di festeggiare ancora domenica, in una partita in cui il pareggio va bene ad entrambe le squadre….

    • Guarda Sivio che solo sabato scorso Gigi nostro ha fatto una cavolata che da un quarantenne non è proprio guardabile eh?
      Non esageriamo, ieri è stata una giornata no per il loro portiere forse anche troppo esaltato, anche se tutto sommato ha tirato fuori 2 /3 parate su tiri di Dybala non da poco.

  6. Ieri mi sono divertito certamente più che se fossi andato al circo. Insieme agli amici di coppa con cui vedo le partite è scoppiata un epidemia di risate ad ogni situazione dei goal. Divertentissimo il siparietto tra MANDZUKIC e BONUCCI prima del calcio d’angolo in cui è scaturita l’autorete di Kalinic. Ma grande è stata la risata per la faccia di Matoudi quando ha tentato pure lui di farsi una bella autorete.
    Ecc forse il punto negativo che insieme all’amico Luca ribadisco sin dall’inizio, proprio quel MATOUDI che pur essendo generosissimo è una via di mezzo tra il buon Bonini degli anni ’80 e lo Sturaro attuale. Una nota stonata in uno spartito di Mozart.
    Confido nella buona predisposizione di Paratici e Marotta affinchè questa squadra possa ancora migliorarsi, soprattutto a centrocampo. Non credo sia già finito un ciclo, dopotutto siamo ancora al 70% di un progetto che prevede almeno altri 3 scudetti e qualche altra coppa, non altro per pareggiare i conti per quanto subito nel 2006.
    Buona JUVE a tutti i tifosi ed auguri per questa annata che per quanto discussa, è andata ancora in modo abbastanza soddisfacente. Stiamo vivendo sportivamente un periodo storico unico, godiamocelo

    • andrea (the original)

      Credo che invece Matuidi abbia un senso se utilizzato come al PSG e in Nazionale, cioè in una squadra che gioca a ritmo più alto.
      Normale che nel calcio bradipo di Allegri si notino solo i limiti ma questo varrebbe per tanti centrocampisti di inserimento.

      • Appunto Andrea, mi chiedevo proprio questo.
        Come si fa a comprare un calciatore di trentanni a quella cifra e con quei piedi … Boh.
        E, da incompetente, chiedo : non dovrebbe essere proprio la velocità a mettere più in evidenza i limiti tecnici di Matuidi ?
        O piuttosto -la lingua batte dove il dente duole- è la mancanza di organizzazione nel gioco della Juve che mette vieppiù in evidenza il gioco confusionario dell’angolano ?

        • andrea (the original)

          Non so se organizzazione, sicuramente ritmo e velocità sono un problema.

          • Matuidi è un giocatore scarso nei fondamentali e alzare i ritmi non può valorizzare doti tecniche che il maliano non ha. Accusare Allegri anche di questo invece che mettere l’accento su altri aspetti del gioco, la trovo francamente una critica quantomeno non azzeccata.

            • Andrea (the original)

              Ho parlato di ritmi.
              Matuidi, fosse stato scarso, non avrebbe giocato nel Psg arabo e in Nazionale.

              • Il fatto che Matuidi abbia giocato nel Psg e nella Nazionale francese, non può aver migliorato doti tecniche che “fondamentalmente” non possiede, entrambe l’hanno infatti utilizzato per compiti più adatti ad altre sue caratteristiche, demandando a chi ha doti e qualità tecniche superiori alle sue, quello della costruzione del gioco.

                • andrea (the original)

                  Abbiamo anche noi gente che sa far gioco, solo che facciamo un calcio lento, in cui le doti di incursore di Matuidi non emergono.

                  • Non basta avere doti da incursore per esserlo realmente se si è privi dei fondamentali richiesti, Khedira per esempio li ha ma a lui negli ultimi tempi sono mancati il dinamismo e la corsa del francese, e questi sono i motivi per cui il cc della Juve non è all’altezza di quelli dei top clubs europei.

  7. La calma è la virtù dei forti; la halma è la virtù dei vincenti.

  8. “profetiche” le parole di pagno72 su Donnarumma…”sta parando tutto…”😂😂😂 🤣🤣🤣😜

    https://m.youtube.com/watch?v=kEWrAAufbHY

  9. Scusate, io non è che lo voglio difendere a tutti i costi, ma, al di là di Sconcerti o no, io mu sento di sottolineare e condividere tutti i concetti sul calcio espressi da Allegri su questo video.

    https://m.youtube.com/watch?v=PzsE2Eb-rhU

    • Ma lo sappiamo bene che Allegri come “parlatore” se la cava bene. Avrei voluto sentirlo -come avrei voluto sentire tutti noi- all’86^ di Inter-Juve.
      Scommetto che a causa della gola secca non avrebbe potuto spiccicare parola !
      Ora, a pericolo scampato e a strizza lontana, torna a fare lo sborone con Sconcerti per togliersi qualche sassolino dalle scarpe.
      Sconcerti gli stava semplicemente dicendo una cosa ovvia: la Juve del primo tempo era stata molto diversa da quella del secondo.

      • Ho scritto al di là di Sconcerti. Se poi x te in questo video tra Allegri e Sconcerti e quest’ultimo che dice cose ovvie allora…alzo bandiera bianca; anzi, bianconera 🏁😂😂😂

      • Azzzz … Allora leggi in modio frettoloso …Ho detto che è un ottimo parlatore …
        Alza pure la tua bandiera, ma Sconcerti è sembrato in imbarazzo con se stesso, perché prima della partita aveva previsto i supplementari … pensa un po’…

        Ciao

  10. Vediamo cosa accade nella campagna acquisti. Ieri vedendo esultare in quel modo Marchisio come il capitano ho avuto sentore che insieme a Buffon sia un altro candidato a dire addio a questa JUVE.
    Sicuro Lict ed Asamoha,e ci sarebbe da mettere una pezza già sulle fasce basse. Spinazzola sarebbe già il primo e poi Caldara dovrebbe dare un ulteriore spina dorsale alla difesa. Parlano di Darmian per la fascia destra che non mi entusiasma, ma spero che De Sciglio stia bene e che dopo quest’anno di collaudo si confermi come giocatore da Juve. I problemi più importanti sarebbero i puntelli a centrocampo perchè oltre a Pjanic c’è da ricostruire in toto, intorno. El Chan dovrebbe sostituire un Kedyra ormai alla frutta e causa pure di quel gioco bradipo in mezzo al campo. Poi servirebbe un simil Vidal ( che non vengono fuori dai fustini di detersivi). Non mi dispiacerebbe il ritorno di Pogba che con quanto detto prima non c’entra niente, ma che darebbe consistenza tecnica e forza fisica a questa squadra. L’ideale sarebbe il mongolo della Roma, semprechè si riuscisse a convincere che la festa è solo e soltanto nella Juve. Intanto mi aspetto che Bentancur non faccia solo il secondo a Pjanic e che inizi a menare le danze facendo vedere se ha attributi o meno.
    Fasce ed attacco dovrebbero rimanere così come sono con gente intercambiabile di grandissima qualità. Un cambio tra Mandzukic e Morata non sarebbe però da scartare.
    Cambiare svecchiando in questo modo garantirebbe alla Juve a mio modesto avviso, una continuità per cui l’altra terna di scudetti che mi aspetto a breve, ( sono molto modesto in questo caso) 😆 😉 non dovrebbe essere una chimera.

  11. Allegri dopo LO SFOGO prenota anche il prossimo anno alla Juve
    LO SFOGO – «In una stagione ci sono state varie discussioni, si parla di rapporto incrinato, ma che c’è di incrinato? – ha detto ai microfoni della Rai – Non siamo al massimo, abbiamo perso due finali di Champions, non c’è costruzione finita. Fate domande assurde. Bisogna vincere il campionato e poi combatteremo per il prossimo campionato. La gente è permalosa, non parlo più, non vuole capire che nel calcio ci sono imprevisti, come nel Monopoli. Ma sbaglierò, parlate tutti con lo stampino e nello stesso modo. Sono molto lucido a differenza vostra che non lo siete. Ho molta pazienza, ma vi aspetto tutti al varco, tutti. Non sento di essere vicino alla fine, perchè mi diverto ad allenare. Ora bisogna cercare di vincere il campionato, poi l’anno prossimo ci sarà di nuovo da combattere».

    • Perdonami Beppe … Ma queste sono le parole di uno a cui manca la terra sotto i piedi …
      Leggo insofferenza e solita spocchia livornese … null’altro

  12. https://video.gazzetta.it/juventus-urlo-benatia-spogliatoio-gia-virale/91559292-541f-11e8-956d-708f8aa257bd?refresh_ce-awe_video&counter=2

    Dopo una finale vinta, quella di Sconcerti è una domanda o una provocazione?

    Dire poi ad Allegri di stare “calmo” lo trovo un paradosso, non fosse altro per quella che ha raccomanda ai suoi giocatori per l’intera stagione 🙂

  13. raccomandato ..

  14. X ivano

    – ora tutti, come largamente previsto, sul carro dei vincitori

    – certo è strano che questa dirigenza juve che ha fatto quello che nessuno al mondo è mai riuscito a fare, continui inspiegabilmente ad affidarsi ad allegri….fenomeni da una parte, orbi dall’altra…misteri del calcio

    – la juve gioca male? Rispetto a chi….al napoli? 😊😊😊
    Forse all’inter..

    Un saluto

    • Claudio,
      Allegri più passa il tempo più mi piace…. calcisticamente parlando, forse perchè “interpreta” il calcio come lo “vedo” io.
      Anche il primo scudetto di Conte, un pò di merito è stato di Allegri…eh eh eh… ma lui ha imparato… dagli errori si dovrebbe imparare…anzi senza errori non progredisci…
      “Giocare bene”… nel calcio… è un pò come “meritare”… sono concetti avulsi dal contesto calcistico… nel calcio non tutto si può “razionalizzare”, bisogna invece “interpretare”, ed Allegri sa “interpretare” molto bene…

  15. Germano
    Tu hai visto le immagini in tv…io ero lì…Buffon parlava all’orecchio di quel tifoso per ribadirgli che la maglia non poteva dargliela ( evidentemente l’aveva già promessa a qualcuno).
    Non cerchiamo sempre di distorcere la o le realtà.

    Qui sopra ce ne sono alcuni…ma uno o due in particolare che chiamarli tifosi sarebbe un elogio.
    Ciao.

  16. Cinzia
    Scusa, ma come fai a dire che pensavi già ai supplementari quando il risultato è stato sbloccato dopo 10 minuti dall’inizio del secondo tempo ?
    Poi il secondo goal è arrivato che mancava mezzora alla fine della partita…non capisco questa paura…o forse uno si butta avanti per non cadere indietro…o meglio ancora perché prevenuto.
    Poi quel condividere sempre chi spara a zero non solo sul pianista ma anche a chi gestisce il saloon.
    Saluti.

  17. ALLEGRI, ABBIAMO VINTO

    Aoh, lo dico pure a voi scontenti e SCONCERTATI, su con la vita, avrete modo di rifarvi domenica o se va male ( a voi) il prossimo anno se Allegri dovesse rimanere.

    Ha fatto bene Allegri con Sconcerti, anzi, doveva fare di più.
    Non ho capito, è come me con voi, dalla mattina alla sera con la stessa litania, ieri siete partiti in pompa magna già dal primo tempo…poi ? Ditelo voi cosa è successo, poi, con parole semplici senza andare a prendere i migliori filosofi e riportare i loro pensieri.
    Il carro è pieno e per voi non c’è posto ( il carro è ipotetico), anche perché viene chiesta la tessera del tifoso.

    Saluti.

    • andrea (the original)

      Amico mio,
      lasciamo la questione carri a Juve Channel e al mistificatore interista che dichiara ancora una volta il falso, visto che le posizioni sul blog sono scritte e visibili.

      Qui non sale nè scende nessuno, non ho visto in alcuno un cambiamento stile banderuola e aggiungo per fortuna, perchè saltellare sui pensieri sarebbe davvero poco edificante.
      La Juve ha vinto, fa piacere a tutti. Questa Juve a molti non piace perchè non dà certezze per il futuro pari a quelle che la rosa fornisce.
      Si sente, molto diffuso, un bisogno di cambiamento, di idee nuove e lo si sarebbe sentito sia in caso di vittoria che di sconfitta.

      Sconcerti, lo ribadisco, ieri sera non ha mosso alcuna critica ma posto una domanda legittima (passibile di risposta peraltro) su eventuale fine ciclo per Allegri.
      No perchè Max, già abbiamo tutti i media antijuventini, se diamo loro una mano creandoci nemici anche di fronte a una domanda normalissima siamo fritti.

      • Ho ascoltato solo ora il battibecco Sconcerti/Allegri.
        Bisogna ammettere, caro Andrea, che riuscire ad essere obiettivi con addosso la casacca del tifoso, è una cosa molto molto difficile. Anche per questo perdoniamo certe paranoie che si leggono anche qui sopra.

        La domanda di Sconcerti poteva essere anche un po’ sibillina, ma oggettivamente era plausibile. Il giornalista fiorentino gli ha chiesto semplicemente, se dopo aver vinto tanto si sentisse a fine ciclo, con queste parole: “Quando si è davanti a un qualcosa di compiuto ognuno è il primo che sente magari di essere vicino alla fine. Volevo sapere se tu lo sei”.
        E qui con tutta evidenza ha toccato un nervo scoperto del livornese il quale sa benissimo di non essere amato da una bella fetta di tifosi juventini. Ed ha sbroccato, perché ha sbroccato !, e solo a Juve Channel, e in qualche altra orcura caverna del tifo, si può dire che non lo ha fatto. Purtroppo invece è un fatto.
        Se essere tifosi juventini vuol dire negare questo “fatto”, ebbene siamo veramente alla frutta.
        L’intelligenza non può svendersi all’essere tifoso. Mai.

        Ciao.

        • Luigi,
          Allegri avrebbe “sbroccato” e quindi… non è amato da un fetta di tifosi… sai che “turbamento” che avrà Allegri… non dormirà… ci sono delle ottime tisane rilassanti… come “l’ambra”…
          Il “fatto” e che Allegri evidentemente non si sente a fine ciclo… è difficile da accettare? amen.
          Un allenatore che è venuto alla Juve nella contestazione… si dovrebbe preoccupare di “una fetta di tifosi che non lo ama”??!!
          Dai Luigi, “svendersi all’essere tifoso”… “perdoniamo certe paranoie”… che tristezza.
          Ciao.

          • Anche tu, come Allegri evadi la domanda, Ivano. Per te ha sbroccato o no ?
            Allegri poteva serenamente dire: “Non mi sento a fine ciclo”; lo ha fatto ? Milioni di spettatori ti direbbero di no.

            Ripeto: perdoniamo certe paranoie. Perché le “paranoie” sono scritte per (s)fortuna, non me le sono certo inventate.

            Non essere triste Ivano, che diamine. Sorridiamo mentre applaudiamo la nostra Juve.

        • andrea (the original)

          Esatto.
          Sì ma non è questione di obiettività, qui non c’è interpretazione, le parole sono agli atti.
          Non so se è solo questione di essere amati o meno, la domanda era sul possibile fine ciclo, cioè qualcosa che riguarda anche icone del tifo.
          E credo che il fortino sempre e comunque contro tutto e tutti non paghi.
          Ciao

  18. SPIEGAZIONI

    Se qualcuno non avesse ben chiaro il significato della metafora “salire sul carro”, qui è spiegato bene:

    “Qui non sale nè scende nessuno, non ho visto in alcuno un cambiamento stile banderuola e aggiungo per fortuna, perchè saltellare sui pensieri sarebbe davvero poco edificante.”

    Insomma “salire sul carro” vuol dire contraddirsi, dire altro rispetto a ciò che si è detto prima.
    Ebbene, per quanto mi riguarda ribadisco: dopo il primo tempo “giocato a due all’ora”, la Juve ha aumentato i giri del motore nel secondo tempo e ha soverchiato innanzitutto fisicamente la difesa rossonera. Non a caso due gol su quattro sono venuti da calcio d’angolo. Sempre due su quattro da eclatanti papere del portiere (letteralmente in bambola dopo il primo errore). Questo è. Semplicemente e serenamente.

  19. L’argomento merita una maggior attenzione, specie per chi non avesse ascoltato l’intervista nella sua versione integrale e pronuncia giudizi sul comportamento di Allegri, come spesso accade tanto superficiali quanto poco sereni.

    http://www.raisport.rai.it/dl/raiSport/media/Botta-risposta-Allegri-Sconcerti-d29d6f55-9bca-4d27-8b3d-875da0d87da5.html

    Il link dell’intervista Rai in cui a partire dal minuto 3 e 40 secondi Sconcerti si rivolge ad Allegri con la premessa:
    “Dopo 7 scudetti consecutivi, nelle grandi costruzioni, nel momento in cui queste costruzioni sono vincenti, quando si sta per scollinare per passare il monte, si sentono, chi le sa ascoltare, in questo caso il suo allenatore, si sentono i primi scricchiolii.”
    Già qui verrebbe da chiedergli il senso di quelle parole, Allegri non lo fa e l’intervista prosegue passando dall’ipotetico “allenatore che sa ascoltare” alla domanda diretta rivolta ad Allegri, quella in cui chiede se anche lui “sente gli scricchiolii”. Domanda chiaramente ambigua e provocatoria, visto che anche qui non si capisce a chi si riferisce, se alla squadra che scricchiola dopo 7 anni o ad Allegri dopo i suoi 4 anni di gestione coronati da altrettante vittorie, tanto che lo stesso Allegri nella risposta replica a Sconcerti chiedendo “cosa ci sia di incrinato” in una squadra che vince per 4 o 7 anni consecutivi. Ed è a questo punto che Sconcerti nega di aver parlato di scricchiolii della Juve e mischia le carte con l’assunto (indimostrabile) della costruzione che arrivata al massimo va verso la fine e Allegri a ribattere che la “costruzione” non è affatto arrivata al massimo con un chiaro riferimento alle 2 finali Champions perse, ultimo e prestigioso traguardo da raggiungere per questa formidabile squadra che in molti, compreso Sconcerti, vorrebbero veder crollare prima.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia