Ronaldo gate .. ma perche’?

Scritto da Cinzia Fresia

Da quando Cristiano Ronaldo ha aperto la porta della sua nuova casa, non ha nemmeno finito di disfare le valige, mettersi le pantofole e sedersi sul divano, che c’è già una tempesta in atto che lo riguarda.
Quasi un uragano ha investito Cristiano mentre cominciava ad inserirsi in squadra facendosi notare, è emersa una notizia di una possibile denuncia da parte di una sig.na dall’attività non precisata, la quale recrimina l’indennizzo per un trauma subito da una violenza sessuale perpetrata dallo stesso Ronaldo, accaduta nel 2009.
Colpo di scena e al cuore .. perchè la sig.ra non scherza, la donna nella veste di “intrattenitrice” all’interno di una discoteca a Las Vegas, si “propone” a Ronaldo il quale pare gradire l’avvenente e provoncante ragazza, va beh .. a 24 anni nel pieno della giovinezza, bello e multimilionario .. sembra cosa normale, la questione però è andata oltre, cioè i due sarebbero finiti a letto, normale anche questo, tuttavia la donna insiste sulla violenza in quanto affermerebbe di aver subito pratiche sessuali a lei non gradite. La questione peraltro sembrava chiusa, la ragazza aveva accettato un’offerta di denaro per non sporgere denuncia, e firmato un accordo definitivo, ma niente da fare, essendo negli Stati Uniti d’America, reati che non cadono in prescrizione, la Mayorga, per chissà quale motivo, è tornata a minacciare la tranquillità del campione.
Sgomento e preoccupazione anche in casa Juve, la maggiore Azionista Exor, mal gradisce la presenza di un presunto stupratore come immagine della squadra, il vertice Juve difende il giocatore a spada tratta, il ragazzo si sta facendo volere molto bene dal suo allenatore e dai colleghi, che lo adorano e difendono.
Le indagini però vacillano, le prove dello stupro pare non ci siano, e per non vanificare, sono saltate fuori altre tre signore che accuserebbero l’attaccante sempre di molestie.
Ci chiediamo, ma perchè costruire uno scandalo per rovinare l’immagine, di questo giocatore proprio ora che è alla Juventus?
E’ davvero strano, senza pensare ad un complotto contro la Juventus, che ha Ronaldo da attirarsi questa antipatia?
E’ una macchina che fa soldi, possiede un jet personale: un Gulfstrim200, quindi sarà abituato ad avere persone che vogliono aprofittare per guadagno personale, ma quando è troppo è troppo.
Sarà forse l’approccio anticonformista della sua vita privata, non è sposato, ha cambiato numerose fidanzate, e ha avuto figli da rapporti non conformi alla morale, usufruendo uteri in affitto e il primo figlio, nato da un rapporto occasionale, questioni riguardanti il fisco peraltro sanate.
Insomma nulla di trascendentale, consuetudini comuni all’ambiente dei privilegiati .. eppure qualcosa non va, chiusa la falla del fisco s’è n’è aperta un’altra.
Il cocktail è completo, bello, sportivo, campione ricco e tenero compagno e padre, ma non solo, Ronaldo fa molta beneficenza, ha a suo carico numerose famiglie indigenti che mantiene senza farne pubblicità.
Difficile pensare a come andrà a finire questa storia dove, chi ha da perderci è solo Ronaldo e di conseguenza la Juventus, obiettivamente, le storie di questi stupri sono incongruenti e fanno acqua da tutte le parti, che Cristiano possa aver usufruito di certi servizi non lo si può escludere, non sarebbe nè il primo o l’ultimo che utilizza simil prestazioni, ma tra questo e uno stupro ce ne passa, e le signore vittime sembrano spuntare come funghi tutte insieme e un po’ troppo in fretta.
A questo punto saranno gli avvocati a decidere, come spesso accade si cercherà un accordo, e non la verità.
Purtroppo uomini come Ronaldo sono delle prede, e non si può pretendere che un ragazzo nel pieno delle sue possibilità, stia chiuso in casa .. sicuramente c’è stata da parte di Ronaldo della leggerezza su come sta gestendo la vita privata, ma appunto perchè è privata andrebbe lasciata stare. Mi chiedo che gusto ci sia, rovistare tra le “mutande” di un personaggio pubblico la cui immagine sportiva e umana non sarà sicuramente messa in pericolo da persone senza scrupoli, che vivono delle debolezze altrui.

  1. Meglio riportarlo alla vista di tutti.
    Ivano 11 ottobre 2018 @08:14

    “Giustiziere”, ad altri la puoi raccontare… a me no.
    Hai scritto questo :

    “”””ma tornando alle cose terrene a proposito di leggerezza che dire a questo punto della superficialità della Juve,(anche quel teewt..)società quotata in borsa non dimentichiamolo ,che a fronte di un super investimento mondiale genere non abbia prima effettuato una sorta di background check preciso e dettagliato””””

    Ergo ritieni la Juve ovvero la sua dirigenza leggera e superficiale, quindi è passato ilprimo che capita e le hanno fatto un contratto multimilionario, ovvero le stai facendo i complimenti, quindi ti ergi a suo difensore e stimatore?

    Aspetto.

    La risposta è dentro di te epperò è sbagliata. (cit.)

  2. @Ivano
    Non è che la ragazza sia “credibile” in sede penale e “non credibile” in sede civile, o viceversa.
    Il punto è che nelle due sedi il “fatto” che i due giudici devono affrontare è diverso.
    In ambito penale, un magistrato dovrà stabilire se la Mayorga ha effettivamente subito una violenza sessuale.
    Da un punto di vista civilistico, invece. il giudice dovrà valutare se il contratto stipulato tra la ragazza ed il giocatore debba essere annullato o meno. Senza minimamente entrare nel merito dello stupro, che non gli compete.
    In altre parole, ci potremmo trovare difronte a scenari solo apparentemente contraddittori: un giudice penale che condanna Ronaldo per stupro e un giudice civile che considera valido e vincolante l’accordo 2009, con la conseguenza che Ronaldo finisce in galera ma non scuce alla Mayorga un dollaro in più di quelli che le ha già versato. Oppure, all’opposto, un giudice penale che assolve CR7 (o neppure lo rinvia a giudizio, risparmiandogli il processo) ed un giudice civile che annulla la transazione.
    P.S. Nel procedimento penale, adesso, non è necessariamente la ragazz a dover portare nuove prove. L’attività di indagine spetta essenzialmente alla polizia di Las Vegas, che verosimilmente acquisirà video e raccoglierà testimonianze di persone che erano presenti al fatto. ovvio che, a distanza di così tanto tempo, la raccolta di prove diventa molto più problematica, a vantaggio dell’indagato.

    • Michel, partendo dal fondo,
      forse c’è un punto da chiarire, le prove sono, saranno NUOVE, ovvero 9 anni le prove in mano agli inquirenti non hanno determinato un rinvio a giudizio.
      Mentre video resi pubblici, foto, magari si trovano in circolazione, ma a nove anni di distanza, video del casinò, non penso sia possibile, le banche le immagini le trattengono una settimana massimo, i casinò non saprei, mha…; testimoni, se non ci sono dichiarazioni di nove anni fa, bene, cercare delle testimonianze ora… eh… quindi come concludi tu la raccolta prove di questo tipo è problematica.
      E sono perfettamente d’accordo con te.
      Quindi le probabilità sono maggiori per il non luogo a procedere, a meno di rinvenimento di prove determinanti.
      A questo punto, l’aspetto civile.
      Se l’accordo non viene invalidato, Ronaldo potrebbe chiedere i danni. Oppure no.
      Se invece l’accordo viene invalidato cosa potrebbe succedere? La ragazza può chiedere i danni ulteriori? e sulla base di cosa? di un non luogo a procedere penale? è questo che volevo evidenziare.
      Però i miei sono solo ragionamenti di logica.
      Spero di essermi spiegato.
      Ma l’aspetto più importante per CR7 sarebbe definire la questione nel minor tempo possibile.

      • @Ivano
        Un conto sono le prove (magari anche poche) senza un indagato. Suppongo che la polizia del Nevada avesse cose più urgenti da fare che andare a cercare un possibile stupratore di una ragazza che neppure lo identifica (ergo: lei stessa non ha tutta questa voglia di farlo punire dalla giustizia), quindi il fascicolo è rimasto dormiente, per così dire. Ma ora l’indagato c’è e può anche darsi che un procuratore americano in cerca di notorietà consideri quelle vecchie prove -corredate, magari, di qualche testimonianza raccolta adesso- sufficienti per mandare in scena il “processo al calciatore più famoso del mondo”.
        Da un punto di vista civilistico, molto dipende dalle tempistiche: se l’accordo 2009 viene annullato da un giudice prima che vi sia una archiviazione penale o un rinvio a giudizio, Ronaldo potrà avere interesse a trovarne uno nuovo con la Mayorga, pagando ovviamente di più, per “ammorbidire” quella che è la principale teste dell’accusa, cioè la “persona offesa”.

  3. L’ITALIA DEL MANCIO

    Non riusciamo più a vincere una partita, eppure avevano detto che era un vincente.

    Lo scudetto con l’inter( quello buono(?) non quello di cartone), quello vinto con il City 13 maggio 2012 vinto a una manciata di secondi nei minuti di recupero contro il Queens Park Rangers con un uomo in meno (espulsione di Burton per una rissa…quindi, presumo, non era solo, oppure il giocatore del QPR ha tirato fuori la pistola).

    Insomma vince la Premier con la differenza reti contro i cugini dello United.

    Ieri gioca senza il centravanti di ruolo, perché, boh ?

    “Chiesa sta crescendo, è normale che gli manchi ancora un po’ di esperienza, ma ha grandi qualità.
    Bernardeschi e Insigne sono ragazzi abituati a fare gol.
    Il centravanti? Quando ne avremo uno che fa i gol, lo metteremo in campo”.

    Eppure sono fiducioso.

  4. Di certo, allo stato dei fatti, c’e’ poco.
    L’unica cosa sicura e’ che la Juve non ne uscira’ bene finanziariamente e pubblicamente lo stesso, per inerzia.

    Aggiungiamo che il 22 cm report ha annunciato lacrime e sangue attraverso il suo conduttore romanista..la ricetta e’ servita.

    Qualunque cosa succeda, anche se sfiora lontanamente la Juventus, diventa un’ arma letale per I detrattori lanciatori di fango.
    Ecco come si puo’ arrestare il cammino di questa squadra : fuori dal campo.

    Cambiate bar, come nel 2006.

    .

  5. La faccenda di Cr7 avra’ serie ripercussioni sul prosieguo della squadra. Qui, mi pare che sicuramente a rimmetterci il lato B sia Ronaldo, noi tifosi e la Juve come dicevo sopra.
    Devo dire che non ho tanta voglia di dissertare, allo stato attuale. La Juve puo’ vincere anche senza Ronaldo, ma il programma era ben altro.

    E stiamo qui a dissertare su lati B, preservativi, amplessi e prestazioni ecc. Anche scendendo in particolari hard. Credo che il ragazzo, qualora leggesse, si sentirebbe lui, violato. Gia’ ci penseranno gli aspetti processuali a scavare nel personale e nelle pieghe dell’ intimo rapporto sessuale. Con divulgazione mondiale.
    Oggi il RM ha dichiarato che non sapeva e annuncia azioni legali alla testata portoghese rea di essersi inventata il consiglio di Peres a ronaldo di pagare.
    Un marasma infinito, anche sottoposto ai manipolatori informatici che stanno operando alacremente.
    In ogni caso il comunicato del RM complica assai la posizione di Ronaldo.
    C’e’ poi, 3/4 di Italia che gode.

  6. http://www.spiegel.de/international/cristiano-ronaldo-kathryn-mayorga-the-woman-who-accuses-ronaldo-of-rape-a-1230634-2.html

    Traduzione in italiano (1a parte):
    Si piega (ndr Mayorga) profondamente in avanti sulla sedia. Sembra che all’improvviso stia pensando che la sua caduta nella Jacuzzi potrebbe farla sembrare una “cattiva” ragazza. Di nuovo, inizia a parlare con estrema rapidità. “Ho avuto del vino al lavoro”, dice, e dopo aver bevuto un sorso o due di champagne. “Ero sobria, al cento per cento.” La caduta nell’acqua, dice, l’ha aiutata a riprendersi un po ‘. Diceva a se stessa: “OK, devi essere forte ora! Jordan (ndr la sua amica) continuava a chiedermi (se fossi a posto). Ho iniziato a ridere e (…) ho detto: ‘No, no, non è successo niente. Non posso credere che siamo … guarda il panorama! “” Alza le spalle, ma il gesto sembra più triste che indifferente. Dice che poi se ne sono andati. “I suoi amici mi hanno dato un asciugamano”. Sulla strada per l’ascensore, ha fatto il delirio Jordan: che notte, che divertimento! A un certo punto si salutarono a vicenda. Fu solo quando finalmente arrivò alla sua auto che il dolore cominciò. “Ogni battito del cuore che ricordo era come un dolore penetrante”. Dice che è andata in un ospedale ma aveva paura di entrare. Poi tornò a casa e si stese nel suo letto a casa e cercò di dormire. Ma non poteva. Solo poche ore dopo, ha ricevuto una chiamata dalla Jordan “Era come, ‘Siamo tutti sopra le notizie!'” Allo stesso tempo, dice Mayorga, stava ricevendo messaggi di testo chiedendo: stai uscendo con quel famoso ragazzo di calcio? Solo allora ha visto le foto. “Erano dappertutto, ogni notizia.” Le foto l’hanno mostrata flirtare con Ronaldo nell’area VIP di Rain. Dice che ha immediatamente detto a Jordan, che non va bene, non va bene. Ma Jordan, dice, non capiva cosa intendesse – fino a quando alla fine uscì con questo: “Jordan, mi ha violentata!” Jordan, dice, era profondamente preoccupata e immediatamente le consigliò di stare attenta, dicendo che il calcio i giocatori hanno molto potere. In questi casi, ha detto, non esiste la giustizia. Il dolore non si placava e ha iniziato a preoccuparsi. “Era tipo, ‘sono davvero sofferente.’ Ed ero un po ‘in preda al panico “, dice Mayorga. Dice che ha chiamato un suo amico d’infanzia e le ha detto cosa era successo. L’amica le consigliò di chiamare la polizia anonimamente “Non volevo che sapessero chi ero”, dice. “Era tipo, ‘non ho intenzione di dire il suo nome, non ho intenzione di dire il suo nome (…) ho detto,’ ho bisogno di qualcuno che mi porti in ospedale. ‘ Volevo ottenere quel kit di stupro. (…) Così vennero, il sergente e cinque macchine della polizia ed era come questo enorme casino! “Insieme, Kathryn e i suoi genitori cercano di ricostruire ciò che l’ufficiale di polizia ha detto chi e quando. I loro ricordi divergono leggermente, e alla fine l’unica cosa su cui possono essere d’accordo è che la polizia era lì. E che qualcuno le ha messo il vestito e la biancheria intima in un sacchetto di plastica e li ha portati fuori di casa. Ad un certo punto molto più tardi, Kathryn Mayorga dice che alla fine ha ceduto alla sollecitazione di sua madre e le ha detto cosa era successo. Larry Mayorga inizia a parlare. Si ricorda di stare fuori con la sua uniforme da pompiere. “Il detective mi ha detto che chiunque l’ha aggredita (…) ‘Chiunque l’abbia fatto, tua figlia deve farci sapere chi è.'” Guarda sua figlia. “E poi ho parlato con te e tu hai rifiutato.” Dice che sua figlia gli ha detto: “Non capisci papà, è più grande di quanto pensi.” “C’è una registrazione della chiamata di Mayorga al Dipartimento di Polizia Metropolitano di Las Vegas alle 2:16 del pomeriggio. il 13 giugno 2009. Nella cosiddetta “spedizione assistita da computer” o rapporto CAD, che DER SPIEGEL ha ottenuto, il suo rapporto riporta un numero di caso che in seguito fa la sua apparizione nella transazione stragiudiziale tra Kathryn Mayorga e Cristiano Ronaldo.Nel rapporto CAD, sotto il titolo “Tipo”, che si riferisce al tipo di reclamo che registra, il numero 426 può essere trovato. È il codice per i reati sessuali. L’agente di polizia che ha parlato con Mayorga ha notato che il chiamante era estremamente sconvolto e non voleva fornire il nome del presunto autore. Tutto quello che lei avrebbe detto è che si trattava di una “figura pubblica” e di un “atleta”. L’ufficiale ha annotato che non si era lavata. Il rapporto nota anche che la polizia è arrivata nella casa dei Mayorgas poco dopo le 14.30. in quel sabato pomeriggio. Sono tornati al quartier generale in diverse occasioni, dove un ufficiale ha notato che la presunta vittima voleva andare in ospedale per un esame di stupro, che viene eseguito su vittime di violenza sessuale per ottenere prove e per esaminare e fotografare possibili lesioni. Portò Mayorga al Centro Medico Universitario poco prima delle 16:00 Il rapporto CAD rileva che alle 5:15 del pomeriggio, aveva offerto vaghe informazioni sulla presunta scena del crimine, dicendo che si trattava di un hotel “vicino” a Flamingo Road, dove si trova l’hotel Palms Place.

    • P.S.: La traduzione parte dalla seconda pagina, in cui sono descritti i momenti successivi alla presunta violenza subita dalla Mayorga.

  7. (2a parte)
    Il rapporto dell’esame mostra che Mayorga è stata curata in ospedale per due ore. Rivela che era “ansiosa, cooperativa, piacevole”. Ha detto che occasionalmente beve alcolici e che è stata sottoposta a test per la droga, ma i risultati sono risultati negativi. In una lista di controllo, le infermiere hanno registrato ciò che Mayorga aveva fatto dopo il presunto stupro: cambiato vestiti, lavato i denti, urinato, mangiato e bevuto. Sotto la categoria riservata al tipo di attacco, l’infermiera notò che il “retto della paziente penetrava” e che l’eiaculazione era avvenuta “nelle mani di un aggressore”. La sottoponevano a test per malattie trasmesse sessualmente e si insinuavano la bocca e il retto alla ricerca di possibili tracce di DNA . Le sue ferite – un gonfiore circonferenziale con lividi e lacerazione – sono state fotografate. Le fu poi somministrato Zithromax e Rocephin, due antibiotici, e rilasciata. Nei giorni successivi, ha appena lasciato la sua stanza, dice. “Mi sentivo male e mi sentivo confusa e non avevo ancora emozioni, nessuna emozione, attraverso tutta questa faccenda … mi ci sono voluti tre mesi per piangere”. La madre Cheryl interviene: “Volevo tenerla. confortarla “, dice. “Abbiamo cercato di entrare (nella sua stanza), e lei: ‘Esci!'” Dice che ha poi ingaggiato un avvocato. La polizia “le ha detto che avrebbe avuto tutte queste fatture e le spese mediche” se non ha detto il suo nome, dice Cheryl. Un amico ha raccomandato un avvocato di nome Mary Smith, il cui nome è stato cambiato per questa storia. A quel tempo, aveva un piccolo studio a Las Vegas. I Mayorgas descrivono Smith come amichevole e di buon cuore. Guardando indietro, però, pensano che sia stato un grosso errore non aver contattato un avvocato con maggiore esperienza in materia. L’avvocato le ha consigliato di rilasciare una dichiarazione completa alla polizia. E due o tre settimane dopo, Mayorga stima, un ufficiale di polizia è venuto e ha registrato la sua dichiarazione. Come parte di questa affermazione, ha anche menzionato il nome di Ronaldo. “Ho stampato le foto di lui, perché il tizio non sapeva chi fosse”. Dopotutto, le stelle del calcio internazionale non sono necessariamente ben conosciute negli Stati Uniti. L’ufficiale, dice, era un uomo più anziano. Quando lei gli disse che aveva baciato Ronaldo in bagno, l’agente reagì dicendo: “Uh-oh, questo sarà un problema, sarà un problema!” E lui dice: “Beh, solo per quello che sai, hai un avvocato, non sembra bello”, ricorda Mayorga. “Era come allertarmi e ho detto, ‘I miei genitori mi hanno detto di prendere l’avvocato!'” Aggiunge: “Non sapevo cosa fare, sto cercando di nasconderlo! Alla fine, ha pregato l’agente di polizia di non fare nulla con la sua dichiarazione, dicendo che aveva ancora bisogno di un po ‘di tempo e che non era emotivamente stabile. Lui le promise, lei dice, di aspettare finché non fosse pronta. Da quel momento in poi, Mayorga resta intrappolata in questo dilemma: Da una parte, non voleva diventare pubblica con il suo nome o il suo. Dall’altro, lei voleva giustizia. Il suo avvocato, dice, ha poi proposto di chiarire tutto fuori dal tribunale. Negli Stati Uniti, le aggressioni sessuali sono spesso riconciliate con gli accordi extragiudiziali, con vittime e perpetratori che raggiungono un accordo senza che il processo sia mai processato. L’assalto sessuale è il crimine più grave nello stato del Nevada dopo l’omicidio. Se condannato, una persona affronta la vita in carcere. Ma affinché si verifichi una condanna, la colpevolezza deve essere determinata oltre ogni ragionevole dubbio – e ciò è particolarmente difficile con i crimini sessuali. Spesso, è la testimonianza di una persona contro quella di un’altra. Molte vittime decidono di perseguire procedimenti civili piuttosto che penali. L’obiettivo non è condannare il presunto colpevole ma indennizzare finanziariamente la vittima. L’onere della prova è notevolmente inferiore in tali procedimenti. Deve solo essere più del 50 percento probabile che il presunto autore abbia commesso il crimine. Ma un procedimento civile ha anche i suoi svantaggi. Sebbene la vittima possa richiedere che il caso venga processato con uno pseudonimo, è pubblico e, naturalmente, non vi è alcuna garanzia che l’anonimato della persona rimanga protetto. Per questo motivo, molte vittime decidono di risolvere il caso in via extragiudiziale, ad esempio attraverso la mediazione, in cui una persona neutrale agisce da mediatore. Termina quindi con un accordo transattivo. Questo tipo di procedura può essere vantaggioso per entrambe le parti. Le identità degli autori e delle vittime possono essere protette. L’intero processo è più breve di una prova. I dettagli angoscianti dello stupro non devono necessariamente essere rimaneggiati. Questi argomenti avevano senso per Mayorga. “Volevo insegnargli una lezione, volevo che lui se ne occupasse, che dovesse affrontarmi”, dice. Dice anche che non stava cercando di arricchirsi, ma voleva che pagasse per il suo trattamento. “Non ho intenzione di pagare per il mio maledetto trattamento”, dice, descrivendo il suo pensiero all’epoca. “Mi ha violentata, pagherà per il mio maledetto trattamento!”

  8. (3a parte)
    I documenti di Football Leaks mostrano che l’avvocato di Mayorga, Mary Smith, ha contattato un avvocato di Ronaldo in Inghilterra a metà del 2009. Ha detto che rappresentava una querelante a Las Vegas in una causa contro il calciatore. L’avvocato ha inoltrato la posta all’avvocato portoghese di Ronaldo, Carlos Osório de Castro, che ha rappresentato Ronaldo per anni su tutti i tipi di questioni legali. “Di cosa pensi si tratti?” Osório de Castro rispose: “Non ne ho idea”. alla fine di luglio, era chiaro che era serio. Diversi avvocati sono stati coinvolti nel caso da allora, incluso uno con sede in California che aveva rappresentato diverse personalità di spicco in tribunale. Gli avvocati di Ronaldo hanno discusso quale potrebbe essere la migliore linea d’azione. Un elenco contenente centinaia di domande è stato presentato a Ronaldo, suo cognato e suo cugino. Nel documento, Ronaldo è indicato come “X” mentre Kathryn Mayorga viene indicato come “Ms. C.” Esistono diverse versioni del questionario. Le domande rimangono più o meno coerenti su tutte, ma le risposte non lo sono. In una versione di dicembre 2009, Ronaldo parla di sesso consensuale e che non vi era alcuna indicazione che non fosse d’accordo con esso durante il sesso, né lo fece sembra che non stesse andando bene dopo. Ma c’è un’altra versione molto più antica. È il documento che potrebbe avere gravi conseguenze per Ronaldo. È stato inviato via email nel settembre 2009. Il mittente era un avvocato dello studio di Osório de Castro. I destinatari erano lo stesso Osório de Castro e un altro collega. In risposta alla domanda se la signora C. avesse mai alzato la voce, urlato o chiamato, X ha risposto, secondo il documento: “Ha detto di no e si ferma più volte “Nel documento, X dice che era sdraiata su un fianco. “L’ho inserita da dietro, è stato maleducato, non abbiamo cambiato posizione”

  9. (4a parte)
    Quando la mediazione è iniziata, Mayorga era in una stanza con il suo avvocato mentre la squadra legale di Ronaldo si trovava in una stanza vicina. I genitori e il fratello di Mayorga erano seduti nel corridoio fuori. “Mi stava stressando” dice Kathryn Mayorga riguardo a quel giorno. La sua faccia è vuota, le dita della sua mano destra accarezzano i suoi orecchini turchesi. “Volevo che fosse lì in quell’incontro, volevo che si occupasse di questo, di dover affrontare me. Questo è quello che volevo più di tutto.” Dice che il mediatore è andato avanti e indietro tra le due stanze per dire a ogni parte le argomentazioni presentate dall’altra e, in definitiva, per trovare un accordo. L’avvocato di Ronaldo, Osório de Castro, si era recato a Las Vegas per l’incontro, durante il quale mandava messaggi di testo al suo cliente. “Il mediatore ora dice che è scoppiata in lacrime e che è scossa perché pensa che tu non sia interessato a questa faccenda e che sia altrove”, ha scritto Osório de Castro: “Finora, non si è parlato di soldi, ma sta arrivando. “Ronaldo rispose,” OK. “Quarantasette minuti dopo il primo SMS, Ronaldo ricevette un secondo messaggio da Las Vegas. Questa volta, era solo un numero: “950.000 dollari”. Sembra essere la somma che la controparte cercava in compensazione. Ronaldo ha risposto: “Quella è la cifra?” Osório de Castro ha risposto: “Questa è la prima domanda: sono 660.000 euro, non la accetteremo, i negoziati continuano”. Ronaldo ha quindi chiesto: “È troppo?” Osório de Castro ha risposto: “Penso di sì, penso che chiuderemo questo per meno”. Ronaldo ha poi chiesto: “Deve essere inferiore!” Il suo avvocato rispose: “OK”. La famiglia di Mayorga era seduta fuori dalla stanza. Ricordando quel giorno, dicono che potevano sentire la loro figlia piangere e urlare attraverso la porta. “Hanno detto cose orribili, come se cercassero fondamentalmente di dire che ero una prostituta, che perché facevo quel lavoro di modella, quello era hooker-ish. (…) Non so nemmeno come dormano di notte, “Dice Kathryn Mayorga.” Ero così arrabbiato “, dice il padre di Kathryn, Larry. “Ero così arrabbiato che non potevo entrare lì per lei. (…) Sono appena tornato indietro e ho detto: ‘Morditi la lingua, Larry, e solo … Questa è la sua vita e questa è la sua decisione È un’adulta. “Il fratello di Kathryn ricorda chiaramente il giorno della mediazione. L’intera esperienza “è stata assolutamente disgustosa, è stata orribile”, dice. “La stanza di Ronaldo era piena di avvocati. (…) Potevi sentirli ridere e scherzare”, dice. “E poi nell’altra stanza, (mia sorella) sta piangendo.”

  10. LA REPLICA

    Il direttore esecutivo del Correio de Manha Calos Rodrigues, quotidiano che ha accusato il Real Madrid di aver fatto pressione su Cristiano Ronaldo circa l’accordo extragiudiziale con Kathryn Mayorga, ha replicato alla smentita odierna delle Merengues: “La notizia è stata debitamente verificata dalla redazione e confermiamo, ovviamente, riga per riga quanto pubblicato. Personalmente, siamo anche molto sorpresi da questa reazione del Real Madrid, ma risponderemo in tutte le sedi in cui siamo stati citati. Assicuriamo inoltre che continueremo a indagare su questo caso, indipendentemente dai tentativi di pressione provenienti da qualunque Paese”.

  11. Salto le parti che riguardano i termini della out-of-court settlement e le rispettive dichiarazioni.

    Le smentite
    E poi, nella primavera del 2017, l’articolo apparso su DER SPIEGEL. “Era tutto lì che nessuno avrebbe dovuto sapere, ho letto i commenti …” Kathryn Mayorga si stringe le labbra. “Mi interessa cosa pensa la gente.” Tra i commenti online riguardanti la storia c’erano cose come: “Come se Ronaldo avesse anche bisogno di violentare una donna.” “Questo è quello che pensavo,” dice Mayorga tranquillamente.Prima della pubblicazione di quell’articolo l’anno scorso, DER SPIEGEL diede a Ronaldo l’opportunità di commentare le accuse. In una email inviata il 10 aprile 2017, gli è stata inviata una lista di domande. Il suo avvocato di Monaco, Johannes Kreile, ha risposto a suo nome: “Rifiutiamo categoricamente le accuse formulate nelle vostre domande”, ha risposto. Ha aggiunto che il suo cliente “agirà contro qualsiasi affermazione di fatto non vera e qualsiasi violazione del suo diritto alla privacy”. L’avvocato ha anche chiesto che DER SPIEGEL “desista dal riferire” sull’argomento. Il giorno in cui è stato pubblicato, l’articolo ha fatto ondate a livello internazionale. Ma la dichiarazione di Gestifute è stata citata altrettanto spesso, in cui la storia è stata etichettata come un’opera di “fiction giornalistica”. Quattro giorni dopo, Ronaldo ha segnato tre gol in una partita di Champions League contro il Bayern Monaco e poi altri tre contro l’Atlético Madrid. La storia di Mayorga svanì rapidamente nello sfondo. Quando un secondo articolo di DER SPIEGEL sulle accuse colpì le edicole, Ronaldo pubblicò un video del figlio maggiore, Cristiano, Jr. Il video mostra il bambino di sei anni che sparava un calcio di rigore proprio come suo padre. Il video è stato visto 12 milioni di volte. Solo su Facebook, Ronaldo ha 121 milioni di follower. Partita per paura che Ronaldo potesse iniziare a cercare chi fosse la fonte per l’articolo DER SPIEGEL, Mayorga si è trovata un nuovo avvocato. Leslie Mark Stovall, 65 , ha un calibro diverso rispetto al suo primo rappresentante legale. I suoi capelli grigi tirati indietro in una coda di cavallo, Stovall ha praticato la legge a Las Vegas negli ultimi 30 anni. Ci sono quelli che lo ricordano mentre si presenta in tribunale con un paio di jeans e un cappello da cowboy.Stall ha molte esperienze di prova in aula, rappresentando persino se stesso in un’occasione. Nel 2001 ha presentato una dichiarazione dei redditi errata, ammette durante il suo primo incontro con DER SPIEGEL. È stato sospesa dal -bar- per due anni. “Non riesco a rivestirlo di zucchero”, dice. Stovall è desiderosa di evitare di dare ai suoi avversari alcuna apertura.

  12. Chiaro come il sole, ma lo faranno diventare scuro come la notte. Penso che dopo il caso O.J. Simpson che da colpevole riuscì a scamparla, questa volta aCr7 non basteranno diverse decina di milioni per evitare pure la galera. Fosse rimasto al Real forse qualche speranza l’aveva, ora è in volo senza paracadute. L’invidia contro la Juve poi, è superiore ad ogni tipo di scaramanzia. Quando si dice che pure una sana sco.pta può trasformarsi in un incubo. Anche le situazioni inverosimili degli scritti di Kafka ormai non fanno più sorridere perchè abbondantemente superate nella realtà odierna:oops: :

    Solo notizia di oggi, come risposta al reclamo per la chiusura della curva da parte della Juve per i cori nella partita contro il Napoli, una seconda giornata di chiusura ulteriore della curva. Peccato che a Napoli e nel resto delle curve italiane poi, Non solo sono tutti sordi , ma inveiscono per cercare anche di farti male, se sanno che sei juventino, ma questo è un altro discorso.

    • Pronte anche le “pizze” del report-age sugli intrecci con la malavita organizzata, in cinema.scope su rai3.

  13. Pinocchio (conclusione)
    Si riferisce (ndr la Stovall) a Harvey Weinstein e all’attore americano Bill Cosby. “Questi criminali sessuali seriali mi sembrano abilitati da … un gruppo di avvocati e altri che escono e usano questi accordi per reprimere i procedimenti giudiziari, e consente a queste persone di continuare a impegnarsi in violenze sessuali”. Gli avvocati di Ronaldo, afferma Stovall, potrebbero avere un effetto duraturo. “Non so se questi avvocati sarebbero disposti a farlo se fossero a rischio di perseguire penalmente.” C’è anche, comunque, motivo per credere che la parte di Ronaldo possa aver violato una delle clausole dello stesso extra accordo giudiziario. Come parte dell’accordo, l’avvocato di Ronaldo, Osório de Castro, ha accettato di leggere al suo cliente la lettera di Kathryn Mayorga entro due settimane dal ricevimento. L’avvocato americano ha inviato un promemoria all’avvocato portoghese di Ronaldo alla fine di settembre 2010. “Secondo i miei calcoli”, ha scritto l’avvocato, “domani sono trascorse due settimane da quando la lettera è stata consegnata a voi. Di conseguenza, si prega di confermare se la lettera è stata letta a Topher. ” Topher è un riferimento a Ronaldo. Poco più di un’ora dopo, Osório de Castro ha risposto: “Confermo che la lettera è stata letta a Topher da me”. Osório de Castro ha anche copiato l’e-mail con un collega avvocato in Portogallo. La risposta di quell’avvocato consisteva solo in una sola parola: “Pinocchio”. Nella sua dichiarazione che nega tutte le accuse contro Ronaldo, la sua agenzia Gestifute afferma anche che questa “presunta lettera” della “cosiddetta vittima” non è stata in realtà “mai ricevuta” da Ronaldo .Kathryn Mayorga, da parte sua, si concentra solo su una cosa, dice: preparando il meglio che può per ciò che ci aspetta. Ha lasciato il lavoro alla scuola elementare ed è scomparsa indefinitamente e ora si trova in un luogo sconosciuto. Lei non è più raggiungibile. Anche Cristiano Ronaldo è stato irraggiungibile. Nell’ultimo anno e mezzo, DER SPIEGEL gli ha dato ripetute opportunità di condividere la sua versione di quello che è successo nel 2009. Oltre alle e-mail che lo confrontano con i risultati dei rapporti, DER SPIEGEL gli ha anche chiesto molte volte di intervistarlo di persona . Tutti questi tentativi sono stati respinti, incluso il tentativo più recente. Uno degli avvocati di Ronaldo ha semplicemente risposto che tutti i rapporti sull’argomento sono illegali. Ma sembra che Ronaldo, in effetti, debba rivisitare il caso e parlare di quello che è successo quella notte a Las Vegas nove anni fa. Nelle ultime settimane, la polizia ha parlato con Kathryn Mayorga in diverse occasioni e l’ha interrogata di nuovo. Il codice penale del Nevada include il seguente statuto: se un’aggressione sessuale è stata documentata in tempo dalla polizia, non ricadrà mai nello statuto di limitazioni.

    In quest’ultima parte c’è un neanche tanto vago sentore di ricatto, della serie fuori altri soldi o passeremo alle denunce penali.

  14. Nel Portogallo che è andato a vincere in Polonia 2-3, sugli scudi Cancelo, un tornado sulla fascia destra, e Bernardo Silva, un giocatore di classe superiore.

    • Il Portogello ha tanti giocatori molto tecnici e validi.
      Arriveremo terzi, “meritatamente”… retrocessione alla portata.
      Ciao.

  15. Alessandro Magno

    RAGAzzi vi chiedo gentilmente di stemperare i toni e non andare sul personale. mi è impossibile leggere tutto i sembra tuttavia che si stia nuovamente esagerando.

    Grazie

  16. Azzardo su Marotta, dal web
    Milan? Nooo
    Inter? Noooooo
    Samp? Probabile se Ferrero accetta una grossa offerta x vendere.
    Beppe e’ serio. Ma blucerchiato.
    Vedremo
    Di cose da vedere ne abbiamo piu’ del necessario, azz…

  17. Home News “Cristiano Ronaldo vittima di un complotto di Florentino Perez”
    NEWS
    “Cristiano Ronaldo vittima di un complotto di Florentino Perez”
    12 ottobre 2018
    tweet

    (Websource/Archivio)
    “Cristiano Ronaldo vittima di un complotto”, parola di Claudio Gentile. 

    Intervistato in esclusiva da http://www.sportnews.eu Claudio Gentile, indimenticato difensore della Nazionale campione del Mondo nel 1982 ed ex allenatore dell’Under 21, ha detto la propria opinione sul caso Cristiano Ronaldo esprimendo una posizione molto netta e precisa.

    Ecco le sue parole che di certo non mancheranno di creare polemiche: “Fino a quando è stato al Real Madrid non è uscito fuori nulla. La voglia di screditare un campione come Ronaldo è iniziata con l’espulsione inesistente in Champions League, continuata poi con questo scandalo. Credo esista un complotto nei suoi confronti. Sicuramente al presidente del Real Madrid Florentino Perez non è andata giù la scelta di Ronaldo di lasciare il suo club per andare alla Juventus. Ci può essere la voglia di fargliela pagare. Io comunque credo più al giocatore rispetto a chi vuole metterlo in difficoltà”.
    Non faccio fatica a crederci,, oggi un quotidiano Portoghese si e’ rivoltato alla dichiarazione del RM riguardo al ” consiglio di pagare” dato a Ronaldo.
    E quell’espulsione…
    Forse il grandissimo C. Gentile non pensa male.

  18. Intervenuto ai microfoni di 696 Tv, Maurizio Pistocchi è tornato a parlare delle dichiarazioni fatte da Luciano Moggi: “Cosa rispondo a Moggi che dice di volermi portare un processo? Fa sorridere che un pregiudicato come lui, con sentenze che hanno confermato le sue colpe, voglia portare me in tribunale. Io non ho nessuna pendenza con la legge, è un personaggio poco credibile che è stato radiato. È riuscito nell’impresa di mandare la Juve in Serie B, non era facile farlo ma lui ci è riuscito”.


    (TuttoJuve.com)

  19. C’è poco calcio di cui parlare….

    Purtroppo la nazionale provoca wueste vacanze forzate delle quali, almeno persolnalmente, farei volentieri a meno.

    Juve imbattuta, gioco finalmente piacevole e convincente, insomma c’è di che esserne soddisfatti e girare col petto in fuori.

    Maratta saluta, nel disinteresse più o meno generale o comunque con un pò di curiosità momentanea ma poco più.

    A tener banco oggi c’è il caso CR7 sul quale condivido anche le virgole su quanto scritto da Cinzia.

    Condito dai soliti attacchi alla nostra amata.
    Attacchi tanto casuali e fastidiosi, quanto concentrati solo e sempre a lla nostra amata od ai suoi tifosi.

    Adesso c’è la chiusura della curva. Giusta? Sbagliata?
    Non lo so e non mi interessa fatto è che colpisce solo la Juve, e addirittura aumenta dopo il ricorso.
    E chi colpisce? 100, forse 200 fanno i cori e 9000 non vanno allo stadio.
    Ci andranno i bambini?

    Boh?

    Fatto è che così fan tutti, ” noi non siamo napoletani” si ascolta in ogni stadio, ma a pagare è solo la Juve.

    Adesso aspettiamo reporter e via, altro giornalaio altro giro….

    Speriamo nella superlega, così da abbandonare quest’italietta e le miserie di una politica che …. beh che…. cioè insomma un paese che onestamente non ci merita

    • ..La Juve ..guarda un po cosa scrive dagospia:presenta un articolo di sky sport,su una ipotetica calciopoli Belga,e nei titoli ci infila una perla (che nell’articolo non esiste)
      <..TRA I "PUPARI"C'è IL PROCURATORE …MOGI,EX MANAGER DELLO CHARLEROI(SQUADRA CHE HA I COLORI BIANCONERI)…UNA BATTUTA ?

      Confido anch'io al più presto nella superlega ……….

      • Bravo Luca, ti quoto in toto. Quando si gioca? Mi manca il calcio il resto solo chiacchiere e distintivo, per dirla alla” al capone” che questa volta avrebbe pure azzeccato.

        Direi solo di non abbattersi a Tranfaglia, il 2006 si sta cercando di restaurarlo, e questa volta la Juve non fa solo paura in casa, ma da quanto si stanno dando da fare i tedeschi ( con il giornale scandalistico) e gli Spagnoli ( quelli del Real soprattutto orfani del loro togli- problemi) penso che gli attacchi arriveranno in modo trasversale, dappertutto.

    • Condivido 100%

  20. Le sentenze di calciopoli sono accettabili solo da chi è accecato dal risentimento e dall’odio per la Juventus, sentenze che a ragione o a torto rappresentano la migliore giustificazione delle sconfitte altrui, giustificate a loro volta dai risibili alibi degli unici “onesti”, quelli che gli arbitri prima del 2006 erano “abituati” agli errori pro-Juve (Moratti dopo Juve-inter del 1998), dal 2006 in avanti invece erano solo “errori in buonafede” (sempre Moratti ma dopo certe vittorie dell’inter). Un teorema sul quale hanno apposto il timbro della credibilità gente come Pistocchi, Ziliani, Varriale, o Bonolis, nonostante in quelle stesse “sentenze” non fosse contenuto lo straccio di una prova che accusasse Moggi e Giraudo di aver corrotto questo o l’altro arbitro (quelli indagati per le partite della Juve sono stati tutti assolti per non aver commesso il fatto), nè di aver condizionato il regolare andamento di quei campionati. Ma calciopoli, farsopoli per la stragrande maggioranza dei tifosi juventini, è stato un processo e non una partita di calcio, dal quale sono scaturite condanne che hanno disintegrato la Juventus provocando incalcolabili danni economici, patrimoniali e d’immagine alla società, ed è a questo punto che dovrebbe entrare in gioco lo spirito critico di tutti, salvo ovviamente quanti hanno scelto di spegnere il cervello di fronte ai colori di una maglia.

    • Questo ci dice che serve un ultimo passo….

      Andrea Agnelli ha fatto grandi cose, serve l’ultimo tassello ad un già fatto da leggenda.

      Rendere la Juve inattaccabile.

      Ammazza l’ho detta.

      Purtroppo è così….

      • Luca,
        finchè non sarà rivista la c.d. “responsabilità oggettiva” delle società, queste saranno costantemente sotto ricatto degli “estremisti” delle rispettive tifoserie ultras. Gli ultimi avvenimenti danno però conferma, e qualsiasi tifoso juventino credo se ne sia accorto da tempo, che certe norme vengono regolarmente applicate quasi a senso unico e nei confronti di un solo bersaglio. Se non sono difendibili i cori contro Koulibaly non lo erano neanche quelli contro Matuidi a Cagliari, se sono deprecabili i cori contro i tifosi napoletani sono ancor più infamanti quelli della curva Fiesole contro le 39 vittime dell’Heysel, ma sia nel caso di Matuidi che in quello di Firenze, la GS non ha rilevato nei fatti la stessa gravità. Capisci allora che rendere inattaccabile la Juve sotto questo aspetto diventa un’impresa da titani, si può al più sollevare la questione al cospetto di Lega e FIGC, ma, e qui non si capisce quale sia dal punto di vista sportivo (il resto come tifoso juventino non mi interessa e non lo condivido) la “ratio” di proprorre un personaggio come Massimo Maoratti alla presidenza della Figc. Tornando a bomba, sappiamo che il ricorso proposto dalla Juventus sulla chiusura della curva non solo non è stato accolto, ma ha portato addirittura ad un inasprimento della sanzione, con la chiusura della curva per due turni, il secondo sospeso con la condizionale, che esporrà la società ad un’altra analoga sanzione certa al prossimo episodio analogo, la “giusta” punizione per 8/9 mila persone alle quali, senza colpa alcuna, verrà vietato l’accesso per vedersi la partita della loro squadra al loro solito posto allo Stadium. Detto questo sappiamo anche come quella della curva sia una situazione particolare e sotto certi aspetti grottesca, con le vicende che hanno portato alle sanzioni ad Andrea Agnelli e i servizi di Report annunciati da settimane, associati alle polemiche del tifo contro il caro biglietti, nuovamente scatenate o proprio prima della partita contro il Napoli.
        In conclusione sorge spontanea la domanda che a guardare il pregresso, lascia già in bocca l’amaro sapore della non risposta, ma quando FC Juventus si deciderà ad attivarsi in tal senso e ad agire direttamente per via giudiziale contro certi soggetti che la espongono periodicamente a danni d’immagine ed economici? Meglio allora evitarla, se non altro per non foraggiare oltre detrattori e ipcocriti moralisti con il tic dell’anti-juventinità, in punta di penna o di tastiera.

        • Massimo Moratti

          • Gioele

            Chiusura curva.

            http://shr.gs/iJmaQyU

            • Barone,
              dopo aver letto i contenuti del link, mi chiedo se il rispetto delle regole (come è giusto che sia) vale solo per i tifosi della Juve. Non entro nel merito della legitimittà “morale” del ricorso che rientra nelle facoltà concesse a tutte le squadre, Juventus compresa.
              Mi permetto invece di dissentire su quanto evocato in seguito nel comunicato, l’80% che identifica come responsabili dei cori la parte di “settore” di una curva, non è necessariamente una condizione “moralmente” accettabile per vietare ad una platea estremamente più vasta di spettatori della medesima curva, che non ha colpe specifiche, di assistere ad una partita di calcio della loro squadra nei rispettivi posti assegnati allo Stadium.

        • ipercritici moralisti

        • Eh si Gioele, impresa da titani….

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia