Sesso Juve e Rock n’Roll s02 e12

Immagine anteprima YouTube

Versione MP3

Con Antonio Corsa, Paolo Superfly, Michele Fusco Frank JFC e Benedetto Alessandro Magno Croce. Si è parlato di:

0:00 Pallone d’oro
10:30 Pogba
21:30 Scritte dei tifosi a Firenze e Napoli
35:00 Gigi Simoni vs Ceccarini
44:00 FPF e Supercoppa in Arabia Saudita
1:00:00 Rap Tupac Shakur vs The Notorious B.i.G.
1:30:00 Le perle dei pirla. Il pirla della settimana.

PER VEDERE LA PUNTATA CLICCARE NELL’IMMAGINE. DALLE 22.

Il numero per fare domande via whatsapp a me o ai nostri ospiti è 3311552985 mandatele prima cosìho il tempo di verificarle, firmatevi e non scrivete cose troppo lunghe. Cerco di leggerle tutte.

  1. FACCIAMO LA CONTA

    Chi viene per Juventus-inter ?

    Area 12 vicino al McDonald…una birra un panino e poi.

    Buona serata

  2. PRIMA CHIEDI CHI ERA GAETANO SCIREA

    Ho qualche scritto del grande Vladimiro Caminiti…a parte il Tuttosport di oggi che riporta una frase del grande Giornalista scomparso dedicata a Gaetano.

    “Morire giovani capita ai profeti, ai poeti, ai predestinati, ai santi.
    Ma è una menzogna, morire giovani è solo una porcheria”.

    Se si va su Wikipedia ti può elencare tutto quello che ha vinto Scirea ma non può certo dirci la grandezza dell’uomo Scirea.

    Zoff del suo Grande Amico dice: “Gaetano era un grande uomo che si riconosceva dallo stile.
    Era serenità, chiarezza e pulizia.
    Era convincente anche quando si arrabbiava(di rado) non perdeva mai il controllo. Una persona misurata e tranquilla. …”

    Il Barone Causio ha un ricordo commovente del povero Capitano: “nella notte di Madrid, quando ci laureammo Campioni del Mondo, venne da me per regalarmi la sua maglia numero 7.
    Era sempre stato il mio numero, in quel Mondiale lo portava lui per numerazione assegnata.
    Mi sussurrò: “So che ci tieni ad averlo”.
    E mi consegnò la maglia.

    Questo era Gaetano stimato da tutti, la sua intelligenza superiore la usava per aiutare tutti i suoi compagni e gli altri…compresi gli avversari.

    Buona serata.

  3. Gli indomiti sono tutti cari amici, Benny. I nostri incontri sia allo stadio che nei raduni ( non ne facciamo uno da qualche anno) sono delle feste ed anche quando ci becchiamo, nonostante potesse sembrare che ci prendiamo a stracci in faccia , sono sempre delle dispute per far vedere chi c’è l’ha più lungo, ( non trovavo francesismi più appropriati) 😮
    Max ed Andrea poi sono gli “ amico mio” come potresti pensare che si potessero mai menare?
    Tranquillo che un chiarimento il povero Andrew dovrà ascoltarlo dal Barone, questo sì, e venerdì sera mi aspetto….. beh questo 😏lo diranno poi loro subito dopo il risultato della partita prossima.
    A proposito il Chelsea non più di Conte perde ancora questa sera, così mi è sembrato di sentire sempre in trasmissione. Ma sarà veramente bravo il nuovo allenatore che hanno?

    Ho ascoltato la trasmissione questa sera fino a qualche minuto adiietro ma ho dovuto chiudere per non disturbare chi vuole dormire, e non volendomi scomodare x prendere le cuffie mi sono messo a scrivere sul blog. Ho sentito che hai intenzione di allargare a più utenti la possibilità di interloquire così come fai con gli altri amici. Mi candido per rompere le scatole pure io, ma non essendo particolarmente tecnologico dovresti darmi tutte le dritte per poterlo fare. Se basta la video-telefonata watsup sarebbe semplice anche per uno “antico, “come il sottoscritto.
    Buonanotte e, bravo trasmissione ok.

  4. CE L’HO MI MANCA

    Ben, ieri sera si stava intavolando un discorso su Gigi Simoni…poi è svanito per le bizzarrie di Frenk in serata Rok.

    Magari lo avrei potuto scrivere nella chat.
    Forse non tutti sanno che Gigi Simoni fu un giocatore della Juve nella stagione 1967-68.
    La Juventus aveva preso Gigi Meroni, ma la forte protesta dei tifosi del Torino, spinge l’avvocato Agnelli a rinunciare al beat granata e a ripiegare su Simoni, altro granata e sempre Gigi di nome.

    Simoni è lineare e pulito, piacevole, ma di poca incisività.
    Rimane alla Juventus solamente nella stagione 1967-68, collezionando tredici presenze (undici in campionato e due in Coppa Campioni).
    Ebbe un importante infortunio.

    L’anno dopo fu ceduto al Brescia dove finì la carriera da calciatore.

    Quello che porta in auge Gigi Simoni sono Juliano e Ronaldo in quel ’98 famoso.

    In seguito sono solo le sue polemiche a tenerlo in vita sui social.

    Buona giornata.

  5. Alessandro Magno

    Buongiorno . Ciao Baró si ieri c era il delirio i ragazzi avrvano voglia di giocare. La nostra trasmissione è così. Casereccia. Così anche io mi lascio andare un po.
    Si vorremmo mandare gli audio messaggi di wp forse ci riusciamo. Presto vediamo

  6. JUVENTIBUS

    Dopo l’incontro tra Juliano e Ronaldo…20 anni dopo.

    Nelle successive tre giornate, la Juventus fece 5 punti.
    Pareggio a Vicenza, vittoria col Bologna (3-2) pareggio a tricolore cucito sul petto a Bergamo.
    L’inter addirittura meno, soltanto 4.
    Pareggio in casa col Piacenza (0-0), sconfitta a Bari (2-1), vittoria a giochi fatti con l’Empoli.

    Non proprio un cammino immacolato. Ma non era più importante.
    A freddo, la visione genuina di Marianella e Chiesa, si trasformò in inquisizione semi unificata.
    Il clima, va da sé, era recettivo.
    interrogazioni parlamentari, la crociata di tutti gli interpreti del calcio contro, la famigerata “merda addosso che la metà bastava” chiamata in causa da Marcello Lippi a titolo conquistato.
    Ci sono sconfitte che sul piano politico possono valere più di una vittoria. Nessuno poteva immaginare, nemmeno durante le interviste del dopo partita in cui il mondo inter al completo gridava alla vergogna, al complotto, alla truffa, che sotto quel grido di dolore e vittimismo un intera tifoseria avesse finalmente trovato il tanto atteso evento scatenante per assolversi e compattarsi, e rigenerarsi dopo anni di delusioni cocenti.
    Una macchina mitologica vale molto più che uno scudetto.
    La gioia passa in fretta, il mito fondativo e l’identificazione con la vittima può tornare utile per sempre.

    Juventus – inter 1997-98 è infatti da allora un alibi eterno, una mano di vernice nera su ogni valutazione tecnica o tattica, sulla qualità degli interpreti in campo, su ogni aspetto realmente calcistico del calcio.
    È il veleno sulla reputazione di un arbitro internazionale che ha diretto finali continentali.
    È la negazione di ogni ragione intellettuale o agonistica dello sport.
    È la semplificazione monocellulare estrema di una realtà complessa fatta di miliardi di atomi.
    È la riduzione di un numero infinito di variabili (quelle che decidono una partita di calcio) a singolo episodio istantaneo e circoscritto.
    È una tecnica evergreen di delegittimazione sportiva. È l’eterno ritorno della duplice intervista a Moratti e Simoni, in una versione grottesca e casereccia del giorno della memoria.
    E nel caso specifico fu, infine, la negazione di un confronto equilibrato sulla questione degli arbitraggi “politici”, la vera costante del calcio italiano (sia Juventus che inter usufruirono di molti episodi a favore, quell’anno, spesso molto eclatanti).
    L’anno dopo, non a caso, fu introdotto il sorteggio integrale, poi strumentalizzato in Calciopoli.

    Il mondo inter, in compenso, ebbe la sua Pearl Harbor, il proprio incendio del Reichstag, il proprio 11 settembre ante-litteram a tinte nerazzurre.

    Si dice che la storia la facciano sempre i vincitori.
    Nel calcio italiano, provano a raccontarla quasi sempre i vinti.

    Buona giornata

  7. Max, pensa quanto è fortunato Andrea. Nainggolan non convocato; Bentancur in forte dubbio. Ci manca che anche Mario è aut e poi fa tombola. Come minimo al Mac Donald devi far pagare lui e come minimo te devi magnà 4/5 menù 😂😅 🤣😉😜

    • andrea (the original)

      Nainggolan preferivo ci fosse: intanto è un mezzo giocatore e poi per la frustrazione con cui vive il fatto che non sia mai stato considerato dalla Juve, quando ci gioca contro non la prende mai.
      Mandzukic out? Allegri andrebbe a prendere il fratello.
      😀

    • No Germano, il McDonald è solo come punto di riferimento.
      Si mangia e si beve da tutt’altra parte.

      Questa volta paga Andrea ?
      Preferisco di no e che giochino tutti.

      Tanto segna Pjanic.

      • andrea (the original)

        Amico mio,
        pago io, segna Mandzukic e facciamo un post congiunto.
        😀
        Ok basta così, da ora in poi, per quanto sai che per me il campionato è chiuso prima di iniziare, scatta la scaramanzia..con l’Inter sì, sono comunque scaramantico.

  8. CAPELLO DIXIT

    «Premessa: quei due scudetti li ho vinti sul campo. Seconda premessa: dopo, si fecero le cose troppo di corsa senza aspettare i tempi giusti, senza pazienza, per una serie di motivi che potevano chiamarsi Uefa o Fifa.
    Detto questo, è tempo di lasciar perdere il passato».

    Eh no Don Fabio, hai detto tutto bene tranne la chiosa finale.
    Io non dimentico e non lascio perdere un bel niente.

    Felice serata.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: noticias juegos
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web