Sabato 12 Gennaio 2019 Bologna-Juventus Coppa Italia – ore 20.45 Stadio Dall’Ara Bologna

Scritto da Cinzia Fresia

Dopo la lunga pausa di inizio d’anno, la Juventus ha gia’ le valige pronte, in vista dell’impegno di super-coppa di mercoledi’, la squadra affrontera’ il Bologna per il turno in coppa Italia.
Massimiliano Allegri, medita un turn over, che faccia giocare chi resta piu’ spesso in panchina, proprio per questo, che la Coppa Italia, attualmente molto rivalutata, serve a dare minutaggio a chi ne ha poco.
Il Bologna di Filippo Inzaghi, e’ sempre un terreno difficile, ostico e fastidioso, per la Juve, la quale dovra’ stare attenta a non cadere in trappole che possano causare infortuni.
Allegri si aspetta da Dybala una buona partita, da “tuttocampista”, giochera’ Szczesny, come allenamento pre mercoledi’, su Ronaldo, nessun commento .. purtroppo non c’e’ pace per la super star portoghese, chiamato dal magistrato americano a sottoporsi al test dell’ Dna, ai fini di provare la legittimita’ di quanto detto dalla Mayorga, test inutile, in quanto ammesso anche da Ronaldo stesso, che tra lui e l’intrattenitrice vi e’ stato un rapporto sessuale, consenziente. Massimiliano Allegri, non esprime alcun giudizio a riguardo, dichiarando la questione “rigorosamente” privata, rassicura l’allenatore, dellaa serenita’ di Cristiano.
Come andra’ a finire domani? Staremo a vedere, non cantiamo vittoria troppo facilmente, la Coppa Italia, e’ come fosse un campionato parallelo dove le squadre minori si cimentano a tentare di vincere qualcosa.
Quindi, staremo a vedere.

  1. Ciao Cinzia

    Giochiamo stasera.
    Speriamo che non ci accolgono a sassate o peggio ancora con una bomba carta verso il pullman come nel 2016.

    Buona partita.

  2. Volevo dirlo! Ma mi avrebbero accusata di razzismo.

  3. M’AMA NON M’AMA

    Ribaltiamo Calciopoli
    di Marcello Chirico

    Su Calciopoli sembrava che la Juventus si fosse assopita, e invece, zitta zitta, sta facendo il suo percorso: prima ha esaurito quello con la giustizia ordinaria, ed ora ha ripreso quello sportivo.
    A indicarglielo è stata proprio la prima, quando con la Cassazione si è dichiarata – per la terza volta – incompetente in materia, avallando quando prodotto nel 2006 dal Tribunale federale.
    E sottolineo 2006, perché tutto quanto emerso in seguito non è stato preso in considerazione con la dovuta attenzione.
    Lo prova, per esempio, l’aver ancora tenuto conto, nelle sentenze, di episodi già ampiamente chiariti, tipo la chiusura dell’arbitro Paparesta negli spogliatoi da parte di Moggi: esiste al riguardo una sentenza del Tribunale di Reggio Calabria che praticamente sancisce l’infondatezza di quella storia (però nessuno la cita mai).

    Andrea Agnelli ha quindi ripreso in mano la questione – voglio sperare, dopo anche aver raccolto l’invito de ilBiancoNero.com e ascoltato le giuste ragioni di Moggi – e presentato duplice ricorso: uno al Collegio di Garanzia del Coni, l’altro al Tribunale nazionale della Figc.
    L’intenzione resta sempre la stessa, ovvero costringere appunto la giustizia sportiva a riaprire il processo sportivo su Calciopoli, sulla base di tutte le novità emerse in questi 12 anni sulla vicenda.

    Nuove intercettazioni, ma non solo.

    Tipo la recente sentenza sulla diatriba Moggi/Gianfelice Facchetti, che già in due gradi di giudizio ha dato ragione al primo, sostenendo nelle motivazioni che Facchetti senior faceva lobby con gli arbitri.
    Non me lo invento io, lo ha detto un giudice del Tribunale di Milano, città dove insegnano che le sentenze vanno accettate e rispettate.
    Lo aveva pure scritto, già nel 2012, l’ex Procuratore federale Palazzi nella sua relazione, arrivata però troppo in ritardo sui tempi giudiziari e consentendo quindi agli imputati di avvalersi della prescrizione. Non solo: pure la giustizia ordinaria ha sancito, nelle sue sentenze, l’innocenza della società Juventus nelle vicende calciopolari, e quella sportiva non è mai riuscita a trovare una sola prova in grado di dimostrare la compravendita di una partita e, di conseguenza, la manipolazione dei campionati 2004/05 e 2005/06 (tra l’altro, mai finito sotto indagine), ritenuti regolari dalla stessa Corte federale.

    Adesso, si riparte, con tanto materiale aggiuntivo da esaminare, con buona pace di Massimo Moratti e del tenente colonnello dei Carabinieri Gabriele Auricchio, convinti che la Cassazione avesse posto una pietra tombale e definitiva su Calciopoli. Non sarà così.

    A proposito, ma Moratti non aveva dichiarato che con Agnelli era sbocciata un’amicizia?

    Buona partita.

  4. Partitella di coppetta….

    Ma non per colpa della Juve in genrre agguerrita, ma per colpa delle squadrette, che usano la coppa italia, non per vincere qualcosa, ma per avere una buona scusa per uscire e pensare al campionato. Se poi la scusa è la Juve, tanto meglio.

    Sono curioso di vedere Kean dal primo minuto con Ronaldo e Dybala.

    Ciao.

  5. Speriamo
    Speriamo che la buona volonta’ di AA si trasformi in un successo.
    Non saprei quantificare le probabilita’ che abbia, ma mi pare che, se si muove, qualcosa da sperare ci sia.

    Leggendo gli aggiornamenti di Barone e Gioele, che ringrazio per la loro indefessa ed indomita volonta’, ho pensato che al di la’ dei due scudetti, la cosa importante sarebbe ottenere una completa rilettura della posizione morale della Juventus e non ho usato il termine “riabilitazione” in quanto lo considero poco aderente e molto riduttivo.
    Voglio giustizia, davanti a tutto il mondo di miseri detrattori che insistono, pur sapendo di essere nel torto.

    Ecco, questo per me e’,forse, piu’ importante dei due scudetti che nel caso, tornerebbero comunque.
    Saluti

    • Ps, dimenticavo
      E includo anche la completa revisione della figura di Moggi, che, anche se fuori moda nel mondo pallonaro, se la merita, perche’ era intelligente, esperto e abile, il migliore.
      Una scelleratezza compiuta nel piu’ bieco dei modi, una disonesta’ inaccettabile che mi colpisce ancora oggi quando ci penso.

      Ci sarebbero stati tutti gli estremi per mandare affanculo tutto il mondo del calcio. Non l’ho fatto perche’ la passione, e’ sempre stata enorme e non mi ritiro mai dalla lotta per definizione. Nemmeno ho mai giudicata la faccenda una cosa passata nel tempo come molti dicono.

      Buona gara per stasera.

      • Uhauuuu Tino. Ottimo e abbondante in una sintesi perfetta. Lo spirito indomito non era e non sarà mai sopito in ognuno di noialtri dal primo minuto in cui ci siamo conosciuti dal 2007/2008 .

  6. DOMANDA:

    Ma se Gattuso a Cutrone lo avrebbe fatto iniziare le partite sarebbe stato ugualmente letale così come ogni volta subentra a qualcuno ?

    Buona partita.

  7. Primo tempo a buon ritmo della Juve, rallentato in almeo 4/5 situazioni di gioco dai soliti retropassaggi di Pjanic, ottimo Spinazzola, buono Kean, pessimo De Sceglio e per finire il solito unico gol messo a segno dopo aver creato occasioni in serie, un vantaggio nato per altro da un regalo della difesa di un Bologna che ha dimostrato di valere la posizione che attualmente occupa in campionato.

  8. Primo tempo.
    Nota lieta Spinazzola, che potrà essere un’ottima alternativa per far rifiatare Sandro. Ergo, deve restare.
    In controtendenza De Sciglio, autore di un paio di svarioni difensivi.
    Abbiamo segnato l’unico gol, per ora, su svarione del loro portiere. Insomma, padroni del campo, ma poca previsione davanti.

  9. Primo tempo.
    Nota lieta Spinazzola. Che deve restare per far rifiatare Sandro.
    Nota pessima De Sciglio, da infarto in fase difensiva.
    L’unico che sembra avere idee chiare in attacco è Costa.
    Anche per questo siamo in vantaggio, ma per un regalo del loro portiere.

  10. Telecronisti rai fantastici…

    “Palacio c’era e fece un gol nell’inter di stramaccioni in occasione della prima sconfitta interna allo JS della Juventus”

    “Sansone segnò il gol del pareggio contro la Juve quando giocava nel Parma e quello della vittoria quando giocava nel Sassuolo”

    “Il Bologna sotto di 2 gol non ha più nulla da perdere e Pippo Inzaghi deve tentare il tutto per tutto per riaprire la partita”

    Ultima chicca al 90°con soli 3 minuti di recupero da giocare:
    “Il Milan oggi ha vinto ai supplementari la Juve probabilmente no”, con il Bologna che nei precedenti 89 minuti non aveva fatto un solo tiro in porta.

    • Gioele
      E sono stati pure troppo bboni…

      De Sciglio così no e Bonucci qualche errore sempre in elevazione.
      Costa oltre al fumo potrebbe servire anche un po’ di arrosto…Berna in ritardo…ma forte lo è.
      Emre Can ancora no.
      Buonanotte ai sonati.

  11. Partita dominata senza necessitá di premere sull’accelleratore. Buon impatto dei debuttanti, Costa pimpante e stasera mi ha fatto miglior impressione Pjanic.
    Emre ancora non mi convince mentre Ronaldo é entrato solo a fare una sgambata.
    Non abbiamo subito nulla ed abbiamo creato occasioni e vinto con tranquillitá quindi buona prestazione. Abbiamo manovrato bene fino agli ultimi 20 metri peró continuiamo ad avere difficoltá a liberare l’attaccante al tiro in maniera pulita e troppo spesso concludiamo col cross in maniera precipitata e meno efficace.

  12. @Tranfaglia

    La volontà del sottoscritto è stata quella di riportare la cronistoria di fatti che forse sono ancora in molti a non conoscere. La telefonata di Facchetti al designatore Bergamo prima di inter-Juve, il suo veto alla possibile scelta dell’arbitro Bertini, la successiva richiesta di Carraro di “non favorire assolutamente la Juve”, la raccomandazione di Bergamo all’arbitro Rodomonti di guardare a quelli che stavano dietro di 15 punti, ecco queste credo siano prove talmente evidenti di antisportività che da sole basterebbero a cancellare l’atto col quale nel 2006 Guido Rossi ha assegnato quello scudetto ai prescritti. Detto questo, Barone, Tranfaglia e Gioele rappresentano solo una goccia nel mare di tifosi juventini che hanno l’opportunità di esprimere nei vari social la loro soddisfazione e approvazione per la richiesta della Juventus del Presidente Andrea Agnelli di depositare al Collegio di Garanzia del Coni il ricorso contro l’assegnazione dello scudetto di cartone all’inter. Richiesta con la quale secondo TuttoJuve:
    “Il club bianconero chiede l’annullamento del lodo con cui nel 2011 il Tnas si era dichiarato incompetente a decidere sul ricorso della stessa Juve contro la mancata revoca dello scudetto 2006, assegnato a tavolino all’Inter dopo i fatti di Calciopoli”. Come scritto nella nota del Collegio di Garanzia dello Sport che ha ricevuto la richiesta “si tratta di un ricorso contro la Figc, la società F.C. Internazionale Milano S.p.A. e il Comitato Olimpico Nazionale Italiano (C.O.N.I.), che fa seguito a quello del 2011 per l’impugnazione e la riforma del lodo definitivo pronunciato dal Collegio Arbitrale del Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport del C.O.N.I.”.

    • Gioele,
      Vedendoti molto aggiornato sulla questione ricorsi vorrei approfittare per chiederti, qualora lo sapessi, se questi ultimi presentati trovano fondamento nell’ultima decisione della Cassazione di qualche mese fa.
      Ciao

    • Gioele
      Queste erano le cose che volevo sapere
      Ciao

  13. JuiceKaboose

    A proposito di spirito indomito, riguardo i ricorsi depositati dal club, questi dovrebbero essere però indirizzati a chi all’epoca oscurò le prove delle merde di milano in quanto, come giustamente scrive questo utente su un forum, l’omissione di prove costituisce reato:

    “Quando manca competenza a livello di appello il processo è viziato e difettoso e va annullato perchè usurpa i diritti Costituzionali. Donare uno scudetto ad un club che non lo aveva vinto sul campo e che può tenerselo solo perché prescritto è vergognoso per tutto il calcio italiano. Ammesso che la prescrizione può essere giustificabile sotto certe condizioni, esistevano i presupposti perché tale fosse negata all’Inter. Il club agiva come parte attiva nel nascondere fatti incriminanti che, se rivelati, avrebbero capovolto il processo Farsopoli. L’ostruzione del processo giudiziario è un reato. Il reato dell’Inter stava accadendo ininterrotto e senza pause finché i legali di Moggi non scoprirono le evidenze. Moratti si professava “onesto”, addirittura accusando la Juve di averla danneggiata. Moratti non e mai stato punito per le sue dichiarazioni sleali, antisportive e mendaci.”

    Speriamo in società facciano manleva su quanto di estremamente grave appena riportato. 👿
    Per non dimenticare!

    Grazie Barone per i saluti 😉

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web