I calciatori e l’executive

L’aviazione executive o generale e’ un servizio di volo privato di jet o elicotteri, di altissimo livello, possedere un aeromobile, con posti limitati, resta appannaggio per pochi, e’ rivolto in primis a dinastie di industriali, personaggi della politica, dello spettacolo, e oggi anche dello sport. Ma possedere anche un solo Jet o elicottero, e’ una spesa enorme, non solo per l’onere del velivolo di per se’ ma per i costi di mantenimento e gestione che sono altissimi, e spesso vengono venduti preferendo l’affitto di ore di volo presso compagnie specializzate.
Alcuni calciatori sono diventati i nuovi utenti di questo servizio, le star del calcio come Ronaldo e Lionel Messi, hanno investito su un Jet Privato, per uso personale.
Il giocatore portoghese ha comprato un Gulfstream-150 e pare abbia speso 19 milioni di euro, idem il suo collega Messi, ha altresì (pare) acquistato un velivolo dello stesso tipo, ma piu’ grande, un Gulfstream-500.
L’aereo privato e’ uno status, un servizio di lusso, Ronaldo peraltro, lo mette a disposizione , quando non lo utilizza, concedendolo in affitto appunto per abbattere i costi, tramite compagnie di aereo-taxi, nate proprio per soddisfare le esigenze di una clientela di lusso, che vuole effettuare spostamenti in sicurezza senza condividerne gli oneri.

Gli aeroplani executive piu’ conosciuti sono i Falcon-Dassault, Gulfstream e i Global Express della Bombardier, velivoli dall’avionica avanzatissima e dagli interni eleganti, predisposti ad affrontare tutte le rotte aeree, e naturalmente super-sicuri.
Le compagnie di Aero-taxi forniscono al cliente nella quota di affitto, il mezzo compreso l’equipaggio, servizio in cabina, personale addestrato e certificato, tutto bene dunque.. purtroppo non sempre finisce così.

La tragica storia di Emiliano Sala, disperso nel volo del 21 gennaio 2019, al largo di Adelrney-isole del Canale , durante la traversata da Nantes a Cardiff, ci fa capire che non tutti i servizi di volo privati sono affidabili:
Il mezzo: un Piper Malibu, un aereo da turismo mono-motore, concepito come aero-taxi leggero dalle prestazioni in sicurezza, a costi contenuti pari ad un aereo bimotore.

Il pilota: il Piper e’ un aereo a 1 pilota solo, il professionista a bordo, pare non fosse in possesso, della licenza commerciale, quindi non abilitato al trasporto pubblico passeggeri, significa che si’ aveva un brevetto ma che non consentiva di lavorare in questo ambito, ma non solo: non era abilitato al al volo strumentale, il may day, l’s.o.s lanciato dal pilota, non e’ stato sentito dai controllori di volo, questo significa che il velivolo a “vista” quindi troppo basso, per essere sentito.
Sala, nel triste accorato sms mandato al padre, parla di un aereo che cadeva a pezzi .. ma la sfortuna vuole che questo tipo di aereo non abbia la scatola nera.
La famiglia Sala, attraverso finanziamenti privati, ha ingaggiato un professionista che cerca relitti, il quale ha trovato il mezzo inabissato, localizzando altresi’ i due corpi, del ragazzo e del pilota.

In attesa delle verita’ ufficiali, ci chiediamo come sia stato possibile affidarsi ad un volo cosi’, chi ha effettuato le trattative e chi ha accettato di far volare una persona con questa modalità, e si teme sia stato solo per il prezzo, una magra speculazione in cui si sono perse due vite.
Come era ovvio, c’ è stato un fuggi fuggi generale circa questa responsabilita’ di chi aveva organizzato e consigliato questo vettore, le societa’ calcistiche al quale ,Emiliano era legato negano qualsiasi coinvolgimento.
I giocatori argentini non vogliono arrendersi e si sono stretti alla famiglia di Sala aiutando finanziariamente le ricerche dei rottami dispersi in mare.
E’ tutto molto triste e penoso, un’esperienza che insegna a fare attenzione ad affidare la propria vita e stare attent al “risparmio” in un ambito cosi’ complesso e serio come l’aviazione.

Inviato da iPad

  1. Alessandro Magno

    basta chiedere a Ben e Ben si informa. Ho chiesto a Michele Fusco che fa la radio con me com è la situazione secondo lui a juventibus

    la sua risposta copio e incollo

    [18:41, 9/2/2019] Michele Fusco: Autori 55 – 45 pro
    Lettori 70 – 30 pro

    [18:45, 9/2/2019] Michele Fusco: Pro Scarpa Fusco Momblano Tocco Zampini Crisci Arena Gariffo Capella Siddi Leomina Supertramp

    Contro Rovati Pergolizzi Willy Utzeri Azzolini Crisci Gori Demotri Viscardi Pellecchia

  2. LODI LODI LODI

    Ben, forse non volendo, hai fatto un sondaggio ad hoc.

    Forse non lo sai ma i votanti comprendevano tutte le regioni d’Italia.

    Bravo Benedetto !

  3. Andrea,
    Condivido che in Europa bisogna avere una dimensione europea e noi ci siamo andati vicini. Senza fare Il piangina direi molto vicini e poi penalizzati con decisioni arbitrali quasi che il risultato dipendesse da motivi extra calcistici,come fatturato, presenza del marchio ecc ecc.
    A questo punto si cambia, e spero che arrivi qualcuno che metta in pace tutti.

    Le mie considerazioni nascono dal fatto che vorrei dare a cesare quello che e’ di cesare,perche’ europa o no,abbiamo fatto incontestabilmente un escursus grandioso. Nell’ottica che condivido e che ci porta a migliorare, ora bisogna prendere la cl. Resta il fatto che se anche stavolta la ceffiamo qui solo l’allenatore nuovo non basta.

    Ma posso mai credere che il centrocampo cosi’ com’e’ sia volonta’ solo di Allegri?
    Oppure tutti, fra Agnelli, Marotta ecc ecc ci hanno messo qualche paletto?
    Qui il gioco non c’entra, queste sono scelte.
    Ciao

  4. Mauro e max
    X Conte stravedo affettivamente, il capitano. Non ho gradito l’episodio che ha portato le sue dimissioni in ritiro,quell’estate. Non sapremo tutto,ma la cosa mi ha disturbato.

    Anche Conte subiva critiche, Zidan ha un carattere di merda ma conosce la cl e condivido con voi che, comunque servono 5 giocatori, soprattutto se le voci sul francese sono fondate.

  5. Mauro
    Il centrocampo ha bisogno di un Davis o meglio: di un Furino, insomma uno che tiene botta.

    Parlo di ora, e premetto a scanso di equivoci che Dybala è una seconda punta, trovami in questo momento un ruolo per Dybala.
    Per me sta giocando libero di spaziare per tutto il campo.
    Ciao

    • Mauro the Original

      Barone

      Ora come ora direi che se ci fosse Conte il modulo tattico con questa rosa giocatori sarebbe il 352 almeno finché tiene Chiellini. Chiaramente trovando un altro difensore in grado di giocare nella difesa a 3. In questo modo rimetti in carreggiata Bonucci che nella difesa a 4 non rende.
      Come dici tu il più penalizzato è Dybala che dovrebbe giocare seconda punta.
      Sugli esterni avremmo a sinistra Alex Sandro Spinazzola e Costa mentre addirittura Cuadrado Cancelo e Bernardeschi a destra.
      Centrocampo è vero serve un mastino come Furino, ma anche Marchisio era eccellente in quel ruolo.

  6. JuiceKaboose

    Ho fatto due conti e lo scenario è questo (sommando i totali):

    Hanno votato 659 persone (354/305)
    54% vs 46% vantaggio per Allegri di solo l’8%

    Da dire che il grosso del gap si matura qui, mentre sia su Twitter che su Facebook, il gap è molto più ridotto (ed il campione più ampio, quindi, più attendibile).

    In due parole, se 1 anno fa i pro-allegri -tenendo conto dei risultati- era vicino al 70% (sulla base di altri sondaggi di cui vado a memoria), sembrerebbe negli ultimi mesi ha perso molto consenso.

    In effetti, se ricordiamo, nelle due finali di CL perse, disse che la differenza tra noi e loro erano i marziani (ovvero, prima Messi, poi Ronaldo).

    Qualcuno ricordi che ora Ronaldo è da noi, e c’è anche Dybala, Costa, Manzo, Cancelo, etc… tutti visivamente scontenti tra l’altro, per cui muovessi le chiappe (le acciughe hanno le chiappe?)

    ***

    PS. il Napoli ha pareggiato, speriamo di non giocare anche noi per il pareggio in modalità “gestione”

  7. Il doping finanziario continua a fornire energie extra al calcio italiano, nello specifico a beneficiarne non poteva non esserci l’inter che già nei primi anni 2000 insieme al Milan aggiustava i bilanci con le plusvalenze fittizie derivanti dagli scambi di tanti giovani della primavera. L’inter che fra l’altro nella stagione in cui le è stato assegnato lo scudetto di cartone (2005-06) non avrebbe dovuto esser iscritta a quel campionato per irregolarità nei bilanci. Dopo aver cambiato pelle il “biscione” non ha perso il vizio di taroccare i conti, la scorsa estate ha raggiunto l’obiettivo di rientrare fra i paletti del FPF a colpi di plusvalenze fittizie vendendo alcuni giovani primavera senza neppure una presenza in massima serie a prezzi gonfiati: emeriti sconosciuti come Zaniolo ceduto alla Roma valutato 4,5 mln, Carraro per 5 mln e Bettella per 7 mln sono passati entrambi all’Atalanta, Radu e Valietti al Genoa per 15 mln, Odgaard valutato 5 mln è entrato nello scambio con Politano del Sassuolo e per finire Santon rientrato nell’affare Nainggolan e valutato 9 mln, per un totale di oltre 45 mln di €, plusvalenze realizzate entro il 30 giugno 2018 che hanno permesso all’inter di incassare un guadagno di circa 35,2 mln di €.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia