“Siuuuuuuu mask”


Talvolta certi gesti, riscaldano i cuori, ormai raffreddati da un incattivimento generale in cui “tutti sono contro tutti”.
Non esiste piu’niente in grado di unire se non il denaro, siamo talmente inariditi dalla finzione, illusi dai grandi fratelli che ci insegnano a dirsi “amore come ti voglio bene ..e subito dopo a pugnalarti alle spalle” che certi gesti, spontanei come la dedica di un grande campione ad un collega che non sta passando un grande momento, ti commuove.
La partita contro il Sassuolo è ricordata non per i tre gol, di cui uno bellissimo di Ronaldo, ma da quell’esultanza alla “Dybala mask” e dedicarla al suo giovane compagno di squadra.
Avremmo voluto essere tutti li’, coinvolti nell’ abbraccio collettivo ai nostri giocatori, perche’ a noi tifosi, ogni tanto ci viene permesso di vivere la nostra parte emozionale.
I tifosi sono la parte debole del calcio, quella che deve solo dire “si’ va bene grazie” che deve tacere e pagare, siamo spesso un problema, ma necessario, senza tifosi non esisterebbe il calcio, le societa’, stipendi milionari, aerei privati .. ecc. ecc
Vi abbiamo dato Ronaldo? Che volete ancora?
L’aria che si respira negli spogliatoi e’ cosi’ spessa che si taglia con il coltello, e dove gli interessi economici dei singoli li hanno resi “tutti sono contro tutti”, eppure domenica, abbiamo vissuto un istante di pace, perche’ Cristiano e’ pagato per fare cosa vuole la societa’ e’ vero, ma ha un cervello che ragiona, ed e’ stato chiaro che non e’ lui a voler spaccare lo spogliatoio, e che al contrario, fa da mediatore tentando di mantenere l’equilibrio.

Voglio credere di aver visto qualcosa di autentico, che non sia stata un’uscita programmata, recitata e consigliata solo per tenerci “buoni”, spero non sia stato tutto finto opera di una buona agenzia di marketing.

La partita, per fortuna, finisce bene, la Juventus vince con un pizzico di fortuna, ma segna tre gol, di cui uno spettacolare, il Sassuolo non ha mai accelerato e in area a parte due tiri miracolosamente sbagliati, non ha fatto un gran che, al raddoppio della Juventus si è arresa.
Ma l’atmosfera in campo era bella, un paio di ex, Matri e Peluso, a fine prestazione, baci e abbracci e andiamo a casa.

Una partita buona, non vuole dire comunque nulla, non possiamo pensare che i problemi strutturali della Juventus siano risolti, il match contro l’atletico e’ alle porte, quella sara’ la vera prova del nove, per Max Allegri.

  1. ZANIOLO DOPPIETTA DA CHAMPIONS

    Mamma mia co’ sto Sarri … va bene il dente avvelenato, ma lo stiamo massacrando ! Quindi caro Kris, è da scriversi “il trattamento che “stiamo” riservando ecc ecc” … Visto che anche qui che continua la novena …

    Ma di Zaniolo ne vogliamo parlare ?
    No, perché qui sappiamo di essere incompetenti, salvo uno: però quello che è successo con questo ragazzo è un’enormità ! Qualcosa in più dagli addetti ai lavori sarebbe lecito attendersi, ed invece -anche loro- cagate su cagate …
    E allora diciamolo che il calcio è un semplicissimo mistero gaudioso ove le cantonate stanno sempre dietro l’angolo …
    E poi siamo i primi a dire che in Italia non escono talenti … Vuoi vedere che la malattia è nel manico, o meglio, nel sistema calcio italiota ormai catatonico ?

    PS Solo per dire, senza alcun intento polemico: se puta caso Zaniolo fosse venuto alla Juve, ve lo immaginate quando avrebbe esordito in Campionato ? Non vi chiedo nella Champions perché sarebbe una domanda da universo parallelo :mrgreen:

    • Non ho avuto ancora occasione di vederlo giocare, é veramente cosi bravo come si dice?

      • andrea (the original)

        Credo sia attendibile il parere di De Rossi: “è uno che ha una fisicità spaventosa per l’età, a cui abbina buona tecnica”.
        Ora, la fisicità non è una garanzia, anche Balotelli veniva trattato come un fenomeno quando non lo era (e non per limiti caratteriali ma tecnici); era evidente che uno con quel fisico a 17 anni fosse sopra la media dei suoi coetanei.
        La tecnica va affinata e molto; di buono c’è che sembra avere entusiasmo e passione, cosa diversa dalla personalità che gli sento già attribuire (per la personalità passare a casa De Rossi visto che con Zaniolo ma senza De Rossi la Roma aveva svaccato) ma che nello sport è fattore determinante ai fini del miglioramento.

    • andrea (the original)

      Bah, sappiamo bene che quando nomini il nemico come un mantra continuamente il tuo subcoscio sta ammettendo quanto lo tema..
      Ma questa è psicologia, anche se siamo neanche alla prefazione di un libro di psicologia.
      😉

      Dunque, Zaniolo, forte sembra, attenzione che di forti a questa età se ne son visti parecchi e il ragazzo lo dimostrerà realmente dopo 2 o 3 anni a questi livelli.
      Per il resto concordo con te, l’italianismo deve conservare un pareggio e quindi per l’italianismo se Di Francesco lo fa esordire contro il Real Madrid è uno sconsiderato che rischia di bruciarlo.
      Ma va anche detto che, rispetto a grandi nostri giocatori del passato, Zaniolo fino allo scorso anno era in Primavera anche perchè non aveva dato segni di essere così sopra la media.
      Per intenderci: di Baggio a 16 anni si dicevano mirabilie, Totti nella Primavera forse ci giocava a 15 anni, Del Piero quando ancora era a metà tra Primavera e prima squadra aveva già realizzato una tripletta in Serie A.
      Insomma, a volte il talento si vede di più, a volte di meno.

      P.s. nella Juve con Allegri non avrebbe esordito mai (e per esordire non parlo di fare 10 minuti quando stai perdendo o 3 minuti a risultato acquisito); probabilmente neanche con Conte o con Spalletti o Gattuso, forse solo con Gasperini o Di Francesco (ma non ne sono affatto sicuro).
      Con un allenatore straniero sì.

      • Allora se veramente, come si dice, é un obiettivo di paratici speriamo cresca bene. Mi fido piú del vostro giudizio spassionato che dei giornali che in casi come questo tendono a pompare oltremisura.
        Il calcio italiano ha un bisogno disperato di giovani talenti ed é un bene che possano giocare. Anch’io ho l’impressione che in Italia facciano piú fatica i ventenni. Real e Barça ne introducono in prima squadra continuamente e la maggior parte di loro viene dalle squadre B. Vediamo se la Juve riesce a portare avanti questo progetto.

  2. @Gioele
    Mi dispiace perche’ Italiano. Avrei preferito che un allenatore italiano come Ranieri x esempio, si facesse notare per altro. Conosco l’episodio del dito dal pulmann, ne lo ricordo…

  3. Parliamone, anzi meglio di noi ne parla Fabio Capello: “Zaniolo è sicuramente cresciuto dalle bocciature che ha avuto con Fiorentina ed Entella, ma nello sviluppo i giovani rallentano durante la crescita e non riescono ad essere pronti. Credo che questi due club abbiano sbagliato per questo. L’Inter ce l’aveva già pronto. Si capisce che non sono interista? (ride.ndr) Sto scherzando!”.

    Mi sfugge il nome dell’allenatore dell’inter che lo ha lasciato partire e che alcuni avrebbero visto al posto di Allegri alla Juve, Allegri che ha fatto invece esordire a 16 anni (addirittura in Champions) un giovane cresciuto nel vivaio della Juve e ha posto il veto alla sua cessione.

  4. Il fatto è che non abbiamo la controprova che Di Francesco (a proposito, grandissima umanità. L’ho saputo indirettamente da miei carissimi amici che hanno una figlia che ha dovuto subire un trapianto di midollo osseo…Grande Eusebio e tutta la società Roma…), avrebbe fatto esordire Zaniolo alla Juventus. Le aspettative nonché le pressioni sono diversissime. Detto questo, x me se uno è bravo deve giocare.

  5. Kris che sia la Juve, il Chelsea o qualsiasi altra società, hanno tutte i loro obiettivi sportivi da raggiungere e tutte mettono a disposizione le risorse umane necessarie per farlo a suon di centinaia di mln di €, delegando il compito ai rispettivi allenatori, professionisti a loro volta lautamente retribuiti. Sarri credo che abbia triplicato lo stipendio percepito a Napoli, senza però ottenere finora i risultati sperati, il Chelsea è scivolato al 6° posto in classifica ed è fuori dalla zona Champions dopo aver subito pesantissime sconfitte nelle ultime giornate di campionato. Credo tu possa capire che in una situazione del genere l’aspetto umano vada a farsi benedire e tanto meno la dirigenza può autoaccusarsi in pubblico per una scelta rivelatasi (finora) poco lungimirante.
    Quanto alle parole di stima pronunciate da Paratici su Allegri pare scontato dire che non avrebbero potuto essere diverse per due motivi fondamentali, i risultati stanno danno ragione ad Allegri e ove se per altre ragioni vi fossero motivi di frizione con l’allenatore, non credo che alla vigilia di un importantissimo dentro o fuori in Champions sia questo il momento adatto per esternarli pubblicamente.

    Ciao.

    • Si, comprendo quello che dici ma non stanno neanche andando in B. Ci sono 4-5 squadrette di tutto rispetto nei primi posti ed il progetto Sarri era preventivabile che potesse avere qualche difficoltá. Per quanto il club deleghi all’allenatore e lo paghi bene credo che abbia comunque dei doveri e responsabilitá perché affinché i progetti funzionino c’é sempre bisogno di sinergia tra i vari elementi.
      Paratici su Allegri é stato perfetto, ha fatto quello che doveva fare, perché a volte anche una parola ambigua puó avere un peso negativo da questo punto di vista e scatenare polveroni. C’é da dire che nella gestione Agnelli il club é sempre stato all’altezza sotto quest’aspetto o almeno io non ricordo situazioni in cui non lo sia stato.

      • Kris il parallelo con Conte non è casuale, al suo 1° anno al Chelsea, dopo una stagione mediocre l’ha riportata al vertice della PL. L’anno seguente sempre con Conte al timone i risultati deludenti in campionato hanno ricacciato il Chelsea nelle posizioni di retroguardia e Conte è stato esonerato, con tutti gli annessi e connessi legati al suo addio. Detto questo, il Chelsea è la società inglese che più di tutte da anni ha dato fiducia agli allenatori italiani, da Di Matteo a Zola, da Conte a Sarri, e non si può dire che Sarri non sia stato accontentato, visto che Jorghino e Kepa, oltre a Kovacic e Higuain in prestito sono comunque arrivati alla corte dei Blues.

    • stanno dando ragione

  6. Moses Kean, ha esordito a 16 anni in Champions League in Siviglia-Juventus, un attaccante entrato al 39° del s.t. al posto di un cc (Pjanic) sul risultato di 2 a 1 per la Juve, e Allegri fino a prova contraria non è un allenatore straniero.
    Questi sono “fatti e non parole”, come recitava un famoso spot pubblicitario.

  7. Marotta ha già “venduto” Icardi…
    Umh… Wanda sarà felice…
    La vedo bene a Parigi…
    Zaniolo è un ragazzo… ha fatto 30 partite…. dai almeno aspettiamo che cresca con calma… però se è riuscito ad imporsi a Roma…. il problema è se ci rimane… per lui.

  8. Michel,
    Sarri se sbaglia una stagione è finito…, e lui ha necessità di tempo per imporsi.
    Se i giocatori non lo seguono, c’è poco da fare, non è un “diplomatico”… e quindi se devi ricucire… vedremo.
    Comunque Guardiola non si discute, ma alla Juve dal 37,42 per cento e periodico…. dei tifosi…. dalla seconda stagione verrebbe criticato anche lui…. abbi fede… il tram tram è sempre quello.
    Ciao.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia