Poteva andare peggio

scritto da Cinzia Fresia

La partita era attesa con una certa ansia giustificata dalla sequenza di infortuni che ha colpito a “domino” i giocatori titolari, ultimo accaduto, a Giorgio Chiellini, la cui assenza ha gettato nello sconforto I tifosi.

La Juventus ha subito il pressing e il ritmo velocissimo imposto dagli Olandesi, la squadra sembrava bloccata, quasi incapace di ragionare, ed e’ stata in una fase di lucidità che Ronaldo ha segnato un gol spettacolare, quasi tuffandosi dentro la porta.
La gara si poteva vincere , se non ci fossero state imprecisioni, soprattutto da parte di Bernardeschi, dal quale stasera ci si aspettava di più.
Anche il centro campo ha vissuto diverse lacune, Pianic non si è potuto esprimere, come avrebbe voluto, e si è dedicato per lo più alla difesa e al recupero palloni.

Tuttavia, anche un pareggio, nelle condizioni in cui versa la Juventus oggi, non è un risultato da buttare.
Con Ronaldo al 30 per cento e con il resto dell’organico non in forma, la Juventus puo’ ritenersi miracolata se non ha perso.
La differenza d’età tra i giocatori delle due squadre era evidente, la Juventus in “apparente” inferiorità numerica, non ha potuto fare che resistere ad una corazzata in continuo assalto dei nostri, poveretti stanchi ed acciaccati, e priva dei suoi punti di riferimento, ma anche così, Cristiano Ronaldo riesce ugualmente a fare gol, e che gol! Si tuffa in area e segna di testa.

Mi sono però chiesta alcune cose, ripensando alla formazione: Ma perché inserire Mandzukic come attaccante, che non sta in piedi? Infatti il Croato, insufficiente in più pagelle e ritenuto tra i peggiori, quindi perché non Kean, gia’ dal primo minuto? Che e’ il più in forma e meno stanco, allo stesso livello degli olandesi, idem per Cancelo, malissimo e benissimo al tempo stesso, co-protagonista dello splendido gol firmato Ronaldo, ma autore di errori inauditi.
La mancanza di Chiellini, come volevasi dimostrare si è sentita, e la difesa nella sua interezza ha permesso troppe volte agli avversari di arrivare alla nostra metà campo, sebbene Daniele Rugani, se la sia cavata bene , con una prestazione di tutto rispetto.
La Juventus, conclude spendendo molte energie e facendo come ha potuto, e tutto sommato, non e’ andata così male, il tutto si deciderà a Torino.

Purtroppo l’infermeria continua a riempirsi, Blaise Matuidi si è fatto male, e pare salti la gara a Torino.
Per il match di ritorno, ci auguriamo di riavere la maggioranza degli infortunati recuperati e Ronaldo in condizioni ottimali, e che lo Stadium sia di buon auspicio per poter superare il turno, con la speranza che a Torino, non accadano i disordini generati da scontri tra le tifoserie delle due squadre.

Inviato da iPad

  1. AZZ. POTEVA ANDARE PEGGIO

    Scusami, forse poteva andare meglio era meglio…o no ?

    Un Mandzukic inesistente e un Pjanic non protetto hanno fatto la differenza.
    Pjanic ci pensa troppo e siccome gli avversari di ieri non ti lasciano il tempo di pensare quello è il risultato.

    Il reggersi appena in piedi non mi pare…addirittura, nel finale, abbiamo avuto la possibilità di raddoppiare con Costa e con lo stesso di far mancare De Jong nella partita di ritorno.

    Martedì sarà dura, i lancieri sono forti atleticamente e ben messi in campo.
    Ma, piaccia o non piaccia chi passa va in semifinale questo è …
    Posso permettermi di dire che manca un Var ?

    Buona giornata agli scontenti.

    • “Pjanic ci pensa troppo e siccome gli avversari di ieri non ti lasciano il tempo di pensare quello è il risultato”.
      Ottima osservazione Barone. In generale il nostro è un calcio pensato e per questo andiamo in sofferenza contro squadre con queste caratteristiche. Ma sappiamo fare di molto meglio.
      Il risultato va bene, 1-1 o 1-2 cambia poco. Al ritorno ci vuole grande prestazione e confido che ci sarà. L’importante sarà non speculare sul risultato ma essere tosti come con l’atletico.
      Ciao

      • Ciao Kris. Buongiorno.

        Volevo finire il pensiero su Pjanic…ma credo che scrivendo a persone che masticano calcio mi sembrava eccessivo.
        Infatti dico quando non è protetto.
        La quadratura Pjanic l’ha trovata con il saper stare in campo, ma non avevo dubbi, di Emre Can…ieri sarebbe stata un’altra partita con l’ex Liverpool in campo.
        Speriamo nel ritorno.
        Saluti.

  2. Giusto Cinzia, d’accordissimo.
    Poteva andare peggio, perché : la Juve con 10 (Mandzukic assente) giocatori ha pensato calcio individuale; loro con 11 giocatori hanno espresso gioco corale.
    Uno spettatore neutrale non avrebbe nessun dubbio a chi dare la palma del miglior gioco.

    Ciao.

    • Il risultato non è cosi male, intendevo questo, per come ci siamo presentetati. Vedremo a Torino.

    • Infatti in Spagna hanno parlato di “recital” dell’Ajax.

    • Chris, lo scrivevo un momento fa. Gli spagnoli amano il gioco corale (e in effetti il calcio si gioca con 10 palleggiatori) e uno spettatore neutrale nella Juve di coralità ne ha vista poca. Oltre a una strenua difesa.
      Il gusto conta fino a un certo punto, perché Charlize Theron è bella, bellissima, negarlo sarebbe inutile.
      E ieri sera purtroppo di Charlize Theron in campo ce n’era una sola in giovinezza e sfrontatezza.
      La Juve è sembrata un’attempata Ornella Muti.

  3. Troppi pensieri per la partita mi hanno fatto dimenticare di fare gli auguri a Luca967 per il suo 67° compleanno. Perdonami e accettali anche se in ritardo. Auguri !

  4. Mauro the Original

    Al di là della prestazione in campo (prima della partita avrei firmato con il sangue il pari 1-1) direi che lo scoglio maggiore da superare sarà la partita di ritorno.
    Poi tutto si dovrebbe sistemare in quanto i giocatori infortunati avranno il tempo di ristabilirsi, penso sempre a Cuadrado che manca in queste partite.

    Oltre a Manzo credo si debba valutare anche la cessione di Dybala poiché in campo è inesistente.
    Dare fiducia a Kean che è il futuro e prendere un secondo Bernardeschi in grado di portare su palloni e creare superiorità numerica.
    Il Douglas Costa visto ieri merita la riconferma.

  5. Ciao Cinzia,
    Condivido le tue osservazioni sulla partita. Tuttavia credo che l’assenza di Chiellini non si sia sentita particolarmente. Eravamo tutti preoccupati però Rugani ha sfoderato la sua migliore prestazione. La Juve difensivamente ha lavorato benissimo e forse l’Ajax è proprio il tipo di avversario ideale per Daniele, una squadra dal gioco “pulito” che non lo ha obbligato ad una partita gladiatoria più adatta alle caratteristiche di Chiellini.
    In generale l’abbiamo affrontata con umiltà, consapevoli che il loro ritmo e palleggio ci avrebbe messi in difficoltà. Abbiamo cedutol’iniziativa coscienti del fatto che se la sarebbero comunque presa.
    Al ritorno bisognerà fare molto meglio. Soprattutto essere più precisi, andare con più decisione sulle seconde palle e sfruttare gli spazi che sempre concedono. Possibilmente proporre anche qualche alternativa alla sgroppata individuale come fatto in occasione del gol di CR.

  6. andrea (the original)

    Credo che la paura per l’assenza di Chiellini abbia pesato in primis sulla squadra; mi è sembrato che Pjanic partisse molto basso, come lo scorso anno, forse perché Bonucci senza Chiellini non se la sentiva di salire e impostare.
    Resta la sensazione di non sapere quanto valga questa squadra o meglio, di percepirne il potenziale ma non vederla mai sbocciare in un gioco europeo, se non quando è disperata.
    Come se fosse a metà del guado e non decidesse da quale parte andare definitivamente, se avanti o indietro.
    E credo che per battere un Barcellona la scelta definitiva vada fatta e inizi con l’imporre il proprio gioco contro avversari inferiori.
    Ieri in qualche frangente si è visto, soprattutto si percepiva che attaccando noi disponessimo di una pericolosità individuale maggiore.
    Ma bisogna fare di più, meglio e in modo diverso.

    • Il nostro attraversare il guado è sempre strettamente legato al risultato. Per questo spesso mi preoccupano i risultati “in bilico”. È quando non abbiamo scelta che diamo il meglio come atteggiamento. Mentre i principi di gioco sono sempre gli stessi.
      Ieri non abbiamo accellerato con convinzione perché era solo la prima parte della sfida.

  7. IBRIDO O NEUTRALE

    Non sarò, mai, né l’uno né l’altro…solo Juve ma anche critico.

    Pronti via…Bernardeschi tira e segna 1-0…quanto è passata vicina quella palla all’incrocio ?
    Oooohhh ! Hanno gridato la traversa e il palo che si incrociano proprio lì…e la rete che mormora: peccato non averti potuto abbracciare tra le mie maglie.

    Bernardeschi ancora sulla sua sinistra e il marcatore olandese in calcio d’angolo, fotocopia sulla destra sempre Bernardeschi e il suo marcatore si risalva in calcio d’angolo…Bernardeschi ancora su imbeccata di Cristiano tira di sx e la palla a un cm dal palo con deviazione del solito olandese rompipalloni…nemmeno calcio d’angolo.
    Ronaldo a volo di dx…fuori.

    E gli olandesi ?
    Ci sono eccome:Ziyech tira e Codice Fiscale manda in angolo, Tadic tira e la palla …brrrr mamma mia.

    Intanto la Juve passa…azione impostata e conclusa dall’illusionista…c’è e non c’è più…sparisce anche agli ultrasuoni…compare in volo e lancia la botta…goooollll…ha segnato la Juventuuuusss con Cristiano Ronaldo.

    30 secondi dal fischio e pari Ajax…stop sbagliato di Cancelo che invece di reagire si ferma un attimo a pensare come aveva e perché sbagliato…corri cazzo recupera…goal.

    I lancieri prendono fiducia e giocano, la Juve subisce ma rintuzza, Codice Fiscale fa un’altra bella parata su Ekkelenkamp.
    Dopo pochi minuti di riscaldamento parte Costa sulla sx, tunnel, elastici e suole disorientano tutti quelli che gli capitano a tiro…e tira pure lui però sul palo.
    Ha pure l’occasione di non far giocare De Jong a Torino. Pollo o sportivo ? Fate voi.

    Mano di Magnafico sulla spalla di Bentancur…manca un Var alla Juve.

    Questi lancieri fanno paura…ma lo sapevo.
    Buona giornata.

  8. BASTA UNA CAREZZA

    Per far felice un bambino.

    https://www.facebook.com/178688128956151/posts/1220443174780636/

    Buongiorno

    • La faccia di quel bambino: stupore prima … gioia pura dopo il tocco di Ronaldo. Bellissimo tutto questo. L’icona Cr7 è un riferimento sportivo eccezionale per i ragazzi.
      E la faccia da bullo scazzato di Bonucci è il degno compoletamento, di quel bellissimo istante …

  9. CON I SE E CON I MA …

    Con i se e con i ma tutti i discorsi possono essere validi … ma solo in teoria naturalmente.
    Ma certe volte i “se” servono a concettualizzare certi discorsi …
    Proviamo per un momento a guardare certe cose con “occhio terzo” … ovvero equidistante …
    Bene, provate a pensare a Cristiano Ronaldo sulla cima della piramide del gioco dell’Ajax … Ebbene, non sentite un brivido lungo la schiena a immaginare i palloni giocabili di cui potrebbe usufruire costui ?

    • Lui’, un paio di commenti “terzi”

      Cristiano é tornato ad indossare il vestito della champions ed il suo ennesimo gol salva la Juve ad Amsterdam: un Ajax nuovmente spettacolare deve accontentarsi dell1-1 dopo una prova indimenticabile che promette molto per il ritorno. Crujff diceva che , nelle sue squadre, il portiere é il primo attaccante e l’attaccante il primo difensore: il Pelé bianco sarebbe orgoglioso dei suoi discepoli che hanno fatto impazzire la Vecchia Signora con un pressing constante e coraggioso….

      A Cristiano é mancato poco per andaré via da Amsterdam senza toccare palla. Peró quando l’ha fatto ha salvato la Juve. Il gol ha tolto la sua squadra dal vórtice di passaggi che minacciava di inghiottirla. Superba dimostrazione di dominio e bravura da parte dell’Ajax che non ha trovato maggior opposizione che disciplina tattica ed un’invenzione di Cristiano.

      • Vedere Cristiano alla guida di una squadra del genere sarebbe davvero impressionante.
        Tuttavia c’é da riconoscere che certi progetti non sono semplici da costruire se si ragiona con la cultura del risultato. Ajax o Barça sono realtá particolari nelle quali ció che ammiriamo é frutto di una filosofia ed un lavoro di anni e anni nel quale tutto l’ambiente deve credere fermamente, anche quando il risultato non arriva.

      • Certo Chris, il mio era un discorso assolutamente ideale: dici bene, è principalmente un discorso “culturale”: loro coltivano da anni il gusto del gioco, che discende dai loro dei calcistici … e le immagini dell’interno dello stadio con Crujiff e Van Basten in primo piano -che abbiamo visto ieri sera- ne sono la fulgida essenza.
        Noi italiani invece abbiamo il “culto” del risultato con tutte le conseguenze che ne discendono.
        Solo Sacchi forse tentò una via nuova.
        Solo Gasperini forse in questo momento storico in qualche modo cerca di applicare con risultati tangibili certe sue idee.

        Ovviamente il discorso sarebbe molto più lungo.

        Ciao.

  10. Raga: c’e Molto poco da dire, se non essere contenti, che abbiamo Ronaldo. Senza di lui con i danni che ci portiamo dietro, la Champions la salutavamo.

    • Luna,

      tutti gli anni arriviamo in questo periodo della stagione nelle condizioni attuali.

      Quest’anno speriamo che Ronaldo riesca a sopperire ad Allegri, in caso contrario la solita minestra è servita.

      #allegriout :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  11. Dici bene, poteva andare peggio.
    I numeri della sfida sono i seguenti

    Possesso palla Ajax 58% – Juve 42%
    Tiri Ajax 14 – Juve 6
    Tiri nello Specchio Ajax 6 – Juve 1
    Parate del portiere Ajax 0 – Juve 5
    Fuorigioco Ajax 4 – Juve 0

    Se ci fermiamo ai numeri siamo di fronte ad una sconfitta totale sul piano del gioco.
    Ma se guardiamo meglio, possiamo anche essere soddisfatti, perché in fondo siamo andati ad Ajax, per non subire gol e magari tentare di fare il “golletto” con Ronaldo e questo è successo, nel più classico modello di calcio italico.
    Da qui i complimenti generali e le pagelle generose che si leggono un po’ ovunque.

    Insomma, alla fine cosa dire?

    Poteva andare Peggio?

    Ed a questo punto perché non possiamo dire poteva andare meglio?

    Dopo le 4 parate di Szczesny in fondo il palo lo abbiamo preso ed allora….

    Purtroppo se in Italia funziona così, e magari anche in Europa, poi in finale o si cambia registro o saranno sberle, come sempre.

    Ripeto, 7 schiaffi presi in due finali, 3 da messi e 4 da Ronaldo. Con soli due buffetti restituiti.

    Oggi Ronaldo è con noi, dov’è l’errore?

  12. L’Ajax è un modello di scuola calcio, tecnica, personalità, visione di gioco e velocità sono i principi sui quali è basato il loro credo calcistico a partire dai ragazzini del vivaio e ieri sera s’è visto (ma prima ancora contro il grande Real) come una squadra senza grandi individualità può mettere in difficoltà un centrocampo di mediani-incontristi come il nostro. Dopo un 1°tempo in cui la Juve è riuscita a tenere a distanza i lancieri, il contemporaneo calo fisico di Berna e la diminuita lucidità di Pjanic hanno lasciato spazio alle avanzate dei palleggiatori- velocisti olandesi con la logica conseguenza di mettere sotto pressione la difesa bianconera, che ha retto grazie all’ottimo lavoro della coppia Bonucci-Rugani e un Bentancur in stato di grazia, con un solo tiro in porta parato da Szczęsny dopo una bella azione dell’oriundo ascolano Ecchel-n-camp 🙂 . Risultato di parità che credo rispecchia alla fine l’andamento della gara, dopo un 1° tempo in cui la Juve ha creato molte più occasioni da gol dell’Ajax e la 2a frazione che lascia intendere che la squadra olandese ha tutte le carte in regola per mettere in difficoltà una Juve che dovrà dar fondo a tutte le riserve di qualità ed esperienza per arrivare a giocarsi la 3a semifinale consecutiva negli anni dispari dal 2015 al 2019.

    • Mancini dovrebbe farci un pensierino all’oriundo😂😂😂
      Dici bene, al ritorno servirà tutta la qualità ed esperienza. Loro non verranno a fare la partita di Simeone.

  13. Auguri Luca, di felice compleanno.

  14. Augurissimi Luca. P.s. Xchè 51mo se sei nato nel ’67. Qual è il segreto della tua…giovinezza?😜

  15. Che dire,
    Considerate le situazioni un pari da loro dobbiamo accettarlo.
    Quello che si doveva fare lo sappiamo tutti. Parlo di mandzu che non ha fatto nulla, non e’ a posto e non ne esce. Pjanic a volte smarrito e a volte con qualche idea ma soffre l’assenza completa di un incontrista per lavorare tranquillo. Non e’ il suo genere,ci prova,in parte lo fa poi si smarrisce. Fatto sta che si torna a mio parere, alle solite.

    Abbiamo fatto palleggiare quei diavoli un po’ a centrocampo e tantissimo nella nostra area. Velocita’ vertiginosa della palla manovrata da minimo sei di loro.
    Rugani ha retto discretamente visto I margini di possesso palla non sterile dei lancieri.

    Si sapeva, prendiamo sto punto e vediamo che fare al ritorno e soprattutto quando si dovranno fare delle scelte per aggiustare il cc l’anno prossimo.
    Vediamo che fare a anche per gli infortuni perche’ non si puo’ regalare certe pedine in coppa.

    Non bisogna farli segnare a Torino, na parola….

    • Leggevo su Juventibus un analisi degli infortuni muscolari che colpiscono la Juventus.

      Analizzano gli infortuni tra Juve, Real Barça e Roma, per avere degli esempi tra squadre che giocano lo stesso numero di partite.

      Stra-riassumendo
      considerando la rosa, su un totale di 96 partite saltate, solo 32 sono da infortuni muscolari cioè siamo al 33%

      Quindi:

      Juve 96 partite saltate, 32 inf. muscolari, 33%
      Barcellona 81 partite saltate, 38 inf. muscolari, 46%
      Real 91 partite saltate, 63 inf. muscolari, 69%
      Roma 96 partite saltate, 66 inf. muscolari, 69%

      Direi che il mito è sfatato.

      Ciao, Luca

  16. Luca, auguri!

  17. Intanto auguri al fratello Luca anche se sono in ritardo e lui sa perchè 😎
    Poi per farla breve, vorrei apprezzare il pareggio ideale per 1 a 1 della Juve di ieri come punteggio ideale onde partire a Torino con un piccolo vantaggio, acquisito.
    Quanto alla prestazione offerta ieri, vorrei fare i complimenti a questa nuova squadra olandese che mi ha tanto ricordato gli albori di una squadra che con Rep nei primi minuti ( ricordo di aver sentito per la prima volta ” a freddo”) ci fece arrivare per la prima volta secondi nella coppa dei campioni.
    Da allora l”Ajax ha sempre fatto cassa con i loro pezzi migliori ed anche ora sembra stia già smembrando questo magnifico gruppo.
    A Torino, la prossima settimana la Juve deve tirare fuori gli artigli e giocare da squadra esperta come ha fatto ieri sera ed approfittare di quei buchi che un gruppo giovane può lasciare per inesperienza.
    Passare questo turno sarà molto difficile, ( credo anche più complicato di quanto già espletato contro l’Atletico) e forse avrei preferito già un’Inglese in questo turno, ma stiamo in ballo e se si vuole arrivare a “quella sporca ultima meta” bisogna essere in grado di fare questo ulteriore passo.
    Speriamo solo di recuperare qualche altro pezzo dall’infermeria perchè oltre a Cr7 e quel Costa abbiamo constatato che sono sempre i campioni quelli che fanno la differenza, e più ce ne sono in campo e meglio è.

    • Antò, mi attacco alla fine: quando i campioni giocano da “squadra”, si ottiene il gioco che soprattutto nel 2^ ha mostrato l’Ajax

    • Ps Tanto perché di giocatori tecnici ne avevamo in campo anche noi alla fine: Costa, Dybala, Ronaldo, Berna, Pjanic e compagnia bella … ma la palla hanno continuato a tenerla loro … salvo i due strappi singoli di Costa …

    • Bisogna chiedere ad Allegri perchè li tiene in panchina

  18. PS Grazie degli Auguri, che ricambio.

    Un abbraccio. 😀

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia