Una Domenica perfetta.

Articolo di Alessandro Magno

Forse andrò contro corrente ma se da una parte non mi auguravo la sconfitta contro la Spal (non sono capace di fare il tifo contro la mia squadra) dall’altra in qualche modo temevo il fatto di poter vincer lo scudetto prima della partita contro l’Ajax. Alla fine il destino ha deciso così. Tutto rimandato. Perfetto. Anche il Napoli ha battuto il Chievo per cui si festeggerà più avanti. Niente feste per i nostri giocatori, niente distrazioni. Tanto lo scudetto è vinto e quel punto mancante si farà. Perfetto anche il discorso di Allegri in conferenza stampa sul vincere di poco o di molto. Vale sempre 1 scudetto. C’è una partita molto importante che probabilmente vale una stagione e che è così ravvicinata da non poterla proprio non considerare. I nostri avversari invece non hanno potuto godere di queste giornate diciamo di riposo. Sono in lotta con il PSV per la vittoria finale e quindi nonostante giocassero contro una delle ultime, han dovuto utilizzare almeno per un ora buona tutti i titolari ad eccezione di un paio.

Allegri ha risposto anche sul fatto che la Juventus in qualche modo potesse condizionare e falsare la lotta per non retrocedere. E’ stato diplomatico dicendo che se fossero scesi in campo i titolari avrebbero fatto sicuramente peggio e probabilmente ha ragione vedasi Genoa Juventus ad esempio dove molti giocatori apparvero svuotati a pochi giorni di distanza dalla vittoria in rimota contro l’Atletico Madrid. Io sarei stato meno diplomatico dicendo chiaramente che ognuno pensa per se e non mi risulta di esser mai stati aiutati da squadre salve o non impegnate in qualche lotta mentre noi ad esempio ci giocavamo la Champions o il Campionato, di conseguenza fortunata la Spal ma anche brava a cogliere l’attimo ma tutti la salvezza se la devono guadagnare da soli non certo sperare nella Juve che ha cose proprie a cui pensare.

Mi sono piaciuti i giovani utilizzati. Un altra grande idea del Presidente Agnelli: l’Under23. Alcuni di questi che hanno avuto la fortuna di disputare un campionato professionistico vero come la Lega pro e non un campionato giovanile, han fatto vedere di esser pronti anche per una serie maggiore come la serie A. E se non sono ancora prontissimi per la Juve potrebbero esserlo l’anno prossimo per tante squadre di medio bassa classifica e iniziare una carriera che troppo spesso ai primavera viene negata per l’impossibilità di fare questo salto fra giovanili e professionisti. E’ presto per dirlo ma potrebbero esser state gettate le basi per una futura cantera bianconera. Chissà.

  1. Ben
    Sapevano che volevi festeggiare con loro e ti hanno accontentato…e poi vuoi mettere con i lugubri ?

  2. Melara

    Campionato falsato anche questa volta…ormai ci siamo abituati.
    La Juve vorrebbero batterla tutti…e più vince e più loro sportivamente vorrebbero batterla con le buone o con le cattive.
    Allora, dico io, perché i presidenti e gli allenatori di queste squadre, parlo delle piccole, preparano la partita come se fosse quella della vita solo contro la Juventus ?
    Pensassero a giocarsi la salvezza in tutte le partite e non aspettarne solo una e l’unica.

    Poi, c’è pure chi vorrebbe con tutte le sue forze di salvarsi e combatte…altri invece mirano solo a salvarsi col paracadute…i soldi che la federazione mette in palio per chi retrocede.

    #finoallafine

  3. andrea (the original)

    Luca
    rispondo di qua alla riflessione sulla presunta esagerazione nel turnover.
    Premesso che, come hai detto tu, sono cose che si fanno e che, nel caso della Juventus, la sua superiorità (o mediocrità degli avversari) fa sì che spesso anche con un ampio turnover si vinca lo stesso in campionato, il ricorso a tanti primavera e fuori ruolo credo sia dovuto anche alla situazione infortuni: in difesa siamo meno che contati, ne avessimo perso uno Gozzi avrebbe dovuto giocare contro l’Ajax, in mezzo abbiamo Matuidi, Emre a rischio, davanti Cristiano due partite in 3 giorni era un suicidio, Douglas Costa è a rischio..cosa si poteva fare di diverso?
    Per dire, il Barca fa turnover totale pur non avendo infortunati o a rischio e avendo di fatto già passato il turno contro lo Utd.

    Ciao

    • Andrea,

      ripeto che non sono scandalizzato dal turnover fatto.

      Lo abbiamo sempre visto fare, abbiamo anche visto far giocare mezza partita ad alcuni, insomma tutto regolare.
      Detto questo però la squadra doveva mantenere una propria identità, cosa letteralmente venuta a mancare, non tanto per l’inserimento dei primavera, bensi la formazione scesa in campo, veramente sconclusionata. Mi lasciano perplesso poi le sostituzioni fatte.

      Se ti mancano i difensori centrali, e mancano, gioca con un 442, il 352 ti porta da solo ad avere giocatori fuori ruolo, DeSciglio e Barzagli, 2 su 3.
      A centrocampo potevi mettere un primavera con due terzini sulle fasce, e di punta Dybala e Kean.

      Ma poi le sostituzioni, con Bonucci abile ed arruolato, togli Barzagli e metti Bernardeschi, mancavano pochi minuti, 81 esimo (!).

      Insomma mi arrendo, io questo allenatore non lo capisco.

  4. JACOPO DIEGO AZZOLINI

    Se già aveva fatto vedere grandi cose contro Bayern Monaco e Real Madrid, pure contro la Juventus l’Ajax di Ten Hagh ha dimostrato di essere squadra vera, con un approccio tattico abbastanza anomalo all’interno del calcio contemporaneo: si tratta infatti di una outisder che comunque gioca da grande squadra, cercando di dominare il palleggio il più possibile con un baricentro altissimo e di recuperare palla subito dopo averla persa.
    Insomma, l’esatto contrario delle formazioni di seconda/terza fascia, che solitamente cercano di sopperire alla minore qualità nei confronti dei top club cercando di minimizzare i rischi e di fare grossa attenzione difensiva, preferendo attaccare in ripartenza.

    Alla Johann Cruyff Arena abbiamo visto quindi una netta supremazia territoriale da parte degli olandesi.
    Se la prolungata fase di possesso palla era prevedibile, a rivelarsi estremamente efficace stata la qualità della riconquista visto che l’Ajax ha recuperato il pallone molto in avanti, a un’altezza media di quasi di 45 metri.
    La Juventus ha accettato lunghe fasi di passività, un atteggiamento che ha un po’ ricordato quello della squadra che arrivò in finale a Cardiff.
    Tuttavia, oltre a soffrire la pressione olandese, c’è stato forse il demerito di non aver sfruttato a pieno il mismatch fisico.
    I lancieri hanno sistematicamente prevalso sulle seconde palle: pure quando la Juve aggrediva bene in avanti e l’Ajax era costretto a rifugiarsi nel rinvio di Onana, sul lancio lungo del portiere erano comunque i padroni di casa a vincere.

    Storicamente, la Juventus di Allegri hanno sempre sofferto molto contro gli avversari che pressano la prima costruzione. Quando non si riusciva a risalire col palleggio, c’è sempre stata la scorciatoia del lancio lungo per superare le linee di pressione rivali, soprattutto grazie alle importanti doti fisiche di Mandzukic e alle sue celebri “spizzate”.
    Il problema è che le precarie condizioni fisiche del croato hanno impedito ai bianconeri di sfruttare queste situazioni, con quindi i vari lanci lunghi da dietro che si sono tradotti in palloni regalati agli avversari.

    Il rimpianto peggiore di mercoledì è stato essenzialmente questo, ossia la gestione del possesso.
    Poche volte si è riusciti a superare quella (densa) pressione avversaria, pressione che una volta superata faceva venire a galla tutti i limiti dei giocatori olandesi.
    Se il rischio di farsi trovare lunghi è il prezzo da pagare quando si cerca di difendere in avanti, i grossi limiti nei duelli individuali sono di certo un limite non voluto.

    La Juventus lo ha dimostrato: una volta superato il pressing olandese (costituito da una gigantesca densità in zona palla, con tanti uomini in pochi metri), i giocatori dell’Ajax hanno palesato grossi limiti individuali nella difesa in campo aperto.
    Su 32 dribbling tentati, la Juve ne ha riusciti l’enorme cifra di 27*.
    Lo stesso gol è nato da un bel break di Bentancur, situazione che i bianconeri avrebbero potuto sfruttare più spesso, col dribbling e la conduzione dell’uruguagio che hanno disordinato la fase di non possesso avversaria.
    In sintesi, un’eccellente difesa di reparto, soprattutto in avanti, ma – con l’eccezione di un magistrale de Jong – interpreti mediocri nei duelli individuali (se vogliamo fare esempi, l’esatto opposto del Real Madrid di Zidane).
    In particolare sulle corsie esterne.

    Senza dubbio, l’assenza di Can si è rivelata un dramma tattico, visto che l’intuizione di Allegri nello schierarlo difensore di destra aveva risolto diversi grossi problemi che ci si portava dietro da mesi.
    Prima ancora che le capacità in interdizione, in Olanda sono mancati i break del tedesco, la sua corsa palla al piede in grado di spezzare le linee di pressione rivali. Paradossalmente, pure la mancanza di Chiellini si è avvertita soprattutto per la fase di possesso palla (difensivamente Rugani ha giocato molto bene) e per la sua ottima conduzione, decisamente migliorata rispetto agli ultimi anni.

    Insomma, in campo aperto i giocatori offensivi della Juve hanno dimostrato di poter seminare il panico (e speriamo Douglas Costa possa giocare almeno 30′). Si tratta semplicemente di imbeccarli con le modalità giuste.
    Se il palleggio della Juve oggi si rivela lacunoso contro una squadra che effettua una aggressione ben fatta (e questa, se vogliamo, è un difetto su cui lo staff tecnico ha diverse responsabilità), per avere più sicurezza e “spezzare” le linee avversarie può essere una buona idea affidarsi alla forza e agli strappa palla al piede dei propri uomini: Can dovrebbe recuperare, mentre Bentancur ha già dimostrato di incidere di più in queste partite dinamiche rispetto a quelle più bloccate in cui deve fungere più da metronomo (vedasi Juve-Milan).
    L’Ajax ha diversi difetti, spetta ai giocatori bianconeri “di gamba” farli venire a galla.

    Buon pomeriggio

    • “Alla Johann Cruyff Arena abbiamo visto quindi una netta supremazia territoriale da parte degli olandesi.
      Se la prolungata fase di possesso palla era prevedibile, a rivelarsi estremamente efficace stata la qualità della riconquista visto che l’Ajax ha recuperato il pallone molto in avanti, a un’altezza media di quasi di 45 metri.
      La Juventus ha accettato lunghe fasi di passività, un atteggiamento che ha un po’ ricordato quello della squadra che arrivò in finale a Cardiff.
      Tuttavia, oltre a soffrire la pressione olandese, c’è stato forse il demerito di non aver sfruttato a pieno il mismatch fisico.
      I lancieri hanno sistematicamente prevalso sulle seconde palle: pure quando la Juve aggrediva bene in avanti e l’Ajax era costretto a rifugiarsi nel rinvio di Onana, sul lancio lungo del portiere erano comunque i padroni di casa a vincere.”

      Azzzz, un articolo che riconosce lucidamente che i lancieri alla Crujiff Arena ci hanno messo sotto di brutto. Allora noialtri non abbiamo visto un’altra partita 🤔

      Buon pomeriggio a voi.

      • Cioè l’ Ajax dei ragazzini ci ha dato una lezione tattica?

      • Beh, se non tattica, sicuramente l’Ajax ci ha dato una “lezione di gioco”, caro Luca.
        Speriamo che il nostro allenatore l’abbia capita, e sappia adottare qualche opportuna contromisura. La prima sarebbe quella di panchinare il Manzo che ha dimostrato in Olanda di non avere i tempi ti reazione necessari per giocare una partita del genere.
        Non vorrei vedere la stessa partita anche allo Stadium … sarebbe il colmo.

    • Grazie Barone per l’interessante articolo che condivido abbastanza.
      Del resto la stampa di tutta Europa ha applaudito la prova dell’Ajax. Al contrario le parole sulla Juve, comunque d’elogio, si sono limitate a disciplina tattica, mestiere, fase difensiva ecc.
      Un po’ come quando ti chiedono un giudizio su una ragazza e dici che è simpatica ed intelligente…
      C’è una differenza enorme tra le due rose, eppure è finita pari con applausi per loro. Giusto per capire quanto possa contare una valida organizzazione di gioco. Ma l’avevamo capito anche nelle sfide con l’Atalanta.
      Spero che domani riusciremo a dimostrare la nostra superiorità, ci serve una vittoria che è assolutamente alla nostra portata.
      Tuttavia anche il povero Azzolini si è reso conto che la nostra migliore arma sono gli strappi palla al piede.
      Io credo che tanto giocatori come tecnico potrebbero dare molto di più, ma tant’è…
      All’eliminazione non voglio neanche pensarci, quindi che facciano come meglio credono basta che ci portino avanti.
      Buona vigilia e forza Juve!

  5. Riguardo alla cantera, sentivo Franco Causio proprio questa mattina a rai radio 1 che parlava dell’importanza dei vivai nell’Ajax e del Barcellona, quindi che la Juve inizi, anzi prosegui la filosofia di far crescere in casa i futuri campioni, non può che essere condivisa. Dopotutto attorno allo stadio, alla Continassa gli investimenti per creare il più importante impianto dello sport d’Italia è in atto e stanno mantenendo le promesse mentre nelle altre realtà, vedi Roma, Napoli e Milano ancora navigano a vista aspettando Godot, per poter costruire un nuovo stadio.
    Tutte le volte che le buscano sonoramente dalla Juve però, sanno dove andare per lamentarsi, perchè è troppo facile vedere i bruscolini negli occhi degli altri e non capiscono di essere ciechi con dei travoni dentro i propri occhi.
    Loro continuano con le loro sterili polemiche e la Juve si allontana sempre più, creando nel calcio quello che potrebbe essere il più importante business italiano.
    Parlo in prima persona, come tifoso che ogni anno viene sempre più attirato a partire per andare a vedere lo Juventus stadium, un tempio dove ereticamente si professa una cerimonia settimanale e dove tutto il popolo bianconero è invitato a partecipare. Uno spettacolo nello spettacolo, e, dove ogni tifoso non si sente defraudato di aver comprato un biglietto o fatto sacrifici ( perchè si arriva da tutta l’Italia, alquanto raro in passato,) per vedere i campioni e la squadra della Juve. Qui poi, tutto l’indotto merchandising, servizi taxi e pubblici centro commerciale ecc., ne beneficia.

    Per ciò che riguarda la partita contro la Spal, beh credo che questa Juve ha fatto quello che doveva e con la squadra che meglio potesse rappresentare in questo momento nel campionato. Come abbiamo potuto constatare,la squadra di Ferrara è uscita dal campo vittoriosa ma anche con 5 ammonizioni che se fossero state espulsioni, nessuno avrebbe avuto niente da ridire, tranne che per il fatto che contro la Juve è da “fuorilegge” poter espellere qualche avversario se non uccide direttamente con un bazooka, qualche calciatore stesso della Juve.Non so voialtri ma io inveivo come un dannato tutte le volte che i calciatori avversari entravano in modo scorretto sui nostri migliori, e non sospetto male se penso che non lo facessero solo per foga agonistica.
    Cui prodest mettere a rischio calciatori che erano appena rientrati da guai muscolari tipo Ronaldo o ancora Chiellini che non sappiamo ancora se sarà recuperabile per la partita di domani?
    Qualsiasi tipo di risultato, solo per il fatto che ci sia la Juve in mezzo, avrebbe creato una polemica, pertanto non me ne può fregar di meno, così come ha pure scritto Ben, che qualche società boccheggiante tra la permanenza e la retrocessione si sia lamentata. Dopotutto la Juve ha fatto la sua partita e brava la Spal che è riuscita a vincere.

    Ed ora, se mi permettete, le dolenti note del blog.
    Capisco che a qualcuno sia sulle scatole Allegri, ma non capisco la debordazione extra che poi ci fa uscire dai gangheri tra amici e tifosi, quali siamo. Conosco Luca ed è un fratello per me, quindi essendo un ariete come il sottoscritto è un sanguigno dentro che deve esporre i suoi dissapori senza mettersi a ragionare quali potrebbero essere i riscontri. Lui non accetta, così come altri amici come Andrea che la Juve giochi al “risparmio” perchè gradirebbe qualcosa di diverso e quando assiste a determinate partite si sente frustrato, in quanto questa è una Juve galattica che dovrebbe far vedere al mondo le sue qualità.
    Questo suo ardire è spesso accompagnato da frasi infelici, cui si è pure scusato a posteriori, pertanto aldilà di voler fare da avvocato difensore di alcuno, soprattutto poi di gente che sa ben valersi, vorrei far sotterrare l’ascia di guerra ad un altro amico che non è solo fraterno, ma di più, come il nostro Barone.
    Anche lui è sanguigno, porta sul suo braccio una cicatrice che rappresenta la difesa fisica dagli attacchi degli anti juventini, e ne va fiero come se si fosse fatto un tatuaggio apposta. Sentirsi dire da un tifoso” amico ” forza ….. (non vado oltre mi fa senso riscriverlo) è un onta che va oltre ogni moralità e lo capisco in pieno, ma riuscire a dialogare tra di noi è sempre stato un piacere, almeno per me, mai un dispiacere. Perciò chiarito il dilemma iamm avanti che domani voglio avere il resoconto dal tuo racconto della partita, vista dal vero.
    Proprio così, la percezione delle partite viste allo stadio ti danno altre impressioni ( caro Luigi) altro amico sempre pronto ad essere critico e invito pure tu ( visto che presto avrai pure più tempo disponibile) a fare qualche visitina alla Juventus stadium, oltre a divertirti, potrai sparare meglio le tue cartucce sui vari componenti dell’orchestra invece di prendertela solo contro il direttore. Non sono tutti Riccardo Muti, ma questo l’opera ( almeno per ciò che riguarda il campionato) te la porta alla fine. 😉
    Scusate il lenzuolo, scrivo quando ho qualche minuto libero e come posso, ora mi taccio così non mi sentite per un pò.

    • Caro Antonio, speriamo che anche i “critici del gioco di Allegri”, possano avere asilo su questo blog senza essere continuamente rimbrottati da qualche cerbero di turno.
      Si cerca -e qui parlo anche a nome di Chris- di alleggerire con un po’ di ilarità la pesantezza endemica di alcuni argomenti …

      In fondo noialtri rappresentiamo un buon 50% di tifosi juventini che non gradiscono il gioco che ci propina la maggior parte delle volte allegri, se questa cosa ti dà fastidio, non possiamo farci niente né tu né io, nè Chris, nè Luca, né quant’altri. Perché -molto semplicemente è un dato di fatto. Magari, magari fosse un problema Stadio … Stadio o tv, se la Juve gioca a 2 all’ora non è che cambia molto.
      Ripeto, se e quando la Juve gioca male, dovremmo prendercela col magazziniere ?
      Scusa, per finire, se qualcuno di noi non si allinea al “pensiero unico”, da bravi soldatini juventini che dovrebbero vedere sempre rosa anche quando dal cielo grandina.

      Buon inizio di settimana e buon lavoro.

      Ps Bada bene -nel caso dovessi replicare-, si parla di “gioco” non di risultati (quelli almeno in Italia sono strabilianti). A parte che questi ultimi (i risultati)porrebbero vedersi anche al televideo.

    • Ps Allegri -lo abbiamo ripetuto mille volte, ma che te lo dico a fare-, non sta sulle scatole a nessuno. Qui si critica, semplicemente e serenamente, il modo in cui spesso fa giocare spesso la Juve. Lo so che questo è un concetto di fisica nucleare che è difficile da capire 😛
      Quanto a Luca (che non ha bisogno di avvocati difensori), lui si è scusato per quieto vivere, ma si capiva bene -per chi non si arma subito di forconi- che il suo era un paradosso dialettico riferito comunque al “modo” di fare calcio dell’Ajax, che anche Azzolini qui sopra spiega bene.

      • Ciao Luigi, non volevo assolutamente urtare la tua suscettibilità, anzi ci tenevo ad essere chiaro, ma hai capito fischi x fiaschi, anzi probabilmente mi sono spiegato male io. Se non critichiamo non avremmo neanche ragione di stare su questo o altri blog, figurati se il mio era un rimbrotto contro la libertà di poter dire quello che ci sentiamo dentro di dire. Alla fine le varie teorie arricchiscono tutti anche se sono agli antipodi dai punti di partenza in cui ognuno di noi crede. Il problema è un altro e vorrei focalizzarlo in modo sereno non con il pregiudizio di chi pensa che sono contro, anzi.
        Abbiamo constatato che Allegri non ami il calcio come piacerebbe a te, ma se è per questo e per metterci d’accordo ( anche se l’ho scritto 1000 volte) neanche a me. Ma questo non mi spinge a scrivere forza ajax anche se ho appena visto una partita in cui sono deluso, ed in faccia ad un amico Juventino che….. magari non apprezza come te il gioco di Allegri ma che non apprezza questo tipo di sfogo più di pancia che di altro. Se poi tu credi sia una sorta di censura, ti rispondo che non lo è assolutamente, solo che mi sento così come si sente Barone ed altri, tradito da un amico che come me si sente prima di tutto Juventino. Non mi dire che tu da domani non lo sei più perché non accetti il gioco che fa Allegri. Quest’ultimo poi ( volente o nolente) da 5 anni ha vinto e dimostrato che è “bravo ”. Sarà discutibile quel bravo e sono d’accordo con te ma quando vinci non puoi “dimostrare” il contrario, almeno su questo concordi? Poi tifiamo Juve, gli uomini vanno e vengono ma la passione ed il tifo rimane.
        Il mio appello per andare a vederti una partita dal vivo ti potrà aiutare a vedere certe cose che a te sembrano lapalissiane in modo diverso, credimi una volta tanto, è solo un consiglio da amico non te lo sto dicendo come una sorta di imposizione 😉. Se hai ancora dei risentimenti beh, non so cosa ancora dirti.
        P.s. Ho scritto chiaro che non voglio fare l’avvocato di nessun amico, non mi tacciare di qualcosa che non ho fatto, parlo per me.
        Pp.ss. Scrivo da cellulare perdona qualche strafalcione di battitura o altro

        • Vabbè ci siamo capiti Anto’ … almeno spero. :mrgreen:
          Per quanto riguarda Luca, se voi -parlando terra terra- non avete capito che il suo era uno sfogo, e continuate a stracciarvi le vesti, gridando: anatema ! … peggio per voi.

          Ciao.

      • Caro Luigi, ma tu non ti puoi aggiustare i cazzi a modo tuo…io ho letto dopo tante strunzate contro Allegri e di conseguenza contro la Juve: forza Ajax.
        Tu e qualche altro ha giustificato ciò.
        Ognuno è padrone di scrivere quello che vuole, ci mancherebbe, ma se permetti, io a modo mio, sono libero di dissentire o no ?

        Ripeto, ci leggiamo domani sera…possibilmente digiuni.
        Saluti.

        • Ciao Barone, permettimi l’intromissione,ma credo che nessuno abbia giustificato il “forza…” di Luca. Alcuni hanno fatto notare direttamente la cosa, come Ben, altri c’hanno scherzato su. Ma se Luca chiede apertamente scusa e dice di aver detto una cagata che dobbiamo fare, non credergli?
          Poi forse mi sbaglio, voi a differenza mia lo conoscete. Ma lo leggo spesso, noto la sua juventinita’ e dubito che domani sera si presenti in birreria con le guance colorate di bianco e rosso😅.
          Saluti!

          • Azz nooo ?
            E allora non capisco più nemmeno gli scritti…

            Detto questo aggiungo: avete per caso letto che abbia scritto la Juve meritava o aveva giocato meglio dell’Ajax ?
            Anche per questo ho voluto postare Azzolini.
            Ciao.

            • Beh, parlo per me, io ho letto quando Luca aveva già rettificato quindi scherzosamente gli ho fatto notare che aveva esagerato con la cipolla. Però, visto che siamo nel periodo adatto, potremmo anche crocifiggerlo in curva sud😂
              Sulla tua domanda: no, assolutamente.😉
              Buona serata per domani, spero tu esca dallo stadium contentissimo!

            • Azzzz Chris, bella dichiarazione !
              Io parlo per te e per me e tu rispondi parlando solo per te ? 😛
              La barca di Luca è la nostra, ed è una sola amico mio, se rispondi solo per te … affonda … 😉

              Ciao.

              • Ahahahaha,
                Non era in questo senso, io ho letto il tutto gia dopo il messaggio di scuse quindi non ho avuto il minimo dubbio che si trattasse di una provocazione. Remiamo, remiamo, anche perché se Luca finisce in acqua dopo la pizza slovacca la congestione é assicurata :mrgreen:

        • Barò ti dovrei rispondere: rileggi quello che ho scritto. Ma a questo punto ci rinuncio.
          “Ci leggiamo domani sera” che significa ?
          Mi sa tanto di una resa dei conti tipo “Ti aspetto fuori” detto dall’ultras al nostro Antonio nella curva Sud dello Stadium una 15ina di giorni fa …
          ahahahahahah
          Eddaiii … stai sereno e goditi la partita:

          PS FORZA JUVEEEEEEE (è per un amico)

          • Io non so di sicuro come finirà la partita e non minaccio nessuno.
            La tua frase mi ricorda qualcuno…lassamo perde che è meglio.

  6. Domani sera per sfruttare il vantaggio del gol segnato in trasferta, credo che la Juve dovrà ripartire dagli ultimi 15 minuti della partita d’andata, quando con 2 esterni larghi (Berna e Costa) e Dybala alle spalle del cc avversario è risucita in qualche modo a riequilibrare il possesso palla dell’Ajax. Il problema è che Costa quasi sicuramente non sarà della partita, l’alternativa potrebbe essere spostare Cancelo più avanti con De Sciglio sulla linea dei difensori e se come pare dovesse rientrare , Can schermo davanti alla difesa, con Benta e Pjanic interni, Cancelo e Berna esterni e Dybala in mezzo, con Ronaldo davanti.

  7. LA LIBERTÀ, LA LIBERTÀ ANCHE ‘O PAPPAVALL L’ADD’AVÈ

    Cioè, se io leggo : poteva andare peggio e poi c’è chi avalla non posso intervenire ?
    Poteva andare peggio ?
    Anche se nel finale Costa colpisce il palo e se a domanda risponde l’allenatore che se Costa si sarebbe buttato a terra De Jong domani sera era assente sicuro ha detto una cazzata ?

    Quindi domani sera, la metà dei tifosi si dovrebbe unire allo spicchio dei tifosi olandesi allo Stadium e gridare forza Ajax perché non piace come allena Allegri ?

    Spero di non capitare vicino a chi grida tale assurdità.
    Saluti.

    • Amico mio … mi permetti di dirti che questo tuo post è completamente sconclusionato ?

      Perché la metà dei tifosi (più o meno) a cui non piace il gioco della Juve, dovrebbe gridare forza Ajax lo sai solo tu … (stavo per scrivere “assurda silloge” ma lo metto solo tra parentesi).

      Ciao.

  8. Mauro the Original

    Luca

    Credo che tu con quell’affermazione abbia troppo debordato😁😁😁

    Per farti perdonare della terribile gaffe, per punizione domani mentre gioca la Juve dovrai guardare la finale Champions dell’Inter sorseggiando birra analcolica e castagne secche.

    Forse sono stato troppo buono🤣🤣🤣

    • Sei riuscito a metter in fila le tre cose che non farei mai, e anche nell’ordine giusto. :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

      All’inizio la frase mi sembrava anche giusta, purtroppo non lo era affatto e di questo mi sono scusato. 😥 😥 😥

      Chiaramente non tiferò mai contro la mia squadra del cuore, non tiferò mai contro la Juve.
      D’altro canto mi sentirò sempre libero di criticare un suo componente, perché criticare Allegri non vuol dire essere contro la Juve, ma vuol dire essere contrario al modo di allenare questa Juve.

    • Mannaggia la miseria … Ma che ci vuole a scrivere che era una provocazione ?
      Andata a buon fine -tra l’altro-
      viste le reazioni ?

      Caro Luca, le scuse estorte non valgono niente ihihihihihih

  9. Barone

    In un grigio pomeriggio del 2006,

    Al Delle Alpi andava in scena Juventus Reggina, valida per il campionato di Serie A.

    Capello fece riposare Ibraimovic, per la successiva partita di coppa, toccava perciò al Capitano.
    Alla lettura delle formazioni, Capello venne sonoramente fischiato, nei distinti campeggiava uno striscione inneggiante a DelPiero e di contestazione nei riguardi del tecnico.
    Partita sotto tono, noiosa, una di quelle partite che “me ne potevo stare al caldo a casa”.
    Fortunatamente il Capitano prima dell’intervallo ci concede un po’ di calore facendo gol.
    Nel Secondo tempo, l’incubo peggiore, la squadra non corre più, melina e difesa, un giro palla all’indietro eterno, tra i fischi del Delle Alpi.
    La Reggina non ci sta e ci prova, attacca cerca di raggiungere il pareggio. E lo fa con il cuore correndo e giocando forse meglio di quanto possa in realtà.

    Il Delle Alpi intero plaude alla reggina.

    La curva sud si dissocia ma resta in silenzio.

    A fine partita, la Juve esce tra i fischi. Capello, quell’anno venne fischiato anche durante la premiazione dello scudetto.

    Eppure mai nessuno disse che lo stadio della juve fosse antiuventino….

    • Luca
      Ti rispondo perché so che sei Juventino più di me…ma vi reputo tutti più juventini di me…io sono solo un tifoso con i paraocchi e pure pericoloso.

      Dove cazzo hai trovato scritto che lo Stadium è antijuventino.

      La partita contro la Reggina si è giocata al delle Alpi il 15 gennaio 2006.
      Goal di Del Piero al 45° del primo tempo…ok fin qui ci siamo.

      Capello non fece riposare nessuno per via della prossima partita di coppa che tu dici, perché: la fase a gironi della Champions si chiuse con Rapid Vienna-Juve il 7 dicembre 2005 con una bella nostra vittoria 3-1 con due goal del Capitano e uno di Ibra (azz giocavano pure insieme).

      Gli ottavi iniziarono il 22 febbraio 2006 contro il We rder Brema perso per 3-2.

      La partita più vicino alla partita con la Reggina fu un Juve-Roma di coppa Italia che si disputò il 26 gennaio 2006 (11 giorni dopo) la perdemmo 2-3 e i nostri goal li segnò entrambi Del Piero.
      Al ritorno vincemmo 1-0 con un rigore di Mutu.
      Quindi la tua tesi non regge.
      Ciao.

      • Quella partita là io c’ero, come ci sono stato tutte e sottolineo tutte le partite della Juve in casa, campionato e coppe e coppette comprese, dal campionato 91/92 al 2005/06.

        Poi si giocava di sabato e… mio malgrado dovevo lavorare.

        Ok non fece riposare Ibra, la memoria mi ha fatto difetto, ma tutto il resto è successo. Ero al secondo anello…

        Mai detto che fu scritto che lo stadio è anti-juventino, se rileggi ho scritto

        “Eppure mai nessuno disse che lo stadio della juve fosse anti juventino…”

  10. Mandzukic ha accusato un dolore al tendine nell’ultimo allenamento…
    E poi dice che Allegri non ha culo !🤣
    … Comunque dispiace, ma per la profondità del gioco sarebbe necessario a questo punto Kean più di Dybala 🤔

  11. andrea (the original)

    Ovviamente spiace che l’assenza di Mandzukic sia dovuta a un infortunio ma certo che senza di lui abbiamo la possibilità di fare una grande partita, perché per passare siamo costretti a giocare a calcio.

  12. Luigi Andrea,

    Concordo sul, siamo costretti a giocare a calcio, anche se purtroppo non ci credo.

    Kean non è Mandzukic e non è neanche il miglior Dybala. é un giocatore alla Inzaghi.
    Grande senso di posizione e tocco mortifero, un peccato non approfittarne, ma bisogna farlo a ragion veduta.

    In realtà Kean difficilmente vede un compagno smarcato e difficilmente va in gol con una combinazione. Purtroppo non è Vialli.

    Staremo a vedere cosa si inventerà Allegri.

  13. BARONE
    la Juve è semplicemente diventata la scusa per i fallimenti altrui.
    Per chi non vince lo scudetto.
    Per chi non va in Europa.
    Per chi retrocede.
    Anche per chi non riesce a prendere Politano nel mercato di Gennaio.

  14. Dice Allegri che forse Mario probabilmente non avrebbe giocato lo stesso.
    Dico io sarebbe delittuoso non sfruttare la buona sorte che sta accompagnando il buon Moise in questo momento.
    Il mio pronostico secco per le semifinali
    Juventus- Tottenham
    Manchester-Liverpool.
    Al Camp Nou Solskiaer venti anni fa fece qualcosina di impronosticabile.
    Chissà a volte la storia si ripete.

  15. Mai come questa volta la Champions è vicina. Infatti le nostre preghiere sono state esaudire. Dopo Chiellini (infatti x affrontare una squadra come l’Ajax meglio Rugani che è + tecnico…) fuori finalmente anche quel freno a mano di Mario. Siuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu. Spero giochi Kean e faccia 3 gol. Il ragazzo è fortissimo e non ha paura di niente. Ora spero saremo tutti un po’ +…Allegri!!!

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: noticias juegos
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia