Sesso Juve e Rock n’Roll s02 e33

Torna questa sera un nuovo episodio di Sesso Juve E Rock n’Roll il podcast divertente per parlare di calcio e di Juventus con il sorriso. Con Benedetto Alessandro Magno Croce, Leomina, Superfly, Benny Nico , Frank JFC, Michele Fusco e Antonio Corsa.

Ore 22 on air cliccando nella foto parte la diretta.

Immagine anteprima YouTube

 

  1. MASSIMO ZAMPINI RISPONDE

    Caro Gianni, come tanti che hanno commentato questi articoli, soffermarsi su come giochiamo è fuori tema.

    Come ho già detto a Willy, sono d’accordo al 100% con Sarica: lui non parla di gioco, di allenatori o di giocatori, ma di una cosa nettamente preliminare.
    Racconta la fierezza dei tifosi dello United, ipercritici per questi anni non esaltanti ma scatenati nel cantare i propri cori dopo la sconfitta nel derby che ha probabilmente consegnato un altro scudetto agli odiati cugini.
    Confrontatelo con il clima tra di noi, allo stadio e fuori, dopo l’ottavo scudetto consecutivo.

    Qui in ballo non c’è il diritto di criticare il gioco o il desiderio di un gioco diverso o di cambiare allenatore, ovviamente più che legittimi (in parte da me anche condivisi: considero lo straordinario ciclo di Allegri in via di chiusura).
    Qui si discute di un clima isterico, in cui tanti tifosi juventini vivono con atmosfera negativa e depressa gran parte della stagione, fino a un finale che, pur amaro in Champions, pur con tutte le riserve possibili sul gioco (ma non eravamo noi, quelli che ironizzavano sugli scudetti del bel gioco, del possesso palla, rimanendo ingenuamente legati ai risultati?), ci sta portando verso la festa scudetto.
    E peggio per gli altri, se non si sono rivelati all’altezza: noi, più che ottenere 90 o più punti all’anno, almeno in Italia non possiamo fare.

    Qui in ballo c’è di più: come scrive Sarica, ci sono l’orgoglio e l’appartenenza, difficilmente conciliabili con lo sguardo basso di chi “non ci meritiamo Ronaldo” o di chi sminuisce i nostri “scudettini” o con il nervosismo di chi, nell’incredibile estate di Ronaldo, si sfoga perché #Caldaranonsitocca.
    Da dove nasce questo clima eternamente sull’orlo di una crisi di nervi?

    Ci divideremo sempre sul giudizio di un giocatore, allenatore o sul “gioco”, ma sia chiaro: non esiste giocatore che non meritiamo, non esistono “scudettini”.

    Buon pomeriggio

  2. Mauro the Original

    Anticipazioni del giornalista Bruno Longhi:
    “Giovedì si chiuderà il rapporto fra Allegri e la Juventus ma non sarà Conte l’allenatore”.

  3. Longhi
    Sogni ad occhi nerazzurri aperti.
    Chi prendiamo alla Juve, Oronzo Cana’?

  4. Questa e’ migliore e piu’ circostanziata:

    Ordine: “La Juve non pensa a Conte. Se va via Allegri può pensare a Mihajlovic”

    Mamma mia

  5. Il calcio di Klopp oltre a coraggio e grinta basa i presupposti sopratutto sul controllo del gioco attraverso la tecnica ed il continuo dinamismo. Ieri sera il Liverpool ha messo in campo tutte queste caratteristiche, eliminando meritatamente un Barcellona impastato di sola tecnica. Un calcio costruito da giocatori capaci di far viaggiare palla ad uno, massimo due tocchi verso il compagno che si muove velocemente per occupare la posizione libera senza aspettare il pallone sui piedi. Un calcio che ha poco di “muscolare” in un cc composto di giocatori come Wijnaldum Fabinho Naby Keyta (che ieri non ha giocato) e Henderson dotati di un buona visione di gioco, precisione nel palleggio e tempismo negli inserimenti offensivi, caratteristiche tecniche adatte al passaggio dalla tattica (rivelatasi poco redditizia in termini di risultati) alla ricerca della verticalizzazione immediata e del pressing esasperato (il gegenpressing del primo Klopp) a quella di controllo del gioco attraverso l’elevato possesso palla e la costante pressione offensiva.

    • Gioele
      Perdonami, non ricordo se, dopo 4 di fila di cui la decima, siamo stati eliminati dalla Dea con Chiellini in campo…o c’era Rugani, o c’era Caceres oppure tutti e due …Chiellini mi pare di no.

      Ciao.

  6. Valcareggi:”Allegri si ferma un anno e libera la Juve. Agnelli vuole Mourinho, al Milan va Sarri”.
    No! tutti tranne mourinho

  7. IO NON DIMENTICO PERCHÉ MI PIACE LA JUVE

    Mi piace vedere e raccontare le partite di calcio che la Juve le vinca o le perda…per fortuna queste ultime sono pochissime.

    Gli altri osannano gli altri basti non sia la Juve.

    8 maggio del 2005, si disputò la partita che più di ogni altra spiega bene Calciopoli.

    A San Siro, match decisivo con Ibra squalificato per prova TV (giusto giusto tre giornate per non farlo giocare in quel Milan-Juventus)arbitra la partita il più grande nostro amico Collina.

    Rovesciata di Del Piero e goal di Trezeguet.
    Franco Repice commentava così: Al minuto ventotto ha segnato la Juventus…grande rovesciata di Pinturicchio e goal di Trezeguet(mentre leggete chiudete un attimo gli occhi e sentirete la voce di Repice).

    Raccontate la Juventus essendone tifosi…forse.

  8. Mauro The Original

    Mourinho

    Scusate ma non sono d’accordo nel rifiutare tale allenatore..

    Guardiamo gli allenatori disponibili, chi può garantire la vittoria di trofei europei?

    Conte potrebbe, Di Francesco ha le potenzialità ma deve ancora crescere, Sarri o Gasperini che fanno bel gioco e risultati ma non hanno quell’esperianza necessaria?

    Uno che ti arriva in Portogallo e vince, in Italia e vince, in Inghiterra e vince dove lo trovi?
    Antipatico, strano tutto quello che volete ma sa vincere in Europa ed a noi quello interessa…

    Secondo me sarebbe una buona scelta e sicuramente Agnelli lo sta valutando…

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web