Il punto sul calcio mercato Juve – seconda parte.

Articolo di Alessandro Magno

Portieri

Al momento sono 4. Sicuri al 100% Buffon e Pinsoglio. Per quanto riguarda Szczesny c’è stato un vociferare su un possibile suo approdo al Manchester United al posto di De Gea che non rinnova, questo per generare una plusvalenza importante e prendere Donnarumma. Per fortuna la cosa pare superata con il milanista in direzione PSG e il polacco ancora a difendere i nostri pali. Per Perin c’è un interessamento del Benfica oltre che quello della Roma ma la Juve ha chiesto 25 milioni e i portoghesi sono rimasti un poco di sasso.

Difensori

Si è parecchio irrobustito il reparto difensivo. Al momento sono stati messi sotto contratto Romero, Demiral, Tourè e Pellegrini. Potrebbe non restare nessuno visto che sono tutti giovani e hanno molte richieste e bisogno di crescere. Tourè è già stato dato in prestito a Sassuolo mentre Romero pare sicuro tornerà al Genoa. Per gli altri due si valuta. Per Demiral l’ago della bilancia potrebbe essere se resta o meno Bonucci (richiesto del City). Per Pellegrini le eventuali partenze di Cancelo e o Cuadrado. Finalmente pare sia arrivato il momento di De Ligt che non è stato convocato dall’Ajax per la tourneè austriaca. Potrebbe arrivare a Torino in questo fine settimana ed esser annunciato a borse chiuse. Cancelo non si trova l’accordo economico con il Manchester City a questo punto se non dovesse generare un importante plusvalenza potrebbe pure restare.

Centrocampisti

Il reparto di centrocampo con Rabiot e Ramsey sembra a posto. Emre Can e Bentancur confermatissimi. Bisogna cedere. Per Khedira si è aperto un discorso con il Fenerbahce. Matuidi dovrebbe anche esser messo fra i partenti ma al momento si attende di parlare con il giocatore anche perchè ha un contratto in scadenza nel 2020 quindi o parte ora o rinnova. Pogba al momento è un utopia. Si è parlato a lungo di un giro con Milincovic Savic al Manchester, Pogba al Real e Isco alla Juve. Al momento sono chiacchiere. Se dovesse arrivare un centrocampista importante (Pogba o Isco) potrebbe esser sacrificato Pjanic. Questioni economiche.

Attaccanti

Anche qui molti nodi da sciogliere. Si sono uniti al gruppo fra gli altri Higuain e Pjaca. Entrambi verranno ceduti. Per il primo che non voleva giocare in Italia c’è l’interesse solo di Roma e Fiorentina. All’esterno non ha mercato. I viola non vogliono cedere Chiesa per cui è difficile gli si giri il pipita. Potrebbe verificarsi un circolo con Higuain a Roma, Dzeko all’Inter e Icardi alla Juve. Icardi ha avuto un abboccamento con il Napoli ma pare sia desideroso si vestire il bianconero. Alla Juve piace ma la scoietà gioca sul fatto che è fuori dal progetto Inter per cui aspetta di prenderlo in saldo. Pjaca verrà girato in prestito a qualche società amica ( Sassuolo Genoa?). Per Mandzukic anche lui in lista di partenza, alcune proposte tedesche. Borussia ma anche Bayern, anche se qui gli si è chiesto di fare la riserva, cosa a lui molto poco gradita. Il sicuro al ”mil por siento” è Ronaldo. Dybala anche se piace all’Inter dovrebbe restare, in quanto la Juve non vuol cederlo ai nerazzurri e neanche Paulo è desideroso di andare a giocare da loro. Per ora anche Douglas Costa sembra confermato.

  1. Di ANTONIO CORSA

    Vi racconto un aneddoto per capire perché il gruppo Juve sia “diverso”. Secondo me fa capire meglio di tante altre analisi perché noi si vinca Scudetti da 8 anni di fila. Primo giorno di ritiro. Sarri e staff ovviamente innamorati delle strutture, della logistica, del J-Hotel con colazione, pranzo, cena all-inclusive, camere per ogni giocatore e membro dello staff. Si sta talmente bene che pare Sarri continuerà per il momento ad alloggiare lì per non perdersi neanche un secondo e addirittura la casa definitiva la vorrebbe lì vicino. La Juve, da questo punto di vista, sta crescendo moltissimo, il progetto complessivo della Continassaè top e giocare nella Juve sarà sempre più marcatamente diverso che farlo in altre squadre d’Italia, anche come percezione: siamo un’altra cosa. Ma passiamo al campo.
    Sarri si presenta alla squadra, presenta lo staff, inizia a spiegare il suo programma, quello che intende fare, eccetera. Poi finisce la chiacchierata e iniziano gli esercizi. Due giocatori su tutti lo aiutano e guidano il gruppo: Rugani e Higuain. Lo conoscono, conoscono come lavora, lo spiegano ai compagni. Dal primo giorno, dal primo istante, 10-15 metri dietro Sarri e Martusciello, ci sono 8-9 persone che scrivono, misurano, riportano su computer, tablet. C’è proprio un gazebo “nerd” dedicated. Sono i membri dello staff che si occupano di raccogliere dati. Sarri introduce i palloni negli esercizi, e inizia a far fare qualche allenamento specifico con la palla. Anche qui: cose mai viste, così presto. Con Allegri era tutto più “tradizionale”: palestra e campo. Sarri invece no, usa la palla appena può, pure per gli esercizi atletici. E poi fa vedere cose strane: palle giganti (avrete visto le foto), elastici…insomma, allenamenti completamente diversi, ma ce li aspettavamo.

    Arriviamo al secondo giorno di allenamenti. Sarri e Martusciello provano un po’ di campo e iniziano a prendere appunti su tutte le cose sbagliate in fase di recupero, ripartenza, eccetera. Martusciello scrive gli errori della linea difensiva, sui piazzati, eccetera. Ed escono fuori diverse criticità, tanto è vero che alla sera, come fanno sempre, Sarri e i suoi si riuniscono in albergo e ne parlano, si confrontano, confrontano gli appunti, programmano gli aggiustamenti da fare. Ci sono retaggi duri a morire nei più anziani, che giustamente dopo anni in cui hanno giocato un certo tipo di calcio, continuano mentalmente ad essere ancorati a certe idee e movimenti. Gli esercizi sono eseguiti sì correttamente, ma non come vorrebbe lui. Insomma, Sarri è già bello incazzato. Ne discute con lo staff e inizia ad avere qualche dubbio sulla “full immersion” e sulle metodologie adottate, supportato anche dalle telemetrie e dalle visuali aeree degli allenamenti. Al che Martusciello gli dice “Calma, Maurizio, anche all’Inter ci hanno messo quasi un mese per capire e applicare le cose che dicevamo di fare, ci vuole tempo!”. Quel giovedì partecipa alla riunione tecnica anche Nedved. E pure Nedved rassicura Sarri: “Tranquillo, tu continua, vedrai che andrà sempre meglio”. Venerdì mattina, terzo giorno di ritiro. Sarri a inizio allenamento fa un discorsetto e si lamenta un po’, ma senza urlare o fare scenate. Dice “Dai, ragazzi, voglio che lavoriate un po’ meglio di ieri, più attenti, più concentrati”.

    Iniziano gli allenamenti e i giocatori eseguono gli esercizi alla perfezione. Proprio dal giorno alla notte: perfetti. Cambiano marcia, cambiano atteggiamento e fanno vedere a Sarri, come vi dicevo in premessa, perché alla Juve si vinca da 8 anni di fila. Al che Sarri, che non ci crede, si avvicina al gazebo degli analisti e dice “Oh, ma che ci stavano a prendere per il culo fino a ieri?”. Fino ad arrivare al video, che è diventato virale e l’avrete visto tutti, dove durante uno scambio Higuain-Ronaldo, che pareva giocassero il suo calcio da 15 anni, Sarri si esalta e dice “Ooooh, così mi piace!!!”.
    Capite allora che allenare la Juve è un grande privilegio. Perché la Juve è fatta da professionisti straordinari, e i migliori non sono tanto i De Sciglio o i Matuidi, che da loro te lo aspetteresti pure, ma sono proprio i Cristiano Ronaldo e i Buffon, che sono giocatori di un’umiltà e di una voglia pazzesca, i primi che chiedono, che si informano, che vogliono capire i dati, che vogliono capire bene ogni movimento, ogni esercizio.

    Per questo è più facile allenare la Juve che una squadra e una società allo sbando come il Chelsea, o una squadra “minore”, con giocatori meno professionisti e meno “forti” dei nostri. Non c’è paragone. Personalmente, non avevo dubbi che i GIOCATORI, i CAMPIONI della Juventus mettessero Sarri (loro a lui, non viceversa) nelle condizioni migliori di lavorare. Poi verrà il campo, verranno le partite, verranno i risultati e tutto il resto, e lì toccherà a Sarri invece mettere i giocatori nelle condizioni migliori di esprimersi gestendo gare, turn-over, umori e tutto il resto. Per ora sta succedendo il contrario ed è una cosa di cui andare orgogliosi e che, non so a voi, a me rende particolarmente orgoglioso.

    (da Juventibus)

    • Mah,
      con tutto il rispetto… se fosse l’articolo di qualsiasi altra società ci sarebbe da mettersi le mani trai capelli e ridere sommessamente.
      Mi sembra una sviolinata fuori luogo e provinciale.
      Intanto un aspetto logico
      Domanda: Ma Sarri è venuto a insegnare i suoi metodi o per prendere quelli della Juve?
      Immagino che metà di quello che viene descritto faccia parte nel suo crescendo professionale.

      Io non sono un pessimista ma ricordo i toni trionfali dell’anno scorso: ripeto non sono preoccupato ma non bisogna sottovalutare i rischi e i problemi della stagione.

      Pomparsi di presunzione è il primo errore da evitare, il secondo atteggiarsi a provinciali che non hanno mai visto una “squadra” di allenatori moderni al lavoro: non penso che con Allegri fosse radicalmente diverso, e tantomeno che lo sia a Barcellona, Madrid, Londra o Milano.

      • Si Furino,
        Un po’ di enfasi da narrazione, Certo che organizzazioni cosi’, (Parlo di strutture),ne vediamo poche. Certamente non eravamo sprovveduti prima, vediamo questi nuovi sistemi cosa porteranno.
        Non manca molto, i numeri parleranno.
        Sicuramente alla Juve fc abbiamo poco da recriminare al momento.

      • Andrea (the original)

        Antonio Corsa non è un integralista, non è un sarriano, è uno che ha sempre espresso un punto di vista senza renderlo certezza, anche su Allegri.
        Per questo è uno degli opinionisti più apprezzati sul web e quanto dice torna con quanto mi viene detto da dipendenti della Juve che non amano Sarri, trovano con dispiacere che il clima sia molto più agricolo, ma stanno vedendo cose interessanti.

    • Mah, Furino, con tutto il rispetto, se – sottolineo il se- c’è enfasi in questa narrazione, è verso la Juve.

      Piuttosto io per primo invidio la capacità di lavoro di questo sessantenne, che dopo aver raggiunto l’apice della piramide partendo da zero, sembra voglia imparare anche a volare.

      Nono suono affatto nuovi metodi. Sembrano a noi nuovi, ma a certi livelli, in tutte le discipline sportive si cerca, di sfruttare al massimo la disciplina per minimizzare i tempi ed accrescere i risultati.

      Buona serata.

      • Ops Si cerca di sfruttare al massimo la TECNOLOGIA per minimizzare i tempi ed accrescere i risultati.

    • Una sviolinata d’altri tempi. Schiffo segue il ritiro della juventus e interviene quasi giornalmente a radio radio. Del primo giorno parla di un allenamento identico a quello di allegri, anche perché non puoi fare diversamente visto che i muscoli devono essere di nuovo messi in moto e non lo puoi fare né con le ripetute né con la forza: soluzione diversa dal pallone corsetta leggera di 15 minuti.
      Secondo e terzo giorno non so quali fonti abbia corsa ma gli elastici, i balzi e i birilli sono immagini che vengono trasmesse solo dalla juve e quindi penso che siano immagini accuratamente selezionate. Sul cambiamento tra il giorno e la notte insomma stenderei un velo pietoso.
      L’unica cosa che non sa di mistificazione è la struttura.

      • Luigis… Le chiacchiere stanno a zero.
        Confronta un attimo gli infortuni avuti dal Napoli nell’era Sarri, e mettili a confronto con la stesso periodo rispetto alla Juve.

        Fammi sapere.

        Ciao.

        Ps Non parliamo del polpaccio di Chiellini ovviamente 🙄

  2. La Juventus e’ gestita in maniera esemplare in tutti i settori. Capitalizzata molto bene e organizzata ancora meglio.
    Gli errori si possono fare ma dalle nostre parti sono sempre rimediabili.
    Stiamo annichilendo la concorrenza,vediamo di farlo anche in campo.
    Fatturato,patrimonio immobiliare fra continassa,stadio,vinovo,e vecchia sede in centro ecc veramente sostenuto.
    Un ciclo di vittorie epocali ed ora una squadra di campioni con accento professionistico invidiabile. Sarri potter ha trovato l’eden e se dovesse fare introspezione si accorgerebbe subito che le accuse fatte alla Juventus fc, corredate da strumentalizzazioni farlocche e offensive sono da rimangiarsele tutte.

    Sono contento perche’ alla fine e’ proprio vero, se conosci la Juve la ami e se arrivi dopo, impari ad amarla. Impossibile fare diversamente. C’e’ un impegno colossale alla continassa,un lavoro strutturato e organizzato che chiede solo di essere svolto bene.
    Possiamo vincere molto,buon lavoro a tutti, noi siamo qui e aspettiamo fiduciosi.

    • Io già sto là.

      Ciao Tino
      Secondo me Khedira e Matuidi non fanno parte più di questa Juve, di quella attuale, quindi ne manca uno lì a centrocampo.
      Tu sai già a chi sto pensando.
      Higuain e Ken sono in partenza Mariolone pure, quindi serve un centravanti.

      Icardi e la Wanda o quel ragazzo portoghese sponsorizzato da CR7 ?

      Io pure sono fiducioso.

      • Max
        Allo stato aattuale se non abbiamo tre squadre poco ci manca.
        Ci sara’ uno sfoltimento e concordo sul centrocampo.L’importante e’ che la rosa venga sfruttata integralmente.

        Su Icardi ho gia’ detto. Pochi in area come lui.ma, visto che sono gretto di mente trovo che sia un po’ fuori dalla mentalita’ della Juve,soprattutto fuori dal campo. Senza le dovute modifiche che mi sembrano difficili, risulterebbe con la wanda un disastro.poi eviterei di fare un assist ad una concorrente che sulla carta mi fa pensare che ci dara’ filo da torcere.
        Conte e’ una brutta bestia.
        Ken? Mi dispiacerebbe se lo cedono definitivamente.un errore. Pogba? Magari…
        Ciao

  3. SE TANTO MI DA TANTO

    Porterà sulla schiena il 4.
    Lo portava un certo Beppe Furino, quello che mandava tutti in avanti e che dietro rimaneva lui a protezione.

    Ragazzo cerca di onorare quel numero.
    #finoallafine

  4. PIÙ SARRI CHE RONALDO

    L’invito di Ronaldo a venire alla Juve mi ha fatto piacere ma chi mi ha convinto di più a venire qui è stata la telefonata con Sarri.

    Più o meno sono state le parole dette nella conferenza stampa di de Ligt.

    Poi ci sono lo Stadio e i tifosi.

  5. De ligt colpo costoso ma sembrerebbe pagabile in 4 esercizi.

  6. Luigi (sa)
    credo che gli infortuni devono essere distinti tra muscolari e di altro tipo. Voglio dire khedira, cuadrado, can, cancelo e mandzukic non possono rientrare nella categoria infortuni. Detto questo il bilancio è favorevole a sarri, ma è pur vero che ad un certo punto il napoli 1 competizione disputava: il campionato.
    Poi non credo che siano gli elastici, i birilli o le palle giganti a determinare se un giocatore si fa male o meno.
    Per evitare gli infortuni oggi si fanno dei test che permettono di vedere lo stato di forma dell’atleta e poi iniziare a distribuire i carichi di lavoro e l’intensità con cui devono essere svolti.
    Comunque spero che sarri riesca a eliminare gli infortuni muscolari anche se quelli della juve di allegri erano nella media.

    Ciao

    • Boh, a me sembra che quelli della Juve di Allegri non fossero affatto nella media del campionato.
      Il Napoli di Sarri invece, come risulta anche a te, era sotto la media.
      Speriamo che porti questa “sua” media anche alla Juve, coadiuvato dal nuovo staff tecnico e dalla tecnica applicata alla metodologia.

      Ciao.

  7. SOLDI FRESCHI PER LA SIGNORA

    La Juventus è pronta a prendere parte alla international Champions Cup 2019, già fissati gli appuntamenti: il 21 luglio contro il Tottenham a Singapore, il 24 contro l’inter a Nanchino e il 10 agosto a Stoccolma contro l’Atletico Madrid.

    La manifestazione che vede impegnato il meglio del calcio europeo distribuirà tra le partecipanti un tesoretto da 30 milioni di euro derivante dagli sponsor: 6 di questi saranno destinati alla Juventus.

    Lo riporta La Stampa.

  8. De ciglio: “La preparazione è cambiata molto rispetto allo scorso anno. È un metodo di lavoro tosto, intenso, che ci piace. Domani cercheremo di metterlo in pratica nella prima partita della stagione”
    Questo è bene. Curiosissimo di vedere la juventus domani.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web