“I giorni dell’abbandono”

scritto da Cinzia Fresia

L’interlocutorio calcio mercato della Juventus sta tenendo sulle spine tifosi e giocatori, la trattativa che tiene incollati a smartphone e I pad e’ quella che riguarda Paulo Dybala.

Il beniamino della Juventus a fine stagione, era rimasto vago circa la permanenza in Juventus, ma l’arrivo di Maurizio Sarri, ha acceso la speranza che il giocatore potesse fermarsi ancora, invece pare di no.

La Società sembra determinata, nonostante le dichiarazioni a favore dell’attaccante, da parte del tecnico, di volersene disfare, senza ripensamenti, accettando persino uno scambio che ci lascia senza parole, prima con Icardi e poi con Lukaku,
Dall’altra parte, Dybala vorrebbe restare, concedersi un’altra possibilità con Maurizio Sarri, con il quale grazie alla sua idea di gioco, pare possa stabilire un rapporto migliore, e proficuo in squadra.
Niente da fare, Fabio Paratici vuole a tutti i costi Icardi alla Juventus, senza considerare dei problemi in esso derivati, partendo dal carattere del giocatore e dalla presenza ingombrante della moglie procuratrice.
Tutto questo trambusto riguardante Paulo, ha fatto sì che i tifosi, promuovessero una mozione popolare tramite una raccolta di firme perché l’argentino resti a Torino.
Come ci si poteva aspettare, la Società davanti alla reazione della tifoseria, non ha fatto una piega, scivolata come l’olio. Siamo consapevoli da sempre, che per questo gruppo, il pubblico ha una valenza pari a 0, anzi .. pare proprio che la famosa maglia n. 10 sia già destinata a Bernardeschi, il quale “detto tra i denti” non sembra un genio del pallone, anzi, umorale, dal rendimento a fasi alterne, e condizionato eccessivamente dalla presenza di Ronaldo, non lo vedo così superiore a Paulo, anzi, questa scelta, conferma altresì che le decisioni sui giocatori vengono prese a seconda dei pregressi personali, i quali cadono in contraddizione con i valori espressi dalla Juventus, di essere una grande famiglia: salvo buttarti fuori quando non servi più.
Peraltro,si vorrebbe capire, se veramente Maurizio Sarri intende arrivare in Champions, solo con Bernardeschi, vista la cessione di Mandzukic, Higuain, Kean e perciò Dybala.

Vedremo il nostro geniale team addetto alle spese, in che cosa si produrra’, in attesa di destinazione Paulo Dybala, fa braccio di ferro con la Società, dalla quale è stato abbandonato, ma i tifosi sono con lui, e seppur consapevoli del suo destino, restano a fianco del bomber , offrendogli affetto e sostegno, nonché un mega abbraccio al JMedical.

Comunque, in questa storia, chi ne esce male come al solito è la dirigenza, la quale a parte De Ligt, non sembra aver fatto chissa’ quali migliorie o affari, a partire dalla base, cioè da Maurizio Sarri.

  1. MIO DIO PERCHÉ MI HAI FATTO COSÌ CACAXAZZI ?

    15 tiri contro 4, tre a zero risultato finale, 61% possesso palla contro i 39% dell’Atletico.

    Trovatemi le differenze.

    Ultima partita prima dell’inizio, quella di Villar Perosa…forse se Pecchia non si impegna ce la possiamo fare.
    Buona serata.

  2. Mauro the Original

    Juve ancora in costruzione, giocatori arrivati da pochi giorni non hanno ancora compreso i meccanismi.

    Comunque i tanti tiri fatti e i calci d’angolo 14 a 1 parlano da soli.

    Un palo su deviazione ed un palo pieno dicono che l’Atletico è stato fortunato.

  3. Il proverbiale stile di gioco di Maurizio Sarri comincia ad intravedersi anche nella Juventus. Lo certificano i numeri fatti registrare dai bianconeri nella sfida con l’Atletico Madrid. Al di là della sconfitta di misura, i Campioni d’Italia hanno dominato la sfida sotto il profilo del possesso palla, sfiorando il 60% (59,5%, contro il 40,5% degli spagnoli). Schiacciante anche il dato sui tiri: 27 conclusioni dei bianconeri (6 nello specchio) – dato record per questa competizione – contro gli 11 dell’Atletico (3 nello specchio). Impietoso anche il dato sui corner: 14-1 per la Juventus.
    Azzo ma si sono accorti che abbiamo perso 2-1 e che una volta da bambino si faceva un gioco ogni 3 calci d’angolo si tirava un rigore quindi 4 rigori avremmo dovuto tirare. Ma per favore le partite non le vinci con il possesso palla ma con la palla nella rete.

    • Azzzzz luigis…
      Ma che te ne fotte del risultato, siamo al 10 agosto!
      La dirigenza ha voluto buttare a mare il gioco sparagnino di Allegri.
      E qualcosa si è visto… O no? Daiii

      • Luigi
        ho visto solo un possesso palla volto ad arrivare sulle fasce per crossare, pressappoco quello che avveniva lo scorso anno, ho visto un pressing maggiore, ma non ho visto né idee, né schemi di sarri, ho visto invece un’individualità quella di dougla costa che cozza con la coralità del gioco che vorrebbe sarri. Qui si continua a parlare del passato ( che tra l’altro è stato fantastico dal punto di vista dei risultati) ma l’era di allegri è finita c’è quella di sarri e il campionato è alle porte e da quest’ultima amichevole al di là del risultato non visto cose che mi fanno essere ottimista. Ho visto solo la facilità di prendere goal. Il risultato non ha importanza ma le indicazioni che si possono ottenere si: 9 goals secondo il mio modesto parere amichevoli o meno sono tanti se presi in 4 partite.

  4. Mauro the Original

    Luigis

    Da un tiro sul palo ad un goal ci sono 2 centimetri.
    Non si può giudicare una prestazione per due centimetri. Se quei tiri fossero andati in rete si parlerebbe di Juve stratosferica.

    Considera che i giocatori dell’Atletico giocano a memoria da tantissimi anni.
    Quelli della Juve hanno invece cambiato completamente il modo di giocare da pochi giorni.

    Si parlava giorni fa che la vera Juve si sarebbe vista a Natale, siamo al 10 di agosto.

    Dai il tempo a Sarri di formare la squadra, non sappiamo ancora chi resta e chi verrà venduto.

    A proposito, nelle partite estive quante sono state le vittorie di Allegri??

    • Mauro i due pali li hai presi quando simeone aveva cambiato mezza squadra non dimentichiamoci i nostri di centimetri: salvataggio di sandro sulla linea.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia