Mani avanti


Scritto da Cinzia Fresia

La Juventus di Martusciello-Sarri, e improvvisamente vedova del capitano Giorgio Chiellini, fa un’inaspettata brutta figura all’Allianz di fronte al suo pubblico. Non basta vincere per un colpo di fortuna, l’autogol di Koulibaly .. ci ha fatto saltare dalla sedia noi, ammutoliti spettatori di una rimonta avversaria che ha avuto dell’incredibile. Ma il calcio ci ricorda tutti i giorni che una partita finisce dopo il triplice fischio dell’arbitro, e che prima puo’ accadere di tutto.

Abbiamo vinto, complimenti, ma non c’e’ molto da festeggiare.
Alla sola seconda di campionato: caspita siamo già stanchi.. si gioca un primo tempo buono, Douglas Costa, che se continua così sarà lui la star di questo campionato, ha costruito giocate veramente eccezionali, forse l’unico indenne, dalla rovinosa assenza di Giorgio Chiellini,
La squadra sembrava volare, 3 gol meravigliosi più pali e traverse .. e invece no, era solo l’inizio della fine.
Il Napoli sembrava sdraiato, ricorreva a falli e mezzucci per farsi concedere punizioni, e proprio per questo si doveva mantenere la concentrazione a 1000.. in realtà il Napoli si stava riorganizzando per colpire e riaprire la partita,

Sono bastati due cambi, e pochi minuti, per farci crollare..

Male molto male, la qualità dei Campioni della Juventus non si discute, ed è per questo che la squadra non deve permettersi di addormentarsi sul più bello.
Comunque e in tutta onestà, questo film lo abbiamo già visto, in anni di gestione Allegri, e speravo che Sarri andasse a riparare questo approccio, che ormai gli avversari conoscono a memoria.

Punto primo: sarà dura senza Chiellini tutto l’anno, De Ligt deve rapidamente assorbire il nostro calcio e imparare a marcare a uomo, comprendo che all’estero non sia praticato, ma qui si.

Punto secondo: Ronaldo deve svegliarsi, perché lo vedo preso eccessivamente dai fatti suoi, invece c’e’ bisogno di lui, per tenere unito il gruppo.

Punto terzo: Centro campo, ancora latitante, Pianic, migliorato rispetto l’anno scorso, più veloce e dinamico,Khedira non male, ma non regge due tempi, manca il supporto di un centrocampista con doti offensive, tipo Ramsey.

Punto terzo: che Sarri, insegni a tutti, ma proprio a tutti, cosa vuol dire essere determinanti, Ronaldo compreso.

Ora credo che l’allenatore non possa sentirsi che sconfortato da questa Juventus che non vuole, forse per paura o per insicurezza, liberarsi delle dinamiche di Massimiliano Allegri, e mi auguro invece che il tecnico riesca a far capire, alla squadra che così non va e se non si cambia, lo scudetto e la Champions non saranno affar nostro.
Gli avversari si sono rinforzati e l’effetto Ronaldo è passato, e sarà difficile che il regalo di Koulibaly si ripeta.

  1. Mauro the Original

    Per me quando vedo i giocatori correre e dare tutto quello che hanno meritano 7,5 anche se hanno commesso errori. Di sicuro servirà di insegnamento per le prossime partite.

    Addirittura anche Matuidi che ha i piedi di legno ieri ha fatto bella figura.

    Il gruppo è molto motivato ed in continua crescita. Il nuovo allenatore ha trasmesso stimoli ed entusiasmo.

    Sarri è genuino, dice pane al pane e vino al vino.

    Allegri troppo presuntuoso e pragmatico non sapeva interfacciarsi con i giocatori.
    Ricordo il dibattito con Adani, non mi è piaciuto per niente.

    • Mauro, concordo sulla crescita del gruppo, cintro una squsdra certamente oiu firte del Parma. Aggiungo una mia riflessione. Sarri ha fatto giocare De Ligt per il nome (e la cifra pagata), ma forse Demiral sarebbe stato più funzionale (per caratteristiche) con Bonucci, e certamente conosce meglio il campionato italiano.

      • Mauro the Original

        Si concordo.

        Sarri deve pur giustificare l’ingente spesa oltre all’ingaggio fuori da ogni parametro del giocatore, per cui è quasi costretto a farlo giocare.

        Su una cosa comunque sono certo, appena De Ligt prenderà le misure farà vedere di che pasta è.

        Certo sarebbe stato più facile per lui avere come partner Chiellini sulla sinistra e lui al posto di Bonucci.

        Ricordo anche Platini che appena arrivato fece fatica e poi dopo qualche mese esplose.

  2. Una j nel cuore

    Eh si… Bruttissima figura..
    Una catastrofe annunciata dall’arcangelo Gabriele.
    D’altronde se si parte con i preconcetti, con la convinzione che solo un bimbo minchia possa salvare questa Juve, forse si capisce perché si vedono catastrofi..
    A volte mi chiedo che Juve si voglia, e cosa si pretenda da una squadra che parte con persone nuove, con gente della caratura di Chiellini out, con una squadra agli ordini di un nuovo condottiero e con una visione di gioco totalmente diversa e molto meno arrendevole..

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: noticias juegos
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web