Terms of endearment (voglia di tenerezza)

scritto da Cinzia Fresia

Non so perché, ma di questa nuova stagione non mi viene in mente altro che questa tenera foto che è un’immagine semplice, chi ci vede due giovani che si scambiano una scherzosa tenerezza, chi invece vede il passato e il futuro che per un’istante si incrociano per un passaggio di consegne.

Ecco, questa armonia sembrava dovesse durare per sempre, dopo anni di spogliatoi divisi e giocatori scontenti pareva, finalmente, fosse arrivato il momento di dire basta, mettere tutto da parte, per lavorare negli interessi della Juventus.
È stata un’illusione durata un mese o poco più, siamo invece tornati agli antichi problemi dove tutti sono contro tutti e un giocatore come Ronaldo diventa un problema.

Mi chiedo, se, magari non sia dovuto alla mentalità italiana eccessivamente provinciale o si tratti semplicemente di un sistema di gestioni inadeguate che potrebbero risultare il vero problema, dare la colpa ad una persona sola, è più semplice, utile e sbrigativo ma non solo, permette di giustificare alcune decisioni assurde, ne cito una: l’esclusione di un giocatore come Emre Can a favore di un altro che vive carenze di rendimento già ad inizio stagione.
A volte diventa necessario ammettere di avere dei limiti, e la Juventus deve altresì rendere conto anche alla Holding che la controlla, la quale ha necessità “politiche” tali da giustificare decisioni ai nostri occhi incomprensibili.

Perciò entrare in questa Società significa non poter fare quello che si vuole, ci sono doveri di immagine, conti da pagare e regole da rispettare, non è per tutti .. quindi mi chiedo se Maurizio Sarri fosse al corrente di cosa potesse aspettarsi, e cosa comportasse lavorare in una società che è parte integrante di uno dei più importanti gruppi industriali.

Ma in questo marasma di sentimenti contrastanti, la Joja: alias Paulo Dybala invece è risorto, e lo si vede da come si fa volere bene dai compagni. È un ragazzo diverso, che accetta tranquillamente la panchina, La terapia “Sarri” Evidentemente sta funzionando, anche per altri nello spogliatoio, che va ammesso giocano meglio, dal suo arrivo. Speriamo che l’episodio ultimo, non vada a minare un equilibrio in cui si incominciava a vedere un legame affettivo e coesione vicendevole, che alla fine porta al raggiungimento degli obiettivi.

  1. Andrea (the original)

    Cinzia,
    Credo che il punto sia che la Juventus non ha mai avuto il miglior giocatore del mondo alle sue dipendenze
    Maradona, Ronaldo il brasiliano, non sono mai stati alla Juve, che pure ha avuto grandi giocatori ma appunto, rra grandi giocatori e il migliore passa molto.
    Se poi calcoliamo che CR7 vale da solo più della Juve, cosa che nei tempi moderni conta, abbiamo semplicemente una esperienza nuova, che va vissuta per essere scoperta, non è programmabile né tantomeno in caso di errori caricata su qualcuno, perché nessuno sa fino in fondo come si gestisce uno che non si è mai trovato a gestire.
    Detto questo, un tecnico ha diritto di scelta, non è il risultato a stabilire se buona o meno (in Italia purtroppo questo è un gap culturale) ma quello che sta vedendo.
    Sarri ha visto Ronaldo male, lo ha sostituito, lo ha comunque tutelato parlando di acciacchi. Se poi Ronaldo va via dallo stadio, va in Nazionale e vuol far polemica il comportamento non eccellente è di Ronaldo, né di Sarri, né della Juve.
    Se questo crea una difficoltà alla Juve non necessariamente qualcuno della Juve ha sbagliato, perché sinceramente non vedo come potesse comportarsi meglio di quanto fatto.
    Che Cristiano non si sia integrato nella Juve mi sembra spesso palese, purtroppo il nostro modo di pensare calcio è poco gradito a chi a calcio sa giocare, infatti ì migliori son fuori dall’Italia a eccezione di CR7.
    Se andrà via per mancata integrazione sarà una occasione persa, un danno di immagine pesante ma se dovesse andar via per un cambio o due beh, danno per danno sarebbe lui il responsabile.

    Dybala: i giocatori risentono del grado di fiducia, soffrono nel veder giocare uno meno forte solo perché invece di fare l’attaccante difende. Oggi lui anche se parte dalla panca sa di essere importante e speriamo che cresca il gioco per renderlo ancora più importante.

    • Per me l’acquisto di Ronaldo è stata una grave imprudenza, ora hanno da gestire qualcosa di più grande di loro, dimostrando di non averne le capacità, e chi ne perderà sarà solo Sarri e soprattutto la Juventus.

      • L’imprudenza è aver preso un allenatore che non sa gestire il gruppo ed in particolare CR7.
        Ronaldo non è stato preso… è voluto venire… uno come lui sceglie dove andare, ed è stato sicuramente un grande investimento commmerciale, sportivo vedremo.

    • Beh, che Ronaldo sia + grande della Juve non ci piove, almeno secondo una delle sue sorelle xché è indubbio che x quanto sia grande la Juventus, “Dio” lo è di + in maniera infinita. Lo ha detto la sorella eh; non io. A me non passa nemmeno lontanamente in testa di pensare sta cosa. Non capisco xrò xché “Dio” nonostante giochi nella squadra + forte di un campionato scarso e guidata ora da un tecnico che predilige il gioco d’attacco, non riesca almeno x ora ad incidere + di tanto e quanto c’è riuscito ha sempre avuto bisogno della squadra. “Dio” dovrebbe vincere un campionato come quello italiano anche se gioca lui e 10 bambini dei pulcini. “Dio”…

      • andrea (the original)

        Ho spiegato perchè Ronaldo, non a detta mia, sia entità più grande della Juve.
        Il resto non sta in piedi Germano, il campo è grande, non puoi coprirlo con 10 bambini e un fenomeno contro 11 adulti.
        In uno sport collettivo c’è sempre bisogno di una squadra, poi c’è quello che le squadre le fa vincere. Ronaldo ne ha fatte vincere parecchie, sinceramente lo scorso anno 5 gol tra ottavi e quarti di Champions su 5 segnati sono una roba allucinante, in quel caso la squadra o chi la allena semmai è riuscita a perdere nonostante lui.
        Quest’anno non possiamo ancora valutarlo se non quando finirà, perchè ultimamente lui come Messi sembrano gestirsi nella prima fase per poi esplodere.
        In ogni caso è possibile che lui non si sia integrato in un calcio vecchio e dalla visione limitata come quello italiano; ciò non toglie che se sei pagato hai dei doveri e dallo stadio non devi andar via.

  2. IL SONDAGGIO

    Tuttosport, oggi, riporta un sondaggio fatto sulla Juve più forte.
    La Juve di oggi è senza dubbio una squadra incredibile, ancora imbattuta e prima sia in campionato che in Champions League.

    Merito anche dell’allenatore, ma soprattutto di una super rosa, con campioni in ogni ruolo. Per i tifosi però non è la migliore di sempre, e nemmeno la seconda.

    Nel sondaggio lanciato da Tuttosport, in cima al podio c’è quella del 2005-06, allenata da Fabio Capello e che vedeva un 442 con Buffon, Zebina, Thuram, Cannavaro e Zambrotta in difesa, Camoranesi, Emerson, Vieira e Nedved in mezzo con Ibra e Trezeguet in avanti.
    Una squadra incredibile che poteva permettersi di avere in panchina gente come Chiellini, Marchisio e Del Piero, tre bandiere.

    Al secondo posto, invece, troviamo quella dell’82/83, nella quale compaiono 6 campioni del mondo, Boniek e Platini.

    A chiudere il podio c’è quella attuale di Sarri, che però con appena 16 partite giocate, può prendere punti importanti fino alla fine del campionato.

    Non solo…e se dovesse succedere…ma non succede.

    Intanto l’Italia in questo momento è avanti 3-0 con la Bosnia.
    Buona serata

    • Posso parlare solo x quelle che ho vissuto Max e quindi metto sulli stesso livello quella del 1976/77 e quella del 1982/83. Se invece parliamo di vittorie sono al primo posto a pari merito le ultime 8.

      • andrea (the original)

        Per me la più forte è quella 96/97, che purtroppo non potemmo vedere compiuta nel tempo perchè Moggi decise di smantellarla cedendo Vieri, Boksic, Jugovic, alla faccia delle grandi operazioni..l’anno dopo non era più la stessa Juve e soprattutto non avrebbe più avuto quelle prospettive di crescita.
        Il calcio che ho visto giocare da quella Juve l’ho visto giocare solo al Milan di Sacchi e (ma ovviamente in meno partite e solo in video per ovvie ragioni) all’Ajax di Cruyff.

        Seconda quella 82/83 che purtroppo sbagliò solo una partita (quella 96/97 per me non sbagliò nemmeno la finale, giocata nettamente meglio dell’avversario e in cui perse solo perchè in una partita a volte è sfiga).

        Terza potrebbe essere per potenziale quella attuale, ma sin qui per motivi diversi tra lo scorso anno e questa è solo una proiezione ipotetica.

        • …e sarebbe stata la prima a vincerne due di fila.
          Ma dico io, la moglie di Peruzzi non poteva aspettare un sltro giorno per partorire ?
          😁😁😁
          Ciao

        • Andrea, Moggi non smantella quella Juve x le operazioni dai. Jugovic e Vieri andarono a battere cassa il giorno prima della finale e sai che certe cose alla Juve (ma forse anche negli altri grandi club non si possono fare e io sono d’accordo. Boksic era in prestito secco x un anno. Qui ne approfitto x risponderti su Ronaldo. Nel momento che riteniamo lui + grande della Juve e a quanto pare purtroppo pure lui la pensa così, non ci possiamo poi lamentare se se ne va via dopo una sostituzione e se la sorella lo ritiene un “Dio”. Se io lo ritengo + grande di una squadra e permettimi…che SQUADRA…anche se non è nostra intenzione di conseguenza riteniamo un “Dio”. Il mio parere conta zero (sono un semplice tifoso) ma se non si adegua alla Juve x quanto mi riguarda se ne può andare anche domani. Sono stato contentissimo quando la Juve lo ha preso ma se continuerà così…ciao e tanti saluti. La Juve ha vinto senza, con e continuerà farlo. Lui uguale ma lui è uno o al massimo Uno ma non…UNO (non so se mi sono spiegato. La JUVE è…la JUVE!!!

          • andrea (the original)

            Se ricordiamo bene furono pure celebrate come genialate, in realtà invece nascoste (specie quella di Vieri) anche all’Avvocato che non mi pare gradì granchè, pur ovviamente senza calcare la mano per ovvie ragioni di buonsenso.
            Dunque non so se alla Juve non si faccia, a me pare che aumenti in corsa siano stati dati.
            Di fatto quella che era una sorta di Arancia Meccanica, sparì.

            Su Ronaldo non funziona proprio come dici: tu puoi essere più grande come valore economico e tecnico di una intera Società ma se quella Società più piccola di te ti paga devi comunque comportarti. Certo, non gli si può vietare qualche licenza (ai più forti è sempre stata concessa e “uno vale uno” sappiamo che fine ha fatto), ma resta comunque un rapporto di lavoro con doveri precisi.
            Dunque il problema non è vincere con o senza di lui (il Real pensava la stessa cosa e mi sembra non stia andando proprio così), per un salto di mentalità in Champions lui è praticamente esiziale, insieme poi al gioco, ma attenersi ai doveri dei lavoratori.

  3. AVANTI UN ALTRO

    Ai microfoni della RAI, al termine della sfida con l’Italia, il centrocampista della Bosnia Miralem Pjanic ha parlato anche delle sue condizioni fisiche: “Non meritiamo di passare fra i primi due.
    Oggi abbiamo affrontato una bella Italia che ci ha messo in difficoltà.
    Potevamo però anche rientrare in partita poi è stato più difficile perchè l’Italia ha controllato la partita.
    Come sto? Spero non sia nulla di grave.
    Ho questo piccolo problemino che mi porto da un po’.
    Non credo sia nulla di grave, vediamo nei prossimi giorni”.
    Ecco spiegato perché Pjanic ha dovuto lasciare il campo s 15 minuti dalla fine.
    Il problema è il solito, quello dell’adduttore dx.
    La prossima partita dell’Italia sarà contro l’Armenia a Palermo…speriamo bene…nel senso che non si faccia male qualche altro juventino, per fortuna non abbiamo nessun armeno.
    Buongiorno

  4. I RICORDI DEL BARONE

    Cinzia, Ben e tutti, vista la sosta, scusate il fuoritema.
    Il ’68 l’ho vissuto fuori dal movimento studentesco perché già lavoravo…già davo da mangiare ai “pista serci” (coloro i quali bighellolenavano dalla mattina alla sera con il giornale sempre riposto nella tasca posteriore dei jeans ma con la “marca” del giornale bene in vista, che non era né Il Messaggero né tantomeno il Tempo ).

    Per mia scelta ho scelto di lavorare e non di andare a scuola…oggi qualcuno, ma anche in molti mi potrebbero dire: certo, Barò, hai scelto di andare a lavorare e si vede dal tuo quasi analfabetismo il non aver frequentato le scuole.
    Ovviamente, dal di fuori, il movimento del ’68 studentesco l’ho visto più che vissuto tant’è parteggiavo più per Pier Paolo Pasolini che per Mario Capanna.

    Gli anni ’60 per l’Italia sono stati i migliori anni economici per i lavoratori…ricordo che si viveva bene economicamente ci si poteva permettere spese alimentari adeguate, comprare una utilitaria e per i più assegnati mettersi qualche soldino da parte.

    Fine del benessere e delle belle prospettive…l’inizio dell’inizio degli anni di piombo.

    Il primo episodio, in Italia, lo si ebbe nel corso del 1968 a Roma nei pressi di Valle Giulia, vicino a Villa Borghese dove aveva sede la facoltà di architettura e dove ci furono i primi scontri con i poliziotti.
    Il movimento studentesco più organizzato e più forte aveva sede a Milano.

    Tra le sue fila vi era il leader e capro espiatorio Mario Capanna.
    Egli fu uno studente iscrittosi alla statale di Milano dopo essere stato allontanato dalla sede dell’Università Cattolica.
    Nel maggio del 1968 tutte le università di Milano, esclusa la Bocconi, furono occupate.

    In merito a ciò, il famoso poeta e scrittore nonché sceneggiatore e regista Pier Paolo Pasolini prese una posizione alquanto rigida nei confronti di questi studenti.
    Essi vennero aspramente criticati dal drammaturgo d’origine bolognese, il quale si schierò dalla parte dei poliziotti.
    Secondo lui, in sintesi, erano proprio loro i figli del popolo, mentre gli studenti erano dei figli di papà, viziati.

    La protesta studentesca del 1968 in Italia, raggiunse il livello massimo di consensi.
    Tutto ciò comportò l’esplosione di numerose rivolte degli operai in fabbrica, nel 1969.

    Dunque il movimento operaio si amplificò e si collaudò anche più di quello studentesco.

    Il ’68, insieme a qualche conquista libertaria, ha ucciso la meritocrazia, e il sei politico ha egualizzato tutti, scolarizzati e non, in un mare di ignoranza … Solo che i primi pensano pure di sapere.

    E che fine fecero i miei amici “pista serci” ?
    Niente, assolutamente niente, né con i studenti né con gli operai.
    Ma sapevano fare molto bene le “zecche”.

    Buona giornata

  5. Ciao barone,
    non ho vissuto quel periodo è quindi per me è difficile esprimere un giudizio anche se su una cosa sono pienamente d’accordo e che sento dire da tanti che quel periodo l’hanno vissuto e cioè che ha fatto più danni della grandine nell’ambito della meritocrazia creando degli emeriti ignoranti in tutti i settori della società.

    • Bravo Luigis,
      Colgo la palla al balzo per dire sul ’68 ….
      La differenza vera è che mentre altrove si sono rimessi in riga studiando seriamente, … la salsa italiana della “rivoluzione” invece ha corroso in modo definitivo l’autorevolezza dell’insegnante decretando la fine della scuola come vero luogo di apprendimento, nel Paese dei mammoni e dei raccomandati, l’ignoranza ha creato una breccia attraverso la quale tuttora impera !

      Il ’68, insieme a qualche conquista libertaria, ha ucciso la meritocrazia, e il sei politico ha egualizzato tutti, scolarizzati e non, in un mare di ignoranza … Solo che i primi pensano pure di sapere 🤣

  6. Mauro the Original

    Ho vissuto il periodo post 68 ma c’era una violenza inaudita nelle scuole. A inizi anni 70 ti entravano in classe a branchi e costringevano tutti ad uscire altrimenti erano legnate, e chiaramente gli insegnanti stavano zitti poiché venivano minacciati. Polizia fuori dalle scuole in assetto da guerra. Chiaro noi delle prime non potevamo fare nulla contro quelli delle quinte che avevano quasi 20 anni.
    Per poter studiare mio padre ha dovuto iscrivermi ad una privata con alti esborsi economici.
    Considero quelli del 68 la peggior specie, come pure ho una cattiva considerazione dei sindacati e sindacalisti, purtroppo molti ora ricoprono posti chiave.

  7. Inter, minacce con proiettile a Conte. Aperta un’inchiesta

    Secondo il Corriere della Sera decisa la vigilanza delle forze dell’ordine dopo che il tecnico ha ricevuto la busta anonima

    16 novembre – 0:32 – Milano

    Una notizia che ha dell’incredibile e che lascia stupefatti per la modalità e per l’obiettivo. Secondo il Corriere della Sera il tecnico dell’Inter Antonio Conte ha ricevuto una busta anonima contenente una serie di minacce e un proiettile con evidente fine intimidatorio.

    • @Gioele
      Gli uni incolpano gli altri…cioè , scambi di accuse tra tifosi juventini e tifosi interisti.
      Pare che sia opera di un mitomane, un pazzo mitomane.
      Oppure c’è dell’altro…tanto le stanno provando tutte.

      Ciao.

    • Saranno gli eredi di Mario Capanna che gli contestano le posizioni borghesi sui ristoranti da 100€🤔
      Il vero allenatore proletario deve vincere con Sensi e Barella, D’Ambrosio e Politano💪🏼✊🏻

    • andrea (the original)

      Pare sia una mezza bufala, versioni contrastanti ho letto.

  8. UNA PALLOTTOLA SPUNTATA

    La lettera con minacce ad Antonio Conte, per la quale la procura di Milano indaga per minacce aggravate, è arrivata all’inter: con una dichiarazione all’ANSA, è il club nerazzurro a precisare le circostanze della vicenda. “In relazione alle notizie pubblicate oggi, si precisa che Antonio Conte non ha ricevuto personalmente alcuna lettera minatoria e, di conseguenza, non si è recato in prima persona a sporgere denuncia. È stato il club a ricevere una lettera e, come da prassi in questo genere di situazioni, ha provveduto a rivolgersi alle autorità competenti”.
    Fonte CdS

  9. Luigi
    sei stato ssmmerso daall’ondata di ignoranza.
    Il 6 politico fu una bufala provocatoria di breve durata che riguardo’ sociologia di Trento.
    L’ignoranza abissale la vedo in certi laureati di oggi,magari ferrati in ingegneria ma che non sanno dove si trovi Campobasso
    Ma una volta, parlaci di qualcosa che conosci,non per sentito dire o per ideologia..
    Sai cosa era uno statino da ritirare e riportare compilato( 4 ore di coda x volta) e poi il prof andava in ferie?
    Sai niente su chi vinse e ottenne l’assistenza. Medica gratuita anche per chi perdeva. Lavoro o terminava un rapporto?

    Sai quanti diritti son stati ottenuti da studenti e operai insieme o andavi all’asilo?
    Non e’ che fare i bacchettoni dia sempre garanzie eh..

    • Il 68 ha riguardato tutto il mondo come punta di svolta. Si. Sono laureati in quegli anni esimi personaggi, non ti faccio l’elenco perche’ sarebbe puerile.

    • Mi piace parlare di ciò che non conosco come vedi Tino.🤣
      Perché sono il re degli ignoranti. Tu però che sei un docente, non mi leggi:

      Sai quanti diritti son stati ottenuti da studenti e operai insieme o andavi all’asilo?

      “Il ’68, insieme a qualche conquista libertaria, ha ucciso la meritocrazia,…”

      Purtroppo non andavo all’asilo e comunque ti avevo già risposto 😭

      Nella foga Ti sei perso questo passaggio pur piccolo del mio sunto.

      Tutti il resto è, qui hai ragione, noia ideologica …

      • No avev letto ma tu hai parlato di cultura e di meritocrazia eliminate.
        Non e’ vero. Il 6 politico una bufala provocatoria partita da Trento…e strumentalizzata.

  10. Certo che ste tastiere…

  11. Chiedo al blog la verifica di una notizia che vorrebbe sarri in contrapposizione con lo staff della juventus sulle poche ore di allenamento che fa la juventus. In effetti mi sembra, ma di questo non sono sicuro, di non aver mai letto la doppia seduta d’allenamento e questo potrebbe spiegare perché giochiamo un tempo e corriamo meno rispetto a squadre europee.

    • Così, a spanne. Mi sembra una notizia troppo qualunquista per essere vera …
      Corriamo come tutte le squadre italiane, che insieme corrono meno delle europee. In special di quelle della Premier League…
      I motivi ?
      Sono decenni che fior fior di addetti ai lavori ci battono la testa. Forse noi facciamo troppa palestra … Boh

  12. Questa per poco me la perdevo:

    “Il 6 politico fu una bufala provocatoria di breve durata che riguardo’ sociologia di Trento”.

    Questo virgolettato è una visione questa sì platonica e misericordiosa di quegli avvenimenti 🙏.
    E comunque mi fa capire tante cose. Che tengo per me, perché non interessano a nessuno. Tantomeno a un blog di calcio.

  13. Infatti, molti in quegli anni, si iscrissero a sociologia di Trento, pensavano di andare a fare i fannulloni …
    Invece scoprirono che si doveva studiare eccome, e per strappare un 18 si dovevano sudare le famose sette camicie 👹!

    Noialtri invece -più a Sud, ritenendo Trento troppo lontana😉-, ci iscrivemmo -con impeto romantico- a Filosofia, che allora stava in via Irno (Sa) …
    La prima lezione, in un’aula gremita, fu di Edoardo Sanguineti(un tuo concittadino !), che ci parlo’ de “Lo straniero” di Camus …
    E come tutte le prime volte fu indimenticabile …😚

    (Prendetevela con l’amico Tino, che, tirandomi per la giacca, mi ha “costretto” a questo Amarcord🤣)

      • Mauro the Original

        Luigi

        Ricordo solo che a Natale ero già con più di 40 assenze, chiaramente costretti a scioperare altrimenti venivamo bastonati. Ogni giorno davanti alla scuola reparti di polizia a scontrarsi con gruppi di attivisti. Vetrine rotte, occupazioni selvagge e botte da orbi. E in una città come Venezia la cosa era molto grave. Non ricordo altro finché non ho cambiato scuola. Unica cosa positiva per un quattordicenne alle prime armi, tutte le ragazze in minigonna😁😁😁

      • Beh, Mauro, cosa vuoi che ti dica … Per fortuna la memoria umana è selettiva: ricorda le cose belle, e avvia al dimenticatoio le cose che ci deprimerebbero. E non mi riferisco solo alle minigonne evidentemente …

        Ciao.

    • Lugi
      Scrivi:
      ” Infatti, molti in quegli anni, si iscrissero a sociologia di Trento, pensavano di andare a fare i fannulloni …
      Invece scoprirono che si doveva studiare eccome, e per strappare un 18 si dovevano sudare le famose sette camicie”
      Quindi? Dove si trova il contendere?
      Consiglio tagliando urgente presso casa madre.
      Ciao

      • L’ironia non si spiega amico mio … Si coglie o non si coglie …
        E quando non si coglie, vengono fuori codeste repliche …🤪

        Quel post ha -come una medaglia- due facce: una ride l’altra è seria. 🥳🤫

        “Beati i poveri in spirito perché di essi è il Regno dei Cieli”: sei ben avviato Tino !😉

    • Ah beh, invece adesso in Catalunya sono tutte occupate da un mese le università.
      Gli studenti impegnati a fare barricate bloccando strade, autostrade e ferrovie con contenitori in fiamme, hanno accordato di sostenere un unico esame a fine anno nel caso la divenisse permanente.
      Da qualche giorno pare comunque che permettano di andare a lezione agli altri studenti non allineati con la protesta😅

      • Come sono buoni questi “protestanti”: mica duri e puri come quelli del ’68 …
        … La pianticella del buonismo infesta le foreste delle idee, e davvero impera: una malattia che lacera e offende, e mette pastoie anche alle idee riducendole a poltiglia plasmabile …

        Viva la rivoluzione, quella vera, quella che ti chiede di dare testimonianza anche con la vita della tua fede !😜

      • Se sono occupate a che lezioni avrebbero concesso di partecipare?
        Kris le spari a vanvera come luigi, e poi dice che e’ ironia.
        Siete belli, puliti e bravi.
        Ma poi che ci azzecca la Catalogna col 68?
        Ah ah ah comiche.

        • Tino,
          Era una semplice curiosità visto che si parlava del tema.
          L’occupazione ha generato scontri tra gli stessi studenti e, come ho scritto, da qualche giorno non ci sono più i picchetti e si è arrivati ad un compromesso di svolgimento parziale delle lezioni.
          Ci azzecca come movimento di protesta di una certa intensità che sta condizionando politica e società da oltre due anni.

          • Lungi da me l’intenzione di paragonare il 68 con un movimento di protesta di impatto locale come quello catalano. Ho fatto unicamente riferimento alle università in quanto si parlava di quello.

        • Mettiti seduto con un po’ di pazienza, e leggi, caro Tino.
          Il giovane Kris, ti ha risposto con estrema cortesia.
          Cerca di non impaperarti ulteriormente con repliche inutilmente incazzate 😅.

  14. Luigi
    approfondendo la notizia, data tra l’altro su sport italia, risulta dai dati della fgci che le nostre squadre corrono come quelle inglesi, forse si corre male nel senso che corriamo a ritmo cadenzato piuttosto che con cambi d’intensità.
    La forza è una componente fondamentale nella preparazione sia per prevenire infortuni traumatici ed anche per sprintare e quindi per aumentare l’intensità. ma ripeto mi sembra che noi andiamo sempre alla stessa velocità.

    • andrea (the original)

      Pare che in realtà le nostre forza e fondo, rispetto alle europee, servano solo ad andare più piano e a farsi più male.
      I giocatori stranieri che vengono in Italia dicono spesso di non essersi mai allenati così tanto e gli italiani lo prendono per un complimento ma all’atto pratico è proprio il contrario.

      • Andrea quello che non mi spiego è che ci accorgiamo tutti di questa differenza con le squadre europee, non solo noi appassionati, ma opinionisti, giornalisti e addetti ai lavori: è possibile che per narcisismo si voglia negare quest’evidenza?

      • Luigis …
        Tieni a mente una grande massima del provincialismo:
        l’erba del vicino non è mai verde come la nostra🤣.

        Questo per dire cosa …
        Che i numeri con cui ci cincischiamo, sono come quelli del geometra Galliani: parziali e tendenziosi.
        E servono a negare un’evidenza: in Europa corrono più di noi. Senza se e senza ma🧐

      • Allora non alleniamoci x niente così correremo + di tutti.

  15. Queste nazionali sono una iattura: pjanic torna a torino con il riacutizzarsi del problema all’adduttore.

  16. Io nel 68 non andavo neanche alle elementari pertanto leggo curioso , i vostri racconti. Intanto scopro che in quel periodo storico c’erano le università persino a Trento e a Salerno, credevo che
    fossero città come Cuneo dove diceva di aver fatto il militare il mitico Totó😂😂😂
    Grazie per i ricordi da spettatore neutrale Barone, peccato che in ci siano i racconti del Camaleonte che una volta ci disse che lui visse molto intensamente e che lo poteva anche dirlo senza peli sulla lingua, il 69, che fu molto meglio dell’anno prima😂😂😂

  17. Ho visto la nazionale ieri e, mi è piaciuto ma proprio tanto, Bernardeschi. Questa Italia puó fare bene agli Europei, c’è una buona infornata di giovani che mi permette di essere ottimista.

  18. Minacce Conte, la moglie smentisce: “Tutta una bufala”.
    L’Inter chiarisce: il comunicato.
    https://www.spaziointer.it/2019/11/16/minacce-conte-la-moglie-smentisce-tutta-la-storia-e-una-bufala/

  19. Sapete se Ramsey è uscito indenne dalla partita disputata con il suo Galles ?
    Aaron Ramsey in campo nella ripresa quando, al 59°, ha preso il posto dell’altra stella gallese Gareth Bale.

    Tra poco altri due juventini in campo, Codice Fiscale e de Ligt…
    Incrocio le dita.

    Buona serata

  20. MANO MANO

    Altro fallo di mano di de Ligt, ieri sera, contro l’Irlanda valevole per la qualificazione Euro 2020.
    L’arbitro non fischia rigore lo fischierà dopo, verso la mezzora per un tocco di mano dell’olandese Veltman e che l’irlandese Davis tira alto sopra la traversa.

    Finisce 0-0 e passa l’Olanda come seconda.
    Pare non ci siano lesioni di alcun genere alla mano di de Ligt.
    Buona domenica

    • andrea (the original)

      😀 😀 😯

      • Da quando gioca alla Juve sembra che a De Ligt gli abbiano insegnato a giocare a pallavolo. Tra le tante teorie bislacche che ho letto riguardo gli allenamenti mi sa che questo sia il tipo di allenamento sicuro.😂😂😂

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: noticias juegos
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia