Non ci siamo ..

Scritto da Cinzia Fresia

Abbiamo una conferma: che quest’anno con una squadra cosi non vinciamo una “mazza”,
e mi dispiace tanto per Ronaldo e Paulo Dybala che si danno da fare, ma ci sono errori e un allenatore che persevera a sbagliare le formazioni.

Male, e non c’è niente da aggiungere, ma male tutto, centro campo, difesa, e altresì attacco: Costa e Higuain.
Anche se Maurizio Sarri continua a dire che manca la testa, io gli suggerirei di osservare meglio i suoi giocatori i quali hanno grossi problemi e non sono probabilmente cosi forti come si pensa.
E’incomprensibile la scelta su Douglas Costa e Higuain a scapito di Dybala tenuto in panchina e inserito inutilmente gli ultimi 20 minuti.

Una delusione dopo l’altra questa Juventus di Maurizio Sarri, che collassa a Verona, dimostrando di non essere in grado nemmeno di gestire il risultato, in partita si sono evidenziate falle in tutti i reparti. Una squadra che non va, troppe diseguaglianze tra giocatori e un allenatore che fa fatica ad entrare nel “mood” Juventino, perché non si fa capire e più grave, non riesce a farsi seguire.

Eppure di campanelli di allarme ne abbiamo avuti, l’altra settimana per esempio, contro la Fiorentina solo perché vinta, non si e’ notato che avevamo rischiato di prendere tre gol e quando l’ho fatto notare mi hanno dato della pazza, questo deve far aprire gli occhi soprattutto al “genio del calcio mercato”, il quale dovrebbe prendersi la responsabilità di come stiamo, e che una squadra come la Juventus non può affrontare tre tornei con dei parametri 0 e con dei giocatori a fine carriera o troppo esposti agli infortuni.

Higuain: premetto che gli vogliamo un gran bene, ma ultimamente non è in forma, non sta dietro a Ronaldo è troppo lento, Douglas Costa è rotto ogni 2 per tre, e tenere in panca Dybala solo perché bisogna usare categoricamente Costa, c’è qualcosa che non va anche nell’allenatore, e non ci si aspetti di puntare tutto sul rientro di Chiellini, come se avesse la bacchetta magica.
Una strana aria regna in Juventus, in quanto non si comprende il perché di certe scelte, e che per vincere ci si affida alla sfortuna o alle disgrazie altrui.

Una squadra così fornita, spiace vederla perdere a causa di errori grossolani, una sconfitta pesante che compromette il Campionato, e non dimentichiamo che la presenza di Ronaldo non è scontata e nel Derby di Milano, l’Inter ne approfitterà.

  1. Lo scorso anno il problema era Allegri, quest’anno i calciatori si sono Allegrizzati nonostante il cambio della gestione e spunta un nuovo capro espiatorio in Bonucci .
    Prima di mettere croci sulle spalle di qualcuno mi auguro che le partite possano essere viste senza pregiudizi e magari aspettando il primo sbaglio nell’appoggio più facile per poter dare addosso a quel qualcuno. Emre Can era fuori dal progetto e poi lo vendi e fa subito un goal da cineteca. C’è qualcosa che non va nel verso giusto ed il tempo di conoscersi e per i convenevoli è finito. Se Sarri vuole qualcosa di diverso dalla squadra è bene che se lo sappia dare, altrimenti meglio si metti da parte onde evitare ulteriori performance come quella di ieri.

    • Scusa Antony,
      Ma Can quanti ne ha fatti da cineteca l’anno scorso?
      Lo si é venduto perché qui non ha reso, il tiro della domenica cambia nulla.
      Non é che ci inventiamo niente, Bonucci e Buffon li hai sentiti dopo Napoli? Dai, le partite le vediamo… o Kubulla e compagnia sono veramente cosi superiori a noi?
      Non si parla di giocatori piú o meno bravi, si parla di impegno e disponibilitá.

    • andrea (the original)

      Allegrizzarsi non è mica una deresponsabilizzazione Antonio anzi, è la cosa peggiore che Sarri potesse fare.

      • Voglio essere onesto Andrea e sai che non ho mai peli sulla lingua. Lo scorso anno assistetti ad un intervista di Sarri quando il Chelsea non andava e lui si diede un alibi con “ la squadra negli anni passati ha assimilato un tipo di gioco di rimessa che non riesco a scardinare, come dettame o eredità del precedente allenatore”. Non mi piacque questa lettura , aldilà se stesse screditando Conte o qualcun altro, che tra l’altro con quella squadra e con quel gioco aveva vinto.
        La squadra nel momento in cui l’allena un altro dovrebbe prendere indicazioni da questo ultimo, non ti dico che dimentica quanto fatto prima, ma il calciatore prende la posizione e fa quello che che il suo allenatore gli chiede. Se vai ad allenare tu domani la Juve pretendi che i calciatori seguano i tuoi dettami non quelli che che avevano assimilato da altri prima. Io non accetto dopo ormai 7 mesi e 34 partite già giocate sotto la guida Sarri che la squadra sia ancora come hai detto tu “allegrizzata”.
        Cosa lo hanno messo a fare se non riesce a cambiare il tipo di gioco a questa squadra? Qui non stiamo parlando di novellini, ma di campioni affermati e qui rispondo pure a Kriss, che so che è d’accordo con me, riguardo al complesso di calciatori di cui dispone la Juve.
        Se Can è fuori progetto ( non sapremo mai perchè) e ti gioca una partita ( la prima senza assuefazione con il resto dei compagni) in quel modo in Germania suggellandola con un goal di quel tipo, dovremmo capire come mai, nella Juve non riusciva ad avere l’opportunità di poter tirare un tiro in porta in quel modo. Sarà solo fortuna? Non credo perchè vedo che se non segna con qualche “ acrobazia o gesto tecnico impossibile” di qualche nostro fuoriclasse in modo estemporaneo, la Juve in porta tira poco e si fossilizza con quel gioco lento senza liberare mai nessuno sulle fasce per crossare, o per aprire la difesa avversaria, entrando in quell’imbuto centrale dove gli avversari sono tutti ben piazzati ed organizzati.
        Inizio a pensare che Sarri sia stato fortunato a Napoli nel saper continuare un lavoro che era già di Benitez, e visto che a Londra non ha cambiato il Chelsea, che sia tutto un bluff. Mi auguro di cuore di sbagliare perchè se la Juve perde sono uno che soffre veramente. Non ho preconcetti nei riguardi di Sarri e vorrei tanto che quanto abbiamo visto ieri diventi un brutto passaggio a vuoto, ma vivo la quotidianità, sai quale sia il mio lavoro, e se vedo qualcosa che non funziona e se voglio sopravvivere sono cosciente che devo prenderne atto e cambiare strada immediatamente perchè sennò rischio di portarmi degli strascichi che portano inevitabilmente al fallimento.
        Sono a porte aperte potete rispondermi come volete.

        • andrea (the original)

          Ma, io non vedo in quelle parole la volontà di screditare un altro allenatore parlando di difficoltà nel rimuovere un certo gioco. Non si parla di meglio o peggio ma di diverso.
          Son modi di giocare molto diversi, che entrati nelle abitudini son difficili da scardinare. Tutte le abitudini in tutti gli ambiti son difficili da scardinare.

          Per quanto riguarda la questione Juve invece, se scardinare anche questa mentalità, più duratura rispetto a quella del Chelsea, già solo perché l’ambiente Juve è tremendamente conservatore e italianista, era una grande difficoltà, il problema è che nella prima parte di stagione Sarri stava proponendo un gioco diverso.
          A volte riusciva meglio, altre peggio, ma una Juve chiusa in difesa non si vedeva.
          Oggi si è questo per me è inaccettabile perché significa paura e lo è ancor di più perche quest’anno si vede qualche squadra in più che tra investimenti (Inter) e crescita (Lazio) o coraggio (Verona) non ha paura, non ha perso prima di scendere in campo.
          Cioe l’unica cosa che non si può accettare è il difensivismo.
          Il resto per me conta poco: i gol subiti interessano molto i difensivisti ma già solo per quelli che prendi da piazzato non sempre sono indicativi.
          Allo stesso modo quelli fatti.
          Prova ne è che ieri, in una partita indecorosa, con un pizzico di fortuna ne facciamo 4 e di tiri in porta su azione ne abbiamo subiti zero.
          Quindi il problema resta il gioco.

          Sorvolerei su Emre perché avendo visto il gol live ho scritto subito al Barone per dirgli della prodezza ma sinceramente se nella carriera di Emre mi trovi gol del genere possiamo riparlarne. Che possa essere lui un motivo di critica a Sarri mi pare pretestuoso, mica parliamo di Pirlo.

  2. Scusate l’intrusione; poi me ne ritorno nell’anonimato fino a fine stagione. Mai avrei pensato in vita mia di dover dire: ” mi tocca andare a Torino”. Mai! Eppure domenica mi tocca x accompagnare mio figlio che x il compleanno quest’anno ha desiderato x una volta rinunciare alla festa con gli amici x andare a vedere la Juve. È uno tranquillissimo ma visto che è ancora minorenne non me la sento di mandarlo da solo seppur con un club. Solo al pensiero di dover fare tra andata e ritorno 1.300km in pullman mi vengono i brividi. X andare a vedere poi? 22 imbecilli più eventuali sostituti che corrono dietro ad una palla? Sì xché ormai x me il calcio è questo. Inutile che sottolineo che condivido ogni post di michelleroi, Ivano e Luigis. Ovviamente rispettabili anche le altre idee ma sono sempre più convinto che anche questa volta Allegri ci aveva capito tutto chiedendo una certa specie di rivoluzione. La società non l’ha ritenuta opportuno e avrà avuto i suoi motivi. Vorrei ribadire che non ce l’ho e non ce l’ho mai avuta con Sarri che reputo un bravo allenatore. Domenica spero almeno in una vittoria xché scusate, non me ne vogliate, ma dopo tutti quei km una bella prestazione la potrei sopportare solo se porta ad una vittoria. Ho sempre snobbato e continuo a farlo, la champions rispetto ad un campionato. Ma x quest’anno spero x voi nella botta di c.lo che sempre ci vuole x tutti x vincerla xché x il campionato la vedo molto dura. Scusate il disturbo. Buona continuazione.

    • Beato te Germano. Io con (quasi) 1300 Km… faccio solo l’andata. Comunque vai tranquillo, allo Stadium la Juve è ancora forte 😉
      Saluti.

    • Ciao Germano,
      non sei l’unico… mi rompo sia allo stadio sia davanti alla TV.
      Scrivi ogni tanto.

    • Ciao Germano, vai e tifa Juve, chiunque l’alleni, è la tua squadra del cuore e basta. Lo sai bene che neanche a me piaceva la crociata anti Allegri che si è perpetrata lo scorso anno, ma dobbiamo essere onesti da dovere appurare che il suo tempo alla Juve era arrivato alla fine. Ha avuto le sue occasioni, ha vinto molto ma in alcuni frangenti è stato “ sfortunato” ( vedrai che questo “sfortunato” me lo passano) 😀😀.
      C’era bisogno di un cambiamento ed il prospetto Sarri non era poi male, se soprattutto si voleva vedere qualcosa di diverso.
      Tutte le ciambelle non riescono con il buco come vedi, ma non per questo dobbiamo poi fare come altri amici che aspettavano un passo falso di Allegri per poter asserire “ ve lo avevo detto”.
      Questo ci ha portato il convento ( anzi Paratici e Nedved) e dobbiamo sperare che abbiano preso giusto. Non è ancora compromesso niente, godiamoci in questi alti e bassi questa Juve di Sarri e a fine campionato ne tireremo le somme. Pure io tengo più al campionato che alla maledetta soprattutto quest’anno che abbiamo un nostro “ex” dalla parte opposta ed anche perché ho da vincere una scommessa con un amico che non ci credeva che ne avremmo vinti 10 consecutivi.
      Un abbraccione e, scrivi che ci manchi.

  3. Mauro the Original

    Faccio un sondaggio

    Quanti di voi vorrebbero un rinnovamento completo con giocatori giovani e motivati e Gasperini come allenatore?

    In fondo ci chiamiamo Juventus ma abbiamo da anni una platea di pensionati.

    Mi manca la Juve dei Torricelli Bonini Ravanelli ecc ecc.

    Cioè abbiamo avuto Platini che si è ritirato appena passati i 30, ora invece ti arrivano a 40 e oltre. Per forza non ce la fanno a tenere il ritmo.

    • Fermo restando che questa stagione è ancora vivissima, con giocatori giovani e motivati (e, immagino si sottointenda forti) faccio fare il secondo anno di contratto all’attuale allenatore.

  4. Dalle conferenze stampa si evince che in effetti ci sia un certo scollamento tra la squadra ed il tecnico.

    Bonucci primo sul banco degli imputati, la squadra senza di lui ha giocato assolutamente meglio.

    Ma tutti i “senatori” sono a compagnia del Capitano.

    Le parole di Buffon dopo Napoli sono state a mio avviso devastanti ed il “fino alla fine” di Bonucci letto oggi mi infastidisce non poco.

    Fortunatamente siamo la Juve e queste cose non le sapremo mai.

    La Juve è oggi il quinto club più forte del mondo per risultati, non è un club per tutti.
    Molto probabilmente non lo è per Sarri se non riesce a farsi seguire dalla squadra e questo si capisce dalle sue parole.
    Molto probabilmente non lo è per alcuni giocatori che obbiettivamente oggi, di fronte ad una squadra che cerca di giocare a calcio mostrano evidenti limiti tecnici.

    Bonucci? Si soprattutto lui…

    • L’unico difensore con i piedi buoni…. non sarebbe adatto al gioco di Sarri…
      Bonucci dopo 8,5 anni di Juve, gli sono venuti i limiti tecnici…
      È un virus? Speriamo non si trasmetta anche al blog…

      • Se leggi meglio non ho detto che Bonucci non è adatto al gioco di Sarri.

        Ho scritto a chiare lettere che Bonucci non è all’altezza di giocare nella Juve per evidenti limiti tecnici.
        Non legati solamente ai piedi, penso alla difesa sull’uomo e sui colpi di testa.

    • Sì, proprio Bonucci, che ieri cercava di uscire dal pressing alto del Verona con i suoi lancioni nella terra di nessuno …
      In un calcio minimamente organizzato Bonucci c’entra come i cavoli a merenda …
      “Stai calmo, lo sappiamo”, se se, ho visto come … non sapete un cazzo !

    • Dai ragazzi davvero pensate che il solo bonucci abbia tutto questo potere all’interno dello spogliatoio? Davvero credete che la colpa di come giochiamo sia di bonucci? Quello che scrive qui sotto ivano è sacrosanto aggiungerei che il bonucci che si sta criticando è quel giocatore cercato da guardiola allenatore auspicato da tutti voi. Detto ciò non risulta da nessuna parte che la fase difensiva venga fatta dai difensori, nella fase difensiva i primi difensori sono gli attaccanti, sono loro che dettano il pressing se si decide di farlo e sono loro ad accorciare la squadra se si decide di aspettare l’avversario nella propria metà campo. Paradossalmente la difesa è quella che determina la fase offensiva quando sale per far riversare la squadra nella metà campo avversaria come si cerca di fare con il possesso palla voluto da sarri lasciando poi 60 metri di campo alle ripartenze avversarie. Insomma addossare le colpe a bonucci è un dei tanti tentativi di non voler vedere le responsabilità di sarri, che allo stato attuale dei fatti non ha ancora compromesso nulla ma i suoi numeri indicano la strada per il burrone.

      • Luigis,
        Si parla di Bonucci come
        capitano e rappresentante dei famosi senatori, non per addossare a lui tutte le colpe.
        Proprio per quello che dici, se si vuole fare pressing e recupero alto la difesa dovrebbe accorciare. Cosa che non fa praticamente mai. Tant’è che i gol non li becchiamo in contropiede come molti temevano ad inizio stagione.
        Ieri dopo il nostro gol il Verona ha accusato il colpo, si erano sgonfiati e noi invece di alzare la squadra e dargli il colpo di grazia abbiamo cominciato a cincischiare bassi convinti di averla risolta.

        • Kris
          il pressing parte dall’attacco, dovrebbe essere higuain o dybala, ronaldo e costa ad iniziare il pressing. Ma questo non avviene soprattutto perché ronaldo decide di farlo quando vuole e come vuole e higuain lo fa senza la giusta cattiveria e determinazione. In alcune partite in cui c’è stato pressing una volta saltato quello fatto dagli attaccanti a catena venivano saltati tutti perché il pressing va fatto sincronicamente insieme e questo spesso non avviene. Se bonucci alza la squadra ma salta il pressing hai 60 metri di campo libero e succede quello che è successo con la lazio o la partita, che non ricordo con chi era, dove demiral ha compiuto quei due recuperi eccezionali.
          Kris sulla partita di ieri sera sinceramente abbiamo preso la traversa con costa negli ultimi 10 minuti mai fatta un’azione pericolosa loro ci hanno bombardato, insomma non ho visto un cincischiamento ma una grossa cazzata di bentancur che fa il tacco 10 metri fuori area di rigore. Detto ciò però io non mi riferisco alla sola partita di ieri sera: qui è da dopo l’inter che vediamo una serie di partite fotocopie a peggiorare.

  5. Andrea se l’ipotesi di luigi è giusta e io penso che lo potrebbe essere visto le dichiarazioni di sarri: speriamo che qualcuno mi aiuti. Avremmo un allenatore che non conta più nulla, un anarchia che vede chi è neutrale, favorevole a sarri e chi al cambiamento: ossia un ginepraio tale da portare al caos più assoluto. Se questa ipotesi, ripeto, fosse vera l’unica soluzione sarebbe il cambio dell’allenatore. E guarda che leggevo poc’anzi bosco il quale non si discosta molto dalla tesi di luigi e dalla necessità di un avvicendamento.
    Bosco addirittura premeva per il ritorno di allegri che io non vedrei bene poiché nella squadra ci sono giocatori che l’anno scorso erano ai ferri corti, ma un carrera ad esempio non mi dispiacerebbe.

    • Vabbè, Bosco l’ho letto anch’io ed è il solito attacco a Sarri che porta avanti da giugno.
      Parla più che altro di protezione del risultato, difesa ecc.. che non c’entrano nulla con la sconfitta di ieri ne con la situazione attuale. La sensazione è che non vedesse l’ora di poter chiedere apertamente (fino a ieri solo lo insinuava)il ritorno di Allegri, nell’illusione che quest’anno avrebbe fatto meglio.

    • Guarda luigis … Tra il sospettare -anche a causa delle sue dichiarazioni-, che Sarri non abbia la fiducia di tutto lo spogliatoio, ed auspicare il ritorno di Allegri, ci corre un abisso.
      Quindi io non sono affatto del parere di Bosco.

      Questa squadra ha dei problemi strutturali che sono stati ampiamente dibattuti.

      Oggi come oggi, ad esempio, visto l’ennesimo infortunio di Costa, avanzerei il ruolo di Cuadrado, che invece come terzino si può ampiamente sostituire.
      Tanto per cominciare a guardare avanti !

    • andrea (the original)

      Il buon Andrea Bosco ama un certo tipo di allenatori, dunque verso allenatori diversi è molto critico a prescindere.
      Per il resto, intanto noi non sappiamo il livello del conflitto e se sia risolvibile ma certo un management di livello prima di prendere provvedimenti interviene.
      Lo ha fatto anche negli anni scorsi, perché visto che parli di anarchia non mi pare che lo scorso anno il clima fosse diverso. Facce, parole, comportamenti in campo, ribellioni, lasciavano pensare a una squadra lontana da Allegri.
      Ma ancor prima, in stagioni precedenti, i dissidi con Bonucci, quelli con Alves, venivano curati innanzitutto legittimando il mister, al punto anche di cedere i giocatori a lui contrari.
      Dunque, se le parole di Sarri sono un segnale di pericolo (e lo sono), hanno anche una logica di chiamata alla Società.
      All’Inter Conte lancia moniti alla Società un giorno si e l’altro pure, ogni volta in cui si trova in difficoltà.
      Anche perché ribadisco, non mi risulta vi siano allenatori di spessore disponibili in questo momento, la Juve è già nei guai con i conti e paga già uno per stare a casa e un altro per andare in panchina.

  6. @Kris, Luigi

    No, ragazzi, le parole vere contano eccome, visto che poi voi le usate per farne derivare ipotetiche conseguenze.
    E le parole vere di Bonucci in quella partita furono “stai calmo, lo sappiamo”, a significare che la squadra (o la difesa) conosceva quelli che erano i dettami dell’allenatore.
    Quindi, Kris, secondo te la Juve rincula all’indietro perché lo vuole Bonucci? E secondo te, Luigi, i giocatori si ammutinano a Sarri per far contenti i due/tre senatori, da te individuati in Bonucci, Buffon e magari Chiellini?
    Ok ragazzi, ne prendo atto.
    Ma, scusatemi, non vi seguo proprio. Siamo a livelli della Spectre e delle scie chimiche. Io parlo di calcio.

    • Pier, “stai calmo” lo dici a tuo fratello non a me doveva rispondere Sarri !
      Perché -e continui a fare lo gnorri !-, quello ‘stai calmo’ detto con la gestualità di Bonucci non era certo amichevole.

      • Luigi
        Si capisce che non sei mai stato in campo, o in panchina. E non lo dico in modo sgarbato. Perché quando giochi, e magari sai che stai facendo una brutta prestazione, e in più stai pure perdendo, molte volte si sbrocca, anche con i propri compagni e, a volte, anche con l’allenatore. Ripeto: è folle dedurre da quelle parole qualcosa di diverso dal “mister, catzo, noi qui stiamo facendo il possibile”.

    • Michel,
      Non ho parlato di ammutinamento, ma di scarso impegno confermato dagli stessi Bonucci e Buffon. Quest’anno, proprio perché é un anno di cambiamento, é necessario ancora di piú che stiano sempre sul pezzo. Il gol del pareggio di ieri, tar le altre cose, conferma la mollezza.
      Se l’idea é quella di un gioco fatto di ritmo, pressing e velocitá come possiamo farlo andando in campo in queste condizioni mentali?

      • @Kris, andiamo…
        Ma come puoi parlare di “scarso impegno”?? Nel dopo-Napoli Buffon e Bonucci non dicono che in campo qualcuno volutamente “non si impegna”.
        Comunicano che talvolta può subentrare una sindrome da pancia piena che ti fa arrivare alla partita, senza esserne consapevole, in modo meno concentrato, meno cattivo, meno preparato… e questo poi in campo si traduce in riflessi allentati, in frazioni di secondo perse… e quando hai a che fare con avversari con la bava alla bocca la differenza è evidente.
        Ma questo rischio, ragazzi miei, esisteva anche dopo cinque anni di vittorie consecutive, dopo sei, e dopo sette… il cambio di allenatore serve anche a questo, a trasmettere una scossa alla squadra, a darle nuovi stimoli! E tocca al neo tecnico essere bravo a motivare i calciatori, a toccare le loro corde giuste a livello psicologico. Allegri da questo punto di vista era uno bravo, lo dicono i fatti. Su Sarri, visti i trascorsi, avevo qualche dubbio. E purtroppo questo scorcio di stagione non mi ha fugato le perplessità, anzi.
        Credimi, non serve correre dietro ai fantasmi per spiegare cose che hanno invece motivazioni razionali. Il fatto che talvolta ci dia fastidio riconoscerle non deve farci chiudere gli occhi.

        • Non so dove tu veda i fantasmi.
          Sarri si è lamentato, per esempio, in più di un occasione di una tendenza a gestire bassi e non ho visto nessuno sforzo fatto dai giocatori in senso contrario. Se poi in più scendono in campo pensando di vincere facilmente la frittata è fatta. E grazie al cavolo che poi si dice “non si vede la mano di Sarri”.
          L’allenatore non avrà toccato le corde giuste, ma non gestisce mica bambini dell’asilo. Allora almeno evitassero le fanfaronate nelle interviste e richiamassero i mental coach visto che non sono in grado da soli.
          Dici che Allegri era più bravo in questo, può darsi, ma lì coincideva il gioco al risparmio dei giocatori con la filosofia del tecnico per il quale partite inguardabili erano all’ordine del giorno.
          Se si vuole “fare” la partita come pretende Sarri bisogna dare qualcosa in più. Una parte la deve tirare fuori l’allenatore ma un’altra importante c’è la devono mettere i giocatori.
          Se non ci sei con la testa sbagli posizioni, sei meno reattivo in area, commetti leggerezze come quelle di ieri, perdi le distanze ecc…
          Con queste premesse vogliamo vedere un gioco organizzato come quello di Sarri?
          Allora sì, meglio uno tipo Allegri che blinda la difesa e poi si vedrà…

          • Hai capito cosa intendo quando dico che rincorrere fantasmi, quando si hanno spiegazioni molto più semplici e ragionevoli, non serve..
            Sarri è l’allenatore della Juve. È lui che deve trovare la chiave per entrare nella testa dei giocatori e farsi seguire da loro. E se qualcuno non lo fa, che lo metta in panca. Abbiamo una rosa senza eguali in Italia. E con Can ha dimostrato di sapersi imporre senza problemi, se vuole.
            Altro non è possibile.

  7. 19.1.2018, Arsenal-Chelsea 2-0 30.1.2018, Bournemouth-Chelsea 4-0 10.2.2019, City-Chelsea 6-0
    Tre sconfitte pesanti a gennaio-febbraio, simili ai nostri passi falsi.
    Si vede che anche a Londra Azpilicueta e Kanté guidavano il gruppo degli ammutinati…

  8. Mauro the Original

    Bonucci ha potere eccome

    Come può un difensore come Rugani pupillo di Sarri e adattissimo al suo gioco rimanere in panchina?

    L’ultima partita che ha fatto è stato eccezionale nonostante giochi 1 volta all’anno.

    Ciò significa che Bonucci ha qualche santo in paradiso, in quanto a mio parere, con il gioco di Sarri c’entra poco o niente.

    Ps ha fatto fuori Benatia che in marcatura vale 100 Bonucci.

    Bonucci fa i lanci lunghi? E che me ne frega? Il regista è Pjanic mica Bonucci.

    Tu caro difensore pensa a fermare gli avversari e non fare il super uomo con lo sciacquo della bocca quando segni 1 goal. Intanto per colpa tua ne prendiamo minimo 1 a partita, quindi per andare pari ne devi segnare almeno 38 a stagione.

    Via Bonucci e tutti stanno meglio. Se rimane Sarri.

  9. FERMATEVI SE POTETE E SE NON POTETE CONTINUATE

    Questi continui confronti al passato e presente non fanno altro che il male a ognuno di noi partecipanti al blog.

    L’attuale situazione è preoccupante, anche perché Sarri non sa più come uscirne e infatti chiede aiuto.

    La situazione attuale mi rimanda indietro nel tempo fino ad arrivare a 30 anni fa, al 10 di febbraio del 1991.

    Mancavano 15 partite come ora alla fine del campionato ed eravamo alle stesse condizioni di ora, e cioè, dentro in tutte le competizioni.
    Come accennato in un post in precedenza eravamo secondi in campionato a pari punti con il Milan e un punto dietro a Samp e inter che erano prime.

    A inizio marzo eravamo nei quarti di Coppa delle Coppe e superando il Liegi approdammo alla semifinale e se Schillaci controbil Barça non cicca quella palla saremmo andati a trovare in finale lo United.

    La Supercoppa già l’avevamo persa contro il Napoli.

    Nelle 15 partite abbiamo ottenuto 5 vittorie, 4 pareggi e 6 sconfitte…16 goal fatti e 15 subiti…totalizzando 15 punti in classifica nelle 15 partite rimaste.

    In classifica arrivammo settimi, lo Scudetto lo vinse la Samp di Vialli.

    Solo una cosa è certa, quest’anno faremo più punti rispetto a 30 anni fa.

    Saluti

  10. Mauro the Original

    E adesso andiamo di tecnica

    Il migliore per il gioco di Sarri è De Ligt. Questo perché ha sempre giocato a zona e quindi spetterebbe a lui comandare la difesa.

    Quando non gioca Bonucci la difesa gioca meglio. Perché?

    Se la squadra gioca alta ed un giocatore arretra, nella fattispecie Bonucci, tutti i giocatori sono costretti ad arretrare per non subire un contropiede, in quanto non possono più sfruttare il fuorigioco. Giocare in linea è molto difficile, e Bonucci non lo sa fare.

    Sarri deve avere coraggio e metterlo in panca come ha fatto con De Ligt. Mi hai tenuto un giocatore da 100 milioni in panca per mesi ed uno da 15 milioni lo fai giocare?

    Qualcosa non quadra.

  11. https://www.ateralbus.it/spero-qualcuno-mi-aiuti/

    Ponderata e condivisibile analisi di Antonio Corsa.

  12. Altra cosa che fatico a spiegarmi.

    Quello di ieri su rigore è, nella sostanza, l’ennesimo gol stagionale preso per la scelta di difendere a zona sui calci piazzati.
    Francamente, ho perso il conto delle reti subite in quel modo.
    E mi domando: se anche sei un allenatore che crede sia astrattamente migliore difendersi sulle palle ferme con il posizionamento a zona, poi dovrai pure fare i conti con le attitudini e caratteristiche concrete dei tuoi giocatori??
    E se a metà stagione ti rendi conto che, nonostante il lavoro di sei mesi, la situazione non migliora, ha senso continuare a insistere con le convinzioni iniziali??

    • È questo il punto.

      Se vedi che i migliori per quello che vuoi fare sono Deligt e Demiral perchè far giocare Bonucci. Non solo, perchè tenere sempre fuori Rugani.
      Vado a braccio ma con Rugani al posto di Bonucci non abbiamo preso gol.

      È poi questo che rimprovero a Sarri.

      Da che mondo è mondo giocano i più forti.

      Oggi i più forti spesso stanno fuori per questioni di equilibrio.

      Sinceramente questo mette molti dubbi sul senso di Sarri alla Juve.
      È entrato in punta di piedi, ha sbagliato.
      Non ha voluto toccare certi equilibri.
      Ha sbagliato.
      Doveva cambiare tutto, non ha cambiato nulla.
      Ha sbagliato.

      Via Sarri? Si in fondo non abbiamo visto nulla.

      Ritorno Allegri?
      Non sia mai abbiamo buttato due anni dopo Cardiff, non buttiamone altri con un idea di calcio che “giocando così la Champions non la vinceremo mai”

      Ed in questo momento gioisco perchè ha raddoppiato Ibra

      • Luca scusa ma rugani ha giocato solo 90° come fai a dire che non abbiamo preso goal.
        Io invece piango perché l’inter ha pareggiato.

    • Michel,
      Lo dicevo su. Forse se vai in campo meno concentrato, o convinto di vincere in pantofole, magari sei anche sei meno reattivo sui cross…
      Poi se vogliamo marcare ad uomo, difendere il risultato o rimettere la difesa a 5 allora conviene cambiare allenatore perché snaturato non ha senso.
      Luca,
      Sarri non metterá mano agli equilibri che dici, neanche se avesse Demiral, figurati con Rugani. Anzi, aspetta che se torna Chiellini va fuori pure l’olandese.

      • @Kris
        Ma che c’entra la possibilità (ragionevole) di tornare a marcare a uomo sui piazzati con il difendere il risultato o rimettere la difesa a 5??
        Sarri può tranquillamente fare il Sarri accettando di avere una squadra che, sulle palle ferme, è più idonea al marcamento a uomo… altrimenti, questo sì, sarebbe un vero dogma da idioti!

        • Sulla difesa non mi riferivo a te, è tra le cose che sento gli reclamino in molti…
          Quello sulle palle ferme è un problema presentatosi nelle primissime partite, poi scomparso e ripresentatosi ora. Per me la forma fisica e mentale incide.
          Poi, per l’amor di Dio, se si dovesse marcare a uomo o misto a me non cambierebbe nulla.
          Come dici, hanno avuto sei mesi per parlarne, dubito che sia un’imposizione unilaterale ma se ci sono difficoltà è bene che si chiariscano subito.
          A volte ho la sensazione che squadra ed allenatore lavorino su due campetti diversi…

  13. andrea (the original)

    Conte ha fatto un patto col diavolo..4 gol senza giocare a pallone.😁

    • Il primo tempo non l’ho visto ma il secondo ho visto un ottimo gioco, una squadra con un gran carattere, e giocatori che quando hanno lo spazio si infilano come missili.

      • andrea (the original)

        Il secondo forse hai visto il PSG.
        Sto ascoltando Sky e non capiscono dove l’Inter l’abbia vinta, mio fratello interista mi ha detto di non avere parole, 4 gol senza fare nulla.
        Poi sappiamo che in Italia si guarda il risultato e si dice chi ha giocato bene ma per me questa è la pochezza del nostro modo di intendere calcio.
        Il Milan era ripartito meglio anche nel secondo, ha beccato 2 gol in 2 minuti casuali, mi aspettavo che a quel punto l’Inter rovinasse invece non è cambiato nulla..il solito piazzato.
        Poi se avere carri armati sui piazzati significa giocare bene allora lascio perdere.

    • Saranno state quattro ripartenze all’olandese di allegriana memoria 😅

  14. Conte sente il sangue purtroppo il nostro!

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web