Perché Dybala e Ronaldo li abbiamo noi.

Scritto da Cinzia Fresia

La partita contro la Spal sarà ricordata per il primo rigore concesso dal Var che non funzionava, un grande avvenimento veramente che Maurizio Sarri ricorderà per tutta la sua carriera, e ora più che mai si sta rendendo conto di cosa significhi essere allenatore della Juventus.

La partita: come si aveva detto in precedenza, la Spal è risultata facente parte delle seccature e poteva finire male, poiché un pareggio sarebbe stato vissuto pari ad una sconfitta.
Maurizio Sarri, vede una squadra in crescita mentre noi vediamo due giocatori straordinari i quali fanno la differenza, che si chiamano Dybala e Ronaldo.

Insomma la solita fatica e il calo difensivo ha fatto sì che la Juventus caduta nel tranello del fallo da rigore permettesse agli altri di riaprire il risultato.

Ormai è diventata ordinaria amministrazione e non ci sorprendiamo nemmeno più, rischiare un pareggio con una Spal qualunque equivaleva ad una Sconfitta.
I ferraresi hanno speso molto e i nostri li hanno lasciati fare per poi colpire successivamente.

È andata bene così 2-1 in Italia sono sempre tre punti in più, in Europa invece un gol subito fa la differenza.
In poche parole la squadra è questa e non può cambiare tra un turno e l’altro, benissimo Dybala e Ronaldo .. nella media tutti gli altri.

Maurizio Sarri nel post partita, fa un’osservazione molto interessante, dicendo che fino alla permanenza in campo di Chiellini non si sono presi gol, dichiarazione più che azzeccata, ma preoccupante perché pare che la difesa non abbia imparato nulla fino ad ora se necessita dell’onnipresente Capitano e si è fatto un gran parlare del rigore e di come ingenuamente sia stato procurato, se un arbitro deve scegliere se andare contro la Juve, al 99 per cento,
lo fa.

Per il resto nulla di nuovo sotto il sole, il solito centro campo inesistente, i soliti Dybala-Ronaldo tuttofare, e un bel gol di Aaron Ramsey servito da un pool di assist ben confezionati per fargli fare gol, e speriamo sia motivo d’incoraggiamento al gallese per migliorarsi.
Altri tre punti messi via, e la testa già a mercoledì.

  1. Buon compleanno Cinzia! Auguri!

  2. Giusto per … classifica rigori contro:

    Juventus 9
    Lecce 8
    Udinese 8
    Torino 8
    Cagliari 7
    Genoa 7
    Sassuolo 7
    Brescia 7
    Roma 6
    Spal 6
    Bologna 6
    Verona 5
    Milan 5
    Fiorentina 5
    Atalanta 4
    Napoli 4
    Sampdoria 4
    Parma 3
    Inter 3
    Lazio 2

    Praticamente è la classifica della serie A letta al contrario.
    Con una anomalia: la Juventus.
    Da sbattere in faccia ai tarati che parlano di “rigori alla Juve” …

  3. Tantissimi Auguri Cinzia

  4. Kris se tu riguardi le partite dove non si è mai tirato in porta, c’era una percentuale di possesso palla esagerato senza essere mai veramente pericolosi e i rari goal fatti sono venuti da giocate individuali come quella del palo di dybala. Non si vedeva nessuno tiro in porta ma una serie di fitti passaggi che sbatteva sui piedi degli avversari o al massimo si tornava indietro per poi riprovare ad andare in avanti ritornando però indietro. Ieri sera i tiri sono stati complessivamente 20 e non 1 o massimo due come è avvenuto soprattutto nelle ultime partite. Gli stessi cross sono venuti dal fondo costringendo i difensori avversari a correre verso la loro porta e non a trovarsi già posizionati dove i traversoni avvenivano dalla trequarti: mai tesi e forti ma sempre lenti.
    Infine l’accezione dispregiativo di tiki taka è conseguente alle bruttissime partite che la juve ha giocato, così come spesso voi lo avete usato per l’allegrismo. Insomma quando una cosa non funziona non può avere un accezione positiva.

    • Ma a me che si offenda quello stile di gioco non frega nulla, quello che dico è che non c’è mai stata l’idea di adottarlo alla Juve.
      È un tipo di gioco che faceva Aragones, e c’ha vinto un mondiale ed un Europeo, ma c’entra poco con la Juve di Sarri.
      Tuttavia è ovvio che se tutti aspettano palla sui piedi, fanno poco movimento e la tengono troppo, il risultato di fronte a squadre che mettono il pullman è quel possesso sterile visto in tante occasioni e che risulta noioso come a volte risultava quella nazionale spagnola comunque vincente.

      • Kris
        io critico quello che vedo, non so se sarri volesse quel tipo di gioco ma quello veniva fatto vogliamo chiamarlo possesso palla e non tiki taka va bene ma la sostanza non cambia.

        • Appunto Luigis, quando dite che Sarri ha rinunciato date per certo che fosse lui a non voler verticalizzare o tirare in porta.
          Possesso palla e verticalizzazione non sono incompatibili.

    • E’ anche questione di modulo, con il trequartista il gioco si perde in una miriade di tocchi alla ricerca dell’imbucata centrale e finisce per sbattere contro le difese avversarie, mentre sappiamo che la costante del gioco di Sarri è la ricerca dello spazio sugli esterni con l’abbassamento dell’ala e le mezzali che si inseriscono. Altro particolare, con l’assenza di Pjanic ieri quasi tutti i palloni sono passati dai piedi del tuttocampista Dybala, con Benta e Ramsey abili a muoversi intorno a lui, nel 1°gol il gallese ricevuta palla da Danilo in posizione di mezzala destra ha verticalizzato per Cuadrado che ha aggirato la difesa della Spal e messo in mezzo il pallone per Ronaldo da spingere in rete, mentre nel 2° gol è stata l’imbucata di Dybala a premiare l’inserimento dello stesso Ramsey. Stento a capire come Kris possa dar merito a Sarri di qualcosa di cui si è reso conto solo dopo 6 mesi, mettere giocatori fuori ruolo non è funzionale a nessuna idea di gioco compresa la sua.

      • E chi ha dato del merito a Sarri?
        Quello che ribatto è che se le cose non funzionano stiamo scimmiottando il Tiki taka, quando invece vanno benino è l’allenatore che ha rinunciato alle sue idee.

        • Questo hai scritto in un commento della pagina precedente:
          “Secondo mee non ha abbandonato nulla perché non c’e mai stata un idea di tiki-taka (alla quale peraltro si fa riferimento con un’accezione esclusivamente dispregiativa). L’idea è quella del possesso e dell’attacco.”

          Credo che l’idea di possesso coincida con ciò che chiami impropriamente tiki-taka e che in realtà è stato finora un modello di gioco basato sul palleggio insistito ed inconcludente a cui abbiamo assistito fino ad una settimana fa, il perchè ho già provato a spiegarlo sopra, ma evidentemente senza essere riuscito a farmi capire.

          • Gioele,
            Non mi pare io dia meriti a Sarri nelle parole che riporti.
            Il possesso inconcludente è capitato come risultato di certe situazioni, non perché lo chieda l’allenatore ed ora vi abbia rinunciato come dicevano Luigis e Ivano.
            Una di quelle situazioni può essere quella che tu dici, e lì ti seguo, del trequartista.a c’è anche da sottolineare che la Juve dell’inizio (almeno fino all’Inter) giocava come quella dell’altra sera.
            L’allenatore è arrivato quest’anno, ha detto fin dall’inizio che si sarebbero alternati almeno due moduli. Ha fatto i suoi esperimenti in base alle contingenze. Ora entriamo nel pieno della stagione e speriamo si riesca a trovare una quadra definitiva insieme alla miglior condizione fisica.

            • Kris,
              Non ho parlato solo del trequartista ma anche di giocatori messi fuori ruolo o adattati, chiamali come vuoi, scelte che non hanno dato un’identità di gioco alla squadra, con tutto quel che (non) s’è visto della sua idea di calcio (salvo qualche eccezione) per 6 mesi.

  5. Esatto andrea il napoli facevano uno due tocchi e si lanciavano in verticale le ali o il finto centravanti. Alla juve io questo gioco non lo visto mai, ma ho visto come molti qui, una moltitudine di tocchi spesso con giocatori fermi che volevano il pallone tra i piedi. Ho visto tocchetti o tocchettini volti a sfondare per via centrale e palloni persi quando finiva nei piedi dei più scarsi, insomma niente di ciò che si è intravvisto ieri sera.

    • Tra l’altro niente di trascendentale visto il valore dell’avversario e soprattutto nessun taglio di callejon o di insigne, perché cuadrado corre su un binario non l’ho mai visto fare un taglio in diagonale e ronaldo preferisce prendere palla per rientrare sul destro e tirare, quel gioco alla juve non si vedrà mai sono d’agosto che lo dico.

      • Aspe … Ho visto due azioni di Cuadrado, la prima a sinistra su lancio di Matuidi, conclusa con tiro rimpallato quando poteva darla a Ramsey.
        Sul gol di Ronaldo ho visto ancora un Cuadrado/Callejon sul lancio di Ramsey …
        Insomma quando il pallone si dà sulla corsa è calcio vero !

        • Luigi cuadrado ha attaccato lo spazio ma non ha fatto i classici movimenti in diagonale che faceva callejon che sono poi tra l’altro i movimenti cardini del 4-3-3 dove il centravanti viene fuori dall’area di rigore e l’ala taglia in diagonale verso la porta.
          Certo come dici tu se il giocatori corrono e aggrediscono lo spazio è tutto più facile.

    • andrea (the original)

      Quindi evidentemente si sono mossi di più senza palla e muovendosi il possesso palla diventa pericoloso.
      Cuadrado si muove diversamente da Callejon ma andando senza palla crea un taglio comunque.
      Poi certamente convengo con te che l’avversario non fosse granchè e che bisogna fare una grande partita contro un grande avversario per invertire il trend di crisi ma, visto che si parla di gioco, il progresso rispetto alle ultime partite, specie trasferte, c’è stato.

  6. Ringrazio tutti per gli auguri😘

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia