Juventus-Atalanta 2012 – Dalla gioia al dolore

Nessun Juventino potrà mai dimenticare il 13 maggio 2012, una festa attesa e ritornata, lunga un giorno, strepitosa, sentita, mai vista ..dopo una stagione così, si dimentica tutto, il brutto viene messo da parte, conta solo il presente e il nostro futuro.

Nonostante il campionato vinto in anticipo, l’Atalanta non ci stava a passeggiare, se l’è giocata ugualmente, e noi per mantenere l’imbattibilità ci siamo dati da fare,  producendo un bellissimo 3-1, strepitoso il gol di Marrone, una fantastica  partita per lui, ma il gol del Capitano ha fatto impazzire lo stadium. Iniziando il primo tempo non bene, con una botta infertagli da un avversario, ha tenuto duro per i suoi tifosi regalandoci un gol, la sua  uscita è stata un apoteosi, i tifosi in piedi hanno applaudito per minuti il capitano, Alex sorrideva e ha fatto un giro del campo, passeggiando ..per godersi tutti i sorrisi e l’amore dei tifosi, ma Alex Del Piero non ha visto solo quello, si è accorto delle lacrime e dello strazio della sua gente: tutti abbiamo sperato, non so chi non  ha atteso  un cenno,  un cambio di rotta,  un ripensamento dell’ultimo minuto,  di  sentire un annuncio completamente diverso, ed invece no. Il suo addio puntuale ed annunciato è arrivato lasciando il pubblico senza parole. E’ tutto il campionato in cui ci hanno  bombardato  con questa eventualità, non c’è stata settimana con la quale dovevamo fare i conti con il tormentone “Vai o resti?”, nulla è valso, le richieste dei tifosi, la raccolta delle firme, le lettere, le suppliche, niente. E’ andata come doveva .

Il gol di Barzagli metterà la parola fine a questo campionato,  la cerimonia di premiazione vede il nostro presidente, ancora incredulo a ringraziare e a citare per nome, tutti i suoi collaboratori, unendoli in un grande abbraccio virtuale, Presidente Andre Agnelli,  congratulazioni, oggi hai vinto anche tu.

La famiglia al completo è stata sempre al suo fianco, Andrea Agnelli è stato sostenuto fino alla fine, i suoi collaboratori non hanno tradito.

Ma purtroppo, malgrado la forte intensità, la mancanza di Del Piero si fa sentire, un dolore immenso ci pervade, credo che la maggior parte di noi, lo vedesse quasi come un parente, tanto era la sua popolarità, oggi nel giorno della rivincita siamo orfani. Alex andrà via. Lo potemo vivere ancora domenica in finale di coppa Italia e dopo basta, cala il sipario.

La vita ci insegna che qualunque cosa accada bisogna andare avanti, Del Piero, la nostra identità juventina, con la Juventus ha finito, ma d’altronde anche questa Juventus non è quella dell’avvocato, nè quella del dottore, e dopo Alex ci sarà qualcun’altro. Per il momento godiamoci quel che ci resta ..e salutiamoci domenica.

Luna23

  1. Alessandro Magno

    Si poeva fare meglio pure i Cesari nell’arena davanti a un pubblico acclamante che chiedeva salva la vita ai gladiatori gliela concedeva, Agnelli non lo ha fatto e mi dispiace.

  2. ragazzi ho pianto come un ragazzino e con me molti altri

  3. Io credo che tutto il tifo della Juve, allo stadio e a casa, abbia pianto, non è stato facile neanche per lui.

  4. come ha giustamente sottolineato alessandro magno nel articolo precedente e’ nelle prerogative del presidente decidere se rinnovare o meno il contratto di un giocatore. Il problema e’ che questo non e’ “un giocatore” ma e’ “il giocatore”. L’errore a parere mio e’ questo : quando del piero ha manifestato la volonta’ di continuare andava convocato in sede e concordata insieme l’uscita di scena. E’ stato veramente un errore grave , a parere mio, il fatto che di Del Piero si sia detto per mesi e mesi “abbiamo gia’ deciso” e appunto non se ne sia parlato col diretto interessato. A parere mio una grossacaduta di stile. Per concludere ignoro cosa ci sia realmente sotto ma dubito fortemente che finche’ c’e’ Andrea Agnelli, Del Piero possa rientrare in societa’. Non mi pare infatto che l’attuale Presidente abbia mai ventilato questa ipotesi,

  5. nell’articolo* (scusate)

  6. drugo ultras curva sud

    ragazzi agnelli facendo l’uomo tutto d’un pezzo si e’ dimostrato in realta’ molto debole in questo caso. Del piero gli fa ombra. Lui secondo me ce l’ha da tempo con Del Piero da prima che facesse il presidente, da quando i tifosi e i giornali chiedevano ad ALEX se si vedeva in un ruolo alla Boniperti, cioe’ futuro presidente.

  7. andrea il nonno

    Non posso dire di essere felice ma contento si , perchè ricorderò questo giorno sempre con immensa gioa , di avere ammirato per lunghi 19 anni le prodezze di Alex lasciando la Juve in piena forma fisica senza il triste declino dei campioni.

    PS Il più bel complimento che mi ha fatto ieri mia moglie è stato (mentre ero a tavola pensieroso )
    MANGIA DEL PIERO mi ha commosso perchè incosciamente partecipa alla mia futura sofferenza.

  8. Ragazzi, siamo stati fortunati averlo avuto per 19 anni, uno come lui, poteva arrivare dappertutto, ma è giunto il tempo di accontentarci. Purtroppo ognuno è com’è, quando i rapporti si inaspriscono in modo tale da non esserci possibilità di recupero, si interrompono.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web