Ancora una volta fra le prima 8 d’Europa.

 

Articolo di Alessandro Magno

Non è stata una partita entusiasmante. Poco importa. La Juve voleva la qualificazione e ha badato al sodo. Pochissimi fronzoli 1-0 e via. Forse non saranno stati troppo contenti quelli che hanno pagato il biglietto allo stadio tuttavia dopo un po di anni credo questo sia stato uno dei passaggi del turno in coppa, vissuto con meno apprensione e questo schifo non fa. La Juventus è stata giustamente prima prudente, poi quando ha colpito ha cercato soprattuto di non rischiare nulla e risparmiare energia. Ci sono ancora molti incontri alla fine della stagione e dobbiamo guardare in faccia alla realtà, c’è uno scudetto che non si puo’ perdere a dieci giornate dalla fine con 8 punti di vantaggio, altresì c’è una Coppa Italia che a questo punto è piu’ un fastidio che altro ma che ormai è a due sole partite dal termine e c’è questo bel sogno della Champions da inseguire. Un sogno dove forse siamo ancora secondi a qualcuno ma che una Juve matura puo’ pensare ancora di cullare. Intanto siamo ancora una volta fra le prime 8 squadre d’Europa. Non si vince nulla ma è prestigio e soprattutto sono altri soldi nelle casse della società. Gli altri, quelli che in Italia hanno le ali tarpate dalla Juventus che ruba in Europa fanno schifo ancora piu’ che in Italia. Chi si fa eliminare da squadre Israeliane che hanno il nome tipo una birra chi come la Fiorentina forti del risultato dell’andata pensano bene di farsi prender a calci nel sedere al ritorno chi come la Roma diceva a noi fortunati che non c’era squadra piu’ fessa del Lione e ora dovrà penso sudarsela per passare. Tutti fenomeni a chiacchiere. La verità che il buon nome dell’Italia all’estero ad oggi lo tiene su solo la Juve. e me ne dolgo perchè non se lo meritano.

Sulla partita c’è poco da dire. Curioso come il destino cinico e baro si diverta e coglionare chi ci vuole male. Ancora rigore, ancora per fallo di mano. Ancora per fallo di mano ravvicinato e ancora Porto in 10 contro 11. Immagino gli antijuventini quanto avranno rosicato male. Magari qualcuno avrà anche detto che rigori così non se ne danno, che magari era involontario oppure chissà quale altra fregnaccia ci toccherà sentire. Mi spiace solo che la Juventus taccia davanti ad attacchi beceri da parte soprattutto di adetti ai lavori, Pistocchi, Varriale, Caputi, Codacons Sindacato dei giornalisti. Siamo veramente alla follia collettiva. Addirittura ci siamo fatti rompere gli spogliatoi da quei 4 miliardari dei giocatori del Milan che si sono comportati come una squadra da torneo dei bar e non gli abbiamo chiesto neppure i danni. Fossi stato io il Presidente giuro li prendevo per le orecchie a Donnarumma e soci, mocio, straccio secchio e detersivo e li facevo pulire dove avevano sporcato. Come si fa con i bambini dell’asilo. E ancora peggio abbiamo dovuto assistere a un Milan che non ha pensato nè di multare nè tanto meno di condannare i propri giocatori e fare ammenda pubblicamente. Ma d’altronde puoi avere tutte le Champions che vuoi e rimanere un cafone comunque.

  1. Sulla partita di ieri c’è poco da dire che non per pura cronaca. Quanto al resto, sia tu che soprattutto Luna vi trovo coalizzati sul particolare “dell’immobilsmo” ( inteso come silenzio) della società dopo gli avvenimenti accaduti venerdì sera. Tra l’altro situazioni reiterate partite già dopo la vittoria contro l’Inter, per poi continuare con il Napoli e ( sentitosi in dovere) anche con Del Neri della settimana scorsa. Ritengo che l’intervento di Allegri sia stato, nella conferenza stampa del prepartita di coppa esaustivo ed ha fatto avvicinare molti tifosi a questo tecnico non solo per la presa di posizione ma per come abbia espletato il punto di vista che credo sia univoco con quello della società.
    Ci sono momenti in cui il silenzio è d’oro, anche perchè tutte queste polemiche che si stanno basando sul nulla non hanno motivo di esistere se non per una mera frustrazione di tutte quelle antagoniste della Juventus che già sanno come sapevano ante 2006 che questo dominio della squadra Torinese è ancora agli albori. In sostanza si sta aprendo una forbice tale che non solo non riusciranno più a colmare, ma che solo ( come si dice in gergo) ” facendo muina” si può cercare di azzerare. Così come accadde in quella famosa farsopoli, dove si sfruttò quel volere popolare in un ambiente in cui erano venuti meno i gerarchi ( i fratelli Agnelli) per riuscire a ribaltare i valori in campo. Ieri sera vedevo i cugini ( Elkan e A. Agnelli) vicini e nulla mi fa pensare che ci sia una guerra interna, ma anche se fosse, non lo fanno certamente intendere, per cui credo che quello che ci vogliono far credere sia solo tendenzioso per accendere gli animi tra tifosi. Può anche darsi che aspettino qualche comportamento fuori dalle righe dei tifosi stessi ( letteralmente stufi ed arrabbiati come siamo) da questa situazione Kafkiana in cui ti chiamano ladro un giorno sì e l’altro pure per poter riemergere e dire che i loro presentimenti giustificavano questo tipo di reazione illogica.
    Cerchiamo di tenere la calma e di pretendere delle risposte quando e se ce ne sarà veramente bisogno. Io sono uno di quelli che questa volta sono pronto a partire ed incatenarmi sotto la federazione se qualcosa di anomalo tipo quello che accadde nel 2006 dovesse avere un inizio.
    Un caro saluti a tutti e scusate gli errori di battuta od altro, ma vado ( al solito di fretta e non riesco a rileggermi)

    • Alessandro Magno

      coalizzati è sbagliato perchè non è una presa di posizione studiata semplicemente evidentemente io e luna ci troviamo concordi su questa cosa.

      sarà che io mi ricordo prima del 2006 lo scudetto che ci fecero perdere a perugia dopo che annullarono un gol a cannavaro in juve parma e non diedero un gol all’empoli per salvataggio oltre la linea di ferrara mi pare inizarono proprio un can can che il campionato era falsato e tutto era un imbroglio che infatti nelle ultime giornate ci arbitrarono sempre di cacca

  2. Benny: penso che la partita non si stata tra le peggiori, quando poi un avversario decide di suicidarsi con le proprie mani, buon per noi. Comunque Allegri non è stato contento, qualificazione a parte.

    Antony: E’ la tua opinione, le guerre interne degli Agnelli sono state sempre condotte con un riserbo esemplare, anche prima, ma indubbiamente l’Exor non sarà sempre d’accordo sulle strategie di incremento circa la Juventus. Tieni presente che per risollevarla hanno dovuto vendere due gruppi che erano in attivo. Se avessero voluto venderla l’avrebbero già fatto, ma finchè producono e vendono automobili qui, la Juventus avrà sempre un posto. Sono altresì convinta che una posizione andrebbe presa, nel rispetto dei tifosi ma non solo, anche per la credibilità aziendale.

    • Non so quello che hanno venduto ma quelli dati alla Juve sono soldi in prestito con relativi interessi di ritorno.
      Il rispetto è per i tifosi e anche degli azionisti.

  3. Per coalizzati intendevo che la vedevate allo stesso modo. Era inteso per come l’hai spiegata. L’Italiano spesso si presta ad interpretazioni ambigue 😕
    Quello scudetto fu vinto regolarmente così come quello che vincemmo l’anno prima. Contro la Juve ci fu un vero e proprio accanimento l’anno in cui salimmo in serie A dove invece ricordo proprio a Napoli due rigori inventati di sana pianta per la squadra di casa e diversi casi dubbi in cui ( tanto per cambiare) ci fecero soccombere. E da allora, non è che le cose sono mai cambiate. Addirittura il primo anno di Conte ci fu quel famoso fallo di mano in area di un giocatore del Genoa che fece sì che si cambiassero in corso d’ opera il regolamento pur di non darla vinta alla Juventus che aveva subito l’ingiustizia. Quello che penso, caro Benny, anche per spiegarmi il voto di A. Agnelli ultimo per Tavecchio è che ci sia stia cercando di preparare una nuova “stagione del terrore” per riportare di nuovo a galla il calcio di Milano. Ho idea che Andrea Agnelli abbia capito questo momento e che cerca di parare i colpi come può. Spero di sbagliarmi

    • Antony mai venire a patti con una società di:
      C-lown
      I-mpuniti
      A-rroganti
      L-amentosi
      T-riviali
      R-issosi
      O-sceni
      N-auseanti
      I-bernati (-20)

  4. Tanto per rinfrescarci la memoria, il gol annullato a Cannavaro era nato da un calcio d’angolo inesistente, mentre all’andata sempre contro il Parma, Crespo aveva segnato il gol vittoria per il Parma all’ultimo minuto di recupero in fuori gioco. Non ricordo invece l’episodio del salvataggio oltre la linea di Ferrara contro l’Empoli.

  5. Buona sera a tutti.
    E ben ritrovati a tutti i vecchi amici di blog.
    Una cosa non ho capito. Ma non dicevano che la Juve vinceva fino al confine perché in Europa gli arbitri non davano rigori? Chissà stamattina quanto Malox e Preparazione H sono stati venduti in tutte le farmacie di Italia.
    Ah un ultima cosa. Ripensando all ottavo di finale di Champions dello scorso anno è stato bellissimo annoiarsi davanti alla tv ieri sera.
    Saluti.
    Fino alla fine….

  6. Siamo nelle mani di Rosy Bindi … commentare è superfluo ?

    
(ANSA) – ROMA, 15 MAR – “Ci preoccupa che venga negato il fenomeno, che voi lo neghiate, il fenomeno c’è, esiste: i biglietti continuate a darglieli?”. Lo ha chiesto la presidente della commissione parlamentare antimafia, Rosy Bindi, all’avvocato della Juventus Luigi Chiappero, riferendosi alle presenze della criminalità organizzate nelle tifoserie. “Certo che no”, ha risposto l’avvocato, sentito in audizione. “La strada di assegnare pacchetti di biglietti non assicura la sicurezza dello stadio”, ha replicato Bindi all’avvocato della società. “Il presidente Agnelli – ha spiegato Chiappero – ha cambiato il modo di comportarsi della società rispetto al passato: qualunque biglietto che esce dalla Juve, tranne qualche eccezione, viene acquistato dai gruppi. Noi pensavamo che passando dagli omaggi al tutto pagato si fosse fatto un salto enorme nella gestione della curva; questo ci consentiva di dire alle curve che non usciva niente di gratis”, ha aggiunto.


    • E dopo la Melandri ora buttano in prima fila la Bindi?
      No dai, ti prego ? dimmi che siamo su scherzi a parte. Ora manca che chiamino qualche giudice di cassazione in pensione non so un Sabino Cassese ( per fare un nome a caso) e ci tolgono 5 scudetti tutti di un botto con il beneplacido di tutta questa gentaglia che ha già ricominciato a chiamarci ladri solo perché rubiamo i loro sogni.

      • Dimenticavo, scaleranno le varie classifiche e poi il Guido Rossi di turno darà i 5 scudetti all’inter

  7. Alessandro Magno

    si antony la mia era una precisazione appunto per precisare non per polemizzare .

  8. BIGLIETTI STADIO A PREZZI STRACCIATI

    Per la partita-remuntada (come sogna sky) i biglietti per lo stadio venduti al 50% di sconto…
    Capelli Unti vuole 110 mila tifosi allo stadio…quello che voleva far giocare la primavera…e così per Napoli-Juve i biglietti tribuna d’onore (quale ?) venduti a 12 euri l’uno.

    Nel calcio italiano ne succedono di tutti i colori, la prima ad essere “ispezionata” è sempre la Juve.
    Guardate che anche gli altri hanno lo stesso comportamento…intanto iniziamo da voi, poi gli altri.

    Cavolo, ma gli altri poi vanno in prescrizione.

    Il Corriere della Sera (sob!) ci informa che “accade spesso che la Juventus abbia vinto partite all’ ultimo minuto, e che le abbia vinte su rigore”  mentre noi, che la Juve la seguiamo più dell’autore dell’articolo, non ricordiamo un rigore decisivo all’ultimo minuto o nel recupero da diversi anni (mentre ne ricordiamo parecchi per altre squadre, compresa quella che quando lo subisce devasta lo spogliatoio altrui ).
    Però, ormai lo abbiamo imparato, funziona così: lo dice la gente al bar, ahinoi lo ripetono professionisti del mestiere in tv o sui giornali ed ecco qua che la fake news diventa realtà. Da lì girano diffuse ironie sugli innumerevoli rigori per la Juve, talvolta inviati da cari amici romanisti (12 rigori a 3) o di altre squadre che, comunque, ne hanno avuti più di noi.

    E così arriva la settimana, l’ennesima, che ridicolizza le fake news sulla Juve in Europa, perché sono pure sfigati, visto che tre giorni dopo capita che ci diano un rigore per fallo di mano a due metri dall’attaccante, questa volta condendolo pure con un bel rosso in quanto il tiro era diretto in rete.
    “Lì non ci sono arbitri italiani, quindi non potete contare sui soliti rigori”, ci dicono costantemente tronfi e soddisfatti per l’acuta osservazione, poi controlli i dati – la realtà, appunto – e scopri che in Italia abbiamo avuto 3 rigori a favore in 27 partite di campionato in gran parte dominate, mentre in Europa ce ne hanno concessi sempre 3 ma solo in 8 partite, peraltro di solito ben più tirate.
    In Italia un penalty ogni 9 partite, in Europa uno ogni 3.

    E poi la fake news delle fake news, quella sulla Juve in Europa. “E’ la che si vedono i veri valori”, ci spiegano da sempre con l’aria soddisfatta di chi la sa lunga.
    La Juve che fuori dai confini non va, non conta, al contrario dell’Italia.
    Leggenda che resiste un po’ perché rimane solo quello, quindi per frustrazione, un po’ per le nostre sconfitte in finale, non fosse che – anche a prescindere da tutti i trofei vinti, le finali fatte, le ripetute ed esaltanti vittorie contro Real e compagnia, le classifiche Uefa e tutto il resto – pure stavolta noi siamo arrivati ai quarti a spasso (dopo la finale di due anni fa) mentre gli avversari sono tutti usciti prima di noi, al massimo agli ottavi, se non addirittura nei gironi di coppette contro rivali improbabili tipo Beer Sheva.
    O magari col Porto 6 mesi prima che lo affrontassimo noi. E ti dicono pure “avete avuto la solita fortuna a beccarli al sorteggio”.
    Sì, perché la realtà non conta più, è tutto slegato rispetto a ciò che accade davvero e allora il romanista può rinfacciarmi che il Porto è scarso, tralasciando che lui ci ha perso male e io vinto bene, o che “oh, stiamo facendo una Europa League da Champions”, pure se il Lione mesi fa era una squadra materasso mentre oggi pare un colosso da superare con un’impresa (la remuntada invocata da Sky).
    “I veri valori si vedono in Europa”. E sono talmente nel pallone, hanno talmente abbandonato ogni logica e razionalità, che non si accorgono che te lo dicono tifosi la cui squadra non ha mai superato gli ottavi di finale di Champions in vita sua (ma ha fatto un grande primo tempo col Real, vuoi mettere?) o magari appunto è uscita dalla coppa meno importante contro cechi e israeliani quando era ancora autunno.

    Massimo Zampini uno di noi.

  9. Ci tocca il Barcellona ed ai Blaugrana la Juventus. Sarà Un grande quarto e chi passerà andrà in semifinale sperando di trovare ne il Real ne il Bayern M. Per avere poi una finale con i fiocchi. Avrei preferito il Real ma la sorte ha voluto diversamente certo è che questi quarti non sono equilibrati però le 8 squadre hanno avuto il merito di esserci arrivate. Giornalisticamente già nei quarti ci sono due partite da finale. Forza Juve Fino alla Fine.

  10. andrea (the original)

    Peccato perchè, salvo imponderabile, finisce ai quarti la corsa. Loro salvati da un miracolo diventano imbattibili per noi.
    Peccato perchè poteva essere Psg e con Real-Bayern che elimina una favorita diventava interessantissima.
    Peccato perchè Borussia-Monaco e Atletico-Leicester sono quarti decisamente inferiori agli altri 2.
    Peccato perchè ogni anno la Coppa apre illusioni che la sfortuna trasforma in delusioni.

    Peccato ma c’è un campionato da vincere, una Coppa Italia da difendere e comunque ci si riprova l’anno prossimo.

    • Mai darsi per vinti prima, vorrei ritrovare solo l’Higuain che segna e il fatto è nell’ordine naturale delle possibilità, poi tutto è possibile. Se dovesse capitare una ns grande partita allo Stadium che è possibile anzi molto probabile certamente non faremmo la fine del PSG.

      • Noto di aver abusato del “possibile” e questo è un buon segno.

      • Andrea (the original)

        Io invece credo sia opportuno razionalizzare e, in tale ottica, diventa ancor più vitale la partita di Genova.
        Pur essendo (ripeto, salvo imponderabile) eliminata dalla Champions, il doppio incontro con il Barca costerà alla Juve un dispendio di energie immane.
        Quindi sarebbe fondamentale gestire il vantaggio di punti in campionato e, non vincere a Genova, significherebbe trovarsi a +6 dalla Roma e +7 dal Napoli..con lo scontro diretto al S.Paolo alle porte c’è il rischio di trovarsi gli avversari per lo scudetto a una sola partita e con il Barcellona alle porte.
        Mi sembra di poter dire che sarebbe a quel punto fondato il rischio di perdere tutto.
        Quindi, 3 punti con la Samp sono obbligatori e più importanti del Barcellona.

        Ciao

        • Andrea sai cosa ti dico che passeranno i quarti le prime squadre cioè quelle che per sorteggio sono state estratte per prime e cioè:
          Atletico Madrid
          Borussia Dortmund
          Bayern Monaco
          Juventus

          • Mi è partito l’invio volevo aggiungere che l’unica incertezza che ho è tra Borussia e Monaco. Mi fido anche delle scelte di Barzagli Bonucci e Fabrizio Ravanelli. Le preferenze erano per il Barca.

            • Alla doppia sfida col Barcellona manca quasi un mese, la Juve ha tutto il tempo di sistemare le cose sia in Campionato che in Coppa Italia. D’altra parte per provare a conquistare il mondo bisogna prima vincere in Italia poi in Europa, a partire da domenica prossima a Genova.

              Ciao

            • andrea (the original)

              Io a queste dichiarazione sai quanto credo?
              😀
              Come Buffon che voleva evitare il Leicester..dai, mi viene da ridere.
              Il Barca incute terrore a me che non gioco, figurati a loro che rischiano di venire sotterrati.

            • Vabbè Andrea … Se a gente come Buffon, Chiellini, Barzagli, Higuain, Mandzukic e compagnia cantante, dovesse incutere “terrore” scendere in campo contro il Barcellona, allora ogni (nostro e altrui) commento sarebbe inutile.
              Rispetto senz’altro, ma gente che ha vinto un mondiale, dovrebbe far tremare le gambe all’avversario di turno, non certo il contrario.

              Certo, poi sarà il campo a parlare … le nostre resteranno sempre chiacchiere.

              Ciao.

              • andrea (the original)

                Quindi tu pensi che davvero Buffon volesse evitare il Leicester e Bonucci volesse il Barcellona?
                Ok..io credo che a questa gente interessi vincere e quindi una strada più semplice per farlo sia la loro opzione..poi però esistono gli slogan da Tv e, ok, che fortuna, hanno avuto quel che volevano e, che fortuna, non vedevo l’ora anch’io di asfaltare il Barca..
                😉

                Ciao

              • Aspe’ … io ho detto altro … Certo le dichiarazioni si fanno anche a mero scopo declaratorio.
                Tu invece avevi parlato di “terrore” che francamente mi pare una parola troppo grossa per professionisti che ne hanno viste di cotte e di crude.
                Solo questo.

                • andrea (the original)

                  Terrore sportivo, ergo strizza..ergo, e ora che cavolo gli facciamo a questi..ergo, ma che sfiga.
                  Per me lo pensano anche loro.

  11. Andrea non capisco questa tua poca fiducia, se si vuol razionalizzare la sfida il Barcellona del 2015 era molto più forte al contrario della Juve attuale. Basta fare il raffronto poi ovviamente le giornate degli incontri possono risultare più o meno favorevoli. Per quanto riguarda il campionato abbiamo un vantaggio confortante ed a livello atletico ben reggiamo il confronto con Roma e Napoli. Non dobbiamo poi vincere a tutti i costi come le nostre avversarie quindi basta non incappare in quelle giornate come Genova ma questo lo ritengo superato. Dobbiamo credere di più nella ns squadra e la testimonianza dei giornali spagnoli mi soddisfa in quanto fanno capire che ci temono. Prima del sorteggio gli spauracchi eravamo noi ed il Bayern a risultato acquisito Real il Bayern e Barca la Juve non hanno fatto salti di gioia. Non ci rimane che attendere, io senz’altro con fiducia. Ciao.

    • andrea (the original)

      Beppe,
      spesso contestiamo (a ragione) quelli che ci dicono “in Europa non vincete perchè non avete gli arbitri come in Italia”.
      In Italia vinciamo perchè siamo i più forti, in Europa no perchè ci sono 3 squadre anni luce avanti a noi (e non solo a noi).
      Quindi se ci sorteggiano contro 1 delle 3 dico semplicemente che non abbiamo speranze ragionevoli ma, eventualmente, solo legate all’imponderabile (cosa che con noi in Coppa non ha un gran rapporto).

      Quel Barcellona di 2 anni fa era ingiocabile, questo è meno forte di quello ma ugualmente più forte e parecchio e lo sarà fin quando giocherà Messi. Inoltre qui si gioca in 2 partite, la seconda è al Camp Nou, lo spazio per la sorpresa si riduce.
      La storia per cui gli avversari temono noi è vera in parte: credo che il Barca preferisca mille volte noi a Real e Bayern.

      Per quanto riguarda il campionato ho fatto un discorso logico, tenendo conto che la Champions porterà via energie..sappiamo che la psicologia pesa e ho detto che perdere 2 punti a Genova prima di andare a Napoli, laddove può capitare di perdere, metterebbe le avversarie a una incollatura e con il morale alto per una finestra che si riapre..e senza avere più le coppe.
      Vincendo a Genova al massimo dopo la doppia trasferta possono arrivare a -5, quindi sarei più sicuro.

      Ciao

      • Però, permettimi, se in questo anno calcistico abbiamo scavalcato tutte nel Ranking UEFA, qualcosa pur dovrà significare, quindi ci sono ragioni che la ragione ha e che sostengono la fede di appartenenza. Ribadisco non sarei così scettico, la Juve ha conquistato i punti giusti anche in Europa. Ciao.

        • andrea (the original)

          I ranking lasciano il tempo che trovano, per il ranking il Belgio era la nazionale più forte del mondo.
          Il ranking di quest’anno, se non ho capito male, tiene conto dei risultati di quest’anno e questi dipendono anche dagli avversari incontrati.

          Ciao

  12. LA STORIA OFFRE LA RIVINCITA

    Sorteggio che a mente fredda non mi appare del tutto malvagio. A parte la ovvia rivincita della finale persa due anni fa, che alcuni nostri giocatori auspicavano, credo che il vero bau bau quest’anno sia il Bayern.
    Il Barca per caratteristiche offre un calcio bailado di possesso, ma non eccelle dal punto di vista strettamente fisico, perciò sui palloni alti sia nella nostra che nella loro area ce la giochiamo sicuramente.Non mi sembra insomma il Barca ingiocabile di un paio d’anni orsono.
    Quindi la Juve avrà le sue sporche chances nel doppio confronto, tutto sta a saperle sfruttare. Ed anzi, non mi dispiace neanche che la seconda sia al Camp Nou, ove (eventualmente) un nostro gol varrà il doppio.

    Certo, se avessimo avuto ancora Morata, per le sue peculiari caratteristiche le nostre possibilità -a mio parere- sarebbero ancora cresciute.

    Saluti.

    • Luigi noi dobbiamo solo credere che Higuain torni il goleador spietato che si conosce poi dobbiamo evitare il calcio “bailado di possesso” come dici e come fece il PSG a Parigi. Non sono fatti impossibili e la peculiarità della partita avrà motivazioni adeguate allo scopo. L’attuale Juve ha solo bisogno dello spirito necessario in mancanza del quale tante volte si è addormenta ed ha fatto arrabbiare Allegri, non è il caso di una partita col Barca e siamo più forti di quando giocammo la finale con lei. Loro hanno perso giocatori importanti e l’attuale Messi non è quello di allora. L’una e l’altra sono grandi squadre e per questo daranno il loro massimo, tanto dipenderà come al solito dalle circostanze e mi chiedo dovremo essere sempre noi a pensare al peggio? A quanto pare i nostri giocatori volevano ed avranno questo incontro e ciò è positivo, almeno nelle intenzioni che daranno sicuramente la carica. Mi ripeto, non c’è che da attendere. Per ora la priorità è il campionato è la Juve lo sa e non si farà prendere da sorprese negative. Il calendario concomitante delle due sembra meno pressante e per la Juve e questo è un altro dato positivo. Ciao.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: noticias juegos
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web