Juventus Milan ma veramente fate polemiche?

 

Articolo di Alessandro Magno

La Juventus ha vinto con il Milan ed è molto vicina alla vittoria finale. Ha un margine di vantaggio così ampio che Allegri ha potuto far giocare chi stava meglio concedendo riposo a chi ne aveva più bisogno e ha messo in campo una squadra alla bene e meglio giusto per fare 11. Nonostante questo la sfortuna ha messo ko Emre Can che è in dubbio per Amsterdam. Ha riposato anche Ronaldo che invece pare volesse giocare e che quindi sarà titolare quasi certamente contro l’Ajax. Il Milan ha giocato una partita gagliarda niente più. Non ha fatto un tiro in porta che è uno. Ha segnato un gol di rapina su gentile concessione di Bonucci che era in vena di regali. Il gol di Piatek è avvenuto circa 50 secondi dopo un rigore richiesto dai milanisti che a mio parere non c’era e neanche a parere dell’arbitro. Va da se che se avesse dato quel rigore 50 secondi dopo non avrebbe potuto fare il 2-0. E’ stato annullato anche un gol buono a Kean per fallo di confusione. Romagnoli è andato giù per un calo di zuccheri. Non si è guardata neppure la var ma il gol era buonissimo. Moviolisti, giornalisti vari e commentatori hanno subito scordato. Ghiotta l’occasione di fare polemica con la Juve che ruba e ci si è buttato subito a capofitto Leonardo. Ripeto del gol buono della Juve nessuno ne ha parlato.

Ma non c’è solo il gol buono. C’è la Juventus che una volta sotto non ci sta a perdere contro una squadra nettamente più debole perchè oggi questo Milan è nettamente più debole e il ritardo di 32 punti in classifica mi pare chiaro. A quel punto Allegri decide che è tempo per Pjanic e Kean e che la squadra può tornare a un più congeniale 433 invece del 352 con difensori centrali Rugani, Bonucci, Sandro. Da quel momento il Milan non è esistito più. Se prima aveva fatto una partita gagliarda pur non facendo nulla di che, dopo ha dovuto badare solo a contenere la Juventus senza riuscirci. La Juve ha giustamente pareggiato e altrettanto meritatamente fatto il 2-1 annullato a Kean. Poi ha vinto. Pjanic ha rubato palla in anticipo in mezzo al campo ha fintato il tiro e allargato per Kean che ha stoppato e insaccato. Senza se e senza ma. Ma davvero il Milan meritava di più? Ma davvero qualcuno pensa che se avessero dato quel rigore che non c’era il Milan avrebbe retto fino al termine? Ma davvero qualcuno pensa che l’esito di questo campionato già vinto da almeno 4 giornate anche se non ancora matematico, potesse esser messo in discussione da un pareggio e da un eventuale ipotetica immaginaria vittoria del Milan? Oppure qualcuno pensa che il campionato molto mediocre del Milan possa esser in parte o del tutto rovinato da una sconfitta più che meritata? Ineccepibile. Vi abbiamo ridotto a non saper più di cosa parlare e vi tocca inventare delle partite alternative per poter raccontare qualcosa.

La nostra migliore gioventù

Scritto da Cinzia Fresia

Oggi non vorrei parlare di cose brutte, di rigori discussi e di una squadra che ha fatto pena tutto l’anno e che recrimina gli episodi di una singola partita ricorrendo ai soliti luoghi comuni quando c’e di mezzo la Juventus.
Una squadra che avendo sprecato una stagione vuole passare da vittima in una partita in cui, è vero, sono accaduti degli episodi ma senza intenzioni persecutorie.
La qualifica in Champions? Bisognava pensarci prima .. una lezione che la Juventus ha imparato tutti i giorni sul campo.

Non è stata una bella partita, forse dinamica, ma bella no. Poca lucidità e comunicazione in difesa, fatto, a dire il vero inspiegabile.
Un atteggiamento di squadra che poteva costare caro perché anche se non stellare, una squadra come il Milan se può vince.

Vittoria e rimonta firmata dalla nostra migliore gioventù, non potevamo chiedere di meglio.
Felice di aver rivisto Dybala protagonista, da emarginato si procura un rigore e lo realizza, ma mi chiedo è più importante ..chi recupera o chi segna il gol di vantaggio?
Perché, la Juventus pareva imballata, non andava avanti e nemmeno indietro, e mentre il Milan si stava fregando le mani, e pregustava la vittoria allo stadium, il cui godimento vale doppio, la combinazione di una ingenuità e una genialiata, ci consegna su un piatto d’argento la vittoria.

Manca Ronaldo? Si manca.
La Juventus vince lo stesso, persino con una squadra messa lì senza tanto ragionare, però il suo modo di essere, illumina cio’ che lo circonda, la sua voglia di vincere trascina, perché nessuno.. proprio nessuno, vuole sfigurare al suo fianco.
Speriamo di averlo almeno in panchina mercoledì prossimo, anche solo di presenza, sa infondere coraggio ad un gruppo che non può mollare adesso, non lo deve fare per la Juventus prima di tutto, ma per questo campione che ci sta facendo vincere un campionato con un immenso vantaggio e anticipo, e che in Champions ha ribaltato un risultato che pareva impossibile. Con lui la Juventus recupera l’importante concetto di squadra, quella che sa vincere.

E pensare che stasera potremmo diventare Campioni d’Italia, se il Napoli, perdesse.
Si continua a scrivere la storia.

Pagelle Juventus Milan 2-1

Pagelle di Alessandro Magno

Szczesny 6 Il Milan non lo impensierisce con nessuna parata importante tuttavia è molto attento sia sulle uscite di piedi che a chiudere gli angoli di tiro quando i rossoneri arrivano vicino alla porta. Sul gol è francamente difficile perchè è un rigore in corsa.

De Sciglio 6 Un unica incertezza difensiva quando si fa saltare con una doppia finta poi giocate di sostanza senza fronzoli e anche qualche cross.

Rugani 5 Troppo incerto di fa spesso saltare da Piatek nell’uno contro uno. Incerto e poco fisico. Per fortuna alla fine sbroglia una situazione intricata in una mischia ma non mi è piaciuto.

Bonucci 5 Per l’errore sul gol sarebbe da 3. Si guadagna qualche punto in più facendo dei lanci molto precisi e smarcanti compreso quello sul rigore di Dybala, ma l’errore sul gol subito è veramente gravissimo.

Alex Sandro 5,5 Come terzo centrale si perde spesso la posizione, va meglio con la difesa a 4 ma non mi è piaciuto nemmeno lui questa sera.

Bernardeschi 6 Al solito grande prova atletica e grande dinamismo, ma l’impressione è che stia perdendo la lucidità e la via del gol a fare il jolly in ogni parte del campo.

Emre Can Sv Aveva iniziato bene .

Bentancur 5,5 Combattivo ma alquanto spaesato nei continui cambi di modulo e aggiustamenti vari che Allegri fa prima e durante le partite. Non tira mai indietro la gamba ed è un miracolo che non esca ammonito

Spinazzola 6,5 Meno preciso di altre volte anche se la sua spinta è abbastanza costante. Anche un poco confusionario. Certo sa fare i cross.

Dybala 6 Non gioca un gran primo tempo. Ha pochi palloni e zero opportunità di tiro tuttavia mi è piaciuta la sua voglia di spronare la squadra dopo il gol subito. Bravo a procurarsi il rigore e altrettanto bravo a segnarlo. Esce arrabbiato ma credo che il mister abbia fatto una scelta tattica corretta.

Mandzukic 6,5 Nel primo tempo con Dybala non si trova tanto e come Paulo tocca pochi palloni. Nel secondo tempo con le sostituzioni invece prende tutti i palloni di testa con spizzate sempre intelligenti per i compagni.

Khedira 6 Buttato nella mischia quasi da subito dopo un infortunio non proprio semplice (intervento al cuore), si nota poco ma al solito fa una prova intelligente.

Pjanic 7 E’ in uno stato di grazia da alcune partite. Appena entra la Juventus inizia a macinare gioco come non aveva fatto prima per tutta la gara eschiaccia il Milan. Perfetto sia nell’anticipo che nell’assistenza al gol

Kean 7 Pochi minuti e confeziona 2 gol e mezzo. Se Pjanic è in uno stato di grazia lui di più. Lo stop orientato e il conseguente diagonale potente nell’angolo più lontano sono da manuale del centravanti.

 

Juventus 7 Singolarmente i giocatori non è che abbiamo fatto granchè, nel primo tempo a volte sembrava un allenamento. Poi il gol degli avversari da la carica e la reazione è da grande squadra. Compreso non accontentarsi del pari e andarla a vincere.

Allegri 6 La formazione iniziale è abbastanza cervellotica. Vorrebbe dare un turno di riposo a Pjanic e Chiellini tuttavia non si capisce molto. Con i cambi al solito la sistema e la vince. Bravo.

 

Arbitro 5,5 Partiamo con il dire che la cosa che tutti contestano ovvero il rigore di Alex Sandro per me non è rigore in quanto il movimento di Alex Sandro è assolutamente dinamico inoltre è girato di spalle e il braccio lo sta ritirando mentre il cross gli finisce sul gomito non capisco come possa togliere il gomito. Inoltre quando impatta il pallone in maniera del tutto involontaria il braccio ormai è attaccato al corpo. Purtroppo c’è un gol buono annullato a Kean per fallo di confusione dimenticato da tutte le moviole. Mancano almeno un giallo se non 2 a Bentancur un altro giallo e relativo rosso a Musacchio per fallo su Mandzukic idem lo stesso trattamento per il croato. Il rigore su Dybala invece c’è. Concede due punizioni dal limite al Milan in posizione pericolosissima, entrambe per simulazioni grottesche di Bakayoko.

Sabato 6 Aprile 2019 Juventus – Milan ore 18 Allianz Stadium – Torino

Scritto da Cinzia Fresia

Una Juventus al galoppo, probabilmente con la testa a mercoledì, affronterà il Milan di Gattuso, Massimiliano Allegri, rassicura sulla forma di Ronaldo che a tutti i costi vorrà essere a fianco dei suoi compagni.
In questa fase, la Juventus in caso di vittoria contro il Milan e sconfitta del Napoli, sancirebbe la conquista campionato in super anticipo, considerato il vantaggio per le altre incolmabile, e vincere lo scudetto in Aprile, significherebbe per i bianconeri rilassarsi e dedicarsi totalmente all’impegnativa Champions League.
Altri pareri invece dicono che una vittoria di così tanto tempo anticipata, sarebbe deleteria e influirebbe sulla carica agonistica.
Il Milan, invece lotterà fino all’ultimo minuto, l’obiettivo dei rossoneri è di entrare in zona Champions, perciò attenzione alle gambe ..il Milan non farà sconti.

Non siamo noi che siamo razzisti è Kean che è negro

Articolo di Alessandro Magno

A margine della partita della Juventus con il Cagliari, partita davvero ben giocata dalla Juventus, che ha vinto con pieno merito non consentendo al  Cagliari alcun tiro in porta, c’è stata e ci sarà la polemica relativa al gol di Kean reo di aver esultato facendo la statua di marmo guardando la curva cagliaritana. Non vedo sinceramente alcun tipo di provocazione se non quella di ribadire “vi ho segnato”. Va detto che non è vero che i giocatori della Juve sono stati  rispettati. Bianchi e neri ad ogni tocco di palla i nostri sono stati fischiati sonoramente per tutta la partita. Se questo rientra in un azione di “disturbo” per innervosire i nostri poi non puoi offenderti se qualcuno dei nostri si innervosisce per davvero. A noi è capitato con Mourinho fischiato per tutta la partita vinse e ci fece il gesto delle orecchie. Ce lo siamo presi e portati a casa. A molti piacque. E ma Mou non è  nero e soprattutto non è juventino. Anche il gesto di Simeone a Madrid non fu considerato provocatorio ma a molti antijuventini piacque. Invece fare la statua no , fare la statua è reato. 

Quanto era bello il calcio quando ci si faceva meno problemi di questo tipo, quando Totti dopo aver fatto un gol in un derby poteva esibire una maglia “ Vi ho purgato ancora” o Ferrante faceva il gesto delle corna con Maresca che glielo rifaceva a scherno. Quando Battistuta segnava festeggiando con il gesto del mitra o tutte le volte che è passato in cavalleria il gesto delle orecchie da Vieira a Ibra fino ad arrivare a Icardi. Invece oggi moralismi su Kean ieri su Ronaldo. C’è una certa propensione a rompere le scatole ai giocatori della Juve che devono esser più politically correct di altri. Eppure ieri si è arrabbiato anche Matuidi che non è proprio uno di primo pelo e nella carriera ne ha viste tante. Forse Matuidi e Kean non sono così neri come Koulibaly e non vanno difesi. 

Imbarazzante il tentativo di giustificare del presidente del Cagliari Giulini davanti alle telecamere Sky ,per fortuna rintuzzato da un agguerrito Adani. Perchè non esiste il razzismo buono se postdatato. A parte che abbiamo già detto che i fischi ci sono stati durante tutta la partita ma ripeto non esiste che si possano giustificare gli ululati dopo il gol con un eventuale provocazione di Kean. Se non sei razzista non lo sei mai non è che lo sei a seconda delle occasioni a corrente alternata  e allora va bene. Fortunatamente alla fine Adani ha fatto ragionare Giulini che ha ammesso che gli ululati sono sbagliati in ogni caso. 

Adesso c’è da scommetterci ci sarà il tiro al bersaglio su Kean. Prepariamoci a difenderlo. È un bravo ragazzo che lavora sodo per arrivare dove è arrivato. Bravissimo il nostro Capitano Chiellini a prenderne subito le difese. Ora ci sarà la “grande provocazione di Kean” ovvero “festeggiare” braccia aperte guardando la curva avversaria. Ora dopo le non esultanze ai gol degli ex inaugureranno la stagione  delle esultanze a misura per non irritare i tifosi avversari permalosi. Io sto con Kean. Non ci scocciate. 

Pagelle Cagliari Juventus 0-2

Pagelle di Alessandro Magno

Szczesny Sv Davvero non so come nel dopo partita Maran parli di partita equilibrata e di un occasione per parte. Il nostro portiere a parte una mezza parata a terra su un angolo non fa veramente nulla.

Caceres 6,5 Entra in campo un poco titubante, forse per questo si appoggia spesso a Bonucci oppure se pressato spazza via senza pensarci troppo. Poi pero’ ingaggia con i suoi avversari una specie di gara a chi le prende di più di testa e incredibilmente le prende tutte lui.

Bonucci 7 Prova di personalità. Questa sera ha in canna il lancio lungo a cambiare gioco e gli riesce con incredibile facilità. Un po meno quello verticale su Kean con cui non c’è ancora una grandissima intesa. Giganteggia in area avversaria sul gol che sblocca la partita.

Chiellini 6,5 Rende semplice quello che semplice non è. Mette le manette a Pavoletti che è un gran bell’osso duro sul piano atletico.

De Sciglio 7 Diligente in difesa e abbastanza spinto in avanti. Non sbaglia quasi nulla e si permette anche dei discreti cross uno addirittura al volo. Peccato lo fermino per un fuorigioco inesistente.

Emre Can 7 Prima legna come si deve Barella che ha tanta voglia di fare il furbo ma ha scelto l’avversario sbagliato poi nella ripesa va a giocare dietro e vi diro’ che da difensore centrale mi fa impazzire.

Pjanic 7,5 Altra prova di gran classe. Ha testa idee , tempi di gioco dribbling. Veramente li fa ammattire. Avesse anche il lancio lungo di Bonucci sarebbe molto vicino a Pirlo ma si sa che di Mozart ce n’è uno. In ogni caso è lui il mio migliore in campo . Seconda volta di fila.

Matuidi 6,5 Corre moltissimo fin quasi allo sfinimento e così facendo da una mano un poco a tutti in tutti i reparti. A volte è in difesa altre è più avanti di Bernanrdeschi. Peccato la sceneggiata finale. La risposta bisogna darla in campo come ha fatto Kean inutile arrabbiarsi.

Alex Sandro 6,5 Forse è questa la posizione a lui più congeniale esterno in un 3-5-2. Gioca un ottimo primo tempo poi fore a causa della stanchezza è assai più appannato nella ripresa.

Bernardeschi 6 Si inventa attaccante in un attacco a 2. E’lui il nostro jolly. L’intesa con Kean manca in modo clamoroso eppure riesce a smarcarsi molte volte per il tiro. Peccato questa sera le polveri siano bagnate.

Kean 6,5 Gioca una partita bruttina. Sbaglia un paio di gol che forse era più facile fare e sembra andare un poco nel pallone. Poi trova il guizzo da centravanti vero. Non capisco cosa ci sia di così provocatorio nell’esultanza a stare a braccia aperte guardando la curva che fino a un secondo prima ci ha fischiato ad ogni tocco di palla. Quando i Manchester venne a vincere a Torino e Mourinho ci fece il gesto dell’orecchio non ho visto tutti questi indignati.

Bentancur 6,5 E’ partita per lui. Si legna alla uruguagia o alla campionato argentino e daje di randello. Però quando ci vuole ci vuole. E lui non si tira indietro.

Juventus 7 Questa sera la Juve ha giocato un buon calcio a fronte di una formazione messa insieme alla bella e meglio. Peccato aver trovato un avversario fallosissimo spesso oltre il regolamento.

Allegri 7 Be non era scontato vincere bene con tutte queste assenze e il Cagliari soprattutto in casa ultimamente aveva sempre vinto.Mancano 9 punti a un altro scudetto.

Arbitro 4 Credo che nei primi 12 minuti il Cagliari riesca a fare qualcosa come 20 valli. Mancano gialli per pestoni volontari su Alex Sandro e Matuidi manca un secondo giallo a Joao Pedro, mancano 2 rossi non uno a Lykoginnis perchè uno era poco per quel fallo da criminale su De Sciglio. Un arbitraggio pessimo sul piano disciplinare. Siamo fortunati ad uscire quasi tutti sani.

Mercoledì 2 Aprile 2019 Cagliari-Juventus ore 21 Stadio Sardegna Arena – Cagliari

Scritto da Cinzia Fresia

Prosegue il Campionato e continuano le tegole in testa su Allegri; aumentano gli indisponibili e al tecnico livornese non gli rimane che pescare elementi dalla primavera.
Perin con la spalla contusa, Mandzukic febbricitante, un ginocchio out per Spinazzola, incertezze su Dybala.
Come sostiene il tecnico, si parte con ciò che si ha.
La partita si presenta tosta, come di consuetudine con le piccole, e di questa dèfaillance Juventina, il Cagliari se ne aprofitterà.
Occhi puntati tutti su Kean, il quale potrebbe partire da titolare, considerata la forma smagliante.
Per la Juventus è un dente che si deve togliere, aspettando il turno di Champions dove si auspica il ritorno di Ronaldo.

Sesso Juve e Rock n’Roll s02 e28

Nuova puntata ore 22 cliccando nella foto

Immagine anteprima YouTube

Parleremo di Empoli e Cagliari

di Infortuni e di Champions League

Di Kean

E le perle della settimana

Vincere conta ma?

Articolo di Alessandro Magno

Come tante volte è successo quest’anno bene i tre punti ma? … Brutta prestazione della Juventus contro l’Empoli. Addirittura inguardabile nel primo tempo. La sensazione abbastanza evidente è che molti hanno la testa alla coppa e giochino in punta di piedi per non farsi male. Non so se su questo possa aver influito qualche raccomandazione del mister visti i tanti infortuni di questi giorni. Questa potrebbe esser anche una parziale scusante. Khedira, Dybala, Dougls Costa, Ronaldo e De Sciglio non a disposizione con un attacco falcidiato. Tuttavia è sempre lecito che la Juve per lo meno in casa e contro un avversario così modesto non debba patire sette camice per portare a casa i tre punti. Invece l’Empoli seppure non è stato mai pericoloso ha creato più di qualche apprensione con un gioco di veloci scambi e di gran movimento al quale la Juve, che spesso in campo camminava, non ha saputo rispondere adeguatamente.

Nel secondo tempo grazie ai cambi la Juve riesce a vincere. Fortuna averli certi cambi. Spinazzola e Kean dalla panchina, due giocatori della nazionale italiana. L’Empoli non li ha. E allora con la squadra un poco sistemata tatticamente e forze fresche in campo, è arrivato il gol del vantaggio e in un paio di altre circostanze, prima e dopo, si sono sfiorate ulteriori segnature. Si è finiti poi al solito a difende l’1-0 negli ultimi minuti ma a parte un uscita alta di pugni, Szczesny non è stato impegnato. Sarò monotono ma ripeto per fortuna c’era l’Empoli di fronte perchè la prestazione generale non è stata affatto edificante.
Molte le cose storte anche da parte di mister Allegri. Bentancur ala non è andato bene e non ha il passo per fare quel ruolo. Sandro peggiore in campo. L’impressione è che Kean poteva esser inserito prima e che ad uscire alla fine doveva esser Mandzukic e non Berna che pareva averne di più. E’ andato molto bene Pjanic ma il suo cucire gioco è stato totalmente inascoltato. Pare manchino 12 punti per vincere il campionato e pare questa competizione ormai archiviata. Soprattutto nella mente dei nostri giocatori. Certo però questi 12 punti devono ancora esser conquistati.

La tegola Ronaldo

Juventus’ Moise Kean jubilates after scoring the 1-0 goal during the italian Serie A soccer match Juventus FC vs Empoli FC at the Allianz stadium in Turin, Italy, 30 march 2019 ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

scritto da Cinzia Fresia

Abbiamo una certezza, che la presenza di Ronaldo, si sente eccome, una quasi una “vittoria” all’ ultimo minuto per la Juventus orfana di Ronaldo, contro un modesto ma dotato atleticamente e pieno di buona volontà Empoli.

Primo tempo imbarazzante, dove la mancanza di Cristiano Ronaldo si è fatta notare subito, ma soprattutto quella di Paulo Dybala, non presente per un dolore alla coscia accusato durante il riscaldamento.
La soluzione obbligata per il tecnico e’ stata quella di schierare in attacco Mandzukic e Bernardeschi, i quali hanno dimostrato di non essere affatto compatibili.
Se qualcuno dice che la Juventus con Dybala gioca male, senza, gioca peggio.
Tant’e’ che l’Empoli si e’ portato avanti piu’ di una volta, fallendo per fortuna in fase realizzativa.

Il risultato pareva avviarsi sullo 0-0, ma poi finalmente una buona idea, l’entrata di Kean ha cambiato tutto, autore dell’unico gol, che ha restituito dignità alla partita, fino a quel momento al limite del soporifero.
Il giovane desideroso di emergere, ha siglato un importantissimo risultato che consente alla squadra di non perdere ulteriormente punti, l’attaccante juventino sta vivendo un momento d’oro in campionato e in Nazionale.

Eppure Massimiliano Allegri, forse per un eccesso di zelo pareva non volerlo inserire gia’ in conferenza stampa, il tecnico di Livorno, non aveva mostrato
entusiasmo a rispondere alle domande circa il suo impiego da titolare in questa partita, l’idea di gestire il ragazzo per evitare comparazioni infelici e’ per certi versi condivisibile, e’ ancora molto giovane, e tutto puo’ ancora cambiare, lui si ispira a Ronaldo e Messi, com’è normale, ma succede che, nonostante fior di campioni come Mandzukic e lo stesso Bernardeschi, esca fuori a sancire la vittoria, un giovane determinato, pieno di energia e talento, il cui unico scopo è solo segnare.
In definitiva, la partita, si conclude senza grosse emozioni, ma ne usciamo con una certezza che Paulo e Cristiano, mancano come l’aria, anche contro una squadra di bassa classifica come l’Empoli, il che è grave in vista del proseguo in Champions League.

Vedremo percio’ come si evolverà la problematica di Ronaldo, Massimiliano Allegri desidera recuperare al 100 per 100 il portoghese per evitare ricadute, accadimento per la Juventus rovinosissimo.

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia