Juventus-Roma : Pagelle

img_0463scritto da Cinzia Fresia

Gian Luigi Buffon 6/7 non impegnatissimo, ma attento in quelle rare occasioni in cui la Roma poteva diventare pericolosa

Giorgio Chiellini 6/7 la sua presenza da sicurezza
Daniele Rugani 7/8 eccellente, da vero protagonista
Alex Sandro 7 uno dei giocatori piu’ che a adeguati
Stephan Lichtsteiner 6+ Prestazione positiva

Stefano Sturaro 6e mezzo un po’ meglio della volta precedente
Sami Khedira 6 Potrebbe fare molto di piu’, tuttavia e’ presente effettuando passaggi importanti.
Claudio Marchisio 6e mezzo Non male, sebbene abbia reso nei 2 tempi non nello stesso modo
Miralem Pianic 6/7 bene, peccato l’uscita.
(Juan Cuadrado) 6– non era al massimo, ha sofferto il pressing della Roma

Mario Madzukic 7 buona partita, piu’ come difensore che attaccante
Gonzalo Higuain 7/8 il migliore il gol della vittoria lo segnera’ lui
(Paulo Dybala) s.v.

Allenatore:Massimiliano Allegri 6 mi sarei aspettata Di vedere Dybala entrare prima.
Arbitro: Orsato 6 come sempre, gli scontri diretti sono difficili da arbitrare, tutto sommato Orsatto ce la fa, alcune recr’inazioni di rigori non concessi.

Juventus 7 la squadra si e’ comportata bene, puntando sulla difesa che resta al momento il reparto meglio organizzato.

Sabato 18 dicembre 2016 Juventus- Roma ore 20.45 Juventus Stadium -Torino

Sfida tra le prime della classe a Torino che tra freddo e nebbia si prepara a ricevere la Roma intenzionata a non perdere punti e nonostante il clima natalizio, non in vena di regali.
Massimiliano Allegri dovra’ schierare il meglio a disposizione.
Le probabilità vedono la coppia in attacco del momento Dybala e Higuain schierati fin da subito.
Occhi puntati su Rugani freschissimo di rinnovo e futuro top di gamma della difesa Juventina.
Si parla di migliore attacco (Roma) contro la migliore difesa (Juventus).
I tifosi si aspettano dalla Juventus un bel regalo da mettere sotto l’albero per l’orgoglio e naturalmente la classifica.

Uno Juventino speciale: Massimo Vacchetta

images

 

Articolo di Cinzia Fresia

Oggi vi voglio presentare un tifoso veramente speciale, si chiama Massimo Vacchetta ed è un veterinario, Massimo ha un passato da sportivo giocando a calcio e anche a tennis con pregevoli risultati, e in ultimo tifoso della Juve da sempre, oggi sta vivendo una bella avventura. Dall’incontro con Ninna, una riccetta spettinata incontrata per caso durante una sessione di lavoro, è iniziata la sua vera e propria missione.

Questo pezzo di vita vissuta da Massimo è raccontata in un libro appena uscito in libreria e sui canali web, “25 gr di felicità”: l’intensità, le emozioni e soprattutto l’appagamento di questo rapporto tra lui e Ninna (sarà chiamata così questa straordinaria riccetta) che indurranno Massimo ad una profonda introspezione, tanto da portarlo a comprendere quella che sarà la sua vocazione.
Dopo Ninna, tanti altri ricci sono arrivati a lui e al suo staff, e oggi il centro recupero ricci di Novello, in provincia di Cuneo, conta all’incirca 70 ospiti, un numero molto alto dovuto da arrivi costanti di ricci spesso in pericolo di vita che il centro accoglie, cura e tenta quando possibile di reinserire in natura.

Perché è così che un riccio deve vivere, nel bosco, mentre quelli non reinseribili vivranno un’altra opportunità in cattività; Massimo, se non in situazioni di estrema sofferenza, non pratica nessuna eutanasia, ma offre un’altra possibilità di vita, quella che l’animale potrà  permettersi di vivere.
Il progetto di questo intrepido e coraggioso veterinario è la realizzazione di un parco protetto per questa specie e un ospedale specializzato; Massimo offre supporto a chiunque contatti il centro per chiedere aiuto per i ricci e accogliendo piccoletti a tutte le ore, e per realizzare questa impresa ovviamente servono fondi: il centro sta vivendo di donazioni, che non bastano mai, con i ricci devono essere nutriti con cibo di qualità e curati, e sappiamo quanto farmaci e interventi medici esterni costino.

Ed ecco che nasce un’idea da un altro incontro, quello di Massimo con Antonella Tomaselli, giornalista e scrittrice, che colpita dalla vicenda e dalla personalità di Massimo decide di scrivere un libro insieme a lui su questa tenerissima quanto commovente storia di un essere umano e di una riccetta.
Avevo già sentito parlare di lui e della sua dedizione verso questa specie, e dopo aver scoperto che il centro distava a soli 10 minuti da casa mia, non potevo più attendere, volevo saperne di più: Massimo è esattamente come lo si vede nei filmati o in tv, una persona solare, che trasmette valori positivi, è una di quelle rare persone che una volta conosciute ti viene voglia di smettere quello che stai facendo per seguirlo e aiutarlo; i ricci, spiega Massimo, sono animali fondamentali per l’ecosistema, poiché questo piccolo e simpatico carnivoro, nutrendosi principalmente di insetti, e altre creature simili, ne mantiene l’equilibrio riproduttivo.
Purtroppo il riccio è a rischio di estinzione, e come sempre la causa è l’uomo che con l’abbattimento dei boschi, l’uso indiscriminato di pesticidi e l’eccessiva velocità sulle strade, ne sta mettendo in serio pericolo la permanenza sul  nostro pianeta.

Aiutando il centro di recupero attraverso piccole donazioni o acquistando il libro edito da Sperling e Kupfer “25 grammi di felicità”, scritto da Massimo Vacchetta con la collaborazione di Antonella Tomaselli, aiuteremo non solo i ricci, ma la natura, già in grande sofferenza, ma non solo: farà bene al nostro spirito leggere di così tanto amore per una creatura destinata alla libertà.
Aiutiamo perciò questo Juventino pieno di fantasia e diamogli una mano, per Natale se volete regalate questo libro, anche ai vostri bambini, è una bella lettura che scalda il cuore ed è pieno di speranza.

Happy birthday Mr. higuain

img_0461
Scritto da Cinzia Fresia

E’ tornato il sorriso finalmente a Higuain, che per il suo compleanno si è regalato il derby, con 2 bellissimi gol, e in un derby la soddisfazione di aver segnato vale di piu’.
Per la Juventus la partita contro il Toro e’ diventata una seccatura ormai da anni.
Dovrebbe essere un momento piacevole di intensita’ agonistica e fermento calcistico, condito da un’atmosfera di sfida che comincia dal lunedi finendo la domenica, e invece no.
Peccato perdere un’occasione in cui si dovrebbe per buona creanza cessare le ostilita’ e non avvelenarla con le solite cattiverie e pregiudizi da derby.
Comunque il match e’ stato giocato ed ha detto una sola parola: Juventus.
Una gara ben gestita, anche nella fase di difficolta’, e vinta con convinzione, che ci ha tenuto incollati alla televisione con quel brivido iniziale che preludeva poi una grande vittoria.
E’ bello vincere lottando e dimostrando la qualita’ superiore di alcuni uomini, ed e’ bello che il tutto non sia farcito di polemiche e veleni post partita, nessuna recriminazione da parte del Toro, a cui e’ stato concesso di tutto, anche di picchiare, mentre e noi il nulla, nemmeno un rigore su lichtsteiner a quanto pare piu’ che legittimo, passato per cosi dire in cavalleria.
Higuain protagonista assoluto del match, ma anche Dybala per quel poco che e’ stato in campo, ha contribuito alla realizzazione del terzo gol in modo spettacolare.
Nessuna ombra quindi su questa partita, che carica il morale in vista dello scontro diretto contro la Roma di domenica prossima.
Non e’passato inosservato, il disappunto di Mandzukic, il quale ha dimostrato di non condividere la sostituzione.
A questo proposito, sostengo che gli allenatori non dovrebbero permettere tali atteggiamenti, nessun professionista dovrebbe mancare di rispetto al suo allenatore, nemmeno Mandzukic, che non e’ un “Einstein” del pallone, e’, quando ha voglia un giocatore dotato di una certa forza che lotta adattandosi a qualunque situazione, sottolineo “quando ha voglia” e quest’anno, non ne ha avuta in diverse situazione.
Comunque, rendimenti tutti sopra la media, e corrette le sostituzioni.
Archiviamo percio’ il derby e vediamo cosa faranno domani Roma e Milan.

Se figura di merda vuoi evitare mai prima della partita devi parlare.

Juventus's Gonzalo Higuain and Gigi Buffon celebrate the victory at the end of the Italian Serie A soccer match Torino vs Juventus at Olimpic Stadium in Turin, Italy, 11 December 2016. ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

Articolo di Alessandro Magno

 

La storia non insegna mai. C’è sempre qualcuno che credendosi piu’ furbo degli altri cade negli stessi errori. Sinisa Mihajlovic come Rudi Garcia. Io qua , io là e poi le busca. Adesso verranno qui e gli spacchiamo le ossa. E infatti le ha prese. S’ è presentato in conferenza stampa con il magazziniere e un certo tifoso Socrates a cui prima ha dato la parola e poi l’ha dovuta togliere perchè partiva a sparare minchiate. Belli io mamt e tu. Salutam a mammt a pat-t e a Socrates Sinisa, la prossima volta porta pure il parcheggiatore , quello che gonfia i palloni e portaci pure un paio di mignotte come direbbe Mughini. Ci hai tenuto a far sapere che avevamo tutto il popolo granata contro. Bravo applausi. Che paura. Ci siamo cacati sotto! Cosi facendo non hai perso solo tu e tutta la squadra ma abbiamo bastonato pure tutto il tuo popolo. D’altronde lo hai tirato dentro tu mica noi. Ma infondo poco male sono abituati.

Io lo dico sempre. A livello di comunicazione Mourinho ha fatto dei danni incalcolabili. Per esser considerati dei bravi allenatori oggi bisogna esser sboroni, cafoni, bisogna esser antipatici. Già un paio di Domeniche fa ti sei presentato in conferenza stampa e a domanda hai risposto: ”Non me ne frega un cazzo”. Cala Mihajlovic che non hai ancora fatto nulla nella tua carriera di allenatore. Sei stato un buon giocatore . Come mister, ad oggi, sei un signor nessuno. E io che pensavo che per esser considerati bravi bastasse giocare bene e magari vincere. Che poi dico io, noi vinciamo lo scudetto da 5 anni di fila e siamo in testa al sesto. Voi non lo vincete da una vita. Noi abbiamo vinto o pareggiato tutti i derby degli ultimi 20 anni voi ci avete messo 20 anni a vincerne un altro e abbiamo dovuto schierare noi tutte le riserve perchè eravamo impegnati in Champions. 20 anni non 2 giorni. Ma dico io non dovremmo essere noi quelli spacconi, quelli arroganti, quelli sicuri di vincere? Io vi sento sempre dire che è l’anno buono, e quest’anno ve l’ho sentito dire come non mai a voi e a tutti gli antijuventini. Non solo avrebbero vinto ma addirittura quest’anno ci rompevano il culo. Era una roba che ne prendevamo minimo 3. Noi? Ma l’umiltà non dovrebbe esser una dote vostra invece che nostra?

E il signor Socrates che preventivamente metteva le mani avanti dicendo che schieravamo il tridente Rocchi – Irati e l’altro guardalinee che non so neppure chi sia? Piaciuto il tridente Socrates? Higuain, Higuain, Pjnic è il nostro tridente. Piaciuti i tre gianduiotti? E non hai neppure un misero erroruccio arbitrale a cui attaccarti mannaggia. Niente avete perso e basta. Senza neppure la scusa che rubiamo. Occhio per il prossimo derby a non parlare di quaterna arbitrale contando magari il quarto uomo non vorrei mai che poi ve ne facciamo 4. Siete così fessacchiotti che vi portare sfiga da soli.
Che poi parlando della partita il Toro non è andato affatto male. Intanto ha avuto pure un bel culo a passare in vantaggio con il primo tiro in porta effettuato, ma poi insomma la partita l’ha giocata alla pari. Non come dice Mihajlovic che fino all’1-2 meritavano di vincere loro che è una stronzata di uno che ha visto tutta un’ altra partita , pero’ hanno giocato alla pari, vero. Non hanno mai inquadrato la porta pure questo vero pero’ ci hanno un poco spaventato con un tiro a giro di Ljaic che pero’ purtroppo per loro è andato fuori. Buffon di parate vere e proprie, zero. Hart invece con Belotti è stato il migliore dei vostri o no? E dai! Non è che me le invento io. Vai a vedre il tabellino 12 tiri in porta a 3 per noi ok giocata alla pari ma meritavate voi proprio no. Posa il fiasco Sinisa.

E concludiamo la storia godereccia del derby con i luoghi comuni da sfatare. Torino non è granata ma proprio per niente. Certo i granata stanno qua e solo qua come quelli dell’Ascoli stanno ad Ascoli o quelli del Bari stanno a Bari per cui per uno che viene fuori magari da Roma o Milano tanti granata non se li è mai visti e rimane stupito certamente. E d’altronde poveracci meno male che sono alemeno qui se non fossero neppure qui sarebbero una razza estinta , il che non sarebbe neppure tanto male a parere mio. Diciamo che un censimento non è mai stato fatto ma per lo meno siamo metà per uno, anche se quasi sicuramente siamo piu’ bianconeri solo per il fatto che ai ragazzini granata glielo devono imporre i genitori di diventare tali, anche perchè o sei masochista o ti piace proprio il colore granata o è difficile che ti innamori da solo di questa squadretta. Generalmente il bambino si innamora di una squadra che vince o di una squadra dove c’è un grande campione o dei grandi campioni o della squadra del momento, tutte caratteristiche che non sono del Toro. Una volta ho fatto un gioco e invito a farlo fare anche agli amici gobbi di Torino. Provate a fare un censimento fra le persone del palazzo dove abitate e sul posto di lavoro. Be io l’ho fatto e siamo di piu’ noi della Juventus.

Poi sfatiamo l’altro luogo comune che i granata sono simpatici. Consiglio agli Juventini non di Torino di non dire questa cosa che poi fra l’altro non ne conoscete di granata di conseguenza evitiamo il :” a me stanno simpatici”. Sicuramente nella vita di tutti i giorni come persone sono simpatici e io ho diversi amici granata che anche stimo. Se devo esser sincero sono simpatici in quanto amici ma non sono simpatici in quanto granata. Per loro stessa ammissione il granata è in primis antijuventino e poi granata. Non importa che il Toro perda basta che perde la Juve. Di conseguenza sono simpatici come un gatto attaccato alle palle. Sono la quinta essenza del gufare. Diciamo per rendervi l’idea che sono come gli Interisti. Diciamo anche per rendervi l’idea che quando noi perdiamo la finale di Champions il granata medio si ubriaca dalla felicità un poco come i fuochi d’artificio dei napolisti. Per lui è il massimo della goduria. Sfatiamo anche un altro luogo comune piu’ che altro tutto loro e cioè che il derby si gioca per la supremazia cittadina. La supremazia cittadina non è assolutamente in discussione la Juventus è la prima squadra della città e il Toro è la seconda per palamares, per storia e per tutto. Se la Juventus perde qualche derby, e puo’ capitare, non per quello la superiorità in città viene messa in discussione. Vincete quanto abbiamo vinto noi o almeno state davanti in classifica qualche volta e poi ne riparliamo.

Ultimo luogo comune ma questa volta vero e ve lo confermo. Anche agli Juventini di Torino il derby frega assai poco. E’ bello per sfottere i colleghi di lavoro o i vicini di casa ma per noi in genere dopo 3 giorni finisce li. Li pensiamo in generale 10 giorni in tutto un anno, due giorni prima e tre giorni dopo le due partite. Abbiamo altre ambizioni e dicimo che il derby viene diverse posizioni dopo altre priorità. Non troverete mai uno Juventino che non dorme per aver perso un derby come non troverete mai uno Juventino che ad Agosto si prefiggerà quest’anno di vincere il derby. Negli anni 70 era diverso era un’altro Toro ma sono passati 40 anni e noi siamo sempre noi e anche loro sono sempre loro. In verità era negli anni 70 che erano qualcosa di diverso dal loro consueto.

In conclusione uno dirà: ok ma se non li pensi non li consideri, non sono alla nostra altezza e sono pure antipatici come mai tutto questo godere che si evince da questo articolo per aver vinto poi solo un bendetto derby? Be ragazzi miei, farà anche godere togliersi un gatto attaccato ai coglioni con un bel calcio nel culo o no?

Pagelle Torino – Juventus 1-3

 

Torino-Juventus-PP

Buffon 6 Politico. Al limite del senza voto. Il Toro a parte il gol è piu’ che altro pericoloso con un tiro murato dalla difesa e con un altro tiro fuori non di molto di Ljaic. Praticamente in 90 minuti non effettua una sola parata degna di questo nome.

Lichtsteiner 5,5 Una partita ordinaria ha la sfortuna di farsi prendere il tempo da Belotti sul loro gol. Certamente è molto bravo il centravanti granata pero’ doveva cercare di limitarlo di piu’.

Rugani 6,5 Rischia qualcosa nell’uno contro uno con lo scatenato Belotti ma se la cava quasi sempre con egregio mestiere che detto di uno che non ha grandissima esperienza è sicuramente ottima cosa.

Chiellini 6,5 In difesa se la cava molto bene e dalle sue parti non si passa. Ha il merito di fare il lancio preciso a Higuain sul gol del 1-2.

Alex Sandro 6 Messo spesso in difficoltà da Zappacosta esce sempre bene quando si tratta di attaccare. Purtroppo oggi in difesa ha sbagliato diverse cosette.

Cuadrado 6,5 Ottimo come difensore aggiunto, eccessivamente confusionario in fase di impostazione. Riesce in ogni caso a rendersi utile alla causa nelle due fasi. Sfortunato in alcuen circostanze in cui si propone ma non danno la palla.

Marchisio 6 Partita di grande intelligenza e moltissima copertura. Si vede che Allegri gli ha detto di rimanere dietro e si spende bene per la squadra anche se così facendo è piu’ che altro limitato a fare lavoro sporco.

Khedira 6,5 Per una buona ora mi è piaciuto parecchio. Intelligente a inserirsi e molto bravo ad abbassarsi per ricevere palla da Marchisio. Peccato aver sbagliato un gol che poteva esser date le sue caratteristiche.

Sturaro 5,5 Corre molto ma un poco perchè è fuori ruolo un poco perchè dalla fretta sbaglia molti appoggi non mi è piaciuto moltissimo. Sulla fascia fra lui e Alex Sandro concediamo davvero molto. Almeno rispetto al consueto

Mandzukic 7,5 Sarebbe sicuramente il migliore in campo se non fosse che Higuain si spara due gollazzi. Giocatore da derby in tutto e per tutto non molla mai ed è una roccia. Ammonito per un entrata sul pallone. Eccezionale il colpo di tacco di prima a smarcare Gonzalo davanti alla porta.

Higuain 8 Man of the match ha il merito di metter in pari la partita quando il Toro stava iniziando a giocare davvero bene e ha il merito di fare il secondo gol che li ammazza definitivamente. Hart gli nega un paio di volte il terzo gol. Rapace.

Lemina 6 Niente di particolare da segnalare ma ha un impatto migliore di Sturaro d’altronde i piedi sono anche un poco meglio.

Dybala 7 Devastante. 20 minuti alla grandissima. Un piacere vedere giocare un giocatore così raffinato.

Pjanic 7 Entra e chiude la partita . Fa vedere che nel caso ci fosse bisongo puo’ esser utile anche a mezzo servizio.

Allegri 7 E’ un mezzo capolavoro tattico questa volta. Peccato l’infortunio di esser andati sotto anche un poco casualmente visto che era il primo tiro in porta dei granata. La sensazione è che l’avesse preparata sulla distanza e infatti sfogati i bollori del Toro sulla distanza la Juve è uscita alla grande. Con in campo Dybala e Pjanic il Toro ha finito completamente per gettare la spugna e soccombere.

Juventus 7 Bravissimi a non farsi trascinare nel caos e nella rissa sia dalle dichiarazioni sciocche di Mihajlovic sia dal solito assalto al pulman da parte dei tifosi del Toro. La Juve l’ha messa sul calcio dove è nettamente piu’ forte e infatti quando al Toro è finita la benzina è uscita tutta la qualità della nostra squadra.

Arbitro 6 La partita è sta sostanzialemente corretta due gialli dati in modo sbagliato a Mandzukic e Rugani. Sorvola sullo 0-0 su una mezza trattenuta di Rugani a Bellotti che poteva esser fischiata e dato il giallo. Aldilà di questi errori non incide sul risultato finale. Non fischia giustamente un rigore a Lichtsteiner che è fallo di sfondamento del nostro come da regolamento, eccetto per il contatto famoso Juliano Ronaldo che in quel caso è sempre rigore perchè lo decidono gli antijuventini.

E smettiamola di fischiare Hernanes

img_1460
Scritto da Cinzia Fresia
Un bel gioco dura poco, cosi’ recitava un vecchio proverbio rivolto di solito ai bambini quando era tempo di smetterla, ora nel fischiare un giocatore o chiunque in performance non è un bel gioco, e questo perseverare contro Hernanes e’ come suonare il clacson quando siamo in coda e davanti abbiamo 40 macchine, non serve a niente, se non fare rumore inutile.
Idem per il povero Hernanes, e sottolineo povero, perche’ adesso basta, mo’ ce siamo rotti con sti’ fischi e lasciamolo in pace, povera creatura che non c’entra niente, non e’ colpa di Hernanes se la Juventus non gioca bene e non e’ colpa di Hernanes se non si e’ ambientato.
Come spesso e’ accaduto alla Juventus di ultima maniera, Hernanes rientra in quegli acquisti
di giocatori di cui non si sa bene cosa farsene, e se non si e’ ambientato il giocatore non c’entra, che pare sia un tipo modesto e piuttosto compassato. Ma perche’ non fischiare chi invece lo ha preso e buttato allo sbaraglio, piuttosto di prendercela con chi non ne puo’ niente, se nell’ipotesi che perdessimo tutto l’ipotizzabile, non sara’ colpa di questo poveretto in balia degli eventi.
Piuttosto, ora che siamo in attesa di sorteggio per il proseguo della Champions, sembra che gli avversari di noi abbiano paura. Si’ proprio cosi, paura, lo ha dichiarato persino Zidane, il quale ha detto ” no! La Juventus no!” Per cuore e paura di Dybala-Higuain, che per carita’ … una coppia che funziona, almeno .. lo speriamo tutti che recuperino il tempo perduto e soprattutto per Higuain che ultimamente ha le “pive nel sacco” e ha l’aria di non divertirsi niente, ma che Zidane dica di “aver paura” non so se e’ serio o sfotte. Comunque va beh .. chiacchiere da Champions.
Percio’ mettiamoci l’animo in pace e lasciamo stare Hernanes sperando si trovi al piu’ presto una collocazione un po’ piu’ serena.
Intanto domenica e’ Derby, e Mihailovic di Dybala e Higuain non ha paura.

Viva il primo posto

rugani-juve-esulta-2016-20171-750x450

 

Articolo di Alessandro Magno

Una Juventus in verità non perfetta, soprattutto nel primo tempo, ha avuto ragione facilmente di una Dinamo Zagabria veramente modesta. È bastata una strigliata nell’intervallo che ha prodotto un poco più di verve in campo e il gioco è stato fatto. Ottimo Cuadrado bene Rugani, Manzo, Lemina. Gli altri direi una giornata ordinaria. Bene il gol per Gonzalo e ottimo il ritorno in campo di Dybala. Primi in Champions e in Campionato. Come dovrebbe esser sempre.

Personalmente preferisco essere arrivato primo anche se quest’anno non pare proprio una botta di fortuna. L’urna delle seconde e delle prime si equivale anche se forse qualcuno può pensare che a Febbraio Psg, Bayern e Real Madrid potrebbero essere più forti di Arsenal, Borussia e Atletico. Chissà. Magari a Febbraio anche la Juve potrebbe esser più forte dell’attuale se solo la nostra dirigenza lo volesse. Personalmente ho sempre odiato i calcoli. Penso che una squadra non debba aver paura di nessuno soprattutto in Champions League dove i calcoli generalmente ci hanno portato male.

Credo che debba essere un problema per Real Madrid e Bayern Monaco esser arrivati secondi e avere lo spauracchio di pescare la Juve. Chiaramente preferirei incontrare una seconda facile tipo il Benfica ma devo dire che una rivincita contro il Bayern Monaco mi intriga parecchio. Ancora non mi è andato giù quel gol all’ultimo minuto.

La grande fatica

img_0460
Scritto da Cinzia Fresia
Mi aspettavo una partita a senso unico e con una cascata di gol, memore delle volta precedente. E invece no, abbiamo vinto sì ma facendo una gran fatica.
Il gioco della Juventus e’imprevedibile, ieri sera hanno combattuto contro un avversario la cui caratteristica principale era la gioventù e l’energia, senza tattica e strategie, la vittoria c’è stata ma sofferta troppo.
Il gioco della Juventus e’ un’incognita, abbiamo visto una squadra dal piglio diverso contro l’Atalanta, gruppo piu’ forte del Zagabria, messa sotto senza tante storie e risolvendo il risultato da subito. Tre giorni dopo, con un avversario di meno spessore, niente da fare, una fatica nera.
L’obiettivo e’ stato raggiunto, e questo pone fine alle polemiche o ad altre chiacchiere, resta pero’ il problema di chi fa e che cosa, e’ spiacevole vedere Higuain sempre con la faccia triste e scura di chi non si trova bene. Lui si impegna moltissimo, e vorrebbe dare di piu’, ma non si trova, in coppia con Mandzukic non va, sono stata felice che ieri abbia segnato, era importante che succedesse in Champions, per restituirgli fiducia e renderlo nuovamente protagonista.
Forse si pensava che Higuain fosse piu’ simile a Tevez, in realta’ no, sono diversi, Higuain per rendere ha bisogno che i suoi colleghi giochino bene per lui e gli servano cross decenti per segnare.
Continua a mancare una mente, anche se Allegri si ostina a dimostrare che non è vero, inventando, spostando, mettendo e togliendo, ma i fatti continuano a dimostrare il contrario e se non sarà Dybala a recuperare il ruolo, si deve pensare ad un’alternativa.
E’ stato bello rivedere Rugani al gol, abbiamo la fortuna di avere i difensori che segnano, smarcato non ha perso occasione, veramente bravo.
Adesso viene il bello, arrivano le squadre difficili, perciò è bene cominciare a capire come si vuole fare, ci auguriamo che la Juventus recuperi quell’affiatamento di gioco applicabile ad ogni partita e che la fortuna ci accompagni a non far accadere altri infortuni.

Pagelle Juventus Dianamo Zagabria 2-0

dinamo-juventus

Pagelle di Alessandro Magno

Neto 6 Qualche giocata di piede, un’ uscita alta su angolo . Normale amministrazione.

Cuadrado 7 Mi è piaciuto moltissimo. Schierato terzino destro, pur considerando il valore scarso dell’avversario, ha corso su tutta la fascia come un invasato diventando spesso il terzo attaccante. Spesso è partito a fare sovrapposizioni sul fronte destro d’attacco, nonostante magari avesse rilanciato lui l’azione dalla nostra area. Per me è stato il migliore.

Benatia 6 Normale amministrazione.

Rugani 6,5 Bene in difesa e ottimo in attacco. Gol bello ma assolutamente non marcato, in ogni caso chiude la partita.

Evra 6 Nel primo tempo non mi era piaciuto ma nella ripresa la partita diventa piu’ facile e lui trova le misure necessarie.

Lemina 6,5 Primo tempo un poco confusionario , secondo tempo nettamente fra i migliori. Entra in quasi tutte le azioni pericolose e prova anche il tiro. Ottime alcune sue aperture soprattutto su CUadrado. Da una sua percussione nasce il gol della Juve.

Marchisio 6 Serata ordinaria. Non sbaglia nulla . Detta i tempi. Controlla il gioco.

Asamoah 6 Non mi è piaciuto moltissimo ma si fa valere soprattutto in fase di interdizione e ripiegamento.

Pjanic 6 Schierato nuovamente trequartista si da molto da fare ma non trova soluzioni. Ancora non riesce a giocare due partite di altissimo livello di fila.

Mandzukic 6,5 AL solito grande abnegazione e sacrificio. Si capisce fin da subito che ha voglia di giocare a differenza di altri che pare siano scesi in campo a fare un allenamento.

Higuain 6 La prestazione non è un granchè ma il gol è da bomber di razza. L’intesa con Mandzukic non è delle migliori ma il fiuto del gol certo non manca. Arrivassero solo piu’ palloni.

Sturaro 6 Entra e partecipa alla festa.

Dybala 6,5 Ci mette grande voglia e fa capire che per una maglia per il derby c’è anche lui.

Hernanes 6 Entra distribuisce bene un paio di palloni si conquista un fallo su un uscita palla al piede è da un ottima palla a Dybala per un bel diagonale. 0 a quei 50 tifosi che l’han fischiato all’ingresso in campo. Non capisco davvero questi fischi preventivi. Non mi piacevano contro Krasic , non mi piacevano contro Giovinco, non mi piacciono contro Hernanes.

Allegri 6,5 Primo nel girone di Champions e primo in Campionato non possiamo che applaudire. Anche se il gioco troppo spesso latita e anche questa sera il primo tempo è stato soporifero. Bene la strigliata che ha dato evidentemente ai giocatori nell’intervallo.

Juventus 6 Partita semplice che si poteva vincere anche meglio. E’ servita comunque a far fare un poco di minutaggio a Benatia Neto Rugani e in generale a chi gioca meno e a recuperare Dybala.

Arbitro 6,5 Partita correttissima si poteva giocare anche senza arbitro.

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web