Senza odio non è calcio italiano.

Articolo di Alessandro Magno

Ed è la terza Domenica di fila che mi costringono a parlare di arbitro. Contro il Chievo è stata una battaglia. Non bella ma abbastanza tosta. Il Chievo ha deciso come fanno molte altre provinciali ,vedi Cagliari o altre a caso, che contro di noi è la partita che gli salva una stagione. E ci sta, io lo capisco anche se lo stadio non è che fosse tanto pieno anzi era pieno il settore ospiti. Dicevo capisco, tutti vogliono ben figurare contro di noi nonostante in testa al Campionato ci siano altri, pero’ ”Noi siamo noi e gli altri non sono un cazzo” come diceva Alberto Sordi, questo mi pare assodato. Quello che non capisco e la trance agonistica di Cacciatore. Ora la Juve a questo che gli ha fatto in vita? Non saprei in una vita precedente non sono induista, ma non ho capito questo cosa ha contro la Juve? Si è mai giocato contro di noi una qualche cosa di importante? So che è di Torino ed è nato nel mio stesso quartiere. Quartiere Barriera di Milano lui è di via Tartini io di via Mascagni. Bene mi chiedo: Forse pensava di poter mai giocare nella Juve? Direi che è un buon mestierante delle difese e direi che la serie A per lui è già tanta roba quindi davvero non capisco. So ad esempio che ha un fratello che gioca in serie D e che mi ricordo fosse molto piu’ forte di lui, quindi forse gli è andata davvero bene già di giocare in serie A. Davvero non capisco questa idiozia di ieri sera, forse sarà stato del Toro da piccolo e ha la Juve in odio. Perchè fare il cazzone invece di pensare a giocare e a dare una mano ai suoi compagni è abbastanza inspiegabile.

Comunque oggi a freddo si è scusato dicendosi dispiaciuto, credo che avrebbe dovuto dire anche di esser stato un cretino perchè solo un cretino si fa espellere in quel modo. E’ bene dire che da regolamento entrambe le espulsioni sono ineccepibili. Sulla prima già il primo fallo è da rosso diretto, e il giocatore Clivense viene graziato per un entrata a centrocampo a piedi uniti, se dopo pochi minuti fa una trattenuta prolungata sempre a centrocampo sotto gli occhi dell’arbitro impedendo una ripartenza di Asamoah, non è colpa dell’arbitro e nemmeno della Juve. Al minimo è colpa sua che è un ingenuo o non conosce il regolamento. Su Cacciatori sia Maran che poi qualche giornalista tipo Varriale hanno ripreso il fatto che i sanitari non sono arrivati al giocatore che si era rialzato prima, peccato il regolamento non parla di sanitari vicino al giocatore ma parla di sanitari entrati in campo. ”Quando questi vengono chiamati dall’arbitro il giocatore deve uscire in barella o a piedi fuori dal campo se non lo fa deve esser ammonito per comportamento antisportivo” questo recita il regolamento questo sconosciuto, e già in questo Cacciatori è stato graziato perchè non solo si è rifiutato di uscire dal campo in maniera plateale ma poi uscendo ancora non era stato ammonito. Se poi si mette a fare il gesto delle manette e la faccia da pirla guardando l’arbitro con le manette dietro la schiena, credo che ti stai veramente cercando un rosso o sbaglio? Rosso che è arrivato puntuale. Per tutti i due rossi sono ineccepibili pero’ ci si è fiondati sull’arbitro severo, sull’arbitro fiscale, arbitro con poca personalità o con troppa a seconda delle circostanze oppure anche arbitro permaloso. Il top del top è l’arbitro che non sa gestire. L’arbitro non deve gestire nulla l’arbitro ha un regolamento e deve applicare quello. E si presume che i giocatori conoscano il regolamento. Insomma quando gioca la Juventus il regolamento non va applicato ma va interpretato per via del sentimento popolare. Se 2 giocatori del Chievo meritano rosso devono esser graziati perchè è il Chievo contro la Juve.

Va be passiamo oltre. La partita è stata brutta specie nel primo tempo la Juve non ha giocato bene. Troppo lenti e compassati. Il Chievo si è difeso bene. La sensazione è che con un poco di ritmo in piu’ saremmo passati anche in 11 contro 11. Ovviamente è una sensazione non ho la sfera di cristallo. Di contro non ho mai avuto la sensazione che potessimo prendere un gol per cui il pericolo maggiore era incappare in uno scialbo 0-0. Dei problemi di velocità di gioco e di corsa se n’è reso conto anche il mister che a fine partita ha stigmatizzato come bisogna migliorare in questi aspetti. Ho visto un bel Douglas Costa brillante sempre nel saltare l’avversario e metter i cross. Un po meno bene tutti gli altri. Molto male Mandzukic e Higuain che forse con maggiore movimento avrebbero aumentato le chanse di azioni pericolose. Mandzo era proprio assente stranamente. Higuain ha sbagliato di tutto meno male poi ha fatto gol.

Ultime 2 considerazioni. Il giornalismo antijuventino militante Zucconi, Varriale, Feltri, Telese si sono fiondati in tweet scandalizzati sul Chievo in 9, addirittura l’ultimo s’è inventato pure un rigore per il Chievo e il gol di Higuain in fuorigioco, ad oggi nessun Tweet su Verdi che per giocare a Napoli è stato scortato dalla polizia. Giocatore reo di aver rifiutato di giocare nel Napoli perchè uno non puo’ decidere dove giocare, sempre che non si tratti della Juve, perchè gli obiettivi di mercato della Juve come Pellegri se vanno in un altra squadra è normale come è giusto che sia. Questo nessuno lo dice che è uno schifo che un giocatore debba andare al campo scortato perchè si tema lo possano aggredire, perchè ormai sono tutti schierati a volere il Napoli Campione ad ogni costo, ad esempio mentre sto scrivendo leggo di un rigore del 2-1 del Napoli non particolarmente limpido anche di questo mancano tweet a proposito. Vedremo in seguito ma credo che non ci saranno.

Segnalo quest’ultima cosa di cui probabilmente parlerò solo io. Ieri si è svolta Tavagnacco -Juventus femminile in quel di Tavagnacco . Hanno vinto le nostre ragazze 1-2. La partita è stata giocata in un clima surreale per il calcio femminile, clima di intimidazione per le nostre ragazze. Lo stadio, è stato occupato da vermi dell’Udinese (perchè mi rifiuto di chiamarli sia tifosi che ultras) , questi vermi hanno insultato dal primo all’ultimo minuto le ragazze in campo e i presenti. Pare sia stata fatta scelta persino dalla direzione di non annunciare i nomi delle ragazze in campo per contenere i suddetti vermi che pare venissero dalla curva dell’Udinese calcio. lo dico e mi prendo la responsabilità di quello che scrivo. I giornalisti antijuventini militanti non hanno visto proprio come Zazzaroni ieri non ha visto il gesto delle manette. Forse non era davanti alla tv in quel momento era a farsi un ballo. Chi lo sa? Lo schifo è sbarcato anche nel calcio femminile. Ora anche le nostre ragazze sanno che insultare uno Juventino non è reato. Bravi Italiani. Welcome to the jungle.

 

Avanti tutta.


Scritto da Cinzia Fresia

Meno male che era solo il Chievo.
Premetto che, non so che Juventus sia scesa in campo stasera, lenta, svogliata e confusionaria.
E’ comprensibile che la “condanna” a vincerle tutte non sempre sia vissuta bene, ma stasera non c’e’ stato limite al peggio.
La fortuna e’ stata che si e’ trattato del Chievo, Il quale mettendosi nei guai da solo ci ha aperto la strada per combinare qualcosa.
Non starei a magnificare i due gol segnati contro una squadra mediocre ridotta in 9, che se non fosse accaduto bisognava preoccuparsi sul serio.
Ad un certo punto della gara, la Squadra sembrava bloccata, incapace di creare azioni e occasioni da gol.
Il primo tempo ha offerto una Juventus totalmente inadeguata, la reazione e’avvenu
ta nel tenpo successivo, quando il Chievo si e’ ridotto in 9 giocatori.
Il risultato si e’ portato a casa, va bene, un po’ di fortuna non guasta, ma serve provvedere al piu’ presto perché fare il minimo per ottenere il massimo, con altre squadre potrebbe non funzionare.
Comunque, una partita stranissima, con un avversario che si e’ “suicidato” con i propri mezzi, e che non si e’ reso conto che la Juventus soffriva e faceva fatica a divincolarsi dalla marcatura stretta a uomo, il Chievo, quasi sicuramente non avrebbe vinto, ma poteva pareggiare e per noi sarebbe stata una mezza sconfitta.
Nuovamemte grande Schezny, per me il migliore di stasera, il quale ha compiuto un prodigio, dopo aver trascorso buona parte della gara da spettatore, ripara a un pericolosissimo contropiede quando il Chievo era in 9.
Per il resto, non e’ stato difficile vincere,
Questa sera, si trovava in panchina Gigi Buffon, che da fresco quarantenne, ha ricevuto testimonianze d’affetto da parte di tutti, tifosi e colleghi. Il nostro portiere, in settimana ha espresso il desiderio di giocare ancora continuando ad essere un punto di riferimento in Juventus, la squadra che non vorrebbe mai lasciare.
Il riposo della Juventus non durera’ a lungo, martedi, si tornera’ in campo per la coppa Italia, e dopo arrivera’ la Champions.
Massimiliano Allegri dovra’ fare i conti con gli infortunati, da Dybala a Cuadrado che potrebbe essere piu’ grave del previsto.

Pagelle Chievo Juventus 0-2

Pagelle di Alessandro Magno

Szczesny 6 Una partita da spettatore sia in 11 contro 11 che a maggior ragione in superiorità numerica, eppure in un contropiede insidioso ha l’accortezza di uscire di piedi in modo tempestivo. Bravo e attento.

De Sciglio 6 Una prova ordinata anche diverse sovrapposizione e cross ma su questi deve esser piu’ preciso.

Benatia 6,5 Solita prova attenta, neanche troppo lavoro, in ogni caso non si passa.

Barzagli 6,5 Come Benatia prova di grande attenzione. Un muro.

Asamoah 6 Buona prova spinge il giusto e spesso difende meglio dell’ultimo Alex Sandro.

Khedira 6,5 Ordinato preciso e anche prezioso quest’oggi. Partita che si adatta bene ai suoi ritmi anche se nel primo tempo sono tutti troppo bassi. Prezioso perchè la sblocca con un tiro forte e preciso.

Pjanic 6,5 Nel primo tempo con Douglas Costa è il migliore in campo, pare molto ispirato, poi piano piano si spegne e si limita all’ordinario.

Sturaro 5,5 Non bene. Solita voglia e corsa ma perde diversi palloni e in molte circostanze è falloso.

Douglas Costa 7 Il migliore in campo, ha una marcia in piu’ di tutti compagni e non, salta sempre l’uomo e mette cross con grande costanza. La chiude con l’assist per Higuain.

Higuain 6 Una sufficienza risicata grazie al gol anzi diciamo che senza il gol la prova sarebbe stata abbastanza penosa. Sbaglia di tutto e di piu’ ma per lo meno è freddo sul 2-0.

Mandzukic 5 Non pervenuto. E’ in una condizione di forma inaccettabile. Si ricorda per un bel colpo di tacco al primo minuto e il velo a Khedira sul gol dell’1-0.

 

Bernardeschi 6 Non è che anche lui paia smagliante tuttavia riesce a confezionare l’assist per l’1-0. Un paio di tiri da dimenticare.

Lichtesteiner 6 Entra per Asa ammonito e fa il suo.

Bentancur sv

Juventus 6 Molto bene nel riuscire a vincere una partita dove non si è giocato affatto bene soprattutto nel primo tempo tuttavia bisognerà iniziare a fare meglio perchè veramente il primo tempo è stata una frazione regalata agli avversari.

Allegri 6 Porta ancora 3 punti a casa ma questa volta la Juve è apparsa veramente poco tonica e a differenza dell’ultima con il Genoa non c’è stata una partenza buona ma esattamente l’opposto.

Arbitro Maresca 6,5 Regolamento alla mano le due espulsioni sono sacrosante se Bastian e Cacciatore sono 2 imbecilli non è colpa di nessuno è solo colpa loro. Anzi è stato magnanimo piu’ di una volta con Maran che doveva esser allontanato anche lui.

 

 

Scritto da Cinzia Fresia
Settimana intensa per la Juventus, tra campionato e coppa Italia. domani sera, si ricomincia al Bentegodi contro il Chievo Verona.
Massimiliano Allegri, consiglia al suo gruppo di essere prudente, il Chievo e’ reduce da alcune sconfitte ma se sottovalutato potrebbe diventare pericoloso.
L’allenatore, informa che ai pali ci sara’ ancora Scezny, sebbene Buffon sia rientrato dall’infortunio per ritornare come titolare nei prossimi incontri.
Gigi Buffon, in questi giorni, ha pubblicamente espresso il desiderio di volere ancora giocare, ma solo alla Juventus.
Tornando alla partita di domani, Massimiliano Allegri valutera’ una possibile modifica in difesa, lasciando Chiellini a riposo, e considerare tra De Sciglio o Lichtsteiner.
Nel frattempo, rassicura che gli altri giocatori infortunati sono costantemente monitorati.
L’allenatore della Juventus, non dimostra alcuna preoccupazione, ne’ per l’assenza di gol da parte di Higuain, e nemmeno per il numero di infortunati, i quali potrebbero non essere disponibili tanto presto. Allegri ricorda ai giornalisti, quando interrogato sul suo futuro, che in Juventus sta bene e che ha un contratto fino al 2020.

Sesso Juve e Rock N’Roll No.9

 

Immagine anteprima YouTube

 

Questa sera ora 22-30 qui verso le 22 il link per seguirci.

Per l’ansia ci sono le medicine

Articolo di Alessandro Magno

Juventus-Genoa, un 1-0 come se ne sono visti a centinaia di migliaia, una squadra a fare la partita l’altra difendersi e cercare il colpaccio. Il calcio è un gioco semplice. Il calcio è come la storia, un qualcosa che si ripete. Così come questa partita, milioni di persone l’hanno già vista e rivista in passato, con altre maglie in altri campionati, in altri periodi storici. Eppure non si impara mai. Anche ieri sera al termine della partita la solita ansia da risultato da parte di molti, il solito “vergogna”, il solito “indegni”. Forse qualcuno che soffre di ansia è bene che si prenda degli ansiolitici, invece di guardare le partite.

Ieri, è stata una partita in verità molto tranquilla, una partita dominata dalla Juventus il lungo il largo sia in fase offensiva che in fase difensiva. Una partita dove per oltre un ora il Genoa non è proprio esistito. Io non voglio attaccare con storie di carichi di lavoro fatti nelle pausa e non lo so come ha lavorato Allegri, non sono il suo vice allenatore però ho visto la partita. Ieri la Juventus per un’ora e oltre, ripeto, ha giocato bene e assolutamente in controllo totale della partita. Buone trame di gioco, buone azioni e il vantaggio con un gran bel gol su azione manovrata. Dico giocare bene che non è fare spettacolo fine a se stesso che non stiamo vedendo un esibizione degli Harlem Globbetrotters. Giocare bene significa avere il pallino del gioco il controllo della situazione non rischiare nulla e non concedere nulla all’avversario. Questo nel calcio che è uno sport e c’è una classifica. Io non ho mai visto uno che va a vedere la finale dei 100 metri e dice ma non mi piace come corrono non hanno stile, perchè uno mentre corre non fa un balletto oppure fa una coreografia con le mani e non ho mai neppure visto una gara di F1 in cui uno vince il mondiale pero’ la macchina non è bella a vedersi. Questo è sport è una gara. E’ bene capirlo perchè c’è chi riesce ad abbinare vittorie e spettacolo come il Barcellona e chi fa del suo meglio con dei risultati non buoni ma ottimi come la Juve. Sono 7 anni dico 7 che la Juve è ai vertici e hanno ancora voglia di rimanerci. E’ un miracolo sportivo altro che cavoli. E invece a volte si diventa sofisti si diventa di bocca buona. Magari questi tempi li apprezzeremo quando le vittorie non saranno così continue allora forse Allegri verrà rivalutato lui e il suo pragmatismo.

Tornando a noi, cos’è mancato alla Juventus? È mancata la lucidità di raddoppiare. Un po’ è stato bravo Perin, un po’ è stata brava la difesa con Izzo sopra gli scudi. Molto ci abbiamo messo del nostro con tanta imprecisione nei tiri. Ecco va detto che se errore c’è stato è stato l’errore di non chiuderla, allora sì avremmo dormito veramente fra due guanciali. Tuttavia, quando si è visto che il due a zero non si riusciva a fare e la stanchezza cominciava a venire giustamente e molto intelligentemente si è pensato di portare a casa questo 1-0. A quel punto come è normale che sia il Genoa ha messo il naso fuori dalla propria area e provato a prendere il punto. Voglio ricordare come anche il Napoli “stellare” ultimamente viene elogiato per essersi “juventinizzato” andando a vincere 1-0 a Crotone e 1-0 con l’Atalanta. I nostri uno a zero no! I nostri uno a zero non vanno bene! I nostri se non vincono 3/4-0 sono indegni, si devono vergognare.

Io comprendo in parte l’ansia che c’è stata alla fine, anche io ho temuto una beffa per un colpo sfortunato, perché quella beffa poteva venire solo per un colpo sfortunato. Parliamoci chiaro il Genoa ha schierato quattro attaccanti in tutta la partita, prima due e poi nel finale altri due e tutti e quattro non sono riusciti a fare mai un tiro in porta e questo non per scarsezza loro almeno non solo, ma per bravura della nostra squadra. BenatiaChiellini sono stati una corazzata. Un po’ di ansia ok su qualche cross nel finale. Tutto quello che si è rischiato è su un calcio d’angolo una palla che è schizzata poi fra i piedi di Chiellini quasi nell’aria piccola. Mamma mia che paura! Ma dai! Diciamoci la verità Szczesny non ha toccato un pallone con le mani che ha giocato quasi sempre solo di piedi. Allora capisco aver paura di subire una beffa, ma non capisco questo tremare davanti al fatto che a 10 minuti dalla fine si pensi di portare a casa comunque il risultato e i 3 punti e non si continui ad attaccare a testa bassa stupidamente a quel punto quando le forze oramai sono venute meno. Il gioco del calcio è anche un gioco di strategia ultimamente in Spagna il Real Sociedad vinceva 2-0 col Barça e ha continuato ad attaccare e il Barcellona infatti gli ha fatto 4 gol e han perso 4-2. Quando si dice zero strategia. Io capisco gli amanti del bel calcio, ma quando cacchio ti capita di essere in vantaggio 2-0 col Barcellona? Allora a quel punto perché non metti come si dice fra virgolette il pullman davanti alla porta e portate a casa almeno un pareggio? Questo per farvi capire che il calcio è tante cose fra cui strategia. Dovevamo raddoppiare ieri assolutamente sì. Ma dal momento che non si è riusciti a raddoppiare per imprecisione nostra e bravura del loro portiere si portano a casa i tre punti. Quando non riesci a stravincere, vinci. Chi soffre di ansia per queste partite qui è meglio prenda degli ansiolitici e lasci perdere il gioco del calcio anche perché obiettivamente è stato uno degli 1-0 più tranquilli degli ultimi anni.

Andata secondo le previsioni

scritto da Cinzia Fresia
C’è molto poco da commentare e da dire su questa partita, perchè si è svolta esattamente come ci è stata presentata.
La Juventus batte con il fiatone e le gambe pesanti, un Genoa dotato di una buona difesa e altrettanto valido portiere.
L’allenatore lo aveva detto che sarebbe stata difficile e piuttosto dura reggere due tempi con questi ritmi, nonostante tutto i ragazzi il risultato lo hanno portato a casa ritornando a meno 1 punto dal Napoli in classifica.
Quindi va bene così, un ottimo Douglas Costa ha accompagnato la squadra verso una vittoria il cui mantenimento è stato molto faticoso.
La Juventus si è impegnata allo spasimo per il 2-0, ma nulla sono valsi gli sforzi, il centro campo e la difesa genoana hanno immobilizzato i nostri e più di quello non sono riusciti a fare.
Tutto sommato, dobbiamo essere contenti così, il Napoli non dimostra di avere flessioni, e se la Juventus vuole restare in corsa per lo scudetto, deve vincere non importa come.
E’ ciò che ha spiegato l’allenatore Massimiliano Allegri, ai microfoni di sky, interrogato sull’estetica della sua squadra.
I nostri non hanno giocato benissimo e a tratti si sono trovati in difficoltà soprattutto per la fatica, il carico degli allenamenti si è fatto sentire, l’allenatore perciò respinge ogni critica al gioco della Juventus.
Cosa conta, è vincere ed arrivare primi, e lui ci sta riuscendo anche con diversi pezzi mancanti.
Sempre Massimiliano Allegri si è mostrato infastidito circa le critiche continue alla squadra che allena, che a suo dire sta facendo un ottimo lavoro e un grande Campionato.
In vista di un mese impegnativo non possiamo che essere d’accordo con lui, la Juventus stasera ha comunque ottenuto una sufficienza piena, gestendo un risultato sì striminzito, ma efficace.
E’ un peccato che Higuain non riesca ad essere protagonista, in area si blocca e il più delle volte gli portano via la palla, innervosendolo ancora di più.
Bene, è andata, ci siamo tolti una seccatura, prepariamoci dunque alla prossima, perchè Massimiliano Allegri è già al lavoro.

Juventus-Genoa pagelle

scritto da Cinzia Fresia

Szczesny 6+ non particolarmente impegnato
Lichtsteiner 6 svolge il suo ruolo, senza strafare, Laxalt non lo impensierisce più di tanto.

Benatia 6 bene, continuano le prestazioni positive.

Chiellini 6- cerca di resistere fino alla fine, il calo fisico e stanchezza lo manderanno in affanno.

Alex Sandro 6 – Tiene a bada Taarbat e Rosi.
76’ Asamoah 5/6 cerca di essere un supporto in difesa ma non entra completamente in partita

Khedira 5/6 nonostante una buona partenza, si perde successivamente e non riesce ad essere determinante.

Sturaro 6– va premiata la mentalità e l’impegno, ma non incide più di tanto.

Pjanic 6 – cerca di divincolarsi dalla stretta genoana, meglio nel secondo tempo.

Matuidi 6 Dinamico, recupera molti palloni, mette impegno che lo porta quasi al gol
Douglas Costa 7 il migliore in campo, segnerà il gol della vittoria

Higuain 5/6 bisognerebbe dargli due voti, è presente e cerca in tutti i modi di essere sempre presente ad aiutare la squadra: tuttavia è troppo impreciso in area e perciò non merita la sufficienza piena.

Mandzukic 6 sempre molto grintoso, una garanzia per i compagni.

All. Allegri 6 vince e questo deve bastare.

Arbitro: Di Bello 6 zelante nel controllo con il var del gol, e dispensatore di cartellini gialli nell’intento di calmare una partita eccessivamente fallosa.

Juventus: 6- Obiettivo raggiunto, ma con troppa sofferenza contro una squadra il cui divario tecnico è abissale.

Lunedì 22 gennaio 2018 Juventus- Genoa ore 20.45 Allianz Stadium -Torino

Scritto da Cinzia Fresia

Riprende la corsa in campionato della Juventus la quale domani sera, incontrerà il Genoa.
Massimiliano Allegri, reduce dall’influenza, dovrà fare a meno di Dybala, Cuadrado, Howedes, Buffon e Marchisio.
La partita si presenta impegnativa per la qualità tecnica e fisica della squadra ligure che da alcune partite non prende gol, a dire del tecnico livornese, in procinto di inserire la corretta formazione con chi ha a disposizione.
La Juventus spesso soffre con le squadre della Liguria, Sampdoria e Genoa, munite altresì di tifoserie piuttosto scatenate, in questo caso, anche senza alcune presenze importanti e valutando la posizione del Genoa in classifica, medio-bassa, non dovrebbe avere problemi a portare a casa il risultato.
L’intento di Allegri e della squadra è quello di recuperare prima possibile, la prima posizione per la corsa allo scudetto, e ciò dipenderà anche dai risultati futuri del Napoli.
A riguardo del calcio mercato, nonostante voci riguardanti una trattativa della società, con il centrocampista tedesco di origine turca, Emre Can, attualmente in forza al Liverpool, Massimiliano Allegri, conferma che la Juventus non ha bisogno di nulla, quindi a posto così.

Sesso Juve e Rock n Roll No.8

ECCO IL LINK PER SEGUIRE LA PUNTATA. ORE 22-30 CIRCA. STATE PRONTI.

Immagine anteprima YouTube
Plugin creado por AcIDc00L: noticias juegos
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia