Archivi Tag: Napoli

Sesso Juve e Rock n’Roll s03 e14

Questa sera con Ben Antonio Corsa Benny Nico Francesco Musina Arco Lubrano Antonio Cafasso

Brutta senza anima

articolo di alessandro magno

Sono molto arrabbiato per questa sconfitta. Molto di più di quelle contro la Lazio. Generalmente a bocce ferme riesco ad esser molto freddo e distaccato se vogliamo anche sportivo. Accetto sempre il risultato del campo. Ho giocato a calcio so quanto sia dura vincere ogni singola partita, conosco gli alti e bassi dovuti ai cali di forma o mentali o le sconfitte dovute alla “sfiga”. Ció che mi deprime e non accetteró mai sono le sconfitte per mancanza di voglia. La sufficienza. L’affrontare l’avversario senza il giusto rispetto, senza la determinazione. Contro il Napoli è stato così. Ho imprecato tutta la partita come non accadeva da tempo. Passaggi sbagliati. Reparti sfilacciati. Corsa a 2 all’ora. Contro un Napoli poi che se la faceva sotto dalla paura. Date le assenze. Data la situazione di classifica. A Napoli un tempo sono state battaglie epiche. Botte da orbi. Siamo venuti qui a giocarcela fra i calci, i cartellini, gli isterismi vari. E parlo non della preistoria ma di quando qui c’era Cavani oppure Higuain da avversario. Quelle sfide richiedevano concentrazione e nerbo. Spesso siamo usciti vincenti da questo stadio. Ieri nulla di tutto ció. Un Napoli più che dimesso che si era arroccato seppure ordinatamente per non soccombere. Un Napoli a cui andava più che bene giocarsela per un pari. Bisognava metterci dell’impegno per perdere e infatti abbiamo perso. Meritatamente. Non posso accettare questo dalla mia squadra. Posso accettare le sconfitte con la Lazio , quella con l’Ajax. Onore a chi gioca meglio e si dimostra più bravo. Non mi piace perdere ma davanti a un avversario che si è dimostrato migliore alzo le mani e mi impegnerò per fare meglio la prossima volta. Non mi piace perdere per scarsa voglia, perchè la testa è altrove invece che in campo. Non mi piace perdere contro un avversario che non ha fatto nulla per vincere. Questo è inaccettabile.

A margine di questa sconfitta giusto per non farci mancare nulla, le dichiarazioni discutibili post partita di mister Sarri.  Io capisco la sincerità, comprendo la voglia sempre di fare la battuta (che fra l’altro non è riuscita) capisco il senso della cosa: “Se proprio dovevo perdere meglio contro questi ragazzi per cui nutro affetto”. Ok va bene tutto ma un minimo di furbizia. L’ambiente Juve a torto o a ragione è allergico alla sconfitta. Difficile, quasi impossibile, che i tifosi analizzino una sconfitta in maniera serena. C’è sempre una mezza isteria collettiva che colpisce tutti i gobbi quando non si portano a casa i tre punti. Sarà ovviamente la buona abitudine tuttavia è il caso di fare dichiarazioni di questo tipo che si prestano a indubbie manipolazioni? Oltretutto non era il caso proprio di evitarle dopo quella che non solo è una sconfitta ma è la più brutta prestazione della Juve di Sarri? Non vorrei che Sarri non avesse capito ancora bene dove si trova. Mi spiace perchè dopo le partite con la Roma nutrivo una certa speranza che le cose si fossero incanalate nella giusta direzione. Spero che questa sconfitta faccia scuola. A Sarri prima di tutto. Spero di non vedere più per molto tempo la mia squadra passeggiare per il campo come fosse in vacanza.

Pagelle Napoli Juventus 2-1

Pagelle di Alessandro Magno

Szczesny 5 Una sola parata quella su Insigne su cui però si catapulta Zielinski per l’1-0. L’impressione è che potesse fare di più deviandola maggiormente di lato.

Cuadrado 5 E’ uno dei più volenterosi spesso si distingue in chiusure e cross ( anche nel finale) ma quanti errori nei passaggi.

De Ligt 6 Non so è una partita difficile per tutti giocata a un ritmo inadeguato, lui sembra esser uno dei pochi a salvarsi.

Bonucci 5,5 Nessuna grande responsabilità sui gol e spesso marca anche discretamente bene Milik tuttavia con i lanci questa sera davvero non ci siamo.

Alex Sandro 6 Forse anche lui oggi si salva. Per lo meno è stato sempre ordinato e dal suo lato il Napoli non è passato mai. Non sappiamo se per scelta o per sua bravura.

Bentancur 4,5 Poco vivace sulla destra addirittura deleterio al centro. Sul primo gol non chiude in tempo. Prestazione molto negativa rispetto ad altre.

Pjanic 5,5 Sembrava abbastanza in vena questa sera , prendeva palla e alzava la testa cercando corridoi. Il pestone che prende però lo limita moltissimo fino a costringerlo all’uscita.

Matuidi 4 Una partita senza senso. Non riesce mai a recuperare palloni e spesso sbaglia passaggio. A volte nel tentativo di saltare l’uomo fa fallo lui mentre siamo in possesso palla. Fra ‘altro con un cross arretrato innesca il contropiede da cui nasce il loro gol. Una prova molto negativa.

Dybala 5,5 Ci mette moltissimo tempo a capire che deve uscire dalla marcatura a uomo di Demme ma quando lo fa devo dire che degli avanti nostri è il più vivace, Non ho capito questa volta la sua sostituzione ormai la partita la poteva salvare solo il colpo di un campione e lui lo toglie.

Higuain 5 Grande impegno quasi in pressing solitario. E’ encomiabile ma anche lui poco lucido e sbaglia un sacco di passaggi. Manca l’unica occasione che abbiamo anche se almeno tira ed èsfortunato sulla rovesciata finale che colpisce la palla troppo bene e va centrale. Certo se avesse segnato salvava capra e cavoli.

Ronaldo 5 Anche lui prestazione scialba . Il gol che fa ci ridà un poco di speranza ma anche lui questa sera ha fatto molto poco.

Rabiot 5 Quando entra lui inizia la disfatta. Non per colpa sua ma perchè un centrocampo Rabiot Bentancur Matuidi è veramente una cosa inguardabile. Cerca di fare il suo, vince qualche contrasto, prende qualche fallo, ma non è ancora o forse mai sarà un giocatore che ti fa svoltare una partita.

Benrardeschi 5 Anche lui tanta voglia, tanto casino, poco costrutto.

Douglas Costa 5,5 Da vivacità con alcune giocate solitarie che sono le uniche che potrebbero esser vincenti questa sera, tuttavia al dunque anche lui è più fumo che arrosto.

Juventus 4 Una delle più brutte Juve della stagione con pochissima voglia, zero gamba e in balia di un Napoli decisamente scadente. Sarebbe stato un miracolo prender un punto. Squadra che se ha sottovalutato l’impegno è veramente protagonista in negativo. Malissimo.

Sarri 3 Quando una squadra fa molto bene come con la Roma sono applausi per il conducente, quando fa male sono fischi. Non è riuscito in nessun modo a cambiare l’inerzia di una partita che la sua squadra giocava svogliatamente. Malissimo nel giorno in cui l’Inter pareggiava contro il Calgiari in casa non aver sfruttato la chanse di portarsi a più 6 e metter una seria ipoteca sul campionato.

Arbitro 6 Non mi è piaciuto solo in continuo perdonare Demme che poteva prender almeno 5 gialli tanto è vero che persino Gattuso se ne rende conto che sta rischiando ad ogni intervento e lo cambia. Tolto questo a parte fischiare qualche fallo che non c’è non ha fatto danni.

La Juve vince bene. L’Inter tiene botta

articolo di Alessandro magno 

Sarà un lungo girone di ritorno a giudicare dalle premesse. La Juve vince bene dopo un primo tempo dominato ma senza trovare grosse occasioni, dilaga nella ripresa con un Cristiano Ronaldo sugli scudi. L’Inter risponde andando a vincere bene su un campo dove non passava da moltissimi anni. Domenica si chiude il girone di andata con due sfide insidiosissime: Inter Atalanta e Roma Juventus. Sarà la Juve questa volta a giocare dopo a dover quindi rispondere o eventualmente approfittarne del risultato dell’Inter. Saranno felici quelli che si lamentavano della poca competitività del campionato italiano. Da quel che si vede pare possibile che questo duello possa protrarsi fino alla fine. L’Inter come detto è passata molto bene su un campo difficile “aiutata” da qualche papera di troppo dei giocatori del Napoli. Partenopei che sono parsi tutt’altro che guariti dai mali che li affliggevano e che avevano portato all’esonero di Ancelotti. C’è la Lazio per loro Domenica. Gran brutto cliente di questi tempi e ne sappiamo qualcosa. Altro grande malato il Milan non si è affatto giovato dell’arrivo di Ibrahimovic. Finite le feste i convenevoli e i facili entusiasmi il campo ha dato inesorabile i suoi verdetti. Il Milan è pochissima cosa e se Ibra pensava fosse facile per lui a 38 anni ha sottovalutato di molto il problema.

Da un campione in ombra a uno che non accenna a smettere di stupire. CR7 ieri ha inaugurato il nuovo anno con una tripletta. Giusto per non perdere l’abitudine al gol. Al solito si è fatto trovare in forma eccellente al ritorno dalle vacanze. Davvero un campione di professionalità cui non c’è veramente nulla da raccomandare. Note positive in casa bianconera sono arrivate soprattutto da Rabiot che è parso più calato nel sistema di Sarri e anche più intraprendente rispetto alle altre uscite. Il problema della Juve invece pare oggi esser quello di riuscire a scardinare le squadre che si chiudono a riccio. Poi fatto il primo diventa più semplice ok. È probabile che in Itala con squadre molto chiuse (essendo noi la Juve le troviamo quasi tutte così) sarebbe più opportuno un gioco più ampio sulle fasce con cross per la testa di Ronaldo e tiri dalla distanza, rispetto al tiki taka centrale e palla a terra, che spesso da l’impressione della mosca che sbatte contro il vetro. A proposito di ció Sarri in conferenza stampa ha parlato di aver sfiancato i cagliaritani e sicuramente è vero, di contro peró c’è il pericolo di sfiancarsi noi qualora dopo un ora non si riesca a passare in vantaggio. Davvero sarebbe utile trovare varianti adeguate. Fra l’altro abbiamo il giocatore che salta più alto di tutti eppure nel 90% dei casi sia Cuadrado che Alex Sandro quando arrivano sul fondo, invece di crossare, tornano indietro. Chiaro se vinciamo sempre 4-0 va bene così. Peró come diceva l’avvocato: “Cosa fatta bene puó esser fatta meglio”.

Sta nascendo una bella Juventus.

 

 

 

Articoli di Alessandro Magno

Ieri sera mi sono proprio divertito. Al netto della rimonta del Napoli che mi ha fatto esclamare e lo dico senza vergogna: ”vuoi vedere che questa la perdiamo?’. Nel complesso la squadra mi è piaciuta e anche la partita. E mi sarebbe piaciuta anche qualora avessimo pareggiato. Non dico perso ma pareggiato si. Dico questo perchè sto vedendo e apprezzando le nuove disposizioni che stanno portando Sarri e Martusicello. Ho visto per un ora una Juve arrembante che ha dominato il Napoli in lungo e in largo e lo ha anche decisamente intimorito. Ho visto una Juve con una mentalità più offensiva non fermarsi, nè sull’1, nè sul 2, nè sul 3-0, e se si è fermata sul tre è perchè sono venute meno le energie. Ho visto un cambio che non ti aspetti, ovvero entrare una punta verso la fine: Dybala. Una punta per vincere o comunque per non dare la sensazione di difendere. Sono cose a cui non eravamo abituati. Diciamola tutta poi su questa rimonta: loro hanno iniziato a crederci sul 3-2 perchè neanche loro sapevano in quel momento come era possibile che si trovassero 3-2 senza aver fatto praticamente un tubo di niente. Eppure il calcio è strano molli la presa un attimo, abbassi la tensione, si perde qualche marcatura, e una partita chiusissima ritorna in discussione. Forse è anche il bello del calcio. Francamente ho sofferto di più in altri momenti a difendere gli 1-0, e lo dico da uno che ha sempre avuto e tuttora ha la massima stima di Allegri.

Difronte va detto che non c’erano 4 scappati di casa ma il Napoli quella che ad oggi, ancora è la seconda forza del campionato, e di questi ultimi anni. La squadra che due anni fa è andata vicinissimo a vincer lo scudetto e che almeno sulla carta si è ulteriormente rafforzata. E’ vero che han preso 7 gol in due partite ma ad Agosto ad esempio Manolas/Koulibay veniva descritta come una delle coppie di difensori più forti del mondo. Invece per un ora non c’è stata partita e se la partita fosse finita al gol di Ronaldo ci sarebbe stata una standing ovation per tutti. Questo al netto dell’infortunio gravissimo di Chiellini a pochi minuti dal match (stagione e carriera forse finite), e dell’infortunio dopo pochi minuti di De Sciglio che ha ridisegnato la difesa. E veniamo alla difesa la tanto vituperata difesa. Capisco ci si aspetti tutto e subito tuttavia per quanto si voglia non è così. Partiamo da De Ligt. E’ chiaro che somiglia molto di più a Bonucci che a Chiello, ed è per questo più propenso a impostare che a difendere. Martusicello avrebbe potuto schierare Demiral con Bonucci sicuramente sarebbe stato più funzionale. Tuttavia De Ligt è costato la bellezza di 85 milioni. Sarebbe stata una bocciatura precoce e autolesionista. Il ragazzo non può fallire e va aiutato psicologicamente all’impatto con il nuovo calcio. Inoltre l’olandese può migliorare in marcatura solo giocando non di certo guardando gli altri. L’altro nuovo della difesa era Danilo. Il brasiliano ha fatto gol quindi non è andato malaccio, ma anche lui in difesa ha qualche lacuna. La linea difensiva di ieri era composta da Danilo – Bonucci – De Ligt – Alex Sandro, ovvero due terzini che spingono e due centrali che impostano. Praticamente di 4 non c’è un difensore puro. Non c’è nessun marcatore vero. Ripeto con le nazionalità e non è una barzelletta: c’erano due brasiliani, un olandese e un italiano che non sa marcare. Questa è la difesa della Juve sotto accusa. Capisco che forse qualcuno sia legato a Gentile, Scirea, Brio e Cabrini, anche a me piaceva moltissimo, ma non ne nascono tutti i giorni e in più i tempi cambiano.

Ora va da se che se hai una difesa più propensa a costruire gioco che a spazzare la palla in tribuna sicuramente avrai più facilità di manovra e spinta e si è visto ampiamente ieri, ma è altrettanto vero anche che lascerai qualcosa all’avversario. E’ normale e fisiologico. Con questo non giustifico i gol presi. Sopratutto i due da palla ferma. Bastava un poco più di attenzione in marcatura. Tuttavia non è che questi gol siano questa novità assoluta e figli del sarrismo. Almeno i due presi da calcio di punizione. L’anno scorso però si imputavano a Bonny, Gol del 1-2 su punizione del Manchester a Torino, a Rugani gol di De Ligt su angolo a Torino, oppure anche a Benatia, gol di Koulibaly del Napoli a Torino l’anno prima. Diciamo che su queste situazioni anche la Juve di Allegri pativa parecchio. Stranamente quando li marca Chiellini gli altri non segnano su palla da fermo. E capirai. Ce ne fossero di marcatori come Chiellini in giro!

Ma la Juve dopo il 3-3 ha reagito e vinto. Certo con un pizzico di fortuna ma la fortuna non è quella che aiutagli audaci? E la fortuna fino a quel momento non aveva aiutato il Napoli? Le due traverse prese dalla Juve. Alcune decisioni dell’arbitro Orsato discutibili come un probabile rigore su Ronaldo e la mancata espulsione di Di Lorenzo per un fallo bruttissimo a metà campo su Alex Sandro, Di Lorenzo che segnerà poi il gol del pareggio. Allora la fortuna da e toglie e indubbiamente nel finale ha sorriso alla Juventus ma certamente il Napoli si trovava sul 3-3 senza meritarlo più di tanto. Pensate Lozano ha fatto un tiro in porta in tutto un tempo che ha giocato. Solo quello del gol.

Concludendo, io sono fiducioso e lo dico chiaramente. Dobbiamo ancora inserire i nuovi. Sarri ha fatto già un egregio lavoro su due vecchi che l’anno scorso sono mancati tantissimo: Douglas Costa ed Higuain. Posso tranquillamente sperare che faccia presto altrettanto con Dybala. Non vedo perchè la cosa non debba avvenire. Abbiamo una squadra molto forte con almeno 18/20 titolari. Purtroppo non si ha voglia di aspettare. Non si ha voglia di pazientare ed è un peccato perchè 8 anni di vittorie con 8 scudetti di fila ci hanno viziato terribilmente. Ora si pensa che bisogna sempre vincere ad ogni amichevole ad ogni partita ad ogni competizione anche se si fa il torello in allenamento. E’ un peccato che si è persa la voglia e la spensieratezza di godersi la partita e magari la vittoria.

Pagelle Juventus Napoli 4-3

Pagelle di Alessandro Magno

Szczesny 7 Premetto partendo dal portiere che er un ora i voti sarebbero tutti altissimi ma devo considerare anche la rimonta del Napoli. Comunque Szczesny fra i pali eccellente. Ho qualche dubbio che potesse fare qualcosa sul terzo gol magari un uscita a pugni uniti.

De Sciglio Sv Aveva iniziato bene.

Bonucci 5,5 Purtroppo è protagonista in negativo su tutti i gol anche se non ha giocato una brutta partita. Mi è piaciuto moltissimo il suo incitare la squadra e cercare di togliere responsabilità e peso a De Ligt che era all’esordio e forse sentiva la pressione di dover sostituire Chiellini. Mi è piaciuto anche l’andare a consolare Koulibaly cosa che nessuno racconterà perchè noi siamo quelli brutti sporchi e cattivi mentre tutti gli atri sono i buoni.

De Ligt 5,5 Stessa cosa di Bonny gioca una buona partita per un ora poi le dormite sui gol si susseguono. E’ un centrale di difesa di stampo europeo ovvero molto propenso a fare gioco e a giocare la palla senza buttarla via. Deve imparare a marcare a uomo quando serve cosa che probabilmente non ha mai fatto in vita sua. Ma qui ha ottimi maestri.

Alex Sandro 6,5 Anche Sandro c’entra su qualche gol ma è anche bravo su alcuni gol fatti e azioni ficcanti. Anzi aldilà di qualche errore ha una bella gamba e la spinta sulla sua fascia fra lui e Matuidi è abbastanza costante.

Khedira 7,5 Aveva qualcosa da farsi perdonare dalla scorsa partita e gioca un gran match. Prende una traversa incredibile e si mangia un gol per eccesso di sicurezza ma davvero finchè ne ha, la prestazione è notevole.

Pjanic 7 È partito un poco con il freno a mano tirato forse preoccupato di sbagliare poi come un diesel ha preso plan piano le redini del gioco. Mi piace il suo esser sempre presente e il suo palleggio di prima. Ha perso un solo pallone sul pressing avversario, deve arrivare a non perderne neanche uno.

Matuidi 7 Non mi stancherò mai di dire che non è bello da vedere peró in mezzo a “fare legna” serve maledettamente. Classico giocatore che fa sempre la sua parte. In questo momento della stagione dove le forze durano circa un ora, è fondamentale.

Douglas Costa 8 Per me il migliore in campo. Dribbling, assist, gol sfiorati insomma assolutamente imprendibile per gli avversari. Stranamente e non è scontato nel suo caso, questa volta fa quasi tutte le scelte giuste. Cosa a lui non consueta.

Higuain 7 Segna un gol alla Higuain dribblando e piazzando il tiro. Ancora poca autonomia ma si sta ritrovando. Se torna l’Higuain di due anni fa facciamo un grande acquisto.

Ronaldo 7 Gioca la partita alla Ronaldo sempre cercando palla e cercando di suonare la carica. Infatti il primo squillo di tromba è suo con un gran sinistro dal limite. Chiude anche la partita con un altro sinistro chirurgico a giro a fare 3-0 ma poi la gara prende una piega strana.

Danilo 6,5 In fase di spinta ha giocato una gran partita e questo l’ha portato anche a sganciarsi per il primo gol con un bel coast to coast. In difesa da rivedere. Ha partecipato attivamente al disastro generale con marcature allegre.

Emre Can 6 Poveraccio entra e si trova sul 3-3 quasi senza accorgersene eppure ha lottato da par suo, ma il Khedira di oggi è difficile da sostituire. Spero entri presto nei meccanismi della squadra perchè c’è bisogno della sua fisicità.

Dybala Sv Bentornato

 

Juventus 7 Al netto degli errori in difesa, soprattutto quelli di marcatura sui due gol da calcio piazzato e del regalo finale di Koulibaly senza cui non avremmo vinto, a me la Juve per un ora è piaciuto moltissimo e se dopo un ora di gioco fossimo stati 4 o 5 a 0 non ci sarebbe stato nulla da ridire. Chiaro che tenere quel ritmo per tutta la partita sarà sempre una cosa difficile, bisognerà quindi imparare a gestire meglio questi momenti di stanca.

Martusciello/ Sarri 7 La formazione la trovo corretta e anche i cambi. Bisognerà lavorare molto sulle marcature ma la Juve ha fatto vedere un bel calcio davvero. Menomale che si è vinto perchè con il 3-3 molti avrebbero rotto le scatole.

Arbitro 5 Per me il rigore chiesto da Ronaldo è più rigore di quello tanto famoso di Juliano su Ronaldo quello falso, anche se onestamente quello non era rigore e questo lo è molto poco. Ma fra i due, visto che su quello ci hanno fatto i libri di storia, nettamente più rigore questo. Inoltre non mi sono piaciuti i cartellini. Koulibaly neanche giallo per gomitata a Bonucci ( non importa se involontaria da regolamento gomito alto è giallo di conseguenza) così come il mancato rosso a Di Lorenzo per un fallaccio a metà campo su Alex Sandro da rosso diretto. Scivolata a piedi uniti (Di Lorenzo che poi farà il 3-3). Idem manca un altro giallo per un fallaccio su Douglas Costa, e manca un altro giallo a Mertens per l’ennesima simulazione grottesca fuori area ma sempre simulazione resta.

Impressioni dallo Stadium E01

 

Articolo di Max Il Toscano

 

 

 

JUVENTUS – NAPOLI

Ho il piacere di scrivere poche righe per esternare quelle piccole e grandi sensazioni che mi portano a correre dietro alla mia squadra del cuore investendo tempo soldi e ore di lavoro nel seguirla quasi costantemente a Torino ed in giro per l’Italia.
Premetto che occorrono 16 ore tra pullman, attesa partita, partita, ritorno in pullman e auto per questo mio folle amore e spesso ritornando alle 5 di mattina.
Tutto ciò mi fa notare cose che altri magari sorvolano ma che io bianconero nell’anima non posso fare, e vengo a quel punto focale che notai con la Lazio ed mi ha dato la conferma sabato col Napoli, la lunga annosa continua ed ingiustificata protesta della curva sud ( una piccola parte, il resto è paura ) verso la Società rea di comandare a casa sua e di far pagare TUTTI quali fruitori di uno spettacolo.
Il danno alla squadra di questa silenziosa protesta è notevole, visti anche i primi 20 minuti nei quali la squadra stentava ed era contratta, con di fronte un buon Napoli che grazie a noi ad un nostro grave errore passava anche in vantaggio.
Li’ quando occorreva il 12^ uomo il tifo che incoraggia e fa tremare le vene e trasformare i ragazzi in leoni feriti, è mancata la curva sono mancati gli incoraggiamenti e addirittura si è creato astio con la Nord, che cercava di coinvolgere tutto il resto dello stadio.
Io vorrei ricordare che l’ ultras non è un lavoro, è quasi una missione di amore e sacrificio, e come tale deve rimanere anche perchè abbiamo un mezzo ovvero il nostro stadio che può e deve diventare una bolgia SEMPRE e lo abbiamo dimostrato sul 3-1 quando tremava letteralmente sotto un unico forte roboante urlo che ha trasformato tutti noi ed i nostri ragazzi.
Concludo sperando nella fine di tutto ciò, e soprattutto per rispetto di chi come me abita fuori Torino o fuori il Piemonte e che vuole vedere che la cornice sia uguale al quadro che ci offre la Società SEMPRE.

Max il toscano

3-1 e scusate se è poco.

Articolo di Alessandro Magno

Partiamo con il dire che la Juventus quest’anno è veramente fortissima. Il Napoli merita rispetto, è un ottima squadra ed è la seconda forza del campionato, che appena pochi mesi fa ci ha battuto in casa e ci ha conteso il campionato totalizzando 91 punti. Fondamentalmente sono gli stessi dell’anno scorso con in piu’ un allenatore assolutamente capace e scavato. Eppure devo dire io non ho avuto nella partita di Sabato quasi mai attimi di apprensione. Il Napoli l’ha messa subito sul pressing e sul ritmo feroce. La Juve è rimasta abbastanza sorpresa da questa mossa. Bonucci ha faticato molto ad uscire palla al piede e ha commesso un paio di errori di valutazione. Sul secondo loro ci hanno rubato palla e han fatto gol. Anche un bel gol. La differenza l’hanno fatta grossomodo il fatto che loro schierassero molti brevilinei e quindi subito pronti al minuto 0, mentre la nostra sembra una squadra piu’ propensa a carburare, specie con individui come Emre Can o Mandzukic. Non ho visto francamente la Juve preoccupata di aver preso gol. Forse l’unico attimo di defezione mentale è stato sul palo di Zielinski. Ecco forse li si è respirata qualche piccola paura di non esser in partita. Ma il gol poi alla fine, come conseguenza di quello che si era visto nei primi 10 minuti, è stato come una sorta di liberazione.

Da quel momento in poi la Juventus ha resettato e ha iniziato a ragionare. La squadra mentalmente è formidabile e dimostra una tenuta di testa fuori dal comune. L’unico neo ancora Bonucci che nel corso della partita andrà a cercarsi rogne con un testa a testa con Allan che poteva costargli caro. Gli altri invece hanno iniziato e continuato a giocare. La partita è stata piacevole. Dal vantaggio in poi è esistita sola la Juventus. Spinti da un Ronaldo che è veramente capace di tirare fuori conigli dal cilindro come un mago, abbiamo prima pareggiato e poi siamo passati in vantaggio. I gol sono entrambi invenzioni di Ronaldo che sul primo pesca bene di testa Marione e sul secondo fa tutto da solo colpendo un palo. Mandzukic che ora gioca da centravanti vero e non da centrocampista, ha tutto il tempo di prendere la mira e segnare, in entrambe la occasioni. Manzo quello bistrattato da molti e che invece con CR7 vicino sta ritrovando una seconda giovinezza realizzativa e soprattutto sta ricostruendo quel tandem forza fisica/estro che Ronaldo aveva a Madrid con Benzema.

Dopo il 2-1 la squadra a parere mio ha continuato a stare sul pezzo e si è un poco troppo rilassata secondo me dopo la giusta espulsione di Mario Rui. A parere mio è stato un calo fisiologico dovuto al fatto del doppio vantaggio e del vantaggio numerio ed è normale che una squadra tenda a rifiatare visto che era un ora che praticamente giocavamo solo noi. In questo frangente il Napoli ha avuto l’occasione della vita per fare il 2-2 ed è stato bravo Szczesny su Calejon a negargliela. Dopo questo spavento la Juve ha ripreso a giocare fino a riportarsi sul 3-1 e poi ha chiuso in totale controllo del match. Alla fine della fiera a conti fatti tolti i 10 minuti inziali e i 15 dall’espulsione al terzo gol la Juve ha concesso al Napoli 25 minuti di gloria in totale su 95. Contando che ripeto, il Napoli è una squadra di tutto rispetto, ci puo’ anche stare. E’ mia convinzione che se Calejon avesse segnato la Juve avrebbe potuto lo stesso fare il 3-2. Mi pareva di avere noi molti piu’ margini fisici di loro e questo era già successo con il Chievo e con il Valencia . Ripeto questa squadra è molto forte mentalmente ma non mi pare messa male neppure fisicamente. Alla cultura del lavoro della Juve si è aggiunta l’ossesione per il perfezionismo di Ronaldo. E’ una miscela atomica.

Mi è spiaciuto alla fine questa cosa delle dimissioni di Marotta. Credo e sento dire che siano state tuttaltro che indolore. Pare che l’Ad da tempo non andasse d’accordo con il Presidente. A naso posso pensare che a Marotta non sia andato giu’ di esser stato scavalcato sulle operazioni di mercato di Ronaldo e Bonucci, oppure che non le abbia condivise in toto. Non mi sbilancio oltre perchè al momento non ho notizie maggiori su cui fare valutazioni. L’unica cosa posso dire che Marotta è stato un grandissimo dirigente della Juventus a cui va veramente tutto il nostro sentito ringraziamento. Se la Juve è stata presa che era una nobile decaduta ed è stata portata a vincere tutti questi titoli in sequenza molto merito va anche a questa persona. Gli auguro una felice carriera perchè oltre ad esser un grande dirigente mi pare di poter dire che è anche un bravuomo. Detto questo la forza della Juve è la Juve stessa. Chiunque verrà sarà chiamato ad esser all’altezza altrimenti sarà allontanato. La juve non fa sconti a nessuno. Nessuno forse nemmeno il suo Presidente Agnelli è piu’ grande della Juve stessa.

Pagella Juventus Napoli 3-1

Articolo di Alessandro Magno

 

Szczesny 7 Non ha colpe sul gol ed è poco impegnato. Sul palo sembra esserci se il tiro fosse stato in porta. Una grossa pezza ce la mette nel finale quando para su Callejon quasi a colpo sicuro.

Cancelo 7 La solita buonissima partita. Sul gol preso si fa vedere da Bonucci per uno scarico facile che purtroppo Bonny ignora per carcare una verticalizzazione sbagliata.

Bonucci 6 Il voto è una media fra la cavolata che fa sul primo gol, l’altra cavolata che fa andando testa contro testa con uno del Napoli e rischiando un rosso e il gol del 3-1 che chiude la partita. Diciamo che si riscatta in parte con questo gol che chiude la gara altrimenti sarebbe stato insufficiente.

Chiellini 6,5 A parte il gol del Napoli non è che ci sia tutto questo da fare. Pero’ Chiellini se la sbriga alla grandissima in ogni occasione.

Alex Sandro 7 Mi è piaciuto. Sbroglia su qualche cross insidioso senza molti fronzoli. Spinge abbastanza ma soprattutto non si risparmia in difesa dove spesso fa le diagonali esatte a chiudere i passaggi avversari.

Matuidi 6,5 Sempre su tutti i palloni. Gli toccano dei clienti tosti. Il napoli ha giocatori di quantità e qualità. Ma nella lotta si esalta.

Pjanic 6,5 Non brillante ma sempre utile. Soffre la pressione dell’uomo migliore loro Allan soprattutto nei primi minuti. Poi esce alla distanza con giocate precise e palleggio efficace.

Emre Can 6,5 Poco appariscente e anche un poco timido all’inizio. Poi carbura strada facendo e i suoi chili si fanno sentire in mezzo al campo. Esce forse in un momento buono per lui e non so se la prende bene. In ogni caso minuti nelle gambe. Ottimo il taglio sul primo gol a liberare Mandzukic.

Dybala 6,5 Partita a sprazzi e a strappi. Da apprezzarne il sacrificio nel tornare a centrocampo e o nel prendersi dei falli importanti. Bene il contropiede nell’azione del secondo gol. Va ancora poco al tiro ma sembra in crescendo.

Mandzukic 7,5 In una partita in cui non è che si veda molto si fa trovare due volte al posto giusto al momento giusto. Sembra che capisca prima dove vada la palla. Due gol da centravanti vecchia maniera.

Ronaldo 8 Entra in tutte le azioni da gol. Prima confeziona un assist al bacio su Mandzukic poi tira e centra il palo sul secondo gol, infine di testa serve involontariamente Bonucci per il terzo. Gli è mancato solo il gol ne ha sbagliato uno di sinistro piuttosto facile. Certo se questo come pare non è ancora il vero Ronaldo ed è gia così determinante figuriamoci quando aggiusterà la mira.

 

Bentancur 6 Entra e fa il suo . Pero’ ho l’impressione che si limiti troppo e invece deve metterci piu’ voglia. D’altonde c’era una buona mezzora e a lui non ne danno molte.

Bernardeschi 6 Lui entra con molta grinta ma la partita dopo poco va sul 3-1 e finisce li. Per cui non ha troppe possibilità di mettersi in mostra.

Cuadrado sv

 

Juventus 7 Una grande squadra con una grande mentalità. Il Napoli comincia con un ritrmo folle e infatti ci segna subito su un errore nostro. Solo che poi scoppia dopo 15 minuti. La Juve riordina le idee e piano piano li uccide sportivamente parlando. Quest’anno siamo fortissimi.

Allegri 7 Non possiamo non dargli un voto alto . Sarà fortuna ma intanto gioca Mandzukic e fa 2 gol. L’unico neo spero che ha sgridato la squadra per i 10 minuti di rilassatezza dopo il 2-1 che quasi consentivano a loro di fare 2 pari. Ok rifiatare è umano ma perdere la concentrazione no.

Arbitro 6,5 A me pare che il doppio giallo sia netto. Sono 2 pestoni con i tacchetti. E’ vero che non sempre vengono puniti con il giallo pero’ è anche vero che il regolamento dice che sempre dovrebberlo essere. Sulla presunta testata di Bonucci mi pare una chiara simulazione anche se Bonucci è veramente un fesso ad andare testa contro testa, Forse in questo frangente il giallo e Insigne è severo.

Sesso Juve e Rock n’Roll No.25

Questa sera al solito ore 22-30 circa si parte con la 25ma puntata di Sesso Juve e Rock n’Roll. Basta cliccare nella pagina.

 

Immagine anteprima YouTube

Juventus e calcio
0:00 Roma Juventus
9:00 Saluti e interventi dalla Chat degli ascoltatori
11:00 7mo scudetto
consecutivo
13:20 Napoli/Sarri
17:05 Mertens/Hamsik
19:15 Dichiarazioni Chiellini
23:15 Allegri
32:50 Interventi ascoltatori
37:15 Interviene Enzo
38:10 Sospensione partita Samp Napoli per cori di discriminazione territoriale.
48:38 Dichiarazioni Mazzocchi su scudetti Juve.

51:40 Donne – le siciliane
52:50 Interventi dalla Chat

Eva Riccobono
Nicole Grimaudo
Francesca Chillemi
M.Grazia Cucinotta
Laura Torrisi
Nadia Bengala
Anna Kanakis

1:11:30 Rock

Steve Winwood
Stevie Wonder
Jack Bruce
Ian Atsbury
David Byrne
Mike Oldiefild
Brian Eno

1:21:14 Interventi chat

Anniversario
Mia Martini
Noel Redding (bassista di Jimi Hendrix)
Bob Marley
B.B. King
Frank Sinatra

1:39:00 Curiosità
15 Maggio 63 I Rolling Stones firmano per la Decca Records
Triennale di Milano
15/16/17 maggio mostra su Jimi Hendrix
È in uscita il film documentario su Freddy Mercury
“Resta quel che resta” brano inedito di Pino Daniele
Damon Albarn scordato in taxi pc con ultimo disco dei Gorillaz
I Guns n Roses tornano in classifica Usa dopo 10 anni.

1:42:40 Consigli disinteressati per disadattati
Toto – Lp Bluvertigo – Metallo non metallo
Sabino – Gioco per cellulare Monument Valley
Paolo – Kalkbrenner – Dj e attore
Frank – di guardare la Chillemi
Ben – Concerto Fronte del Palco del 90 in video.
Enzo – Serie tv il miracolo – di Ammaniti – Su Sky

 

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web