Archivio Categoria: Il Blog

Champions League Martedi 20 ottobre 2019 Dinamo Kiev – Juventus ore 18.55 Stadio Dynamo Lobanovs’skj

Scritto da Cinzia Fresia

 

La Juventus ancora in elaborazione del risultato a Crotone, è partita alla volta di Kiev per il primo appuntamento di Champions League, e in questa occasione che Paulo Dybala, spera di poter far parte della formazione.

Andrea Pirlo ha chiarito con l’argentino e per domani si vedrà. E’ evidente che il tecnico non si fida ancora del suo stato di forma. La notizia positiva è il rientro di Ramsey in squadra. Il tecnico della Juventus sta vivendo un vortice di emozioni per questo debutto in Champions League che lo vede sfidare il suo primo maestro Mircea Lucescu, tecnico della Dynamo, i due si stimano molto e con gli anni hanno mantenuto i rapporti.

Ma Pirlo questa prima di Champions la deve vincere, Andrea sebbene la brutta figura rimediata in Calabria, è convinto del potenziale della sua squadra, che peraltro accusa assenze importanti come Cristiano Ronaldo e Weston Mc Kennie colpiti dal Covid, perciò fari puntati sullo stadio Lobanovsky a Kiev, il governo ucraino ha dichiarato uno stadio di Pandemia parziale e per questo che ha aperto la capienza dello stadio al 30 per cento.

 

Juve Night Show s01 e06

Questa sera con BEN, Francesco Musina, MicheleFusco, Benny Nico, Leomina, e Antonio Corsa

 

 

Pirlo togli sta cacchio di difesa a tre.

 

CROTONE, ITALY – OCTOBER 17: Head coach of Juventus Andrea Pirlo looks on before the Serie A match between FC Crotone and Juventus at Stadio Comunale Ezio Scida on October 17, 2020 in Crotone, Italy. (Photo by Getty Images/Getty Images)

 

Articolo di Alessandro Magno 

 

Dell’arbitro di Crotone Juventus ho parlato nelle mie pagelle non ci vorrei tornare. Non è stato un bel arbitraggio. Mi è sembrato quasi come ci fosse un progetto o un preconcetto per farci perdere dei punti dopo Juventus Napoli non disputata. Come se il patatrac in quel caso l’avesse fatto la Juve e non il Napoli. Questi tre punti a tavolino han fatto rodere molti evidentemente. Non mi è piaciuto nemmeno l’atteggiamento di molti juventini. Preferisco anche io non parlare di arbitri e non lo faccio quasi mai tuttavia fra l’esser piangina e attaccarsi a rimesse laterali invertite o a cartellini dati e non, e a episodi che addirittura condizionerebbero un intero campionato, e sottolineare qualche volta quando si fanno delle porcate nei nostri confronti c’è una differenza abissale. Diciamo che non mi piace farmi prendere per i fondelli e soprattutto non ho colpe da espiare e non mi sento affatto in difetto se parlo di arbitri come evidentemente qualche juventino si sente nei confronti dei nostri avversari. Se volete il loro plauso avete sbagliato strategia il meglio che vi diranno è: ” Con quanto rubano si vergognano a parlare di arbitraggi” di conseguenza parlo finchè ne ho voglia e fiato.

Ma veniamo ai fatti di Crotone, perchè nonostante un arbitro sconcio che ha indirizzato le cose in un certo modo, si poteva fare meglio e si doveva fare meglio. E se non si vincerà il campionato, dovesse mai accadere, non sarà certo per questi due punti persi. Pirlo ha bisogno di tempo e questo mi pare assodato, tuttavia Pirlo deve esser consapevole che tanto tempo non ce l’ha. Il male del calcio di questi ultimi anni in cui mi sembra caduto anche Pirlo e’ l’ormai eterno equivoco del mister che non allena più ma insegna il calcio, lo rivoluziona e se gli avanza pure tempo ci insegna la vita. Ma un mister che allena e basta cioè che di mestiere fa l’allenatore è chiedere troppo? Ieri non ho capito cosa c’entrava Portanova in un 343. Cioè non è che hai a disposizione Morata, Dyabala e Ronaldo tutti in forma e allora provi a giocartela con tre punte? Hai Portanova che può andare tranquillamente in panchina, perchè non è necessario schierare tre punte. Proprio no.  Idem questa maledetta difesa a tre. Ma perchè? La difesa a tre si fa con tre difensori centrali forti perchè appunto ne hai tre forti e li vuoi sfruttare tutti e tre contemporaneamente. Neanche a farlo apposta anche Conte con Kolarov centrale, che centrale non è, ha perso il derby e l’Atalanta con Romero che non ha mai giocato a tre ne ha presi 4 dal Napoli. Ma perchè questa cacchio di difesa a tre ma l’ha ordinata il medico? Ad oggi Bonucci è in difficoltà con questo schema, idem gli altri. Ma non si può tornare a 4 come si è fatto negli ultimi 6 anni con Allegri e poi con Sarri?

Quando giocavo io, c’era il santo schema del 442. Uno schema che dava l’opportunità di coprire bene tutti i settori del campo e che tutti utilizzavano indistintamente come primo modulo salvo fare, i più bravi, un modulo alternativo a questo da utilizzare solo in determinati momenti. Oggi anche il 442 non è più di moda. Oggi sono tutti Oronzo Canà. Oggi se non si utilizza un modulo fantasioso, non si è allenatore moderno e il risultato sono squadre sbilanciatissime che spesso attaccano a testa bassa e perdono contro squadre che di contro sono soltanto ”ordinate”. Quando Pirlo, alla sua prima conferenza stampa disse: ”voglio un calcio aggressivo” e suscitò l’applauso di molti, forse solo io ho avuto un brivido lungo la schiena ricordandomi Sarri che voleva distruggere gli avversari. La Juve è un cantiere. Oggi prima di un calcio aggressivo ha bisogno di un calcio ordinato. Ha bisogno che i giocatori si conoscano fra loro e sappiano bene cosa fare in campo. Dopo, quando si è imparato questo, allora forse si possono fare step successivi e magari proporre anche un calcio aggressivo. Abbiamo visto sia con la Roma che con il Crotone che per inseguire il calcio aggressivo abbiamo solo fatto la figura dei fessi proponendo tanto tanto disordine. Meditare Pirlo meditare. Forse hai sbagliato fonte di ispirazione.

Crotone da incubo

Scritto da Cinzia Fresia

 

Se questa partita fosse un romanzo giallo l’assassino sarebbe senza dubbio l’arbitro, che fa capire da subito di aver fatto delle scelte e le evidenze ci sono, il messaggio è chiaro  la conquista del decimo scudetto sarà altro che dura, analizziamo gli episodi:

Il rigore al Crotone:, è vero che Bonucci una ne fa e 100 ne pensa, ed alla sua età cadere in un tranello così ci lascia un po’ di perplessità, ma al di là del giocatore  la concessione del rigore sembra molto generosa, quasi un regalo ..

L’espulsione di Chiesa:  va ammesso  che il giocatore è emotivo e agitato, forse è l’emozione, o è la pressione  degli attacchi ricevuti in occasione del passaggio dalla Fiorentina alla Juventus, e degli occhi puntati di  tutta l’Italia, Federico non è lucido e sbaglia spesso i passaggi, tranne uno quello che manderà in gol Alvaro Morata,   ma l’ingenuità giocherà un brutto scherzo, commette un brutto fallo ma  non da cartellino rosso,  casomai da ammonizione, la  decisione esagerata  dell’arbitro Fourneau  getta ombra sulla conduzione della partita.

Il Gol annullato: annullare un gol peraltro spettacolare per un alluce in fuori gioco significa che la Juventus al massimo doveva pareggiare se non perdere.Morata atterrato in area di rigore da due avversari,  sarebbe rigore, evidente è l’adozione di i due pesi e due misure.

Passiamo però alla Juventus ed alla prestazione assolutamente non all’altezza della qualità degli uomini che ha, Andrea Pirlo dichiara:

  • sono giovani lasciamoli sbagliare
  • la maggioranza è rientrata dalle nazionali e li abbiamo avuti solo giovedì
  • non ho schierato Dybala perché non era la partita giusta (qual’è la partita giusta?)

La prestazione della squadra è stata insufficiente, in campo sono mancati i punti di riferimento e la scusa su Dybala non la beviamo. Primo tempo gravemente insufficiente con difesa da incubo con   in mezzo una voragine. Il Crotone ha fatto quello che ha voluto,  il grave è che la Juventus glielo ha lasciato fare. Stranamente quando la squadra resta in 10 trova un equilibrio, un po’ come accadde a Roma con l’espulsione di Rabiot, infatti l’ingresso di  Cuadrado ha  cambiato  la partita mettendo  in condizione Morata (migliore in campo) di segnare il secondo gol.

Un vero peccato buttare punti così e  non è giusto che per giustificarsi si dia  la colpa alle nazionali, in fin dei conti gli uomini si sono allenati e hanno giocato, ed incontravano un avversario modesto,  ma consapevolmente aggressivo. E’ possibile che l’allenatore abbia voluto effettuare un esperimento, ma in questa fase la squadra è apparsa totalmente disorientata.

Il migliore in campo è Alvaro Morata, che ha segnato ben due gol, il secondo annullato purtroppo, il catalano sembra non essersene mai andato, il resto della squadra ha fatto fatica, indubbiamente l’assenza di Ronaldo ma soprattutto Dybala si sente.

Non ha convinto la squadra e non ha convinto nemmeno Andrea Pirlo, il quale è parso troppo remissivo durante la fase critica della partita e i cambi Bernardeschi e Rabiot non hanno migliorato la situazione. Un atteggiamento da parte del tecnico di poca prudenza e di presunzione che nella sua posizione non può ancora permettersi. Allenare la Juventus è bello, ma attenzione ai passi falsi perché bruciarsi è facile.

 

Pagelle Crotone – Juventus 1-1

 

 

Pagelle di Alessandro Magno

Buffon 6 Non è molto impegnato. Sul rigore è difficile con queste regole in cui il tiratore si ferma mille volte tuttavia in un intervento in mischia dove si trova la palla fra le mani è molto bravo a non andare per terra e così tiene il risultato.

Danilo 5,5 Da quel lato si soffre molto non tanto per colpa sua ma perchè è poco protetto da Chiesa tuttavia ripeto da quel lato si soffre molto.

Bonucci 5,5 Magari non causare il rigore sullo 0-0 sarebbe stata una cosa furba. Poi tiene abbastanza bene una difesa ballerina.

Demiral 5,5 Un poco troppo impeto e anche lui soffre molto. Un poco troppo fesso a volte quando dovrebbe temporeggiare. Secondo me non abbiamo gli uomini per giocare a tre ma ne parlo dopo.

Chiesa 6 Prima di tutto l’espusione non c’è. Entra di piatto a cercare il pallone. Poteva starci un giallo ma il rosso è un’ invenzione. Bravo sul gol nostro ma lascia a desiderare in fase difensiva. Troppo frenetico.

Bentancur 6,5 Una buona partita con personalità soprattutto in 10 e una buona intesa con Arthur. Anche in 10 non perde la testa.

Arthur 6 Si capisce che ha dei buoni piedi buon carisma e delle buone geometrie, anche se davvero tocca troppe volte la palla come dice Pirlo e soprattutto gioca un poco troppo all’indietro.

Frabotta 5,5 Nè carne nè pesce non spinge molto ,non difende molto, timidino. Non che sbagli nulla di particolare ma serve più determinazione.

Kulusevski 6 Più bello che utile. A volte egoista. Ha alcune belle invenzioni ma bisogna esser più cinici. A volte si va a pestare i piedi con Chiesa.

Morata 7 Migliore in campo per distacco. 2 gol di cui uno annullato ingiustamente e un palo. Poi tante belle cose. Bravo con l’assenza di Ronaldo a prendersi la squadra sulle spalle.

Portanova 5 La domanda sarebbe perchè? Perchè titolare? Combatte e si da da fare ma è un giocatore inutile sullo 0-0 in un 343 o 3421, non ha davvero alcun senso optare per uno schieramento cosi’ sbilanciato per far giocare Portanova.

 

Cuadrado 6,5 Entra colpevolmente in ritardo e da un assetto migliore alla squadra oltre che un assist al bacio a Morata.

Rabiot 5 Si mette a cazzeggiare pericolosamente in area con la palla e un paio di volte finiamo anche per perderne il controllo. Non concentrato a sufficienza. In quei momenti servono più attributi e meno ghirigori.

Bernardeschi 5 Corre verso la nostra porta. Anche quando lo lanciano nello spazio non affonda mai ma aspetta e torna indietro. Inutile.

 

Juventus 5 Messi male in campo dal mister si lasciano inutili praterie al Crotone che per fortuna è solo il Crotone e non le sfrutta a sufficienza. Nuovamente in 10 come con la Roma si cambia assetto e si trova più coesione. A questo punto non è che bisogna esser Einstein per capire che l’assetto precedente è sbagliato.

Pirlo 4 Male. Il peggiore della Juve. Male la formazione iniziale con un Portanova titolare per giocare con tre punte che non ha alcun senso nè tattico nè pratico. Nel secondo tempo invece di far entrare subito Cuadrado aspetta 10 minuti ancora e in quei 10 minuti rischiamo di prendere il secondo gol almeno tre volte. Si deve dare una grande svegliata. E’ vero che siamo alla quarta partita soltanto ma bisogna trovare un assetto subito. Inizierei da lasciar perdere la difesa a 3 che è veramente inguardabile. Oltretutto non giochiamo a 3 da anni.  Abbiamo giocatori come Danilo e Demiral che non ci hanno quasi mai giocato almeno il turco sicuro. Ma questa cosa dei tre dietro l’ha mica ordinata il medico?

Arbitro Sotto zero. Mai vista una schifezza simile. Un arbitro scientificamente stronzo. Per fortuna è in campionato con il Crotone perchè un arbitraggio così in Champions e davvero do di matto. E’ stato mandato chiaramente con l’intento di non far vincere la Juve forse per la vicenda di Juve Napoli. Procediamo per ordine. Il rigore è generoso e a parti invertite di rigori così a noi non ne fischiano mai, ma a termini di regolamento può pure starci. L’espulsione è un invenzione. Non si espelle un giocatore perchè l’avversario urla tanto. In nessuno di questi due episodi viene chiamato il var che curiosamente viene chiamato sul nostro gol e ci mette quasi 3 minuti a posizionare la linea in modo che Morata sembri ”televisivamente” in fuorigioco di qualche millimetro. Questa è proprio una ladrata costruita ad arte dalla regia, Morata è regolare senza se e senza ma. Ma la malafede totale viene fuori anche e soprattutto nei minuti finali. Non fischiato un fallo di Cigarini su Morata che sarebbe doverosamente da secondo giallo e ci viene fischiato contro un fallo su Morata venti cm fuori area mentre sarebbe fallo per noi , forse per la paura che qualcuno dei nostri potesse segnare su punizione. Non mi piace mai parlare di arbitri ma c’è un limite a tutto e non mi piace nemmeno passare per scemo.

Sabato 17 ottobre 2020 Crotone-Juventus ore 20.45 Stadio Enzo Scida – Crotone

Scritto da Cinzia Fresia

Riprende dopo sosta delle nazionali il Campionato, dopo giorni di attese del famoso verdetto Juventus-Napoli e notizie di calciatori positivi al Covid. Andrea Pirlo non ha partecipato all’intervista pre-partita a causa dell’isolamento fiduciario per tutto il gruppo a causa della positività di alcuni operatori, ultimo Mc Kennie.

Nel frattempo Ronaldo positivo al Covid 19 rientra con un volo sanitario a Torino e sta osservando la quarantena a casa sua in totale isolamento, atto che ha sollevato attacchi e critiche inspiegabili al bomber portoghese il quale ha replicato pubblicamente attraverso i suoi canali di comunicazione il fatto di non aver violato l’isolamento fiduciario e che l’uscita dei 5 nazionali è stata concordata con il club il quale osservando il regolamento ha comunicato i dati alle autorità competenti.

In questo clima di ferocia inaudita nei confronti della Juventus,  Andrea Pirlo riprende in mano la squadra, sarà il debutto di Federico Chiesa fresco bianco nero e per questo preso di mira dal mondo dello sport accusato di tradimento per aver lasciato la Fiorentina. Nei convocati rientra Paulo Dybala, ripreso dall’influenza intestinale che lo aveva colpito.

La fazione calabrese non dovrebbe preoccupare la Juventus, sebbene sappiamo quanto queste secondarie possono essere imprevedibili e mettere in difficoltà le più forti. Per la Juventus è fondamentale restare lucidi e non farsi coinvolgere dalle cattiverie che aleggiano nel mondo del calcio a prescindere dal momento storico, e soprattutto dall’andamento del Covid tornato alla virulenza dello scorso marzo.

E’ un calcio triste senza entusiasmi e che non coinvolge, si va di inerzia, si gioca perchè non si può fare altrimenti ma non si vive  in un clima sereno sempre con lo spettro di dover affrontare altri lock down.

Juventus-Napoli: la sentenza.

Scritto da Cinzia Fresia

Dopo giorni e giorni di consultazione il giudice sportivo ha finalmente emesso la sentenza attribuendo il risultato di 3-0 a tavolino ed un punto di penalizzazione al Napoli.

Una sentenza corretta conforme ad un protocollo che non si sa bene come è   stato violato, detto ciò, su un risultato a tavolino non è il caso di gioire  se non per  la soddisfazione della giusta applicazione delle regole.

Andrea Agnelli come da dichiarazione televisiva ammette  di aver seguito il regolamento  redatto dall’autorità sportiva e  considerato da lui piuttosto ben fatto e che non lascia spazio all’immaginazione, il Presidente della Juventus ha ribadito altresì’  che la Società  ha applicato  correttamente le normative per poter scendere in campo in piena regola.

Purtroppo il regolamento sarebbe stato superato da un’iniziativa dell’ASL campana la quale avrebbe bloccato la partenza della squadra napoletana a causa dei positivi in essa contenuti.

La decisione di Andrea Agnelli e della governance della Juventus, di scendere in campo è del tutto legittimata dal fatto che la Società avrebbe seguito il corretto approccio in linea con il protocollo nazionale  posto  che il gruppo  effettua tamponi ogni 2 giorni per tenere sotto controllo tutti gli operatori, mentre risulta poco chiaro l’atteggiamento del Presidente del Napoli a cui evidentemente è sfuggito qualcosa. Ciò che è strano, è il totale  rifiuto di accettare ciò che sostiene  il regolamento.

Detto questo, non c’è nulla da festeggiare in merito ad una decisione arrivata anche troppo tardi quando c’è nero su bianco, non c’è nulla da festeggiare per un risultato a tavolino, tenendo in considerazione che il Napoli farà ricorso e per questo il risultato potrebbe essere  revocato. Su questa vicenda andrebbe steso un velo pietoso per una ragione molto semplice,  l’Italia ne esce sempre come un paese ingovernabile il cui istinto di andare uno contro l’altro non si placa nemmeno in un periodo devastante come quello attuale, non c’è nemmeno più l’orgoglio di salvare le apparenze.

La gestione dei vari tornei di calcio si stanno  trasformando  a causa delle conseguenze del Covid 19 in una baraonda in cui ogni giorno ci sono notizie di  calciatori  positivi  al Covid, e questo rileva che i protocolli anti contagio messi in atto dalle  autorità preposte  come  tamponi effettuati a tappeto tutte le settimane, non funzionano come dovrebbero. D’altronde per come è strutturato il gioco del calcio e per quanto si possa fare attenzione   è impossibile uscirne indenni.

Con questo andamento ci sono buone ragioni nel pensare che il calcio potrebbe subire una battuta d’arresto se i contagi non si fermano, al di là dei regolamenti e degli interessi economici la salute pubblica e la tutela dei lavoratori dovrebbe venire prima di tutto.

 

 

 

Juve Night Show Ogni Lunedi alle 22 su Youtube

Torniamo questa sera con Antonio Corsa Michele Fusco Francesco Musina Arco Lubrano e Benny Nico conduce Ben

Pagelle semiserie Juventus Napoli forse 3-0 a tavolino ma può esser anche no.

 

 

Pagelle di Alessandro Magno

 

ASL di Napoli 3 In un momento come questo di emergenza sanitaria nazionale e internazionale da una ASL nazionale trovano il tempo e la voglia per adoperarsi per prestare il fianco ai magheggi di un personaggio come De Laurentiis. Sinceramente sconcertante e credo potesse succedere solo a Napoli. Spiace. Questa gente dovrebbe perdere il lavoro.

ASL di Napoli 7 In una città giardino dove non ci sono problemi questi zelanti medici aprono il sabato pomeriggio (notoriamente stanno chiusi pure a orario di apertura) perchè il Napoli calcio è una priorità di tutta la città paparapaparapapà.

 

 

Squadra del Napoli 4 Ovviamente sono ostaggio del loro presidente e anche vittime e non è colpa loro se non sono partiti tuttavia il non rispetto della quarantena soft che dovrebbero adottare i calciatori venuti a contatto con positivi con annessi giri nei ristornati e andir vieni dalle proprie abitazioni con grande menefreghismo e assoluto dilettantismo li rende complici e soprattutto ci fa capire bene come in certe squadre non esistono nè regole nè disciplina. Questi sono quelli che non si sono presentati a un raduno punitivo di Ancelotti. Si che rispettano la quarantena.

Squadra del Napoli  10 I nostri jocator song i più bell e bravi del mondo quelli so andati al matrimonio di mio cugggino e si facevano i selfie. Non ce n’è coviddi.

 

Gattuso 5 Di stima ma capisco bene il suo silenzio. Capitato proprio in un postaccio. Non so quanto resisterà.

Gattuso 6 O’ mister face chill ca c ‘ricimm nui ( il mister fa quello che gli ordiniamo)

 

 

Figc 2 A 72 ore dalla fine della partita non sono capaci di prendere una decisione rispettando il regolamento. Oltretutto il 3-0 che è assolutamente da prassi come il punto di penalizzazione potrà esser impugnato nelle sedi opportune dal Napoli quindi questo non pronunciarsi è ancora più sconcio.

Figc 7 (per ora) Teniamo tutti amici nostri laddind (li dentro)

 

Giornali vari 0 il peggio al solito lo danno i giornali. La situazione è chiara senza appello e o interpretazioni. La ASL non ha vietato il viaggio a nessuno ma è stata una decisione autonoma del Napoli (che si cagava sotto evidentemente di giocare contro la Juve). Nonostante questo chi più chi meno stanno cercano tutti di spingere verso una soluzione comune per non penalizzare il Napoli e non dare questi 3 punti alla Juve in un pastrocchio tipicamente all’italiana. Il punto è che probabilmente ci riusciranno facendoci ridere in faccia da tutti.

Giornali vari 0 I giornali so tutti juventini

 

De Laurentiis 0 Il grande regista della sceneggiata napoletana. Un povero demente che rischia di far saltare tutta la serie A per un suo capriccio. Non si capisce il perchè non siano venuti a giocare mancando Insigne che tanto con Insigne han preso sempre schiaffi a Torino. Non si capisce cosa lo spinga a pensare che un domani avrà più giocatori recuperati rispetto ad oggi? E’ possibile/probabile che avrà più defezioni più avanti, almeno per il virus come rischiano di averle tutti. Non si capisce con che coraggio abbia telefonato ad Agnelli quando per tutta l’estate ci ha fatto venire scemi con Milik e ci ha fatto saltare anche altri acquisti come Dzeko oltre che dovrebbe sapere che due presidenti, anche se d’accordo, non possono non giocare una partita. Pessimo.

De Laurentiis 0 Adda murì dal giorno in cui ha venduto Lavezzi.

 

Tifosi del Napoli 0 Pur essendo in torto marcio stanno cercando di far cadere la colpa su di noi. Siamo noi che non abbiamo voluto giocare. D’altronde in un posto dove i rapinatori finiscono ammazzati e poi si da la colpa alla polizia che ammazza i bravi uagglioni.

Tifosi del Napoli 100 La migliore tifoserie del’universo e delle sette galassie la tifoseria del sole e dell’ammmore nella città del sole e dell’ammmore

 

 

Addetti ai lavori serie A 5 Tutti si fanno i fatti loro tutti han paura di 3 punti alla Juventus che verosimilmente prenderà sul campo qualora dovessimo recuperare la partita. Hanno parlato solo Pioli e Simone Inzaghi 6 e Preziosi 7 che pare il più incazzato visto che lui con 2 positivi fuori contro il Napoli ci ha giocato e perso.

Addetti ai lavori serie A SV. A Pioli Inzaghi e Preziosi li facciamo sparire a Inzaghi per non sbagliare li facciamo sparire tutti e 2.

 

 

Comunicazione Juventus 7 Il comunicato stampa che dice che ci presenteremo allo stadio poteva esser evitato per non alzare i toni tuttavia se lo meritavano cosi come tutti i tweet in cui li si perculava.

Comunicazione Juventus 0 Lote <&/)?= lote xòà3! lote#]76503 lote …. lote !

 

 

Andrea Agnelli 8 E’ stato difficile davanti alle telecamere mantenere la calma tuttavia con un poco di fatica ci è riuscito e ha espresso bene la posizione della Juventus. De Laurentiis invece non ha rilasciato dichiarazioni pubbliche infatti non ha faccia di farsi vedere.

Andrea Agnelli 0 Savoia … unità d’Italia …. Regno di Napoli… Garibaldi bastardo! E comunque la colpa è del Nord Italia che sfrutta il sud.

Juve Night Show s01 e04

Questa sera con Ben ci saranno Marcello Chirico Mirko Nicolino Frank Ciano oltre a Francesco Musina e Arco Lubrano.

Plugin creado por AcIDc00L: noticias juegos
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia