Archivi Tag: champions

Vincere per continuare a crescere

 

 

Articolo di Alessandro Magno

 

Con il Parma è arrivata una bela vittoria. Forse la più bella vittoria dell’era Pirlo. Bella per due motivi, uno perchè è avvenuta secondo i dettami di Pirlo per cui squadra alta e in costante pressione, due perchè la squadra è stata sempre sul pezzo anche sul 3-0 ed ha continuato ad ad attaccare proprio come piace al nostro Mister. Non sono io particolarmente amante di questo spreco di energie un poco fine a se stesso, visto che non si gioca nemmeno davanti a un pubblico e visto che la Juve a 20 minuti dalla fine sul 3-0 per continuare a cercare il 4, ha rischiato un paio di volte di prendere l’1. Mi piace quando finiamo con la porta inviolata. Tuttavia questo è il gioco che ha in mente Pirlo, lo ha dichiarato più volte e lo ha attuato in quasi tutte le partite, forse eccetto con il Barcellona in Spagna e con la Lazio. Quando poi tutto questo però lo si spiegava agli amanti del gioco aggressivo non lo capivano, perchè di fatto molti parlano ma poi, più o meno inconsapevolmente, giudicano dai risultati che arrivano e quando la Juve non vince non sono contenti a prescindere anche se si è stati aggressivi (vedi Verona, Crotone, Benevento).

Sul gioco aggressivo e sul continuare a girare sempre a mille anche quando non è propriamente necessario, ci sono varie correnti di pensiero. Io propendo per l’amministrare risultati acquisiti senza rischiare infortuni o di riaprire partite morte per il gusto di stravincere, però è altresì vero che questo atteggiamento a volte porti la squadra ad amministrare anche quando non è il caso e lo scarto è minimo, questo per un eccesso di sicurezza sulla propria solidità, come è anche vero che se la squadra si abitua a giocare sempre aggressiva ne fa un proprio marchio di fabbrica e una volta che è abituata a questo, non rischia ad esempio di non esser a mille contro squadre che usano gli stessi ritmi alti. Attenzione però che anche in questo caso ci sono le controindicazioni. Una squadra che va a mille per 90 minuti ad esempio deve essere sempre in piena forma e se qualcuno non lo è tutto l’insieme ne risente, idem se ci dovesse esser un calo generale della forma di tutti a causa di carichi di preparazione o richiami di questa, per esser pronti a lungo termine. In soldoni una squadra costantemente aggressiva sarà molto difficile che vinca partite quando non è informa atletica smagliante.

L’altra controindicazione e si è vista contro l’Atalanta, ed è che questo tipo di squadra difficilmente vincerà le partite per 1-0 o con un gol di scarto e che cercando di chiuderla potrà accadere di subire invece il gol del pari come è accaduto appunto contro i bergamaschi. Il punto di equilibrio non è così facile da raggiungere come tutti pensano e anche il percorso per raggiungerlo potrà esser più o meno lungo e nessuno lo sa. Va detto che quando la cosa riesce come a Parla lo spettacolo è molto godibile. La ricetta è solo una ed è quella di vincere. Perchè vincere aiuta a vincere e perchè solo con il vincere hai la certezza che il tuo modo di interpretare la partita sia corretto. Non esiste giocare bene e non vincere e questo lo si sa molto bene alla Juve dove il pari è visto come una mezza sconfitta cosi come non esiste neppure vincere non giocando bene ed esserne scontenti perchè questo dovrà necessariamente a volte accadere se si vorrà portare a casa qualche trofeo. Le cosiddette ”partite sporche”, che piaccia o no quelle che ti fanno vincere i campioni con il loro colpo di genio. E quelli li si compra apposta per questo motivo.

Juve Night Show s01 e13

Ore 22 con Francesco Musina Arco Lubrano antonio corsa Dario Marconi Leomina conduce BEN

Uno Contro Tutti 18-11-2020 Top Planet

Il sorteggio Champions.

 

Sorteggio benevolo per le italiane in Champions con gironi equilibrati e abbastanza alla portata di tutti. La Juventus incontrerà il Barcellona che però è in una fase di ringiovanimento e ha mandato via molti giocatori senza fare altresì un grandissimo mercato, il Ferencvaros e la Dinamo Kiev due nobili decadute di altri tempi che non dovrebbero rappresentare un serio pericolo per il passaggio del turno.

 

DINO ZOFF IL PIÙ GRANDE DI TUTTI I TEMPI

Di Barone50

Da qualche anno, Dino Zoff, viene con sua moglie a passare le vacanze estive al mare di Sabaudia.
Dopo la sua nuotata in orizzontale rispetto alla riva che dura più o meno un’ora torna sotto il suo ombrellone dove sono andato a salutarlo…era la fine del mese di luglio.
Cordiale e disponibilissimo con tutti gli juventini…buon giorno signor Zoff, posso salutarla ?
-certamente.
Volevo sapere qualcosa sulla Juventus e di questo nuovo allenatore.
-alla Juve decidono e fanno…di solito le scelte sono giuste, poche volte sbagliate…hanno deciso così è giusto che sia…aspettiamo.
Signor Dino, ricorda quel famoso 28 novembre del 1973 all’Olimpico di Roma e di Bochini ?
-eeeh, ma cosa mi vai a ricordare…non fecero nulla per tutta la partita, poi verso la conclusione con l’unico tiro in porta…e Antonello che sbaglia il rigore ad inizio secondo tempo…alla Juve ne sono capitate tante, specialmente in coppa.
Senta, io delle nazionali ritengo quella del 1978 una delle più forti se non la più forte, lei che ne pensa e perché non vincemmo quel Mondiale?
-Vero quella Nazionale lì era la più forte in tutti i sensi, non vincemmo per una questione politica e soprattutto militare che in quei tempi regnava in Argentina.
Quel Mondiale lo doveva vincere l’Argentina.
Si è vero, lo sapevo, me lo disse il povero Nando Martellini che veniva a passare le vacanze estive qui vicino e precisamente a Terracina dove sono io…(in quei tempi ero il suo carrozziere di fiducia, il figlio con la 500 della mamma dava botte ai parafanghi su tutti i muri del garage).
Perché non riusciamo, prima con la sua Juve e ora con questa a vincere la Champions che io l’ho battezzata la Maledetta ?
-perché, forse, hai ragione tu, un po’ maledetta lo è …forse anche perché porgiamo sempre l’altra guancia…quando la vinceremo sarà sempre quella più bella e pulita degli altri.
Senta posso fare una foto con lei ?
-certo che si.
La ringrazio.
La foto l’ho mandata agli amici, orgoglioso di aver stretto la mano di un Mito.
Buona giornata

Sesso Juve e Rock n Roll S02 E20

Quest sera nuova puntata di sesso Juve e Rock n Roll ore 22 come al solito cliccare nella foto. Il numero per chi vuol mandarci domande è lo 3311552985 via sms o whats app cerchiamo di rispondere a tutti. Mandateceli prima della puntata perchè in diretta è complicato.

Immagine anteprima YouTube

La scaletta e l’immagine di copertina.

 

 

 

 

 

 

 

Versione mp3

Pagelle Young Boys – Juventus 2-1

 

Pagelle di Alessandro Magno

Szczesny 6 Incolpevole sui 2 gol. Il rigore quasi lo para. Su un altro colpo di testa ravvicinato effettua un bel tuffo in presa.

Cuadrado sv

Rugani 6 Prestazione abbastanza normale, ma questa sera è già molto.

Bonucci 4,5 In difesa di nuovo disastroso. Allegri lo mette in coppia con Rugani per gli infortuni di Barzagli Chiellini e Benatia, e non essendo nessuno dei due un abile marcature la differenza si vede. Si perde l’attaccante nel colpo di testa a botta sicura in cui para Szczesny ed è una consuetudine per lui. Si fa saltare in occasione del loro raddoppio.

De Sciglio 5 Rovina la sua prestazione che era buona con la palla persa sulla ripartenza del secondo gol. Peccato perchè era uno dei meno peggio.

Douglas Costa 6,5 Da una palla avvelenata ad Alex Sandro tuttavia soprattutto nel secondo tempo è assolutamente incontenibile. Mette una serie infinita di cross. Sicuramente uno dei migliori della partita. Non sempre ben assistito dai compagni.

Bentancur 6 Indomabile anche nelle serate storte. Ancora al 90mo rincorre ogni pallone. Ragazzo con personalità.

Pjanic 6 Al momento di uscire stava giocando anche in modo ordinato e dava la sua mano in difesa. Probabilmente un uscita precauzionale.

Bernardeschi 4,5 La sua prestazione è veramente orrenda. Si riprende un poco nell’arrembaggio finale ma è l’ombra di quel giocatore visto a inizio stagione.

Mandzukic 5 Questa sera no good. Lotta come sempre e questo è ormai una piacevole abitudine tuttavia ne azzecca poche.

Ronaldo 5,5 Sua maestà prende anche lui un insufficienza. E’ vero si crea tante occasioni che pero’ puntualmente spreca. Serata no.

 

Alex Sandro 6 Si incasina nell’occasione del rigore ma è in parte scusato visto che era entrato a freddo in un campo veramente ghiacciato. Ha la bravura di riprendersi e con Douglas Costa sulla sinistra hanno fatto delle buone combinazioni. Coglie pure una traversa.

Emre Can 6 Il suo ingresso è stato buono. Non è in forma ma fa vedere di avere ottimi piedi e grande prestanza fisica. Oltre che una vuona dose di personalità.

Dybala 7,5 In 20 minuti scarsi confeziona una doppietta che consentirebbero alla Juventus un meritatissimo pareggio. Peccato il secondo gol è giustamente annullato per fuorigioco di Ronaldo. In ogni caso entrambi i gol erano molto belli.

 

Juventus 5 Devo dire mi è piaciuta la reazione dopo il 2-0 quindi la voglia di non perdere nonostante il primo posto quasi sicuro. Credo che visto un palo , una traversa, un gol annullato per un fuorigioco casuale ( il portiere non ci arrivava in ogni caso) e un probabile rigore non dato su Ronaldo ,non è uno scandalo dire che la Juve meritasse il pareggio. Purtroppo il calcio è questo è non vince chi merita ma che la butta dentro una volta di più quindi hanno vinto loro giustamente. Se poi uno guarda con chi abbiamo perso allora si: è una brutta figura.

Allegri 6 Mette in campo una formazione obbligata con solo 2 centrali sani e solo 2 centrocampisti sani. Fa giustamente rifiatare qualcuno visto che la qualificazione è comunque già matematica. Certo non credo avesse preventivato di giocarsi con il cardiopalma il primo posto ma non è colpa sua se alcuni giocatori non lo ripagano appieno.

 

Arbitro 6,5 Giuste le decisioni e giusti i cartellini anche se poteva ammonire uno dei loro al primo minuto e avrebbe pesato. Giusto il gol annullato a Dybala perchè Ronaldo è sulla traiettoria e cerca di toccarla di testa ed è in fuorigioco. Ho qualche dubbio su una spinta in area a Ronaldo ma se non l’ha vista non poteva darla.

Leoni a Valencia

 

Articolo di Alessandro Magno

 

La Juventus vince a Valencia e nemmeno senza tanti patemi una partita che l’arbitro ha cercato di rovinare  dopo 29 minuti.

Era cominciata bene con la Juve intraprendente e veloce. È stata rovinata da una terna arbitrale non all’altezza. Si è portata a casa con “garra” come dicono in Sudamerica. La Juve nella difficoltà si è esaltata. Il Valencia ha provato a recuperarla, ma è stato imbrigliato nella tela tessuta da Allegri e di fatto non è stato mai pericoloso. Il succo è tutto qui. Peccato aver tolto per una spettinata di capelli il giocatore più importante del momento. Tolto allo spettacolo di questa partita e probabilmente della prossima a meno che all’Uefa non si rendano conto dell’errore e non annullino la squalifica a CR7. A vederla come è avvenuta sembra un agguato premeditato. Cioè Ronnie, 154 partite di Champions, mai espulso, alla prima con la Juve rosso dopo 29 minuti per non aver fatto nulla? Sarebbe il caso forse di fare un indagine su questi arbitri, perché la cosa fa venire qualche sospetto. Non è che qualcuno ha deciso di fargliela pagare per essere venuto a giocare da noi? Sospetto direte voi. A pensare male si fa peccato, pero’ …..

In ogni caso, va sottolineata la grande prova della squadra. Molti giocatori sono stati sopra la media. Va detto che al 29mo, cioè al momento del rosso a Ronaldo, la Juve stava dominando e aveva sprecato 2 favorevolissime occasioni con Mandzukic e soprattutto con Khedira. L’atteggiamento è stato da subito quello giusto e questo fa davvero ben sperare. Tutti sono stati sul pezzo dall’inizio alla fine. Molti hanno finito stanchissimi come Can, Berna, Sandro, ma nessuno ha mollato di un solo centimetro. Il Valencia ha deluso invece soprattutto sotto l’aspetto della sportività. Una squadra di simulatori molto molto scorretta. Per fortuna quando una squadra di simulatori incontra una squadra super organizzata e con la mentalità giusta, la squadra di simulatori è una squadra morta. Fortunatamente alla roulette dell’arbitro tedesco non sono uscite altre decisioni contrarie alla Juve, oltre al rigore regalato e inutile ai fini del risultato come quello assegnato al 97mo. Questo arbitro è pericoloso e va fermato. Un arbitraggio così nei turni ad eliminazione diretta immaginate il danno che può causare? Ancora devo capire come ha potuto buttare fuori Ronaldo per una scapigliata all’avversario e aver solo ammonito quello che ha dato un calcio in faccia a Cancelo in occasione del primo rigore?

Sesso Juve e Rock n Roll No.20

La puntata del 13/04/18

Immagine anteprima YouTube

La scaletta :

CALCIO

0:00 Real Juventus

Impresa sfiorata/rigore/post partita

22:45 Juventus Sampdoria come si riparte

29:09 Sorteggi Champions, Roma e Lazio

SESSO

34:56 La gnocca della  settimana

Le Russe.

Irina Shayk, Sasha Luss, Olga Kurylenko, Natasha  Poly, Sasha Pivovarova, Natalja Vodjanova, Anna Kurkikova,

ROCK N ROLL

1:03:12 Compleanno per:

Izzy Stradling (Guns n’Roses), Julian Lennon, Steve Howe (Yes), Patty Pravo, Joss Stone.

Morte Malcom Mc Laren

Mark Knopfler nella Hole of fame con i Dire Straits.

CONSIGLI DISINTERESSATI PER DISADATTATI

1:29:10 Frank: Film Clockers di Spike Lee Disco Return of the crooklyn Dodgers

Antonio: Disco Return of the crooklyn Dodgers consigliato da Frank

Sabino: GG Allin

Toto: Derek and the dominos

Ben: Album Whitesnake Album The purple e umiltà per i sedicenti allenatori della Juventus da divano.

Enzo: Since I been love you – Led Zeppelin versione live del 1994

 

Una Juve non lucida.


Articolo di Alessandro Magno

Credo ci sia poco da aggiungere a questo titolo. Una Juve che appare sofferente di ansia che si fa colpire alla prima azione con un gollonzo degno della Gialappa’s band, che reagisce e pareggia con un colpo del Campione che nel momento in cui può ragionare e vincere facile si fa prendere dalla frenesia e alla fine produce uno spettacolo poco edificante. Vince poi grazie a una fiammata quasi nel momento migliore dello Sporting, quando erano 10 minuti che i nostri avversari tenevano palla e noi non si riusciva a riconquistarla.

Probabilmente una delle più brutte Juventus della stagione. Sicuramente peggio che con la Lazio dove però si era perso. Curioso come anche i momenti sfortunati continuino a imperversare. È vero si prende gol in modo troppo semplice ma può lo Sporting Clube de Portugal passare in vantaggio nell’unica occasione che crea e su autogol? Insomma la squadra non gira ma nemmeno la sorte. E menomale si è vinto perché con un pareggio sarebbero ancor più gravi i processi. Strambo anche il tabellino: 13 angoli a 0 8 tiri a 1. A leggerli parrebbe che ci sia stata una sola squadra in campo. In verità è stato un dominio molto sterile. Di questi tiri in porta almeno la metà sono stati passaggi al portiere.

Non c’è molto da salvare. Sicuramente i 3 punti. Sicuramente il secondo posto nel girone. Bisogna tuttavia migliorare e in fretta perché onestamente non credo che con questo atteggiamento si possa andare a Lisbona a vincere. Men che meno, Dio ce ne scampi, andare lì a giocare per il pari. Non è un buon momento, bisogna venirne fuori. Fortunatamente i risultati non sono poi così brutti in termini di punti. Allegri è chiamato a fare qualcosa a dare una scossa. Lui è pagato per risolvere i problemi. Ad oggi sembra abbastanza confuso anche lui. Ma altre soluzioni non ce ne sono. Guai a pensare di cambiare mister in corsa. Sarebbe perdere un anno e non credo sia la scelta piu’ salutare. Cosa cambia ad oggi rispetto alla partita con la Lazio? In campionato mancano 30 partite e c’è tutto il tempo per recuperare, nel girone di Champions ne mancano 3 ogni errore potrebbe esser fatale.

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web