Il campionato delle critiche

Scritto da Cinzia Fresia

Che differenza c’e’ tra la Juventus della settimana scorsa e quella di oggi? Sostanzialmente una, oggi e’ scesa in campo una squadra vera, che si e’ comportata come tale, senza fare i capricci da primi della classe, e adattandosi alle esigenze dell’allenatore, che ha avuto il merito di essersi messo in discussione, conscio che qualcosa non funzionava,

Allegri decide di ribaltare tutto, in campo i tre attaccanti, Mandzukic, Dybala e Higuain insieme gia’ dal primo minuto, i quali hanno pienamente funzionato, ed entrambi gli argentini hanno segnato. In poche parole l’allenatore ha ottimizzato le forze disponibili  sfruttando le doti di ogni singolo al massimo. Niente musi lunghi, isterie o scenate da ragazzini, un solo obiettivo: giocare e vincere.

La Lazio tra le migliori di questo campionato e’ stata bloccata per tutto il primo tempo dall’aggressività e determinazione dei nostri, che hanno chiuso tutte le timide iniziative di rimonta,  la  juventus ha  disputato la prima parte di partita in modo eccellente e straordinario e’ stato  il gol di Dybala.

Il secondo tempo e’ stato caratterizzato dalla reazione della Lazio intenzionata a riaprire il match  ma altresi la Juventus ha continuato ad attaccare, rompendo  la    tradizione di questi anni, che la preferiva tutta raccolta in difesa.

E in effetti 2 gol in piu’ ci potevano stare. Questa Versione della Juventus e’ sicuramente piaciuta a  tutti, e si è  apprezzata  la presenza di Cuadrado in campo da subito.

Ora, non significa che l’allenatore abbia trovato il modulo definitivo, a mio parere anche se tutto sembra a posto,  manca sempre un buon centro campista alla Pogba, Rincon non pare avere al momento tali peculiarita’, e la squadra non dispone di un ricambio completo dei suoi uomini di livello, per le partite che restano. Purtroppo l’accanimento degli infortuni continua, Lemina si e’ fatto male durante la Coppa d’Africa, quindi le sue condizioni saranno da valutare.

Il sorriso e’ tornato sulla faccia del nostro allenatore, scatenato in conferenza stampa, ha respinto le accuse e le critiche ricevute dopo la sconfitta contro la Fiorentina, penso che il nostro tecnico non si debba sorprendere se dopo una prestazione penosa al di la’ del risultato qualcuno volesse una spiegazione, che esista una sorta di pregiudizio per la modalita’ “anti-Juventus” circostanziale precedente, forse si’, ma nemmeno piu’ di tanto oggi, Allegri deve accettare il fatto che non si puo’ piacere  tutti e che spesso si fanno degli errori, soprattutto in questo lavoro. Va aprezzato il fatto che ha avuto il coraggio di cambiare modulo e insieme alla proprieta’ avranno chiarito i ruoli con i giocatori.

 

 

 

 

 

T

 

 

 

 

 

 

  1. Mauro The Original

    Non ricordo la formazione della Juve contro la Fiorentina, mi sembra però ci fosse in campo il solito modulo 3 5 2 – e poi dopo aver subìto le 2 reti è stato modificato.

    Insomma, 4 sconfitte e tutte con la difesa a 3. Ci vuole Einstein per capire che qualcosa non va e che i giocatori non riescono a rendere con questo maledetto modulo?

    Come preannunciava Luca967 il 4 2 3 1 sarebbe stato eccellente e così si è rivelato, anche se io lo considero leggermente sbilanciato in avanti. Ma finchè si attacca tenendo gli avversari nella propria area problemi per la nostra difesa non ce ne saranno. In ogni caso è sufficiente far arretrare un trequartista a centrocampo e si passa al 4 3 3. Difesa sempre assolutamente a 4, mai più la BBC che non è in grado di gestire la situazione come anni fa.

    Juventus a trazione anteriore?? Mi sembra anche logico con i giocatori e gli attaccanti che abbiamo. Se Allegri voleva giocarsela in difesa e controcampo, gli acquisti dovevano essere ben altri.

    In ogni caso, anche se i risultati arrivassero forti e convincenti fino a fine stagione, mi sembra che sarà l’ultimo anno per il toscanaccio.

  2. Luigi(Sa)

    “Se tutti si mettono a disposizione il nostro livello tecnico è superiore alle altre”. Queste sono più o meno le parole di Allegri nell’intervista post-partita. Ergo, qualcuno in società è intervenuto a spiegare il concetto suddetto permettendo ad Allegri di mettere in campo, eccezion fatta per lo squalificato A.Sandro, tutto il potenziale tecnico di cui dispone. La sua dunque è stata una scelta precisa, che va al di là delle assenze forzate di Marchisio e Sturaro, visto che schierare praticamente 4 punte non è dipeso certo dalle contemporanee assenze di Marchisio e Sturaro. Ovvio che questa, specie in alcune partite, non può essere considerata la versione definitiva della nuova Juventus, visto che come si suol dire ogni partita fa storia a se, ed eventuali critiche in questo senso da parte dei tifosi non avrebbero alcun senso. A meno che non ci sia qualcuno fra loro che se la senta di sostituire fin d’ora Allegri alla guida della Juventus.

    Buona domenica.

    • Caro Gioele,
      questo speriamo sia un ottimo vaticinio per il futuro.
      Aspetterei comunque una prova rassicurante anche in trasferta, dove, come ben sai, abbiamo zoppicato parecchio, per dire che a livello di gioco abbiamo svoltato.

      Buona serata.

      • Considerazione condivisibile che si lega al grado di difficoltà delle prossime trasferte. In tema campionato non credo (o almeno mi auguro) che la prossima a Sassuolo sia fra queste, quelle di Napoli e Roma sono in calendario fra aprile-maggio e come sai Allegri ha già detto che a marzo … 🙂

        Ciao.

  3. Luna

    Carissima, mai ho pensato che la Juve fosse quella vista al Franchi, nemmeno mi metto a sognare con quella vista oggi per il semplice fatto che, credo, vedremo giocare ancora insieme Cuadrado-Dybala-Mandzukic dietro a Higuain.
    Anche perché Khedira-Pjanic non possono supportare tutto quello che viaggia davanti a loro.
    O rinunci a Cuadrado spostando Pjanic più avanti e metti Rincon-Khedira o Rincon-Marchisio oppure Marchisio-Khedira se volesse ( magara) continuare con il modulo di oggi ( 4-2-3-1 ).

    A questo punto perché non un 4-1-4-1 ?
    Intanto vediamo contro il Milan in coppa quello che succede…mi auguro una conferma e una sonora lezione, sarebbe il minimo, agli uomini di Montella.
    Saluti.

  4. Se tutti si mettono a disposizione, e’ la parola magica, oggi ho visto 11 persone e non 11 bambini capricciosi che litigano per le caramelle.
    Essendo tramontato i sogno dello squadrone, Allegri fa dei tentativi, quello di oggi e’ riuscito ma non si sa ancora se e’ consolidato.

    • Permettimi di tornare un attimo sulle tue considerazioni riguardo i giornalisti, per dirti che il giornalista sportivo è visto dall’ambiente essenzialmente come un mediatore fra la notizia e il pubblico. Nello specifico del calcio l’intermediazione avviene fra società, tecnici o giocatori da una parte e le diverse anime (umori compresi) della variegata costellazione del tifo dall’altra, con l’obiettivo di raccogliere quanti più consensi fra loro, ed è scontato che siano pagati sopratutto per questo.
      Buona serata.

  5. Ma guatsa, i giornalisti vengono sempre comodo, che parlino bene o male, purché se ne parli. Devo dire che le società sono molto abili ad utilizzare la stampa a proprio comodo.

  6. Alessandro Magno

    veramente oggi una bella Juve

  7. ma sto allenatore alla fine è una pippa o un genio? 😛

  8. ma sto allenatore alla fine è una pippa o un genio? 😛

    • Per me ne’ l’uno ne’ l’altro. È un allenatore normale che gli è capitata la fortuna di allenare la Juventus.

      • Però per allenare la Juve bisogna meritarselo e se si viene confermati questo è scontato. Vincere il 4* e 5* scudetto è stata sicuramente una nota di merito certamente rassicurante. eppure come leggi in questo spazio c’è chi si augura il cambio guida per il prossimo anno. Ciao.

  9. Certo è stata una bella Juve ma non è pensabile che possa essere un assetto definitivo perché come sottolinei mancano i sostituti adeguati. È sicuramente un asso nella manica per concorrere per l’Europa.

  10. Credo ci siano parti di tifosi che non vorrebbero Allegri alla guida della Juventus, altri invece sì, e altri indifferente, e credo valga per tutte le squadre.
    La Juventus è vero bisogna meritarsela, però, in passato ho visto allenatori che non avevano proprio il “phisique du role” adatto.

    • Se Beppe permette, mi schiero nel partito degli indifferenti. A me interessa la Juve, la allenasse pure Pinco Pallino, se porta gioco e risultati.

      Ciao.

Rispondi a Luna23 ¬
Cancella risposta


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia