Sabato 28 ottobre 2017 Milan-Juventus ore 18 Stadio Meazza San Siro- Milano

Scritto sa Cinzia Fresia
Resa dei conti rimandata, domani Bonucci non ci sara’ in quanto squalificato per due giornate. Tutto sommato meglio cosi.
Una partita complessa gia’ di suo con due squadre con il coltello tra i denti che vorranno sicuramente vincere, non condizionata dalla singolar tenzone tra Bonucci e i suoi ex compagni della Juventus.
Meglio così, sotto tutti gli aspetti, si giochera’solo per vincere, per le vendette c’ e’ sempre tempo.
Allegri e’ stato chiaro e conciso: ” se si gioca cosi, prendiamo gol”, e siccome li abbiamo presi, esiste la possibilita’ che il Mister abbia ragione,
nel frattempo una Juventus 5 stelle ha raggiunto San Siro.
Rimarremmo incollati al televisore fino al triplice fischio dell’arbitro, aspettandoci una bella partita.
A proposito di riconoscenza, mi riaggancio un attimo alla questione” Conte e Andrea Agnelli.
Ormai bisognerebbe scrivere la parola “the end” alla questione “Conte che e’ partito e non ritorna piu'”, la mia convinzione e’ un’altra, personalmente non ho mai creduto a questa vicenda delle dimissioni e immediato arrivo di un altro tutto in 24 ore.
Possono esserci molte ipotesi su un ritorno di Conte in Italia, ma escludo alla Juventus, per come e’ andata, entrerebbe in immediato conflitto con i tifosi e troverebbe una situazione di spogliatoio non facile.

  1. Conte è un passato recente che non si ripeterà alla Juve, il fatto è scontato anche se non sapremo mai la verità vera dell’abbandono. Allegri il successore ci ha portato nella leggenda con le vittorie italiane e il cammino brillante in Europa. Manca il diamante a coronamento ma la Storia Sportiva di Gigi Buffon che sta per terminare invita a sognare con ottimismo anche a raggiungere il tabù della coppa stregata. Poi ci lascerà probabilmente anche Allegri che così chiuderà un’epoca invidiabile ed invidiata da molti per i tanti titoli sportivi conquistati.
    Ora tornando alla realtà di stasera dovremo superare il Milan, cosa non facile, per rimanere nell’alta classifica. Le premesse sono di incertezza per una fase offensiva che funziona ed una difensiva che non è ottimale. Sviste e leggerezze accompagnano il cammino che si è modificato nel gioco, facendo comprendere che alla fine è l’equilibrio che da certezza nella vittoria. Allegri è famoso per le sue ricerche di un gioco vincente ed ora sta provando anche lo spettacolo per averlo. Non sembra cosa semplice ma sono sicuro che il toscanaccio livornese ci riuscirà, tacitando ancora chi della critica ha fatto il vero motivo di essere uno strano tifoso del ⚽️. Nel senso di preferire il bel gioco anche al nulla nel raggiungimento degli obiettivi che poi alla fine è quello che veramente conta e fa gioire le piazze tifose.

  2. Ciao Cinzia, veramente Allegri sempre se ricordo bene, ha detto che se giochiamo come mercoledì perdiamo. Se ci si limitasse solo a prender gol…😂. Al di là di tutto, io mi auguro sì una Juve che attacca sempre ma solo se hai la forza di pressare alto, anzi, altissimo l’avversario x tutta la partita. Fino alla fine Forza Juventus.

  3. Wscirea: l’unica volta che fho visto la Juventus come dovrebbe essere e’ stato con il Toro, Allegri esce dal campo arrabbiatissimo praticamente sempre.
    Qualcosa non funziona. Vedremo.

    • Beh, ognuno ha la sua Juve x come dovrebbe essere. Personalmente anche se magari solo a sprazzi, l’ho vista in ogni partita. Forse l’unica in cui non mi è molto piaciuta nonostante la netta vittoria a livello di risultato è stato con la Spal.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web