Se non ve ne foste accorti Pirlo sta cercando il gioco

 

 

Articolo di Alessandro Magno

C’è molta incoerenza nel seguire oggi le partite della Juve. La tifoseria è stata abituata veramente bene negli ultimi nove anni e si perdono di vista le cose reali del calcio. Forse qualcuno pensa che la Juve debba stare in testa ai campionati dalla prima all’ultima giornata da qui fino alla notte dei tempi. Bello ma impossibile. Una volta essere terzi alla dodicesima giornata a 4 punti dalla prima era una cosa assolutamente normale. Anche negli ultimi anni ad esempio non sempre si è vinto il titolo ”platonico” di campioni d’inverno. Si diceva conta la classifica a Maggio. Oggi il post Sarri ha creato un ansia spasmodica da prestazioni a buona parte della tifoseria. C’è questa paura che siccome il capitolo sarrista non è andato a buon fine la Juve non possa praticare un buon calcio con un altro mister. Mi verrebbe da dire: ”C’è vita oltre Sarri” ma ce n’era pure prima. Ad esempio non si tiene in nessun conto che con una vittoria in più, e poteva esser ieri se Ronaldo avesse segnato il rigore, la classifica sarebbe Milan 28 Inter 27 Juventus 26 invece di 24. Si perde la ”capa” per così poco. Come ad esempio da una parte ci si spelli le mani per applaudire l’Atalanta che per il secondo anno consecutivo passa il turno a giorni di Champions quindi entra fra le prime sedici squadre d’Europa, dall’altra si pensa che quando si incontra la squadra di Bergamo bisogna necessariamente farne un sol boccone come se non fosse ormai consolidata fra le squadre più importanti del campionato italiano e non solo appunto. Quando la Juve affrontava il Cagliari di Riva o la Sampdoria di Vialli e Mancini o il Verona di Bagnoli o il Parma di Scala o la Fiorentina di Batistuta le partite erano difficilissime e a volte si perdeva, oggi invece sono tutte deboli contro di noi, anche nell’anno in cui attuiamo un grande ringiovanimento della rosa e in campo mandiamo un mucchio di ventenni.

Al netto di queste questioni interne al tifo che ancora non ho capito, la Juventus ha giocato un ottima partita contro l’Atalanta. Ha ribattuto colpo su colpo e alla fine poteva perdere come vincere. I due portieri hanno fatto la differenza nel tenere il risultato basso. Al netto di un arbitro che ha aiutato i bergamaschi graziando Romero e De Roon da espulsioni nette, la Juve ha cercato di vincere fino al 90mo e oltre (Ronaldo a pochi minuti dal termine stava facendo un gol dei suoi che è andato alto non di molto). La partita infatti dal punto di vista dello spettacolo non è stata affatto male e qui torniamo al capitolo tifosi che a chiacchiere amano la squadra che attacca a rischio di perdere, ma poi se non vince si lamentano, oppure se poi si prende gol non gli va bene. Da questo punto di vista la mentalità di Pirlo sembra molto simile a quella che voleva dare Sarri e se non ve ne accorgete è grave, vuol dire che non fa per voi l’analisi della partita, ma i rischi che si corrono attaccando sempre fino al 90mo questi sono. Di conseguenza  se non si vince per forza poi bisogna farsene una ragione. Questo è il calcio caro ai Guardiola e Klopp che a volte  non vincono perchè si scoprono sempre e non si arrendono al pareggio. Questo è il calcio anche di Gasperini che qualcuno vorrebbe metter sulla panchina della Juve. L’atalanta ha battuto la Lazio 4-1 e perso col Napoli 4-1 ha vinto con il Liverpool con 2-0 ma ci ha perso pure 5-0. Ha fatto 1-1 con l’inter e la Juve ma  ha perso in casa con Verona e Samp. Sempre senza mai rinunciare a giocare. Allora perchè se capita alla Juve di non vincere vi incavolate? E’ un calcio che qualcuno definisce a sproposito ”europeo” che però in Italia poi piace solo se si vince e soprattutto piace molto da spettatori imparziali ovvero quando delle due squadre che si affrontano non ti frega una beata mazza. Il punto è sempre lo stesso: E’ bello il calcio che finisce 4-3 finchè non è la tua squadra che perde, quando è la tua squadra che perde di un gol non è più tanto bello. Fra l’altro a volerla dire tutta si citano allenatori fra cui lo stesso Gasperini, che ci hanno messo alcuni anni a trovare il bandolo della matassa delle proprie squadre, e a Pirlo non si perdonano 5 pareggi.

  1. Pirlo sta cercando il gioco … Azzzz, allora quello che disse “il gioco non interessa”, aveva torto!?😅

    • Alessandro Magno

      e chi lo sa? dipenderà dai risultati

    • Ben, la storia dimostra che vincere senza interessarsi del gioco si può. Ma solo se gli avversari che incontri sono molto più scarsi di te😅.

      • Alessandro Magno

        il gioco ce lo hanno tutti solo che alcuni hanno un gioco che non piace a quelli che vanno appresso alle mode e dicono che quelli che non sono alla moda non hanno gioco. per fortuna il calcio è molto vario e non esiste un solo tipo di calcio.

        • Un solo “tipo di gioco” non va. L’attendismo in attesa del colpo del fuoriclasse.

        • Ben, alla parola gioco si dovrebbe aggiungere “propositivo”.
          Perche anche il catenaccio é gioco, ma non é che il gioco propositivo sia una moda. C’é sempre stato. E se i mezzi lo permettono non mi sembra sbagliato cercare di farlo.
          Se sei una neopromossa che ti confronti con avversari molto piú forti ci sta che cerchi di fare punti in qualsiasi modo. Ma se sei un top club che vuole affermarsi ai massimi livelli non é sbagliato cercare di proporre un gioco consono.

          • Alessandro Magno

            guarda quando un gioco è efficace e fa vincere tutto va bene la lazio gioca difesa e contropiede e cosi ha vinto delle coppe italia e l’anno scorso ci ha conteso il campionato idem il lione che ci ha eliminato ed ora è intesta alla classifica in francia.

            in ogni caso come ho scritto nell’articolo il gioco di pirlo pare che voglia essere propositivo per cui se i risultati non arrivano subito biosgnerà aver maggiormente pazienza perchè non mi pare che sia in una fase della ricerca del risultato prima di tutto

            • Credo li stia cercando insieme. Come, a mio parere, è giusto che sia.
              Lo dice chiaramente nelle su interviste che gli sta facendo male perdere punti.
              Sono d’accordo con te. È necessaria pazienza, perché i propositi sono buoni.

  2. Beh, mi pare fosse chiaro fin dall’inizio che la scelta di Pirlo per il dopo Sarri non fosse una scelta restaurativa ma di continuità nella ricerca del gioco.
    Lo stesso mister aveva spiegato subito quali fossero i princìpi della sua idea di calcio.
    Con Sarri non andò bene per motivi estranei alle questioni tecnico tattiche, con Pirlo si è cercato una soluzione soddisfacente anche dal punto di vista dell’empatia e dei rapporti umani. L’ha ripetuto anche l’altra sera Agnelli.
    Per questo motivo da tifoso sono disposto a dare tempo e fiducia. Non mi interessa essere primo in classifica a dicembre, ci tengo invece a veder crescere la squadra.
    L’ho già scritto nei topic precedenti, la partita con l’Atalanta non mi è dispiaciuta. Perché al di là del risultato si è vista una squadra con voglia di giocare ed essere superiore all’avversario.
    La squadra è viva, forse non ha fenomeni ma sì ottimi giovani su cui l’allenatore potrà lavorare. Sicuramente una buona base per quello che il presidente ha ribadito essere un progetto a medio-lungo termine.
    Il che non vuol dire che non si possa vincere lo scudetto già quest’anno. Non siamo gli unici forti come qualche anno fa, ma il campionato rimane alla portata di questa squadra.

  3. Io ho solo il rammarico di non averla vinta visto che la Dea ci ha dato l’opportunità di vincerla ma è l’unico pareggio di cui sono soddisfatto, proprio per quanto hai evidenziato riguardo all’Atalanta, Ben.
    Alla fine si poteva anche perderla questa partita quindi un buon punto e pensiamo alla prossima. La Juve ha lasciato qualche punto per strada in altre occasioni ma non è proprio il caso di fare tragedie greche per quello di ieri che era preventivabile.
    Mi sarei preoccupato molto invece se avessi vinto come è accaduto alla seconda squadra di Milano contro il Napoli. In quel caso avrei serie difficoltà a poter pensare di poter mantenere i primi posti in classifica.

  4. DOBBIAMO SOLO ESSERE OBIETTIVI

    Non ci vuole molto, basta solo vedere la partita in un modo meno teso, più rilassato e pensare che di fronte vi sono anche gli avversari (chi assiste insieme a me nel vedere la partita anche se solo telefonicamente sa come la vivo io…rilassato e tranquillo). 🤫

    Ieri sera la Juve ha giocato a pallone al contrario quelli della Dea hanno pensato solo a picchiare(Arthur è uscito malconcio per una botta, per fortuna è solo una contusione, Cuadrado per poco gli partiva tibia e perone, Mckennie altro malmenato, Morata non sapeva più dove metterle…le botte risparmiando solo CR3,5) sotto i sorrisini da presa per culo di Gasperini, e l’arbitro non ha svolto bene i suoi Doveri.

    Per completare l’opera e per mettere una cornice al quadro ha fischiato dopo che la palla aveva varcato la linea della porta difesa da Gollini dopo che questa lo aveva colpito in piena faccia.

    Nessun tifoso juventino ne parla, forse perché non sono italioti e pure idioti…però dicono di essere contenti che Ronaldo abbia sbagliato il rigore perché non c’era…ibtifosi juventini…dicono.

    Per quanto riguarda il goal annullato:
    Cosa dice il regolamento? Alla regola 5 si legge: “A seguito di un violento tiro o di uno scontro fortuito, il portiere subisce una menomazione tale da rimanere impossibilitato a tentare di evitare la segnatura di una rete. Come dovrà regolarsi l’arbitro? Se il pallone, immediatamente supera la linea di porta, convalida la rete. Diversamente, interromperà il gioco e lo riprenderà con una propria rimessa, dopo aver fatto soccorrere il portiere”.

    Buona serata

  5. RIOMMA-BOVINI 2 BISTECCHE E NIENTE

    Nun è che so contento che li giallozozzi vincheno ma manco me dispiace che li bovini perdono.

    Quando di tratta de caccià fora uno, vedi Singo doppo 14 minuti nun se fanno scrupoli…ier sera manco si te sparaveno a pallettoni je facevano gnente a queli de a Dea.

    Buonanotte ai fornitori de bistecche

  6. ALLA MERCÈ DELLA DEA

    La Dea che stava sotto di un goal e che stava ancora soffrendo il pressing alto della Juve in cerca del raddoppio e non ottenuto per un errore(vedasi rigore poi sbagliato)alcuni tifosi ancora delusi dalla cacciata di Mauritio Sarri dicono che la Dea stava facendo di noi quello che voleva…certo, dico io, picchiando a più non posso senza essere nemmeno redarguiti da Doveri.
    Ora, l’Atalanta, che si trova lì insieme a noi in classifica o appena poco sotto dal primo posto e che in Europa sono già due anni che passa il turno senza contare quello precedente in EL, credo che sia una bella realtà ma non lo è la Juve secondo certi tifosi…quelli particolari.

    Chiesa si è buttato, rigore regalato il nostro, tutto giusto quello dell’inter ultima partita e goal regolare nella penultima?

    Vietato leggere Zampini per non essere influenzati, vietato guardare Jchannel per non essere plagiati.

    Buongiorno ☕

  7. PER SEMPRE NEI RICORDI

    Oggi sarebbe stato il tuo ottantunesimo compleanno.
    Tanti auguri Beppe!

  8. Judoc 39 era il nick di Beppe: un uomo perbene, tifoso della Juventus che il covid si è portato via all’ospedale di Monza. Anni fa un manipolo di juventini fondò il gruppo degli “Indomiti“ . Conosciutisi sul blog di “Tuttosport“ poco alla volta diventarono amici. Molti lo sono ancora. Judoc era il decano. Alla fine di ogni campionato, per alcune stagioni, provenienti da ogni parte d’Italia gli “Indomiti “ (in varie sedi ) si radunarono a festeggiare la propria appartenenza bianconera. Hotel, ottimi ristoranti: discussioni e partite di calcetto. Per settimane il blog discettò (in un crescendo di sfottò ) su un 5-3 che aveva visto trionfare la squadra di Tom e Michelleroi contro quella di Barone e Serenissima. La chiusura del blog tolse al gruppo il “forum“ sul quale discutere. Beppe, là dove è andato, ora potrà conversare con Pablito. Che di qualche giorno l’aveva preceduto. Reciprocamente si apprezzeranno. Ciao, amico.
    Andrea Bosco

  9. Benedetto non sono d’accordo con il tuo topic sui tifosi che criticano e io sono uno di questi.

    Non critichiamo perche’ siamo abituati troppo bene,critichiamo perche’abbiamo gli occhi e abbiamo visto che la Juve ha pareggiato contro Crotone Benevento Verona non solo contro l’Atalanta!

    E sempre dopo essere andata in vantaggio!!

    Non e’ solo un problema di gioco uguale a quello di Sarri che addormentava,ma anche di punti ora siamo terzi per i tre a tavolino del Napoli che e’stato derubato dai prescritti e che aveva dato 4 sberle alla Riomma!!

    Senza quei tre punti a tavolino oggi siamo settimi!!

    Con l’Atalanta hanno vinto come scrivi Sampdoria Verona e pareggiato le la seconda squadra prescritta. appunto!!

    Sta finendo il girone d’andata e scrivi che Pirlo sta cercando il gioco. appunto!!

    Non siamo criticoni,siamo reali ,siamo la Juve 9 scudetti consecutivi terza nel ranking in Europa !!

    Questo e’ quello che penso, scusami e forza Juve!!

    • Scusami Massimo allora dovresti essere deluso per i pareggi ottenuti contro le piccole non di quello preso contro l’Atalanta che in alcuni frangenti ci ha fatto vedere i sorci verdi perchè appunto ” squadra vera”.
      Cosa credi che quassù non condividiamo il motto Juve che la vittoria non sia l’unica cosa che conti?
      Si analizza in modo obbiettivo tutto ciò che accade e prendiamo atto che questo sarà un anno che potrebbe essere meglio degli altri passati ma di transizione per ciò che riguarda la squadra perchè oltre all’allenatore nuovo che vorrebbe imporre un tipo di gioco più redditizio ci sarebbe un ringiovanimento importante.
      Proprio ieri parlando con un amico ricordavamo quel centrocampo formato da Pogba Vidal e un rottamato Pirlo con il veterano ( si fa per dire ) Marchisio come spalla di tutto l’impianto della rinascita Juve.
      Beh, solo a posteriori abbiamo appurato che avevamo forse il centrocampo più forte al mondo, prima ( come oggi tra l’altro) solo un giovanotone di 18 anni da sgrezzare, un Vidal giovane di cui si conosceva poco e che arrivava da una squadra di second’ordine tedesca ed appunto un Pirlo ormai arrivato ( secondo i furbi di Milano) alla frutta.
      Le premesse quest’anno sono pure migliori visti i primi goal di Mcchenney e Chiesa, oltre al loro rendimento, abbi fede può darsi che ci divertiremo ancora.

      • Antony scusami ma ho scritto che sono deluso non solo per il pareggio contro l’Atalanta,ma anche per quelli contro Verona Crotone e Benevento

        Lo ricordo bene quel primo scudetto e quel centrocampo ma non possiamo fare un paragone ,nel 2012 venivamo da farsopoli, ci avevano distrutto e dovevamo rinascere!!

        Adesso veniamo da 9 scudetti abbiamo tutti giocatori nazionali anche i nuovi giovani ,Cristiano Ronaldo in piu’anche se manca secondo me un Pirlo in campo e una punta di peso di riserva, ma siamo senza rivali lo stesso!

        E appunto l’Atalanta che ci fa vedere i sorci verdi e’ il segnale ,l’Atalanta puo’far vedere i sorci verdi alle altre,non a noi che dominiamo da 9 anni!!

        Nella prima Juventus segnavano tutti ,oggi se non segna Cristiano se sbaglia un rigore pareggiamo!

        Poi lo so che siamo tutti contenti se vediamo vincere la Juve ,ma chi adesso critica non vuol dire che e’ abituato troppo bene!

        Si critica perche’ si pretende di piu’ con questa rosa e per gli errori sia in campo che fuori come con Dybala gestito malissimo!!

        Non so perche’ dici quassu’ io non ce l’ho con nessuno quassu’,rispondevo al topic ,anch’io sono quassu’

        Forza Juve!Sempre!!

        • Alessandro Magno

          L’Atalanta non ci ha fatto vedere i sorci verdi ma se l’è giocata alla pari. L’atalanta è oggi una big del calcio italiano e non bisogna avere la percezione che sia una provinciale. Sono due anni i fila che arriva terza e sono due anni di fila che entra nelle prime 16 d’europa. Ha battuto 2-0 il Liverpool a casa loro e qualche mese fa ha perso 2-1 col PSG poi finalista, psg che a dieci minuti dalla fine perdeva. 2 anni fa questa atalanta ha estromesso la Juve di Allegri dalla coppa Italia. Quindi se si ha la percezione di incontrare una matricola è sbagliata la percezione

    • Alessandro Magno

      Massimo non puoi pensare che cambi squadra e le cose riescano subito.Io ricordo prendemmo Platini e Boniek e avevamo i campioni del mondo e nelle prime tre partite perdemmo contro Sampdoria e verona neo promosse. 82/83

  10. Devo rispondere a quel “quassù “che non era sta chiaro.
    Dicevo che il motto che Boniperti ha fatto suo riguardo la Juventus quello che dice che vincere è l’unica cosa che conta è molto sentito da tutti i tifosi Juventus.
    Forse poi sono stato troppo deciso in “quel farci vedere i sorci verdi”, ma Ben credo abbia chiarito meglio il concetto, pertanto non sto qui a riprendere il fatto reale che ormai l’Atalanta non è una meteora ma una squadra forte.

  11. Benedetto spero di darti ragione in futuro,ma adesso sono preoccupato!!

    L’Atalanta non e’ piu’una provinciale,ma Benevento,Crotone e Verona si!

    L’Atalanta ha vinto contro il Liverpool a Londra ma ha perso la partita di andata a Bergamo 5-0 e pure a Napoli 4-1 in campionato e se dobbiamo accettare per buono un pareggio perche’ e’ nelle prime 16 d’Europa dov’e’ il salto di qualita’?

    Spero con tutto il cuore di sbagliarmi ma i segnali sono troppi!

    Quell’anno dopo il mondiale 82 lo ricordo bene e malvolentieri e non vorrei ripeterlo abbiamo perso lo scudetto e la coppa dei campioni c’era pero’ in panchina il grande Trap gia’ da sei anni oggi c’e’ Pirlo alla sua prima esperienza !

    Forza Juve!

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia