UNO CONTRO TUTTI 14 – 04 -2021 con Ben Croce e Luca Momblano

  1. Sintesi su Ronaldo:

    hanno comprato la ciliegina quando la torta era già andata a male.

    • Alessandro Magno

      perchè purtroppo non fu una cosa mirata. Ronaldo litiga con Perez e va via dal Real e la Juve si fionda per prenderlo. Ma intanto quella squadra era appunto già alla fine di un ciclo. Matuidi Khedira Higuain Mandzukic sono già ex calciatori e sono passati tre anni. altri Bonucci Chiellini Buffon più o meno lo sono o li raggiungeranno presto. Quindi si è stato preso ronaldo ma la torta più che andata a male era finita come tutte le cose che finiscono

    • Mah,

      un colpo come quello di Ronaldo quando capita e se ci sono le possibilità è da fare assolutamente.

      Diciamo che la Juve in passato inserì Platin in una squadra che funzionava ed ebbe quel di più.
      Il Napoli quando comprò Maradona fece uno sforzo ulteriore per creare la situazione giusta per vincere.

      Questa Juve invece preso Ronaldo, non ha saputo agire sul contorno creando i presupposti per poterlo sfruttare al meglio. Si è mossa secondo la consuetudine, perdendo tempo, l’arrivo del Covid ha poi degenerato la situazione.

  2. Ben
    Io non richiamerei Allegri come hai detto tu in trasmissione…ma condivido il tuo continuare con Pirlo.
    Altrimenti si rifà lo stesso errore.
    Ciao

    • Alessandro Magno

      io non chiamerei un altro allenatore nuovo. L’ennesimo. Per questo per pirlo bisogna capire se è portato o meno e se non è portato bisogna andare sul sicuro. La Juve ha richiamato Parola Trapattoni e anche Lippi e mi pare le cose siano andate anche piuttosto bene. Quando non riesce una rivoluzione non c’è altra soluzione che una restaurazione. E’ semplice. E’ la storia. Altrimenti si finisce nell’anarchia.

  3. Alessandro Magno

    non si capisce il motivo perchè la gente ricorda quello che vuole ricordare. questa è la Juve di Allegri contro il Borussia mi pare di Klopp

    https://twitter.com/Malkitoooooooo/status/1382960505057316864

  4. La nuova champions un mini campionato con i playoff mi pare una gran cazzata.

  5. THE END

    Tra non molto, 13 giorni, potrebbe essere solo una minestra riscaldata.

    Buongiorno ☕ e buon sabato

  6. Ben,

    penso che la Juve abbia tutte le opzioni possibili il problema è scegliere la migliore, che giocoforza passa dalle occasioni di un mercato indecifrabile, un mercato dove tutti vogliono vendere e nessuno comprare, al massimo qualche scambio per mettere a posto la situazione contabile.

    Detto questo molto si può fare.

    Non vedo bene un ritorno di Allegri, in fondo è fermo da due anni, se gli avessero proposto un progetto di livello, questo non sarebbe successo. Si parlava di Real e Barça, poi PSG, poi Bayern, poi l’Inghilterra, alla fine pare ci siano la Roma ed il Napoli, forse.

    Detto questo, i ritorni non sempre funzionano, se il ritorno di Lippi, è stato un successo, ma poi si è trasformato in una toppa, perché lo stesso tecnico se ne andato poco dopo.
    Per quanto riguarda il Trap, il suo ritorno invece è stato deludente, 9 anni senza scudetto, si sono interrotti con l’arrivo di Lippi, nonostante in questo periodo siano arrivati giocatori di livello assoluto come Baggio e Vialli.

    Insomma direi di no.

    Certo è che il panorama offre poco.
    Zidane, ma non è detto che sia sul mercato.
    Manicini, che però è in Nazionale.
    Inzaghi è una soluzione che proprio non mi dice nulla.
    Spalletti, si forse, ha fatto bene alla Roma, ma malissimo all’Inter, è quello giusto?

    A questo punto se la situazione non degenera conviene tenere Pirlo e proseguire sul progetto intrapreso, per quello che si può fare e che si riesce a fare in questo momento.
    In fin dei conti Pirlo non ha avuto tempo e l’esempio del Milan potrebbe essere illuminante.
    La rosa della Juve è ancora la migliore su piazza, senza i 12 punti persi con le piccole saremo primi.
    Qualche ritocco dove serve e qualche ramo secco in meno potrebbe essere decisivo.

    Intanto la situazione economica dovrebbe migliorare e con un anno in mezzo si potrebbe programmare meglio il futuro della squadra, per puntare finalmente alla Coppa costruendo una squadra che possa arrivare dai quarti alle semifinali con continuità, a quel punto per vincerla ci va anche un po’ di fortuna.

    Detto questo, tutti sicuri che non serva una figura dirigenziale in più?

    Uno capace di dare supporto all’allenatore, uno capace di tenere l’ordine nello spogliatoio, uno capace di porre le precedenze in ambito sportivo sulla scelta dei giocatori da prendere e da vendere, di fare da arbitro tra Allenatore e Società, tra necessità sportiva ed economica in sede di mercato.

    • Scusa Luca ma Trapattoni è tornato x 3 anni. È arrivato sempre dietro al grande Milan, giocato una finale di Coppa Italia e vinto una UEFA dove ancora la Champions la giocava solo il vincitore del campionato, oltre la detentrice ovviamente. Tra l’altro ha lanciato Del Piero.

      • Certo, non sono sui tutti i nove anni, se non si è capito me ne scuso.

        Diciamo che lui è arrivato dopo il disastro Maifredi, Juve fuori dalle coppe! Ma su quella stagione ci sarebbe da scrivere un libro.
        Tre anni di Juve con una Juve forte, ripeto, Baggio, Di Canio, David Platt, Vialli, vince una Coppa UEFA ed una Coppa Italia, con gol di Galia.
        Non solo, la costruzione di una squadra pensata nei minimi dettagli, oltre ai campioni, un mercato basato su giocatori giovani, di talento, funzionali alla rosa, inseriti in squadra nella maniera giusta.
        Però anche anni di moduli improbabili e scelte controverse, il modulo 532, Galia mezz’ala, Vialli davanti alla difesa a fare il regista.
        In due anni, Dino Zoff, con una Juve improbabile ha vinto lo stesso.
        Ma poi il bello è che Lippi l’anno successivo vince lo scudetto, senza se e senza ma, con una Juve che sostanzialmente aveva la base di quella del Trap.
        Cosa cambiò?
        L’attacco più o meno lo stesso, il centrocampo con gli innesti di Deschamps e Paulo Sousa, la Difesa con Peruzzi, Ferrara e Viercowood.
        Ma soprattutto, cambia il modulo, dal 532, al 433. Cambia il modo di giocare, dalla difesa bassa al pressing alto, al raddoppio sul portatore di palla ai contropiedi dalla tre quarti avversaria.
        Sul Palmarès non c’è confronto.
        E Vialli che voleva tornare a Genova, con Lippi è rimasto, più di una stagione ed ha alzato la Coppa.

        Insomma onore al Trap del quale spesso ne elogio l’operato, ma Lippi altra storia.

        Nella discussione di oggi mi pare che al netto dei successi i ritorni siano serviti a perdere tempo, come anche i ripieghi su allenatori non da Juve.

        • Luca stai invecchiando 🤦🤭🤣. Chi vince la Coppa Italia con Galia è Zoff nel 1990, doppietta con Coppa UEFA. Trapattoni la perde nella doppia finale vol Parma. Vinciamo 1-0 a Torino e perdiamo 2-0 il ritorno. Giochiamo malissimo entrambe le partite ma al ritorno sull’1-0 x loro viene annullato un gol regolare di Galia appunto.

  7. IL COMMENTO

    La stagione deludente della Juventus mette in movimento la lingua e le penne a cani e porci che dicono e sparlano della Juve tutte le nefandezze possibili.

    Uno che dice la sua in modo corretto e da persona coerente è il “vecchio” Luciano Moggi.

    L’ex della Juventus ha commentato la situazione dei bianconeri che in questo periodo sono bersagliati da numerose critiche a causa della stagione ritenuta deludente.

    “Credo che la Juventus debba tapparsi le orecchie e non ascoltare quello che arriva da fuori.
    Ad Agnelli, Paratici e Nedved non penso che si possa rimproverare niente, hanno vinto 9 scudetti di seguito.

    Va anche detto che loro hanno avuto i soldi e io non ho mai avuto neanche una lira.
    Soldi spesi bene? Adesso c’è il covid che ha turbato l’ambiente, alle squadre manca il botteghino da diverso tempo, ciò significa che c’è sofferenza in tutte le società di calcio.

    Con Chiesa, Kulusevski, Rovella, io credo che la Juventus abbia già in squadra i migliori giocatori che giocano in Italia. Tranne Barella, la Juve ha preso tutti i migliori in circolazione.

    Il possibile scambio Dybala-Icardi Sarebbe una pazzia.
    Io credo che Dybala dell’anno scorso fosse il Ronaldo della situazione.

    Ronaldo resta in virtù di un contratto che nessuno gli può garantire.
    La sua parte la sta facendo, il problema è che CR7 fa convergere su di lui tutto il gioco della Juventus e quando il gioco della squadra verte su un giocatore solo è un problema”.

    Buon sabato

  8. alessandro magno

    Io metto in conto una restaurazione non perché ho la lampada di Aladino che mi permette di vedere il futuro ma perché metto in conto e forse non tutti lo fanno che si potrebbe entrare in un circolo vizioso stile Inter post Mourinho con cambio di uno barra due allenatori all’anno con il grande rischio di non vincere una mazza per molti anni. È bene che mettiate in conto anche questo perché non è affatto scontato che non possa avvenire.

    • Mettila da parte la tua lampada di Aladino. Questa è una squadra già forte che ha bisogno solo di essere oliata bene da un allenatore più affamato.

  9. @LUCA

    Alle minestre riscaldate se ne potrebbe aggiungerne un’altra alla fine di questo mese, forse non si era capito nel mio post precedente, che terminerà di essere un tesserato della Juventus.

    Trapattoni andò via con il 22° e una intercontinentale alla fine della stagione calcistica 1985-86.

    Successivamente: 86-87 e 87-88 Rino Marchesi vincendo solo uno spareggio uefa contro il Toro.

    Dopo di lui, Dino Zoff: 88-89 e 89-90 vincendo in questo ultimo anno coppa Italia e Uefa.

    È il turno di Gigi Maifredi 1990-91 perse una Supercoppa contro il Napoli è una semifinale in coppa coppe.

    La minestra riscsldata Trap: 1991-92, 92-93 e 93-94 portano una coppa uefa e due secondi posti in campionato.

    Il primo Lippi: 1994-95 ed è subito scudetto con la prima volta dei 3 punti per la vittoria, vince anche la coppa Italia la nona ed è in finale di coppa uefa.
    1995-96 secondo posto in campionato, vince la Supercoppa italiana e vince finalmente la BENEDETTA.
    Altro scudetto nel 96-97 vince anche l’intercontinentale, una Supercoppa europea e perde la finale della prima MALEDETTA.
    1997-98 altro scudetto vinto, altra Supercoppa italiana vinta e seconda MALEDETTA persa.

    1998-99 inizia la delusione in toto con Carlo Ancelotti vincendo un intertoto e 2 secondi posti in campionato. La sua sventura in bianconero finirà il 2001.

    Altra minestra riscaldata questa volta con Marcello Lippi 2001-2002 vincendo subito il 26° scudetto e perde la finale di Coppa Italia contro il Parma.
    Altro scudetto nel 2002-2003, vince la Supercoppa italiana e riparte l’ennesima MALEDETTA questa volta contro il Milan.
    Saluterà definitivamente la Juventus nella stagione 2003-04 perdendo una finale di Coppa Italia e vincendo la Supercoppa Italia.

    Non mi auguro un’altra minestra riscaldata proseguirei con fettuccine e carne macinata.

    Pirlo non è un pirla!

    • Penso che su Pirlo siamo alla fine tutti d’accordo, anche se per motivazioni differenti, ma non molto distanti.

  10. Quella post Mourinho era un inter con le pezze al culo, piena di debiti dopo anni di sperperi di Moratti (in 18 anni ha speso 1.500 milioni di €) per allestire una squadra che potesse competere con Juventus e Milan, dopo Mourinho costretto a smantellare completamente una rosa dai costi insostenibili, con il passaggio ad una pseudoproprietà guidata da un esponente di una cordata indonesiana, più affollata di quanto si sapeva, che ha finito per condizionare i movimenti in termini economici e di conseguenza sportivi, con Moratti che secondo alcune stime dalla cessione del suo pacchetto azionario ai cinesi avrebbe incassato oltre 63 mln di € con una plusvalenza di più di 15 mln, mentre Thoir con un numero superiore di azioni ha incassato oltre 64 mln di € con una plusvalenza di più di 32 mln. Queste si che sono vere plusvalenze, dopo aver lasciato in eredità un futuro pieno di incognite con oltre 600 mln di debiti e senza uno stadio di proprietà.

    • Dici bene,

      sono 600 mln i debiti dell’Inter.

      Questa cifra spinge il costo dell”inter a quasi un miliardo, nel caso di cessione da parte di Mr Zang.
      Esiste un compratore a quelle cifre oggi anche considerando il valore del marchio? Non conviene a questo punto farla fallire e prenderne il titolo sportivo a zero?
      O meglio, se fossi un investitore, non converrebbe alla luce del 2024 investire in un altro club, l’Ajax per esempio?

  11. CHAMPIONS DAL 2024/25

    Ci sarà l’abolizione dei gironi della prima fase in favore di un girone unico dove le compagini giocheranno dieci partite con avversari diversi, 5 in casa e 5 in trasferta, e al termine delle quali verrà stilata una classifica perpetua.
    Le prime sedici si affronteranno nella seconda fase con ottavi fino alla finale, mentre dalla diciassettesima alla ventiquattresima posizione si retrocederebbe in Europa League.
    Muterebbe anche l’ingresso automatico per la Champions League dell’anno seguente: Non più solo la vincitrice verrebbe promossa in automatico, bensì tutte e quattro le semifinaliste verrebbero iscritte d’ufficio alla seguente rassegna.

    Un cambiamento controverso è quello di assegnare due dei quattro nuovi posti, per un valore di decine di milioni di euro, a club che non si sono qualificati in base al merito ma sono posizionati in alto nel record storico della Uefa.

    Tutti nel calderone e poi uno dei capi delle televisioni col mestolo a mescolare.

    Buona giornata

  12. Certo Luca, si tratta di un debito spaventoso e in continua crescita, gli unici a poterselo accollare potrebbero essere i fondi sovrani ma il mondo arabo sunnita non ha interesse ad investire nelle società di calcio in Italia per ragioni economiche (sistema fiscale e contributivo non incentivante) e forse anche per motivi religiosi, neanche in Germania ma in quel caso le ragioni sono altre. Unica alternativa i fondi d’investimento come quello che ha acquistato il Milan, ma secondo quanto rivelato nella trasmissione televisiva Report, il controllo del club rossonero farebbe capo ad una società lussemburghese, la Project Redblack sarl. Società di cui due finanzieri, tramite il veicolo Blue Skye Financial Partners, detengono in base agli atti ufficiali il 50,01% a fronte del 49,99% in mano al fondo Elliott, in sostanza un modo per tenere in vita società di calcio che dovrebbero portare i libri in tribunale, ma che per ovvi motivi non possono fallire.

  13. Quando i guai sembrano finiti

    Probabilmente abbiamo parlato troppo di Cr7 in questi giorni, nessun problema, si è fatto male ad un flessore, pertanto domani contro l’Atalanta non sarà in campo. Siccome bisognava dare una mano agli avversari di turno, i guai vengono sempre per nuocere.
    Cose che possono accadere? No cose da pazzi ( per non dire altro ) e basta

  14. I CAPRICCI DEGLI DEI

    Ronaldo non convocato per un problema al flessore.

    Non ci credo nemmeno lo vedessi con i miei occhi…oppure la Continassa contagia.

    Saluti

  15. L’ULTIMA DI GIORGINA

    Dovrebbe giocare Dybala dall’inizio causa infortunio domestico per Cristiano alle “prese” con la sua Giorgina.

    Da fonti certe (forse Giorgina) è arrivata la notizia: Ecco le motivazioni che hanno spinto il tecnico ha intraprendere questa posizione: “Cristiano ha un problema dopo la partita in casa con la sua donna.
    In settimana non è riuscito ad allenarsi dopo che aveva provato a “spingere” come riteneva opportuno con la sua Giorgina…nella palestra casalinga.
    Preferiamo non correre rischi. Domani sarà titolare Dybala”.
    Pirlo dixit.
    🤔🙄🤪

  16. Mah, Baró. Dici che ci ha dato dentro facendolo strano ed ha forzato i flessori della coscia?
    Ormai, parlando di Ronaldo viene fuori di tutto e di più😂😂😂

  17. Luca967

    Da quanto si legge gli analisti avrebbero stimato il valore di mercato dell’inter a poco più di 800 mln di € al quale va però sottratto il debito finanziario che supera i 400 mln così da arrivare a stimare un valore del solo capitale della squadra attorno ai 400 mln, non certo il miliardo di € che vorrebbe spuntare Zhang. Tanto per fare un raffronto e restando a casa nostra, la Juve quotata vale in Borsa poco più di 1 miliardo, ma è messa molto meglio dell’inter sui conti, dopo l’aumento di capitale ha patrimonio netto positivo, al 30 giugno 2020 quello dell’inter era negativo per quasi 37 mln di € mentre quello della Juve era in attivo di quasi 240 mln, patrimonio netto che da un punto di vista finanziario rappresenta la fonte di autofinanziamento interna. Suning dunque se vorrà passare la mano dovrà rassegnarsi a un prezzo di cessione più vicino al reale valore sul mercato dell’inter, che come accennato sopra si aggirerebbe intorno ai 400 mln e a questa cifra è molto probabile che qualche compratore prima o poi lo trova.

  18. LA DEA BENDATA

    Ci conviene non parlare più.

    Ogni volta che ci accingiamo a dire che l’organico è pressochè al completo accade qualcosa.

    Però, tecnico inesperto a parte, annata pressoché non assistita dalla Dea (non l’Atalanta, quella dei bergamaschi ci vede benissimo) bendata.

  19. Scusatemi ragazzi ma stiamo passando da ragionamenti di analisi progressivi, guardando pure il passato della nostra squadra a strani confronti con società che vivono sul filo del fallimento.
    I conti della seconda squadra di Milano che tra l’altro a non faranno mai fallire, saranno rimessi in pari se vincono questo campionato. Questo dovrebbe essere un grande rimpianto in quanto è la Juve stessa con i suoi risultati soprattutto contro le piccole che ha fatto sì che quegli “zombi “ potessero risollevarsi.
    Questo è uno scudetto che stiamo regalando a mani aperte e mi dispiace molto proprio perché lo stiamo regalando a chi meriterebbe di rimanere a vita, nel proprio guano.

  20. I benefici economici per la vittoria dello scudetto verrano riassorbiti dalla perdita pari a 60 mln di € che l’inter ha già messo a bilancio per i mancati introiti da botteghino causa pandemia, resta dunque la montagna di debiti accumulati finora che difficilmente Suning avrà intenzione di scalare. Per la Juve sarà molto importante la conquista del 2°posto (fra primo e secondo posto in campionato c’è una differenza di appena 2 mln e mezzo) e ovviamente della Coppa Italia che darà diritto alla disputa della SuperCoppa con altrettanti premi di denaro.

  21. Doppio tampone negativo: Leonardo Bonucci torna a disposizione di Andrea Pirlo, ma partirà dalla panchina. I centrali di difesa saranno De Ligt e Chiellini, con Danilo e Alex Sandro terzini. A centrocampo Bentancur e Rabiot in mezzo, Cuadrado e Chiesa sulle fasce. Pirlo in conferenza ha riportato la notizia di un problema al flessore per Ronaldo: il portoghese salta l’Atalanta e proverà ad essere recuperato per il turno infrasettimanale. In attacco titolare Dybala al fianco di Morata.
    (Skysport)

  22. Flick si libera dal Bayern a fine stagione, da prendere al volo.

Rispondi a Luigi (Sa) ¬
Cancella risposta


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web