Sabato 27 novembre 2021 Juventus – Atalanta ore 18 Allianz Stadium Torino

Scritto da Cinzia Fresia

In cerca di riscatto.

I bianconeri dopo l’umiliazione subita allo Stamford Bridge cercano riscatto in casa contro la fastidiosissima Atalanta, reduce da una spettacolare rimonta in Champions League.
Massimiliano Allegri minimizza l’accaduto con un “Spiace perchè siamo la Juve”.
Ma tanto eravamo qualificati .. e la partita più importante è stata vinta a Torino.
Con la sua consueta verve risponde alle numerose critiche di questi giorni.

Il tecnico bianconero annuncia se non accadono imprevisti all’ultimo allenamento di rifinitura, Paulo Dybala e Alvaro Morata in attacco.
In merito all’Atalanta il Mister dice: “ci vuole attenzione, non bisogna sbagliare ed è una squadra molto fisica” e tanti complimenti a lei per cosa sta facendo in Campionato e in Champions.

Sugli infortunati: Chiellini e Bernardeschi sono disponibili, De Sciglio martedì, e Ramsey non è a disposizione.

Lo schema di difesa è a quattro.

Nel frattempo una tegola in testa sulla Società: Andrea Agnelli, Fabio Paratici e Pavel Nedved indagati sulle plusvalenze, l’accusa è di falso in bilancio.

  1. Dagli spoiler che arrivano sulla serie All or Nothing possiamo farci un’idea delle dinamiche all’interno della Juve nell’anno di Pirlo.

    A ben guardare possiamo anche cercare di capire il perché di certe scelte, e cosa stia succedendo nella Juve attuale.
    E’ di oggi la notizia, la “spoilerata”, di un discussione tra Buffon e Pirlo che entrambi si lamentano dei giovani bianconeri i quali starebbero tutto il giorno con il cellulare in mano ed il tecnico che dalla stagione successiva lo vorrebbe abolire.
    Ecco qui il problema, ormai è tutto chiaro. Alla Juve i vecchi sono “contro” i giovani.
    Purtroppo tra i vecchi ci sono giocatori ed allenatore e staff. Questi fanno gruppo tra loro e criticano gli altri accusandoli di tutto.
    Forse a torto, forse a ragione.
    Ma il punto non é questo, il punto è che i giovani sono diversi e se non capiscono è naturale che in cuor loro ti ci mandino. Magari senza dirtelo, sicuramente ti ritroverai a parlare ad un muro.
    Ora il problema è grosso, perché di giocatori della generazione prima che facciano crescere i giovani secondo un modello che a quest’ultimi non appartiene, semplicemente non ce ne sono.
    Non solo anche fare una squadra di giocatori che abbraccino i valori della generazione passata, diventa difficile se non impossibile.
    Quindi?
    È necessario per forza di cose svecchiare la dirigenza, lo staff e la squadra.
    Inserire uno staff non di gente giovane, ma professionisti che abbiano la voglia e la predisposizione a confrontarsi con dei ragazzotti viziati ed irresponsabili, ed ai quali piaccia farlo.
    Dirigenti che non siano amici dello staff e dell’allenatore ma che rappresentino la Società, che siano di appoggio, ma anche un riferimento che sappia richiamare ciascuno alle proprie responsabilità, sia i giovani che i vecchi.
    E poi i giocatori che per forza di cose dopo i 30, salvo rare eccezioni, devono proseguire la carriera altrove.
    Detto questo l’errore fatto è talmente umano che mi fa, se possibile amare ancor di più la mia Juventus, che anche nel fallimento si dimostra speciale, unica!

  2. Oggi non è possibile riscattare quanto è successo in Coppa. Non c’è niente da riscattare.

    Il divario tra le due squadre è stato talmente ampio, da scrivere la parola “fine dei sogni” nei nostri cuori, almeno per un po’.

    Anche Allegri si è arreso.
    Da ” l’obiettivo è vincere e creare valore in questi giocatori”
    a “Quando ho parlato con il presidente, mi ha chiesto di tornare alla Juventus per farla tornare sostenibile per conto proprio cercando di ottenere i risultati”, “Che poi questi risultati arriveranno in 3 mesi o in 2 anni poi lo vedremo”.

    Insomma pianti e tragedie no, ma insomma possiamo almeno per quest’anno pensare anche ad altro.
    Goderci qualche bel film o discutere di Juve in prospettiva, con serenità. Goderci le giocate dei campioni in altre realtà o fumarci un bel sigaro in buona compagnia ricordando Alex Del Piero e magari fantasticarne un ritorno da presidente, tanto da chiudere il cerchio con Boniperti.

    Se questa sera vinceremo, bene si brinda a cuor leggero, se si perde pazienza sarà per la prossima volta, cambia poco.

    In campo si vedrà la solita Juve, con Dybala in più. O in meno.

    A quanto pare non sarebbe più al centro del progetto, sembrerebbe che secondo il tecnico rallenti la manovra. Intanto non firma e manca solo più qualche settimana a gennaio mese in cui Dybala sia formalmente libero di trattare con chiunque e firmare con chiunque.

    Ma non importa perché a quanto pare quello che conta è la differenza reti!

    E di fronte a questa rivelazione, a questo nuovo credo, non ci resta che aspettare l’allegrata in vista dell’Atalanta.

    P.S. anche a sto giro, non potevamo farci mancare la solita inchiesta, indagine, da parte di forze dell’ordine e gazzette sportive varie. Questa volta tocca alla guardia di finanza. Si parla di radiazione. Vale la pena ricordare che non fu radiato il Milan dopo che il presidente Giussy Farina scappò in sud America con la borsa, tantomeno il Perugia, dove successe più o meno lo stesso, dopo l’ingaggio di Gheddafi jr.
    Ma mai dire mai, comunque non ci hanno radiato dopo la superlega, nonostante ci fossero richieste in tal senso, penso ce la caveremo anche stavolta.

    • Sì xrò Luca,al di là di come si svolgerà la vicenda posso esprimere un mio pensiero? Ora, premesso che come al solito secondo me le indagini andrebbero fatte sempre a 360° xchè tanto queste cose le fanno tutti; infatti a me risultava che l’operazione più sotto la lente d’ingrandimento di chi indagava era quella dell’acquisto di Osimhen. Detto questo, dico io: al di là che non mi risulta che c’è un modo x calcolare il valore di un giocatore, sai che sei una società che viene controllata 24h 7 giorni su 7 e che ti controllano anche quante volte vai in bagno, vuoi stare più attento e fare le cose regolarmente? Xchè cmq tutto ha anche un limite se non altro etico. Ad es x Osimhen mi risultava che x pagare i suoi 80 mil hanno valutato 4 ragazzi che avevano giocato solo in serie D e C 20 mil ognuno. Ti pare logico anche se non c’è una legge che te li vieta? Quello che dico sempre…il buon senso che dovrebbe andare contro ogni legge sia essa a favore o a sfavore. Ma in questo cavolo di mondo (in questo caso calcistico finanziario) riusciamo a fare qualcosa di regolare almeno eticamente? Che poi ci sia accanimento non lo nego ma certo che la nostra dirigenza cmq non è che fa molto x evitarla eh. Io lo dico chiaramente.

      • In realtà sotto la lente ci erano finite a suo tempo Inter e Milan, le plusvalenze sotto inchiesta erano ben più gravi.
        Da noi il costo del cartellino di giocatori delle giovanili si aggira sui 2mln di euro per giocatori finiti in serie b o c.
        Da loro si parlava di 20 mln di euro per giocatori finiti nelle serie minori.

        Sono cose assai diverse.

        Pare addirittura che la pietra dello scandalo sia lo scambio Pjanic valutato 70 mln, Arthur 80mln.
        Personalmente con Morata comprato a 60mln complessivi non mi pare che la valutazione data considerando il periodo pre covid sia scandalisa, ma perfettamente in linea con il periodo ed i valori di mercato.

        Non solo, sbatti la Juve in prima pagina, ma non è la sola indagata e sulle altre si tace.

        Detto questo non è giusto quello che dici, se sai che sei sotto la lente di ingrandimento fai attenzione.

        Qui tu gia affermi che la Juve è colpevole.
        Mentre non è colpevole di nulla, se non dare dei valori a degli asset sui quali poi ci paga pure le tasse!

        Secondo me, meglio aspettarci di tutto perchè così gira il mondo, ma mi sembra la solita indagine farlocca per apparire sui giornali a danno della Juve.

        • Quindi è sbagliato fare attenzione se sai che sei sempre sotto tiro? Boh… vabbè. Ho detto che la Juventus è colpevole? Mah… anche qui… vabbè. Vorrei solo una dirigenza che facesse le cose x bene, tutto qua. Chiedo troppo? Forse sì visto anche la tua risposta.

          • A me pare che la dirigenza abbia fatto le cose per bene.

            Che poi io sia sempre stato critico sul metodo Marotta basato sul player trading e sulle plusvalenze questo è un altro paio di maniche.

  3. “Secondo me, meglio aspettarci di tutto perchè così gira il mondo, ma mi sembra la solita indagine farlocca per apparire sui giornali a danno della Juve.” Sono il primo ad augurarmi che è come dici tu. Boh, speriamo bene.

  4. UNA VOLTA GLI INDOMITI E ORA RINNEGATI

    Mai abbassare la guardia su Calciopoli…qualcuno ha avuto da ridire se qualche partecipante a questo blog riportava (e continuerò a farlo fino a quando non scoppia il fegato a qualcuno) nuove notizie e vicende su quel nefasto 2006.

    Ora, com’è, iniziate a spostarvi perché il cetriolo inizia a bruciarvi il posteriore?

    Fatela finita pusillanimi.

  5. Le plusvalenze sono regolamentate dall’articolo 31 del Codice di giustizia della Figc ma i giudici hanno ampia discrezionalità. “Fornire informazioni mendaci, reticenti o parziali o mettere in atto comportamenti comunque diretti a eludere la normativa federale in materia gestionale ed economica”, porta a un’ammenda con diffida. Invece “Chi tenti di ottenere l’iscrizione a una competizione cui non avrebbe potuto essere ammessa” rischia una pena che va dai punti di penalizzazione fino all’esclusione dal campionato. Ancora non è chiara, comunque, la portata dell’inchiesta Prisma per fare qualunque congettura.

    A livello sportivo, analoghe inchieste passate si sono spesso scontrate con la difficoltà ad individuare criteri oggettivi per la valutazione di un calciatore, facendo quindi crollare l’impianto accusatorio di “plusvalenze fittizie”. Nel 2008 inter e Milan vennero prosciolte poiché fu stabilito che era impossibile quantificare “il valore dei diritti di cessione dei calciatori professionisti, in assenza di parametri di riferimento certi o adeguatamente condivisi”. Nel 2018 al Chievo furono assegnati 3 punti di penalizzazione per “reiterata violazione ed elusione delle norme di prudenza e correttezza contabile” ma gran parte dell’impianto dell’accusa, che ne aveva chiesti 15, fu di fatto respinto.

    Bisognerà attendere per capire gli sviluppi sul piano penale. Le sanzioni sono previste per eventuali “false comunicazioni di società quotate in borsa” e “false fatturazioni”. Le pene sono comminate a seconda della gravità della violazione.
    (dal web)

    • Ho fatto un giro, mi sono informato, il prezzo di qualcosa non è quantificabile e viene definito dall’accordo tra chi compra e chi vende.
      Insomma sembrerebbe che alla fine si parli di atia fritta.

      A meno che il risultato di una plusvalenza non abbia avuto peso sulla possibilità o meno di iscrizione al campionato, in quel caso son dolori.
      Si va da una penalizzazione in punti alla radiazione della società.

      Ma viste li cifre in ballo, 50mln non dovrebbe essere questo il caso.

  6. Buio totale. Ci sono periodi in cui va tutto bene e altri in cui non te ne va bene una nemmeno x sbaglio. Ora è così. Ne usciremo come sempre abbiamo fatto.

  7. Dai raga’, che mo’ abbiamo Salernitana e Genoa.
    Menomale che anche Verona e Fiorentina hanno perso oggi.
    Oggi reazione d’orgoglio (o disperazione) nell’ultimo quarto di partita ma non è stato sufficiente neanche contro un’Atalanta meno brillante del solito.
    Inizia ad essere pesante il distacco, ma nelle prossime il calendario dovrebbe aiutare a risalire un po’.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web